Aiuto - Cerca - Utenti - Calendario
Versione completa: The Disney Compendium
Disney Digital Forum > * The Walt Disney Company * > Universo Disney
Pagine: 1, 2, 3, 4, 5, 6, 7, 8, 9, 10, 11, 12, 13, 14, 15
Grrodon
Ta-Da! Credevate che il Compendium fosse in letargo? Qui si sta lavorando dietro le quinte, ed ecco infatti una nuova immensa sezione. Quella dei Film Live Action! Spero vi piaccia.
Fra X
CITAZIONE (Grrodon @ 1/3/2015, 13:29) *
Qui si sta lavorando dietro le quinte, ed ecco infatti una nuova immensa sezione. Quella dei Film Live Action! Spero vi piaccia.

Grandi! laugh.gif
Capitano Amelia
Complimenti per questa nuova lista ! clapclap.gif

P.S.: E oggi scopro che "Bear" è una serie Disney... ohmy.gif Da piccola sono stata molto più disneyana di quanto pensassi...
Arancina22
A piccoli passi si scalano le grandi montagne!! Complimenti vivissimi a tutti!!! E tanto di cappello! clapclap.gif
(Il lieto stupore del rendersi conto che Guida Galattica Per Autostoppisti è, pur mascherato, di produzione Disney!... happy.gif )
kekkomon
CITAZIONE (Grrodon @ 1/3/2015, 13:29) *
Ta-Da! Credevate che il Compendium fosse in letargo? Qui si sta lavorando dietro le quinte, ed ecco infatti una nuova immensa sezione. Quella dei Film Live Action! Spero vi piaccia.

Tante nuove scoperte post-6-1111346575.gif Complimenti clapclap.gif
Grrodon
Il lavoro continua! E dopo una settimana dal lancio dell'ultima sezione, ecco a voi una sezione nuova nuova, quella dei DOCUMENTARI, in cui abbiamo elencato capolavori Disney come la True Life Adventures e i film Disneynature. Correte a spulciarvela! smile.gif

(Meno cinque sezioni, adesso!)
Fra X
CITAZIONE (Grrodon @ 7/3/2015, 13:17) *
Correte a spulciarvela! smile.gif

Corro! biggrin.gif
Capitano Amelia
Vi faccio ancora tanti complimenti per questa nuova sezione! clapclap.gif
caninlegend
Beh, complimenti! biggrin.gif
lbreda
E proseguiamo con l'apertura delle nuove sezioni! Ecco quella dedicata alle Serie TV Live Action, nella quale probabilmente troverete anche qualcosa la cui disneyantà non è troppo nota.

Le annotazioni riguardo il numero di stagioni e di episodi di ogni serie sono ancora provvisorie e incomplete. Chiediamo perdono, ma non ce l'abbiamo fatta tongue.gif
Capitano Amelia
Ancora complimenti per questi aggiornamenti, il sito sta diventando sempre più interessante ! clapclap.gif thumb_yello.gif
Grrodon
Signori, ecco a voi la più grande delle sezioni del Compendium:

FUMETTO


Che è una sorta di... Compendium nel Compendium. E quindi ha le sue sezioni ancora da aprire, le sue sorprese ancora da svelare, e persino due pinacoteche "magiche" con quadretti che appariranno a sorpresa. Esploratela e diteci che ne pensate!
chipko
CITAZIONE (Grrodon @ 23/3/2015, 2:25) *
Signori, ecco a voi la più grande delle sezioni del Compendium:



Che è una sorta di... Compendium nel Compendium. E quindi ha le sue sezioni ancora da aprire, le sue sorprese ancora da svelare, e persino due pinacoteche "magiche" con quadretti che appariranno a sorpresa. Esploratela e diteci che ne pensate!

Non vedo l'ora di leggere la sezione dedicata a Pk. Una domanda sperando di non apparire idiota: Perché quei fumetti sono "spillati"?
Capitano Amelia
Ancora complimenti per questa sezione ! clapclap.gif

P.S.:

CITAZIONE (chipko @ 23/3/2015, 9:32) *
Perché quei fumetti sono "spillati"?

Si tratta di fumetti che sono stati pubblicati in riviste appositamente dedicate a loro invece che su "Topolino" (fa eccezione la terza serie di PK).
chipko
CITAZIONE (Capitano Amelia @ 23/3/2015, 10:09) *
Ancora complimenti per questa sezione ! clapclap.gif

P.S.:

Si tratta di fumetti che sono stati pubblicati in riviste appositamente dedicate a loro invece che su "Topolino" (fa eccezione la terza serie di PK).

Sì io ho tutti i PK e tutti i MM, so che sono albi a loro stanti, ho fatto una ricerca in rete, spillati è perché hanno le graffette anziché la colla, non ci ero proprio arrivato.
Grrodon
Sì, convenzionalmente li si chiama così. Per estensione lì dentro tratteremo pure cose come il Buena Vista Lab che spillato non è, però è affine nello spirito.
Capitano Amelia
CITAZIONE (Grrodon @ 23/3/2015, 13:21) *
lì dentro tratteremo pure cose come il Buena Vista Lab che spillato non è, però è affine nello spirito.

Questo Buena Vista Lab a cui ti riferisci di che cosa si tratta, di preciso ?
lbreda
È stata una collana di volumetti monografici. La trovi qui.
Capitano Amelia
Grazie mille per il chiarimento, Breda ! Saluto.gif
Grrodon
E come se non bastasse la recente apertura della sezione fumetto ecco a voi:



in cui ci prendiamo cura della miscellanea Disney, toccando i medium che non abbiamo ancora avuto modo di analizzare nelle altre sezioni. Buona esplorazione!
Capitano Amelia
Complimenti anche per questa nuova sezione... clapclap.gif Io non vedo l'ora di leggere l'approfondimento sui Classici mai nati, comincio ora con le interviste ! thumb_yello.gif
Grrodon
Questa notte si è aggiunto un altro tassello al Compendium.



Ovviamente il suo focus principale è il Marvel Cinematic Universe. Buona esplorazione!
CapitanSparrow89
CITAZIONE (Grrodon @ 29/3/2015, 2:40) *
Questa notte si è aggiunto un altro tassello al Compendium.



Ovviamente il suo focus principale è il Marvel Cinematic Universe. Buona esplorazione!

Complimenti per le ultimi sezioni!

