Aiuto - Cerca - Utenti - Calendario
Versione completa: Frozen Fever
Disney Digital Forum > * The Walt Disney Company * > Walt Disney Studios
Pagine: 1, 2, 3, 4
Fa Belle di Arendelle
Se non si è ritenuto necessario insegnarla a tutti, vuol dire che non è così importante. Se devi scegliere fra letteratura, matematica e cinema, quale scarti?
Ripeto che non era mia intenzione offendere alcuno, anche perché continuo a non vedere cosa ci sia di offensivo.
lbreda
CITAZIONE (Fa Belle di Arendelle @ 18/4/2015, 17:09) *
Negli Stati Uniti si parla diversamente dalla Gran Bretagna, e va bene (anzi, no), ma chi sono loro per permettersi di fare marameo alla Oxford University ed inserire cose che tutte le grammatiche riportano come sbagliatissime?

Senti, fatti un bagno di umiltà, con un po' di spumeggiante realtà dentro, ché sei quanto di più ridicolo abbia avuto il dispiacere di leggere da parecchio tempo a questa parte.

Come avviene per l'italiano (che NON ha un organo di standardizzazione della lingua, né l'Accademia della Crusca né l'Organo del Vocabolario Italiano lo sono), che ha più registri e modi di essere parlato e scritto (escludendo gli italiani tecnici, c'è almeno un livello letterario, uno parlato e uno intermedio), anche l'inglese non esiste in una forma "standard". La Oxford University ha meno autorità di quanta ne abbia qui l'Accademia della Crusca, e l'inglese della Oxford viene parlato lì e nelle scuole. Già se vai a Londra, che è lì a due passi, non lo parla nessuno. Figurati se vai in Scozia o in Irlanda, dove utilizzano parole che in Inghilterra NON ESISTONO e che sono ben più antiche di parole puramente inglesi. Se poi parli di Stati Uniti e dici che DEVONO parlare come ad Oxford, beh, il tuo livello B2 forse è un tantino avulso dalla realtà.

La semplice locuzione "si parla diversamente dalla Gran Bretagna" è priva di senso. In Gran Bretagna la lingua non è uniforme.

CITAZIONE
In qualsiasi lingua il parlato contiene errori che poi non si commettono quando ci si pensa un po' su, ma solo loro sono talmente supponenti da vantarsene. Tanto per dirne una, il francese del Québec è diversissimo da quello standard, ma i film e le serie lì doppiate si avvalgono tutti di un perfetto francese che rispetta in pieno le regole dell'Académie Française. Com'è giusto che sia.

Fatti un giro in Svizzera e poi dimmi se solo loro storpiano la lingua. Fatti un giro in Marocco e dimmi che bel francese che senti. Ma fatti anche un giro a Londra, a Cardiff, a Dublino. Se proprio non vuoi farti un giro, prima di guardarti il bel Ghibli "Quando c'era Marnie", forte del livello B2 di cui ti fregi, leggiti il libro in lingua originale, è molto bello e assai semplice. L'autrice è nata a pochi chilometri da Londra, lungi da lei mancare di rispetto ad Oxford. Ed è carta stampata. Lo troverai ricco di parole, e di modi di costruire le frasi, che ad Oxford non esistono.
Ti assicuro che un sacco di professori, ad Oxford, lo amano.

CITAZIONE (Fa Belle di Arendelle @ 18/4/2015, 17:33) *
Se non si è ritenuto necessario insegnarla a tutti, vuol dire che non è così importante. Se devi scegliere fra letteratura, matematica e cinema, quale scarti?
Ripeto che non era mia intenzione offendere alcuno, anche perché continuo a non vedere cosa ci sia di offensivo.

