Aiuto - Cerca - Utenti - Calendario
Versione completa: Doppiaggio "My Fair Lady"
Disney Digital Forum > * Off-Topic * > Oltre Disney
March Hare = Leprotto Bisestile
Oggi sono in vena di sondaggi eheheh.gif .
Inizialmente volevo solo parlare di questo doppiaggio, al sondaggio non avevo minimamente pensato, poi mi sono detto "perché no?" e così eccoci qua.

Dunque, io ho da poco comprato il dvd in edizione speciale 2 dischi di My Fair Lady di cui avevo quasi sempre sentito parlare bene e che invece, devo essere sincero, mi ha un po' deluso. La prima parte è molto interessante e simpatica (per capirci fino alla battuta all'ippodromo "Ma che ti pesa il xxxx?" eheheh.gif clapclap.gif FORMIDABILE!), la seconda invece è un po' più noiosa. Poi nel dvd la seconda parte è trattata maluccio per quanto riguarda la traccia audio italiana che passa in modo scandaloso dalla limpidezza del restauro di quella originale alla cupa versione italiana originale.

Ma veniamo al doppiaggio. Tempo fa Sudicio Briccone, utente di questo forum, mi ha fatto nascere l'interesse per questo film parlandomi proprio del doppiaggio nostrano che a lui non piace. Il fatto è che nella versione originale, Eliza parla un inglese cockney (correggetemi se sbaglio) che in italiano è stato adattato con una parlata simil-pugliese recitata dalla mitica Maria Pia Di Meo (Julie Andrews in Mary Poppins). A Sudicio Briccone è qualcosa che proprio non va giù, visto che nonostante questo adattamento, nella versione italiana si dice che Eliza non sa parlare bene INGLESE e la vicenda rimane ambientata in Inghilterra.

Quanto a me, invece, non so dire se questo adattamento mi piaccia o meno. E' molto simpatico, la Di Meo così divertente non me la sarei mai immaginata, e poi lo scioglilingua utile alla dizione della protagonista, il famoso "La rana in Spagna gracida in campagna", è azzeccatissimo per mettere in luce il problema della parlata barese di Eliza. Ma, oltre al problema evidenziato da Sudicio Briccone, ci sono un altro paio di cose:

1. nella versione originale, Eliza pretende di non dover pagare molto il professor Higgins perché in fondo lui le insegnerà una lingua che già conosce: la stessa cosa la dice in pugliese la Di Meo. Il problema è che l'inglese Eliza lo conosce davvero, anche se non si tratta di un inglese molto raffinato e ha una pronuncia completamente sballata, tipica del cockney. Ma in italiano Eliza parla in dialetto e mentre in originale ci si può aspettare che una volta imparata la fonetica di base riesca a parlare come si deve, in italiano è impensabile che, riuscita a dire "la rana in Spagna gracida in campagna", riesca a trasformare tutti i suoi "t'agg' ditt" in "ti ho detto" (e così via) in poco tempo. In italiano deve davvero imparare una lingua tutta nuova!

2. mi domando a cosa pensassero quando hanno fatto cantare Tina Centi... E' del tutto assurdo che canti in italiano perfetto quando Eliza ancora parla un dialetto a volte incomprensibile! E la cosa più assurda è che poco dopo che mostrano che Eliza non riesce, da brava barese laugh.gif , a pronunciare bene la A, la Centi canta una canzone in cui spalanca la sua A dicendo "Ah ah ah, signor Higgins, lo vedrai!"

Insomma, trovo che sicuramente sarebbe stato un doppiaggio più riuscito, anche se sempre coi suoi limiti (il film è troppo difficile da adattare), se fossero stati attenti a un paio di particolari in più.

Voi che ne pensate? Vi aspetto numerosi!
nunval
Magari è un pò inverosimile...le cose dette da Leprotto sono vere ma...
è un doppiaggio talmente irresistibile che non può non piacermi!
"Si fusse nu gentleman me facivi assettà e questa è una" clapclap.gif Saluto.gif
Ciro84
Come sapete sono generalmente (anzi no, diciamo sempre) contrario al doppiaggio, però la Di Meo mi piace, ed il suo accento è delizioso.

