Aiuto - Cerca - Utenti - Calendario
Versione completa: Mitologia
Disney Digital Forum > * Off-Topic * > Off Topic
Pagine: 1, 2, 3, 4, 5, 6, 7
Klauz_star
Ragazzi mi sono reso conto che manca un topic che ha come argomento la mitologia... io sono appassionato di miti dell'antica Grecia in particolare dell'Odiessa... ne vogliamo parlare qua...ovviamente parliamo anche delle altre mitologie visto che non c'è solo quella Greca.
veu
Ci hai battuto sul tempo, Klauz!!!

In effetti era nei nostri progetti aprire un topic sulla mitologia dove trattare un po' di storie e di racconti e trattare anche le trasposizioni al cinema e in tv...

Bravo!!!

Anche a noi piace moltissimo l'Odissea!!!
Arancina22
Io vado letteralmente PAZZA per la mitologia greca, è davvero qualcosa che mi conquista! Non vedo l'ora di parlarne con voi! wub.gif

(Non per niente il mio primo spettacolo è stato sull'Odissea!) wub.gif
brunhilde
Ma secondo voi, eheheh.gif una che si fa chiamare Brunhilde poteva mancare all'appello?
Bravo Klauz clapclap.gif
veu
Grande Brunhilde e Arancina!!!

Sììììììì così inauguriamo anche questo filone dopo le Fiabe e i Cappa e spada!!!

che bello!!!!
Klauz_star
Di recente mi è venuta voglia di rileggere sia l'Iliade che l'Odiessa... in quest'ultima mi voglio soffermare; ad esempio le sirene secondo Omero non sono metà donna e metà pesce ma metà donna e meta uccello, una sorta di versione abbellita delle arpie, interessante invece i lestringoni che si evince che vivano in sardegna siano rappresentati come cannibili, oppure i lotofagi in africa che sono in teoria i drogati dell'epoca, oppure la maga circe, o la ninfa calispo, o addirittura la lotta con polifemo...

Gli Dei erano l'esaltazioni delle qualità ma anche dei difetti degli uomini... erano potenti, immortali ma anche molto arroganti...
brunhilde
Per chi non ha fatto studi classici o non conosce la materia e si vuole avvicinare (visto che di recente al cinema e in tv hanno sfornato alcuni film mitologici) Klauz, ti suggerisco di cominciare un po' dal principio ovvero presentare un po' chi sono gli dei e gli eroi (non dimentichiamoci di Eracle eheheh.gif ) in modo da arrivare ad Ulisse.
Qualcuno di voi ha letto le Metamorfosi di Ovidio?
Klauz_star
Direi che è una buona idea...

Direi che per cominciare in antichità vi erano i culti pagani, che vertevano la divinazione di più divinità, che cambiavano a seconda del posto e della cultura, con essi si spiegavano l'origine del mondo oppure i fenomeni atmosferici, vi erano legate delle leggende popolari che venivano tramandate di generazione in generazione.

Ad un Dio o una Dea venivano attribuite delle funzioni con annessi poteri, vi era la credenza che fossero esseri superiori agli umani, ma con un aspetto simile al loro... ovviamente non mancava il culto ad essi dedicato, vi erano templi dove vi si potevano pregare e fare offerte in modo da sentirsi protetti, sono presenti in tante raffigurazioni, sia sul marmo che nelle pitture delle anfore...

Gli Dei avevano una classificazione, vi erano gli Dei puri nati dall'unione di due divinità, i semidei, nati dall'unione di un/a mortale e una divinità, le ninfe che erano delle creature magiche annesse a qualche dea che a loro volto avevano le loro sottocategorie (nereidi, grazie, ore etc...)
Vi sono anche gli eroi che sono umani che compiono imprese ardue spesso aiutati o messi in difficoltà da divinità, gli eroi sono coraggiosi e impavidi non si fermano davanti a nulla.

Culti pagani politeisti si trovano nell'antico Egitto, Grecia, Mesopotamia, Italia, buona parte dell'Asia tra cui Giappone, Nord europa... fino al cristianesimo circa (qua correggimi brunilde se sbaglio)



Arancina22
Io devo assolutamente colmare questa mia grave lacuna, non posso non aver mai letto le Metamorfosi! cry.gif
veu
Le Metamorfosi di Ovidio le avevamo lette in greco... ci erano piaciute però...
Klauz_star
Anchio non ho fatto studi classici... (però ho studiato molta epica alle medie), per cui sono curioso.

Intanto possiamo fare delle descrizioni delle varie divinità, solo che prima dei greci ci sono gli Egizi, e prima ancora i Sumeri... nella preistoria avevano dei culti particolari ma non so di preciso a quali divinità si rivolgevano, so che le statuine di donne gravide sono chiamate "venere", ma presumo in tempi recenti siano state chiamate cosi, perché Venere è il nome romano della dea Afrodite.

buffyfan
Io studio archeologia e le divinità sono essenziali*. biggrin.gif Se volete saper qualcosa ditemelo, e se la conosco, la scrivo! laugh.gif

*Soprattutto Egizie, Romane e Cristiane wink.gif
Klauz_star
Il tuo aiuto ci sarà prezioso... io stavo mettere una lista di divinità ma se c'è un esperto preferisco farlo fare a lui!

Io vorrei sapere le connessioni tra le varie divinità...come corrispondono ad esempio Basthet-Afrodite-Venere

buffyfan
CITAZIONE (Klauz_star @ 18/10/2011, 21:35) *
Il tuo aiuto ci sarà prezioso... io stavo mettere una lista di divinità ma se c'è un esperto preferisco farlo fare a lui!