Ok. Deduco allora dai miei studi che quanto è avvenuto dalla fine della seconda guerra mondiale ai giorni nostri è del tutto privo di interesse rispetto alle teorie su quanto facesse la gente durante la preistoria. Grazie per tanta illuminata illuminazione.
winnie & pimpi
CITAZIONE (Fa Belle di Arendelle @ 18/4/2015, 18:09) *
Mi devo scusare di nuovo per aver offeso involontariamente qualcuno (devo ancora capire perché, ci sono forse dei registi qui?). Comunque, la facoltà di cinema certo c'è, ma se non si studia a scuola significa che non è al pari del resto. Per quanto riguarda i critici che lo definiscono settima arte, ci sono anche quelli che osannano Ungaretti, quindi non vedo perché fidarsene ciecamente.

Essere madrelingua non vuol dire poi tanto, quanti italiani non sanno usare il congiuntivo? Comunque, se t'interessa, il mio livello è più o meno lo stesso di quello degli studenti della mia età che non frequentano il linguistico, ovvero il B2, ma se questi errori sono facilmente trovabili anche da chi ha un livello del genere è ancora peggio (tanto più che me n'ero accorta già alle medie). Negli Stati Uniti si parla diversamente dalla Gran Bretagna, e va bene (anzi, no), ma chi sono loro per permettersi di fare marameo alla Oxford University ed inserire cose che tutte le grammatiche riportano come sbagliatissime?

Storia del cinema d'animazione si studia anche alla facoltà di lettere, a Milano con il corso tenuto dai professor Bendazzi.
Se poi a te non piace è meglio che ti metti ili cuore in pace, perché non sei tu a decidere cosa è arte…eh!

Io vivo a Londra, parlo in inglese con un livello superiore al misero B2, guardo i film Disney in inglese, non ci sono errori grammaticali ovviamente, come se ci fosse bisogno di dirlo. Tanto più che in inglese non esiste una vera e propria grammatica come in italiano con delle regole precise e la lingua cambia costantemente in base all'uso comune che ne fa la gente. il caso più eclatante è quello dei verbi irregolari che nel tempo vengono pian piano regolarizzati. Inoltre ormai a livello internazionale si studia l'inglese americano, perciò fatevelo piacere.

Per quanto riguarda Ungaretti….siamo al paradosso,
preferisco riderci sopra per non piangere eheheh.gif eheheh.gif eheheh.gif
Fa Belle di Arendelle
CITAZIONE
Senti, fatti un bagno di umiltà, con un po' di spumeggiante realtà dentro, ché sei quanto di più ridicolo abbia avuto il dispiacere di leggere da parecchio tempo a questa parte.

Come avviene per l'italiano (che NON ha un organo di standardizzazione della lingua, né l'Accademia della Crusca né l'Organo del Vocabolario Italiano lo sono), che ha più registri e modi di essere parlato e scritto (escludendo gli italiani tecnici, c'è almeno un livello letterario, uno parlato e uno intermedio), anche l'inglese non esiste in una forma "standard". La Oxford University ha meno autorità di quanta ne abbia qui l'Accademia della Crusca, e l'inglese della Oxford viene parlato lì e nelle scuole. Già se vai a Londra, che è lì a due passi, non lo parla nessuno. Figurati se vai in Scozia o in Irlanda, dove utilizzano parole che in Inghilterra NON ESISTONO e che sono ben più antiche di parole puramente britanniche. Se poi parli di Stati Uniti e dici che DEVONO parlare come ad Oxford, beh, il tuo livello B2 forse è un tantino avulso dalla realtà.

La semplice locuzione "si parla diversamente dalla Gran Bretagna" è priva di senso. In Gran Bretagna la lingua non è uniforme.

Un conto è come si parla, un conto è come redigere un documento che poi verrà diffuso come verrà diffuso. Ora, perquanto diversa possa essere la lingua da un luogo all'altro, le grammatiche di lingua inglese esistono, e non seguirle nella stesura di un copione è quantomeno assurdo.

