Aiuto - Cerca - Utenti - Calendario
Versione completa: Wall-E
Disney Digital Forum > * Altri Argomenti * > Recensioni
Grrodon

Il film dei grandi esperimenti, Wall-E. Hanno oramai tutti detto un gran bene di come siano riusciti a rendere espressivo un binocolo, di quanto bene siano riusciti a gestire i tempi drammatici e comici nell'apprezzatissimo atto muto con cui inizia il film, al punto di non cadere nello slapstick, né nella noia. E hanno tutti detto bene della poesia con cui nel grande disegno dell'universo viene narrato l'amore tra due "oggetti". La femminilità che può scaturire da un uovo bianco, l'affetto quasi fanciullesco che può fare la differenza. E poi i messaggi ambientalistici di denuncia verso la società dell'apatia, le sorprendenti incursioni nel live action, il define dancing. Si è discusso molto persino del presunto calo di tono che avrebbe il film nella sua seconda parte, ambientata a bordo della Axiom in mezzo ad umani, stavolta volutamente, gommosi e plasticosi. A mio modestissimo parere è lì che la storia di questi due robottini doveva andare a parare, con una bella incursione in un mondo che ormai si sospettava voler esser rappresentato fuoricampo, come gli adulti dei Peanuts. Perchè sarà anche vero che i robot ribelli, i robot diseredati, John, Mary, M-O sono figure abbozzate che non sarebbe stato male approfondire, sarà anche vero che il viavai nell'astronave non è all'altezza di quei significativi momenti di silenzio passati sulla Terra, fattostà che ciò che l'opera complessiva ci comunica è un discorso ben preciso con una sua compiutezza, priva di sbavature, buchi, e falle logiche (gravità artificiale esclusa). E se la vogliamo dire tutta pure il personaggio del comandante ne esce gran bene, candido ma determinato quanto basta a rendere preziosa la sequenza in cui compie il suo riscatto e porta ai massimi livelli di funzionalità il parallelismo con 2001 Odissea nello Spazio.
Il riciclo intelligente potrebbe essere una delle morali ecologiste del film ma sembra sia stata anche la parola d'ordine di Thomas Newman, che ne ha composto la colonna sonora. Molte sonorità sembrano infatti venire dritte dritte da Alla Ricerca di Nemo l'altro film Pixar a cui Newman ha lavorato, e bene o male la scelta si rivela azzeccata regalando a certe riprese spaziali quel feeling da grande oceano cosmico che tanto sembra adattarsi al respiro della storia. Sono presenti anche alcune canzoni riciclate, pratica che finora era sempre stata utilizzata con profitto dai film sulla scia Dreamworks appartenenti a quest'epoca post-musical, ma che qui invece assume una valenza completamente nuova: La Vie en Rose cantata da Louis Armstrong incornicia perfettamente la sequenza in cui Wall-E corteggia Eve in stand by, e anziché sembrare una scorciatoia commerciale si ha veramente l'impressione che la scena e la canzone si donino l'un l'altra un qualcosa, fino alla completa sintesi. Sintesi che "esplode" ancor di più grazie al continuo gioco di richiami con il musical del 1969 Hello Dolly, rappresentato anche direttamente all'interno del film in svariate sequenze grazie al riproduttore che Wall-E conserva come cimelio. Due sono i brani ereditati da questo film: It Only Takes a Moment, il tema d'amore, e soprattutto il brano principale che irrompe all'inizio, Put On Your Sunday Clothes, che echeggiando a mo' di overtoure nei cieli ci accompagna tramite un delizioso gioco di contrasti tra passato e presente, verso il futuro distopico che sarà teatro della vicenda. Poesia pura. Ci sono poi le deliziose citazioni a 2001, che culminano nella ripresa del Danubio Blu e di Also Sprach Zarathustra e il brano Down to Earth di Peter Gabriel, che accompagna i particolarissimi credits, che ancora una volta impreziosiscono la pellicola narrando il futuro dell'umanità ripercorrendone di pari passo le correnti artistiche.
Pur non scalzando Ratatouille nella mia personale classifica dei film Pixar, Wall-E si conferma come uno dei parti migliori dello studio. Con Remy ha però in comune l'essere il manifesto programmatico di un nuovo modo di fare cinema d'animazione. Ciò che abbiamo visto da Toy Story a Cars altro non era che la prova generale, un gettare le giuste basi per poter fare scuola nell'ambito della CGI e farsi quindi accordare dal pubblico la fiducia necessaria per poter fare quel salto verso un metodo più stravagante e autoriale. Dopo il metacinema visto in Ratatouille e le sperimentazioni di Wall-E arriverà la malinconia esistenziale di Up, e il pubblico già l'attende. Un pubblico fatto di bambini, adulti, critici entusiasti, coppiette, famiglie, uomini maturi, senza pregiudizi di sorta. La Pixar ha capito quindi come ripristinare la tradizione del film evento dell'anno, come fondere tradizione e modernità, classicismo e innovazione, mantenendo ben alto il suo marchio, ed è quindi pronta a raccogliere il testimone lasciato negli anni 90 dalla WDAS, che purtroppo sempre più difficilmente riesce a primeggiare ancora nei cuori della gente, pur mettendoci tutta la buona volontà. Si spera che i due studi non si facciano troppa concorrenza interna nel futuro prossimo, visto che la Disney sembra voler alzare nuovamente la testa. Le auguro di tutto cuore di farcela, solo che a questo punto mi chiedo: ci sarà spazio per entrambe o la Disney sarà per sempre destinata ad essere nell'immaginario collettivo la sorellina minore del colosso Pixariano?

