Aiuto - Cerca - Utenti - Calendario
Versione completa: Oceania aka Moana
Disney Digital Forum > * Altri Argomenti * > Recensioni
Pagine: 1, 2, 3
Grrodon
E' vero che il film ha una struttura classicissima, ma in tal caso non mi lamenterei del climax di combattimento con la canzone dato che mi sembra una cosa originale e poco usata.

Quanto a discorsi sul lasciare molto o lasciare poco, non hanno senso. Siamo nella soggettività più totale. Il film è buono, la colonna sonora è pregevolissima, i registi sono quelli di alcuni dei classici più amati, i risultati al botteghino sono alti, e la pellicola si colloca dopo una stringa di uscite che hanno riscosso apprezzamenti da pubblico e critica, divenendo in alcuni casi degli instant classics. Questo non significa che siano sgombri da difetti, che pure ci sono ma che in fin dei conti non precludono nulla, specie di fronte a un pubblico che non si fa troppe pippe mentali. Accettiamo la possibilità di essere invecchiati noi.

Fare i millenaristi è fuori luogo, tantopiù che c'erano gli uccellacci del malaugurio anche all'inizio degli anni 90. E dicevano le stesse cose, solo che all'epoca il problema non era la CGI ma una presunta "giapponesizzazione" (che alla fine era solo colpa di Glen Keane). Con la nostalgia e i paraocchi non si va molto avanti. E che la Disney non è più quella di un tempo lo si dice dall'uscita di Pinocchio.
kekkomon
Ma se nessun classico Disney vi piace più, perché stare su questo forum che si parla di novità?
Logan232
Non credo di rientrare in questa categoria di "millenaristi" o di "gufi a tutti i costi".

Io vado a vedere i film Disney con il massimo dell'apertura mentale e ne vedo sempre pregi e difetti, senza nulla togliere mai al positivo quando analizzo il negativo.

Detto questo, continuo a ritenere che si potrebbe fare meglio.

A me dispiace che non si utilizzi più la vecchia animazione, ma ho almeno 20 film che amo realizzati in quella tecnica che posso rivedermi quando voglio, quindi a me nessuno toglie niente.

Per la CGI mi spiace che si stia piegati alle limitazioni che questa comporta; inoltre, e questo indipendentemente dalla CGI perchè non c'entra niente, che si continui quanto più possibile ad evitare momenti di "dramma" impedendo a questi film di avere più cuore, e sottolineo "più" perchè non è che non ci sia. Il momento in cui la Regina consola il Re affranto prima del lancio delle lanterne in "Rapunzel" o Hiro che si commuove a vedere i video test di Tadashi su Baymax, per me sono momenti di grande cinema che si vedono raramente nel mercato odierno dei film d'animazione. Si potrebbe spingere un pò di più su questa strada e tagliare il superfluo perchè, a mio parere, gli oltre 100 minuti di durata degli ultimi film iniziano a farsi sentire, sopratutto se li si riempie con inutili sequenze d'azione che, alla terza/quarta inserita, lasciano il tempo che trovano.

Io entro in sala sempre pieno di speranza, è che poi c'è sempre qualcosa che non va. E la colpa non è solo mia che sto invecchiando (fatto vero!), ma anche degli Studios che stanno lavorando sempre più con lo stampino (con le dovute differenze qua e là).

Per l'impatto sulle nuove generazioni, io uso come "campione di studio" (diciamo così), le mie nipoti, soprattutto la maggiore che ha 7 anni e quello che noto è che non le resta granchè degli ultimi Disney: lei li vede molto simili ad alcuni film DreamWorks o Blu Sky; avverte invece una differenza maggiore con quelli animati in modo tradizionale. Ovviamente non perchè i film sono in 2D (le ho regalato anche "Anastasia", "Ferngully" o "L'incantesimo del lago"), ma proprio perchè avverte che c'è qualcosa in più. Si emoziona proprio quando vede le scene più intense diciamo di Ariel, Belle o Cenerentola. Con "Frozen" e "Oceania" lei si chiude e rivede 20000 volte le canzoni, solo quelle. Certo, mia nipote NON è l'assoluta media del pubblico infantile odierno della Disney eh, però, invece che sparare a caso, io sfrutto quello che ho sotto gli occhi smile.gif
adrmb
CITAZIONE
E' vero che il film ha una struttura classicissima, ma in tal caso non mi lamenterei del climax di combattimento con la canzone dato che mi sembra una cosa originale e poco usata.

La mia lamentela nasceva dal mio non gradimento verso la dinamica complessiva del combattimento, al di là dell'originalità o meno della tecnica. Ho trovato il tutto eccessivamente frenato e patinato, senza il feeling del "rischio", senza il pathos che non ha permesso alla pellicola di fare quello scatto ulteriore che mi sarei aspettato, diciamo così. Mi è mancata una soluzione più dinamica e incalzante, così è veramente troppo semplicistico anche in una pellicola Disney.
Iago
Visto ieri sera e devo dire che mi trovo perfettamente d'accordo con logan232, ma proprio con tutto ciò che ha scritto.
Grrodon
Io sinceramente non ricordo di aver visto nella filmografia WDAS tanti esempi di combattimenti con mostri titanici... che tralaltro non si muovono al rallenty per tutto il tempo.

A me l'immagine di Te-Ka che si agita e sfreccia gattonando verso Moana ha inquietato, ad esempio.
Colosso
Non scherziamo, di combattimenti e di climax come quello di Oceania se ne sono visti ben pochi nella storia.
Ok, manca il cattivo come figura onnipresente che complotta e ha un ruolo fondamentale nella trama, ma lamentarsi dello scontro finale è pretestuoso.
E anche io preferisco i film in 2D non una ma milioni di volte, non quelli del Rinascimento ma proprio i primi dell'epoca Walt.
theprinceisonfire
CITAZIONE (Logan232 @ 2/1/2017, 15:57) *
Non credo di rientrare in questa categoria di "millenaristi" o di "gufi a tutti i costi".

Io vado a vedere i film Disney con il massimo dell'apertura mentale e ne vedo sempre pregi e difetti, senza nulla togliere mai al positivo quando analizzo il negativo.

Detto questo, continuo a ritenere che si potrebbe fare meglio.

Io entro in sala sempre pieno di speranza, è che poi c'è sempre qualcosa che non va. E la colpa non è solo mia che sto invecchiando (fatto vero!), ma anche degli Studios che stanno lavorando sempre più con lo stampino (con le dovute differenze qua e là).