Mi chiedevo: non sarebbe il caso di aggiungere i film d'animazione Marvel/Disney e quelli coprodotti con Sony madhouse?
Sarebbero questi:
Iron Man e Hulk Heroes united
Iron Man e Cap America Heroes United
Iron Man Rise of Tecnovore
Avenger confidential Punisher e Black Widow

Mentre nei fumetti tie-in manca Avenger Age of Ultron Prelude
Grrodon
Il tie-in lo aggiungiamo sicuro, mentre per il resto dobbiamo pensarci. Dopotutto, costituendo la Marvel un'entità "a parte" ed estranea al mondo Disney, abbiamo cercato di trattarlo in modo più leggero, utilizzando come criterio quello delle continuity più importanti, senza impelagarci in un mare di roba disordinata.

Ho dato un'occhiata al materiale che hai elencato, e da quel che ho capito dovrebbe rientrare già in due continuity alternative, Marvel Anime e Heroes United Universe. Non è escluso che finisca nel Compendium, però ora come ora abbiamo voluto focalizzarci sugli universi narrativi più attuali e di punta, altrimenti tanto valeva inserire tutto il resto.

Grazie, intanto smile.gif
Capitano Amelia
Complimenti anche per la nuova sezione "Marvel" ! clapclap.gif
Grrodon
Un anno fa esatto io e il team della Tana del Sollazzo ci siamo imbarcati in un'impresa. Mossi unicamente dalla passione e dall'amore verso il mondo Disney abbiamo lanciato un progetto molto speciale. Era il primo aprile, e molti pensarono fosse uno scherzo. Ma non era affatto uno scherzo, stavamo facendo sul serio.

Durante il primo anno di vita di The Disney Compendium abbiamo analizzato sei decenni di animazione disneyana, abbiamo lanciato una pagina facebook che quotidianamente propone news, bozzetti e concept art, abbiamo ricevuto omaggi da alcuni dei più grandi artisti dello studio (e uno di loro è pure un premio Oscar), e abbiamo aperto progressivamente tutte le sezioni del sito. Insomma, abbiamo faticato, versando lacrime, sudore e sangue, ma ne è valsa decisamente la pena. E oggi possiamo finalmente celebrare il compleanno del Compendium proponendovi l'ultima sezione:


con la quale vi invitiamo a prendere la frusta e ad esplorare una galassia lontana lontana. E con questa possiamo finalmente dire che la home del Disney Compendium è finalmente completa, e pronta ad accogliere le schede che da qui in avanti tornerò a scrivere. A partire da oggi dunque i lavori sulle schede ripartono, completeremo i WDAS, la Pixar, vi proporremo schede fumettistiche e non solo. Ci sarà spazio anche per creare all'interno del Sollazzo un altro progetto gemello al Compendium e dedicato a qualcosa di molto amato. Seguiteci, ne vedrete delle belle.

E adesso, festeggiamo, ammirando la home al gran completo. smile.gif

http://www.ilsollazzo.com/c/disney/
chipko
CITAZIONE (Grrodon @ 1/4/2015, 0:52) *
Un anno fa esatto io e il team della Tana del Sollazzo ci siamo imbarcati in un'impresa. Mossi unicamente dalla passione e dall'amore verso il mondo Disney abbiamo lanciato un progetto molto speciale. Era il primo aprile, e molti pensarono fosse uno scherzo. Ma non era affatto uno scherzo, stavamo facendo sul serio.

Durante il primo anno di vita di The Disney Compendium abbiamo analizzato sei decenni di animazione disneyana, abbiamo lanciato una pagina facebook che quotidianamente propone news, bozzetti e concept art, abbiamo ricevuto omaggi da alcuni dei più grandi artisti dello studio (e uno di loro è pure un premio Oscar), e abbiamo aperto progressivamente tutte le sezioni del sito. Insomma, abbiamo faticato, versando lacrime, sudore e sangue, ma ne è valsa decisamente la pena. E oggi possiamo finalmente celebrare il compleanno del Compendium proponendovi l'ultima sezione:


con la quale vi invitiamo a prendere la frusta e ad esplorare una galassia lontana lontana. E con questa possiamo finalmente dire che la home del Disney Compendium è finalmente completa, e pronta ad accogliere le schede che da qui in avanti tornerò a scrivere. A partire da oggi dunque i lavori sulle schede ripartono, completeremo i WDAS, la Pixar, vi proporremo schede fumettistiche e non solo. Ci sarà spazio anche per creare all'interno del Sollazzo un altro progetto gemello al Compendium e dedicato a qualcosa di molto amato. Seguiteci, ne vedrete delle belle.

E adesso, festeggiamo, ammirando la home al gran completo. smile.gif

http://www.ilsollazzo.com/c/disney/

Il mondo Marvel non lo conosco, il mondo della LucasArts sì. Faccio un po' tanta fatica a vederlo in un compendio Disney, un conto è inserire film o videogiochi sviluppati dopo l'acquisto ma mostrare quelli prima non solo sembra un insulto agli appassionati ma sembra anche un'operazione mistificatoria. Cosa c'entrerà mai Maniac Mansion con la Disney? Assolutamente niente. Stessa cosa per i vari StarWars, la mio opinione è che se volete inglobare lo stesso questi universi (che pur ora appartengono alla Disney) dovreste tracciare, anche visivamente, nella pagina una linea che indichi il pre e il post acquisto da parte delle Disney, di modo da rendere chiaro lo stacco.
Altrimenti si perde un po' anche il senso del compendium che in fondo ha lo scopo di parlare di tutto ciò che la Disney ha fatto, in proprio o collaborazione o ha commissionato. Marvel e LucasArts (/films) erano addirittura in competizione essendo concorrenti della Disney, per questo, secondo me, buttarli dentro in questo modo nel compendio, senza almeno una linea di demarcazione, non ha molto senso.
Grrodon
CITAZIONE (chipko @ 1/4/2015, 9:39) *
Il mondo Marvel non lo conosco, il mondo della LucasArts sì. Faccio un po' tanta fatica a vederlo in un compendio Disney, un conto è inserire film o videogiochi sviluppati dopo l'acquisto ma mostrare quelli prima non solo sembra un insulto agli appassionati ma sembra anche un'operazione mistificatoria. Cosa c'entrerà mai Maniac Mansion con la Disney? Assolutamente niente. Stessa cosa per i vari StarWars, la mio opinione è che se volete inglobare lo stesso questi universi (che pur ora appartengono alla Disney) dovreste tracciare, anche visivamente, nella pagina una linea che indichi il pre e il post acquisto da parte delle Disney, di modo da rendere chiaro lo stacco.
Altrimenti si perde un po' anche il senso del compendium che in fondo ha lo scopo di parlare di tutto ciò che la Disney ha fatto, in proprio o collaborazione o ha commissionato. Marvel e LucasArts (/films) erano addirittura in competizione essendo concorrenti della Disney, per questo, secondo me, buttarli dentro in questo modo nel compendio, senza almeno una linea di demarcazione, non ha molto senso.

