Aiuto - Cerca - Utenti - Calendario
Versione completa: La Rosa di Bagdad
Disney Digital Forum > * Off-Topic * > DVD & Blu-Ray non Disney
Pagine: 1, 2, 3
Prince Philip
Spero sia la sezione giusta unsure.gif

LA ROSA DI BAGDAD


(L'immagine rossa in basso a sinistra è il logo del sito, e non sarà presente sulla cover)

Data uscita: 18/02/2009
Genere: ANIMAZIONE
Disponibilità: Dal: 18/02/2009

Produttore: Mondo Home Entertainment

Supporto: BLU-RAY DISC
Produzione: ITALIA
Durata: 94
Formato Video: 1,33:1

Regia: ANTON GINO DOMENEGHINI

Trama:
La bella figlia del Califfo di Bagdad è finalmente giunta in età di marito. La notizia si sparge a macchia d'olio, e arriva anche alle orecchie di un signorotto senza scrupoli del regno confinante. Questi,con l'aiuto di un mago, riuscirà a mandare deserta l'udienza presieduta dal califfo e dai suoi tre consiglieri, diventando così l'unico pretendente alla mano della principessina. Ma quando tutto sembra perduto ecco riapparire la leggendaria lampada di Aladino con tanto di genio intorpidito dal lungo "dolce far niente" nelle mani del popolano Amin, vero e unico amato della principessina...

Lingue Doppiaggio:
ITALIANO INGLESE FRANCESE TEDESCO PCM 2.0

Lingue Sottotitoli:
ITALIANO NON UDENTI

Extra:
LA STORIA DEL FILM - TRAILER VARI - UNA ROSA DI GUERRA - ECC...
Giselle
Non vedo l'ora di prenderlo.
Alessio (WDSleepingBeauty)
GRAZIE PRINCE DELLA SEGNALAZIONE!! w00t.gif thumb_yello.gif

MI RACCOMANDO TUTTE LE VARIE ''CHICCHE'' DI ANIMAZIONE NON DISNEY IN USCITA MERITANO DI ESSERE SEGNALATE PERCHE' E' DIFFICILE CONOSCERE LE DATE D'USCITA DI CERTI INTROVABILI FILM!!!

SPERIAMO ESCANO ANCHE I BLURAY DELL'ANIMAZIONE RUSSA (AD ESEMPIO ALICE DI SVANKMAJER!!),DELLE SERIE ANIME,DELL'ANIMAZIONE ITALIANA (AD ESEMPIO 'I FRATELLI DINAMITE' !!) ECC,ECC.. w00t.gif
Pan
Grazie Prince Philip! Adoro questo film! Speriamo che il blu-ray sia di buona qualità...
GasGas
wow questa si che è una chicca...credevo di dover aspettare ancora anni per un uscita del genere in blu ray
Annette
CITAZIONE (Prince Philip @ 11/12/2008, 17:56) *
LA ROSA DI BAGDAD



Bellissima wub.gif wub.gif
Grazie Prince philip per l'informazione Saluto.gif Saluto.gif
La Pillola Va Giù
CITAZIONE (GasGas @ 15/12/2008, 1:38) *
wow questa si che è una chicca...credevo di dover aspettare ancora anni per un uscita del genere in blu ray


Un'altra chicca che potrebbe spingere molti altri a volere questo film è che nella versione inglese la voce della principessa è quella di una Julie Andrews ancora bambina. E' una rara opportunità per ascoltare la sua formidabile voce di bambina prodigio, la stessa che la fece conoscere nel suo paese negli anni 40 come un fenomeno da guinness dei primati.

Ecco un esempio della nostra non ancora Mary Poppins a quell'epoca (ascoltate l'incredibile finale!!! post-6-1111346575.gif ):

http://uk.youtube.com/watch?v=iV2-YGGn0y4

Saluto.gif
March Hare = Leprotto Bisestile
CITAZIONE
Ecco un esempio della nostra non ancora Mary Poppins a quell'epoca (ascoltate l'incredibile finale!!! ):

http://uk.youtube.com/watch?v=iV2-YGGn0y4

Sbalorditivo! w00t.gif
Secondo me Julie non è umana laugh.gif
Grazie per aver linkato il video!
Alessio (WDSleepingBeauty)
SPLENDIDA JULIE!
GRAZIE ''THE MEDICINE GO DOWN''! laugh.gif
GasGas
ma secondo voi è possibile davvero che questo blu ray contenga un restauro in 1080p????
Prince Philip
CITAZIONE (GasGas @ 5/1/2009, 15:07) *
ma secondo voi è possibile davvero che questo blu ray contenga un restauro in 1080p????