Ciò non toglie che, oltre i problemi già detti da Leprotto, c'è anche tutto il problema dell'adattamento di quello che secondo me è uno degli aspetti più buffi del film, e che mi ha sorpreso la prima volta che lo vidi in Inglese: il fatto che quando Eliza va in società per la prima volta, utilizza esclusivamente le frasi e i proverbi imparati a pronunciare con Higgins, compreso il famoso The rain in Spain stays mainly in the plain. Ovviamente in Italiano non si può mettere a parlare di rane e campagne. Secondo me quella scena in Inglese è mille volte più divertente ed ha un significato ben preciso - Eliza è ancora una marionetta, ripete solo ciò che ha imparato foneticamente. Non si è ancora formata come persona. In Italiano non c'è niente di tutto ciò.

Quindi, in sostanza...diciamo che voto la terza opzione per semplice simpatia per la Di Meo. Però il doppiaggio guardatelo una volta per curiosità, poi puntate sempre sull'originale...
giagia
Beh che è il film nasce come un opera teatrale è evidentissimo, a ricordarcelo sono le scenografie, la suddivisione scenica e ancora di più i dialoghi. Che nello stesso anno, nella Londra d'inizio secolo quando una venditrice di fiori parlò con un precisissimo accento cockney uno spazzacamino si prodigò per storpiarlo in tutti i modi possibili è una realtà ancora più evidente. Che però l'accento ciociaro (non pugliese) della venditrice di fiori di cui sopra fosse estremamente più adatto per strappare le risate del pubblico italiano del 1964 molto più dell'accento cockney che sarebbe per loro stato, rane o non rane, ed indipendentemente dalle lievi perturbazioni atmosferiche in atto sopra la Spagna, davvero incomprensibile. Come sempre il doppiaggiò non storpiò l'opera originale, semplicemente ne creò un'altra versione. Personalmente adoro il personaggio (e facendo il tifo, nella lotta tra le My Fair Ladies, per Julie Andrews, non posso che essere strafelice che le voci della fioraia e della governante siano le stesse), così come adoro questo doppiaggio, se mi venite a dire "ma è ambientato a Londra, non ha senso" vi rispondo "perchè secondo voi a Springfield sanno che differenza c'è tra il venziano di Lenny, il sardo di Willie o il napoletano Winchester?" Forse non c'è un senso, o forse c'è un senso solo nel momento in cui ci fanno ridere.
March Hare = Leprotto Bisestile
Innanzitutto grazie a tutti per le risposte, ne sono molto contento, avevo paura che non avrebbe risposto nessuno.

CITAZIONE (giagia @ 2/4/2007, 0:42)
l'accento ciociaro (non pugliese) della venditrice di fiori

Guarda, quando dice "i fiori mia" e roba del genere il ciociaro c'è tutto, ma nel complesso è indiscutibilmente pugliese: non mi risulta che il ciociaro comprenda le A pronunciate quasi come E. E il film punta tutto su questa particolarità, è da qui nasce la scelta della rana in Spagna...

CITAZIONE
il fatto che quando Eliza va in società per la prima volta, utilizza esclusivamente le frasi e i proverbi imparati a pronunciare con Higgins, compreso il famoso The rain in Spain stays mainly in the plain. Ovviamente in Italiano non si può mettere a parlare di rane e campagne. Secondo me quella scena in Inglese è mille volte più divertente ed ha un significato ben preciso - Eliza è ancora una marionetta, ripete solo ciò che ha imparato foneticamente. Non si è ancora formata come persona. In Italiano non c'è niente di tutto ciò.