Vediamo di chiarire le motivazioni di questo mio insulto mistificatorio ai danni dei poveri appassionati tongue.gif

Dunque, se facevo come volevi tu, e mi occupavo solo delle produzioni Marvel e Lucasfilm successive all'acquisizione avrei avuto due liste imbecilli.

In pratica un MCU che iniziava dal terzo film (che tralaltro è Iron Man 2, un sequel), e una saga di SW composta da un episodio 7, un episodio 8 e un episodio 9. Ah, pure la Pixar ne sarebbe stata impoverita, con tanti saluti ai suoi corti tipo il "trascurabilissimo" Luxo Jr. Un tipo di catalogazione robotica e miope, che è esattamente ciò che non serve a nessuno sul web, dal momento che avrebbe finito per fare disinformazione, piuttosto che il contrario. Inoltre sarebbe venuto meno il senso di dedicare a queste realtà due sezioni tutte per loro, dal momento che a quel punto si sarebbe potuto comodamente inserire il materiale all'interno della sezione dei live action Disney, come fatto per i Muppet Studios.

Si è invece scelto di trattarli come due microcosmi a sé, dando loro un posto riservato e nel contempo secondario all'interno della home. Un'ala appositamente dedicata alle New Entry, cioé alle acquisizioni di roba esterna che non pretendono di amalgamarsi al mondo Disney nemmeno per quanto riguarda il marchio. Si tratta a tutti gli effetti di "corpi estranei" che Disney ha comprato acquisendone retroattivamente l'intero catalogo, e che quindi vanno studiati e analizzati come se fossero un discorso a parte. Così a parte che un giorno Disney potrebbe anche decidere di sbarazzarsene (come fece con Miramax) e rivenderli, e allora sparirebbero in toto del Disney Compendium, venendo "scorporati" e ridestinati ad altre sezioni del sito del Sollazzo.

Detto questo, ti faccio notare altre cose.

Pur avendo trattato Marvel e Lucasfilm come due discorsi a parte, sono state comunque presentate in modo parziale. Ci siamo focalizzati sulle loro parti più "compatte" e "listabili", oppure negli ambiti e universi narrativi in cui la Disney Company è maggiormente intervenuta, riservando ai loro ambiti produttivi più dispersivi dei rimandi ad autorevoli link esterni.

Se una sezione dedicata alla LucasArts, materiale del passato che Disney ha solo ereditato, ti ha messo così tanto a disagio, allora che mi dici di questa? E' una sezione intera dedicata a materiale non Disney e che non sarà mai Disney, prodotto per giunta nel presente da altre case e con finalità meramente concorrenziali. Eppure ritengo la loro presenza fondamentale nel Compendium, proprio perché affronta, spiega e mostra quali sono i prodotti non canonici, praticando una divisione netta che non lascia spazio a dubbi.

Infine, le descrizioni. Parli di mistificazione, ma se leggi le descrizioni di ogni lista viene sempre spiegata la storia di ogni unità produttiva, di ogni timeline o universo narrativo, precisando in cosa consista di volta in volta l'intervento della Disney Company, con frequente riferimento allo spartiacque del 25 aprile 2014. Giusto per non lasciare adito a fraintendimenti. Poi chiaramente tu auspichi suddivisioni grafiche ulteriori, ma io penso che esteticamente quelle liste siano belle così, e il testo sia esauriente. Basta aver voglia di leggerlo. E un avventore del Disney Compendium si spera ami leggere, no?
Capitano Amelia
Complimenti per la nuova sezione e tanti auguri al Compendium ! happybday.gif clapclap.gif
chipko
CITAZIONE (Grrodon @ 1/4/2015, 14:47) *
Vediamo di chiarire le motivazioni di questo mio insulto mistificatorio ai danni dei poveri appassionati tongue.gif

Dunque, se facevo come volevi tu, e mi occupavo solo delle produzioni Marvel e Lucasfilm successive all'acquisizione avrei avuto due liste imbecilli.

In pratica un MCU che iniziava dal terzo film (che tralaltro è Iron Man 2, un sequel), e una saga di SW composta da un episodio 7, un episodio 8 e un episodio 9. Ah, pure la Pixar ne sarebbe stata impoverita, con tanti saluti ai suoi corti tipo il "trascurabilissimo" Luxo Jr. Un tipo di catalogazione robotica e miope, che è esattamente ciò che non serve a nessuno sul web, dal momento che avrebbe finito per fare disinformazione, piuttosto che il contrario. Inoltre sarebbe venuto meno il senso di dedicare a queste realtà due sezioni tutte per loro, dal momento che a quel punto si sarebbe potuto comodamente inserire il materiale all'interno della sezione dei live action Disney, come fatto per i Muppet Studios.

Si è invece scelto di trattarli come due microcosmi a sé, dando loro un posto riservato e nel contempo secondario all'interno della home. Un'ala appositamente dedicata alle New Entry, cioé alle acquisizioni di roba esterna che non pretendono di amalgamarsi al mondo Disney nemmeno per quanto riguarda il marchio. Si tratta a tutti gli effetti di "corpi estranei" che Disney ha comprato acquisendone retroattivamente l'intero catalogo, e che quindi vanno studiati e analizzati come se fossero un discorso a parte. Così a parte che un giorno Disney potrebbe anche decidere di sbarazzarsene (come fece con Miramax) e rivenderli, e allora sparirebbero in toto del Disney Compendium, venendo "scorporati" e ridestinati ad altre sezioni del sito del Sollazzo.

Detto questo, ti faccio notare altre cose.

Pur avendo trattato Marvel e Lucasfilm come due discorsi a parte, sono state comunque presentate in modo parziale. Ci siamo focalizzati sulle loro parti più "compatte" e "listabili", oppure negli ambiti e universi narrativi in cui la Disney Company è maggiormente intervenuta, riservando ai loro ambiti produttivi più dispersivi dei rimandi ad autorevoli link esterni.

Se una sezione dedicata alla LucasArts, materiale del passato che Disney ha solo ereditato, ti ha messo così tanto a disagio, allora che mi dici di questa? E' una sezione intera dedicata a materiale non Disney e che non sarà mai Disney, prodotto per giunta nel presente da altre case e con finalità meramente concorrenziali. Eppure ritengo la loro presenza fondamentale nel Compendium, proprio perché affronta, spiega e mostra quali sono i prodotti non canonici, praticando una divisione netta che non lascia spazio a dubbi.