Io vorrei sapere le connessioni tra le varie divinità...come corrispondono ad esempio Basthet-Afrodite-Venere

Esperto è una parola grossa eheheh.gif nemmeno i miei proff. sono esperti dopo 50 anni di studi eheheh.gif

Comunque, non ho capito che devo fare? una lista? divinità di quale civiltà?

E comunque tu la lista mettila, si amplia col tempo poi! biggrin.gif
wink.gif
brunhilde
CITAZIONE (Klauz_star @ 17/10/2011, 20:40) *
Culti pagani politeisti si trovano nell'antico Egitto, Grecia, Mesopotamia, Italia, buona parte dell'Asia tra cui Giappone, Nord europa... fino al cristianesimo circa (qua correggimi brunilde se sbaglio)


Fino ad ora stai andando benissimo kiss2.gif , ma non dimenticare che in India ci sono ancora tracce di politeismo (Shiva, Dharma, Kalì...) così come tra le tribù pellirosse d'America.

CITAZIONE (Klauz_star @ 17/10/2011, 23:52) *
Anchio non ho fatto studi classici... (però ho studiato molta epica alle medie), per cui sono curioso.

Intanto possiamo fare delle descrizioni delle varie divinità, solo che prima dei greci ci sono gli Egizi, e prima ancora i Sumeri... nella preistoria avevano dei culti particolari ma non so di preciso a quali divinità si rivolgevano, so che le statuine di donne gravide sono chiamate "venere", ma presumo in tempi recenti siano state chiamate cosi, perché Venere è il nome romano della dea Afrodite.


Sicuramente Buffy ci illuminerà meglio perchè anch'io sono una "profana" della materia blush2.gif , ma mi sono appassionata alle superiori. Le statuine che citi sono rappresentazioni della Dea Madre ovvero la fertilità della terra. Giusto Buffy?
buffyfan
CITAZIONE (Klauz_star @ 17/10/2011, 20:40) *
Culti pagani politeisti si trovano nell'antico Egitto, Grecia, Mesopotamia, Italia, buona parte dell'Asia tra cui Giappone, Nord europa... fino al cristianesimo circa (qua correggimi brunilde se sbaglio)

Anche in sud America esistevano culti politeisti. gli Inca, i Maya e gli Aztechi sono quelli che mi vengono in mente ora (ed anche i più famosi XD)! smile.gif
Credo comunque che nella maggior parte delle civiltà, la prima forma di religione sia stata quella politeista! unsure.gif

CITAZIONE (brunhilde @ 18/10/2011, 21:59) *
Sicuramente Buffy ci illuminerà meglio perchè anch'io sono una "profana" della materia blush2.gif , ma mi sono appassionata alle superiori. Le statuine che citi sono rappresentazioni della Dea Madre ovvero la fertilità della terra. Giusto Buffy?

Stefano per favore eheheh.gif
Si, esatto.... anche se dipende sempre dalle religioni. La dea madre Kali, non mi sembra molto materna post-6-1111346498.gif
Comunque mi vorrei informare un po di più sull'india in questo senso! Innamorato.gif .... ma non so da dove cominciare! Vorrei tanto partire domani ed andare in India per capirci un po di più eheheh.gif
Klauz_star
allora farò delle liste in base alle mi conoscenze e di cosa ho appresso

Antico Egitto

Osiride: Il Dio dell'oltretomba, rappresenta la nascita e la morte, anche se spesso è stato associato al sole, ucciso dal fratello seth viene ricomposto dalla moglie Iside, dalla quale avrà il figlio Horus considerato uno dei primi Faraoni e dal potere del sole.
Iside: la Dea della fertilità, ma anche associata alla luna, sposa di Osiride e madre di Horus
Horus: rappresentato con la testa di falco è un Dio che rappresenta il potere e il sole, figlio di Osiride e Iside
Seth: il Dio del caos invidioso del potere di Osiride lo uccide con un tranello, raffigurato spesso come uno sciacallo
Anubi: il Dio protettore dei morti precisamente del rito funebre, rappresentato con la testa di cane e spesso confuso con Seth
Hathor: Dea anch'essa del sole ma anche del cibo, spesso raffigurata con corna bovine
Api: Dio dall'aspetto bovino rappresentante la guerra
Basthet: Dea della sensualità rappresentata con aspetto felino
Amon Ra: in teoria anche lui Dio del sole

Antica Grecia
Zeus: il padre degli Dei noto per essere il Dio del fulmine, e per le sue fughe d'amore, marito di Era, molti Dei nascono da relazioni extraconiugali.
Era: moglie di Zeus è conosciuta per essere la Dea del focolare dell'ambiente domestico ma anche per la sua ira per chi si mette contro di lei, e per le infedeltà del marito
Ares: il Dio della guerra
Febo Apollo: nato dall'unione di Zeus e Latona è il Dio delle arti e della musica spesso associato al Sole
Artemide: sorella di Apollo, Dea della caccia spesso associata alla Luna
Afrodite: Dea dell'amore e della bellezza, nata da Crono
Pallade Athena: Dea della saggezza e del coraggio, nasce dalla testa di Zeus
Iris o Eris: Dea dell'arcobaleno
Eride: Dea della discordia colei che getta la mela d'oro sulla tavola degli Dei causando la lite tra Afrodite, Era e Athena
Ade: Dio degli inferi
Persefone: Dea degli inferi compagna di Ade è la figlia di Demetra
Dioniso: Dio del vino
Efesto: Dio del fuoco, è uno dei pochi a non essere rappresentato di bell'aspetto ma deforme
Pan: Dio della lussuria dall'aspetto mezzo caprino spesso identificato con il satana cristiano
Poseidone: Dio del mare rappresentato con un tridente
Eros: Figlio di Afrodite e Ares raffigurato come un bambino alato è il Dio dell'amore
Armonia: Dea dell'armonia figlia di Afrodite e Ares sorella di Eros
Eos: Dio del Sole raffigurato su un carro alato
Selene: Dea della Luna
Demetra: Dea delle messi
Ermes: Messaggero degli Dei raffigurato con calzari alati il suo compito e trasmettere i messaggi e mettere in guardia