CITAZIONE
Fatti un giro in Svizzera e poi dimmi se solo loro storpiano la lingua. Fatti un giro in Marocco e dimmi che bel francese che senti. Ma fatti anche un giro a Londra, a Cardiff, a Dublino. Se proprio non vuoi farti un giro, prima di guardarti il bel Ghibli "Quando c'era Marnie", forte del livello BD di cui ti fregi, leggiti il libro in lingua originale, è molto bello e assai semplice. L'autrice è nata a pochi chilometri da Londra, lungi da lei mancare di rispetto ad Oxford. Ed è carta stampata. Lo troverai ricco di parole, e di modi di costruire le frasi, che ad Oxford non esistono.

Ti assicuro che un sacco di professori, ad Oxford, lo amano.

Alla prima parte ho già risposto. Alla seconda rispondo dicendo che, se il libro contiene così tanto linguaggio colloquiale, non credo di essere in grado di leggerlo.

CITAZIONE
Ok. Deduco allora dai miei studi che quanto è avvenuto dalla fine della seconda guerra mondiale ai giorni nostri è del tutto privo di interesse rispetto alle teorie su quanto facesse la gente durante la preistoria. Grazie per tanta illuminata illuminazione

Questo non ha proprio senso, dato che gli avvenimenti storici dell'ultimo mezzo secolo a scuola si studiano eccome.

CITAZIONE
non ci sono errori grammaticali ovviamente

Mah, io non saprei trovare una definizione migliore per un utilizzo spropositato del past simple, anche dove è obbligatorio il present perfect. Tant'è che, se lo fai in un compito, ti verrà segnato come errore.
E comunque il B2 non è misero per una persona della mia età che non va al linguistico.

CITAZIONE
Per quanto riguarda Ungaretti….siamo al paradosso,
preferisco riderci sopra per non piangere

Lo farò io, invece. Questa è proprio la dimostrazione di ciò che ho scritto.
Dadda25
Ovunque la lingua cambia in base all'uso comune, se no staremmo ancora a parlare latin...estrusc...indoeurop...grugniti?
lbreda
CITAZIONE (Fa Belle di Arendelle @ 18/4/2015, 18:01) *
Un conto è come si parla, un conto è come redigere un documento che poi verrà diffuso come verrà diffuso. Ora, perquanto diversa possa essere la lingua da un luogo all'altro, le grammatiche di lingua inglese esistono, e non seguirle nella stesura di un copione è quantomeno assurdo.

A parte che "perquanto" non esiste in italiano, sì, le esistono le grammatiche di inglese oxfordiano, così come esistono quelle di inglese scozzese o di inglese irlandese. In Irlanda non redigono i documenti in inglese oxfordiano, né lo fanno negli USA, ovviamente. E lo stesso vale nei film. Anche in Italia, se ci mettessimo a seguire la Crusca per doppiare i film, ne uscirebbe una cosa decisamente ridicola.

CITAZIONE
Alla seconda rispondo dicendo che, se il libro contiene così tanto linguaggio colloquiale, non credo di essere in grado di leggerlo.

Non è linguaggio "colloquiale". È roba che fa parte della lingua scritta dell'Inghilterra del nord da secoli. Semplicemente, non si usa ad Oxford. Nessuno però, a Oxford, si sogna minimamente di dire che non sia inglese e che usarla offenda l'inglese.

CITAZIONE
Questo non ha proprio senso, dato che gli avvenimenti storici dell'ultimo mezzo secolo a scuola si studiano eccome.

LOL non conosco NESSUNO che abbia studiato anche solo le cose FONDAMENTALI per la storia italiana, come gli anni di piombo, tanto approfonditamente quanto le punte di freccia del paleolitico.
Fa Belle di Arendelle
CITAZIONE
A parte che "perquanto" non esiste in italiano, sì, le esistono le grammatiche di inglese oxfordiano, così come esistono quelle di inglese scozzese o di inglese irlandese. In Irlanda non redigono i documenti in inglese oxfordiano, né lo fanno negli USA, ovviamente. E lo stesso vale nei film. Anche in Italia, se ci mettessimo a seguire la Crusca per doppiare i film, ne uscirebbe una cosa decisamente ridicola.

