Aiuto - Cerca - Utenti - Calendario
Versione completa: L'ultimo libro letto
Disney Digital Forum > * Off-Topic * > Off Topic
Pagine: 1, 2, 3, 4, 5, 6, 7, 8, 9, 10, 11, 12, 13
ping
CITAZIONE (IryRapunzel @ 27/10/2014, 18:20) *
Io ho comprato l'edizione nuova Mondadori, quella con le copertine rigide nere, è splendida. Non so che traduzione sia, ma ad averli tutti farebbero un figurone su uno scaffale!

intendi queste?

se sono queste tranquilla, hanno la traduzione corretta eheheh.gif
purtroppo non sono usciti tutti i romanzi in questa edizione, speriamo che in futuro stamperanno anche gli altri
dimenticavo, per la morte nel villaggio in tutte le edizioni è presente la traduzione anni 30, la traduzione corretta di Diana Fonticoli è stata stampata una sola volta in un omnibus insieme a istantanea di un delitto
IryRapunzel
Sì esatto, proprio quella collana! smile.gif
Fra X
Ho riletto "Il calderone nero" e "Il libro dei tre", i primi due romanzi della saga di Prydain e anche questi mi sono piaciuti più della prima volta che li ho letti. Il punto di forza sono i dialoghi e la caratterizzazione dei personaggi mentre le scene d' azione e di tensione sono ben concentrate. Anche queste due opere contengono morali importanti. Dei bei romanzi per ragazzi. Ora mi è venuta voglia di leggere anche "Taran il girovago" e "Il sommo re".
Sto leggendo poi "Crocera nell' infinito" di A.E. Van Voght, di cui avevo già letto qualche anno fa il bel "Il segreto degli Slan". Si tratta di una fusione di quattro suoi racconti che hanno per protagonista le peripezie dell' astronave Argus e del suo equipaggio. Fin' ora ho letto i primi due, il primo e il quarto se non erro in ordine di pubblicazione. Mi è piaciuto soprattutto il secondo, ma entrambi sono tesi e coinvolgenti e portano con se spunti di riflessione.
Fra X
Ho finito di leggere gli ultimi due libri della saga di Prydain. Il primo, "Taran il girovago", si discosta molto narrativamente dai precedenti visto che ha una struttura ad episodi e vede il protagonista partire alla ricerca delle sue origini. Molto bello e coinvolgente. Secondo me il migliore della serie nel suo riflettere sulla figura umana.
Coinvolgente anche "Il sommo re", l' opera conclusiva fatta soprattutto di battaglie fino allo scontro finale contro il terribile signore del male. Il più cupo della serie e anche qui non mancano gli spunti di riflessione.
Ho finito di leggere anche CN'I e anche gli ultimi due racconti mi sono piaciuti. Anche qui vi sono riflessioni sulla natura umana oltre che sulla scienza.
Ho letto anche il primo racconto con protagonista l' ispettore Dupin creato dalla penna di E.A. Poe che da come ho letto con questi inventò il giallo moderno. Godibile e coinvolgente nella sua brevità con una conclusione piuttosto inaspettata oltre che famosa.
IryRapunzel
Al momento sto leggendo The Grapes of Wrath di Steinbeck e Il secondo sesso di Simone de Beauvoir. smile.gif
Scrooge McDuck
Appena finito di leggere Amleto, dopo Otello e Il Mercante di Venezia, tutti per un esame...ahh, chissà quando leggerò libri per diletto :\
ping
CITAZIONE (Arancina22 @ 30/8/2012, 0:09) *
Le Due Verità
Uno dei preferiti di Agatha assieme a E' Un Problema. Io, pur apprezzando entrambi, ho preferito di più quest'ultimo: nelle Verità Agatha tenta un po' di salvare capra e cavoli,
Titolo italiano poco chiaro.

Concordo, lo considero uno dei miei preferiti(adoro quando si indaga su delitti irrisolti eheheh.gif) solo che Agatha ha dedicato la maggior parte del romanzo a descrivere i personaggi, i loro sentimenti, il loro passato (riuscendoci alla grande, ci sono alcuni capitoli da pelle d'oca) dedicandosi poco alla parte investigativa e dando una conclusione affrettata
poi la morte di Phillip non mi è piaciuta per niente, il personaggio più bello del romanzo e me lo uccide cry.gif , avrei preferito che non ci fossero state altre vittime
il titolo italiano penso che si riferisca al fatto che jacko non è colpevole e che il vero assassino è Kristen le due verità

