Benvenuto Visitatore ( Log In | Registrati )


> Biancaneve e i sette nani, 1° Lungometraggio Animato Disney
hector
messaggio 18/4/2005, 10:34
Messaggio #1


Top Member
*****

Gruppo: Utente
Messaggi: 704
Thanks: *
Iscritto il: 24/7/2004
Da: montesilvano




<span style='font-size:21pt;line-height:100%'>BIANCANEVE E I SETTE NANI</span>

Classico n. 1
Titolo originale: SnowWhite and the seven dwarfs
Genere: Classico d'animazione
Produzione: Buena Vista
Anno di produzione: 1937
Data di uscita del dvd: 2001
Regia: David Hand
Durata: 80 minuti
Menù interattivi - Accesso Diretto alle Scene
Lingue in Dolby Digital 5.1: Italiano / Inglese
Sottotitoli : Italiano / Inglese
Formato video: 1.33:1
Confezione: cartonato
N. dischi: 2
Prezo consigliato: fuori catalogo

PRIMO DISCO: il film

Indice delle scene
[1]Titoli di testa
[2]C’era una volta
[3]Lo specchio magico
[4]”Io,spero”
[5]Il principe (“Non ho che un canto”)
[6]Il piano diabolico della regina
[7]La fuga di Biancaneve nella foresta
[8]”Con un canto nel cuor”
[9]La casetta dei sette nani
[10]”Impara a fischiettar”
[11]”Hi-ho”
[12]Biancaneve esplora il piano superiore
[13]Il ritorno dei sette nani alla casetta
[14]Biancaneve si sveglia
[15]”Bluddle-uddle-um-dum”
[16]Ingannata
[17]La regina prepara un travestimento
[18]”La tirolese dei nani”
[19]”Il mio amore un di verrà”
[20]Una sistemazione per la notte
[21]La mela avvelenata
[22]Il mattino seguente
[23]La vecchia strega si avvicina alla casetta
[24]Gli animali avvisano i sette nani del pericolo
[25]La mela
[26]La veglia al capezzale di Biancaneve
[27]Il primo bacio d’amore.

La trama che segue contiene i riferimenti numerici alle scene.

[1]Biancaneve e i sette nani

[2]C’era una volta una bellissima principessa di nome Biancaneve che viveva in un castello costretta dalla matrigna, la regina, a vestire abiti vecchi e logori e a svolgere i lavori più umili. La regina pretendeva di essere la più bella del regno e aveva uno specchio che interrogato le rispondeva confermando questa sua convinzione.



[3]Un giorno però lo specchio sentenziò che Biancaneve era divenuta la più bella. Allora la regina si infuriò e affacciatasi alla finestra vide una scena che ancor più aggravò la sua collera. [4] Nel cortile mentre Biancaneve, nei pressi di un pozzo, confidava a dei colombi il suo sogno di incontrare l’amore della sua vita, [5] ecco che un principe si avvicinò alla principessa sorprendendola e dichiarandole tutto il suo amore.



[6]La gelosa matrigna ordinò ad un suo servo di condurre Biancaneve nel bosco per poi ucciderla, ma l’uomo impietosito raccontò alla piccola fanciulla indifesa i piani della regina e le consigliò di fuggire lontano. [7]Biancaneve corse disperata nella foresta sempre più intricata e spaventosa dove tronchi cavi, rami scheletrici e radici aggrovigliate sembravano assumere le forme più minacciose. [8]Consolata nel bosco dai suoi amici animali, Biancaneve riuscì a raggiungere e a trovare rifugio in una graziosa casetta.



[9] All’interno non sembrava esservi nessuno, ma c’erano tanto disordine e tanta polvere, così [10]dopo aver rassettato e pulito aiutata dalle creature del bosco [12] Biancaneve si recò nella stanza da letto al piano superiore per riposarsi. Qui scoprì che gli abitanti della casa erano sette creature dai buffi nomi. Sfinita si addormentò.



[11]Nel frattempo in una miniera poco lontana sette nani lavoravano cantando allegramente. Al calare del sole si misero in marcia per tornare verso casa, la stessa in cui Biancaneve aveva trovato protezione. [13]Avvicinatisi, e vedendo la luce accesa, capirono che qualcuno era nella loro dimora. Dopo un po’ di tentennamento si fecero coraggio, entrarono e scoprirono la principessa. [14]Ascoltata la sua storia decisero di ospitarla. Biancaneve in cambio si offrì di pulire, lavare e cucinare. [15]Biancaneve preparò la cena per tutti mentre i nani, un po’ riluttanti, andarono a lavarsi le mani dopo chissà quanto tempo che non lo facevano.



[18]Quella sera si fece gran festa nella casetta dei nani e [19]Biancaneve confidò anche ai loro nuovi amici il suo amore e la sua nostalgia per il principe che aveva conosciuto. Le ore trascorsero piacevolmente finché venne l’ora di andare a dormire:[20] i nani si offrirono di trascorrere la notte nella stanza da pranzo lasciando alla principessa la loro stanza da letto.



[16]Nel castello intanto la regina, grazie al suo specchio, scoprì quello che davvero era accaduto nel bosco e così decise di provvedere lei stessa alla sorte della principessa. [17]Si tramutò con una pozione in una vecchia mendicante vestita di cenci. [21]Quindi stregò una mela in modo che se la principessa l’avesse morsa sarebbe caduta in un sonno mortale con la sola effimera speranza di essere risvegliata dal primo bacio d’amore. Recatasi nelle prigioni del castello l’orribile strega si imbarcò su una zattera diretta verso la casetta nel bosco.



[22]All’indomani i nani raccomandarono a Biancaneve di non aprire a nessuno sconosciuto che si fosse avvicinato alla casetta, quindi la salutarono affettuosamente si misero in marcia per andare a lavorare nella miniera.
[23] Poco dopo, mentre Biancaneve preparava una torta, la vecchia si avvicinò alla casa e chiese un po’ di ospitalità per riposare e Biancaneve mossa a compassione e del tutto ignara di quale fosse la vera identità della donna la fece entrare. [24]Gli animali allarmati, anche a causa di due sinistri avvoltoi che avevano seguito la regina, corsero verso la miniera per avvisare i nani della strana presenza.



[25] La regina cominciò a descrivere le proprietà magiche della sua mela: chiunque l’avesse morsa avrebbe visto esaudito un suo desiderio. Biancaneve, che pensava ancora al suo principe, ingannata dalle parole della megera diede un morso al frutto e cadde a terra senza vita. La vecchia urlò la sua vittoria e velocemente uscì di casa, ma notò che i nani stavano correndo verso l’abitazione, così, spaventata, iniziò a fuggire verso un altura. Per impedire ai nani di raggiungerla si arrampicò sempre più in alto, ma la pioggia, che iniziò a cadere violenta, rendeva più difficile l’ascesa. Ad un certo punto la regina decise di schiacciare i suoi inseguitori con un masso, ma nel tentativo di smuoverlo con l’aiuto di un bastone, lo schianto di una folgore sgretolò il picco sul quale si era rifugiata facendola precipitare nel vuoto.



[26]I nani tornarono a casa e piansero la morte di Biancaneve. La adagiarono in una bara di cristallo vegliandola giorno e notte. Trascorsero le stagioni fino a quando in un giorno di primavera il principe, che non aveva mai smesso di cercare la principessa, scoprì la casetta e qui, appreso quello che era accaduto a Biancaneve, volle salutarla con un ultimo bacio.



[27]Non appena le labbra del principe sfiorarono quelle della fanciulla, l’incantesimo si ruppe e la principessa dischiuse i suoi occhi. Tutti erano increduli e piangevano di gioia: i nani facevano festa, gli animali salterellavano,. gli uccellini cinguettavano. Biancaneve salutò tutti i suoi amici e con il principe si recò in un magnifico castello dove i due sposi vissero per sempre felici e contenti.