Infine, le descrizioni. Parli di mistificazione, ma se leggi le descrizioni di ogni lista viene sempre spiegata la storia di ogni unità produttiva, di ogni timeline o universo narrativo, precisando in cosa consista di volta in volta l'intervento della Disney Company, con frequente riferimento allo spartiacque del 25 aprile 2014. Giusto per non lasciare adito a fraintendimenti. Poi chiaramente tu auspichi suddivisioni grafiche ulteriori, ma io penso che esteticamente quelle liste siano belle così, e il testo sia esauriente. Basta aver voglia di leggerlo. E un avventore del Disney Compendium si spera ami leggere, no?

Come ho espresso altre volte apprezzamento, in questa occasione ho espresso un parere più critico. Maniac Mansion con un compendium Disney non c'entra proprio niente. Se gli studios acquisissero anche i diritti del Nosferatu che fate? Mettete dentro anche quello?
Poi liberissimi di fare quello che volete. Il compendium resta comunque una cosa fantastica.
Grrodon
Se gli studios acquistano i diritti del Nosferatu per trasmetterlo su Disney XD senza proseguirlo o modificarlo me ne frego pure, se invece lo comprano per metterci le mani e renderlo un prodotto di punta della loro strategia allora è bene tenerne conto.

Poi. Se Disney acquista il Nosferatu e lo integra alle sue strutture, dandogli il marchio Disney come avvenuto per i Muppet o la Pixar, allora me ne occupo al "piano di sopra", integrandolo alle liste preesistenti.

Se Disney si compra un'azienda intera e la tratta come un'azienda nell'azienda, così faccio anche io. E quindi riservo a Marvel e Lucasfilm il piano di sotto, prendendole in esame come aziende, appunto. E selezionando all'interno della loro offerta cosa sia listabile e cosa no. E i punta e clicca lo erano.

Poi in questo bel periodino di sfruttamento intensivo dei vecchi franchise quanto pensi ci vorrà perché Disney commissioni un bel live action di Monkey Island o Maniac Mansion? tongue.gif
Fa Belle di Arendelle
Complimenti vivissimi, anche se un po' in ritardo, per il traguardo raggiunto! Per quello che vale, il Disney Compendium è un sito che adoro, negli intenti come nella pratica, ed ormai da mesi fa parte dei miei preferiti. Quisquilie a parte, una piccola critica vorrei muoverla anch'io: mi sembra infatti che sia stato adottato un "due pesi e due misure" abbastanza palese per quanto riguarda la produzione fumettistica rispetto a quella cinematografico-televisiva. Con questo intendo dire che, se ti proponi di catalogare e recensire ogni singola opera del secondo gruppo, allora dovresti fare lo stesso anche con il primo, altrimenti si tratta di discriminazione. Per carità, analizzare gli autori migliori da una parte ed affrontare ogni singolo classico dall'altra è cosa buona e giusta, ma credo che a molti sia sembrato abbastanza superfluo approfondire ogni singolo cortometraggio della storia disneyana. Perché così, se non vuoi essere "ingiusto", dovresti fare lo stesso anche con tutte le stroblate di questo mondo. In poche parole, la filosofia alla base di questo atteggiamento non mi è molto chiara, ti chiedo perciò di spiegarmela. Grazie.
Non vedo l'ora di leggere l'articolo riguardante i film mai usciti e di scoprire l'entità di questo nuovo, misterioso progetto... Continuate così!
Capitano Amelia
CITAZIONE (Fa Belle di Arendelle @ 6/4/2015, 10:02) *
ma credo che a molti sia sembrato abbastanza superfluo approfondire ogni singolo cortometraggio della storia disneyana.

Io di certo non rientro in questa categoria: anche perchè reputo importante saperne di più circa certi cortometraggi che ai nostri occhi sono datati e poco interessanti da seguire ma fondamentali perchè senza di loro non si sarebbe mai arrivati all'importanza dei WDAS nel campo della cinematografia.
Grrodon
CITAZIONE (Fa Belle di Arendelle @ 6/4/2015, 10:02) *
Complimenti vivissimi, anche se un po' in ritardo, per il traguardo raggiunto! Per quello che vale, il Disney Compendium è un sito che adoro, negli intenti come nella pratica, ed ormai da mesi fa parte dei miei preferiti. Quisquilie a parte, una piccola critica vorrei muoverla anch'io: mi sembra infatti che sia stato adottato un "due pesi e due misure" abbastanza palese per quanto riguarda la produzione fumettistica rispetto a quella cinematografico-televisiva. Con questo intendo dire che, se ti proponi di catalogare e recensire ogni singola opera del secondo gruppo, allora dovresti fare lo stesso anche con il primo, altrimenti si tratta di discriminazione. Per carità, analizzare gli autori migliori da una parte ed affrontare ogni singolo classico dall'altra è cosa buona e giusta, ma credo che a molti sia sembrato abbastanza superfluo approfondire ogni singolo cortometraggio della storia disneyana. Perché così, se non vuoi essere "ingiusto", dovresti fare lo stesso anche con tutte le stroblate di questo mondo. In poche parole, la filosofia alla base di questo atteggiamento non mi è molto chiara, ti chiedo perciò di spiegarmela. Grazie.
Non vedo l'ora di leggere l'articolo riguardante i film mai usciti e di scoprire l'entità di questo nuovo, misterioso progetto... Continuate così!

Per spiegarti un po' meglio il motivo per cui abbiamo gestito i fumetti per sommi capi, laddove per l'animazione abbiamo scelto una strada completista.... sì, abbiamo optato per la politica "due pesi, due misure".

Tutto questo per svariate ragioni:

-. Quantità. Non so se hai realmente presente la differenza quantitativa tra i cortometraggi di Topolino e i suoi fumetti. I primi superano di poco il centinaio, i secondi sono milioni di milioni, materiale che viene prodotto incessantemente in diverse parti del mondo, da decenni e con modalità di produzione di massa che ti farebbero impallidire. Avrebbe veramente senso listare tutto ciò?

-. Qualità. Come ricorderai, già qualche giorno fa ti feci un discorso in cui ti sfatavo il mito del fumetto Disney come "migliore del mondo". Quella che realmente leggiamo e diffondiamo è l'opera di pochi grandi maestri, che rappresentano però l'eccezione all'interno di un universo produttivo abnorme, qualitativamente frastagliato, e - purtroppo - in gran parte indirizzato ad un pubblico quasi esclusivamente infantile. L'animazione WDAS di certo non ha questo problema, dato che è qualitativamente omogenea.