Titani- divinità primodiali
Cronos: Dio del tempo
Urano: Dio del cielo
Gaia: Dea della terra
Nereo: Dio dell'oceano
Atlante: colui che sorregge il cielo

Semidei
Ninfe: associate ad un Dio erano creature divine ma non erano nel Monte Olimpo si credeva che vivessero in laghi, boschi e anche il mare...
Tetide: appartiene alle nereidi è la madre di Achille, a cui dona l'invulnerabilità.
Grazie: associate ad Afrodite rappresentano ogni cosa bella sono raffigurate nel quadro di Botticelli "La nascita di Venere/Afrodite" sono coloro che si occupano della Dea appena nata, e del suo culto
Ore: rappresentano l'arco della giornata e sono associate ad Afrodite
Gorgoni: tre mostruose donne dai capelli di serpente e lo sguardo pietrificante, una di loro è Medusa mostro noto per essere in seguito ucciso da Perseo
Graie: rappresentano la saggezza hanno un occhio in tre
Sirene: inizialmente erano donne normali che si vantavano di avere il miglior canto, sfidando Afrodite che per punizione le trasformò in donne mezze uccelli che appaiono nell'Odissea, da non confondere con le arpie, che erano brutte e mostruose e non erano semidee, dal medioevo vennero il mito cambio forma da mezze uccelli diventarono mezze pesce.
Eracle: Figlio di Zeus e una donna mortale Alcmena è un semidio dalla forza sovrumana
Ciclopi: uomini nati da Poseidone dotati di un solo occhio, spesso aiutano il Dio Efesto
Dioscuri: i gemelli Castore e Polluce
Achille: Figlio della Dea Tetide e Peleo combatte la guerra di Troia, dotato di forza sovrumana grazie all'intervento della madre che lo emerge nel fiume Stige
Enea: Figlio di Afrodite e anchise partecipa alla guerra di Troia e poi sarà protagonista dell'Eneide
Circe: maga di bell'aspetto capace di tramutare in animali,vive nell'isola di Eea tramuta in maiali i compagni di Ulisse, e poi intratterrà una relazione con lui, è raffigurata spesso come una donna piacente i capelli sono neri, ma a volte biondi...
Calispo: ninfa del mare abitante dell'isola di Ogigia offre una casa ad Ulisse per sette anni, spesso è raffigurata bionda con la pelle chiara altre volte con la pelle scura e i capelli neri
Medea: la nipote di Circe anche lei dotata di poteri magici, da a Giasone le armi per affrontare le insidie per la conquista del vello d'oro, spesso è raffigurata con la pelle chiara e i capelli lunghi neri

Eroi

Ulisse: Figlio di Laerte e Anticlea dotato di una grande astuzia partecipa alla guerra di Troia e poi sarà protagonista dell'Odiessa il lungo viaggio di ritorno in patria
Diomede: guerriero acheo che partecipa alla guerra di Troia
Agamenone: Re di Micene partecipa alla guerra di Troia insieme al fratello Menelao, rivaleggia con Achille per la schiava Briseide
Menelao: Re di Sparta marito della bella Elena rapida da Paride, che causerà la Guerra di Troia
Aiace Telamonio: guerriero parente di Achille a cui spettano le armi del defunto parente ma gliele sottrarrà Ulisse, muore suicida
Patroclo: migliore amico di Achille cresciuto insieme a lui, morto in guerra indossando le armi di Achille, la sua morte diventerà motivo di vendetta da parte di Achille
Prometeo: colui che ruba il fuoco agli Dei
Giasone: colui che conquista il vello d'oro
Teseo: colui che uccide il minotauro
Perseo: colui che uccide Medusa

Divinita Romane

in teoria sono le stesse ma cambiano alcuni nomi e alcuni subiscono leggere modifiche, e ne compaiono di nuovi

Zeus-Giove
Era-Giunone
Athena-Minerva
Ares-Marte viene associato anche al fuoco
Afrodite-Venere
Efesto-Vulcano
Apollo- rimane uguale ma nella mitologia romana viene spesso associato al sole
Artemide-Diana diventa anche Dea della Luna
Eros-Cupido o anche Amore
Demetra-Cerere
Persefone-Proserpina
Ade-Plutone
Crono-Saturno
Dioniso-Bacco
Ermes-Mercurio: qui diventa Dio dell'aria
Poseidone-Nettuno
Eracle-Ercole
Ulisse- viene chiamato spesso Odisseo dai Greci per via del lungo viaggio affrontato, e per le mille peripezie

nell'antica Grecia si usava il nome del padre come una specie di cognome, Ulisse era detto Laerziade dal padre Laerte, Achille il Pelide da Peleo, Aiace Telamonio da Telamone e via dicendo







veu
Bello!!!

ragazzi... qualcuno conosce la mitologia Hawaiana e Polinesiana? dicono che ha dei rimandi a quella greca...