A parte che far finta di non accorgersi di un evidentissimo errore di battitura è abbastanza ridicolo, in Italia, diversamente dagli Stati Uniti, normalmente i film doppiati non contengono gli errori tipici della lingua parlata.

CITAZIONE
Non è linguaggio "colloquiale". È roba che fa parte della lingua scritta dell'Inghilterra del nord da secoli. Semplicemente, non si usa ad Oxford. Nessuno però, a Oxford, si sogna minimamente di dire che non sia inglese e che usarla offenda l'inglese.

Chiamala come vuoi, non credo comunque di essere in grado di comprenderlo.

CITAZIONE
LOL non conosco NESSUNO che abbia studiato anche solo le cose FONDAMENTALI per la storia italiana, come gli anni di piombo, tanto approfonditamente quanto le punte di freccia del paleolitico.

Per forza, sono troppo recenti per essere trattati più approfonditamente, ma nel giro di qualche anno non sarà più così. E comunque dire che in Italia non si studia ciò che è accaduto dopo la II Guerra Mondiale è falsissimo.
Dadda25
Vito
Salute! ^^
Princesse Sophie
A parte cara mia che nemmeno tutte le scuole superiori insegnano le stesse materie. C'è chi non fa latino, chi non fa discipline turistiche chi non fa storia dell'arte. E mi dispiace ma anche a Roma c'è una scuola superiore che insegna cinema e fotografia.

Poi sul serio credi di saperne di più di una persona che vive a Londra e con una conoscenza superiore al tuo livello? Giovedì lo domando alla mia insegnante madrelingua inglese chi ha ragione sugli errori quando lei stessa non corregge la mia parlata più americana che oxfordiana...e la mia scuola è la oxford school of english che a quanto ne so è tra le migliori private.

e comunque io sono del 93 e di storia dagli anni 70 in poi non mi hanno insegnato un fico secco. Se 40 anni di storia ti sembra niente. Così è anche per tante mie conoscenze più giovani. Aspetta di arrivare al 5 anno e vediamo. Io non conosco la mia storia non è una giustificazione studiare tre volte tutta la storia dalle elementari in poi e non parlarmi degli ultimi 40 anni perché troppo recenti.
lbreda
CITAZIONE (Fa Belle di Arendelle @ 18/4/2015, 18:23) *
A parte che far finta di non accorgersi di un evidentissimo errore di battitura è abbastanza ridicolo

Considerando che è un errore abbastanza standard, il dubbio mi pare ragionevolissimo.

CITAZIONE
in Italia, diversamente dagli Stati Uniti, normalmente i film doppiati non contengono gli errori tipici della lingua parlata.

Ciucciami il calzino. Arduo da vedere il Lato Oscuro è. Quante volte gliel'hai sparaflesciato a quella povera donna?

Colloquiale, errato, c'è di tutto.

CITAZIONE
Per forza, sono troppo recenti per essere trattati più approfonditamente, ma nel giro di qualche anno non sarà più così. E comunque dire che in Italia non si studia ciò che è accaduto dopo la II Guerra Mondiale è falsissimo.

Non si studia tutto ciò che è avvenuto dopo e che non è direttissimamente correlato. E tu hai parlato di ultimo mezzo secolo. Nell'ultimo mezzo secolo gli anni di piombo sono stati l'evento più degno di nota, e no, non è PER NULLA roba troppo recente, vi sono studi e saggi storici a sufficienza ormai. E all'università si studiano eccome.
winnie & pimpi
CITAZIONE (Fa Belle di Arendelle @ 18/4/2015, 18:23) *
dire che in Italia non si studia ciò che è accaduto dopo la II Guerra Mondiale è falsissimo.

Se c'è gente che esce da scuola non sapendo che il Cinema e Ungaretti sono arte vuol dire che qualcosa non va nella scuola italiana Roftl.gif Roftl.gif

ricordo che quando facevo le supplenze di storia dell'arte alcuni studenti non sapevano che i quadri rappresentanti Gesù erano stati dipinti d.C. post-6-1111076745.gif ("dopo la nascita di Cristo", lo scrivo perché a questo punto non si può dare niente per scontato eheheh.gif )
Fa Belle di Arendelle
CITAZIONE
A parte cara mia che nemmeno tutte le scuole superiori insegnano le stesse materie. C'è chi non fa latino, chi non fa discipline turistiche chi non fa storia dell'arte. E mi dispiace ma anche a Roma c'è una scuola superiore che insegna cinema e fotografia.