-. Importanza. Mi dispiace molto che tu non veda la differenza tra una storia random disegnata da Paul Murry per la casa editrice Western negli anni 60 in cui c'è Gambadilegno che rapisce il professor Professoroni, e i cortometraggi prodotti dal team di Walt, se non da Walt stesso, che hanno letteralmente plasmato 1) i personaggi Disney 2) la storia della Disney Company 3) la storia dell'animazione 4) la storia del cinema tutto. Posso poi concordare con te che di per sé un "Barnyard Broadcast" non rappresenti chissà che, ma se guardi la cosa da una prospettiva diversa rappresenta un importante tassello di un corpus indiscutibilmente più importante delle tante storie a fumetti realizzate da esterni per etichette esterne.

-. Ruolo del Sito. E' vero che il cinema Disney l'abbiamo elencato tutto, mentre per altri media abbiamo fatto selezioni. Ma persino il cinema live action televisivo, la lista meno "bella" del Compendium, offre meno roba e più omogenea rispetto al fumetto Disney, motivo per cui abbiamo optato per il completismo. Ma non devi lasciarti fuorviare: compendium significa compendio, non certo "clone dell'Inducks". Se vuoi un elencazione di qualsiasi cosa mai prodotta su carta dalla Disney hai quel database, consultabile e completo. Un clone non solo non serviva a niente, ma sarebbe stato dannoso per il tipo di scopo che si prefigura il Compendium, e cioé fornire una bussola di ciò che è realmente importante recuperare nel fumetto Disney. Sono certo che per un avventore sia molto più comodo e utile trovarsi la lista di Gottfredson, di Casty, dello Scarpa autore completo, elenchi omogenei, puliti che possono spingere a recuperarsi le storie, piuttosto che un enorme caos in cui sguazzino tutte le storie brasiliane, i fumetti di Cars 2, quelli di Pavese e di Catalano e quelli di Kim Possible.

Tutto questo per dire che, sì, sono stati usati due pesi e due misure. Criteri difformi per materiale pensato e realizzato in modo difforme. Non tutto ha lo stesso peso, non tutto è uguale a tutto. La Disney ha un secolo di vita, e un sito come questo serve anche a capire cose realmente conti e cosa no, cosa sia importante e cosa no, cosa sia realmente "Disney" e cosa invece sia semplice derivazione. Chi lo decide? Lo decido io. Non ne ho il diritto? Bé non avevo nemmeno il dovere di crearlo questo progetto. Ma dal momento che l'ho fatto è chiaro che l'impronta dei miei criteri di classificazione rimane, e mi sembra anche giusto così.

L'importante è che io sia pronto a motivarli, se interpellato. E lo sono e lo sarò sempre.
Fa Belle di Arendelle
CITAZIONE
Per spiegarti un po' meglio il motivo per cui abbiamo gestito i fumetti per sommi capi, laddove per l'animazione abbiamo scelto una strada completista.... sì, abbiamo optato per la politica "due pesi, due misure".

Tutto questo per svariate ragioni:

Ah, allora non era una mia impressione! tongue.gif

CITAZIONE
-. Quantità. Non so se hai realmente presente la differenza quantitativa tra i cortometraggi di Topolino e i suoi fumetti. I primi superano di poco il centinaio, i secondi sono milioni di milioni, materiale che viene prodotto incessantemente in diverse parti del mondo, da decenni e con modalità di produzione di massa che ti farebbero impallidire. Avrebbe veramente senso listare tutto ciò?

Dipende dalle intenzioni, ovviamente. Però, anche solo scorrendo i vari indici del sito, appare lampante che tutta la produzione cinematografico-televisiva (non posso dire animata perché ci sono anche i film e le serie dal vivo) racchiude nel suo insieme un mare di roba, senza troppi giri di parole. Certo, sempre meno rispetto alla sconfinata produzione fumettistica, estesa a vari paesi del mondo sin dagli anni '30, ma se ti agganci alla quantità, allora potresti fare anche a mano di recensire ogni singolo Disney Channel Original Movie o documentario Disney Nature.

CITAZIONE
-. Qualità. Come ricorderai, già qualche giorno fa ti feci un discorso in cui ti sfatavo il mito del fumetto Disney come "migliore del mondo". Quella che realmente leggiamo e diffondiamo è l'opera di pochi grandi maestri, che rappresentano però l'eccezione all'interno di un universo produttivo abnorme, qualitativamente frastagliato, e - purtroppo - in gran parte indirizzato ad un pubblico quasi esclusivamente infantile. L'animazione WDAS di certo non ha questo problema, dato che è qualitativamente omogenea.

Guarda che per me quel mito esiste ancora tongue.gif A parte questo, continua a farmi soffrire grandemente questa tua teoria secondo cui gli autori validi sarebbero davvero poshissimi: se escludiamo USA, Brasile e Danimarca, davvero non credi che la stragrande maggioranza di chi scrive storie per Topolino sia gente talentuosissima?
Parli degli Animation Studios e fai bene, infatti lo dico anch'io che trattare tutti i classici è a dir poco doveroso; ma non credo di poter essere smentita nell'affermare che la qualità della Television Animation e dei Disney Toon Studios sia leggermente altalenante wink.gif

CITAZIONE
-. Importanza. Mi dispiace molto che tu non veda la differenza tra una storia random disegnata da Paul Murry per la casa editrice Western negli anni 60 in cui c'è Gambadilegno che rapisce il professor Professoroni, e i cortometraggi prodotti dal team di Walt, se non da Walt stesso, che hanno letteralmente plasmato 1) i personaggi Disney 2) la storia della Disney Company 3) la storia dell'animazione 4) la storia del cinema tutto. Posso poi concordare con te che di per sé un "Barnyard Broadcast" non rappresenti chissà che, ma se guardi la cosa da una prospettiva diversa rappresenta un importante tassello di un corpus indiscutibilmente più importante delle tante storie a fumetti realizzate da esterni per etichette esterne.

Non metto certo in dubbio che un classico a caso sia di gran lunga superiore all'opera omnia di Strobl e Murry, ma davvero anche i corti, che spesso e volentieri non sono molto più che siparietti comici, avrebbero quest'enorme importanza? Inoltre, saresti così gentile da spiegarmi in che modo avrebbero plasmato la storia del cinema tutto?