Hai perfettamente ragione. Oltretutto in inglese si mette a parlare della pioggia in Spagna perché Higgins l'ha pregata (lo dichiara anche nella versione nostrana) di parlare solo di tempo e di salute. A questo punto penso che la trasposizione in francese sia perfetta: "Un ciel serein en Espagne est sans un brin". Ha a che fare con la meteorologia e per una che pronuncia le E nasali come A nasali (lo fanno effettivamente molti francesi) è anche difficile da pronunciare. Una volta tanto i cugini d'oltralpe son stati meglio di noi, bisogna ammetterlo.
Albe
Anch'io rispondo la terza opzione wink.gif

Maria Pia Di Meo è forse la più brava doppiatrice italiana. Indimenticabile come Aurora, Mary Poppins, Holly Golightly Innamorato.gif E messa in coppia con la grandissima Tina Centi per il canto il risultato è una bomba. smile.gif

Perde abbastanza nel nostro adattamento ma rimane sempre simpatico e godibile. wink.gif
nunval
Vi faccio però notare che nell'originale commedia "Pigmalione" di George Bernard Shaw, nella scena delle corse, Elisa recita proprio il bollettino metereologico, quindi la traduzione adattamento italiano, che alle previsioni fa riferimento, è quanto mai calzante!
March Hare = Leprotto Bisestile
CITAZIONE (nunval @ 2/4/2007, 20:25)
Vi faccio però notare che nell'originale commedia  "Pigmalione" di George Bernard Shaw, nella scena delle corse, Elisa recita proprio il bollettino metereologico, quindi la traduzione adattamento italiano, che alle previsioni fa riferimento,  è quanto mai calzante!
*

Questo lo ignoravo happy.gif
clapclap.gif clapclap.gif
Albe
CITAZIONE (March Hare = Leprotto Bisestile @ 3/4/2007, 16:02)
Questo lo ignoravo happy.gif
clapclap.gif  clapclap.gif
*


Idem smile.gif

Grazie Nunval, grandioso come sempre clapclap.gif clapclap.gif
Ascanio
My fair lady è un classico e chi ama Mary Poppins o The Sound of Music non può non amarlo. A parte il fatto che rientra nella "TRILOGIA Andrewsiana" ( terminologia coniata da me!!!).
A parte le interminabili storie e racconti che sembrano quasi leggende attorno a questo film, in questo topic si parla di doppiaggio.
Alcune imperfezioni che Voi avete citato alla perfezione sono presenti nel film ( che bello poter parlare con persone che condividono la mia passione!) ma a mio avviso senza doppiaggio My fair Lady non avrebbe raggiunto il successono che ha ottenuto fino ad oggi. Prima di tutto per una motivazione. Il primo principalmente è un fattore Cronologico. Infatti l'Italia del '64 non conosceva in modo diffuso la lingua inglese.
Un difette determinante invece riguarda una canzone spcificatamente: questa è CHE BELLA FAVOLA ( forse una delle più belle, anche se in questo musical devo dire che lo sono tutte) Nella versione italiana Eliza la fioraia dice:

A sognare che male c'è ect...

Una mamma per farsi amar
ed un padre da rispettar
restare sempre insieme
oh che bella favola...

Bene...in realtà la piccola fioraia non sognava questo, ma il solito principe azzurro... infatti nella versione inglese troviamo

Someone's 'ead restin' on my knee,
Warm an' tender as HE can be.
'ho takes good care of me,
Aow, wouldn't it be loverly?
Loverly, loverly, loverly, loverly

e nella parola HE che ruota il Sogno di Eliza diversamente da quello che la traduzione italiana ci fa intendere.
Questo "errore" non è da poco. Assolutamente. Per questo motivo "Che bella favola" che rappresenta Il sogno di Eliza che vuole cambiare vita e sposare un uomo che si prenda cura di sè, diventa il sogno della Piccola fiammiferaia che vuole avere un padre e una madre... a parte gli scherzi.