Ho letto la tua recensione e mi trovo d'accordo con quanto hai scritto, e parimenti mi identifico in quanto da te espresso poc'anzi e da me qui riportato.
Vorrei aggiungere una breve considerazione su Rapunzel, che ho sempre difeso come il mio classico preferito fra quelli dell'epoca "revival"(lo preferisco di gran lunga a Frozen), ma che con le lenti del tempo ho scoperto essere molto più fragile di quanto non ricordassi.
Non mi stupisce che abbia ottenuto il maggiore consenso in termini di ascolti sulla Rai, in quanto ritengo che fra tutti sia il film con più "cuore"; tuttavia risente di un'alternanza di toni e registri che si mescolano peggio che in Frozen o Oceania, e , anche l'umorismo stride particolarmente , e maggiormente, con le intenzioni della storia e dei personaggi.
Inoltre, ci lamentiamo di adattamento e testi, ma Rapunzel è pessimo anche nel doppiaggio, la Chiatti per me è a tratti inascoltabile!

CITAZIONE (Grrodon @ 2/1/2017, 15:23) *
i risultati al botteghino sono alti

I risultati non sono alti neanche per niente. A meno che non ci stiamo riferendo al B.O. Italiano, si intende. A livello commerciale Moana è più verso il flop che verso il successo.Finirà la sua corsa internazionale fra i 500 e i 600 milioni di dollari, e solo una volta superati i 500 avrà ricoperto le spese. Dory ,Zootropolis e Pets (e Kung Fu Panda 3 nel mercato internazionale) sono i successi di quest anno per l'animazione.
La Disney si aspettava un incasso globale superiore agli 800 milioni, avendone investiti all'incirca 250 fra produzione e marketing. Se il Giappone e la corea del sud( e l'Argentina e il Brasile in minore misura) non dovessero accogliere bene il film, e quindi portare l'incasso sotto i 500, andrebbero addirittura in rosso.
Rowena84
A me la "battaglia" finale con la cattiva è piaciuta, molto poetica e, come dice Grrodon, a tratti inquietante ( Te ka che gattona verso Moana mi ha ricordato scene da Coraline). Anche il comparto grafico è di tutto rispetto, le immagini promozionali ci avevano ingannato e Moana non mi è sembrata Rapunzel abbronzata.
Peccato per la storia che poteva dare di più, come dice Gazelle in Zootropolis "Birds don't just fly They fall down and get up Nobody learns without getting it wrong"
L'eroismo si vede in un personaggio che cade a più riprese ma alla fine la spunta, il sentiero di Moana mi è sembrato troppo facile da percorrere.
LucaDopp
CITAZIONE (Logan232 @ 1/1/2017, 20:35) *
Gli attuali animatori CGI invece sono persone che lavorano e studiano tanto, ma sono giustamente "mercenari" che vanno a lavorare dovunque si produca animazione CGI, non avendo a cuore nessun metodo di lavoro o scuola Disney, ma limitandosi a realizzare cartoni animati su commissione.

I supervisori all'animazione del film lavorano solo alla Disney da alcuni anni. Il punto è che, a differenza dei loro predecessori (lo zoccolo duro, almeno), non hanno ricevuto alcuna formazione da parte di artisti precedenti dello studio. Quindi ci vorranno diversi anni perché si instauri una tradizione CGI alla Disney.

Comunque non si possono sentire nel 2017 i soliti luoghi comuni sul fatto che gli altri studi d'animazione fanno solo commedia. C'è più dramma nel dittico di Dragon Trainer che in tutti i film Disney degli ultimi 10 anni.
kekkomon
CITAZIONE (LucaDopp @ 3/1/2017, 16:59) *
Comunque non si possono sentire nel 2017 i soliti luoghi comuni sul fatto che gli altri studi d'animazione fanno solo commedia. C'è più dramma nel dittico di Dragon Trainer che in tutti i film Disney degli ultimi 10 anni.

No Maria io esco... post-6-1111346575.gif
Bristow
CITAZIONE (kekkomon @ 2/1/2017, 14:47) *
Ma se nessun classico Disney vi piace più, perché stare su questo forum che si parla di novità?

Eh già, lasciamo spazio a tutti gli altri così ve la cantate e suonate da soli... vi piacerebbe dry.gif dry.gif
Invece è bene confrontarsi e non dire che va tutto bene (come pretende ormai la maggior parte dei fan disney).
Almeno io ammetto che alcuni classici in CGI mi piacciono e non che tutto è oro...
Qui con Moana il problema non è (solo) la CGI (che comunque non ha ancora lo spessore artistico di un disegno a mano), ma il film che ha molte pecche (almeno a mio parere..i).
Storia che poco ha di originale, protagonisti soliti maschio-femmina che litigano e poi si trovano, gag tirate e personaggi inutili e dimenticabili (come il pollo stupido o il Granchio gigante...).
Nulla di memorabile (a parte arrangiamenti e ambienti forse).
Poi ad altri sarà piaciuto, bene, ma lasciateci la libertà di critica.
LucaDopp
CITAZIONE (kekkomon @ 3/1/2017, 17:17) *
No Maria io esco... post-6-1111346575.gif

Se recentemente i WDAS hanno prodotto film in cui sono presenti elementi emotivamente analoghi a Hiccup che perde un arto e/o il padre, sei pregato di farmeli notare perché io non li ho trovati. E non mi riferisco a ciò che succede in Frozen e Big Hero 6 dove i presunti drammi servono solo a mettere in moto la storia.
Grrodon
Occhio però, che il dramma di BH6 non succede subito, ma dopo una bella fettina di film, il tempo di farti fidelizzare. Quindi ha impatto.

Ah cmq qualcuno mi spieghi perché Tamatoa non va bene però invece il cuoco Louis invece sì. tongue.gif
Daydreamer
CITAZIONE (Grrodon @ 3/1/2017, 19:55) *
Occhio però, che il dramma di BH6 non succede subito, ma dopo una bella fettina di film, il tempo di farti fidelizzare. Quindi ha impatto.

La dipartita di xxxxxx era mooolto telefonata...La menomazione di Hiccup è stata invece un bel coup de theatre e ha preso tutti di sorpresa.
LucaDopp
CITAZIONE (Grrodon @ 3/1/2017, 19:55) *
Occhio però, che il dramma di BH6 non succede subito, ma dopo una bella fettina di film, il tempo di farti fidelizzare. Quindi ha impatto.