CITAZIONE
-. Ruolo del Sito. E' vero che il cinema Disney l'abbiamo elencato tutto, mentre per altri media abbiamo fatto selezioni. Ma persino il cinema live action televisivo, la lista meno "bella" del Compendium, offre meno roba e più omogenea rispetto al fumetto Disney, motivo per cui abbiamo optato per il completismo. Ma non devi lasciarti fuorviare: compendium significa compendio, non certo "clone dell'Inducks". Se vuoi un elencazione di qualsiasi cosa mai prodotta su carta dalla Disney hai quel database, consultabile e completo. Un clone non solo non serviva a niente, ma sarebbe stato dannoso per il tipo di scopo che si prefigura il Compendium, e cioé fornire una bussola di ciò che è realmente importante recuperare nel fumetto Disney. Sono certo che per un avventore sia molto più comodo e utile trovarsi la lista di Gottfredson, di Casty, dello Scarpa autore completo, elenchi omogenei, puliti che possono spingere a recuperarsi le storie, piuttosto che un enorme caos in cui sguazzino tutte le storie brasiliane, i fumetti di Cars 2, quelli di Pavese e di Catalano e quelli di Kim Possible.

Infatti non era quello che intendevo, perché c'è una bella differenza fra "clone dell'Inducks" (oggettivamente inutile) e "sito che recensisce ogni singola storia Disney mai scritta" (oggettivamente impossibile). E' qualcosa che non avrei mai preteso da nessuno, ma, una volta che decidi di trattare ogni singola opera cinematografico-televisiva, a dispetto della quantità e della qualità, semplicemente mi sorge spontaneo domandarmi perché non optare per un normale "compendio" anche per quanto riguarda questa categoria. Ora, chiaramente leggere tutte, ma proprio tutte le storie Disney del mondo intero è assolutamente impossibile, motivo per cui puoi essere perdonato, ma (ribadisco), ancora non vedo perché accanirsi a recensire anche tutta la robaccia che è stata prodotta dall'altra parte (e fatemelo dire una volta buona!).

CITAZIONE
Tutto questo per dire che, sì, sono stati usati due pesi e due misure. Criteri difformi per materiale pensato e realizzato in modo difforme. Non tutto ha lo stesso peso, non tutto è uguale a tutto. La Disney ha un secolo di vita, e un sito come questo serve anche a capire cose realmente conti e cosa no, cosa sia importante e cosa no, cosa sia realmente "Disney" e cosa invece sia semplice derivazione. Chi lo decide? Lo decido io. Non ne ho il diritto? Bé non avevo nemmeno il dovere di crearlo questo progetto. Ma dal momento che l'ho fatto è chiaro che l'impronta dei miei criteri di classificazione rimane, e mi sembra anche giusto così.

L'importante è che io sia pronto a motivarli, se interpellato. E lo sono e lo sarò sempre.

Ho paura che non sia nessuno di noi a decidere cosa sia Disney e cosa no, ma diciamo che i loghi in copertina o in apertura aiutano tongue.gif Scherzi a parte, nessuno vuole mettere in discussione la tua piena libertà di fare quel che ti pare nel tuo sito. Spero che la mia semplice richiesta di delucidazioni (perché il criterio proprio non mi era chiaro) non sia sembrata una critica supponente o un tentativo d'imposizione.
Grrodon
CITAZIONE (Fa Belle di Arendelle @ 10/4/2015, 18:27) *
Dipende dalle intenzioni, ovviamente. Però, anche solo scorrendo i vari indici del sito, appare lampante che tutta la produzione cinematografico-televisiva (non posso dire animata perché ci sono anche i film e le serie dal vivo) racchiude nel suo insieme un mare di roba, senza troppi giri di parole. Certo, sempre meno rispetto alla sconfinata produzione fumettistica, estesa a vari paesi del mondo sin dagli anni '30, ma se ti agganci alla quantità, allora potresti fare anche a mano di recensire ogni singolo Disney Channel Original Movie o documentario Disney Nature.

Credo che tu stia partendo da un equivoco di fondo. Guarda meglio il Compendium, noterai che alcune caselle riportano la dicitura "in arrivo" e altre no. Solo le prime corrispondono a schede garantite, il resto ovviamente no. Per schede garantite intendo che sono lavori che prima o poi svolgerò, o farò svolgere a collaboratori mi cui mi fido ciecamente (l'utente Tigrotta è al lavoro su Scarpa, per esempio), e per adesso noterai che in tutto il Compendium di garantito hai solo l'animazione (serie tv a parte), e certi fumetti. Il resto non è previsto, e bisognerà accontentarsi delle cronologie, che comunque non sono poco. E questo non significa mica che sia per sempre, ma semplicemente non è un campo che ritengo prioritario o di cui mi andrà di occuparmi. Potrò sempre cambiare idea (e infatti Lost e Star Wars ho già deciso di scriverli e occuparmene personalmente) o accogliere contributi esterni quando sarà il momento, ma per adesso non sono nei piani (che prevedono di dare la precedenza assoluta ai WDAS e poi alla Pixar).

Andiamo, pensavi veramente che io mi fossi visto TUTTI i film tv prodotti dalla disney e tutte le serie tv ABC e fossi pronto a recensirli? La lista però c'è, perché malgrado sia un mare di roba, rimane un mare di cui si vedono le spiagge, e non un oceano privo di confini, come il fumetto.

CITAZIONE
continua a farmi soffrire grandemente questa tua teoria secondo cui gli autori validi sarebbero davvero poshissimi: se escludiamo USA, Brasile e Danimarca, davvero non credi che la stragrande maggioranza di chi scrive storie per Topolino sia gente talentuosissima?

Non lo credo, perché non è così. Nel fumetto Disney la ciofeca è dietro l'angolo, e sono veramente pochi gli autori che non te la fanno incontrare.

CITAZIONE
Parli degli Animation Studios e fai bene, infatti lo dico anch'io che trattare tutti i classici è a dir poco doveroso; ma non credo di poter essere smentita nell'affermare che la qualità della Television Animation e dei Disney Toon Studios sia leggermente altalenante wink.gif

E ovviamente avresti ragione. Le serie tv non sono nei piani (Rudish e MMW a parte), ma i DisneyToon sì. I cheapquel sono stati una pratica deprecabile, ma sono comunque produzioni di rilievo, nel bene e soprattutto nel male. E poi non superano di molto la ventina, e in appendice al lavoro sui WDAS penso che trattarli abbia senso. Per non dimenticare tongue.gif

CITAZIONE
Non metto certo in dubbio che un classico a caso sia di gran lunga superiore all'opera omnia di Strobl e Murry, ma davvero anche i corti, che spesso e volentieri non sono molto più che siparietti comici, avrebbero quest'enorme importanza? Inoltre, saresti così gentile da spiegarmi in che modo avrebbero plasmato la storia del cinema tutto?