Altro errore da Voi citato è quella splendida Rana in Spagna...che poi è una idea di doppiaggio eccellente e alla fine sicuramente spezza una battuta ( quella di Ascot in cui le parla del Tempo e della Salute) ma rende questa canzone particolarmente indimenticabile.

A risolvere tutti questi problemi di Traduzione c'è Massimo Romeo Piparo ( o chi per lui, non so) che ha sostituito la Rana con la Pioggia in Spagna bagna la campagna... e poi i versi della canzone Wouldn'it be Loverly...
li trascivo..

Voglio un uomo che sta con me
Tanto buono che non c'è ne
restare sempre insieme...
oh che bella favola...

Ciao a tutti...spero di poter parlare con Voi ancora di Musical... Gio
nunval
Ecco alcune curiosità sui testi italiani del musical

La prima traduzione italiana di My Fair Lady risale alla versione teatrale prodotta da Remigio Paone ed interpretata da Delia Scala e Gianrico Tedeschi. I testi delle canzoni erano di Fedele D'Amico, che per "The Rain in Spain" si inventò un buffo "In Spagna s'è bagnata la campagna..." mentre "Wouldn't it be loverly" diventa "Sarebbe splendido".
Il paroliere Bertini è il responsabile della più famosa versione italiana di "I could have danced all night": "Vorrei danzar con te, la notte e il dì così..e stringerti con me..."
Leo Chiosso è l'autore di un'altra versione italiana di "Wouldn't it be loverly", sempre intitolata "Sarebbe splendido".
Caterina Valente incise su disco "Vorrei danzar con te" e "I've grown accostumed to her face" che, con testo italiano di Gentile, diventò "Hai dato un volto ai sogni miei..."
Per il film di Audrey, i testi italiani delle canzoni sono di AMURRI e PALLAVICINI
La direzione musicale è del maestro ALBERTO BRANDI (curatore anche di molti doppiaggi Disney per le parti cantate)
il coro è del maestro PIERO CARAPELLUCCI
Come potete vedere è in gran parte l'equipe che ha doppiato anche MARY POPPINS

Anche la voce di Freddy, (Jeremy Brett) è disneyana: si tratta di GIANNI MARZOCCHI, voce di CANTAGALLO in ROBIN HOOD!
March Hare = Leprotto Bisestile
CITAZIONE (Ascanio @ 6/4/2007, 0:10)
My fair lady è un classico e chi ama Mary Poppins o The Sound of Music non può non amarlo.

Innanzitutto benvenuto e grazie per questo messaggio. Quoto la tua affermazione solo per farti notare che io vado pazzo per Mary Poppins e Tutti Insieme Appassionatamente, ma My Fair Lady lo trovo un bel po' di gradini più in basso, soprattutto a causa di scene superflue che nulla danno alla trama e servono solo a stancare lo spettatore. Mi riferisco in particolare alle interminabili sequenze con Alfred Doolittle senza le quali la pellicola mi avrebbe sicuramente attratto di più. Mentre nei due film andrewsiani, come li chiami simpaticamente tu, di scene allungabrodo manco l'ombra (beh... forse il numero "Quindici anni quasi sedici" è un po' dispersivo, ma a parte questo...). Sicuramente My Fair Lady è stato realizzato con molta cura, ma per me non può essere comparato a Mary e a The Sound.

CITAZIONE
A risolvere tutti questi problemi di Traduzione c'è Massimo Romeo Piparo ( o chi per lui, non so) che ha  sostituito la Rana con la Pioggia in Spagna bagna la campagna... e poi i versi della canzone Wouldn'it be Loverly...
li trascivo..

Voglio un uomo che sta con me
Tanto buono che non c'è ne
restare sempre insieme...
oh che bella favola...

Ottime queste traduzioni, mi sembra siano contenute anche nel dvd come sottotitoli. Notare oltretutto l'indicativo in luogo del congiuntivo nel primo verso che ben si addice all'ignoranza di Eliza.