La Mondo Home non è certo una casa eccellente (ed io sono il primo a dire che è una che prende in giro i consumatori dry.gif ), però i loro Blu Ray sono sempre fatti molto bene, anche se con qualche pecca (l'assenza dei sottotitoli inglesi, per esempio), quindi credo che si impegneranno per questo titolo ... magari qualche imperfezione rimarrà, ma sono fiducioso in un restauro adeguato smile.gif
GasGas
CITAZIONE (Prince Philip @ 5/1/2009, 16:46) *
La Mondo Home non è certo una casa eccellente (ed io sono il primo a dire che è una che prende in giro i consumatori dry.gif ), però i loro Blu Ray sono sempre fatti molto bene, anche se con qualche pecca (l'assenza dei sottotitoli inglesi, per esempio), quindi credo che si impegneranno per questo titolo ... magari qualche imperfezione rimarrà, ma sono fiducioso in un restauro adeguato smile.gif

speriamo perchè il film merita e inoltre è molto importante dal punto di vista cinematografico....stiamo parlando della biancaneve italiana rolleyes.gif rolleyes.gif rolleyes.gif speriamo in un bel restauro e in una bella risoluzione rolleyes.gif
nunval
Cinema/ Ecco "La Rosa di Bagdad" restaurata
Venerdí 16.01.2009 15:01

ECCO UN ARTICOLO TROVATO IN RETE SUL SITO AFFARIITALIANI.IT



"La rosa di Bagdad", primo film italiano d'animazione a colori (del 1949) e primo film italiano in Technicolor, torna a far sognare grandi e piccoli. La copia restaurata del film divenuto un cult internazionale del genere viene proiettata a Bari nell'ambito della rassegna "Per il cinema italiano", organizzata dalla Apulia Film Commission e diretta da Felice Laudadio. Unitamente al film verrà proiettato anche il documentario "Una rosa di guerra" che ricostruisce la storia di questa grande opera.

Realizzato da Anton Gino Domeneghini durante la Seconda Guerra Mondiale tra mille difficoltà, il film è costituito da circa 120.000 disegni e rodovetri che ne costituiscono lo sviluppo visuale. Nel 1947-48, data l'assoluta impossibilità di lavorare il colore in Italia, stremata dai disastri della guerra, tutti i disegni furono trasferiti in Inghilterra e fotografati nei laboratori della Technicolor. La storia de La Rosa di Bagdad - un capolavoro di poesia e delicatezza inventiva - si intreccia con la storia del Fascismo, con le vicende della guerra in Italia, col mondo della pubblicità e del cartone animato.

Presentato nel 1949 alla X Edizione del Festival del Cinema di Venezia, ottiene il Primo Premio assoluto nella categoria "Film per ragazzi". E' l'unico cartone animato italiano ad essere stato commercializzato all'estero: l'edizione inglese (con la voce della 17enne Julie Andrews) è del 1952; seguiranno le edizioni tedesca e olandese e, nel 1967, quella americana (The Singing Princess). Direttamente dall'interpositivo realizzato a partire dai negativi bianco/nero Technicolor originali è stato ora realizzato un nuovo master in HD, che ridona tutta la sua smagliante qualità cinematografica a questo capolavoro assoluto della cinematografia italiana.

Nel documentario, realizzato da Massimo Becattini, si ripercorre tutta la vicenda travagliata e affascinante che ha portato alla realizzazione di questa grande opera attraverso i disegni originali inediti (bozzetti d'animazione, scenografie, rodovetri, etc.) e i rarissimi spezzoni filmati in 35mm oltre ai materiali provenienti dall'Archivio Luce e da archivi americani e francesi, insieme alle interviste agli ultimi protagonisti della vicenda, nei luoghi in cui questa si svolse. Il film verrà distribuito dall'Istituto Luce ai primi marzo e sarà anche il primo film d'animazione italiano ad uscire in dvd in alta definizione - Blue Ray , sul mercato dai primi marzo.


Annette
CITAZIONE (nunval @ 29/1/2009, 0:58) *
Cinema/ Ecco "La Rosa di Bagdad" restaurata
Venerdí 16.01.2009 15:01

ECCO UN ARTICOLO TROVATO IN RETE SUL SITO AFFARIITALIANI.IT



"La rosa di Bagdad", primo film italiano d'animazione a colori (del 1949) e primo film italiano in Technicolor, torna a far sognare grandi e piccoli. La copia restaurata del film divenuto un cult internazionale del genere viene proiettata a Bari nell'ambito della rassegna "Per il cinema italiano", organizzata dalla Apulia Film Commission e diretta da Felice Laudadio. Unitamente al film verrà proiettato anche il documentario "Una rosa di guerra" che ricostruisce la storia di questa grande opera.

Realizzato da Anton Gino Domeneghini durante la Seconda Guerra Mondiale tra mille difficoltà, il film è costituito da circa 120.000 disegni e rodovetri che ne costituiscono lo sviluppo visuale. Nel 1947-48, data l'assoluta impossibilità di lavorare il colore in Italia, stremata dai disastri della guerra, tutti i disegni furono trasferiti in Inghilterra e fotografati nei laboratori della Technicolor. La storia de La Rosa di Bagdad - un capolavoro di poesia e delicatezza inventiva - si intreccia con la storia del Fascismo, con le vicende della guerra in Italia, col mondo della pubblicità e del cartone animato.