Qualità audio e video
Il film ha subito un minuzioso restauro, la cui storia viene anche ripercorsa in uno degli inserti del secondo disco. Precedenti interventi sulla pellicola erano stati già effettuati per le ultime riedizioni al cinema e per la stampa della prima edizione in vhs e della edizione in laser disc. Per il trasferimento su un supporto quale il DVD tuttavia il lavoro è stato ulteriormente migliorato: tutti i fotogrammi sono stati inseriti in un computer per poterli ripulire da eventuali macchie e granelli di polvere, alcuni depositatisi sulla pellicola addirittura in fase di fotografia. Sono stati ridefiniti i colori e i filtri usati per differenziare le scene notturne da quelle che necessitavano di una maggiore luminosità. Ora in molti casi è possibile notare addirittura l’ombra che la parte dipinta e quindi opaca del foglio di celluloide proiettava sullo sfondo nel momento della ripresa fotografica del film. Qualcuno ritiene che alcune scene siano state schiarite un po’ troppo: nella scena in cui nani tornano a casa di notte, forse, non è abbastanza notte! Anche il bustino di Biancaneve al cinema non era così chiaro come lo si vede nel DVD. Tuttavia bisogna ammettere che la qualità video è davvero superba ed il risultato ottenuto nel restauro e nel trasferimento su supporto digitale ha fissato uno standard.
Anche l’audio è stato trattato con la stessa attenzione e la stessa cura riservata alla parte video. Il responsabile di tale restauro, Terry Porter, facendo riferimento a registrazioni d’epoca e ai vari documenti depositati negli archivi Disney ha cercato di ricreare un missaggio 5.1, ricavandolo da una colonna sonora assolutamente monofonica, rimanendo però fedele alle intenzioni degli autori del film. In primis è stata ricreata la colonna sonora originale eliminando eventuali rumori di fondo e cercando di ripristinare la brillantezza e la dinamicità delle incisioni originali. In un secondo momento tutti i materiali sono stati rielaborati per creare il missaggio presente nel DVD.



Contenuti speciali

Edizione italiana
Nel 1937 Walt Disney, per le edizioni estere, fece appositamente rianimare alcune sequenze in cui comparivano delle scritte in inglese, sostituendo tali scritte con le corrispondenti traduzioni nella lingua del paese in cui il film veniva distribuito. Le scene adattate all’epoca erano le seguenti:
[1]titoli di apertura
[2]la scritta sulla copertina e le scritte interne del libro
[12]i nomi dei nani incisi sui letti (solo quando Biancaneve li legge)
[17]le scritte sui dorsi e all’interno dei libri della regina
[21]le scritte nei libri della regina
[23]la decorazione sulla torta (nell’originale riproduce la scritta Grumpy (Brontolo), nelle versioni estere è un motivo stilizzato)
[26]le scritte che descrivono il trascorrere delle stagioni
[27]la scritta sul libro e i titoli di chiusura
Nel DVD italiano sono presenti solo gli adattamenti relativi alle scene [1],[12],[23],[26](su fondale animato),[27](fotogramma fisso).
Esistono due doppiaggi del film in Italia, uno del 1938 e l’altro del 1972. Nel DVD è presente quest’ultimo.

Making of

L’esauriente making of, diretto da Harry Arends, e condotto da Angela Lansbury, ripercorre le diverse fasi che hanno portato alla creazione di Biancaneve e i sette nani attraverso le testimonianze di critici e di addetti ai lavori, montando assieme documenti d’epoca, interviste girate per la realizzazione di documentari usati nelle precedenti edizioni in vhs o in laser disc, e materiale nuovo creato appositamente per il dvd. Tale documentario è accorciato di circa quindici minuti rispetto alla versione inserita nel DVD americano.
Diamo di seguito la descrizione dettagliata della versione lunga specificandone i capitoli e contrassegnando con un asterisco i contenuti estromessi dalla versione italiana:
· Introduzione Breve descrizione dell’impatto avuto da Biancaneve sul pubblico e della sua importanza nella storia del cinema come primo lungometraggio d’animazione. Merchandise*. Influenza sulla moda femminile*. Primo film di cui venne pubblicata la colonna sonora*. Rapporto tra costo ed incassi*.
· “Once Upone a Time…” Breve storia della vita di Walt Disney negli anni venti e trenta. Le ‘Alice comedies’, prima serie di successo di Disney, facente uso della tecnica mista.“Stemboat Willie”(1928), debutto di Mickey Mouse e primo film animato sonoro. “Flowers and trees”(1932) primo film in Technicolor e primo oscar per Disney.
· Moving toward the feature cartoon Disney spiega l’esigenza di trovare una strada per far espandere lo studio e di come il lungometraggio d’animazione rappresenti una soluzione. Prima idea di usare ‘Alice nel paese delle meraviglie’ come soggetto, in un film a tecnica mista, con Mary Pickford protagonista*.La prima riunione della primavera 1934 in cui Disney narra tutta la storia e illustra il progetto di Biancaneve. L’influenza esercitata dalla versione cinematografica della fiaba con attori girata nel 1916.
· Disney’s Folly Scetticismi nei confronti di un progetto rischioso come Biancaneve, per via degli alti costi e dei risultati incerti.
· Developing the screen story I bozzetti preliminari usati per ispirare gli artisti (concepì art). Lo storyboard: versione alternativa di ‘Someday my prince will come’. Il design dei personaggi. Walt interpreta la strega*. La difficoltà nell’animazione del principe. Conseguente eliminazione di una scena in cui il principe viene catturato dalla regina*.
· Five Bucks a Gag Comicità e gag. Ward Kimball racconta come venne ricompensata la sua gag dei nani che per la prima volta incontrano Biancaneve in camera.
· Designing the characters Scelta della caricatura per i nani e dello stile realistico per gli altri esseri umani. Evoluzione della regina da personaggio goffo a donna nobile, bella e gelida. Foto di riferimento per l’evoluzione della regina*. Influenza dello stile europeo sull’aspetto della strega. Esempio di nani disneyani indistinguibili in ‘Babes in the woods’(1932)*. Nomi scartati per i nani e relative caricature*. Disney illustra la personalità dei nani. Biancaneve da caricatura, simile a Betty Boop, a personaggio realistico.
· A living storybook Ispirazione fornita dagli illustratori europei Gustaf Tenngren e Albert Hurter
· A smile and a song Viene spiegato come nell’animazione sia necessario registrare e missare preliminarmente colonna sonora e dialoghi. Funzionalità delle canzoni allo svolgersi della trama*. Canzoni scartate: ‘You’re never too old to be young’.
· Sound* Gli effetti speciali sonori: Jimmie Mac Donald*
· An animation laboratory Le silly symphonies come cortometraggi sperimentali: “Babes in the woods”(1932): animazione di nani e di una strega, “The old mill”(1937), utilizzo della camera a piani multipli,”The worm turns”(1937), utilizzo degli effetti speciali per la scena del laboratorio della regina, “The goddess of spring”(1934), primi esperimenti di animazione di una figura femminile realistica. Riferimenti live-action per Biancaneve. Riferimenti live action per la strega e per la tirolese dei nani*. Modelli tridimensionali dei personaggi e degli ambienti. Prove di luci e di ombre. Prove per la colorazione del vestito di Biancaneve.
· Animation Ricerca di realismo: aneddoto sulla scena in cui Biancaneve precipita nella voragine e gli animatori si chiedono se l’impatto della caduta non possa ferirla. Frank Thomas e la scena dei nani che si lavano*.
· The Cutting Room Floor Prove di animazione a matita (pencil test) di scene eliminate: scena della costruzione del letto per Biancaneve, scena della zuppa de nani.
· The Wonderful World of Color* Inchiostratura e colorazione.* Colorazione delle gote di Biancaneve.* Principio dell’animazione: illusione del movimento ottenuto dalla fotografia progressiva di disegni differenti.* Disney spiega il funzionamento della camera a piani multipli.* Test a matita della scena di Biancaneve nella foresta.*
· Crisis* La crisi dovuta all’aumento dei costi e la risoluzione grazie all’intervento della banca entusiasta dei risultati parziali ottenuti a durante la lavorazione.*
· Heading Home Montaggio e ultimi ritocchi. Scene accorciate: la fuga nel bosco, la strega al calderone, la marcia dei nani verso casa, litigio tra Dotto e Brontolo.
· The premiere Documenti audiovisivi della prima. Altri filmati della prima*. Frank Thomas parla della commozione del pubblico durante la prima.* Shirley Temple consegna a Walt Disney l’oscar speciale per il film*.
· The first blockbuster oh the sound era Primato di incassi di Biancaneve al botteghino [superati da Via col vento, un live-action, due anni dopo,N.d.R.]
· Snowwhite meets the world Disney personalizza le edizione estere del film sostituendo le iscrizioni in inglese che si vedono nel film, con le corrispondenti traduzioni negli idiomi dei paesi in cui il film viene distribuito.
· Snowwhite changed everything In particolare si sottolinea come Biancaneve abbia permesso l’espansione degli studi con la costruzione degli studi di Burbank.