D'accordo, ma comunque meno di quanto ne ha la morte di Stoick che ha un ruolo rilevante in un film e mezzo, tre corti e due stagioni di una serie TV. Un po' come se fossero morti Tritone o il Genio...
Alex09
Visto ieri pomeriggio con sala strapiena! Mi è piaciuto molto ma dai trailer e dalle premesse, speravo in qualcosa di più ''serio'' e meno commediola-avventurosa. L'inizio è una bomba, le canzoni e le atmosfere mi hanno fatto respirare l'aria della Polinesia, poi però dopo l'incontro con Maui, si perde un pò con cose già viste e passaggi non così fondamentali. Anche la sceneggiatura bazzica un pò, non so sembra che in alcune parti dovessero per forza dire un determinata cosa, in un determinato lasso di tempo (confidarsi, riappacificarsi ecc...) ma ce la buttano così in fretta e così semplificata che non esprime al massimo il suo potenziale. Nel finale comunque si riprende dando un bel messaggio a mio avviso. Le canzoni e gli arrangiamenti sono davvero fantastici, nel classico stile del Rinascimento, e devo ammettere che in alcune parti mi ha davvero emozionato. Si perchè il film mostra i muscoli sul fattore emotivo qui, cosa che non ho sentito molto in Zootropolis ad esempio. Credo che Oceania e Zootropolis abbiano entrambi quello che manca all'altro: il primo manca forse di una sceneggiatura più adulta e qualche chicca di originalità, mentre il secondo manca un pò troppo di emozione e dramma. Tuttavia per me il film è promosso anche se confido che in futuro cambino il tema del viaggio uomo-donna che ormai è davvero troppo abusato e ci ridiano un vero antagonista a tutto tondo che non salta fuori gli ultimi 15 minuti!
Rowena84
Per me Zootropolis è molto più drammatico di Moana. Il film non ha paura di farci vedere Judy sfregiata da un bullo, trattata da scema al lavoro, disperata all'idea di perdere un amico o che sembra veramente finire uccisa da Nick. E vedere Nick bambino che piange in un angolo dopo essersi strappato la museruola fa molto più effetto del frettoloso raccontino di Maui.
Però effettivamente Moana ha una cosa in più: le canzoni CAVOLO ! Una cosa che dà al film automaticamente 2 punti in più, e davvero non capisco perchè rinunciare a questi clamorosi gol a porta vuota per il pubblico, solo perchè non è un film di principesse!
kekkomon
CITAZIONE (Grrodon @ 3/1/2017, 19:55) *
Ah cmq qualcuno mi spieghi perché Tamatoa non va bene però invece il cuoco Louis invece sì. tongue.gif

Perchééé la Sirenetta è 2D!
caninlegend
Anche io credo di preferire Tomatoa a Louis.
Scrooge McDuck
Finalmente sono riuscito a vederlo, e finalmente riesco a buttar giù due righe.

Parto subito col dire che mi è piaciuto, e non poco.
Ovvio, la prima e unica visione spesso mi condiziona nel giudizio e un film lo valuto in maniera definitiva (in bene o in male) solo alla sua 3/4 visione in bluray, però credo di poter dire che Oceania mi sia piaciuto tanto quanto le ultime fiabe dei WDAS. Forse solo Rapunzel mi è piaciuto di più, al momento l'unico film Disney princess che Vaiana non ha surclassato prima dei dovuti rewatch.

Le cose che ho letteralmente adorato in questo film sono stati senza dubbio gli sfondi, vero tallone d'Achille in Frozen, la grafica in generale dei personaggi, e anche la musica (gli stessi adattamenti in italiano non li ho trovati così terribili come in Frozen). In generale ho l'impressione che questo film, per il tipo di immagini e colori che ci propone, invecchierà meglio di Rapunzel e Frozen.
Moana e Maui sono bellissimi (le critiche pretestuose sulla bruttezza di Maui erano davvero inutili, come dico sempre prima di lamentarsi di qualcosa bisogna vedere il film).

Adoro moltissimo quest'importanza del rapporto con i nonni che si ha nell'ultimo periodo nei film d'animazione, si vede quanto i tempi stanno cambiando e quanto i bambini di oggi passino più tempo coi nonni che coi genitori. E riguardo alla nonna mi ricollego a un'altra famosa nonna animata di un film che per me ha moltissime similitudini con Moana: Nonna Salice di Pocahontas. Anche qui è la nonna che la guida verso il suo futuro e ricopre il ruolo di vecchio saggio nel viaggio dell'eroe della nostra protagonista; le scene iniziali in cui ci viene mostrata la vita nel villaggio sembravano le stesse di Pocahontas e il fatto stesso che sia lei, la figlia del capo, a combattere contro tutto e tutti per mantenere la vita della sua comunità mi è sembrato un riferimento velato a una principessa Disney scura di carnagione come Vaiana.
Non posso poi non menzionare l'occhio lucido che mi è venuto nel momento in cui il viaggio in mare si fa concreto, Moana si appresta a navigare verso la sua riscossa e immediatamente il ricordo mi è balzato a Jim del Pianeta del Tesoro, quel piccolo capolavoro firmato anch'esso dal magico duo. Vabbè, similitudine che forse ho voluto vederci io a tutti i costi tongue.gif

Scena finale davvero epica, così come numerosi momenti: la prima volta che Moana lascia la spiaggia, in un dialogo col padre che a me ha ricordato tanti riferimenti all'opera Il Delfino di Sergio Bambarén, l'animazione dei tatuaggi di Maui, la nonna trasformata in manta che guida la nipote, l'oceano che interagisce con la protagonista, specialmente la prima volta. Un film il cui equilibrio ho trovato ben dosato dall'inizio alla fine senza pesantezza, lentezze e momenti morti vari.

Unica cosa che non mi è piaciuta è stata la scena col granchio, occasione sfruttata male secondo me. In un'isola che sembrava uscita dai viaggi omerici di Ulisse ritrovarci l'ennesimo pseudo antagonista che ci infila la canzone e che viene eliminato in maniera abbastanza idiota mi ha fatto roteare un po' gli occhi in aria. Anche il design della sua tana l'ho trovato proprio brutto.
Anche i pirati/noci di cocco, sebbene ho trovato l'idea carina, si avverte che non sono pericolosi e in generale il viaggio di Moana sembra abbastanza privo di rischi (pur avendo dalla sua l'oceano che la aiuta non si ritrova mai in vero pericolo fino allo scontro finale).

A parte queste cose, il film m'è piaciuto moltissimo. Sicuramente questo è l'anno di Zootropolis, ma la Disney ha saputo organizzare in maniera ottima i suoi reparti per poter far uscire al cinema due film come questi in un solo anno, quindi davvero complimenti.

Toto Oscar: temo che Moana ne uscirà comunque a bocca asciutta. Prevedo che l'oscar per il film d'animazione andrà a Zootropolis (se rimarrà in casa Disney), mentre quello per le musiche al 99% a La La Land...
adrmb
CITAZIONE (Grrodon @ 3/1/2017, 19:55) *
Ah cmq qualcuno mi spieghi perché Tamatoa non va bene però invece il cuoco Louis invece sì. tongue.gif

Lui mai digerito esattevolmente come i cacciatori di rane in Tiana lol
brigo
Visto anche io. Dovendo leggere i commenti cercando di fare slalom tra gli spoiler "cominciavo a sentirmi escluso" (cit.).
Non mi dilungo troppo, si è detto tanto- forse tutto- ed anche roba superflua (disamine di adattamento titolo, cambio nome protagonista e robe simili).