Capitano Amelia
Io a breve dovrei iniziare "Notre-Dame de Paris" di Victor Hugo: non ne vedo l'ora dacchè ho sempre desiderato leggerlo... smile.gif
Fra X
Io invece sto leggendo "Ian Solo guerriero stellare" di Brian Daley con uno Ian veramente ben caratterizzato cool.gif . Si tratta del primo romanzo della prima trilogia di Solo di cui purtroppo da noi è uscito solo il primo libro.
ping
Ho appena finito di leggere "Polvere negli occhi".
Mi sarà sfuggito o non ho capito niente della storia, ma cosa c'entra la polvere negli occhi? eheheh.gif
Arancina22
"Polvere negli occhi" è la filastrocca stessa (in originale Sing A Song Of Sixpence, il cui secondo verso, A Pocket Full Of Rye, dà il titolo al romanzo in orignale) che serve a sviare l'attenzione collegando tra loro omicidi commessi per motivi diversi.
IryRapunzel
Ho letto Gone Girl. Credetemi, voi volete leggere questo libro. Straordinario.
PrincessMononoke
Ho finito da poco di leggere "Buona Apocalisse a tutti" scritto a quattro mani da Terry Pratchett e Neil Gaiman. Me lo sono divorato, libro molto interessante; tra l'altro era diverso tempo che avrei voluto leggere questi due autori e ho cominciato da un libro che hanno scritto insieme. biggrin.gif
Capitano Amelia
Oggi comincio a leggere "I miserabili" di Hugo; ve lo scrivo più che altro perchè voglio vedere in quanto tempo lo finisco visto che io sono talmente accanita di leggere che un libro sulle 150 pagine (in media) tendo a divorarlo in pochi giorni... tongue.gif
Fra X
Ho finito di leggere qualche tempo fa "Jane Eyre", libro che pur essendo molto del periodo nel descrivere la natura umana e le varie classi risulta ancora piuttosto attuale. happy.gif Il film con Joan Fontaine e Orson Wells mi era piaciuto, ma toglieva tutta la terza parte che è molto bella nell'analizzare la situazione del protagonista e il rapporto tra questa e il reverendo (?) St. John. happy.gif
Ora sto leggendo "Nel cuore della cometa" di Gregory Benford e David Brin e sto finendo (finalmente!) "Olaf spadarossa, uomo del nord" alias "La collana del vagabondo" di Edgar Rice Haggard. Ambientato durante il basso medioevo, seppur di genere è particolare perché è narrato in prima persona dal protagonista che ricorda solo alcuni avvenimenti della sua vita e si snoda in tre libri tra le terre del nord, Costantinopoli e l'Egitto.
*marta*
CITAZIONE (Capitano Amelia @ 14/1/2016, 11:35) *
Oggi comincio a leggere "I miserabili" di Hugo; ve lo scrivo più che altro perchè voglio vedere in quanto tempo lo finisco visto che io sono talmente accanita di leggere che un libro sulle 150 pagine (in media) tendo a divorarlo in pochi giorni... tongue.gif

Ottima scelta questa lettura! È nella top 3 dei miei romanzi preferiti!
@fra X jane eyre è un libro che mi è piaciuto tanto e non me l'aspettavo!

Io ho finito pochi giorni fa di rileggere I pilastri della terra di Ken Follett. .anche se ho tanti libri nuovi da iniziare non ho saputo resistere alla tentazione di rileggerlo
Scrooge McDuck
CITAZIONE (*marta* @ 15/1/2016, 0:33) *
Io ho finito pochi giorni fa di rileggere I pilastri della terra di Ken Follett. .anche se ho tanti libri nuovi da iniziare non ho saputo resistere alla tentazione di rileggerlo

Il mio libro preferito Innamorato.gif
Fra X
CITAZIONE (*marta* @ 15/1/2016, 0:33) *
@fra X jane eyre è un libro che mi è piaciuto tanto e non me l'aspettavo!

Anche a me è successo così! biggrin.gif
Angelo1985
Io ho iniziato Guerra&Pace da un mesetto circa e spero di finirlo prima di iniziare a guardare lo splendido serial di cui ho visto il trailer!
Cmq il libro ve lo consiglio, per ora ho letto le prime 150 pagine e ci sono circa 30 personaggi tutti insieme, scenari di guerra e feste in palazzi descritti nei particolari...insomma, consigliato a tutti coloro che amano le ricche ambientazioni d'epoca e...Downton Abbey biggrin.gif

icon_mickey.gif
Capitano Amelia
CITAZIONE (*marta* @ 15/1/2016, 0:33) *
Ottima scelta questa lettura! È nella top 3 dei miei romanzi preferiti!