A noi piace molto quella Greca... ricordiamo le schede che ci fecero fare sugli Dei... dobbiamo vedere se le ritroviamo e le scriviamo...
Klauz_star
Conosco anche qualcosa di quella giapponese

Dei

Amaterasu: Dea del sole (nella mitologia giapponese inizialmente il sole è una donna e la luna un uomo)
Susanoo: Dio della tempesta dispettoso fratello di Amaterasu
Yamata No Orchi: Serpente a sette teste rappresenta il coas
Testu: Dio del Ferro
Inazaghi e Izanami: la coppia divina progenitrice

Il mito di amaterasu: Amaterasu era la splendida Dea del sole, che venerava dal cielo sul Giappone, il Dio Susanoo suo fratello che era molto dispettoso, un giorno la offese, e si chiuse in una grotta e la terra non vide più luce, precipitò nelle tenebre, fu chiamato il principe Ninighi a liberarla, ma vi fu anche la Dea Ama-no-Uzume che posizionò uno specchio davanti alla grotta in modo che riflettesse il sole... dopo essere stata liberata dona al principe Ninighi una spada.

Poi ci sono diverse varianti, tra cui di un'altra Dea che esegue una sensuale danza che attira tutti gli Dei, davanti alla grotta, che alla guardia fu messa una creatura mostruosa... Amaterasu in alcune iconografie ricorda la Madonna cristina, in quanto vestita di bianco con un velo in testa ed emette raggi di sole come se fossero un aura, in alcune versione viene anche definita uomo.
brunhilde
CITAZIONE (Klauz_star @ 18/10/2011, 23:07) *
Divinita Romane

in teoria sono le stesse ma cambiano alcuni nomi e alcuni subiscono leggere modifiche, e ne compaiono di nuovi

Zeus-Giove
Era-Giunone
Athena-Minerva
Ares-Marte viene associato anche al fuoco
Afrodite-Venere
Efesto-Vulcano
Apollo- rimane uguale ma nella mitologia romana viene spesso associato al sole
Artemide-Diana diventa anche Dea della Luna
Eros-Cupido o anche Amore
Demetra-Cerere
Persefone-Proserpina
Ade-Plutone
Crono-Saturno
Dioniso-Bacco
Ermes-Mercurio: qui diventa Dio dell'aria
Poseidone-Nettuno
Eracle-Ercole
Ulisse- viene chiamato spesso Odisseo dai Greci per via del lungo viaggio affrontato, e per le mille peripezie


Alla lista di dei romani dovresti aggiungerne due italici: Vertumno dio dell'inverno e Pomona dea delle messi e dell'estate.

Per quanto riguarda il nome di Ulisse io sapevo un'altra cosa: in greco il vero nome è proprio Odisseo (Οδυσσέας) anche perchè, se ben ricordi, imbroglia Polifemo giocando con il suo nome dato che Nessuno dovrebbe (??) tradursi con Odyssein (Stefano non ridere, ma non ho studiato greco. E' giusto?). Ulisse è la traduzione italiana.
Klauz_star
Credo proprio sia cosi, non ho studiato Greco.

Poi ci sono le divinità pre-colombiante, quelle Atzeche, Maya e Inca...

Ad esempio alle elementari mi raccontarono anche se in forma di favola "La leggenda del principe splendente" ovvero l'origine della terra secondo i Maya, in pratica gli uomini vivevano nel terrore, non c'era niente, un giorno un di loro che si chiamava Wuntz trovo un essere d'orato che si faceva chiamare "Principe splendente" il quale gli chiede di essere tagliato in molte parti in modo che possano mangiare tutti, lui lo fa, e da li nascono forme di vegetazione, in modo da nutrire le persone.

le divinità non le ricordo bene... so che queste civiltà veneravano delle divinità che li portavano a scontri violenti fino ad ammazzarsi dissanguati
brunhilde
Ho recuperato la mia piccola enciclopedia di miti greci. Odisseo si fa chiamare Nessuno in greco è ουδεις. tongue.gif
Klauz_star
sei fantastica! grazie mille...

nella mitologia si narra per la prima volta della favola di cenerentola, ecco la primissima versione ovvero "Il mito di Rodopi".