Grazie ancora per il tuo post interessantissimo, e grazie ovviamente anche a nunval che ne sa sempre una più... più di se stesso! laugh.gif

Saluto.gif
Ascanio
[quote=March Hare = Leprotto Bisestile,6/4/2007, 10:09]
Innanzitutto benvenuto e grazie per questo messaggio. Quoto la tua affermazione solo per farti notare che io vado pazzo per Mary Poppins e Tutti Insieme Appassionatamente, ma My Fair Lady lo trovo un bel po' di gradini più in basso, soprattutto a causa di scene superflue che nulla danno alla trama e servono solo a stancare lo spettatore.


Ti ringrazio per il benvenuto e rispondo facendo i complimenti per il sito. Quoto la tua affermazione in cui poni My fair Lady un gradino più in giù di SOM e Mary Poppins. In effetti condivido parzialmente il tuo pensiero( ma lo tengo allo stesso livello degli altri due) e infatti il film di Cukor è un esempio di trasposizione dal teatro al cinema. Quello che ne consegue è un effetto "noia" in alcune parti dello spettacolo cinematografico. Il fatto di aver avuto l'opportunità di vedere My fair lady( e anche Mary Poppins...magari poi ne parliamo!!!) a Londra con la bravissima Laura Michelle Kelly, mi ha fatto comprendere diverse cose: se infatti nel film le parti dedicate ad Alfred Doolittle risultano noiose, a teatro diventano spettacolari grazie ad una eccellente coreografia che movimenta la scena. Infatti un musical che nasce a teatro deve essere , a mio avviso, modificato in alcune delle sue parti. Come nel caso di The Sound of music : un esempio è la posizione di My favorite things come parte centrale o il taglio di alcune scene presenti nella versione teatrale come il duetto del Capitano Von Trapp e la Baronessa.Ma se alcune scene Robert Wise le ha eliminate, il regista mantiene la colonna sonora intatta. Proprio la musica del duetto tra Capitano e Baronessa è suonata dall'orchestra durante il ballo a casa Trapp.
Giustissimo è il tuo esempio di Sixteen Going on Seventeen, la penso come te, poteva essere tagliata questa scena, ma avremmo perso l'opportunità di sentirla cantata nella REPRISE da Julie Andrews...!
Ciro84
CITAZIONE (Ascanio @ 6/4/2007, 11:05)
Sexteen Going on Seventeen


Bellissimo clapclap.gif
Quella è una canzone da Tutti Insieme Appassionatamente XXX - Gangbang Edition, vero? tongue.gif wink.gif
Sudicio Briccone
CATERINA VALENTE
My Fair Lady in Italiano

Buon ascolto! Saluto.gif
March Hare = Leprotto Bisestile
CITAZIONE (Sudicio Briccone @ 19/7/2007, 10:45)
CATERINA VALENTE
My Fair Lady in Italiano

Buon ascolto!  Saluto.gif
*

Come faccio ad ascoltare? Dove devo cliccare?
Sudicio Briccone
CITAZIONE (March Hare = Leprotto Bisestile @ 19/7/2007, 11:29)
Come faccio ad ascoltare? Dove devo cliccare?
*

In basso, clicca Caterina 45rpm.
Inserisci le lettere per la sicurezza e poi clicca Download.
Attendi i secondi necessari per il download gratuito e poi scarica!
March Hare = Leprotto Bisestile
CITAZIONE (Sudicio Briccone @ 19/7/2007, 11:38)
In basso, clicca Caterina 45rpm.
Inserisci le lettere per la sicurezza e poi clicca Download.
Attendi i secondi necessari per il download gratuito e poi scarica!
*

Non ci riesco perché dice che sto già scaricando altro, ma non è vero.
Me lo mandi per email?
Ora te ne mando una io così hai l'indirizzo (che comunque dovresti già avere).