Grazie dell'apprezzamento! smile.gif Sono arrivata ai primi due libri della prima parte ("Fantine") e mi sta piacendo assai e purtroppo non sono riuscita ad andare avanti più di tanto perchè mi sono preparata per un esame che oggi ho superato. L'unica cosa che avrei da ridire è sull'introduzione del critico di turno che ne fa una "tutto fumo e niente arrosto" in cui mi sono detta che per fortuna venne redatta due anni prima della pubblicazione de "Il mistero dei candelabri" perchè altrimenti infilava pure quella parodia nella tesi "qualunque prodotto tratto da questo libro fa schifo perchè non è il libro", mi ha dato fastidio più che altro per il tono qualunquista con cui sosteneva la tesi (anche se c'erano spoiler, l'introduzione a "Notre Dame de Paris" cose interessanti ne diceva). Poi per me è stato curioso ritrovare una figura di alto prelato che vive con frugalità e con autentico spirito evangelico a poca distanza di tempo dalla mia lettura de "L'avventura di un povero cristiano" di Silone. happy.gif
Arancina22
Amelia daje coi Miserabili!!! Cosa non è quel libro Innamorato.gif

Angelo, mi leggi nel pensiero?! Anch'io ultimamente volevo leggere Guerra E Pace!!! laugh.gif Non trovo mai il tempo, ma credo che ricominciando ad andare in treno tra un po', i viaggi quotidiani saranno l'occasione per cominciare. Però lo ammetto, non ho resistito a vedere la nuovissima miniserie della BBC (quella con Lily James nei panni di Natasha, per intenderci). Oggi guarderò difatti il terzo di sei episodi, e questa è la mia reazione per la maggior parte del tempo: wub.gif .

Invece io in questo periodo mi sono data ai libri proibiti, censurati, osteggiati, scottanti... di epoche diverse. Ho letto Il Maestro E Margherita (Bulgakov), Il Dottor Zhivago (Pasternak), L'Amante Di Lady Chatterley (Lawrence) e tra poco comincerò Tropico Del Cancro (Miller).
Ho letto anche Chesil Beach (McEwan) ma mi ha deluso, soprattutto perchè L'Inventore Di Sogni (dello stesso autore ma di genere totalmente diverso) mi era piaciuto tantissimo e l'aspettativa era alta.
IryRapunzel
Io sto leggendo i libri di Tanith Lee e mi stanno piacendo molto. Per ora ho letto Volkhavaar, The Silver Metal Lover e ho iniziato da qualche giorno la trilogia di The Birthgrave. Fantasy molto particolare.
Capitano Amelia
CITAZIONE (Arancina22 @ 19/1/2016, 14:38) *
Amelia daje coi Miserabili!!! Cosa non è quel libro Innamorato.gif

Grazie dell'apprezzamento anche da parte tua, Sara! blush.gif
caninlegend
Premetto che non leggo molti libri, ma ho finito da poco di leggere "La visione" di David-Clement Davies, davvero bello! Consigliato a chi, come me, adora i lupi o comunque i romanzi fantasy o drammatici.
*marta*
A proposito di fantasy... voi avete mai letto i libri del ciclo di Shannara? Io sarei curiosa però non conosco nessuno a cui chiedere pareri...
Fra X
CITAZIONE (*marta* @ 21/1/2016, 15:40) *
voi avete mai letto i libri del ciclo di Shannara? Io sarei curiosa però non conosco nessuno a cui chiedere pareri...

A me sono piaciuti tutti, soprattutto "La spada di Shannara", che non è poi una copia de "Il signore degli anelli" come viene detto da diversi secondo me, "Le pietre magiche di Shannara", il ciclo de "L'eredità di Shannara" e quello de "Il viaggio della Jerle Shannara". Terry Brooks riesce secondo me a non ripetersi quasi mai ed a creare dei romanzi proprio avvincenti ed avventurosi con personaggi ben caratterizzati e mondi e comunità affascinanti. happy.gif
LSDS me la prestarono i miei zii nella bella edizione illustrata del 79. ^^
Arancina22
E' ufficiale, ragazzi, ho cominciato anch'io Guerra E Pace... Innamorato.gif adieu heart.gif
(Cominciato nel senso che ormai sto a pg. 280 XD)
Arancina22
Dopo aver finito Guerra E Pace un paio di settimane fa (LEGGETELO) e mentre sono ancora alle prese con Tropico Del Cancro, sto leggendo due libri sul genere dei musical cinematografici per darmi un po' di teoria dopo tanta pratica (la visione di quasi 200 film musical laugh.gif tra poco ci arriverò):

- Musical, per la collana Dizionari del Cinema dell'edizione Electa. Fornisce un elenco di moltissimi film del genere fino al 2006 compreso, ottime spiegazioni -a volte riduttive, ma nel complesso interessantissime e con molte curiosità- e molte 'schede tematiche preparatorie' che aiutano a calarsi in questo bellissimo mondo. Consigliato.