Rodopi (Ῥοδῶπις, guance rosa), bellissima schiava di stirpe Tracia, lavora nell'abitazione del suo padrone egiziano. Sebbene gentile con lei, il padrone di casa, che passa molto del suo tempo a dormire, è completamente ignaro dei maltrattamenti che è costretta a subire dalle altre schiave. Esse si prendono infatti gioco del suo status di straniera e della sua carnagione chiara, sottoponendola, di conseguenza, a continue ordini e comandi vessatori.
Avendola sorpresa a danzare da sola con grande abilità, egli le fece dono di un paio di pantofole di oro rosso con il risultato, a sua insaputa, di inasprire ancor più il comportamento delle altre schiave nei suoi confronti.
Un bel giorno il faraone Amasis invita il popolo d'Egitto ad un'imponente celebrazione da lui offerta nella città di Menphi. Le altre schiave ostacolano la partecipazione di Rodopi, ingiungendole di portare a termine una lunga lista di ingrati lavori domestici.
Mentre Rodopi è al fiume a fare il bucato con le sue pantofole esposte ad asciugare al sole, improvvisamente Horus, nelle sue sembianze di falcone, si abbatte in picchiata portandone una in volo con sé.
Volato fino a Menphi, il falcone lascia cadere la sua preda in grembo al faraone il quale, interpretato l'evento come un segno da Horus, decreta che tutte le fanciulle del regno dovessero provare la pantofola perché lui avrebbe sposato quella che fosse riuscita a calzarla.
La lunga ricerca del Faraone, rivelatasi fino ad allora vana, lo conduce infine nella casa di Rodopi. La schiava, vista arrivare l'imbarcazione reale, cerca invano di nascondersi. Non riesce però a sfuggire alla vista del faraone che la prega di provare la calzatura. Dopo aver constatato la pertinenza della pantofola al suo piedino, ella trae fuori l'altra e il faraone la prende con sé per sposarla.
brunhilde
Nella mitologia babilonese (e non greca come molti credono) si trova la storia di Piramo e Tisbe che sembra abbia ispirato in parte la tragedia shakespeariana di Romeo e Giulietta, e che viene addirittura narrata nella commedia Sogno di una notte di mezza estate.

Piramo e Tisbe abitano in due case contigue; grazie alla vicinanza si conoscono e col tempo nasce l’amore. Si sarebbero uniti in legittime nozze, se non l’avessero impedito i genitori. Il muro comune alle due case è solcato da una sottile fessura che viene usata dagli innamorati per parlarsi e sussurrarsi dolci parole. Restando divisi, una sera si salutano e ciascuno dà alla sua parte del muro dei baci. L’indomani, dopo essersi a lungo lamentati, stabiliscono di eludere la vigilanza e di tentar di uscire di casa nel silenzio della notte, e una volta fuori, di incontrarsi al sepolcro del re Nino e nascondersi al buio sotto un albero tutto carico di bacche bianche come neve sull’orlo di una freschissima fonte. Rimangono d’accordo così. Di soppiatto, aperta con cautela la porta, Tisbe esce nelle tenebre senza farsi sentire dai suoi, e col volto velato arriva al sepolcro e si siede sotto l’albero prestabilito. Quand’ecco che una leonessa, che aveva appena fatto strage di buoi, giunge con il muso intriso di sangue a dissetarsi alla fonte lì accanto. Tisbe la vede al chiarore della luna, e corre a rifugiarsi in una grotta, ma mentre fuggiva il velo le scivola dalle spalle. La leonessa stava tornando nel bosco quando per caso trova il delicato velo abbandonato e lo straccia con le fauci insanguinate. Piramo, uscito più tardi, scorge nella polvere le orme inconfondibili di una belva e impallidisce dalla paura. Quando poi trova anche il velo macchiato di sangue piange la morte della sua amata e invoca anche per se stesso la morte, essendone lui la causa. Raccolti i brandelli del velo di Tisbe, li porta ai piedi dell’albero convenuto e si conficca il pugnale nel ventre. Morente, lo ritrae dalla ferita e cade a terra supino. Il sangue schizza in alto e i frutti della pianta divengono scuri; la radice inzuppata continua a tingere di rosso cupo i grappoli di bacche. Nel frattempo Tisbe ritorna al luogo stabilito e cerca il giovane innamorato. Ritrova e riconosce la forma della pianta, ma il colore dei frutti la fa restare incerta. Mentre è in dubbio, vede un corpo agonizzante a terra, in una pozza di sangue, e rabbrividisce. Riconosciuto il suo amore, si batte le braccia, si straccia i capelli, abbraccia il corpo amato e bacia il suo gelido volto. Piramo alza per un attimo gli occhi e li richiude. Tisbe preso il pugnale di Piramo si uccide. Prima di morire però rivolge ai genitori di entrambi una preghiera: di restare uniti nella morte in un unico sepolcro, mentre all’albero di serbare il ricordo di questa tragedia conservando il colore scuro dei suoi frutti . Puntandosi il pugnale sotto il petto, si curva sulla lama e si trafigge.

Bella vero?
Klauz_star
Molto.

Poi secondo i babilonesi Adamo prima di Eva, aveva avuto un'altra moglie Lilith, la quale però fu ripudiata perché non si voleva sottomettere al marito, e da li è nato il mito sul "vampiro", Lilith sarebbe una succubus, che però attacca solo esseri di genere maschile.
brunhilde
CITAZIONE (Klauz_star @ 23/10/2011, 19:34) *
Poi secondo i babilonesi Adamo prima di Eva, aveva avuto un'altra moglie Lilith, la quale però fu ripudiata perché non si voleva sottomettere al marito, e da li è nato il mito sul "vampiro", Lilith sarebbe una succubus, che però attacca solo esseri di genere maschile.


Da quello che mi ha detto un'amica che ha studiato l'argomento, l'esistenza di Lilith risulta anche nella tradizione ebraica e si pensa che sia lei, sotto l'aspetto del serpente, ad aver ingannato Eva per gelosia. Ma questa non è più mitologia ma entriamo nel campo della religione.
veu
Ragazzi state facendo un ottimo lavoro!!!

presto vi raccontiamo un po' di mitologia hawaiana che tra qualche anno diventerà abbastanza conosciuta... ma ne parleremo a tempo debito...
Klauz_star
Lilith in alcune culture mi pare sia considerata una Dea, ad esempio in quella Wiccan... se non sbaglio.

