Aiuto - Cerca - Utenti - Calendario
Versione completa: Cinema Italiano d'epoca
Disney Digital Forum > * Off-Topic * > Oltre Disney
chipko
Mi sono avvicinato un pochino al cinema muto, un po' partendo dalle comiche di Chaplin, e al cinema d'epoca in generale. Ovviamente lo zampino ce l'ha messo anche quanti di voi mi hanno fatto scoprire l'amore per la Lattanzi. Ho scoperto che in Italia esiste probabilmente la miglior officina di restauro al mondo di pellicole che è l'immagine ritrovata di Bologna. Se penso che le pellicole di mezzo mondo sono confluite in Italia per essere restaurate ( parlo del progetto Chaplin) non posso che essere orgoglioso. Cmq avvicinandomi al muto ho notato che per quanto riguarda l'estero esiste una sponsorizzazione e una preservazione dei diversi cinema nazionali, come quello tedesco, francese, americano, mentre invece, anche per titoli importanti in italia non ci sono edizioni degne o non ci sono affatto, parlo ad esempio del film Cabiria (che non ho visto), uno dei primi kolossal, restaurato nel 2006 e che è stato poi proiettato in giro nel mondo, eppure qui da noi non esiste nemmeno un'edizione in dvd, occorre rivolgersi al mercato americano. È questo che non capisco, perfino film strapopolari come Don Camillo e Peppone non vengono editi in Italia in Bd e occorre prendere le edizioni tedesche, come mai? Voglio dire, tutti, anche se magari non l'hanno mai visto, hanno in mente una o due scene tratte dal Nosferatu (edito in Bd) mentre in Italia ignoriamo completamente il nostro passato artistico (io per primo) salvo scoprire che all'estero i nostri film vengono apprezzati e studiati (e non parlo solo di Rossellini e della scena della fontana). Ieri mi sono visto Tormento del 1950, ho cercato di vedere se esisteva il dvd per poi scoprire che il film era stato edito addirittura dalla Criterion, ma ovviamente sempre per l'estero. Io non so niente e non sono esperto di niente, ma trovo preoccupante il fatto che così male curiamo il nostro passato. Davvero è sempre e solo una questione di soldi? Possibile che all'estero questi film abbiano un mercato e solo da noi non ce l'abbiano? Voi che ne pensate?
Fra X
Purtroppo hai ragione. Ogni tanto qualcuno per fortuna decide di restaurare qualche film (per "Miracolo a Milano" è stato fatto più volte di recente sia mi pare da Christian de Sica che da Massimo Boldi!), ma mi pare si tratti un pò di casi isolati. Tra metà anni 90 e i 2000 la Fininvest e il compianto Carlo Bernasconi restaurarono alcuni film italiani come la serie di Don Camillo, "Lo sceicco bianco", "I vitelloni", "Francesco, giullare di Dio" e "La ciociara", "La dolce vita", "Giulietta degli spiriti" e "Otto e mezzo". La Cristaldi film attraverso gli eredi dei compianto Franco Cristaldi si è invece occupata dei film del catalogo Lux e prodotti dal famoso produttore mi pare!
Qui c' è un interessante articolo che però risale a 10 anni passa fa (!):
http://annuariocinema.altervista.org/cinem...orestaurato.htm.
Purtroppo la situazione del cinema muto nostrano mi sembra proprio non messa molto bene. Al riguardo c' è un bel film del 53, "La valigia dei sogni" che parla di ocme le pellicole venivano letteralmente abbandonate!
chipko
CITAZIONE (Fra X @ 9/1/2014, 15:34) *
Purtroppo hai ragione. Ogni tanto qualcuno per fortuna decide di restaurare qualche film (per "Miracolo a Milano" è stato fatto più volte di recente sia mi pare da Christian de Sica che da Massimo Boldi!), ma mi pare si tratti un pò di casi isolati. Tra metà anni 90 e i 2000 la Fininvest e il compianto Carlo Bernasconi restaurarono alcuni film italiani come la serie di Don Camillo, "Lo sceicco bianco", "I vitelloni", "Francesco, giullare di Dio" e "La ciociara", "La dolce vita", "Giulietta degli spiriti" e "Otto e mezzo". La Cristaldi film attraverso gli eredi dei compianto Franco Cristaldi si è invece occupata dei film del catalogo Lux e prodotti dal famoso produttore mi pare!
Qui c' è un interessante articolo che però risale a 10 anni passa fa (!):
http://annuariocinema.altervista.org/cinem...orestaurato.htm.
Purtroppo la situazione del cinema muto nostrano mi sembra proprio non messa molto bene. Al riguardo c' è un bel film del 53, "La valigia dei sogni" che parla di ocme le pellicole venivano letteralmente abbandonate!

Grazie mille dell'articolo, l'ho trovato molto interessante! Quando dice alcune persone illuminate, quasi schegge impazzite di questo mondo popolato da incompetenti ed avventurieri, hanno cominciato a prendersi cura dei destini futuri del nostro cinema del… passato il mio pensiero non è potuto non andare a Nun e ad altri in questo forum, come il Lino, Francesco e Marco.
Per quanto riguarda il sottoscritto devo dire di sentirmi ancora un analfabeta, in fatto di cinema. Giusto ieri ho finito di stilarmi una lista per il cinema muto prendendola da wikipedia e dividendola per anni di uscita. Per quanto riguarda il cinema sonoro trovo incredibile che il primo film italiano sia irreperibile: "La canzone dell'amore" del 1930. Non so nemmeno se il film sia bello o brutto e fino a qualche mese fa ne ignoravo l'esistenza.
Cmq man mano che mi scrivevo la lista ho notato che di varie pellicole hanno fatto un reatauro (o a Milano, o a Torino, o a Bologna), ma da quel poco che ho capito, tali film (anche quelli restaurati) rimangono un po' nelle torri d'avorio, vengono proiettati in festival come "il cinema ritrovato" o sono disponibili presso cineteche, ma non godono di una pubblicazione in dvd. Quando penso che in edicola ci vendono tante fregnacce, sarebbe bello una collana che si occupasse del cinema di casa nostra. Anche perché se proponi un film in bianco e nero a degli amici, questi ti guardano come se fossi diventato pazzo, salvo poi ricredersi e dire " Ehi non era affatto male". A volte i retroterra culturali sono importanti, se se ne creasse uno scommetto che nascerebbe anche un nuovo mercato.
Fra X
CITAZIONE (chipko @ 10/1/2014, 14:33) *
Grazie mille dell'articolo


De nada! happy.gif

CITAZIONE (chipko @ 10/1/2014, 14:33) *
e fino a qualche mese fa ne ignoravo l'esistenza.


Io fino a quando non ho letto il tuo commento se non erro! laugh.gif tongue.gif

CITAZIONE (chipko @ 10/1/2014, 14:33) *
sarebbe bello una collana che si occupasse del cinema di casa nostra. Anche perché se proponi un film in bianco e nero a degli amici, questi ti guardano come se fossi diventato pazzo, salvo poi ricredersi e dire " Ehi non era affatto male". A volte i retroterra culturali sono importanti, se se ne creasse uno scommetto che nascerebbe anche un nuovo mercato.


Già!
Questa è la versione 'lo-fi' del forum. Per visualizzare la versione completa con molte più informazioni, formattazione ed immagini, per favore clicca qui.