Someday my prince will come – Barbara Streisand
Michael Eisner introduce questo videoclip in cui Barbara Streisand interpreta il tema principale del film. Notare che nella versione proposta è presente anche la strofa della canzone che seppure pubblicata sulle partiture, non compare nel film. In tale versione la strofa, che originariamente precedeva il ritornello è usato come ponte, una sorta di intermezzo che precede la ripresa del ritornello.

Il mio amore un dì verrà – Rossana Casale

Tour Magico: Dietro lo specchio
Angela Lansbury presenta i contenuti del dvd mostrando alcune clip tratte dai vari inserti speciali.

Hi-ho – Canta con noi
Mentre scorrono le immagini della scena in cui i nani cantano la canzone “Hi-ho”, sullo schermo compaiono in sincronia con la musica le parole del testo della canzone.

Gioco interattivo : Cucciolo e la trappola nella miniera

Commento audio di Walt Disney
Ricostruito con interviste d’epoca introdotte dal critico d’animazione John Canemaker.
Audio originale sottotitolato.

SECONDO DISCO: Materiale Supplementare – L’eredità di “Biancaneve”

Il disco si apre con un brano tratto dalla prima trasmissione televisiva prodotta da Disney, “One Hour in Wonderland”(1950), in cui Walt Disney stesso invoca il mago dello specchio magico. Subito dopo lo specchio ci illustra il regno di Biancaneve suddiviso in cinque zone, ognuna delle quali è dedicata ad uno o più aspetti del film.



· Il castello della regina Stile artistico – Galleria di disegni preliminari e delle idee scartate – galleria dei layout e dei fondali – La macchina a piani multipli (brani tratti da “The story of the Silly Symphonies” e da “Tricks of our trade”) -Prove di ripresa – Animazione – Voci dei personaggi – Riferimenti dal vivo (brano tratto da “Tricks of our trade”) – Galleria dei personaggi



· Il pozzo dei desideri Biografia di Walt Disney – Appunti di produzione di “Biancaneve” – La favola originale dei fratelli Grimm – Confronto tra storyboard e film (con opzione multiangolo): fuga nella foresta, pulendo la casa, i nani scacciano la regina, l’ordine della regina



· La prigione della regina Idee scartate in forma di storyreel (storyboard con colonna sonora): incontro tra Biancaneve e il principe, Il mio amore un dì verrà (versione fantasy), La cattura del principe - Il restauro



· La miniera dei nani Scene eliminate: la strega al calderone, il litigio dei nani in camera, la scena della zuppa, la riunione per il regalo, la costruzione del letto per Biancaneve - Titoli di testa e di coda RKO originali - Disney attraverso le decadi: storia degli studi disney divisa per decenni; ogni decennio è presentato da un attore o personaggio che ha ricoperto un ruolo importante nella storia disney e si conclude con il trailer, dove disponibile, della riedizione di Biancaneve dell’epoca; presentatori: Roy Disney (nipote di Walt Disney), Angela Lansbury (Eglantine Price in “Pomi d’ottone e manici di scopa” e voce di Mrs.Brick ne “La bella e la bestia”), Fess Parker (Davy Crockett), Robby Benson (la bestia ne “La bella e la bestia”), Dean Jones (protagonista di “Un maggiolino tutto matto”, oltre a altri numerosi film disney), Jodi Benson (Ariel ne “La sirenetta”), Ming-Na (Mulan in “Mulan”), DB Sweeney (Aladar in “Dinosauri”, oltre che Sitka in “Koda, fratello orso)



· La casetta dei nani La prima: filmati e clip audio - I trailer (1937 #1, 1937 #2, 1944,1958,1967,1987,1993,2001) - Gallerie fotografiche: la prima, pressbook, foto di produzione, merchandise, poster - Documentario:”A trip through Walt Disney studios” (1937) - Documentario: “How Disney Cartoons Are Made” (1937) - Programmi radiofonici: Lux Radio Theater (1936), Lux radio Theater (1937), Mickey Mouse Theater of the Air (1938) - Spot Commerciali Radiofonici (1958 #1, 1958 #2, 1958 #3, 1967 #1, 1967 #2, 1967 #3, 1967 #4) - Sessione di registrazione de “La tirolese dei nani” - Canzone eliminata “You’re never too old to be young”.


Menù
I menù sono animati in 3D e ogni transizione da un luogo all’altro è accompagnata da musica tratta dalla colonna sonora di Biancaneve, in alcuni casi re-incisa. Da notare, nella transizione dalla prima alla seconda sala della galleria dedicata ai disegni preliminari, la presenza di un tema musicale tratto da una canzone scartata che il principe avrebbe dovuto dedicare a Biancaneve o che forse doveva essere usato come brano di apertura nei titoli di testa, il cui titolo è “SnowWhite”. Questo brano, tra tutti quelli presenti nella partitura originale del film, pubblicata nel 1938, è l’unico a non comparire nel film, nemmeno in parte.

Easter Eggs
Vai al pozzo e premi ENTER. Dopo l’accesso al nuovo menù premi la freccia sinistra sul telecomando per evidenziare una nuova voce che permette di accedere ai crediti del DVD. Premere ENTER per accedere ai crediti.

ALTRE EDIZIONI
A parte le varie edizioni in vhs, va sottolineata l’edizione in Laserdisc uscita in america negli anni novanta, su cui l’attuale DVD si basa. Tale edizione conteneva in più la traccia audio avente solo la musica e gli effetti sonori.
In Europa sono state distribuite edizioni in DVD del film analoghe a quella italiana. Nel Regno Unito è stata realizzata un versione per collezionisti contenente anche un interessante libro sulla realizzazione.
L’edizione americana in DVD è la più completa, ed ha, in aggiunta all’edizione italiana:
· circa 15 minuti aggiuntivi nel making of
· un secondo tour guidato
· un secondo gioco virtuale
· il cortometraggio “The Goddess of Spring (1934)”
· la traccia audio originale monofonica
· l’edizione francese (con gli adattamenti relativi alle scene [1],[2](apertura del libro in movimento, interno del libro su fotogramma fisso),[12],[17],[21],[23],[26](fotogramma fisso),[27]).