- Hollywood musicals. I 100 più grandi film musicali di tutti i tempi. Un po' snobistico, mette alcuni film nella lista soltanto perchè 'sono film di culto e non si può escluderli', al contempo però canzonando alcune pietre miliari in modo poco simpatico. Insomma, l'autore non sta dalla parte di nessuno se non la sua - gli piace solo prendere un po' in giro alcune pellicole gratuitamente, ma la cosa non ha senso visto che ci ha scritto un libro intero!... Comunque i pregi del libro non sono pochi: prefazione di Jane Powell, rari scatti a colori 'dietro le quinte' anche di film girati in b/n, un formato grande per apprezzare meglio questo spettacolo visivo, schede interessanti quali 'film musical d'animazione non Disney', 'musical western', 'country', 'neri' 'ebrei' e 'arabi', non ultima 'i peggiori film musical' -lista con cui sono in gran parte d'accordo, nel cui novero però l'autore ha l'ardire di mettere anche A Chorus Line, Il Più Felice Dei Miliardari (!), Rent, Sweeney Todd (che ok non è un capolavoro ma è un tentativo apprezzabile di trasposizione cinematografica; certo lo spettacolo è tutt'altra cosa, con i suoi cori e le canzoni non tagliate...)-. C'è da dire che tra i grandi 100 annovera anche film insospettabili e che non ho davvero mai sentito, dovrò tentare di recuperarli. Consigliato per curiosità e per i motivi succitati, ma non prendete per oro colato tutti i suoi giudizi, di certo non è la Bibbia del genere. Traduzione bruttarella.
Arancina22
Continua la mia serie di letture sul mondo dei musical: stavolta tocca a C'Era Una Volta Broadway di Sergio Camerino, ed. Bompiani, 2005. Davvero gustoso, un libro 'piccolo' corredato (udite udite) da un CD che ripropone 17 dei brani menzionati cantati da grandi interpreti come Crosby, Astaire, Fitzgerald e altri; una vera chicca da leggere e ascoltare. Il libro si concentra sulle vite di quattro tra i grandi padri fondatori del musical americano: Jerome Kern, Cole Porter, Irving Berlin e Richard Rodgers - ma non solo: moltissimi sono i nomi, le storie e gli aneddoti riportati e narrati. Molto interessante, molto consigliato.

Sul fronte narrativa ho letto il romanzo La Separazione Del Maschio, di F. Piccolo. Scritto estremamente bene, per i temi trattati e la loro crudità e franchezza è consigliato a un pubblico maturo e poco impressionabile.
Arancina22
Di recente ho letto La Morte Di Ivan Il'ič, di Lev Tolstoj, e Il Vecchio E Il Mare di Ernest Hemingway. Stupendi.

In corso di lettura: La Metamorfosi, di Kafka, e Per Chi Suona La Campana, sempre di Hemingway.
Arancina22
Ho terminato La Metamorfosi. Kafka è come al solito profondamente inquietante ma assolutamente geniale, vale sempre la pena leggerlo!

Al suo posto, assieme a Per Chi Suona La Campana e Tropico Del Cancro (che è bello ma va letto piano per la sua ecletticità e complessità), ho cominciato Narciso E Boccadoro di Hesse. E' periodo di classici per me. smile.gif
Scrooge McDuck
CITAZIONE (Arancina22 @ 24/4/2016, 11:26) *
Ho terminato La Metamorfosi. Kafka è come al solito profondamente inquietante ma assolutamente geniale, vale sempre la pena leggerlo!