Saluto.gif
March Hare = Leprotto Bisestile
Accipicchia, hai l'indirizzo email riservato...
Tockins
Allora, partiamo dal fatto che adoro Audrey Hepbourn Innamorato.gif , e la prima volta che vidi questo film per poco non mi venne un colpo quando la sentii parlare in quel modo eheheh.gif (anche a me sembra dialetto ciociaro e non barese) però poi mi sono divertito tantissimo nel vedere questo film, ho risposto SI perchè nel complesso è divertente e gradevole...
Certo le discrepanze evidenziate da Leprotto ci sono, ma almeno io non saprei come rendere in italiano l'idea del dialetto cockney, quindi l'adattamento in dialetto "nostrano" è a dir poco geniale, anche se si cita la lingua inglese, certo sarebbe stato gradito l'uso dello stesso dialetto da parte della Centi nel cantato, ma parte questa piccola sottigliezza, sia la Di Meo che la Centi sono fenomenali.

P.s. Scusate se ho rispolverato questo vecchio post, ma mi era sfuggito tongue.gif
March Hare = Leprotto Bisestile
Innanzitutto grazie per aver risposto.
CITAZIONE (Tockins @ 3/7/2008, 18:53) *
(anche a me sembra dialetto ciociaro e non barese)

La prima cosa da dire è che la lingua in cui si esprime Eliza nella versione italiana del film non corrisponde a nessun nostro dialetto, ma è un misto di diverse parlate locali. In questo misto il ciociaro occupa sicuramente una buona percentuale, ma il barese è quello più importante e su di esso verte tutta la prima parte del film incentrata principalmente sul compito di trasformare le E in A. E basta prendere un ciociaro qualsiasi e vedere se dice RENA, SPEGNA, CAMPEGNA, DELICHETO, FECCIA (per faccia), MENI (per mani): un ciociaro non lo dice, perché si tratta di una particolarità tipicamente pugliese e soprattutto barese.
Tockins
CITAZIONE (March Hare = Leprotto Bisestile @ 4/7/2008, 15:52) *
Innanzitutto grazie per aver risposto.

La prima cosa da dire è che la lingua in cui si esprime Eliza nella versione italiana del film non corrisponde a nessun nostro dialetto, ma è un misto di diverse parlate locali. In questo misto il ciociaro occupa sicuramente una buona percentuale, ma il barese è quello più importante e su di esso verte tutta la prima parte del film incentrata principalmente sul compito di trasformare le E in A. E basta prendere un ciociaro qualsiasi e vedere se dice RENA, SPEGNA, CAMPEGNA, DELICHETO, FECCIA (per faccia), MENI (per mani): un ciociaro non lo dice, perché si tratta di una particolarità tipicamente pugliese e soprattutto barese.

post-6-1111346575.gif e dove lo trovo io un ciociaro??? eheheh.gif eheheh.gif eheheh.gif
Si in effetti credo hai ragione sul fatto che è un misto di parlate locali, ho sentito anche varie parole in abruzzese eheheh.gif
March Hare = Leprotto Bisestile
La notte di capodanno ho messo a registrare Follie dell'anno (There's No Business Like Show Business), con la sempreverde Marilyn Monroe, ma soprattutto con gli intramontabili Peppino Rinaldi, Stefano Sibaldi, Lydia Simoneschi, Rosetta Calavetta e Miranda Bonansea.
Oggi, finalmente, ne ho vista una parte (anche se la registrazione è venuta malissimo) e ho subito pensato di dovervi scrivere in questo topic perché... nelle prime scene in cui appare la Monroe, la Bonansea la doppia con alcune A sostituite da E!!! Ho subito pensato: "Ma allora è un vizio!" laugh.gif
Non ricordo in che modo, ma dalla prima canzone che canta mi è sembrato di intuire che anche in originale pronunci delle E al posto delle A in modo tipicamente americano, come nella parola AFTER (la canzone infatti dice "after you get what you want you don't want it") che in italiano, nella fattispecie, diventa QUANDO/QUENDO.
Ho avuto una giusta impressione? La "pronuncia esotica" della Monroe (così viene definita nel film) riguarda lo scambio delle lettere A e E anche in inglese? Se è così, la traduzione italiana è un po' più giustificabile di quella di My Fair Lady... Se non altro non sentiamo la mitica biondona dire "Professò, tu non tien' nu core" eheheh.gif
La Pillola Va Giù
CITAZIONE (March Hare = Leprotto Bisestile @ 10/1/2009, 17:24) *
La "pronuncia esotica" della Monroe (così viene definita nel film) riguarda lo scambio delle lettere A e E anche in inglese?