Cosa sarebbe stato opportuno inserire nel DVD italiano?
Certamente, per una futura edizione italiana, si spera vengano inclusi:
· primo doppiaggio 1938
· tutte le sequenze con scritte in italiano
· la scena della zuppa col doppiaggio italiano
Non paiono richieste assurde queste perché in america una seconda traccia audio monofonica è presente, nel dvd prodotto in Francia la scena della zuppa è tratta da una trasmissione francese e contiene un commento di un critico cinematografico francese, le scene con scritte in italiano menzionate esistono, seppure non recuperate per il dvd.

Il dvd è uno dei migliori che siano stati mai realizzati ed è un gioiello per ogni collezione.
Voto: 10

Note al film con riferimenti alle scene
[1] I titoli di testa segnarono un primato nel 1937 essendo i più lunghi mai realizzati per un film, anche se non tutti gli addetti ai lavori trovarono posto nel lungo elenco. I titoli di testa e di coda originale contenevano il marchio RKO, che distribuì il film nel 1937 enelle successive riedizioni del 1944 e del 1952. Tali titoli vennero sostituiti nel 1958, usando una grafica simile, poiché dopo il 1953, anno di fondazione della Buena Vista, Disney cominciò a distribuire lui stesso i propri film.
[2]Il libro che si apre per introdurre lo spettatore alla storia è un elemento ricorrente di molte trasposizioni realizzate da Disney e verrà ripreso, oltre che in fiabe classiche quali Cenerentola, La bella addormentata nel bosco, anche ne Le avventure di Ichabod e Mr.Toad, Il principe e il povero e La spada nella roccia.
Nel film Biancaneve viene presentata come orfana. In diversi libri pubblicati fin dal 1937, invece, viene descritta la madre di Biancaneve intenta a ricamare vicino alla finestra, durante una nevicata. Ad un tratto si punge il dito e lascia cadere una goccia di sangue sulla neve che assume un colore roseo. Ispirata da tale colore la regina desidera un figlia con la pelle candida come la neve e decide di chiamarla Biancaneve. Poco dopo la regina avrà una figlia, lasciandola però orfana.
[3] L’effetto speciale dello specchio magico è stato ottenuto usato un vetro ondulato che deforma il viso del mago dello specchio. Woolie Reitherman impiegò molto tempo per animare il viso nello specchiò e per ottenere una perfetta simmetria ne animò una metà e poi ricalcò l’altra metà ricalcandola da retro del foglio da disegno. Rimase un po’ scosso quando nel film vide che tale simmetria è distrutta a causa della distorsione prodotta dal vetro ondulato.
Il personaggio dello specchio verrà riutilizzato negli anni a venire, sostituendo però il viso animato con il viso di un attore, Hans Conried, in special televisivi quali One Hour in Wonderland (1950), Our Unsung Villains (1956), All About Magic (1957), Magic and Music (1958).
Il commento musicale di questa scena, così come quelle della trasformazione e della fuga della strega, fu affidato a Leigh Harline che si dimostrò abilissimo nell’arte dell’orchestrazione. E’ molto suggestivo l’effetto prodotto dagli archi assieme al vibrafono: contribuisce a descrivere la dimensione parallela e irreale dalla quale provengono le parole del mago dello specchio.
[4]La canzone “I’m wishing”, sulla partitura originale ha una strofa non presente nel film dove è usato solo il ritornello. Il personaggio di Biancaneve creò molti problemi agli animatori che volevano ottenere una animazione fluida e realistica. Diversi cortometraggi vennero realizzati per provare l’animazione di figure e di visi femminili: The goddess of Spring (1934)(Persefone), Cookie Carnival (1935) (la ragazza Pandizucchero), Broken Toys (1936) (la bambolina cieca). Si può notare inoltre la somiglianza tra una delle prime versioni di Biancaneve e la Cappuccetto Rosso di The Big Bad Wolf (1934).
[5]Anche la canzone “One Song”, aveva una strofa non usata nel film. La figura del principe sarebbe dovuta essere più presente e partecipe, ma le difficoltà incontrate nell’animarlo portarono alla progressiva riduzione delle scene in cui era coinvolto. L’incontro tra Biancaneve e il principe sarebbe dovuto essere più spiritoso e movimentato. Se ne trova testimonianza nella sequenza in formato storyboard inserito nel dvd e nella trasposizione a fumetti pubblicata nel 1937 quasi in concomitanza con l’uscita del film. Le vignette di tale versione possono essere trovate o nella galleria dedicata al Merchandise nel DVD, o nel volume Le grandi favole a fumetti edito da Mondadori nel 1987, oltre che in alcune ristampe di cui una uscita allegata con Il Messaggero alla fine degli anni 80 e l’altra edita da Mondadori sempre negli anni 80.
[6]Sempre facendo riferimento alla trasposizione a fumetti, che di certo risentì delle decisioni che venivano presene nel reparto animazione, la regina prima di dare al cacciatore l’ordine di uccidere Biancaneve, fa catturare il principe e lo fa rinchiudere nelle prigioni del castello.
Il cacciatore nei fumetti si chiama Humbert.
[7]Nella colonna sonora relativa a questa sequenza, composta da Paul Smith, il rullo dei timpani contribuisce a creare tensione e il suono dei corni in sordina descrive l’avvicinamento silenzioso ma minaccioso del cacciatore.
La scena della fuga nella foresta sarebbe dovuta essere più lunga. Addirittura, in un primo momento si pensò di far compiere a Biancaneve un viaggio attraverso luoghi incantati quali la palude dei mostri, la terra all’incontrario, la valle del sonno (presa in prestito dal romanzo Il mago di Oz).
[8]La canzone “With a smile and a song” è accorciata nel film rispetto alla versione pubblicata su spartiti. L’effetto dei riflessi nell’acqua è ottenuto attraverso l’uso di un vetro ondulato, stesso espediente che si vedrà usato in Bambi (1942). Questo effetto speciale così come anche l’uso della camera a piani multipli venne sperimentato nel cortometraggio The old mill(1937).
[9]Responsabile dei numerosi dettagli presenti nella casetta dei nani è l’artista europeo Albert Hurter. Questi, giunto allo studio nel 1932, si specializzò nella antropomorfizzazione di oggetti inanimati. Spesso le iperboli umoristiche dei suoi schizzi hanno ispirato gli artisti e gli animatori.
[10]La canzone “Whistle while you work” è accorciata rispetto alla partitura. La sequenza degli animali che aiutano Biancaneve è stata distribuita come filmato educativo nel 1978, in pellicola 16mm, col titolo Snowwhite: A Lesson In Cooperation.
[11]Dopo la distribuzione del film a Disney vennero richiesti più film con i sette nani, così come tempo addietro erano stati chiesti più film con i tre porcellini a causa della grande popolarità del cortometraggio Three Little Pigs (1933). Il successo di tali personaggi fu determinato dalla loro caratterizzazione psicologica: essi nelle fiabe originali erano davvero poco differenziati, mentre Disney riuscì a migliorarli dotandoli di una personalità ben precisa. Disney non amava ripetersi, e se effettivamente vennero prodotti tre nuovi cortometraggi con i tre porcellini, che non bissarono il successo del primo, questo non accadde per i sette nani, i quali furono riutilizzati solo in alcuni filmati a basso costo a scopo pubblicitario o propagandistico. Alcune parti della sequenza della miniera sono state riciclate nel cortometraggio bellico Seven Wise Dwarfs(1941), così come alcune animazioni della marcia sono state usate, su fondali differenti, nel cortometraggio bellico All togheter(1942). Un altro cortometraggio sponsorizzato con protagonisti i sette nani, che spiegano come difendersi dalla minaccia della malaria, venne distribuito qualche anno dopo: The Winged Scourge.
Tra tutti i nani quello che ebbe più successo fu Cucciolo: la sua caratterizzazione era stata approfondita e studiata a tal punto che tutti i tentativi di trovare una voce che si adattasse al personaggio fallirono, poiché l’attore di turno finiva sempre per distruggere, con la propria interpretazione, tale caratterizzazione. Si decise alla fine di non farlo parlare e di accentuarne l’aspetto pantomimico. Per questa ragione probabilmente, in un primo momento, prima che la scelta definitiva cadesse su Topolino, si pensò a Cucciolo come protagonista della sequenza L’Apprendista Stregone(1940), dove, non essendoci dialogo, ma solo musica, era importante avere un personaggio che riuscisse ad esprimersi al massimo solo attraverso la gestualità e la mimica.
[14]La scena in cui i nani discutono per decidere se ospitare Biancaneve oppure no era un po’ più lunga e conteneva una obiezione di Brontolo, che contribuiva ad approfondirne l’aspetto psicologico, peraltro già abbastanza analizzato nel resto del film.La scena fu animata a matita ma poi eliminata ed è presente nel DVD.
[15]Subito dopo la scena dei nani che si lavano ci sarebbe dovuta essere la famosa sequenza della zuppa, con la canzone “Music in your soup”. Tale sequenza venne completamente animata a matita da Ward Kimball, ma poi scartata. Nel programma televisivo del 1958, The Plausibile Impossibile, Disney presentò per la prima volta al pubblico tale versione incompleta della sequenza. La scena si conclude con una gag in cui Cucciolo, preso a calci dai nani, riesce finalmente ad espellere il cucchiaio che aveva ingoiato mentre mangiava la zuppa e il sapone che aveva ingoiato mentre si lavava nella sequenza precedente. Nella versione definitiva invece non si sa che fine abbia fatto il sapone ingoiato da Cucciolo! La scena della zuppa è presente nel DVD in versione originale, tuttavia ne esiste una versione doppiata in italiano dall’attrice che prestò la voce a Biancaneve nel primo doppiaggio italiano, Rosetta Calavetta. Tale doppiaggio fu eseguito in occasione dell’adattamento italiano di The Plausibile Impossibile.
[16]Nella versione originale la regina scopre che il cuore chiuso nello scrigno non è di Biancaneve ma di un maiale (pig): Nel primo doppiaggio italiano del 1938, si tratta di un capretto, mentre nel doppiaggio del 1972 invece si tratta di un cinghiale. Il primo doppiaggio, di sapore più arcaico donava una atmosfera particolare al film. Fu sostituito nel 1972 con voci più moderne, senza tuttavia tradire la versione originale. Frammenti del doppiaggio italiano del 1938, sono stati usati spesso nei dischi. Nella raccolta pubblicata negli anni ottanta Il magico mondo di Walt Disney, le canzoni ‘Io spero’ e ‘Il mio amore un di verrà’, sono tratte dal primo doppiaggio e contengono frammenti di dialogo rispettivamente tra la regina e lo specchio e tra Biancaneve e i nani.
