Benvenuto Visitatore ( Log In | Registrati )


 
Reply to this topicStart new topic
> Gods of Egypt, 2016
kekkomon
messaggio 18/6/2014, 9:45
Messaggio #1


Gold Member
*******

Gruppo: Moderatore
Messaggi: 31.445
Thanks: *
Iscritto il: 31/7/2008
Da: Torre del Greco (NA)




Da comingsoon.net

http://www.comingsoon.net/gallery/119560/h...xpo_2014_50.jpg


User's Signature


Go to the top of the page
 
+Quote Post
darko83
messaggio 18/6/2014, 9:56
Messaggio #2


Advanced Member
****

Gruppo: Utente
Messaggi: 415
Thanks: *
Iscritto il: 12/12/2013
Da: Roma




laugh.gif


User's Signature

Go to the top of the page
 
+Quote Post
kekkomon
messaggio 19/6/2014, 9:15
Messaggio #3


Gold Member
*******

Gruppo: Moderatore
Messaggi: 31.445
Thanks: *
Iscritto il: 31/7/2008
Da: Torre del Greco (NA)




Da BadTaste

Alex Proyas è tornato dietro le macchina da presa dopo Segnali dal futuro. Questa volta il regista di Il Corvo se la vedrà con magia, creature e divinità per un action fantasy ambientato nell'antico Egitto. Nel cast stellare troviamo Gerard Butler (che abbiamo già visto in azione sul set), Nikolaj Coster-Waldau, Brenton Thwaites, Chadwick Boseman, Courtney Eaton, Elodie Yung e Geoffrey Rush.

A seguire, la sinossi e un artwork promozionale provvisorio.

Magia, mostri, divinità e follia regnano tra i palazzi e le piramidi della Valle del Nilo in questa avventura d'azione ispirata alla classica mitologia egizia. Con la sopravvivenza dell'umanità in bilico, un eroe improbabile parte per un viaggio per salvare il mondo e salvare la sua amata.

Set (Gerard Butler), lo spregevole dio delle tenebre, ha usurpato il trono dell'Egitto gettando un impero prospero e pacifico nel caos e nella guerra. Sostenuto da pochi ribelli, Brek (Brenton Thwaites), un mortale insolente e audace, si unisce al potente dio Horus (Nikolaj Coster-Waldau) per combattere insieme contro il perfido regnante. Mentre la loro battaglia mozzafiato li conduce nell'aldilà e nel regno dei cieli, il dio e il mortale dovranno superare prove di coraggio e sacrificio con la speranza di sconfiggere il male nell'ultima battaglia.
La release è fissata al 12 febbraio 2016.


User's Signature


Go to the top of the page
 
+Quote Post
Uncino
messaggio 15/11/2015, 21:21
Messaggio #4


Gold Member
*******

Gruppo: Moderatore
Messaggi: 13.602
Thanks: *
Iscritto il: 7/2/2010
Da: L'Isola che non c'è




Gods of Egypt: Dei e mortali nei primi coloratissimi character poster











User's Signature

Go to the top of the page
 
+Quote Post
Uncino
messaggio 17/11/2015, 20:56
Messaggio #5


Gold Member
*******

Gruppo: Moderatore
Messaggi: 13.602
Thanks: *
Iscritto il: 7/2/2010
Da: L'Isola che non c'è




Nuovo full trailer



User's Signature

Go to the top of the page
 
+Quote Post
Uncino
messaggio 29/11/2015, 9:47
Messaggio #6


Gold Member
*******

Gruppo: Moderatore
Messaggi: 13.602
Thanks: *
Iscritto il: 7/2/2010
Da: L'Isola che non c'è




Gods of Egypt: Alex Proyas e la Lionsgate si scusano per la mancata diversità del cast

Il tema della diversità nel cast delle produzioni hollywoodiane torna in discussione più volte l’anno. Nel 2014 aveva causato non poche polemiche la scelta di Ridley Scott di scegliere Christian Bale e Joel Edgerton per i ruoli di Mosè e Ramses in Exodus, una scelta difesa strenuamente dallo stesso Scott. Qualche settimana fa, poi, l’Hollywood Reporter ha dovuto pubblicare un editoriale per spiegare la mancanza di attrici di colore (o semplicemente non caucasiche) nella copertina del numero dedicato ai nomi in lizza per l’Oscar quest’anno.

Oggi invece tocca al film Gods of Egypt, con una variante rispetto al solito: il regista Alex Proyas e la Lionsgate hanno deciso di scusarsi pubblicamente per aver scelto quasi solo attori bianchi, dopo le polemiche scatenatesi in rete in occasione dell’uscita del trailer e dei poster del film. Ecco il commento di Proyas:

Il processo di casting ha molte variabili complicate, ma è chiaro che le nostre scelte avrebbero dovuto avere maggiore diversità. Mi scuso sinceramente con chi si sono sentiti offesi dalle decisioni che abbiamo preso.

Ecco invece il commento della Lionsgate:

Riconosciamo che è una nostra responsabilità contribuire ad assicurarci che le decisioni di casting riflettano la diversità e la cultura delle ambientazioni e dei periodi storici raffigurati nei nostri film. In questo caso non siamo riusciti a soddisfare i nostri stessi standard di sensibilità e diversità, e per questo ci scusiamo con sincerità. La Lionsgate si impegna attivamente a fare film che riflettano la diversità del pubblico. Possiamo fare di più e continueremo a farlo.

È abbastanza raro che dopo polemiche di questo tipo una major si scusi, come riconosce la regista Ava DuVernay (Selma) su Twitter, pur continuando a polemizzare:

Di solito questo genere di scuse non avvengono mai – per qualcosa che invece succede di continuo. È un evento insolito che non vale nulla. […] Gods of Egypt mi fa valorizzare molto di più le scelte di J.J. Abrams per Star Wars. Mi fa desiderare di vedere più film come Creed di Ryan Coogler. Ci meritiamo tutti delle icone che riflettano la nostra immagine.

Con questo commento la DuVarney evidenzia che la polemica, e le relative scuse, sono avvenute dopo l’uscita del primo trailer del film, a cose ormai fatte.

Forbes / BT

http://www.forbes.com/sites/scottmendelson...ng-controversy/


User's Signature

Go to the top of the page
 
+Quote Post
Uncino
messaggio 17/12/2015, 8:30
Messaggio #7


Gold Member
*******

Gruppo: Moderatore
Messaggi: 13.602
Thanks: *
Iscritto il: 7/2/2010
Da: L'Isola che non c'è




Nuovo trailer



User's Signature

Go to the top of the page
 
+Quote Post

Fast ReplyReply to this topicStart new topic
1 utenti stanno leggendo questa discussione (1 visitatori e 0 utenti anonimi)
0 utenti:

 

RSS Versione Lo-Fi Oggi è il: 18/6/2019, 23:13