Aiuto - Cerca - Utenti - Calendario
Versione completa: I Racconti Dello Zio Tom
Disney Digital Forum > * Altri Argomenti * > Recensioni
Grrodon

C'era un tempo in cui Walt Disney produceva solo animazione. L'Isola del Tesoro avrebbe nel 1950 smentito questo luogo comune, dando inizio alla serie dei film live-action che continua ancora oggi con titoli quali La Maledizione della Prima Luna e Le Cronache di Narnia: Il Leone, la Strega e l'Armadio. Prima di quel forunato periodo erano però già stati prodotti alcuni lungometraggi che mischiavano parti animate e scene recitate da attori in carne ed ossa. La scrittura mista affondava le sue radici nella notte dei tempi, quando il giovanissimo Walt cercava di sfondare con la sua serie animata Alice Comedies. Fantasia, Saludos Amigos e gli altri film a episodi prodotti negli anni 40 avevano portato avanti la tradizione, a volte alternando le parti live-action a quelle animate - è il caso di Bongo e i Tre Avventurieri - altre volte mostrando direttamente attori e cartoni animati interagire, come ne I Tre Caballeros.
Quando I Racconti dello Zio Tom venne prodotto nel 1946, si ebbe il primo caso di lungometraggio a scrittura mista in cui le parti animate erano in minoranza. A dire il vero c'erano già stati Il Drago Riluttante e Victory Through Air Power a non esser stati inclusi nella lista dei classici disney (che però sarebbe stata ufficializzata solo con Taron e la Pentola Magica), ma entrambi i film avevano un andamento documentaristico e non raccontavano una vera e propria storia, finendo così per essere velocemente messi da parte. I Racconti dello Zio Tom, invece, acquistò una rilevanza eccezionale nel panorama Disneyano, diventandone in fretta uno dei film più amati i cui personaggi sarebbero stati ripresi molte volte negli anni successivi. Il film, che molti considerano la risposta Disney a Via col Vento, è introdotto dall'omonima canzone Song of the South, ascoltabile nei titoli di testa, ed è ambientato durante la guerra di secessione. Il protagonista è Johnny, un bambino, intepretato dal "solito" Bobby Driscoll, che con la madre viene spedito alla piantagione della nonna materna. Il padre fa il giornalista, è quindi troppo "socialmente impegnato" per ritirarsi nel piccolo angolo di paradiso (paradiso per modo di dire, c'era la schiavitù) in cui vive la suocera, e preferisce invece continuare la propria battaglia ad Atlanta, lontano dalla famiglia. A casa della nonna, Johnny fa amicizia con Ginny, interpretata da Luana Patten, già protagonista di altri film Disney in coppia con Driscoll, e soprattutto con un anziano schiavo di colore pieno di saggezza, lo Zio Remo (James Baskett), tradotto in italiano con Tom per godere dell'assonanza con la celebre capanna.
Sarà proprio questo personaggio che aiuterà il piccolo ad accettare la propria realtà familiare, con una cura a base di fiabe. E' proprio attraverso questi racconti che l'animazione si insinua nel film facendo sfilare un gruppetto di characters di tutto rispetto: Fratel Coniglietto, Compare Orso e Comare Volpe, protagonisti di tre godibilissimi segmenti, incentrati sulla caccia del primo da parte degli altri due.
La morale di ognuno dei tre racconti avrà poi delle ripercussioni sulla trama principale fino al finale, in cui in una scena surreale, i protagonisti stessi finiscono per incontrare Fratel Coniglietto e il resto della fauna presente dei racconti del vecchio Zio Tom.