In un libro che narrava la fiaba, secondo la versione disneyana, era presente un particolare non mostrato nel film: la regina, dopo aver scoperto di essere stata ingannata, "divenne livida di rabbia e sollevando il suo braccio, scagliò lo scrigno contro lo specchio, frantumandolo in mille pezzi. Una piccola risata irruppe da ogni piccola scheggia di vetro e crebbe sempre più fino a che le sue orecchie furono assordite da quella risata beffarda". Non è chiaro se tale particolare fosse stato discusso durante la produzione o sia una invenzione dell'autore del libro.
[17]Gli effetti speciali della sequenza della trasformazione furono provati nel cortometraggio The worm turns(1937). Gli animatori si ispirarono alla metamorfosi di Dottor Jekyl e Mr. Hide. Durante una riunione si racconta che la doppiatrice originale della regina visti i disegni della strega si tolse la dentiera e provò a fornire la voce anche alla vecchia: le venne così assegnata anche la parte di ques’ultima.
[18]Originariamente erano state prese in considerazione altre canzoni per la festa nella casetta. Le prime proposte riguardavano brani popolari quali “Little Brown Jug”, “Three Blind Mice”, “Frère Jacques”, Scorland’s Burning”, “The Old Oaken Bucket”. In seguito si optò per una canzone originale “The Lady in the Moon”. In questa si narra di come gli animali del bosco divennero rivali a causa della ‘donna che viveva nella luna’ a cui ognuno voleva dedicare la propria serenata. Ogni nano avrebbe dovuto interpretare uno degli animali mostrando nel frattempo la propria personalità. Al termine della canzone si scopre che la signora che viveva nella luna era in realtà un lui, e si racconta si come alla fine tutti gli animali sorrisero per il malinteso tornando di nuovo amici. Questo brano venne in seguito rimpiazzato dalla canzone “You’re never too old to be young”, la quale venne poi sostituita definitivamente da “The Dwarfs’ Yodel Song”. Le canzoni “You’re never too old to be young” e “Music in our soup” furono comunque usate nell’LP The seven dwarfs and Their Diamond Mine. Mentre “The Dwarfs’ Yodel Song” fu inserita in un album assieme ad una nuova canzone intitolata “Doin’ The Dopey”.
[19]La canzone “Someday My Prince Will Come”, aveva originariamente una strofa non inserita nel film, che Barbara Streisand ha voluto recuperare per la sua versione inserita nel DVD in coda al film. Una prima versione di questa canzone era stata concepita come una sorta di sogno in cui Biancaneve fantastica un incontro tra lei e il principe in un mondo fantastico tra le nubi e le stelle. Poi si decise che era più importante mostrare le reazioni dei nani ai fini di un maggior approfondimento dei personaggi. Porzioni di animazione di queste sequenza sono state usate, su fondali differenti, nello speciale televisivo From all of us to all of you(1958).
[20] In una riunione si discussero i contenuti della preghiera di Biancaneve; una proposta, poi abbandonata, era quella che Biancaneve chiedesse al Signore di distogliere la regina dai suoi propositi, mostrando così che la principessa non era in collera con la matrigna. In questo modo però forse Biancaneve sarebbe risultata troppo buonista ed eccessivamente sdolcinata.
Non si voleva che Cucciolo sembrasse stupido, tuttavia ne vennero accentuati gli aspetti fanciulleschi e istintivi e si raggiunse un efficace compromesso: raffigurarlo come umano con comportamenti canini.
[21]La sequenza, che si apre con la strega che immerge la mela nel veleno, era preceduta da una sequenza completata della strega al calderone mentre prepara il veleno , inserita nel DVD.
Originariamente, come si evince anche dalla versione a fumetti, la strega recandosi nelle prigioni, non incontra lo scheletro proteso verso la brocca d’acqua, ma il principe rinchiuso in una cella o, secondo gli storyboard, incatenato ad una colonna. Si prende gioco di lui dicendogli che non riuscirà mai a salvare Biancaneve. Secondo alcuni storyboard apre addirittura un condotto per far allagare la prigione e far morire il principe annegato mentre lei va via. C’era addirittura una sequenza in cui la regina danzava per il principe incatenato, assieme a degli scheletri. Quest’ultima sequenza non fu inserita perché con l’evoluzione del personaggio della regina, da caricatura a figura realistica, una simile scena non sarebbe stata in linea con la psicologia del personaggio. Analogamente le sequenze col principe vennero eliminate a causa delle già menzionate difficoltà incontrate nell’animarlo.
La regina scopre che la mela stregata ha come antidoto il primo bacio d’amore. Questo elemento, assente nella fiaba originale e preso in prestito da La bella addormentata, fu per la prima volta introdotto in una versione cinematografica della fiaba del 1913. In questa versione i nani erano interpretati da bambini. La prima trasposizione cinematografica della fiaba risale al 1910, è di origine francese e si intitola Little Snowdrop. Altre due versioni vennero realizzate successivamente, una distribuita dalla Educational Films e l’altra, del 1916, interpretata da Marguerite Clark Quest’ultima fu la versione che Disney vide da giovane e che lo ispirò.
Durante la preparazione della mela la musica cambia tono man mano che la mela muta il suo aspetto fino a farsi rossa e invitante.
[22]In una versione preliminare i nani, dopo aver lasciato Biancaneve si recano alla miniera. Qui prima ha luogo una riunione nella quale decidere cosa regalare alla principessa: ognuno fa delle proposte puntualmente bocciate, fino a quando Pisolo non propone un letto. Nella sequenza successiva i nani costruiscono il letto per Biancaneve e proseguono fino a quando gli animali non li interrompono chiedendo soccorso per Biancaneve in pericolo. Tali sequenze furono parzialmente animate e sono tra le scene eliminate del Dvd.
[24]Nella sequenza in cui gli animali corrono verso la miniera dei nani per avvisarli del pericolo è usata un efficace tecnica di montaggio che mostra l’evolversi di più vicende contemporanee, detta montaggio parallelo. Tale espediente aumenta la tensione e il ritmo della scena. Le azioni presenti nella versione definitiva sono la corsa degli animali appunto e la strega che inganna Biancaneve. A queste si sarebbe dovuta aggiungere la galoppata del principe che, liberatosi grazie all’aiuto di alcuni uccellini, dopo uno scontro con le guardie del castello, riesce a fuggire sul suo cavallo anch’egli diretto verso la casetta nell’intento di soccorrere la principessa. Questa sequenza è rimasta nella prima versione a fumetti.
[25]La drammaticità della scena è sottolineata, oltre che dalla musica, anche da un cambio repentino delle condizioni meteorologiche: la pioggia improvvisa, lo schianto delle folgori. Un espediente simile si può notare nella sequenza del Tiroannosaurus Rex in Fantasia (1940), solo per citare un esempio. La rabbia contro l’azione della strega non è espressa solo attraverso le reazioni dei nani e degli animali, ma anche attraverso l’accanimento degli elementi della natura. La folgore che fa precipitare la strega nel vuoto è quasi un intervento divino. I protagonisti non si macchiano della colpa di omicidio poiché è la provvidenza a punire la regina.
Nella fiaba originale la regina viene invece costretta a danzare con scarpe di ferro rovente fino alla morte durante le nozze di Biancaneve, ma questo probabilmente sembrò ai realizzatori un atteggiamento spietato da parte di personaggi che per tutto il film sono pervasi da un profondo senso di umanità, di comprensione e di altruismo. Nella versione cinematografica disneyana la morte non viene nemmeno mostrata esplicitamente, la si lascia solo intendere ed è simboleggiata, eventualmente, dalla presenza degli avvoltoi.
Quella della regina comunque è una morte su cui le successive versioni a fumetti getteranno non pochi dubbi. Il personaggio della strega ovvero quello di Grimilde, il nome attribuito alla regina nei fumetti, era troppo importante per essere abbandonato. Pertanto, tralasciando di spiegare in che modo la strega si sia salvata, molte storie a fumetti vedranno di nuovo la regina all’azione assieme al suo specchio magico e ai filtri magici ai quali ricorrerà nuovamente per sortilegi e metamorfosi.
[26]La sequenza dei nani al capezzale di Biancaneve commosse profondamente il pubblico. Una scena simile si ha ne La bella addormentata nel bosco, ma non suscita le stesse reazioni nello spettatore. Come sottolineato da Nunziante Valoroso, nonostante l’analogia tra le due situazioni, queste si differenziano sostanzialmente per un aspetto fondamentale. Il pianto dei nani è dovuto alla disperazione poiché essi pensano di aver perso per sempre Biancaneve, mentre il pianto delle fate è dovuto alla rabbia per non essere riuscite ad evitare la maledizione di Aurora, che però ai loro occhi non è defunta, ma solo addormentata. Dunque le fate sanno che Aurora non è persa per sempre; i nani invece credono che nessuno potrà restituire loro la adorata principessa e per questo non si danno pace. Credo che la reazione più coinvolgente sia quella di Cucciolo: per tutto il film ha giocherellato mostrando il suo lato più buffo e vederlo così disperato è profondamente toccante. L’azione di Cucciolo che si appoggia alla spalla di Dotto per piangere era leggermente più lunga e preceduta da alcuni secondi di animazione aggiuntivi: durante una proiezione di prova il pubblicò reagì alla mimica di Cucciolo in maniera divertita. Si capì che quell’animazione non funzionava e rischiava di distruggere il pathos e l’atmosfera della sequenza; venne perciò tagliata.
[27]Alla fine Biancaneve saluta i nani baciandoli sul capo, come già aveva fatto durante il film, ma ne dimentica uno: Pisolo.
La colonna sonora si conclude con la ripresa del tema “Someday My Prince Will Come” eseguito dal coro; la ripresa corale del tema musicale principale sarà un elemento ricorrente nelle trasposizioni disneyane delle fiabe e verrà recuperata da Alan Menken nei suoi commenti musicali, a partire da La sirenetta (1989).
Nell’orchestrazione sono presenti le campane che simboleggiano il matrimonio tra i due protagonisti innamorati.
Nella favola originale dei fratelli Grimm, la regina si reca da Biancaneve per ucciderla per ben tre volte. Prima si serve di una cinta stregata che si stringe attorno alla vita di Biancaneve così forte da bloccarle il respiro. Poi avvelena un pettine che non appena tocca i capelli della fanciulla la fa cadere svenuta. Infine ricorre alla mela. Inizialmente Disney pensò di utilizzare sia il pettine che la mela. L’unico indizio presente nella versione definitiva circa la sequenza del pettine è il fermaglio per capelli raffigurato nel libro che si chiude alla fine del film.