Infatti il latino ha meno priorità rispetto all'italiano od alla matematica, le discipline turistiche si studiano solo negli istituti tecnici ed immagino che sia così anche per cinema e fotografia.

CITAZIONE
Poi sul serio credi di saperne di più di una persona che vive a Londra e con una conoscenza superiore al tuo livello? Giovedì lo domando alla mia insegnante madrelingua inglese chi ha ragione sugli errori quando lei stessa non corregge la mia parlata più americana che oxfordiana...e la mia scuola è la oxford school of english che a quanto ne so è tra le migliori private.

In una questione del genere il livello non c'entra nulla, potrei tranquillamente dire lo stesso dell'arabo, del coreano o dell'ungherese.

CITAZIONE
e comunque io sono del 93 e di storia dagli anni 70 in poi non mi hanno insegnato un fico secco. Se 40 anni di storia ti sembra niente. Così è anche per tante mie conoscenze più giovani. Aspetta di arrivare al 5 anno e vediamo. Io non conosco la mia storia non è una giustificazione studiare tre volte tutta la storia dalle elementari in poi e non parlarmi degli ultimi 40 anni perché troppo recenti.

Be', io in terza media ho studiato la storia fino al 2011, certo gli ultimi anni non approfonditamente come il resto, ma certo queste lacune verranno colmate durante gli ultimi anni di liceo.

CITAZIONE
Considerando che è un errore abbastanza standard, il dubbio mi pare ragionevolissimo.

Solo se si è propensi a pensar sempre male.

CITAZIONE
Ciucciami il calzino.

???

CITAZIONE
Non si studia tutto ciò che è avvenuto dopo e che non è direttissimamente correlato. E tu hai parlato di ultimo mezzo secolo. Nell'ultimo mezzo secolo gli anni di piombo sono stati l'evento più degno di nota, e no, non è PER NULLA roba troppo recente, vi sono studi e saggi storici a sufficienza ormai. E all'università si studiano eccome.

E anche alle medie. Ne deduco che si studino anche alle superiori.
lbreda
CITAZIONE (Fa Belle di Arendelle @ 18/4/2015, 18:40) *
Infatti il latino ha meno priorità rispetto all'italiano od alla matematica, le discipline turistiche si studiano solo negli istituti tecnici ed immagino che sia così anche per cinema e fotografia.

Peccato che l'italiano venga fuori dall'involgarimento del latino. E ti dirò un segreto: non si studiava a scuola fino al seicento circa, e quello che si insegnava nel settecento, quando ormai era diventato abbastanza comune insegnarlo, non era quello della Crusca, né il nostro, e la Crusca allora era assai contrastata a livello di autorevolezza.

CITAZIONE
In una questione del genere il livello non c'entra nulla, potrei tranquillamente dire lo stesso dell'arabo, del coreano o dell'ungherese.

Sì, ci si era resi conto che questa era la tua opinione. Del resto, anche l'inglese non sai dove sta di casa. Letteralmente.

CITAZIONE
Be', io in terza media ho studiato la storia fino al 2011, certo gli ultimi anni non approfonditamente come il resto

E quindi certamente sono meno importanti della preistoria o delle guerre napoleoniche.

CITAZIONE
???

"ciucciare" è colloquiale.
Anche se ammetto che "suggimi il calzino" sarebbe stato epico.

CITAZIONE
E anche alle medie. Ne deduco che si studino anche alle superiori.