Il primo dei tre racconti viene narrato dallo Zio Tom a Johnny la sera in cui i due si incontrano. Johnny vorrebbe andarsene di casa per raggiungere il padre e lo Zio Tom, usando la psicologia inversa, gli racconta questa storia proprio per distoglierlo dall'impresa. Il segmento si apre con una sequenza in tecnica mista in cui lo Zio Tom canticchia, immerso in un mondo disegnato, il pezzo che farà vincere al film l'Oscar per la migliore canzone, e che diventerà poi uno degli inni del mondo Disney: Zip-A-Dee-Doo-Dah. L'attenzione si focalizza ben presto su Fratel Coniglietto, un personaggio irriverente e un po' sbruffone che, andatosene di casa finisce ben presto nella trappola di Comare Volpe, riuscendo però a liberarsene sfruttando l'ottusità di Compare Orso, che da adesso in poi diventerà un ulteriore nemico da cui guardarsi.


Fratel Coniglietto e il Pupazzo di Pece
La seconda storia è un po' più lunga della precedente e viene raccontata a Johnny (e a un altro bambino di colore) per consolarlo del fatto che la madre non voglia lasciargli tenere un cagnolino. In questa, i due villain vogliono vendicarsi per quanto accaduto precedentemente e riescono a catturare Fratel Coniglietto facendogli attaccar briga con un pupazzo fatto di pece. Il pezzo è introdotto come l'altro da una breve sequenza musicale How Do You Do?, in cui lo Zio Tom e gli altri abitanti del bosco si lamentano dell'eccessiva spavalderia di Fratel Coniglietto. Dopo la cattura viene lasciato un momento di suspence, interrompendo la narrazione e tornando ai piccoli ascoltatori, che credono che il lieto fine questa volta non ci sia. Ovviamente l'episodio si conclude come l'altro, con un intelligente motto di spirito del protagonista, che ancora una volta riesce a scampare alla morte.


Raccontato questa volta per consolare Johnny e Ginny per una festa andata male, il terzo e ultimo episodio inzia in medias res, ovvero con Fratel Coniglietto catturato e prossimo alla cottura. Lo stratagema per cavarsela questa volta consiste nel far leva sull'animo innocente di Compare Orso, promettendogli di portarlo nel suo Laughing Place, tradotto in italiano con Trastulliolà. Il concetto di Trastulliolà, molto Disneyano, è espresso molto bene nella canzone Everybody Has a Laughing Place canzone che accompagna gran parte dell'episodio, di per sè molto corto.

Come suggerito dal titolo originale, I Racconti dello Zio Tom sia per la qualità dell'animazione sia per la profondità della storia, rimane uno dei film più "caldi" e poetici della filmografia Disneyana. Il suo successo strepitoso consegnò questo terzetto di personaggi verso un avvenire luminoso, che li avrebbe visti protagonisti di tavole domenicali e gradevolissime storie in formato comic book, spesso e volentieri disegnate da un Paul Murry in stato di grazia. Il tema di Zipp-Ah-Dee-Doh-Dah avrebbe poi fatto capolino anche nei cortometraggi Soup's On e Man's Best Friend, mentre Fratel Coniglietto & co. sarebbero ricomparsi in versione animata in Chi Ha Incastrato Roger Rabbit. Ma il successo di questo film sarebbe stato destinato a svanire. Bob Iger, nuovo capo della Disney, ha da poco deciso che questo film NON verrà editato in dvd, a causa dei sui contenuti poco rispettosi verso i neri. E' inutile dire che una scelta così bigotta e sciocca priverà le future generazioni della possibilità di conoscere una delle pagine più gloriose della storia dell'animazione.

da La Tana del Sollazzo
GasGas
clapclap.gif clapclap.gif clapclap.gif clapclap.gif clapclap.gif purtroppo io non ho mai visto questo film cry.gif
Pan
Grandiosa recensione!!!! clapclap.gif
Peccato che difficilmente vedremo questo capolavoro su DVD. sad.gif
belle
CITAZIONE (Pan @ 22/3/2006, 14:02)
Grandiosa recensione!!!! clapclap.gif
Peccato che difficilmente vedremo questo capolavoro su DVD. sad.gif

non dire cosi' Pan... cry.gif cry.gif cry.gif cry.gif

complimenti per la recensione clapclap.gif
veu
Ottima recensione!!!