Presentato nel 1949 alla X Edizione del Festival del Cinema di Venezia, ottiene il Primo Premio assoluto nella categoria "Film per ragazzi". E' l'unico cartone animato italiano ad essere stato commercializzato all'estero: l'edizione inglese (con la voce della 17enne Julie Andrews) è del 1952; seguiranno le edizioni tedesca e olandese e, nel 1967, quella americana (The Singing Princess). Direttamente dall'interpositivo realizzato a partire dai negativi bianco/nero Technicolor originali è stato ora realizzato un nuovo master in HD, che ridona tutta la sua smagliante qualità cinematografica a questo capolavoro assoluto della cinematografia italiana.

Nel documentario, realizzato da Massimo Becattini, si ripercorre tutta la vicenda travagliata e affascinante che ha portato alla realizzazione di questa grande opera attraverso i disegni originali inediti (bozzetti d'animazione, scenografie, rodovetri, etc.) e i rarissimi spezzoni filmati in 35mm oltre ai materiali provenienti dall'Archivio Luce e da archivi americani e francesi, insieme alle interviste agli ultimi protagonisti della vicenda, nei luoghi in cui questa si svolse. Il film verrà distribuito dall'Istituto Luce ai primi marzo e sarà anche il primo film d'animazione italiano ad uscire in dvd in alta definizione - Blue Ray , sul mercato dai primi marzo.


Grazie mille Nun per questo articolo.
Non vedo l'ora che esca wub.gif
Un salutone Grande Saluto.gif Saluto.gif

nunval
Ciao Rosy! Anch'io, è un grande film e non tutti ricordano che è il PRIMO FILM ITALIANO A COLORI!
GasGas
CITAZIONE (nunval @ 29/1/2009, 0:58) *
Cinema/ Ecco "La Rosa di Bagdad" restaurata
Venerdí 16.01.2009 15:01

ECCO UN ARTICOLO TROVATO IN RETE SUL SITO AFFARIITALIANI.IT



"La rosa di Bagdad", primo film italiano d'animazione a colori (del 1949) e primo film italiano in Technicolor, torna a far sognare grandi e piccoli. La copia restaurata del film divenuto un cult internazionale del genere viene proiettata a Bari nell'ambito della rassegna "Per il cinema italiano", organizzata dalla Apulia Film Commission e diretta da Felice Laudadio. Unitamente al film verrà proiettato anche il documentario "Una rosa di guerra" che ricostruisce la storia di questa grande opera.

Realizzato da Anton Gino Domeneghini durante la Seconda Guerra Mondiale tra mille difficoltà, il film è costituito da circa 120.000 disegni e rodovetri che ne costituiscono lo sviluppo visuale. Nel 1947-48, data l'assoluta impossibilità di lavorare il colore in Italia, stremata dai disastri della guerra, tutti i disegni furono trasferiti in Inghilterra e fotografati nei laboratori della Technicolor. La storia de La Rosa di Bagdad - un capolavoro di poesia e delicatezza inventiva - si intreccia con la storia del Fascismo, con le vicende della guerra in Italia, col mondo della pubblicità e del cartone animato.

Presentato nel 1949 alla X Edizione del Festival del Cinema di Venezia, ottiene il Primo Premio assoluto nella categoria "Film per ragazzi". E' l'unico cartone animato italiano ad essere stato commercializzato all'estero: l'edizione inglese (con la voce della 17enne Julie Andrews) è del 1952; seguiranno le edizioni tedesca e olandese e, nel 1967, quella americana (The Singing Princess). Direttamente dall'interpositivo realizzato a partire dai negativi bianco/nero Technicolor originali è stato ora realizzato un nuovo master in HD, che ridona tutta la sua smagliante qualità cinematografica a questo capolavoro assoluto della cinematografia italiana.

Nel documentario, realizzato da Massimo Becattini, si ripercorre tutta la vicenda travagliata e affascinante che ha portato alla realizzazione di questa grande opera attraverso i disegni originali inediti (bozzetti d'animazione, scenografie, rodovetri, etc.) e i rarissimi spezzoni filmati in 35mm oltre ai materiali provenienti dall'Archivio Luce e da archivi americani e francesi, insieme alle interviste agli ultimi protagonisti della vicenda, nei luoghi in cui questa si svolse. Il film verrà distribuito dall'Istituto Luce ai primi marzo e sarà anche il primo film d'animazione italiano ad uscire in dvd in alta definizione - Blue Ray , sul mercato dai primi marzo.