Se avrai la pazienza di leggere le schede dei corti fin qui pubblicati, Silly Symphony in primis, la risposta a questa domanda ti sarà chiara. Le regole dell'animazione sono state codificate nei corti, le regole della narrativa disneyana pure, le istruzioni su come muovere i personaggi anchepure. Un semplice Pluto che si insegue la coda a noialtri dirà poco, ma ha di per sé un'importanza fondamentale per gli effetti che ha avuto sulla storia del mezzo. Senza corti niente lunghi, senza corti niente personaggi, senza corti niente Disney. E' pur vero che molti si somigliano, ma non parliamo comunque di un corpus infinito, ma ben delimitato. Non è come il fumetto Disney, infinito e discontinuo. Vale assolutamente la pena prenderlo in esame nella sua totalità.

CITAZIONE
una volta che decidi di trattare ogni singola opera cinematografico-televisiva, a dispetto della quantità e della qualità, semplicemente mi sorge spontaneo domandarmi perché non optare per un normale "compendio" anche per quanto riguarda questa categoria. Ora, chiaramente leggere tutte, ma proprio tutte le storie Disney del mondo intero è assolutamente impossibile, motivo per cui puoi essere perdonato, ma (ribadisco), ancora non vedo perché accanirsi a recensire anche tutta la robaccia che è stata prodotta dall'altra parte (e fatemelo dire una volta buona!).

Come ti ho già spiegato sopra, quella roba non verrà recensita. O meglio, nell'improbabile caso in cui trovassi qualcuno intenzionato a smazzarseli tutti e a redigere un lavoro analogo al mio sui WDAS, allora magari anche sì, ma di certo non prima di essere in età pensionabile. E non penso abbia nemmeno un'utilità farlo. E' meglio concentrarsi sul Disney vero, cioé il cuore dell'impero, le aree che sono state personalmente toccate da Walt e i suoi collaboratori, e che non sono degenerate nel tempo, sforzandosi di portarne avanti gli ideali. E per ora a corrispondere alla descrizione sono i WDAS. Tutto il resto è azienda.
Fa Belle di Arendelle
CITAZIONE
Credo che tu stia partendo da un equivoco di fondo. Guarda meglio il Compendium, noterai che alcune caselle riportano la dicitura "in arrivo" e altre no. Solo le prime corrispondono a schede garantite, il resto ovviamente no. Per schede garantite intendo che sono lavori che prima o poi svolgerò, o farò svolgere a collaboratori mi cui mi fido ciecamente (l'utente Tigrotta è al lavoro su Scarpa, per esempio), e per adesso noterai che in tutto il Compendium di garantito hai solo l'animazione (serie tv a parte), e certi fumetti. Il resto non è previsto, e bisognerà accontentarsi delle cronologie, che comunque non sono poco. E questo non significa mica che sia per sempre, ma semplicemente non è un campo che ritengo prioritario o di cui mi andrà di occuparmi. Potrò sempre cambiare idea (e infatti Lost e Star Wars ho già deciso di scriverli e occuparmene personalmente) o accogliere contributi esterni quando sarà il momento, ma per adesso non sono nei piani (che prevedono di dare la precedenza assoluta ai WDAS e poi alla Pixar).

Andiamo, pensavi veramente che io mi fossi visto TUTTI i film tv prodotti dalla disney e tutte le serie tv ABC e fossi pronto a recensirli? La lista però c'è, perché malgrado sia un mare di roba, rimane un mare di cui si vedono le spiagge, e non un oceano privo di confini, come il fumetto.

Ehm... Avevo proprio travisato: pensavo che "in arrivo" significasse "prossimamente" e che "niente" significasse "in un lontano futuro". blush.gif Dunque il mio discorso non ha più alcun senso.

CITAZIONE
Non lo credo, perché non è così. Nel fumetto Disney la ciofeca è dietro l'angolo, e sono veramente pochi gli autori che non te la fanno incontrare.

Sempre implacabile! tongue.gif Com'è che riservi questi commenti al vetriolo solo ai fumetti e ancora non c'è un classico di cui tu abbia detto "ok, questo è davvero un brutto film"?

CITAZIONE
E ovviamente avresti ragione. Le serie tv non sono nei piani (Rudish e MMW a parte), ma i DisneyToon sì. I cheapquel sono stati una pratica deprecabile, ma sono comunque produzioni di rilievo, nel bene e soprattutto nel male. E poi non superano di molto la ventina, e in appendice al lavoro sui WDAS penso che trattarli abbia senso. Per non dimenticare tongue.gif

Ah, sono così pochi? Con tutto il bombardamento dell'epoca ero convinta che si trattasse di un altro mare di roba... Comunque, se il piano consiste nell'approfondire tutto l'universo narrativo dei Classici, allora ci starebbero anche le serie di Ariel, Aladino ed Ercole, o no?
(...Ma siamo sicuri che la pratica dei seguiti a basso costo sia più deprecabile di quella dei rifacimenti dal vivo? tongue.gif )

CITAZIONE
Se avrai la pazienza di leggere le schede dei corti fin qui pubblicati, Silly Symphony in primis, la risposta a questa domanda ti sarà chiara. Le regole dell'animazione sono state codificate nei corti, le regole della narrativa disneyana pure, le istruzioni su come muovere i personaggi anchepure. Un semplice Pluto che si insegue la coda a noialtri dirà poco, ma ha di per sé un'importanza fondamentale per gli effetti che ha avuto sulla storia del mezzo. Senza corti niente lunghi, senza corti niente personaggi, senza corti niente Disney. E' pur vero che molti si somigliano, ma non parliamo comunque di un corpus infinito, ma ben delimitato. Non è come il fumetto Disney, infinito e discontinuo. Vale assolutamente la pena prenderlo in esame nella sua totalità.

La pazienza non mi manca, sono proprio curiosa di affrontare la lettura di queste schede! (Anzi, inizio subito)
Grrodon
CITAZIONE (Fa Belle di Arendelle @ 12/4/2015, 14:47) *
Sempre implacabile! tongue.gif Com'è che riservi questi commenti al vetriolo solo ai fumetti e ancora non c'è un classico di cui tu abbia detto "ok, questo è davvero un brutto film"?

Perché i WDAS a mio parere hanno sempre lavorato bene. E lavorare bene non significa sfornare sempre e solo capolavori, o i film che vorremmo, ma riuscire comunque a barcamenarsi tra le innumerevoli avversità che si possono incontrare lungo tutto un secolo di esistenza. Hanno avuto i loro momenti bui, hanno preso le loro cantonate, hanno ricevuto le loro batoste, ma sotto il livello della decenza trovo che non siano mai scesi, continuando a portare avanti un discorso artistico preciso, con passi avanti e passi indietro, ma senza svaccare mai completamente. E io di questo ho stima. La stessa cosa non si può dire dei fumetti, ovviamente, che non sono nemmeno una realtà compatta.