Mi è piaciuto: ho respirato aria di casa. Ma a quasi 32 anni diverte tornare indietro una volta ogni tanto, non sempre: per questo reputo "Zootropolis" il miglior WDAS dal 2010 (quando- guarda caso- ci fu un altro ritorno alle origini). Non ho ascoltato le canzoni in inglese, pecca mia, ma proprio perché scevro da qualsivoglia paragone non sono rimasto così tanto scandalizzato. Anzi, per niente. Magari ascoltandole in lingua originale mi ricrederò, ma non c'è fretta, o forse non lo farò mai.
Ciò che mi ha stupito maggiormente dell'intera pellicola è che non riesco a pensarla completamente in 2D. E credo che in animazione a mano non mi sarebbe piaciuta tanto quanto in CGI. Lapidatemi, ma la penso così. "Oceania" è proprio bello da vedere così com'è.
Al contrario di quanto mi aspettassi da quei mattacchioni di Musker & Clements, ci son stati momenti da sbrilluccicamento degli occhi (morte della nonna con tanto di mano nella mano, e la formazione del tatuaggio di Maui raffigurante Moana, o Vaiana- insomma LEI!).
Altra cosa che reputo estremamente positiva: pochi talent e tutto sommato buoni. Mica poco!

In breve, non il mio WDAS preferito degli ultimi tempi, ma Burbank ci ha abituati così bene che quando ci troviamo di fronte ad un film 'solo' bello, ci sembra quasi di aver visto un prodotto inferiore rispetto a quanto sia effettivamente. Avercene, di film così!

EDIT: e vai con pagina 4! biggrin.gif
Scissorhands
Ora che mi hanno pubblicato la recensione posso finalmente postarvela.
Enjoy wink.gif

http://www.spietati.it/z_scheda_dett_film.asp?idFilm=5988
*marta*
Io non so come si possa fare il paragone tra il cuoco Louie e Tamatoa blink.gif ma davvero? Quella scena del cuoco e la sua canzone per me sono mitiche.. Tamatoa l'ho trovato inutile e brutto come personaggio, la canzone non si poteva sentire, ma non per la traduzione, era davvero brutta dalle parole alla musica..tutta quella parte del film è quella che mi è piaciuta meno e parlando con altre persone mi sono sentita dire "peccato per la parte del granchio"..poi certo, è un piccolo campione statistico e nulla più! Personalmente è l'unica parte del film Oceania che non mi è piaciuta.. e poi te lo piazzano pure nella scena post titoli di coda. Ci sono rimasta malissimo. not.gif
Scrooge McDuck
CITAZIONE (*marta* @ 5/1/2017, 0:45) *
Io non so come si possa fare il paragone tra il cuoco Louie e Tamatoa blink.gif ma davvero? Quella scena del cuoco e la sua canzone per me sono mitiche.. Tamatoa l'ho trovato inutile e brutto come personaggio, la canzone non si poteva sentire, ma non per la traduzione, era davvero brutta dalle parole alla musica..tutta quella parte del film è quella che mi è piaciuta meno e parlando con altre persone mi sono sentita dire "peccato per la parte del granchio"..poi certo, è un piccolo campione statistico e nulla più! Personalmente è l'unica parte del film Oceania che non mi è piaciuta.. e poi te lo piazzano pure nella scena post titoli di coda. Ci sono rimasta malissimo. not.gif

Ti posso rispondere che a me, a cui non è affatto piaciuta la scena in Moana, quella della Sirenetta è la scena che detesto di più in assoluto del film, che proprio eliminerei dal film. Quindi sì, il paragone ce lo vedo eccome. tongue.gif
Fulvio84
CITAZIONE (Scrooge McDuck @ 5/1/2017, 10:19) *
Ti posso rispondere che a me, a cui non è affatto piaciuta la scena in Moana, quella della Sirenetta è la scena che detesto di più in assoluto del film, che proprio eliminerei dal film. Quindi sì, il paragone ce lo vedo eccome tongue.gif

Mi accodo.
Adoro La Sirenetta ma la scena del Cooco e Sebastian l'ho sempre odiata, la passo sempre avanti...

CITAZIONE (Scissorhands @ 4/1/2017, 23:52) *
Ora che mi hanno pubblicato la recensione posso finalmente postarvela.
Enjoy wink.gif

http://www.spietati.it/z_scheda_dett_film.asp?idFilm=5988

All'inizio nella trama la chiami Ocenania invece di Vaiana. biggrin.gif
IryRapunzel
A me invece fanno crepare dal ridere sia Tamatoa che il cuoco. eheheh.gif
brigo
CITAZIONE (*marta* @ 5/1/2017, 0:45) *
Io non so come si possa fare il paragone tra il cuoco Louie e Tamatoa blink.gif ma davvero? Quella scena del cuoco e la sua canzone per me sono mitiche.. Tamatoa l'ho trovato inutile e brutto come personaggio, la canzone non si poteva sentire, ma non per la traduzione, era davvero brutta dalle parole alla musica..tutta quella parte del film è quella che mi è piaciuta meno e parlando con altre persone mi sono sentita dire "peccato per la parte del granchio"..poi certo, è un piccolo campione statistico e nulla più! Personalmente è l'unica parte del film Oceania che non mi è piaciuta.. e poi te lo piazzano pure nella scena post titoli di coda. Ci sono rimasta malissimo. not.gif

La parte alla fine dei titoli di coda è esattamente la risposta a questo tipo di commento.
*marta*
CITAZIONE (brigo @ 5/1/2017, 15:40) *
La parte alla fine dei titoli di coda è esattamente la risposta a questo tipo di commento.