da La Tana del Sollazzo
Pan
Grandiosa recensione! Grazie per averla postata anche qui! smile.gif
nunval
Bellissima recensione, concordo su tutto, il fatto grave però è che il film (almeno da noi) non sta avendo il meritato riscontro, praticamente è già uscito di circolazione dopo neanche un mese dalla "prima" fagocitato dal colosso "High School Musical 3" . E tra poco ci saranno "Bolt" e "Madagascar 2"...troppa carne al fuoco in pochissimo tempo, per permettere ad un film di trasformarsi in evento. Speriamo che "Up" venga pubblicizzato meglio, anche se sono convinto che, per il becero pubblico d'oggi, i raffinati messaggi delle produzioni Pixar valgano ben poco.
just
CITAZIONE (nunval @ 27/11/2008, 10:14) *
Bellissima recensione, concordo su tutto, il fatto grave però è che il film (almeno da noi) non sta avendo il meritato riscontro, praticamente è già uscito di circolazione dopo neanche un mese dalla "prima" fagocitato dal colosso "High School Musical 3" . E tra poco ci saranno "Bolt" e "Madagascar 2"...troppa carne al fuoco in pochissimo tempo, per permettere ad un film di trasformarsi in evento. Speriamo che "Up" venga pubblicizzato meglio, anche se sono convinto che, per il becero pubblico d'oggi, i raffinati messaggi delle produzioni Pixar valgano ben poco.


In home video avrà uno spazio piu che degno. Io ad esempio ho gia preso 3 edizioni. 2 DVD e una BRD smile.gif
senza contare che l'ho visto al cinema 2 volte biggrin.gif
GasGas
clapclap.gif clapclap.gif clapclap.gif clapclap.gif clapclap.gif
Sarabi
Bella recensione, complimenti!! clapclap.gif
Ma cosa intendi Nunval con "già uscito di circolazione"? In home video? post-6-1111346575.gif (non ho visto in giro niente del genere..) comunque se intendi questo, penso che sia normale: ultimamente i tempi di uscita di tutti i film si stanono accorciando sempre di più..
just
CITAZIONE (Sarabi @ 17/12/2008, 19:33) *
Bella recensione, complimenti!! clapclap.gif
Ma cosa intendi Nunval con "già uscito di circolazione"? In home video? post-6-1111346575.gif (non ho visto in giro niente del genere..) comunque se intendi questo, penso che sia normale: ultimamente i tempi di uscita di tutti i film si stanono accorciando sempre di più..


In USA sono usciti DVD e Blu-Ray il 18 Novembre. In UK il 23 in 2 edizioni esclusive (una Amazon l'altra Play). Io gia li ho tutti, presto faccio una foto cumulativa wink.gif
kekkomon
CITAZIONE (just @ 20/12/2008, 13:09) *
presto faccio una foto cumulativa wink.gif

infatti non vedo l'ora di vederla
just
CITAZIONE (kekkomon @ 20/12/2008, 13:20) *
infatti non vedo l'ora di vederla