Ne deduci assai male, e vorrei tanto farmi una chiacchierata con te, live, su quanto è avvenuto dagli anni sessanta in poi.
Fa Belle di Arendelle
CITAZIONE
Peccato che l'italiano venga fuori dall'involgarimento del latino. E ti dirò un segreto: non si studiava a scuola fino al seicento circa, e quello che si insegnava nel settecento, quando ormai era diventato abbastanza comune insegnarlo, non era quello della Crusca, né il nostro, e la Crusca allora era assai contrastata a livello di autorevolezza.

A me lo vieni a dire? Comunque è chiaro che un tempo non si studiasse, data l'arcinota frammentazione del suo paese, ma, dato che ormai lo si studia da qualche secolo...

CITAZIONE
E quindi certamente sono meno importanti della preistoria o delle guerre napoleoniche.

Dal mio punto di vista posso dirtiche sono sicuramente meno interessanti, oggettivamente dico che hanno la medesima importanza.

CITAZIONE
"ciucciare" è colloquiale.
Anche se ammetto che "suggimi il calzino" sarebbe stato epico.

Colloquiale sì, ma la frase non contiene nulla di grammaticalmente scorretto.

CITAZIONE
Ne deduci assai male, e vorrei tanto farmi una chiacchierata con te, live, su quanto è avvenuto dagli anni sessanta in poi.

Perché mai?
lbreda
CITAZIONE (Fa Belle di Arendelle @ 18/4/2015, 18:58) *
A me lo vieni a dire? Comunque è chiaro che un tempo non si studiasse, data l'arcinota frammentazione del suo paese, ma, dato che ormai lo si studia da qualche secolo...

ROTFL. ROTFL. ROTFL. ROTFL.

La scuola dell'obbligo ha pochissimo più di un secolo. Per "non si studiava a scuola fino al seicento" intendo che da allora si è iniziato ad insegnarla ai pochi che studiavano, e come roba secondarissima rispetto al latino. Nel cinquecento si è iniziato ad affermare timidissimamente che il volgare avesse una grammatica, il che ha portato nel seicento a provare a codificarla. L'italiano che oggi si parla e insegna c'entra pochissimo col volgare di allora e molto poco con l'italiano che si parlava nel 1877, quando divennero obbligatori i PRIMI TRE ANNI DI SCUOLA ELEMENTARE, che chissà quali regolone grammaticali ti insegnavano.

CITAZIONE
Dal mio punto di vista posso dirtiche sono sicuramente meno interessanti, oggettivamente dico che hanno la medesima importanza.

Oggettivamente non hanno affatto la medesima importanza. Capire ciò che è accaduto dal '50 a oggi è MOLTO più utile che capire ciò che è successo secoli/millenni fa. Tutto il sistema di politica internazionale attuale, che è fondamentale conoscere, non dipende certo da cosa abbia fatto Tarquinio Prisco.

CITAZIONE
Perché mai?

Perché se la consideri OGGETTIVAMENTE alla stregua delle guerre napoleoniche, o non sei assolutamente in grado di comprendere le conseguenze sull'oggi dell'una o dell'altra cosa, o non ne sai veramente nulla.
warhol_84
CITAZIONE (Fa Belle di Arendelle @ 18/4/2015, 18:23) *
in Italia, diversamente dagli Stati Uniti, normalmente i film doppiati non contengono gli errori tipici della lingua parlata.

Non parlare di cose che non sai! Io ci lavoro nel doppiaggio e giornalmente correggiamo copioni scritti in italiano PERFETTO che però nessuno userebbe mai nella lingua parlata. In alcuni casi, in alcuni telefilm e film, non usiamo neanche volutamente il congiuntivo in certi frangenti. Per non parlare della dizione dove molte delle cose corrette in Italiano sarebbero INASCOLTABILI in un parlato moderno. Studia! Smettila di fare la saccente!
Logan232
warhol non ce la faccio più, i tuoi post sono pazzeschi! Ahahahahahahahahah

Però, seriamente. No, dico. Seriamente?