C'è una statua molto bella ritrovata nell'isola di Creta, "La Dea dei serpenti" che in teoria rappresenta la fertilità http://www.paleolithicartmagazine.org/serp.jpg

Klauz_star
Mi sono ricordato che in alcune immagini Gesu Cristo è raffigurato senza barba in quanto inizialmente era stato definito il "Nuovo Apollo"... c'è un mosaico che lo raffigura cosi. fine ot



brunhilde
CITAZIONE (Klauz_star @ 25/10/2011, 20:11) *
Mi sono ricordato che in alcune immagini Gesu Cristo è raffigurato senza barba in quanto inizialmente era stato definito il "Nuovo Apollo"... c'è un mosaico che lo raffigura cosi. fine ot


Scusa Klauz, ma non ci stiamo un po' allontanando dall'argomento? huh.gif
Klauz_star
no...ho appena detto fine ot; erano dei collegamenti...ma ricominciamo pure da dove eravamo rimasti.

brunhilde
La mitologia (almeno nel mondo occidentale) ha influenzato grandemente i nostri modi di dire (se non addirittura arricchito il nostro linguaggio). Nello specifico un esempio ovvio, ma anche eclatante sono i nomi dei giorni della settimana sia nel mondo latino che in quello anglo-tedesco. Qui di seguito ve li elenco per un confronto:

lunedi (Luna-Selene) monday (moon) montag (mond)
martedi (Marte) tuesday - dienstag (Tag des Tyr[Teiwaz/Tiwaz]dio della guerra)
mercoledi (Mercurio) wednesday (Wotan/Odino) mittwoch (senza derivazione)
giovedi (Giove) thursday(Thor) donnerstag (Donar)
venerdi (Venere) friday - freitag (Frigg/Freyja)
sabato (derivazione ebraica) saturday (Saturno) samstag (derivazione ebraica)
domenica (derivazione cristiana) sunday - sonntag (Sole)

Come si può vedere, tutti i giorni (tranne il weekend eheheh.gif ) si riferiscono ad un dio mitologico così come la nomenclatura dei pianeti del Sistema Solare.
Per quanto riguarda i modi di dire qualcuno di voi si ricorderà di queste espressioni: perdiana! - pergiove! - perbacco! Quest'ultima poi è salita agli onori della cronaca negli anni Ottanta grazie a Diego Abatantuono che esclamava: Oh pebbacco!
Klauz_star
Interessante... l'altra sera ho visto "Immortals" dove protagonista è Teseo, ma mi è parso troppo fantasioso...insomma Teseo era il figlio del Re Egeo... non il figlio illegittimo del Dio Nettuno...

In ogni caso Il mito di "Teseo e il minotauro" è uno dei miei preferiti anche perché alle elementari la mia classe mise in piedi la recita su esso.
brunhilde
CITAZIONE (Klauz_star @ 15/11/2011, 19:39) *
Interessante... l'altra sera ho visto "Immortals" dove protagonista è Teseo, ma mi è parso troppo fantasioso...insomma Teseo era il figlio del Re Egeo... non il figlio illegittimo del Dio Nettuno...


Scommetto che di Arianna non si fa parola!? eheheh.gif

In campo cinematografico, specie quello dei telefilm, le libertà sono molte e a volte strampalate. Non ti ricordi le serie di Hercules e di Xena? Per non parlare del recente Scontro tra Titani (tra l'altro sta per uscire il secondo film) che ha deluso Lingua3.gif i molti appassionati: a parte il fatto che il film è tutto un errore dry.gif , ma uno dei più grossi è l'amore di Perseo per Io e non per Andromeda. Così cade anche la storia delle costellazioni thumbdown.gif E tutto questo "per esigenze di copione".
Invece, anche se molto criticato a suo tempo, ricordo con affetto il film Hercules del 1983 con Lou Ferrigno: Circe non c'azzeccava per niente, ma almeno si mostravano in maniera decente le sue dodici fatiche.
veu
Abbiamo letto però che nel secondo film di Scontro di Titani nascerà l'amore tra Perseo e Andromeda... speriamo...

Sì i film di genere mitologico sono tutti più o meno inventati... alcuni sono belli, altri meno... se vi va possiamo trattare anche di questi film in questo topic... anche Hercules della Disney è parecchio differente, a noi piace molto, lo troviamo di una genialità senza pari, anche se riconosciamo che è molto diverso dalla storia originale, sembra più una rivisitazione di Superman in epoca greca che non il mito di Ercole, però è geniale...

Di mitologia noi amiamo quella greca tantissimo ma anche quella nordica ci ha sempre affascinato molto... e recentemente abbiamo letto un po' di quella hawaiana, che ha tratti simili a quella greca...
brunhilde
CITAZIONE (Klauz_star @ 18/10/2011, 23:56) *
Conosco anche qualcosa di quella giapponese

Dei

Amaterasu: Dea del sole (nella mitologia giapponese inizialmente il sole è una donna e la luna un uomo)
Susanoo: Dio della tempesta dispettoso fratello di Amaterasu
Yamata No Orchi: Serpente a sette teste rappresenta il coas
Testu: Dio del Ferro
Inazaghi e Izanami: la coppia divina progenitrice

Il mito di amaterasu: Amaterasu era la splendida Dea del sole, che venerava dal cielo sul Giappone, il Dio Susanoo suo fratello che era molto dispettoso, un giorno la offese, e si chiuse in una grotta e la terra non vide più luce, precipitò nelle tenebre, fu chiamato il principe Ninighi a liberarla, ma vi fu anche la Dea Ama-no-Uzume che posizionò uno specchio davanti alla grotta in modo che riflettesse il sole... dopo essere stata liberata dona al principe Ninighi una spada.