caspita non ci speravo proprio in tutta questa serietà....addirittura un restauro fatto dai negativi originali !!!!! sarà un bluray di assoluto riferimento allora post-6-1111346575.gif post-6-1111346575.gif post-6-1111346575.gif non un semplice riversaggio su un nuovo formato post-6-1111346575.gif non vedo l'ora di averlo e di vedere i colori originali post-6-1111346575.gif grandissima notizia rolleyes.gif rolleyes.gif
nunval
Ehm Ehm, ma perchè quotate un intero messaggio? Quotate solo una frasetta...risparmiamo spazio, grazie!
Prince Philip
Che bello, non vedo l'ora di vedere questo grande restauro rolleyes.gif rolleyes.gif rolleyes.gif rolleyes.gif
Ribadisco che la cover, però, mi lascia perplesso unsure.gif ... la Principessa è stramba wacko.gif wacko.gif wacko.gif
nunval
Ecco un'altra scheda che ho trovato in rete, dove viene spiegata l'operazione di restauro, effettuata qualche anno fa...Non è un restauro digitale, a quanto sembra, ma comunque si è partiti dal negativo Technicolor, che era in ottime condizioni!


La rosa di Bagdad (1949)

Film di animazione. Regia: Antongino Domeneghini; produzione Ima Film (Milano); formato: 35 mm, colore (Technicolor), mono, lunghezza: 2006 m; durata: 73’ 19’’.

Non tutti sanno che questo gioiello dell’animazione è, a tutti gli effetti, in assoluto il primo film di lungometraggio a colori realizzato in Italia, adottando il sistema classico Technicolor; primato che si è soliti invece attribuire al più tardo Totò a colori che, in realtà, è il primo film a colori – ma non in Technicolor - con attori dal vivo.
La ripresa del film di Domeneghini venne effettuata con il sistema “a fotogrammi successivi” - skip frame: variante del sistema Technicolor a tre separazioni, concepita e utilizzata specificamente per il cinema di animazione – riproducendo ciascun fotogramma tre volte, in successione, su un unico negativo bianco e nero, di volta in volta filtrando la ripresa in blu, rosso, verde, così da avere, per ogni singola immagine, la completa gamma dei grigi corrispondenti ai tre colori fondamentali e potere quindi, con un complesso procedimento di stampa a colori per imbibizione, ripercorrere all’inverso il procedimento e restituire nelle copie i colori originari ricomposti.
Caduto in disuso il complesso sistema Technicolor, a vantaggio del più veloce ed economico – ma più deperibile – sistema Eastman, ci si era accontentati finora di ristampe del film effettuate duplicando vecchie copie positive, abbastanza ben conservate nei colori ma assai danneggiate e prive di molti fotogrammi. L’odierno intervento di restauro realizzato dalla Cineteca Nazionale si è basato sui negativi originari, messi a disposizione da Fiorella Domeneghini, figlia e erede di Anton Gino.
Le lavorazioni si sono svolte nel laboratorio della Cineteca Nazionale, a Cinecittà, dove è stata utilizzata la migliore tecnologia oggi disponibile: in assenza delle apparecchiature originarie Technicolor per la stampa a imbibizione, si è proceduto ricomponendo in una stampa ottica, con tre successivi filtraggi inversi, ciascun fotogramma bianco e nero su intermediato positivo colore; da questo è stato stampato un intermediato negativo di altissima qualità e, da questo ultimo, con successive correzioni del tono fotografico, le copie. Questo ha reso possibile ricostituire una edizione fisicamente integra e completa – recuperando fino all’ultimo fotogramma del film – con i colori più prossimi all’originale. Come testimonia Romano Bellucci, uno dei valorosi tecnici che hanno lavorato al restauro, questo è stato possibile grazie anche al fatto che “il negativo originario infiammabile era in eccellenti condizioni, a parte qualche piccolo difetto dovuto all’uso. Naturalmente, si è impiegata una tecnologia di stampa ottica di altissima precisione, per ottenere la perfetta collimazione di ogni fotogramma con il precedente e il successivo in fase di ricomposizione. Come è ormai prassi normale per le lavorazioni della Cineteca Nazionale, l’intermediato positivo ricomposto è stato stampato su pellicola in poliestere, che garantisce oggi la miglior resistenza al tempo e quindi la più lunga durata“.
GasGas
clapclap.gif clapclap.gif clapclap.gif
Alessio (WDSleepingBeauty)
grazie nun thumb_yello.gif
è meraviglioso!
la convention 'Per il cinema italiano' si è già tenuta a Bari?
Saluto.gif
nunval
Si, era dal 17 gennaio, se non sbaglio.
Alessio (WDSleepingBeauty)
si nun, purtoppo si è già tenuta: dal 12 al 17 gennaio.....è stato un successone!!
P.S.: hanno dovuto far attendere 2000 persone perchè i posti erano esauriti!
Prince Philip
Il Blu Ray è disponibile ... e come temevo hanno inserito solo la lingua italiana e, secondo solo alcuni siti, l'inglese (e io che volevo ascoltarlo anche in tedesco e francese Arrabbiato3.gif Arrabbiato3.gif Arrabbiato3.gif )
Inoltre la cover è cambiata ... wink.gif