Bhe io ti posso dire che alla fine la gente, me compresa, ha aspettato per quella scena e tutti si sono lamentati.. per lo meno nella mia sala, e mentre uscivo nel corridoio continuavo a sentire gente che anche con linguaggio molto colorito ha detto "siamo rimasti per vedere quel c**** di granchio"
Possibile che solo io sto parlando di continuo con gente a cui la sua scena non è piaciuta? eheheh.gif
Io mi lamento di questa parte di Tamatoa perché in genere non mi capita quasi mai di apprezzare tanto un film però di non sopportate un pezzo in particolare. Per quello ho sottolineato questo fatto.. è come se lo trovassi estraneo al film, forse non riesco neanche a spiegarmi bene. Trovo che ci si incolli male, che stoni con tutto il resto che invece mi pare pregevole.. però pace eh, non è che se non piace a me non deve piacere agli altri.
Ho giusto ricommentato quando ho visto il paragone con Louie che personalmente mi è sempre piaciuto, a me faceva ridere.. de gustibus.
brigo
Ho citato il tuo commento, Marta, perché era l'ultimo in cui ci si riferiva al granchio non piaciuto; non era un attacco, specialmente nei confronti della tua opinione. E ci sta che altri possano pensarla cosìsmile.gif
Ciò che cercavo di dire, è che spesso alcune cose ci sembrano più riuscite, o 'legittime', perché assorbite e assimilate in età molto giovane (per alcuni anche prescolare). Al di là del fatto che la scena, la canzone, l'animazione, il doppiaggio del granchio Tamatoa possa non piacere, mi sembra che il confronto con il cuoco Louis de La Sirenetta sia perfettamente calzante: in entrambi i casi si parla di numero musicale a metà film; in entrambi i casi il cattivo di turno nella canzone parla di se stesso, presentandosi al personaggio protagonista e quindi al pubblico; inoltre sono semplici e brevissime parentesi, riprese nel finale di entrambi i film solo per cercare di dargli un po' di senso in più; in entrambi i casi la scena è una lotta fra un personaggio protagonista (dalla parte dei buoni) e un personaggio che fa ostruzione. Dirò di più: il cuoco Louis e lo scontro con Sebastian non porta minimamente alcun apporto alla trama del film, mentre lo scontro con il granchio Tamatoa è propedeutico al recupero di uno strumento che si rivelerà molto importante (anche se non fondamentale) ai fini della trama di Oceania.
Ma spesso la scena del cuoco piace. Tamatoa e la sua parentesi vengono invece mal sopportati.
La mia teoria è che una simile scena di passaggio sia più facilmente 'accettabile' se fruita fin da giovanissima età, fino a diventare parte integrante del film senza nessuna forzatura di scrittura. Spesso mi è capitato di diventare più critico, con l'età adulta, nei confronti di certi film Disney d'animazione, e ci sono delle scene che sinceramente io non avrei mai inserito, o le avrei inserite diversamente. Ma non saprei immaginarmi i film senza quelle scene, pur nella loro imperfezione. Quindi, per me, se va bene l'uno, va bene anche l'altro.

Immagino che forse Musker e Clements si aspettassero un confronto con Sebastian e per questo hanno inserito quella scena dopo i titoli di coda: in fin dei conti non è una lotta fra Sebastian e Tamatoa, ma una lotta fra vecchio e nuovo, fra tradizione e innovazione, fra nostalgia e attualità. Mettici anche che Sebastian è un buono, mentre Tamatoa è cattivo...
*marta*
Ora ho capito meglio cosa vuoi dire Brigo, la tua analisi è molto interessante. Quello che dici potrebbe essere vero, diciamo che nel mio caso specifico la scena del cuoco, pur essendo distante dalla trama generale, mi piace perché mi fa ridere. L'ho sempre trovata simpatica e adoro la canzone. Di Tamatoa non mi piace neanche il pezzo musicale, ma questo ovviamente è un mio gusto, tant'è che su YouTube ho letto molto commenti invece di altri a cui piace la canzone.. quindi qua siamo nel gusto musicale personale che cambia da persona a persona.
Grrodon
E' gusto personale, ma è anche nostalgia irrazionale.

Io Tamatoa probabilmente lo adoro anche più del cuoco, e per vari motivi.

Tanto per cominciare, la scena HA senso. Serve a recuperare l'amo, serve a introdurre il passato di Maui rendendocelo finalmente vulnerabile e serve a unire i due protagonisti. E non è certo poco.

E poi sì, la scena è bizzarra. E qui non bisogna assolutamente dimenticare il background formativo dei registi, il tipo di estetica cartoon con cui saranno cresciuti, il tipo di Disney che hanno amato e assorbito. Hanno certamente mosso i loro primi passi in epoca xerox, dove l'andazzo era prevalentamente umoristico. E in cui i film erano costruiti proprio sugli incontri con animali stravaganti, che si susseguivano a mo' di scaletta. Perché difatto questo era Disney, e disconoscerlo significa semplicemente ignorare Disney, o quantomeno una sua parte consistente. Loro lo spirito Disney se lo sono respirato al 100%, in tutte le loro componenti, e sono quindi quelli più "titolati" a mostrarcene uno spaccato.

Ma oltre a tutto questo, la scena è ben fatta di per sé. La musica è ipnotica, l'idea di farli combattere mentre lui canta è indovinata, le luci, i colori, la sua danza ondeggiante e il suo girare su sé stesso come se fosse una giostra, la fase fosforescente. C'è creatività, c'è tradizione e c'è cinema. Quello vero, quello che decide lui quello che devi vedere, non lo decidi tu, anche a costo di lasciarti perplesso. Perché è lui a doversi esprimere, non lo spettatore a dover sindacare. E in questo piccolo atto di "prepotenza" troviamo l'abisso che distingue l'arte dal fanservice.

Ma sono sensibilità che col tempo stiamo perdendo, temo. E con esse anche la giusta prospettiva su 90 anni di animazione disneyana. Motivo per cui probabilmente di questi guizzi di follia purtroppo ne vedremo sempre meno, adeguandoci invece a nuovi modelli di intrattenimento più rassicuranti.
Rowena84
Anch'io riflettevo sul fatto che un bambino che vede Moana avrà la stessa reazione di quando da piccola vedevo il libro della giungla: un film che ricordavo bellissimo per le canzoni, i disegni, gli animali, le atmosfere esotiche, però a rivederlo da grande mi accorgo che la trama non era sto granchè.
Per me il granchio che canta è una scena 'so bad it's good', un trip da acido fatto per farti esclamare "machec****?"
caninlegend
A me la scena di Tomatoa é piaciuta proprio per le trovate visive geniali e psichedeliche.