Come ha detto Grrodon nella recensione, non lo vedremo mai su DVD, l'ha annunciato il nuovo capo della Disney, Robert Iger, al Disney Shareholder Meeting!

Anche noi non abbiamo mai visto questo film!!! cry.gif cry.gif cry.gif
E pensare che c'era la VHS e ce la siamo fatta sfuggire!!!! Che rabbia!!!! Arrabbiato3.gif Arrabbiato3.gif Arrabbiato3.gif
belle
CITAZIONE (penelope @ 22/3/2006, 16:20)
CITAZIONE (GasGas @ 22/3/2006, 13:48)
clapclap.gif  clapclap.gif  clapclap.gif  clapclap.gif  clapclap.gif purtroppo io non ho mai visto questo film cry.gif

Basta che prendi la VHS su ebay.
Non costa tanto. wink.gif

io credo che un film del genere bisogna averlo nella propria collection anche al posto di tanti altri wink.gif
March Hare = Leprotto Bisestile
CITAZIONE (penelope @ 22/3/2006, 17:08)
CITAZIONE (belle @ 22/3/2006, 18:04)
CITAZIONE (penelope @ 22/3/2006, 16:20)
CITAZIONE (GasGas @ 22/3/2006, 13:48)
clapclap.gif  clapclap.gif  clapclap.gif  clapclap.gif  clapclap.gif purtroppo io non ho mai visto questo film cry.gif

Basta che prendi la VHS su ebay.
Non costa tanto. wink.gif

io credo che un film del genere bisogna averlo nella propria collection anche al posto di tanti altri wink.gif

Belle dagli tempo. Appena ha finito di comperare le altre 200 edizioni di Cenerentola che gli mancano poi prende quello. laugh.gif

rofl1.gif rofl1.gif rofl1.gif rofl1.gif rofl1.gif
GasGas
CITAZIONE (March Hare = Leprotto Bisestile @ 22/3/2006, 17:43)
CITAZIONE (penelope @ 22/3/2006, 17:08)
CITAZIONE (belle @ 22/3/2006, 18:04)
CITAZIONE (penelope @ 22/3/2006, 16:20)
CITAZIONE (GasGas @ 22/3/2006, 13:48)
clapclap.gif  clapclap.gif  clapclap.gif  clapclap.gif  clapclap.gif purtroppo io non ho mai visto questo film cry.gif

Basta che prendi la VHS su ebay.
Non costa tanto. wink.gif

io credo che un film del genere bisogna averlo nella propria collection anche al posto di tanti altri wink.gif

Belle dagli tempo. Appena ha finito di comperare le altre 200 edizioni di Cenerentola che gli mancano poi prende quello. laugh.gif

rofl1.gif rofl1.gif rofl1.gif rofl1.gif rofl1.gif

Lingua3.gif Lingua3.gif Lingua3.gif però in effetti tongue.gif
basil
grande film e grande recensione! clapclap.gif clapclap.gif clapclap.gif
March Hare = Leprotto Bisestile
Bella recensione, interessante e approfondita come sempre clapclap.gif clapclap.gif

CITAZIONE
Laughing Place, tradotto in italiano con Trastulliolà

Avevo sempre capito "Trastugliolà", pur cogliendo la derivazione dal verbo "trastullarsi". Grazie
Albe
Splendida recensione! è un film stupendo e per questo mi tengo molto stretto la Vhs... Spero che esca in un futuro (anche se molto lontano cry.gif ) in dvd (o meglio in blue ray laugh.gif )
nunval
Ottima recensione per un grande film che io vidi a cinema, in una arena estiva, nell'estate del 1973.
Nemo
CITAZIONE (nunval @ 5/4/2006, 1:45)
Ottima recensione per un grande film che io vidi a cinema, in una arena estiva, nell'estate del 1973.