Ancora qualche curiosità
· Prima di Biancaneve, Disney prese in considerazione altri racconti: Alice in wonderland (Lewis Carrol), Rip Van Winkle (Washinton Irving) e Babes in Toyland (Victor Herbert) . Di ciascuno di questi realizzò una propria versione negli anni successivi.
· Probabilmente uno dei primi intenti fu quello di usare il soggetto di Biancaneve per una Silly Symphony, ma la versione della fiaba realizzata dai fratelli Fliescher, una parodia in verità, con protagonista Betty Boop, Snowwhite (1933), aveva messo in luce come un cortometraggio fosse inadatto, a causa della durata ridotta, a raccontare tutte le vicende narrate nella fiaba.
· Nei primi tempi di lavorazione ci si riferiva a Biancaneve con il titolo “The Feature Symphony”: tale nome sottolineava l’analogia con le Silly Symphonies e quindi l’importanza che la musica avrebbe avuto nel progetto.
· Un secondo appellativo meno accattivante posseduto dal film è stato “La follia di Disney”, attribuito da coloro che non credevano nel progetto e sostenevano che a causa di questo Disney avrebbe dovuto dichiarare bancarotta.
· L’attrice e ballerina Marjoire Belcher, meglio nota come Marge Champion, fece da modella sia per Biancaneve che per la Fata Turchina in Pinocchio: questo spiega la forte somiglianza tra i due personaggi. Precedentemente la stessa aveva posato per Persefone.
· Inizialmente l’aspetto dei nani era piuttosto grottesco e sgradevole. Per una strana coincidenza fu proprio con queste caratteristiche che nel 1940, ad opera di Nino Pagot, vennero disegnati i Sette Nani Cattivi, concepiti dagli sceneggiatori italiani Federico Pedrocchi ed Enrico Mauro come antagonisti dei sette nani, nella storia a fumetti I sette nani cattivi contro i sette nani buoni.
· Nel cortometraggio “Billposters”(1940), Paperino e Pippo sono alle prese con la professione di attacchino. Sullo sfondo si intravedono alcuni manifesti sbiaditi che riproducono un viso somigliante a Biancaneve.
· Quando malefica muore ne la bella addormentata il suo urlo è quello della strega di biancaneve che precipita nel vuoto.
· Nello speciale televisivo This is your life, Donald (1960) Biancaneve e i sette nani sono tra i personaggi che festeggiano gli anni di Paperino.
· Nel film “Chi ha incastrato Roger Rabbit?” sono state inserite alcune animazioni riprese da “Biancaneve e i sette nani” relative alla marcia dei nani e all’incontro tra Biancaneve e la strega (nella sequenza in cui Eddie arriva a Cartunia) e alla scena in cui Brontolo mostra la lingua a Biancaneve (nella sequenza conclusiva in cui i personaggi di Cartunia scoprono il cadavere del giudice Morton).
· Nel 1939 durante la cerimonia di consegna degli Oscar, Shirley Temple premiò Walt Disney con un riconoscimento speciale per la realizzazione di Biancaneve: un Oscar a grandezza naturale affiancato da sette Oscar in miniatura.
· In occasione della Notte degli Oscar del 1992, Biancaneve in versione animata premiò il miglior cortometraggio animato, vestita con un bell’abito azzurro. In quella occasione si riferì a se stessa con la battuta: “…io, che di soggetti corti me ne intendo…”.