Poi ci sono diverse varianti, tra cui di un'altra Dea che esegue una sensuale danza che attira tutti gli Dei, davanti alla grotta, che alla guardia fu messa una creatura mostruosa... Amaterasu in alcune iconografie ricorda la Madonna cristina, in quanto vestita di bianco con un velo in testa ed emette raggi di sole come se fossero un aura, in alcune versione viene anche definita uomo.


La mitologia giapponese è molto bella ed è un vero peccato che i Giapponesi non la facciano conoscere meglio agli occidentali. Qualcosa la si è imparata quando in Italia uscì il fumetto Ushio e Tora dove si accennava ai demoni minori e ad alcune leggende, ma per il resto hanno preferito ingraziarsi il mercato occidentale con la mitologia classica (Saint Seya/Cavalieri dello Zodiaco) e la mitologia nordica (Cyborg 009)
Klauz_star
Io devo ringraziare il fatto di aver trascorso alcuni anni delle elementari, in una scuola "speciale" dove anziché insegnare la religione cristiana si studiava molto la mitologia... infatti grazie a loro che sono qualcosa delle culture cinesi, giapponesi e perfino maya... per poi andare agli egizi, greci e romani, la cosa divertente che dopo aver studiato questi miti mettevamo pure in scena delle recite... tipo sul mito di Amaterasu o sul Principe Celeste...e ovviamente anche sul mito del Minotauro e l'Odissea...

Gli Dei Giapponesi nelle loro storie spesso scendono dal cielo e hanno storie con esseri umani e spesso rinunciano anche allo loro immortalità... c'era un anime che vedevo lo scorso anno su sky dove parlava di una Dea discesa dal cielo che si innamorava di un uomo, il quale prendeva le sue vesti e diventava potente... ricordo che la protagonista era una discendente di questa dea...accidenti non ricordo il nome, è degli stessi autori della pietra azzurra.

Poi da notare che ai giapponesi piace molto la mitologia greca, infatti in molti anime ci sono riferimenti ad essa come Saint seya, Sailor moon... mentre per Samurai troopers si sono ispirati alla loro...

brunhilde
CITAZIONE (Klauz_star @ 20/11/2011, 12:58) *
Gli Dei Giapponesi nelle loro storie spesso scendono dal cielo e hanno storie con esseri umani e spesso rinunciano anche allo loro immortalità... c'era un anime che vedevo lo scorso anno su sky dove parlava di una Dea discesa dal cielo che si innamorava di un uomo, il quale prendeva le sue vesti e diventava potente... ricordo che la protagonista era una discendente di questa dea...accidenti non ricordo il nome, è degli stessi autori della pietra azzurra.


Molti anni fa, non ricordo se sulla RAI o su Mediaset appena comparsa, vidi un lungometraggio giapponese che parlava di una fanciulla divina del regno delle nevi che scende sulla Terra per sconfiggere un demone, ma anche per imparare ad essere una umana. Ricordo che diventa amica di un/una bambino/a e che comunque aveva ancora un certo potere sugli elementi (un vento polare dall'aspetto di un cavallo bianco di nome Blizzard). Nel finale lei affronta il demone dicendogli: Morirò perchè tu muoia! La lezione che lei doveva imparare dagli uomini era proprio questo e cioè l'estremo sacrificio per salvare gli altri. Appresa la lezione ritorna in cielo.

Vi dice niente? Non l'hanno mai più ritrasmesso. cry.gif

P.S.: vi ricordate Sampei il ragazzo pescatore? In una puntata si narra delle origini del pesce-angelo: la sua splendida pinna caudale è il velo di un angelo che, sceso dal cielo per farsi un bagno, aveva perso il suo velo e condannandosi a mai più tornare nel cielo.
Klauz_star
bellissimo tutto quanto, io ricordo l'episodio di sampei che parlava di un pesce che causava terremoti...

nel cartone pollon la mitologia greca viene vista da un lato ironico e spesso si interseca con quella giapponesi

apollo come amaterasu si nasconde in una grotta e il sole smette di splendere
achille è una specie di esibizionista
narciso è un bruttone che viene reso bello da pollon e si vendica facendo diventare brutte le belle donne che l'hanno deriso tra cui eco
zeus dona a cassandra la profezia quando in realtà era stato apollo
eros è bruttismo
afrodite è una donna di mezza età camuffata da giovane attraente
era è in tenuta sadomaso ma fortemente aggressiva
artemide è molto fedele all'originale
apollo è pigro e sfaticato
poseidone non sa nuotare
dioniso invece è un ubriacone
ade e persefone sono due mostri (anche se nel manga persefone può trasformarsi in una bella donna)
athena sembra molto fedele all'originale... forse l'hanno resa meno femminile
efesto è molto fedele all'originale

poi i personaggi vivono come in case giapponesi...