E poi comunque stai parlando di due cose troppo diverse. Un film e una storia a fumetti hanno valori produttivi diversi. Un Classico racchiude in sé il lavoro di centinaia e centinaia di artisti con diverse competenze, che influiscono sull'opera finita a vari livelli e in un modo che non possiamo nemmeno stabilire con certezza. Per cui ci vado cauto. Una storia a fumetti è opera di una o due persone, le cui responsabilità sulla buona riuscita dell'opera sono palesi e di facile analisi

CITAZIONE
Ah, sono così pochi? Con tutto il bombardamento dell'epoca ero convinta che si trattasse di un altro mare di roba... Comunque, se il piano consiste nell'approfondire tutto l'universo narrativo dei Classici, allora ci starebbero anche le serie di Ariel, Aladino ed Ercole, o no?
(...Ma siamo sicuri che la pratica dei seguiti a basso costo sia più deprecabile di quella dei rifacimenti dal vivo? tongue.gif )

Per quel che mi riguarda è deprecabile uguale, perché nasce con gli stessi presupposti. I remake in pompa magna inoltre corrono il rischio di sostituire i classici nella testa della gente, e questo è grave.
I cheapquel sono una trentina, a cui si aggiunge un'altra manciata di film, rimane comunque una quantità irrisoria e perfettamente trattabile. Le serie tv sono chiaramente tutto un altro discorso: altro formato, difficilmente affrontabile, dato che ognuna di esse contiene minimo una sessantina di episodi.
Fa Belle di Arendelle
D'accordo, allora mi scuso ancora per il disturbo e la chiudo qui, se non ti dispiace.
Grrodon
E con un certo orgoglio posso dire che oggi inizia la seconda stagione del Compendium! E anche questa volta il battesimo sarà con Elsa e Anna, dato che abbiamo le schede dei corti WDAS di quest'anno:

Frozen Fever


The Further Adventures of Thunderbolt


Siamo di nuovo in pista.
Iago
Che bello rileggere finalmente le vostre schede ragazzi!!!! bentornati!!! thumb_yello.gif
lbreda
Ed eccoci ad un film in tecnica mista che, pur con i suoi pregi sul fronte dell'animazione, mostra nella regia e nello storytelling tutte le difficoltà artistiche della Disney dell'epoca:

Elliott il Drago Invisibile
nunval
Pezzo su Elliott molto bello! Mi permetto solo di ricordare la bellissima versione italiana del film che può vantare Betty Curtis come voce cantante di Nora ( che splendore il testo italiano di "Candle on the water", opera del mio adorato Pertitas -de Leonardis), diretta da Mario Maldesi. Il disco LP con la colonna sonora italiana fu un must per noi che siamo stati ragazzi negli anni '70, il film fu l'uscita di prestigio Disney delle feste di Ognissanti del 1978, il manifesto italiano fu opera del geniale Bruno Napoli, la Panini realizzò uno dei suoi primi e più eleganti album di figurine Disney che, nelle immagini, comprendeva anche le sequenze tagliate dalla versione europea del film!
lbreda
E rieccoci in pista anche con i corti!

Tugboat Mickey è un corto all'apparenza piuttosto convenzionale, ma che rivela tutta la sua genialità nel finale abbastanza inaspettato.
Tugboat Mickey


The Riveter riprende con Paperino un tema, quello della costruzione di edifici, già esplorato da Oswald e Topolino. E lo fa in maniera davvero spassosa, mettendo in fila delle ottime gag e una divertentissima interazione tra il nostro papero preferito e un sosia di Gambadilegno.
The Riveter
lbreda
Bill Posters rappresenta un punto d'arrivo per la miniserie dedicata a Paperino e Pippo, che per alcuni anni verrà messa in stand by
Bill Posters


Donald's Dog Laundry mette in scena l'accoppiata Paperino e Pluto per uno short dai ritmi piuttosto lenti.
Donald's Dog Laundry
LucaDopp
CITAZIONE (lbreda @ 6/5/2015, 0:33) *
E lo fa in maniera davvero spassosa, mettendo in fila delle ottime gag e una divertentissima interazione tra il nostro papero preferito e un sosia di Gambadilegno.

Domanda: perché definirlo un sosia di Gambadilegno e non Gambadilegno stesso?
lbreda
Dopo il "test" di Pluto's Quinpuplets la serie di Pluto prende il via e il Compendium inizia a proporvela! Cominciamo con l'esordio di Butch:
Bone Trouble


Rullino i tamburi, che sul Compendium è arrivata Paperina! Ecco il suo trasciannte corto d'esordio!
Mr. Duck Steps Out
Grrodon
CITAZIONE (LucaDopp @ 7/5/2015, 23:41) *
Domanda: perché definirlo un sosia di Gambadilegno e non Gambadilegno stesso?

Perché come c'è scritto nelle schede, in quegli anni Pietro non veniva usato come un personaggio preciso ma come una figura ricorrente. Per cui si tratta sempre di cloni, alter ego, controfigure o differenti interpretazioni di quel personaggio che nei fumetti da sempre conosciamo come nemesi criminale di Topolino
LucaDopp
CITAZIONE (Grrodon @ 8/5/2015, 2:10) *
Perché come c'è scritto nelle schede, in quegli anni Pietro non veniva usato come un personaggio preciso ma come una figura ricorrente. Per cui si tratta sempre di cloni, alter ego, controfigure o differenti interpretazioni di quel personaggio che nei fumetti da sempre conosciamo come nemesi criminale di Topolino

Aspetto, voce e carattere sono i suoi, quindi non vedo perché dovrebbe essere un clone o una controfigura. Il fatto che sia conosciuto come nemesi criminale di Topolino (cosa appunto sviluppata principalmente nei fumetti) non lo limita a quell'unico ruolo, così come in questi cartoni non esiste una continuity. Anzi, a quei tempi appariva soprattutto nei corti di Paperino e Pippo. In alcuni casi può anche essere vero come dici tu (tipo in Timber, dove si chiama Pierre e ha un accento franco-canadese, o in DuckTales), ma in quel corto è Gambadilegno a tutti gli effetti.
Grrodon
E' Gambadilegno a tutti gli effetti in ogni suo corto, pure quando ha altri nomi, eh. Sempre quello il disegno, sempre quella la mimica e sempre quello il ruolo.

Chiaro che si usano diciture quali "sosia", "clone" o "pietride" proprio per distinguere questi utilizzi da quelli dei fumetti o dei corti anni 30 in cui troviamo "quello vero".
Questa è la versione 'lo-fi' del forum. Per visualizzare la versione completa con molte più informazioni, formattazione ed immagini, per favore clicca qui.