Davvero stupendo. Uno di quei libri che bisogna far leggere a scuola senza "se" e senza "ma".
Capitano Amelia
Il 30 Aprile ho finito "I Miserabili"; forse è stato un bene che mi sono trovata ad avere un mare d'impegni, sono stata molto tempo con Valjean ed è un peccato che lo abbia finito... sad.gif
Arancina22
Amelia!! Allora ti sono piaciuti I Miserabili? Innamorato.gifwub.gif

Terminati Per Chi Suona La Campana e Narciso E Boccadoro, entrambi superlativi. Ho invece accantonato, purtroppo, Tropico Del Cancro. Non posso dire che non mi piacesse, infatti è scritto divinamente ed è anche interessante, ma probabilmente sono in un età in cui si apprezza poco questo libro. Lo riprenderò più avanti, così da riuscire a finirlo! smile.gif

Nel frattempo ho letto alcuni libri da cui sono tratti dei film di Hitchcock. Quasi tutti hanno finali diversi da quelli realizzati poi dal maestro del brivido su pellicola.
- La Donna Che Visse Due Volte di T. Narcejac e P. Boileau è molto melodrammatico, non l'ho apprezzato. MOLTO meglio il film!
- Sconosciuti In Treno di P. Highsmith (da cui deriva Delitto Per Delitto o L'Altro Uomo) l'ho trovato invece soprendentemente ben fatto, avvincente e, con la sua prosa asciutta, colpisce nel segno.
- Gli Uccelli, di D. Du Maurier, è altrettanto affascinante, pur seguendo un filone diverso anche per quanto riguarda la trama. Di suo ho letto anche Le Lenti Azzurre, racconto abbinato a Gli Uccelli, inquietante e dallo spunto originale che mi ha ricordato un po' i racconti dell'orrore di Roald Dahl (soprattutto, non so perchè, A Proposito Di Maiali).

In corso di lettura:
- Rebecca, La Prima Moglie, di nuovo di D. Du Maurier;
- Il Mistero Della Signora Scomparsa, di E. L. White;
- Mansfield Park, di Jane Austen.
'Lisss
Prima volta che commento qua... non so se bisogna presentarsi. In ogni caso...

Anche io amo leggere! biggrin.gif Diciamo che cinema e libri sono le mie due grandi passioni! smile.gif Non leggo 'tutto' ma cerco sempre di variare con i generi: classici, storici, fantasy, thriller, gialli, horror...

Magari potrei farvi un elenco delle mie letture estive, partendo dal mese di giugno:

La fiera delle vanità di Thackeray, classico della letteratura inglese ambientato durante le guerre napoleoniche. E' diventato uno dei miei libri preferiti, adoro il modo in cui l'autore descrive con ironia l'intera società inglese, senza difendere alcuna classe o personaggio. Poi amo Becky. happy.gif
Il Quidditch attraverso i secoli, Animali fantastici dove trovarli e Le fiabe di Beda il Bardo di J. K. Rowling. Letti dopo aver finalmente concluso la saga di Harry Potter (iniziata da piccola, recuperati pochi mesi fa i volumi mancanti nella prima edizione, finita a maggio). Molto carini, da leggere se si è fan della saga.
Acqua agli elefanti di Sara Gruen, romanzo ambientato in un circo durante la Grande Depressione. Piaciuto molto, amo gli anni '20-'30 come periodo... biggrin.gif Il film non è male, ma meno bello rispetto al libro.
La collina dei ricordi di Richard Adams. Non so se è possibile definirlo seguito de La collina dei conigli, narra delle avventure a se stanti dei protagonisti del primo libro. Anche questo, da leggere soprattutto se è piaciuto molto il primo (come nel mio caso) smile.gif
Il meglio della vita di Rona Jaffe, romanzo uscito nel '58, vede come protagoniste 4 ragazze di New York (inizio anni '50) con le loro vicissitudini amorose e lavorative. Onestamente non so se definirlo un romanzo rosa o chick lit, è tuttavia diverso dai generi che leggo di solito. Fortunatamente mi è piaciuto, l'ho trovato molto ben scritto, forse alcune parti un po' lentine... ma tutto sommato una bella lettura. Lo consiglio.
La zona morta di Stephen King. Bellissimo. Dopo aver amato Carrie, ho deciso di leggere di più di questo autore (anche perchè alcuni suoi libri mi interessano tantissimo). E' un'opera che va oltre il romanzo horror, tocca i più svariati temi e argomenti: spiritualità, fanatismo, politica, società, America degli anni '70... poi il finale mi ha fatto addirittura versare alcune lacrime... cry.gif
Tono-Bungay di H.G. Wells. Libro meno conosciuto di questo autore (e primo suo che leggo). Non è un' opera di fantascienza, ma un romanzo realistico incentrato sull'impresa commerciale che il protagonista intraprende con lo zio. Onestamente non mi è piaciuto moltissimo, anzi, alcune parti le ho trovate piuttosto noiose e ho fatto fatica ad interessarmi ed andare avanti. Non vorrei sconsigliarvelo anche perchè oggettivamente è un buon romanzo. Magari se l'avete letto o se lo volete leggere ditemi cosa ne pensate.