Nella bibliografia che segue sono riportati solo alcuni dei i testi sui quali è possibile reperire informazioni sul film e sui personagi.
Bibliografia
Snow White and the Seven Dwarfs & The Making of the classic film-Richard Hollis, Brian Sibley
Disney Animation: The illusion of life – Frank Thomas, Ollie Johnston
The musical world of Walt Disney – David Tietyen
The making of Walt Disney’s Masterpiece – Jim Fanning (allegato alla vhs inglese)
Walt Disney: Hollywood’s Dark Prince –Marc Eliot
The Disney Treasures – Robert Tyeman
The Music of Disney-A legacy in Song – David J.Fisher
The Music Behind The Magic – Steve Hochman
The Art of Walt Disney – Christopher Finch
The wonderful world of Disney Television – Bill Cotter
Kinder- und Hausmarchen – Jacob & Wilhelm Grimm
Le grandi favole a fumetti – a cura di Ernesto Traverso, introduzione di Piero Zanotto
I maestri disney n.29 – Lidia Cannatella, Luca Boschi, Alberto Becattini

Videografia
Qui di seguito sono elencate le vhs uscite in italia su cui è possibile recuperare alcuni film citati e non ancora usciti in DVD in italia:
The Goddess of Spring - Silly Sympnoies vol.2
Broken Toys – Silly Symphonies vol.2
Our Unsung Villains – I cattivi Disney
From all of us to all of you – Da tutti noi a tutti voi
This is your life, Donald – La storia di Paperino


LINKS

SITO UFFICIALE DVD

BIG CARTOON DATABASE

INTERNET MOVIE DATABASE (documentario 50 anniversario)

INTERNET MOVIE DATABASE (documentario DVD)

INTERNET MOVIE DATABASE (il film)

Messaggio modificato da kekkomon il 18/12/2013, 13:00
Go to the top of the page
 
+Quote Post
 
Start new topic
Risposte
kekkomon
messaggio 10/5/2009, 21:05
Messaggio #2


Gold Member
*******

Gruppo: Moderatore
Messaggi: 31.469
Thanks: *
Iscritto il: 31/7/2008
Da: Torre del Greco (NA)




Non me le ricordo


User's Signature


Go to the top of the page
 
+Quote Post
Prince Philip
messaggio 11/5/2009, 14:02
Messaggio #3


Gold Member
*******

Gruppo: Utente
Messaggi: 11.456
Thanks: *
Iscritto il: 1/11/2006
Da: Viareggio (LU)