Hai letto il mio commento Rowena? La pensiamo uguale, ma il mio é piú lungo.
winnie & pimpi
CITAZIONE (brigo @ 5/1/2017, 22:18) *
Ciò che cercavo di dire, è che spesso alcune cose ci sembrano più riuscite, o 'legittime', perché assorbite e assimilate in età molto giovane (per alcuni anche prescolare). Al di là del fatto che la scena, la canzone, l'animazione, il doppiaggio del granchio Tamatoa possa non piacere, mi sembra che il confronto con il cuoco Louis de La Sirenetta sia perfettamente calzante: in entrambi i casi si parla di numero musicale a metà film; in entrambi i casi il cattivo di turno nella canzone parla di se stesso, presentandosi al personaggio protagonista e quindi al pubblico; inoltre sono semplici e brevissime parentesi, riprese nel finale di entrambi i film solo per cercare di dargli un po' di senso in più; in entrambi i casi la scena è una lotta fra un personaggio protagonista (dalla parte dei buoni) e un personaggio che fa ostruzione. Dirò di più: il cuoco Louis e lo scontro con Sebastian non porta minimamente alcun apporto alla trama del film, mentre lo scontro con il granchio Tamatoa è propedeutico al recupero di uno strumento che si rivelerà molto importante (anche se non fondamentale) ai fini della trama di Oceania.
Ma spesso la scena del cuoco piace. Tamatoa e la sua parentesi vengono invece mal sopportati.
La mia teoria è che una simile scena di passaggio sia più facilmente 'accettabile' se fruita fin da giovanissima età, fino a diventare parte integrante del film senza nessuna forzatura di scrittura. Spesso mi è capitato di diventare più critico, con l'età adulta, nei confronti di certi film Disney d'animazione, e ci sono delle scene che sinceramente io non avrei mai inserito, o le avrei inserite diversamente. Ma non saprei immaginarmi i film senza quelle scene, pur nella loro imperfezione. Quindi, per me, se va bene l'uno, va bene anche l'altro.

Immagino che forse Musker e Clements si aspettassero un confronto con Sebastian e per questo hanno inserito quella scena dopo i titoli di coda: in fin dei conti non è una lotta fra Sebastian e Tamatoa, ma una lotta fra vecchio e nuovo, fra tradizione e innovazione, fra nostalgia e attualità. Mettici anche che Sebastian è un buono, mentre Tamatoa è cattivo...

Non sono d'accordo sul fatto che la scena del cuoco sia inutile. Serve da controparte ad Ariel, mentre per lei il mondo degli umani è tutto rosa e fiori, per Sebastian è un incubo. Le loro scene infatti vengono abilmente messe in parallelo; mentre Ariel fa il bagno servita come una principessa, Sebastian viene torturato dalle lavandaie, mentre Ariel è invitata a cena, Sebastian è la cena! Questo contrasto è, a mio parere, molto riuscito e divertente. Porta inoltre avanti le visioni opposte sugli umani di Ariel e di Re Tritone, perchè, in fondo, Sebastian fa da secondo padre.

A proposito, avete notato che, quando Moana si giustifica per aver tirato il pugno a Maui, fa gli stessi identici gesti del cuoco quando si giustifica per aver distrutto la cucina?

A me la scena di Tamatoa ha ricordato di più la caverna della meraviglie di Aladdin, solo che qua Moana deve recuperare un amo al posto della lampada.
Capitano Amelia
Ora io "Moana" l'ho visto giorni fa (il 28) ma non starò a commentare per il momento perchè ho una marea di roba da fare, ma conto di esprimere il mio parere personale a giorni se tutto va bene. Però sto scrivendo per dire, in un certo senso, la mia sulla questione Louis/Tamatoa perchè ho una cosa da confessare... Entrambi i personaggi mi piacciono, li trovo divertenti nei loro modi di fare e non li trovo così stonati nell'inserimento delle loro storie; inoltre hanno in comune il fatto che cantano una canzone "sadica" (Louis parla di cucinare pesci, il granchio di ammazzare Maui), elemento che non rende forzato il loro accostamento. Però dei due personaggi io trovo migliore la canzone di Tamatoa che mi sono resa conto di amare, sopratutto nella versione originale con il suo motivetto un pò ipnotico, con la voce di Jemaine Clement e con il testo in qualche punto sadico al punto giusto. Invece "Le poisson" non l'ho mai potuta sopportare: con la melodia nessun problema anche se è la versione 1.0 della ben più bella "Stia con noi". Di questo brano non mi è mai piaciuto, paradossalmente, il sadismo che qua è invece incentrato su quali procedure esegue il cuoco per preparare il pesce e confesso che le immagini che mi propone il testo mi hanno sempre creato un pò di disgusto, so che potrà apparire strano ma è quello che mi provoca... L'unico punto che mi piace è quando si cita Maurice Chevalier, omaggio ad un attore legato a due film Disney.
Bristow
CITAZIONE (*marta* @ 5/1/2017, 0:45) *
Io non so come si possa fare il paragone tra il cuoco Louie e Tamatoa blink.gif ma davvero? Quella scena del cuoco e la sua canzone per me sono mitiche.. Tamatoa l'ho trovato inutile e brutto come personaggio, la canzone non si poteva sentire

Infatti... la scena col cuoco Louie è da antalogia: un granchio che si ritrova in una cucina dove vede ammazzare e ripulire quelli "come lui"... eheheh.gif
Qui in Moana è una scena alquanto inutile: il personaggio dovrebbe essere un "cattivo" e fare da ostacolo invece è ridicolo e la canzone pessima come lui. Un momento che stona tantissimo (quasi quanto i Troll in Frozen... dry.gif ).
Inoltre il paragone tra le due scene cozza dato che la scena con Louie è fatta solo con Sebastian, personaggio SECONDARIO e quindi spalla anche comica (se vogliamo), qui invece con due protagonisti... vedere che canta e gioca con loro è davvero stonato... wacko.gif wacko.gif

chipko
Non ho letto, come d'abitudine i commenti precedenti onde non farmi influenziare, e, sempre come mia abitudine, recensisco il classico dopo l'onda iniziale.

A me il film non è piaciuto.
Per carità l'animazione è bella, ma il contenuto?

Due gli unici spunti salvabili e drammatici di questo film (peccato che poi siano lasciati sullo sfondo)

- La morte dell'amico del padre di Vaiana.
- L'abbandono di Mawi da parte dei suoi genitori.

Il primo poteva essere buono, peccato che l'abbiano utilizzato solo per drammatizzare e dare un senso al timore del padre del mare, il che, alla fin fine, risulta un po' appiccicato. Il padre di Vaiana risulta essere un Tritone al contrario

Il secondo era invece molto buono, quando è arrivato ho pensato "forse ci siamo e il film inizierà a dire qualche cosa", e invece niente era solo un altro momento drammatico in un film che non ha né capo né coda (ora capisco perché alcuni quotidiani avevano stroncato Oceania).

Il tutto, preso singolarmente, frammento per frammento, funziona anche, poi guardi l'insieme e ti chiedi il senso.

Alla fine Vaiana che fa?
Esclusa una singola azione (il trucco dell'alga luccicante) è quasi irrilevante ai fini della trama, lei non fa assolutamente niente, è l'oceano che la porta da Mawi, è l'oceano che l'aiuta ad imporsi a Maui (senza l'oceano non avrebbe nemmeno raggiunto la barca) , È TE-KA CHE COME UN AGNELLINO VA DA LEI PER FARSI RIDARE IL CUORE.
Vaiana è una dolce ed esuberante ragazzina, per certi versi anche molto umile (il che la rende sicuramente simpatica).