wow... che bel ricordo dev'essere...
Arancina22
Finalmente ho visto anch'io il famoso Zio Tom!
Mi è piaciuto molto, anche se abbastanza zuccheroso in certi momenti (su tutti quando il padre torna in città, con tanto di musica strappalacrime in sottofondo). La canzone vincitrice dell'Oscar è orecchiabile e davvero adorabile smile.gif L'animazione è bellissima e curata, una vera delizia. Peccato si sia deciso di mettere nel dimenticatoio un film così di rilievo (si penserebbe che, vincendo appunto un Oscar, il film sia destinato a essere ricordato e preservato... e invece...).
Sapete se è recuperabile il primo doppiaggio? Io l'ho visto col secondo che mi è sembrato comunque molto molto ben fatto wink.gif

Voto: 8,5
Mad Hatter
CITAZIONE (Arancina22 @ 14/8/2014, 14:13) *
Sapete se è recuperabile il primo doppiaggio? Io l'ho visto col secondo che mi è sembrato comunque molto molto ben fatto wink.gif

Innanzitutto son contentissimo che tu abbia visto finalmente il film ^^

Purtroppo il primo doppiaggio è irrecuperabile. Il secondo è tuttavia molto molto buono ma del primo si sono perse le tracce oramai da troppo tempo per sperare in un improvviso ritrovamento sad.gif
Saluto.gif
Scrooge McDuck
Tra l'altro, che io sappia, di Oscar ne ha vinti ben due! Oltre a quello per la miglior canzone anche un oscar speciale per l'interpretazione del protagonista.

Insomma, non proprio un film da dimenticare, verrebbe da pensare!
Capitano Amelia
Finalmente ho trovato un buco di tempo per recensire. tongue.gif
Come film è godibile, però si sente moltissimo che risale a 69 anni fa: il ritmo è troppo lento per i nostri standard attuali e ci sono certe impostazioni di regia e recitazione tipiche dell'epoca. Gli unici attori che ho apprezzato sono stati il piccolo Toby (non ricordo chi sia chi lo interpreta) e James Baskett che consegna un personaggio ben recitato (ho adorato i frangenti in Tom cui "trolla" Jhonny). Sinceramente, Driscoll e Patten li ho trovati un pò troppo leziosetti. A parer mio questo film sembra confermare che l'animazione è migliore rispetto al live-action: dico questo perchè le parti animate non pesavano così tanto della loro anzianità rispetto al resto del film. I racconti sono graziosi però ho preferito decisamente il secondo in cui ho trovato più frangenti che mi hanno fatto ridere rispetto agli altri due. Sinceramente Fratel Coniglietto aveva dei momenti in cui era troppo antipatico e sbruffone ma era ben animato, e ho apprezzato molto di più Comare Volpe come personaggio disegnato; poco azzeccato il design degli animali secondari a parer mio. A parte "Zip-A-Dee-Doo-Dah" le canzoni non le ho gradite tanto, trovandole troppo retrò.

Voto: 7
March Hare = Leprotto Bisestile
CITAZIONE (Capitano Amelia @ 10/6/2015, 15:36) *
Come film è godibile, però si sente moltissimo che risale a 69 anni fa: il ritmo è troppo lento per i nostri standard attuali

Guardo carrettate di film d'epoca anche più vecchi di questo e ti posso assicurare che il problema dello Zio Tom non è il periodo in cui è stato girato, perché molti altre pellicole di quell'era sono assai più belle, svelte e coinvolgenti di questa. È insomma colpa del film se procede zoppicando, non dell'epoca in cui è stato prodotto.
Capitano Amelia
Sarebbe il più vecchio che ho visto se non fosse per "Il grande dittatore" e molti dei successivi che ho visto hanno problemi simili... sleep.gif E si sente anche che è pre-King (più che altro per la scontatezza del fatto che i neri debbono essere schiavi) per quanto venga mostrato un rapporto rispettoso fra i padroni e gli schiavi e Tom che si può permettere di rimproverare i fratelli Favon.
Questa è la versione 'lo-fi' del forum. Per visualizzare la versione completa con molte più informazioni, formattazione ed immagini, per favore clicca qui.