... non è proprio brutta, ma di certo mi piace di meno di quella scelta all'inizio, che intanto aveva un font molto più elaborato e adatto all'ambientazione del film, e poi era più colorata ... comunque, speriamo che almeno il restauro sia degno ... ecco gli extra:

- Documentario ''Una Rosa in Guerra - L'incredibile storia della Rosa di Bagdad'' (1949) - Regia di Massimo Becattini
- Dopo la Rosa
- Il Restauro della Rosa
- La Passeggiata (1953)
- Ballata Impressionista (1954)
- Trailer

GasGas
non vedo l'ora di averlo fra le mani smile.gifsmile.gif

il concept della cover è carino ma sembra fatto come un collage....potevano sprecarsi un po' di più....
nunval
a me la copertina piace molto, non vedo l'ora anche io, l'ho ordinato da dvd-store!
Giselle
che brutta cover, era meglio quella iniziale.
Prince Philip
CITAZIONE (Giselle @ 18/2/2009, 16:44) *
che brutta cover, era meglio quella iniziale.


Più guardo quella definitiva, più mi accorgo che non ha senso: lo sfondo è una veduta della città dall'alto, e la Principessa e Amin che fanno???? Volano sopra i tetti???
Se l'intento era quello di far sembrare Amin seduto sul cornicione e la Principessa affacciata a quella specie di balcone, allora hanno davvero fatto un lavoro pessimo wink.gif wink.gif
BewitchedNick
Sarà disponibile anche in dvd?
Prince Philip
CITAZIONE (BewitchedNick @ 18/2/2009, 20:35) *
Sarà disponibile anche in dvd?


Certo ... e con la stessa orrenda cover wink.gif
Pan
Direi che la cover sia piuttosto raffazzonata. Mi auguro che il restauro sia ben fatto; in fondo, è quello che conta! wink.gif
chrykee
CITAZIONE
Direi che la cover sia piuttosto raffazzonata. Mi auguro che il restauro sia ben fatto; in fondo, è quello che conta!

Beh allora posso cambiare lavoro per questo ragionamento... ragazzi per favore shifty.gif c'è chi studia per migliorarsi , e questi discorsi non li accetto! E' come se uno studiasse per fare l'architetto e uno ti venisse a dire ma a che serve costruire le case tanto esistono gli alberghi e le roulotte.... prima ci si renderà conto che la grafica aiuta a spingere un idea e un prodotto prima spariranno certe oscenità grafiche fatte da persone che non sanno nemmeno dove sono messe.rolleyes.gif eheheh.gif eheheh.gif

Tornando alla cover...
Ecco la solita schifezza grafica italiana..dov'è finito il gusto delle cose belle con cui gli italiani si sono sempre fatti notare??...ma cavolo! possibile che non si rendano conto che il lancio di un qualsiasi prodotto soprattutto un rilancio di un film che ha avuto un restauro degno di nota deve essere penalizzato e avere una cover del genere?questa cover è un oscenità, sia dal punto di vista tecnico, che dal punto di vista delle immagini scelte pessime!Mi spiace per questo collega grafico, ma dovrebbe tornare a studiare seriamente ,inquanto ruba a fine mese lo stipendio ,e mi dispiace perchè se molti questo titolo non lo noteranno è proprio perchè non è stata scelta un immagine più graffiante per far risaltare questo titolo. Saluto.gif
Pan
CITAZIONE (chrykee @ 19/2/2009, 11:06) *
Beh allora posso cambiare lavoro per questo ragionamento... ragazzi per favore shifty.gif c'è chi studia per migliorarsi , equesti discorsi non li accetto!