Ora sto leggendo Via col vento di Margaret Mitchell... Il film lo amo, e adesso sto adorando il libro. Nonostante sia un 'mattone' di 1000 e passa pagine, non è per niente pesante come si potrebbe credere. Anzi, è molto scorrevole, l'ho iniziato il 26 luglio e sono già a metà (contate che tra un impegni, esami...etc... non sono molto veloce a leggere). Va oltre la storia d'amore, l'autrice ha fatto davvero un ottimo lavoro nel descrivere la vita nelle piantagioni del Sud, nelle città della Georgia, la descrizione della guerra e come quest'ultima abbia cambiato la società... Poi amo i personaggi e le loro sfaccettature, mi piace come vengono rappresentati i loro sentimenti, il loro modo di pensare e di agire (ti mostra chiaramente che l'amore di Rossella per Ashley non è spontaneo, ma solo un'infatuazione per un'ideale creato nella testa di una ragazzina...). So che a metà non dovrei già dare un giudizio. Speriamo che prosegua in questo modo...

Poi sono indecisa sul prossimo romanzo da iniziare... Jude l'oscuro? Memorie di una geisha? Dovrei recuperare anche The Help, in casa ho il dvd ancora da vedere... e secondo me è una lettura adatta per agosto/settembre... Ho visto che *marta* ha chiesto un parere per le cronache di Shannara. Avendo in casa i primi due della prima trilogia, sono intenzionata ad iniziarla prima o poi, mi unisco a lei nel chiedere pareri...
Capitano Amelia
CITAZIONE (Arancina22 @ 18/7/2016, 13:36) *
Amelia!! Allora ti sono piaciuti I Miserabili? Innamorato.gifwub.gif

Eh, sì Sara avete fatto benissimo a farmi venire la curiosità riguardo questo libro... biggrin.gif Ammetto di essermi "innamorata" (per rendere il concetto) di Valjean che ho trovato l'autentica ruota motrice dell'intero libro, che personaggio... wub.gif
Arancina22
Per via del mio periodo all'estero ho dovuto sospendere alcune letture (vedi Rebecca, che continuerò prossimamente) ma adesso sto pian piano recuperando tutto, anzi mi sono buttata di nuovo nel mondo della lettura.

Parto con i libri che ho finito di leggere prima della partenza:
- Il Mistero Della Signora Scomparsa: caruccio, ma scritto (o anche tradotto?) davvero malino. La protagonista è insopportabile per buona parte del romanzo, le situazioni sono più assurde della sua controparte cinematografica. Come per La Donna Che Visse Due Volte, mi trovo a consigliare il film di Hitchcock invece del libro.
- Mansfield Park: adorabile, come tutti i romanzi della "zietta" Jane Austen. Molto consigliato.

Dopo il mio ritorno ho letto:
- Belli E Dannati, di F.S. Fitzgerald. Ipnotico. Davvero bello. La parte comica/ironica della prima parte cede il passo al dramma nella seconda, ma la transazione è davvero scorrevolissima, quasi non ce ne si accorge. Consigliato a coloro che, come me, hanno adorato Il Grande Gatsby; da leggere però lentamente.
- La Noia, di R. Moravia. Mi aspettavo un mattonazzo e invece trovo un romanzo scritto ottimamente, in prima persona, con una cura sorprendente, avvincente e mai... noioso. Di prossima visione la versione cinematografica (in cui c'è anche Bette Davis!).
- Lo Straniero, di A. Camus. Un breve romanzo sull'apatia e sul distacco dalle sensazioni. Mi ha lasciato perplessa, in senso buono. Fa riflettere e non è per nulla difficile da leggere.
- Gente Di Dublino, di J. Joyce. Sono rimasta un po' sorpresa dal constatare che alcuni racconti, tra i primi della raccolta, non mi sono piaciuti molto - non li ho capiti, forse. Tuttavia, migliorano l'uno dopo l'altro mentre scorrono le pagine, fino ad arrivare a The Dead, culmine di gioia e calore e al tempo stesso di nostalgia, di rassegnazione alla fuggevolezza della vita. Forse perché è il più lungo, quest'ultimo sa intessere un'atmosfera magica da spirito natalizio (non a caso l'azione si svolge il giorno dell'Epifania). Letto in inglese.
- Gita Al Faro, di V. Woolf. La prosa di Virginia, si sa, non è delle più semplici. Il flusso di coscienza la fa da padrone. Ma come la marea questo romanzo ti attira, ti avviluppa. Se letto piano, con attenzione, come dovrebbe, è possibile ricostruire tutti i ragionamenti psicologici che avvengono nella testa dei personaggi e che, a volte, fanno cambiare il punto di vista dall'uno all'altro all'interno dello stesso capitolo. Malinconico, sì, ma anche dolce e affascinante.