La cosa sta assurgendo ad un esperimento sociologico; propongo la conservazione di questa discussione all'UNESCO.
warhol_84
Ahahahahhahahahhahah ma sì....se uno non la prende sul ridere la cosa sarebbe DAVVERO drammatica! Roftl.gif
IryRapunzel
CITAZIONE (Fa Belle di Arendelle @ 18/4/2015, 15:16) *
Mi dispiace, ma considerare il cinema un'arte è un autentico insulto a letteratura, pittura, scultura e compagnia bella.

Io direi che qui abbiamo passato ogni limite. E dimmi, non consideri arte neanche il teatro, che è evidentemente l'antenato del cinema? Mi chiedo che cosa ci faccia tu in questo forum, se sei convinta che i cartoni Disney siano solo bella roba per bambini. All'inizio ti rispondevo perché un po' mi facevi tenerezza e mi ricordavi me, ero anch'io un po' presuntuosa quando ho iniziato a scrivere su Internet... con la differenza che quando mi dicevano basta alla fine mi facevo due domande e capivo. Ti auguro veramente buona fortuna, perché nel mondo reale non è facile convivere con un "mulo". Non è proprio una caratteristica di cui dovresti vantarti, sai.
warhol_84
E comunque nel mondo reale in tre secondi un mulo viene mandato a fa...un giro.
nicolino
CITAZIONE (Fa Belle di Arendelle @ 18/4/2015, 18:01) *
Mah, io non saprei trovare una definizione migliore per un utilizzo spropositato del past simple, anche dove è obbligatorio il present perfect. Tant'è che, se lo fai in un compito, ti verrà segnato come errore.
E comunque il B2 non è misero per una persona della mia età che non va al linguistico.

A me personalmente piacerebbe, prima di tutto, sapere quale attestato hai tu per riconoscerti un livello B2.
Hai un IELTS? Un Cambridge? O hai semplicemente fatto uno di quei test che misurano il livello su internet, con l'attendibilità pari a 0? Sono curioso. Perché pure gli esami universitari che oggi sono praticamente obbligatori per ogni indirizzo, il cosiddetto placement test, è poco attendibile e ha riconoscimento nullo, e non corrisponde mai al vero livello del candidato.

Ma mettiamo anche il caso che il tuo livello sia DAVVERO un B2 (che è POCO, non importa la tua età, non importa quanto migliorerai, ora è POCO), vorrei gli esempi, e li vorremmo in molti scommetto, di dove viene usato il past simple laddove secondo TE, deve essere obbligatoriamente usato il present perfect.
Attendiamo con ansia. Smettiamo di parlare in generale, e dacci gli esempi concreti di questi errori.
Filippo
Ragazzi ma è possibile che in ogni topic c'è sempre tutto questo caos a causa di un utente? Io sinceramente mi sono rotto di leggere sempre tutti questi casini. Nessuno prende provvedimenti?
nunval
Appunto, vediamo di darci una calmata e di moderare i toni da "professore", un pò tutti. Personalmente non mi piace, nel doppiaggio, l'utilizzo di un dialogo che sia troppo colloquiale. Ho imparato a leggere e scrivere con libri e dialoghi Disney scritti da fior di linguisti e mi scontro spesso con laureati in lingue e madrelingua a cui devo correggere degli errori (e me ne vergogno). Sono di una generazione che ha studiato il latino fin dalla scuola media e ne ha applicato la conoscenza sia allo studio dell'italiano che dell'inglese. Ritengo che il "bello scrivere" e il "bel parlare" siano ancora un piacere ( e basta guardare, anche solo in ambito Disney, la banalità e la piattezza di certe sceneggiature di fumetti o traduzioni di libri, e confrontarle con analogo materiale degli anni '60 e '70 per comprendere quello che dico) e rimpiango i tempi in cui un bel libro o un bel dialogo fungevano da educatori dello spettatore o del lettore. Oggi chi scrive, soprattutto nel campo del cinema, rinuncia spesso a questa funzione e si adagia su quello che ritiene sia il livello del pubblico. Peccato, hanno perso entrambi una occasione, sia lo scrittore che il fruitore dell'opera. E poi, sono d'accordo: il cinema è stata la vera grande arte del ventesimo secolo, per me. Opere come quelle di Hitchcock o Disney non hanno nulla da invidiare ad una sinfonia, un quadro o un romanzo. Dirò di più: alcuni libri italiani di Walt Disney meriterebbero di entrare a buon diritto nella Storia della Letteratura (penso ad esempio alla Cenerentola scritta dal linguista Aldo Gabrielli, sulla quale molti di quelli della mia generazione e della precedente hanno imparato a scrivere in italiano).
kekkomon
CITAZIONE (Filippo @ 20/4/2015, 13:37) *
Ragazzi ma è possibile che in ogni topic c'è sempre tutto questo caos a causa di un utente? Io sinceramente mi sono rotto di leggere sempre tutti questi casini. Nessuno prende provvedimenti?