Ci siamo svegliati dal lato sbagliato, eh!?! eheheh.gif
Quello che volevo dire è che se dovessi scegliere tra una cover ben fatta ed un video di ottima qualità, opterei sicuramente per la seconda opzione, con tutto il rispetto per i grafici. Poi è ovvio che se anche la cover è accattivante, ben venga. wink.gif
Evidentemente alla Mondo HE interessa vendere questo titolo soprattutto a chi già lo conosce e che non si lascerà quindi influenzare dall'immagine della copertina. Il problema è che solitamente quando un prodotto, ed in modo particolare un DVD, si presenta mediocre all'esterno, solitamente lo è anche tutto il resto... spero di sbagliarmi, in quanto il film è sicuramente degno di nota.
chrykee
Guido tranquillo, non sono di cattivo umore anzi... mi scontro con questi pregiudizi tutti i giorni con persone che sottovalutano il lavoro altrui tutti i giorni ,ed è chiaro che non è che sto zitto se c'è qualcosa che non va ...questo apparteneva a un Chrykee di 2 anni fa so che questo può dar fastidio ma da più fastidio a me vedere sempre che invece di migliorare ci si adagia..un video decente e ben sincronizzato va al pari di una buona grafica ,è initile fare un buon restauro e degli ottimi contenuti se poi la confezione e menù interni sono un oscenità... è come mettere una cornice scadente ad un quadro di valore non trovi?Io la penso così il gusto va educato, se no rimarremo sempre nella sciatteria e nella mediocrità Saluto.gif
BD-Delfo
Ragazzi,ma sapete per caso dove trovarlo,il dvd(o br-disc) eccetto qulche store online? unsure.gif unsure.gif Io ne al MW,ne ad altri negozi l'ho visto sugli scaffali; mi è rimasto solo il Blockbuster.Speriamo,altrimenti mi sa che farò un ordine bello corposo con Pinocchio ,e via,lo ordinerò da lì. Saluto.gif
Cheeky
CITAZIONE (chrykee @ 19/2/2009, 11:06) *
Beh allora posso cambiare lavoro per questo ragionamento... ragazzi per favore shifty.gif c'è chi studia per migliorarsi , e questi discorsi non li accetto! E' come se uno studiasse per fare l'architetto e uno ti venisse a dire ma a che serve costruire le case tanto esistono gli alberghi e le roulotte.... prima ci si renderà conto che la grafica aiuta a spingere un idea e un prodotto prima spariranno certe oscenità grafiche fatte da persone che non sanno nemmeno dove sono messe.rolleyes.gif eheheh.gif eheheh.gif

Tornando alla cover...
Ecco la solita schifezza grafica italiana..dov'è finito il gusto delle cose belle con cui gli italiani si sono sempre fatti notare??...ma cavolo! possibile che non si rendano conto che il lancio di un qualsiasi prodotto soprattutto un rilancio di un film che ha avuto un restauro degno di nota deve essere penalizzato e avere una cover del genere?questa cover è un oscenità, sia dal punto di vista tecnico, che dal punto di vista delle immagini scelte pessime!Mi spiace per questo collega grafico, ma dovrebbe tornare a studiare seriamente ,inquanto ruba a fine mese lo stipendio ,e mi dispiace perchè se molti questo titolo non lo noteranno è proprio perchè non è stata scelta un immagine più graffiante per far risaltare questo titolo. Saluto.gif


La penso come te: la veste garfica aiuta moltissimo a vendere. Beh non è che ci voglia qualcuno per dirlo però edizioni particolarmente curate sia a livello di copertina che di struttura attirano molto di più che semplici versioni scarne.
Anche io guardo molto all'aspetto grafico prima di acquistare un prodotto: poi è ovvio che se mi piace, lo compro a prescindere; però, ad esempio, quando non so bene di che parla un film, magari mi faccio attirare dal packaging sfizioso e lo compro quasi ad occhi chiusi!
Pan
CITAZIONE (chrykee @ 19/2/2009, 12:22) *
Guido tranquillo, non sono di cattivo umore anzi...

Stavo scherzando Chry; sai bene che la penso come te e che la presentazione grafica di un prodotto è importante. wink.gif
Non ho sottovalutato il lavoro di nessuno, quindi presumo che tu abbia frainteso il mio messaggio. Ciò che volevo dire è che se fossi obbligato a scegliere tra una bella cover e un master restaurato, opterei sicuramente per la seconda scelta, sebbene io abbia sempre dato importanza ad entrambi gli aspetti. Qui stiamo parlando di un DVD (o Blu-Ray) e non di un quadro di valore (se mettessero all'asta La Gioconda con una cornice scadente, stai pur certo che verrebbe venduta allo stesso prezzo wink.gif) e, sebbene la cover sia importante per invogliare all'acquisto, i fruitori di tali articoli sono principalmente interessati al film; l'immagine della copertina, seppur importante, è un aspetto secondario. Chi apprezza la pellicola non si lascerà certo influenzare dalla cover e acquisterà ugualmente quest'edizione. Correggimi se sbaglio. wink.gif
Pan
CITAZIONE (BD-Delfo @ 19/2/2009, 12:25) *
Ragazzi,ma sapete per caso dove trovarlo,il dvd(o br-disc) eccetto qulche store online? unsure.gif unsure.gif Io ne al MW,ne ad altri negozi l'ho visto sugli scaffali; mi è rimasto solo il Blockbuster.Speriamo,altrimenti mi sa che farò un ordine bello corposo con Pinocchio ,e via,lo ordinerò da lì. Saluto.gif

Difficilmente si troverà in vendita altrove; pare infatti che ne siano state stampate poche copie.
chrykee
CITAZIONE
Stavo scherzando Chry, sai bene che la penso come te e che la presentazione grafica di un prodotto è importante.
Non ho sottovalutato il lavoro di nessuno, quindi presumo che tu abbia frainteso il mio messaggio. Ciò che volevo dire è che se fossi obbligato a scegliere tra una bella cover e un master restaurato, opterei sicuramente per la seconda scelta, sebbene io abbia sempre dato importanza ad entrambi gli aspetti. Qui stiamo parlando di un DVD (o Blu-Ray) e non di un quadro di valore (se mettessero all'asta La Gioconda con una cornice scadente, stai pur certo che verrebbe venduta allo stesso prezzo ) e, sebbene la cover sia importante per invogliare all'acquisto, i fruitori di tali articoli sono principalmente interessati al film; l'immagine della copertina, seppur importante, è un aspetto secondario. Chi apprezza la pellicola non si lascerà certo influenzare dalla cover e acquisterà ugualmente quest'edizione.