Maui che senso ha?
Non aveva un posto prima e pare non averlo nemmeno dopo. È forse il personaggio più interessante ma rimane abbozzato e non segue un vero e proprio sviluppo. Alla fine se ne va, quindi rimane solo esattamente come lo era all'inzio, mi aspettavo che almeno tornasse al villaggio con Vaiana. Lui ruba il cuore per essere amato dagli uomini, ma alla fine non si vede una sua accettazione da parte degli uomini.

Tutto è abbozzato, tutto è chiaroscurale, la trama sembra un pretesto per far vedere delle belle immagini (in questo senso il film è sicuramente un degno rappresentante del nostro tempo, prendi qualcosa di drammitico, prendi qualcosa di nobile, e poi tanti bei disegni, tanti wow).

Colonna sonora a dir poco orribile, l'unico pezzo che ho apprezzato è quello dove cantano nel loro idioma.

Un filmetto: tanto wow (dovuto all'animazione), molte gag (incentrate su un pollo assolutamente inutile e appiccicato anch'esso), due momenti lacrima. È un film atto a suscitare un mero rimbalzo emozionale (un po' come uomini e donne o quei programmi tipici del reality show).
Capitano Amelia
Era dal 2009 che la coppia Musker/Clements non dirigeva un film e mi ha fatto piacere vedere che anche nel loro cambio di tecnica non hanno tradito il loro stile, ricco di leggerezza e comicità (d'altronde parliamo di coloro che da elementi come una donna che fa un patto con il diavolo e un uomo che desidera divenire immortale ne hanno tratto un film comico). Per quanto ritenga che il loro apice lo abbiano toccato con quei due Classici estremamente sottovalutati che sono "Il pianeta del tesoro" e "La principessa e il ranocchio", anche questo "Moana" si ascrive alla perfezione allo stile dei film di Ron e John, trattandosi di una scanzonata storia di formazione in cui stavolta la protagonista si ritrova ad affrontare un viaggio che la porta ad interrogarsi su chi sia davvero sè stessa, scissa com'è fra il desiderio di responsabilità e quello di irresponsabilità. Tematiche in realtà già affrontate in altri Classici a dir la verità, qui non c'è la stessa innovazione di "Zootopia" che si è rivelato essere un film sul conflitto fra "maggioranza" e "minoranza", inoltre la sceneggiatura è più lineare rispetto a quella dei Classici che lo precedono però un sacco di elementi fra cui gli aspetti mitologici ed etnici (i tatuaggi in Polinesia, in alcuni popoli, vengono tutt'ora fatti come li fanno vedere nel film) di cui è pregno fanno passare ciò in secondo piano. L'animazione dei WDAS è eccellente come al solito, anzi hanno decisamente superato la Pixar in questa tecnica, dagli ambienti che portano avanti il "non photo-realistic rendering" sino, addirittura, alle comparse dal design superbo che battono persino le già eccellenti comparse di "Big hero 6". Ovviamente il piatto forte sono i due protagonisti del viaggio, Moana e Maui le cui animazioni e design sono eccezionali: in particolare a me è piaciuto che Maui sia stato caratterizzato come un autentico uomo muscoloso, un aspetto fisico che si è visto pochissimo in un Classico. Inoltre di lui ho adorato la genialata di farlo interagire con una sua versione tatuata in 2D, animata da Eric Goldberg. Anche a livello psicologico si è fatto un ottimo lavoro con Moana e Maui che hanno delle ottime personalità assolutamente credibili, in particolare il semidio che mi ha colpito molto nonostante il suo atteggiamento estremamente presuntuoso. Mitiche le sue battute come quella del "sacrificio umano" o quando sfotte Moana definendola una "principessa" (frecciatina anche al marchio ?)... Forse si poteva evitare quella di twitter, un pò troppo stonata per il contesto. Riguardo le spalle animali il maialino Pua l'ho trovato inutile, mentre il gallo Hei Hai si è rivelato più riuscito di quanto mi aspettassi, mi ha fatto ridere un sacco, e non è risultato forzato. Della colonna sonora si possono dire solo encomi perchè l'ho trovata la migliore dei Classici usciti in questi ultimi anni, vi dico solo che non salto neanche un brano come mi capita con altre colonne sonore, cosa che mi capita con pochi altri Classici. Il team musicale ha fatto davvero un ottimo lavoro. Di tutte le canzoni mi soffermo solo su un paio perchè è di queste che ho più cose da dire che ripetere solo "capolavoro"... tongue.gif Di "You're Welcome" la coreografia è proprio geniale, con quegli inserti 2D a valorizzarla mentre "Shiny" non l'ho trovata così stonata nella narrazione, anzi porta avanti la storia come ogni brano Disney deve essere. Un peccato che un pò della magnificenza della colonna sonora si perda nella versione italiana, inferiore rispetto a quella originale per quanto si sia fatto un adattamento più decente del solito tranne che per "Where you are" che è stata mal adattata. Inoltre la talent scelta per doppiare Moana nel canto, Chiara Grispo, con il suo canto un pò troppo dolce e sottotono non ha la stessa potenza della doppiatrice originale...

Voto: 8
caninlegend
CITAZIONE (chipko @ 13/1/2017, 14:55) *
Non ho letto, come d'abitudine i commenti precedenti onde non farmi influenziare, e, sempre come mia abitudine, recensisco il classico dopo l'onda iniziale.

A me il film non è piaciuto.
Per carità l'animazione è bella, ma il contenuto?

Due gli unici spunti salvabili e drammatici di questo film (peccato che poi siano lasciati sullo sfondo)

- La morte dell'amico del padre di Vaiana.
- L'abbandono di Mawi da parte dei suoi genitori.

Il primo poteva essere buono, peccato che l'abbiano utilizzato solo per drammatizzare e dare un senso al timore del padre del mare, il che, alla fin fine, risulta un po' appiccicato. Il padre di Vaiana risulta essere un Tritone al contrario

Il secondo era invece molto buono, quando è arrivato ho pensato "forse ci siamo e il film inizierà a dire qualche cosa", e invece niente era solo un altro momento drammatico in un film che non ha né capo né coda (ora capisco perché alcuni quotidiani avevano stroncato Oceania).

Il tutto, preso singolarmente, frammento per frammento, funziona anche, poi guardi l'insieme e ti chiedi il senso.