In corso di lettura:
- Furore, di J. Steinbeck. Lo sto venerando, anche se purtroppo sto leggendo la prima traduzione, anni '40, in cui Rose of Sharon è stata ribattezzata Rosa Tea (non so se nella nuova traduzione, che reintegra pezzi mancanti e che ha uno stile più fedele a quello della prosa di Steinbeck senza invenzioni traduttoriali, è stato ritradotto in Rosa di Sharon). Chiedo pareri a chi ha già letto il romanzo.
Late Bloom
CITAZIONE (Arancina22 @ 24/3/2017, 11:21) *
- Gita Al Faro, di V. Woolf. La prosa di Virginia, si sa, non è delle più semplici. Il flusso di coscienza la fa da padrone. Ma come la marea questo romanzo ti attira, ti avviluppa. Se letto piano, con attenzione, come dovrebbe, è possibile ricostruire tutti i ragionamenti psicologici che avvengono nella testa dei personaggi e che, a volte, fanno cambiare il punto di vista dall'uno all'altro all'interno dello stesso capitolo. Malinconico, sì, ma anche dolce e affascinante.

clapclap.gif
La Woolf è la mia scrittrice preferita. In effetti la sua prosa non è scorrevolissima e bisogna essere anche nel mood adatto per apprezzarla appieno. Contenta che ti sia piaciuto, in ogni caso. Tra i suoi scritti ho un debole per "Le Onde", ancora più incentrato sul flusso di coscienza. Non so se l'hai già letto, se così non dovesse essere te lo consiglio happy.gif

Ho da poco finito di leggere Il grande Meaulnes di Alain-Fournier, un romanzo di formazione dai toni sognanti ma anche piuttosto malinconici. Entrato direttamente tra i preferiti di sempre.
Ora ho cominciato Le mille e una notte ma purtroppo in contemporanea sto preparando un esame abbastanza impegnativo e procedo a rilento...
BennuzzO
Dall'inizio dell'anno, ho letto:
Charles Dickens – Oliver Twist (in tal caso si tratta di una rilettura, lo avrò letto tre volte!)
Joël Dicker – La tigre
Lauren Graham – Parlare a raffica
Joël Dicker – Il Libro dei Baltimore
John Green & David Levithan – Will ti presento Will
Lauren Graham – Un giorno, forse
Paula Hawkins – La ragazza del treno
John Green – Teorema Catherine
David Duchovny – Porca vacca
Lousia May Alcott – Fiabe floreali
Hector-Henri Malot – Senza famiglia
Bram Stoker - Dracula (in corso)
Fra X
Io invece sto finendo "Le notti di Salem" di SK, un romanzo davvero inquietante che si rivela anche un'acuta e semplice analisi della provincia americana che nonostante gli anni e i cambiamenti a livello industriale e multimediale non è che sia mutata molto pare.
Del celebre autore avevo letto solo "L'uomo in fuga", scritto sotto pseudonimo e a detta sua in un solo week-end! Bel libro avvincente e dal ritmo serrato ed alienante con un finale però veloce che mi ha lasciato un pò così. Non l'ho trovato all'altezza del resto dell'opera.
Fin'ora in compenso avevo visto le varie traspodizioni filmiche e televisive dei suoi libri. biggrin.gif Secondo me le due miniserie TV de LNDS non hanno reso giustizia al libro. happy.gif
Arancina22
Late Bloom, avevo intenzione (in futuro) di leggere Mrs Dalloway... che ne pensi? Grazie del consiglio smile.gif

Ben, approfitto per chiederti: com'è Dickens? Non ho mai letto nulla di suo se non una tristissima (nel senso di mal fatta) versione accorciata de La Bottega Dell'Antiquario e volevo rimediare leggendo le opere maggiori: Oliver Twist, David Copperfield, il Canto di Natale, Grandi Speranze... smile.gif
Late Bloom
CITAZIONE (Arancina22 @ 24/3/2017, 18:08) *
Late Bloom, avevo intenzione (in futuro) di leggere Mrs Dalloway... che ne pensi? Grazie del consiglio smile.gif