Ido so benissimo che non sottovalutavi ho capito benissimo il tuo intervento. Il discorso è che per me non funziona così ,inquanto se dovessi ragionare in questo modo perderei interesse al mio lavoro con relativo appiattimento delle mie potenzialità...Il discorso del quadro di valore - cornice sbagliata era solo per farti capire che ogni cosa va inserita nel giusto contesto, sia essa un opera d'arte che un semplice dvd o Br ,va da se che se uno capisce il valore di un oggetto lo prende a prescindere dalla sua presentazione ma è limitativo..Se tu dovessi mettere nel tuo salotto in stile una buona riproduzione del quadro della gioconda è chiaro che non metteresti una cornice che deprezza una buona riproduzione, il risultato sarebbe che non avresti armonia e stonerebbe, e i tuoi ospiti ti farebbero notare che quel quadro stona con l'arredamento.... così funziona anche con la grafica,con la coreografia, e con la scenografia, ci sono competenze dietro.
Ora io sostengo fermamente che il gusto come ogni altro senso vada educato, e che oggi si stia perdendo gradualmente il senso del bello che ha contraddistinto il passato...pensa solo alle sculture come quelle del Bernini o la Cupola del Brunelleschi o un dipinto del Botticelli o del Caravaggio..l'uomo oggi sa creare più bellezze simili? Ecco rapportiamolo in piccolo nella grafica... oggi si vedono sempre meno grafiche curate, perchè questo?!? Perchè la gente pensa sia facile farle tutti si mettono a creare basta un programma e tutti sono provetti grafici...no non è così!...e quindi gli artisti di conseguenza danno sempre meno di quello che effettivamente possono dare perchè non hanno stimoli di creare inquanto le loro creazioni non vengono capite... almeno qui in italia e lo dico con certezza succede così, perchè girando vedo i lavori di tutto lo stivale ,le capacità ci sono ma non vengono valorizzate..ciò non succede in Jap..ma li gli artisti vengono tenuti in alta considerazione e valorizzati.
In questo intervento volevo solo dire,che il grafico che ha concepito una cosa del genere ci avrà messo si e no 10 min, e quella cover stai tranquillo è stata pagata profumatamente dalla casa, a meno che per tagliare i costi,non l'abbia data da fare al figlio di 10anni e non al grafico,ciò spiegherebbe tale oscenità.
Non volevo creare nessuna polemica ,ho solo espresso una mia valutazione su questo lavoro ne più ne meno,poi anche io come te apprezzo i contenuti di un disco ,ma per il presunto lavoro di restauro che è stato apportato al film non mi sembra la giusta veste grafica per far riscoprire questo piccolo capolavoro italiano.Poi è chiaro se uno conosce il film non si farà certo fermare da una cover brutta ,ma rimane il fatto che l'utenza finale se non conosce il film non verrà attratta dalla copertina e magari non lo prenderà perdendo l'occasione di conoscere questo film,e nel commercio non ci si può permettere di perdere i propri acquirenti oggi meno che mai Saluto.gif
GasGas
allora bisogna far presto a ordinarlo....cmq secondo me poteva essere l'occasione di far conoscere a un pubblico maggiore questo film e una cover ben fatta poteva essere un incentivo in più per venderlo non solo a chi gia lo conosce e lo ama....i soliti imbecilli, hanno pure stampato poche copie...
nunval
Mi è appena arrivato...ho solo dato una rapida scorsa...l'immagine è bellissima, non al livello della Bella Addormentata ma diciamo al livello del trailer blu ray di Pinocchio...la qualità degli extra è ottima con interviste ad esperti come Alberto Becattini e a familiari come il figlio di Libico Maraja, lo scenografo del film (si parla anche dei memorabilia) per me è imperdibile, dopo la visione completa vi saprò dire meglio.
Prince Philip
CITAZIONE (nunval @ 19/2/2009, 14:54) *
Mi è appena arrivato...ho solo dato una rapida scorsa...l'immagine è bellissima, non al livello della Bella Addormentata ma diciamo al livello del trailer blu ray di Pinocchio...la qualità degli extra è ottima con interviste ad esperti come Alberto Becattini e a familiari come il figlio di Libico Maraja, lo scenografo del film (si parla anche dei memorabilia) per me è imperdibile, dopo la visione completa vi saprò dire meglio.