Ho visto il film tanti anni fa e non ricordo ma è probabile che la Monroe avesse un accento del sud dove le vocali sono solitamente allungate e storpiate (Eafter iu Ghè uacciu uaan ieu don uaane eheheh.gif ).
Non era la Calavetta la doppiatrice di Marilyn?
March Hare = Leprotto Bisestile
CITAZIONE (La Pillola Va Giù @ 11/1/2009, 17:24) *
Ho visto il film tanti anni fa e non ricordo ma è probabile che la Monroe avesse un accento del sud dove le vocali sono solitamente allungate e storpiate (Eafter iu Ghè uacciu uaan ieu don uaane eheheh.gif ).

Roftl.gif rofl1.gif

CITAZIONE
Non era la Calavetta la doppiatrice di Marilyn?

Non in questo film, qui la Calavetta presta la voce alla figlia dei coniugi danzerini tongue.gif . Comunque tra la Bonansea e la Calavetta non c'è paragone, la seconda sta molto meglio addosso a Norma Jean.
Donald Duck
UP!

Ieri ho visto il film, sia per la Hepburn, sia per alcune cover sentite in Glee.
Il film in generale mi è piaciuto, ma ad un certo punto, cioè appena Eliza apre bocca ammetto di essere stato tentato a cambiar lingua e a guardarlo in originale, anche se poi non l'ho fatto.
Capisco che magari l'adattamento è stato un pò difficile, ma Eliza nella prima metà del film è davvero inascoltabile......l'ho trovata davvero fastidiosa!

Anche le canzoni in italiano non mi sono piaciute granchè.....le avrei lasciate in originale (infatti da The Rain in Spain in poi, ho preferito ascoltarle in inglese).
March Hare = Leprotto Bisestile
CITAZIONE (Donald Duck @ 23/9/2012, 15:08) *
Anche le canzoni in italiano non mi sono piaciute granchè.....le avrei lasciate in originale (infatti da The Rain in Spain in poi, ho preferito ascoltarle in inglese).

Non era possibile, le canzoni di MFL sono parte integrante della trama, non si può non tradurle (non tutte, almeno). Proprio "The rain in Spain" lasciata in originale non avrebbe avuto alcun senso, perché è la prova che Eliza ha imparato a pronunciare per bene le vocali in italiano standard che Higgins le ha insegnato nella parte precedente del film: non avrebbe significato nulla vedere Higgins che nei dialoghi le chiede di ripetere una frase italiana e lei gli risponde cantandola in inglese...
Donald Duck
CITAZIONE (March Hare = Leprotto Bisestile @ 24/9/2012, 12:00) *
Non era possibile, le canzoni di MFL sono parte integrante della trama, non si può non tradurle (non tutte, almeno). Proprio "The rain in Spain" lasciata in originale non avrebbe avuto alcun senso, perché è la prova che Eliza ha imparato a pronunciare per bene le vocali in italiano standard che Higgins le ha insegnato nella parte precedente del film: non avrebbe significato nulla vedere Higgins che nei dialoghi le chiede di ripetere una frase italiana e lei gli risponde cantandola in inglese...

Beh si, in effetti per chi non conosce la canzone non ha alcun senso...
Però il doppiaggio di Eliza, continua a non piacermi! laugh.gif
Questa è la versione 'lo-fi' del forum. Per visualizzare la versione completa con molte più informazioni, formattazione ed immagini, per favore clicca qui.