brunhilde
E' vero, anche Pollon è immersa nei miti greci. Bisognerebbe capire se lo scopo era di far conoscere ai piccoli un po' di mitologia o semplicemente di ridere alle nostre spalle facendo la caricatura ai "nostri dei". eheheh.gif Comunque, meglio questo che film come Percy Jackson.
Klauz_star
Pollon penso che sia stato creato per far ridere, dato che nei miti vengono spesso dipinti come superbi e permalosi, in questa storia vogliono mostrare il loro lato debole... anche nella serie tv "Streghe" vengono citati gli antichi dei, è la puntata "Oh mie dee", si viene a scoprire che in realtà erano degli esseri umani a cui erano stati donati dei poteri che li rendevano immortali per difendere il mondo dal caos causato dai titani... interessante come nelle sorelle halliwell vengono fusi più dei, ad esempio Phoebe diventa la dea dell'amore e della bellezza prendendo sicuramente i poteri di Afrodite e Eros, Paige diventa la dea della guerra fondendo sia Ares che Athena, mentre Piper la dea della terra si possono notare Era, Artemide, Demetra, e Mercurio... in questa storia i Titani hanno il potere di trasformare gli Dei in pietre come faceva Medusa... e secondo Chris l'angelo bianco, molte di queste statue un tempo Dei sono nei musei... stranezza però i Titani sono solo tre, in realtà erano molto di più... ad eccezione di Piper i poteri fanno degenerare le sorelle, Phoebe attira tanti uomini, Paige causa una guerra.... Piper verso la fine vittima della disperazione causerà un forte temporale... erano stupendi i costumi anche se più greci sembrano romani...

Ovviamente anche in Sailor moon le protagoniste prendono caratteristiche dalla divinità ad eccezione di Usagi... però Ami, è intelligente proprio come il Dio Mercurio però non era il Dio dell'acqua ma dell'aria (in Giappone acqua e aria sono lo stesso elemento), Rei ricorda a volte più anche la Dea Athena oltre il Dio Ares, è saggia previdente, i suoi attacchi sono basati sul fuoco come Ares... Makoto è molto forte e come Zeus al potere dei fulmini inizialmente (poi passerà al legno)in teoria dovrebbe essere lei il capo... mentre Minako come Afrodite ha la bellezza e in aggiunta la luce... (nella concezione giapponese c'è la luce)... per Usagi non le ho trovate, oh meglio la storia tra Endimione e una dea della Luna dovrebbe essere ma ora non ricordo...

brunhilde
E di Percy Jackson che mi dici?
Klauz_star
Purtroppo non l'ho visto... mentre ho visto Immortals... certo Teseo quando mi raccontavano la sua storia alle elementari me lo immaginavo cosi... ma non il figlio di una contadina e padre ignoto (che po sarebbe il Dio Poseidone)
brunhilde
Per restare in tema di modi di dire e mitologia, chi sa da dove deriva l'espressione in asso (es.: piantare in asso)?
veu
Noi sì!
Teseo dopo essere fuggito con Arianna giunge a Nasso, isola delle Cicladi... qui Teseo poi l'abbandona e lei viene trovata da Dioniso di cui diventa sposa. Dall'abbandono di Arianna da parte di Teseo a Nasso è nata l'espressione "piantare a in Nasso" e col tempo "piantare in asso"...
Klauz_star
ma anche di "sedotta/a e poi abbandonata/o"... sembra il grande amore della propria vita ma in realtà è stato una semplice cotta
brunhilde
Sapete, è così intramontabile il mito di Ulisse che l'anno scorso a scuola i miei figli hanno fatto il progetto-lettura su L'Odissea con tanto di disegni, libro creato in classe e mini-recita alla fine dell'anno (immaginate Ulisse che canta come Jovanotti "Voglio andare a casa, la casa dov'é..." o come Totò "Femmena, tu si' 'na maga, femmena..." rivolto a Circe eheheh.gif ).
Klauz_star
ma che bravi... io invece ho un ricordo non tanto positivo della versione che feci a scuola, le maestre tagliarono di proposito la scena delle sirene! Visto che eravamo negli anni in cui era uscita la sirenetta e dato che tutti disegnavamo ariel da tutte le parti decisero che le sirene erano troppo fuori dagli schemi, troppo irrealistiche... ma non contavano due cose... una che la figura della sirena rappresenta l'inganno il saper non farsi tentare e poi nell'odissea non sono raffigurate come le classiche donne pesce ma come donne uccelli simili alle arpie ma molto più belle e con delle voci aggraziate... onnipresente Circe per la quale affidarono la parte ad una compagna un pochino esuberante... mentre per il ruolo di ulisse non ricordo più chi fu il fortunato... ricordo solo che mi assegnarono il ruolo del Dio Mercurio... e mi andò bene perché inizialmente volevano farmi fare Polifemo..eh no!

Per cui deve essere stato uno spettacolo originalissimo quello dei tuoi figli :-)

brunhilde
La recita era un semplice carosello di cartelloni che raffiguravano le avventure principali di Ulisse e ogni bambino aveva imparato una didascalia. Le canzoni ("Partirà, la nave partirà, Agamennone, Achille, io e te..." clapclap.gif ) servivano ad alleggerire il racconto e a far divertire i genitori.

Saltando di palo in frasca, lo sapevate che nel 2004 è stata fatta una miniserie intitolata La saga dei Nibelunghi (in originale si intitola The ring and the dragon) che dovrebbe essere stata trasmessa anche in Italia? L'avete vista?
veu
Noi l'avevamo vista... ci era anche piaciuta... ricordiamo che l'attrice che fa Brunilde era bellissima... era abbastanza fedele, non troppo, come tutte le produzioni americane del resto... però era bella!!! la fotografia dei luoghi era spettacolare!
Questa è la versione 'lo-fi' del forum. Per visualizzare la versione completa con molte più informazioni, formattazione ed immagini, per favore clicca qui.