Sembra quindi che sia un prodotto valido clapclap.gif clapclap.gif clapclap.gif
Peccato che la cover sia davvero bruttina, e che dovrò aspettare fino a metà Marzo per vederlo dry.gif dry.gif
Prince Philip
Nunval, una cosa: il Blu Ray ha solo l'audio italiano???? unsure.gif unsure.gif
nunval
Si solo italiano in dolby 2.0 oppure PCM non compresso
Prince Philip
CITAZIONE (nunval @ 19/2/2009, 15:22) *
Si solo italiano in dolby 2.0 oppure PCM non compresso


Ma che schifo Arrabbiato3.gif Arrabbiato3.gif Arrabbiato3.gif
Scusate, ma dopo aver annunciato INGLESE, FRANCESE e TEDESCO, e aver inserito solo l'italiano, si sono guadagnati il nome di IMBROGLIONI Arrabbiato3.gif Arrabbiato3.gif Arrabbiato3.gif
Pan
CITAZIONE (chrykee @ 19/2/2009, 14:33) *
In questo intervento volevo solo dire,che il grafico che ha concepito una cosa del genere ci avrà messo si e no 10 min, e quella cover stai tranquillo è stata pagata profumatamente dalla casa, a meno che per tagliare i costi,non l'abbia data da fare al figlio di 10anni e non al grafico,ciò spiegherebbe tale oscenità.

Dubito fortemente che l'ideatore della cover di questa edizione ne capisca di grafica, chiunque avrebbe potuto fare di meglio. wink.gif
Peccato che non abbiano utilizzato l'altra; era orrenda anche quella, ma la preferivo. Indubbiamente, questa cover non invoglia all'acquisto coloro che non conoscono il film... un vero peccato.
GasGas
che belle notizie nun almeno il restauro su negativo c'è smile.gif

potresti postare immagini del video per favore smile.gif
GasGas
nun ma l'aspect ratio è 1.33 o 1.37?
nunval
Le immagini del video non le posso fare perchè non ho il blu ray sul computer
Il formato è 1,37:1. Il restauro non è digitale, per cui alcuni difetti, puntini bianchi e tremolii del negativo originale ci sono...Il colore però è bellissimo, l'audio è assolutamente buono, pur nei limiti del monofonico d'epoca. La nitidezza è ottimale e sono presenti tutti i loghi e cartelli d'origine (il marchio "artisti associati" all'inizio e perfino i cartelli di fine primo tempo e secondo tempo!). Insomma sembra veramente di assistere ad una proiezione cinematografica. Il sublime comparto di extra fa poi di questo blu ray un AVVENIMENTO CULTURALE di assoluto rilievo nel campo dell'intrattenimento domestico. Il documentario "Una rosa di guerra" e lo speciale "Dopo la Rosa" creano un quadro artistico e storico di assoluta rilevanza per la visione del film, con rari reperti filmati dell'istituto Luce (ebbene si c'è anche Walt e Biancaneve in Italia ma voglio lasciarvi la sorpresa del come) e preziose e commoventi interviste a storici, critici, agli animatori ancora in vita ed ai figli del pittore degli sfondi Libico Maraja, alla moglie di Angelo Bioletto, creatore dei personaggi ed alla figlia di Anton Gino Domeneghini, alla quale va il merito di aver recuperato alla Technicolor di Londra i preziosi negativi in bianco e nero originali dai quali si è provveduto al restauro. Il piccolo speciale sul restauro del film ci svela come si è ricostruita la copia integrale che è stata telecinemata in alta definizione.
Nei documentari possiamo ammirare anche alcuni memorabilia sul film, le celluloidi originali ed alcune magnifiche animazioni a matita. Inoltre abbiamo il trailer originale e due cortometraggi realizzati negli anni successivi da Anton Gino Domeneghini, uno sugli impressionisti francesi ed un altro che commenta la poesia di Gabriele d'Annunzio "La passeggiata", recitata da Ruggero Ruggeri. L'importanza di simili contenuti mi fa porre questo blu ray assolutamente alla pari come making of con il blu ray della Bella Addormentata e la platinum di Biancaneve.
Imperdibile per qualsiasi appassionato di animazione, di storia, di cinema e di cultura.
Inlove4Disney
CITAZIONE (Pan @ 19/2/2009, 19:39) *
Dubito fortemente che l'ideatore della cover di questa edizione ne capisca di grafica, chiunque avrebbe potuto fare di meglio. wink.gif
Peccato che non abbiano utilizzato l'altra; era orrenda anche quella, ma la preferivo. Indubbiamente, questa cover non invoglia all'acquisto coloro che non conoscono il film... un vero peccato.


Eccone qui uno che non conosce minimamete la storia narrata all'interno di qst bray..di cosa si tratta??Si certamente la copertina non mi avrebbe invogliato nell'acquisto, qst concordo pienamente sick.gif
Questa è la versione 'lo-fi' del forum. Per visualizzare la versione completa con molte più informazioni, formattazione ed immagini, per favore clicca qui.