Benvenuto Visitatore ( Log In | Registrati )


 
Reply to this topicStart new topic
> Nessuno mi può giudicare, Opinioni sul film
Lif
messaggio 13/4/2011, 11:11
Messaggio #1


Gold Member
*******

Gruppo: Moderatore
Messaggi: 5.241
Thanks: *
Iscritto il: 19/1/2010
Da: Albero cavo







TRAMA (da Filmup):
La trentacinquenne Alice vive in una bella villetta di Roma nord, ha un marito, un figlio di 9 anni e tre domestici extra-comunitari. La sua caratteristica principale è la superficialità ma annovera tra le sue qualità anche l'antipatia e il classismo. La sua vita sembra un sogno dorato ma si rivelerà ben presto un incubo. Suo marito, imprenditore nel ramo dei sanitari, muore in un incidente e lei rimane sul lastrico con un debito fortissimo da saldare e con lo spauracchio che i servizi sociali le portino via il figlio. A questo punto Alice e suo figlio Filippo lasciano i quartieri alti e sono costretti ad andare a vivere in periferia, nel palazzo del cameriere Aziz. Bel trauma...


IL MIO PARERE
Ieri sera ero convinto di vedere Mia moglie per finta, ma la mia solita sfiga ci ha messo lo zampino (“Ci scusi, ma la sala ha avuto un guasto -.-”). La voglia di commedia era comunque alta, così ho deciso di optare per Nessuno mi può giudicare, fatto piuttosto raro perché di solito al cinema non vado mai a vedere film italiani...potere delle Cortellesi insomma! Non aspettandomi niente e non conoscendo praticamente nulla della trama, devo dire che ne sono uscito divertito e piuttosto appagato.
L'opera di Massimiliano Bruno è senza pretese e presenta una comicità semplice (talvolta “guizzante”), ma tutto il cast è in forma (chi più, chi meno) e la vicenda, per quanto prevedibile, non annoia mai. Giusto qualche dubbio potrebbe venire sulle interpretazioni della Cortellesi, che talvolta cede un po' a quello stile di recitazione finto e caricato da sketch televisivo e di Raul Bova, in generale è un tantino opaco nella parte del coatto dal cuore d'oro.
I veri punti deboli di Nessuno mi può giudicare sono tuttavia altri: mentre le parti“comiche” sono solitamente apprezzabili (si ride non poco), quando il film aspira ad assumere toni drammatici (e ne avrebbe tutto il diritto perché la situazione vissuta da Alice è molto pesante) non riesce ad essere incisivo o commuovere, così come sembra traballante nei momenti in cui vorrebbe fare satira sul mondo delle escort e della politica. Un altro difetto risiede nell'eccessivo buonismo che regna sovrano nell'ultima mezz'ora del film. Molti pareri/recensioni concordano su questo punto e in effetti tutto quello che nel finale poteva andare storto o era sbagliato/ingiusto si raddrizza/aggiusta con soluzioni piuttosto frettolose e poco credibili. Peccato, sarebbe stato sufficiente calcare un po' meno la mano. L'ultimo aspetto poco curato è la colonna sonora, ma in film di questo genere si tratta di problemi che non intaccano minimamente la visione del film.

Per concludere, se avete voglia di una commedia a tratti molto divertente (ma senza alcuna pretesa), Nessuno mi può giudicare è il film che fa per voi. Gli attori ci sono e la storia, anche se semplice e buonista, intrattiene quanto basta...poi se vi piace la Cortellesi.

Messaggio modificato da Lif il 13/4/2011, 16:39


User's Signature

Go to the top of the page
 
+Quote Post
Rapy.
messaggio 13/4/2011, 14:45
Messaggio #2


Rap
******

Gruppo: Utente
Messaggi: 1.052
Thanks: *
Iscritto il: 19/1/2011




Concordo assolutamente con tutto quello che ha detto Marco, sarebbe inutile riscrivere il mio pensiero a questo punto smile.gif


User's Signature

Go to the top of the page
 
+Quote Post

Fast ReplyReply to this topicStart new topic
1 utenti stanno leggendo questa discussione (1 visitatori e 0 utenti anonimi)
0 utenti:

 

RSS Versione Lo-Fi Oggi è il: 19/7/2019, 6:33