Ti avviso che non sarà proprio a breve..ho tanti arretrati da vedere smile.gif
Bristow
Ebbene dopo secoli son riuscito a rivederlo. Si perchè dopo il cinema ho preso il blu ray e ho dovuto attendere che qualche anima buona me lo prestasse. E dato che la seconda visione è quella migliore faccio una breve recensione.
Wall-E è unico nel suo genere. Pura poesia, mai banale; è riuscito ad unire due mondi così diversi come quello di un robot di metallo e quello dei sentimenti più puri e primordiali. Chi non si identifica nel tenero robottino che cerca continuamente di farsi stringere la mano come ha visto nei suoi musical preferiti? La scommessa è vinta in pieno ed in più è anche uno schiaffo al mondo moderno che si trova dinanzi a quello che può diventare: grossi omaccioni in fuga dalla terra inquinata che non riescono nemmeno a muoversi senza l'aiuto delle macchine, ma allo stesso tempo anche il pericolo che le macchine da noi create prendano il sopravvento e ci vogliano dominare...
Tutto positivo insomma. Un capolavoro.
Se devo esser sincero un difetto c'è l'ha, ma è puramente soggettivo. Non riesce a eguagliare quello che è stato per me Ratatouille. Sarà l'ambientazione troppo fredda e fantascientifica rispetto a Parigi, sarà che oltre a Wall-E e Eve non ci siamo molti altri personaggi che mi rimangono impressi, resta il fatto che non ho provato lo stesso sentimento provato per il topo che si diletta nel cucinare...
Ma questo è un mio problema.
giagia
Bellissima recensione: l'utlizzo di "Put on your sunday clothes" mi ha ricordato quello di "Brazil" nell'omonimo film. Devo dire che al cinema la prima volta mi ero addormentato (un film basato su una storia d'amore è alquanto pesante per una persona che si è appena lasciata). L'ho rivalutato completamente in blue-ray. Lancia in maniera inquietante un messaggio di speranza per il futuro. Resto comunque, come molti di voi, legato più a Remi che a Wall-E, così come rimango più legato a Woody che a Mike e a Sulley. Sono certo però che, nel genere fantascientifico, Wall-E sia uno dei film migliori della storia del cinema.
Bristow
Quoto quello che hai detto. Nel suo genere è un autentico capolavoro ma Remy rimane su un altro pianeta. Almeno per noi.
MagicLuca
l'ho visto giorni fa e ne sono rimasto letteralmente estasiato. mi mancava commuovermi di fronte ai gesti di due robottini... lo adoro e sinceramente non lo considero affatto inferiore a Ratatouille... sono entrambi due capolavori, a mio parere maggiormente apprezzabili da un adulto che da un bambino abituato ad alcuni anime giapponesi vomitevoli (tra trottole e giochi di carte) e a produzioni Dreamworks che si reggono su rutti e peti.
Arancina22
Wall-E è un capolavoro, che a mio giudizio (vado controcorrente rispetto a molti di voi tongue.gif) supera Ratatouille happy.gif
E' comico in un modo che mi ricorda tanto il mio amato Charlie Chaplin; mi ha insegnato l'amore per il musical Hello, Dolly!, attualmente il mio film live-action preferito; ha, come già ripetuto molte volte, una poesia e un linguaggio unici; è un ritorno al cinema (semi)muto, per metà del film, il che è una sfida molto ardua al giorno d'oggi: credo che quasi nessuno sarebbe stato capace di superarla nel modo fatto da Wall-E...
Insomma, un bel 10 a questo film da parte mia ci sta eccome... si posiziona secondo dopo la trilogia di Toy Story (10 e lode wub.gif) e prima di Up, che è al 3° posto (con 9 smile.gif.

Saluto.gif
kekkomon
CITAZIONE (Arancina22 @ 20/9/2010, 17:27) *
Wall-E è un capolavoro, che a mio giudizio (vado controcorrente rispetto a molti di voi tongue.gif) supera Ratatouille happy.gif
E' comico in un modo che mi ricorda tanto il mio amato Charlie Chaplin; mi ha insegnato l'amore per il musical Hello, Dolly!, attualmente il mio film live-action preferito; ha, come già ripetuto molte volte, una poesia e un linguaggio unici; è un ritorno al cinema (semi)muto, per metà del film, il che è una sfida molto ardua al giorno d'oggi: credo che quasi nessuno sarebbe stato capace di superarla nel modo fatto da Wall-E...
Insomma, un bel 10 a questo film da parte mia ci sta eccome... si posiziona secondo dopo la trilogia di Toy Story (10 e lode wub.gif) e prima di Up, che è al 3° posto (con 9 smile.gif.

Saluto.gif

D'accordo con te, anche io preferisco Wall-e a Ratatuille.
Matisse
CITAZIONE (Arancina22 @ 20/9/2010, 17:27) *
Wall-E è un capolavoro, che a mio giudizio (vado controcorrente rispetto a molti di voi tongue.gif) supera Ratatouille happy.gif
E' comico in un modo che mi ricorda tanto il mio amato Charlie Chaplin; mi ha insegnato l'amore per il musical Hello, Dolly!, attualmente il mio film live-action preferito; ha, come già ripetuto molte volte, una poesia e un linguaggio unici; è un ritorno al cinema (semi)muto, per metà del film, il che è una sfida molto ardua al giorno d'oggi: credo che quasi nessuno sarebbe stato capace di superarla nel modo fatto da Wall-E...
Insomma, un bel 10 a questo film da parte mia ci sta eccome... si posiziona secondo dopo la trilogia di Toy Story (10 e lode wub.gif) e prima di Up, che è al 3° posto (con 9 smile.gif.

Saluto.gif

ti quoto su tuttooo blush2.gif Saluto.gif
Arancina22
Grazie Kekko, grazie Ray blush.gifhug.gif E' davvero fantastico questo film! wub.gif
Fra X
Stavolta la Pixar si butta sulla fantascienza e anche qui mette a segno il colpo. Una prima parte lenta, contemplativa e romantica e una seconda dinamica e frenetica ci raccontano le avventure di Wall-E e ci portano messaggi mai banali e purtroppo sempre attuali. Proprio bello l' uso degli spazi sia sulla Terra dove non c' è quasi nessuno e sull' astronave invece strapiena.
Questa è la versione 'lo-fi' del forum. Per visualizzare la versione completa con molte più informazioni, formattazione ed immagini, per favore clicca qui.