Alla fine Vaiana che fa?
Esclusa una singola azione (il trucco dell'alga luccicante) è quasi irrilevante ai fini della trama, lei non fa assolutamente niente, è l'oceano che la porta da Mawi, è l'oceano che l'aiuta ad imporsi a Maui (senza l'oceano non avrebbe nemmeno raggiunto la barca) , È TE-KA CHE COME UN AGNELLINO VA DA LEI PER FARSI RIDARE IL CUORE.
Vaiana è una dolce ed esuberante ragazzina, per certi versi anche molto umile (il che la rende sicuramente simpatica).

Maui che senso ha?
Non aveva un posto prima e pare non averlo nemmeno dopo. È forse il personaggio più interessante ma rimane abbozzato e non segue un vero e proprio sviluppo. Alla fine se ne va, quindi rimane solo esattamente come lo era all'inzio, mi aspettavo che almeno tornasse al villaggio con Vaiana. Lui ruba il cuore per essere amato dagli uomini, ma alla fine non si vede una sua accettazione da parte degli uomini.

Tutto è abbozzato, tutto è chiaroscurale, la trama sembra un pretesto per far vedere delle belle immagini (in questo senso il film è sicuramente un degno rappresentante del nostro tempo, prendi qualcosa di drammitico, prendi qualcosa di nobile, e poi tanti bei disegni, tanti wow).

Colonna sonora a dir poco orribile, l'unico pezzo che ho apprezzato è quello dove cantano nel loro idioma.

Un filmetto: tanto wow (dovuto all'animazione), molte gag (incentrate su un pollo assolutamente inutile e appiccicato anch'esso), due momenti lacrima. È un film atto a suscitare un mero rimbalzo emozionale (un po' come uomini e donne o quei programmi tipici del reality show).

Condivido alcune delle tue critiche, anche a me ha dato fastidio la superficialità che è stata riservata agli spunti drammatici ma la colonna sonora mi è piaciuta molto.
LucaDopp
Anche a me il film è piaciuto, ma non gli darei più di 7. Tecnicamente grandioso, con una coppia di protagonisti davvero ottima e una colonna sonora tra le migliori degli ultimi anni, soffre un po' della scarsità di comprimari in cui i registi sono maestri (Hei Hei e il Maui in 2D mi sono sembrati debolucci anche se divertenti) e soprattutto di alcuni sviluppi nella trama davvero banali e telefonati. Rimane un prodotto di tutto rispetto che secondo me non ha nulla da invidiare a Zootropolis.
caninlegend
Io gli ho dato 7,5 capirai, mezzo punto in più, ti cambia la vita.
brigo
CITAZIONE (LucaDopp @ 14/1/2017, 18:03) *
[...] non ha nulla da invidiare a Zootropolis.

Opinioni.
*marta*
Anche se molti non lo menzionano, secondo me è molto bello il rapporto con la nonna! Le scene che hanno insieme non saranno molte ma io le ho trovate molto belle, con la nonna che cerca di spronarla a guardare dentro se stessa.
Il pezzo in cui la nonna muore con la comparsa della manta gigante mi ha messo i brividi. Così la scena in cui, dopo l'abbandono di Maui, loro si vedono in mezzo al mare... sono le parti che del film mi hanno emozionato di più, io mi sono commossa. Direi che sono le mie parti preferite, forse non fanno a tutti lo stesso effetto però.
LucaDopp
CITAZIONE (*marta* @ 15/1/2017, 0:40) *
Anche se molti non lo menzionano, secondo me è molto bello il rapporto con la nonna! Le scene che hanno insieme non saranno molte ma io le ho trovate molto belle, con la nonna che cerca di spronarla a guardare dentro se stessa.

Sì il problema è che quello della nonnina saggia/mistica che aiuta il/la protagonista è un personaggio visto e stravisto, fin dai tempi della fata Smemorina passando per Nonna Salice, Tanana e Mamma Odie, senza dimenticare Rafiki che ha un ruolo del tutto analogo.

Ma solo a me la scena di Tamatoa ha ricordato di più quella della canzone del BauBau piuttosto che quella di Louis? La canzone cmq mi è piaciuta molto, anche per il suo stile abbastanza diverso dalla classica roba pop dei musical Disney.
Rowena84
A me la nonna ha dato tanto, ho pianto tutte le mie lacrime ogni volta che compariva perchè era evidente cosa sarebbe successo dopo, la sua morte non è un colpo di scena ma è nelle cose della vita, ed è chiaro che stava preparando Moana per qualcosa che non avrebbe visto lei stessa.
Peccato che il rapporto con maui non sia sviluppato altrettanto bene , e il film ne soffre.
Il mio voto è 7, con punte da 8 per le scene con la nonna e un bel 4 per Maui che litiga con Moana senza motivo e torna indietro 5 min dopo come se nulla fosse.
caninlegend
Concordo con il voto, anche sul fatto che il rapporto vaiana-Maui non sia sviluppato cosí bene.
*marta*
CITAZIONE (LucaDopp @ 15/1/2017, 15:06) *
Sì il problema è che quello della nonnina saggia/mistica che aiuta il/la protagonista è un personaggio visto e stravisto, fin dai tempi della fata Smemorina passando per Nonna Salice, Tanana e Mamma Odie, senza dimenticare Rafiki che ha un ruolo del tutto analogo.

Visto e stravisto non direi. Nonna salice era un albero e dubito si possa paragonare ad un vero rapporto nonna nipote! Mamma Odie penso che poi c'entri ancora meno, è solo una vecchia saggia, non ha nessun rapporto affettivo con i protagonisti. Quelli che citi sono personaggi anziani/saggi. Io parlo proprio del fatto che qui ci siano una nonna e una nipote nel vero senso della parola. Io l'ho apprezzato molto, e infatti ripeto che forse non tutti lo percepiscono come lo percepisco io. Io non sono andata a pensare alla figura di un vecchio saggio qualsiasi. Sono una famiglia. Comunque non dovete pensarla per forza come me smile.gif però, per come la vedo io, non è assolutamente stravisto.
Capitano Amelia
CITAZIONE (*marta* @ 15/1/2017, 21:37) *
Mamma Odie penso che poi c'entri ancora meno, è solo una vecchia saggia, non ha nessun rapporto affettivo con i protagonisti.

Se per questo pure Tanana che è semplicemente la sciamana del villaggio... Comunque a me fa piacere che in questi ultimi Classici stanno puntando maggiormente sull'amore familiare, spesso descritto in modo ottimo, in questi ultimi film WDAS hanno parlato di volersi bene fra fratelli o fra nonna e nipote (come in questo caso) con grande trasporto e interazioni credibili. happy.gif
Questa è la versione 'lo-fi' del forum. Per visualizzare la versione completa con molte più informazioni, formattazione ed immagini, per favore clicca qui.