Concordo... purtroppo parlare con persone che pensano nel loro libro stracciato, come si dice a Napoli, causa ciò!
Logan232
CITAZIONE (Filippo @ 20/4/2015, 13:37) *
Ragazzi ma è possibile che in ogni topic c'è sempre tutto questo caos a causa di un utente? Io sinceramente mi sono rotto di leggere sempre tutti questi casini. Nessuno prende provvedimenti?

Uhm sì ok ci può stare, ma c'è da dire che l'utente in questione sono giorni che sembra facesse di tutto per portare le persone all'esasperazione. All'inizio credo tutti noi pensassimo che fosse in buona fede con ciò che scriveva e hanno cercato tutti di capire e aiutarla a comunicare con noi (io personalmente mi sono tenuto fuori da tutto, ho commentato solo l'ultimo post di warhol ma non credo di aver scritto niente di così aggressivo onestamente); direi che solo sul finale si sia compreso bene che ci stava solamente trollando.

Io sono qui da quasi due anni e nessuno mi ha mai attaccato nè mi ha mai fatto sentire stupido, sono stati tutte persone splendide quindi non mi sembra giusto tacciare gli altri di aver aggredito a titolo gratuito Fa Belle; come si dice a Roma, va bene tutto ma direi che lei se l'è ampiamente cercata.

Non volevo continuare l'OT, ma dire i miei due cents in merito, scusate smile.gif
Filippo
CITAZIONE (Logan232 @ 20/4/2015, 19:19) *
Uhm sì ok ci può stare, ma c'è da dire che l'utente in questione sono giorni che sembra facesse di tutto per portare le persone all'esasperazione. All'inizio credo tutti noi pensassimo che fosse in buona fede con ciò che scriveva e hanno cercato tutti di capire e aiutarla a comunicare con noi (io personalmente mi sono tenuto fuori da tutto, ho commentato solo l'ultimo post di warhol ma non credo di aver scritto niente di così aggressivo onestamente);

Esatto . Io , come te , non ho commentato nulla e mi sono tenuto distante proprio perchè non vedevo una via di uscita in queste discussioni.
Mi sono solo preso di rabbia perchè il forum che frequento con tanta gioia sia incasinato così.

CITAZIONE (Logan232 @ 20/4/2015, 19:19) *
sono stati tutte persone splendide quindi non mi sembra giusto tacciare gli altri di aver aggredito a titolo gratuito Fa Belle; come si dice a Roma, va bene tutto ma direi che lei se l'è ampiamente cercata.

Ed è proprio per questo che chiedo provvedimenti. Mi sono sempre trovato bene con tutti , le discussioni non sono mai andate così e mi godevo questo forum alla grande ed è assurdo che per una persona ci sia tutto questo caos.
Uncino
Frozen Fever: un video backstage del cortometraggio Disney
Capitano Amelia
Ehm, Uncino il video non si vede. smile.gif
Uncino
Sistemato thumb_yello.gif
Simba88
Versioni Pop Funko di Elsa e Anna:

Questa è la versione 'lo-fi' del forum. Per visualizzare la versione completa con molte più informazioni, formattazione ed immagini, per favore clicca qui.