Figurati, e anzi scusa se sono partita in quarta!
Mrs Dalloway credo sia il romanzo più "immediato" della Woolf, accessibile anche a chi proprio mal sopporta il suo stile. La trama anche qui è molto semplice e scarna, serve solo a dare il la al flusso di pensieri. La dilatazione del tempo fa da padrone.
Penso che se hai apprezzato Gita al faro, molto più autobiografico - e quindi malinconico, a parer mio - potrebbe piacerti anche questo.
Clarissa poi è un personaggio in cui risulta facile rispecchiarsi almeno una volta durante la lettura.

Ma chiamami Alessia happy.gif
IryRapunzel
CITAZIONE (Arancina22 @ 24/3/2017, 11:21) *
In corso di lettura:
- Furore, di J. Steinbeck. Lo sto venerando, anche se purtroppo sto leggendo la prima traduzione, anni '40, in cui Rose of Sharon è stata ribattezzata Rosa Tea (non so se nella nuova traduzione, che reintegra pezzi mancanti e che ha uno stile più fedele a quello della prosa di Steinbeck senza invenzioni traduttoriali, è stato ritradotto in Rosa di Sharon). Chiedo pareri a chi ha già letto il romanzo.

AMO Steinbeck. wub.gif
Purtroppo però non ti so rispondere perché l'ho letto in inglese. :/
Capitano Amelia
CITAZIONE (Arancina22 @ 24/3/2017, 18:08) *
il Canto di Natale

Perdona l'intrusione, ma io l'ho letto "Il Canto di Natale" e l'ho sempre trovato bellissimo: è molto breve ma a me ha sempre lasciato grandi emozioni nonostante la storia la conosciamo in tutte le salse e io l'abbia riletto una marea di volte. Di Dickens poi ho letto "Oliver Twist" però non mi lasciò molto entusiasta. Non ricordo se fu per colpa del traduttore o dello stile usato da Charles nel romanzo perchè io la storia del libro l'adoravo già perchè ne avevo letto una riduzione a fumetti fedelissima quando ero piccola.
Arancina22
Ho alzato un piccolo polverone riportando in vita questo topic... laugh.gif
Nessun problema Amelia, anzi grazie! Qualunque parere da parte di chiunque è ben accetto smile.gif
Grazie anche a voi, Iry e Alessia! happy.gif
BennuzzO
CITAZIONE (Arancina22 @ 24/3/2017, 19:08) *
Ben, approfitto per chiederti: com'è Dickens? Non ho mai letto nulla di suo se non una tristissima (nel senso di mal fatta) versione accorciata de La Bottega Dell'Antiquario e volevo rimediare leggendo le opere maggiori: Oliver Twist, David Copperfield, il Canto di Natale, Grandi Speranze... smile.gif

Ciao Sara! Guarda, io adoro Dickens, ho una vera e propria venerazione per lui!
Ti consiglio vivamente Grandi Speranze (il mio preferito!) e Nicholas Nickleby! Li trovo due capolavori immortali! Saluto.gif
Fra X
Anche a me è piaciuto "Grandi speranze". happy.gif Io invece consiglio "Il mistero di Edwin Drood". Scherzo, visto che è incompleto. tongue.gif Ne ho letto in un episodio di "Martin Mystere", "Il ragazzo prodigio". Davvero intrigante ed articolato! Un peccato che il celebre scrittore inglese non abbia potuto completarlo.
IryRapunzel
Grandi speranze è anche il mio preferito. smile.gif
Capitano Amelia
Vorrei leggere qualcosa di Dumas padre: mi consigliate di cominciare dal "Conte di Montecristo" o da "I tre moschettieri" ? Ed eventualmente ci sono anche altri romanzi suoi che vale la pena leggere ?
Late Bloom
Ultimamente mi sono data alla lettura di Calvino (rilettura, in alcuni casi):
La trilogia "I nostri antenati"
"Se una notte d'inverno un viaggiatore"
"Il castello dei destini incrociati"
Il prossimo probabilmente sarà "Le città invisibili". Al momento sto leggendo " La svastica sul sole" di Philip K. Dick.
Questa è la versione 'lo-fi' del forum. Per visualizzare la versione completa con molte più informazioni, formattazione ed immagini, per favore clicca qui.