CITAZIONE (kekkomon @ 10/5/2009, 21:05) *
Non me le ricordo


Però ci sono eheheh.gif eheheh.gif eheheh.gif


User's Signature

Go to the top of the page
 
+Quote Post

Inserisci in questo messaggio
- hector   Biancaneve e i sette nani   18/4/2005, 10:34
- - hector   All'inizio degli anni novanta in italia venne ...   18/4/2005, 10:46
- - Cenerina   Grazie Hector, questa recensione e' strepitosa...   18/4/2005, 13:33
- - Grrodon   solo una parola: *clap*   18/4/2005, 13:38
- - belle   hector.....meravigliosa recensione..... belle ...   18/4/2005, 13:59
- - March Hare = Leprotto Bisestile   Una recensione fatta ad arte... I MIEI STRA-COMPLI...   18/4/2005, 17:08
- - Vampiretta   Mamma che recensioneeeee... come riesco a leggerla...   18/4/2005, 18:00
- - Daniel Cleaver   CITAZIONE Dopo la distribuzione del film a Disney ...   18/4/2005, 20:19
- - March Hare = Leprotto Bisestile   CITAZIONE (hector @ 18/4/2005, 10:34)Cosa sar...   18/4/2005, 21:08
- - GasGas   complimenti per la recenzione hec   18/4/2005, 21:49
- - Pan   Davvero un'ottima recensione, i miei complimen...   18/4/2005, 22:43
- - belle   CITAZIONE (Pan @ 18/4/2005, 22:43)Davvero un...   18/4/2005, 22:47
- - Pan   CITAZIONE (belle @ 18/4/2005, 22:47)bhe almen...   18/4/2005, 23:00
- - Eric_89   CITAZIONE (March Hare = Leprotto Bisestile @ ...   18/4/2005, 23:24
- - hector   Anche se è vero che il narratore all'inizio no...   18/4/2005, 23:59
- - Eric_89   CITAZIONE (hector @ 18/4/2005, 22:59)Anche se...   19/4/2005, 0:25
- - Daniel Cleaver   CITAZIONE (hector @ 18/4/2005, 23:59)Anche se...   19/4/2005, 14:43
- - hector   Usare il video con le scritte tradotte comportoreb...   19/4/2005, 16:42
- - March Hare = Leprotto Bisestile   CITAZIONE (hector @ 18/4/2005, 23:59)Anche se...   19/4/2005, 19:37
- - Pan   E' un peccato non aver trovato i credits in it...   19/4/2005, 19:42
- - chrykee   Altre perdite rilevanti delle conversioni in dvd ...   19/4/2005, 19:43
- - Eric_89   CITAZIONE (March Hare = Leprotto Bisestile @ ...   19/4/2005, 23:49
- - Vampiretta   Duqnue sono a metà lettura della recensione, davve...   20/4/2005, 0:26
- - Vampiretta   CITAZIONE (chrykee @ 19/4/2005, 19:43)Altre p...   20/4/2005, 0:30
- - Vampiretta   CITAZIONE (hector @ 18/4/2005, 10:46)Un diffe...   21/4/2005, 2:45
- - Vampiretta   Scusate sto facendo da gg un monologo, ma il film ...   21/4/2005, 17:27
- - Daniel Cleaver   CITAZIONE Il libro che si apre per introdurre lo s...   21/4/2005, 23:29
- - Daniel Cleaver   CITAZIONE (Vampiretta @ 21/4/2005, 17:27)CITA...   21/4/2005, 23:32
- - Daniel Cleaver   CITAZIONE (Vampiretta @ 21/4/2005, 17:27)CITA...   21/4/2005, 23:36
- - DanyDaVip   Complimenti al mio zietto Ettore "Disney...   22/4/2005, 22:35
- - giagia   veramente un capolavoro di recensione   24/4/2005, 19:22
- - Simba   hector complimenti!!!!! Sicura...   14/5/2005, 14:30
- - cartoni   Ottima recensione   13/6/2005, 17:26
- - Vampiretta   Qualche immagine dall'edizione speciale! ...   29/6/2005, 20:21
- - Vampiretta   La stanza del trono della Regina!   29/6/2005, 20:22
- - GasGas   bellissime   29/6/2005, 20:23
- - Vampiretta   Biancaneve nel bosco con gli animaletti!   29/6/2005, 20:24
- - Vampiretta   I 7 Nani tornano a casa!   29/6/2005, 20:56
- - Vampiretta   Verso l'amore...   29/6/2005, 20:56
- - Vampiretta   Concordo... è incredibile!!   29/6/2005, 23:39
- - cartoni   immagini sempre meravigliose   30/6/2005, 8:36
- - Sebastian78   Ed ecco la scena madre: NON E' PER TEEEE...   6/7/2005, 15:15
- - cartoni   R.A.V.E. è una frase che vi dicevano come cast mem...   6/7/2005, 15:20
- - GasGas   CITAZIONE (Sebastian78 @ 6/7/2005, 15:15)Ed e...   6/7/2005, 15:45
- - Pan   CITAZIONE (Sebastian78 @ 6/7/2005, 15:15)Ed e...   6/7/2005, 18:47
- - nunval   Beh, veramente il fotogramma precisamente è quello...   6/7/2005, 23:18
- - nunval   un regalo per tutti voi : Biancaneve come compare ...   6/7/2005, 23:21
- - DanyDaVip   Stupenda! Grazie (come al solito) Nun   6/7/2005, 23:24
- - GasGas   CITAZIONE (nunval @ 6/7/2005, 23:21)un regalo...   6/7/2005, 23:34
- - Vampiretta   E si la mia amica è davvero stupenda!   6/7/2005, 23:43
- - Daniel Cleaver   gran bella foto grazie 1000 Nun   7/7/2005, 0:07
- - GasGas   CITAZIONE (Vampiretta @ 6/7/2005, 23:43)E si ...   7/7/2005, 0:23
- - cartoni   UAO.FAVOLOSA   7/7/2005, 8:42
- - March Hare = Leprotto Bisestile   CITAZIONE (nunval @ 6/7/2005, 23:18)Beh, vera...   7/7/2005, 13:11
- - nunval   Il corso non c'è ma guarda che io l'ho vis...   7/7/2005, 16:45
- - cartoni   beato te   7/7/2005, 16:52
- - GasGas   RE: Biancaneve e i sette nani   7/7/2005, 16:54
- - nunval   [FONT=Times]"Tanti, ma tanti anni fa, tanti c...   7/7/2005, 23:39
- - GasGas   CITAZIONE (nunval @ 7/7/2005, 23:39)[FONT=Tim...   7/7/2005, 23:50
- - DanyDaVip   rigrazieeeeeeeee nun!   7/7/2005, 23:50
- - nunval   la fonte è il libro Mondadori indicato nel thread   8/7/2005, 0:22
- - chrykee   bellissima mamma   8/7/2005, 0:32
- - GasGas   CITAZIONE (nunval @ 8/7/2005, 0:22)la fonte è...   8/7/2005, 0:50
- - Vampiretta   CITAZIONE (nunval @ 7/7/2005, 23:39)Ed ecco a...   8/7/2005, 1:28
- - cartoni   Gia vista grazie a nun.(grazie ancora)   8/7/2005, 8:49
- - hector   Bene ragazzi continuate ad arricchire questo topic...   13/7/2005, 19:02
- - nunval   ecco la copertina dell'album di figurine Lampo...   19/7/2005, 0:24
- - cartoni   molto bella   19/7/2005, 9:54
- - GasGas   bellissima   20/7/2005, 12:39
- - Grrodon   Non ci si può accingere a commentare Biancaneve e ...   30/1/2006, 4:18
- - Grrodon   Pensavo che non sarebbe mai accaduto ma il momento...   30/1/2006, 6:10
- - DAN   Cavolo! Solo oggi mi sono accorto di questo to...   30/1/2006, 15:36
- - GasGas   l'ho letta solo ora e infatti mi stupivo di no...   9/2/2006, 19:52
- - Big bad wolf   CITAZIONE (Daniel Cleaver @ 21/4/2005, 22:36)...   20/5/2006, 18:58
- - kekkomon   CITAZIONE (hector @ 18/4/2005, 10:34) [26...   10/5/2009, 19:08
- - Prince Philip   CITAZIONE (kekkomon @ 10/5/2009, 19:08) N...   10/5/2009, 20:02
- - kekkomon   Non me le ricordo   10/5/2009, 21:05
|- - Prince Philip   CITAZIONE (kekkomon @ 10/5/2009, 21:05) N...   11/5/2009, 14:02
|- - Donald Duck   CITAZIONE (Prince Philip @ 11/5/2009, 14...   11/5/2009, 15:00
|- - Simon   Si si, ci sono eccome, l'ho anche rivisto ieri...   12/5/2009, 16:16
|- - Prince Philip   CITAZIONE (Simon @ 12/5/2009, 16:16) Si s...   13/5/2009, 11:10
|- - Simon   CITAZIONE (Prince Philip @ 13/5/2009, 11...   13/5/2009, 15:48
|- - Prince Philip   CITAZIONE (Simon @ 13/5/2009, 15:48) Infa...   13/5/2009, 20:05
- - Tina Lattanzi   sapete... stò faendo ancheioun pensierino se prend...   31/5/2009, 21:08
- - nunval   Io ti consiglierei di prenderlo...è sempre un pezz...   1/6/2009, 15:16
|- - kekkomon   CITAZIONE (nunval @ 1/6/2009, 15:16) è se...   1/6/2009, 21:52
|- - Simon   CITAZIONE (nunval @ 1/6/2009, 15:16) Io t...   2/6/2009, 0:11
- - Tina Lattanzi   LO SO CHE è UNA GEMMA, PER NOI COLLEZZIONISTI........   1/6/2009, 19:50
- - Tina Lattanzi   piccola curiosità... Io non ho il dvd del 2001 ma ...   13/6/2009, 14:05
- - Tina Lattanzi   e un altra piccola curiosità... Il film nel dvd d...   13/6/2009, 14:06
- - March Hare = Leprotto Bisestile   Niente mascherini, il film è in 4:3. Le scritte ch...   13/6/2009, 14:38
- - Tina Lattanzi   BENE, ALLORA GRAZIE!! Lo consulterò.....   14/6/2009, 10:59
|- - Marchese   Zitti ed ascoltate tutti intorno a me dentro il po...   30/12/2009, 2:11
- - Bramo   Ho rivisto Biancaneve e i Sette Nani. Erano un bel...   1/2/2011, 2:02
|- - Claudio   CITAZIONE (Bramo @ 1/2/2011, 1:02) Ho riv...   1/2/2011, 9:43
|- - March Hare = Leprotto Bisestile   CITAZIONE (Bramo @ 1/2/2011, 1:02) Mi par...   1/2/2011, 12:14
- - Fra X   Vabbé, un pezzo della storia del cinema! Quand...   27/9/2014, 12:49
- - March Hare = Leprotto Bisestile   Tramite mp (risponderò non appena possibile ) m...   28/6/2016, 9:26
- - Fra X   Auguri a questo film che circa 80 anni fa spopolav...   4/1/2018, 0:46


Fast ReplyReply to this topicStart new topic
1 utenti stanno leggendo questa discussione (1 visitatori e 0 utenti anonimi)
0 utenti:

 

RSS Versione Lo-Fi Oggi è il: 14/11/2019, 23:08