Versione Stampabile della Discussione

Clicca qui per visualizzare questa discussione nel suo formato originale

Disney Digital Forum _ Recensioni _ Il Viaggio di Arlo

Inviato da: kekkomon il 23/11/2015, 12:44

Ebbene si, la Pixar è arrivata al 16° film w00t.gif

Inviato da: kekkomon il 25/11/2015, 12:17

La nostra recensione:

http://lagazzettadisney.it/2015/11/25/il-viaggio-di-arlo-e-limportanza-della-famiglia/

Inviato da: Scrooge McDuck il 26/11/2015, 18:03

Fondamentalmente questo film non mi è piaciuto. Anzi, mi sono letteralmente annoiato fin dai primi minuti…

Sicuramente gli sfondi sono un qualcosa di magnifico, però salta sempre fuori la domanda "a che serve creare sfondi che sembrano la realtà in un film d'animazione?", perché questo film sembra letteralmente girato dal vivo, con l'aggiunta al computer dei personaggi. Non so, come con "Brave" mi sembra di essere davanti ad un film dove l'ambientazione è troppo sfalsata rispetto alla resa grafica dei protagonisti.

POSSIBILI SPOILER:

Altra assonanza che ho notato con "The Brave" sono i piccoli ma continui richiami ai classici Disney: "Koda fratello orso" in primis (nell'inseguimento del ladro di pannocchie da parte di Arlo e suo papà, il considerare un quello che prima era un nemico un amico in seguito ad un lungo viaggio fatto insieme); la morte di Mufasa (la morte del papà di Arlo); Pocahontas (l'importanza del fiume).

Davvero splendida la scena del saluto finale, il volo e l'attacco di quei condor che sembrano squali e la corsa di Arlo e Spot in cima alla montagna. Per il resto però ho sentito pochissima empatia. Anzi, mi sono proprio annoiato… Mi dispiace.

Inviato da: Capitano Amelia il 26/11/2015, 20:07

CITAZIONE (Scrooge McDuck @ 26/11/2015, 17:03) *
(nell'inseguimento del ladro di pannocchie da parte di Arlo e suo papà

In che senso questo punto ti ha ricordato "Koda" ? Perchè ricorda qualche scena del Classico o per un altro motivo ?

Inviato da: Scrooge McDuck il 26/11/2015, 22:27

CITAZIONE (Capitano Amelia @ 26/11/2015, 19:07) *
In che senso questo punto ti ha ricordato "Koda" ? Perchè ricorda qualche scena del Classico o per un altro motivo ?

Per colori e atmosfere: nel momento in cui Kenai insegue l'orsa (mamma di Koda) e la uccide, quel momento mi ha ricordato moltissimo quello in cui Arlo e suo papà sono sulle rive del fiume, poco prima della morte di quest'ultimo

Inviato da: IryRapunzel il 26/11/2015, 23:40

Per me è il peggior film Pixar. Scriverò di più prossimamente.

Inviato da: Capitano Amelia il 27/11/2015, 0:46

Grazie del chiarimento, Valerio! Saluto.gif

Inviato da: Claudio il 27/11/2015, 9:37

CITAZIONE (kekkomon @ 25/11/2015, 11:17) *
La nostra recensione:

http://lagazzettadisney.it/2015/11/25/il-viaggio-di-arlo-e-limportanza-della-famiglia/

Gran recensione e complimenti per il blog! clapclap.gif

Inviato da: Claudio il 27/11/2015, 10:45

Le mie opinioni, ATTENZIONE SPOILER

Io l'ho trovato un ottimo film Pixar. Purtroppo parte svantaggiato per via del paragone con Inside Out (uscito pochi mesi fa).
Un ottimo film Pixar, ispirato ai film dello stesso studio, ma proprio come Ribelle molto legato alla Disney. Le ispirazioni, i rimandi, le scene: tutti elementi che per l'intera durata del film hanno a che fare con qualcosa di già visto, ma questo personalmente non lo giudico un punto negativo. Certo è un continuo rimando al Re Leone, specialmente la scena in cui il padre muore travolto dallo straripamento del fiume (leggasi la mandria che scende giù dalla montagna provocando la morte di Mufasa). Il tema del viaggio poi ce lo ritroviamo anche nello stesso Re Leone e in quasi tutti i film Disney e Pixar degli ultimi anni a partire da Tangled, perfino in Inside Out Gioa e Tristezza compiono un viaggio. Il viaggio di Arlo però pare molto scontato, fortunatamente la Pixar ha fatto il possibile, secondo me, per non renderlo "già visto", tuttavia il concetto è sempre quello e forse se ne sta troppo abusando: c'è un viaggio da compiere, un compagno di viaggio, un obiettivo da raggiungere e il tutto, per molte scene, diventa prevedibile.
Altri riferimenti sicuramente sono Koda Fratello Orso, Dragon Trainer, Alla ricerca di Nemo (i tirannosauri che indicano la strada e aiutano Spot e Arlo contro gli pterodattili, così come le tartarughe aiutano Marlin e Dory dalle meduse per poi fare un tratto di strada della COA e indicare loro lo "svincolo" verso Sidney).
Non per questo mancano le sorprese.
Geniale l'idea di fondo della Pixar di chiedersi "cosa sarebbe successo se" i dinosauri e l'uomo fossero vissuti assieme. Il gioco di sguardi è fondamentale e magistrale, tanto che nella prima parte del viaggio i dialoghi sono praticamente assenti tranne per alcuni pensieri ad alta voce di Arlo. L'idea di rendere il dinosauro come più evoluto e l'uomo come un cucciolo di "cane" è anche questa una grande trovata: da qui ne susseguono tutte le attività curiose fatte non dagli uomini ma dai dinosauri, come arare i campi, prendere il raccolto, allevare il bestiame.
La musica ricorda sia un pò Brave per i strumenti usati che quella country o del vecchio west: comunque buona la colonna sonora (ma non lascia il segno come il motivetto di Inside Out)
I paesaggi e gli scenari spettacolari, quasi "reali", valgono da soli il prezzo del biglietto! Da rimanere a bocca aperta, ed è un piacere vedere questa sconfinata natura in tutte le sue forme, dalla più calma a quella più tempestosa. In contrasto si ha poi lo stile cartoon dei personaggi che poco c'entrano con il fotorealismo ma probabilmente questo contrasto è proprio voluto. Seppur molto semplici, gli effetti della cgi sui personaggi stessi sono tra i migliori: l'acqua su di Arlo, le gambe gracili non appena si schiude l'uovo di Arlo (scena al top del: "che tenero!"), i capelli e la pelle di Spot, così come la pelle di Arlo sono tutti elementi perfetti.
L'unico punto diciamo noiosetto per me è stato quello del Triceratopo, che a parte fare il Rafiki di turno, l'ho trovato molto superfluo.
Scene da lacrime sono quella dei "cerchi" e quella del distacco tra Arlo e Spot. Secondo me anche solo per queste due scene che per i meravigliosi paesaggi varrebbe 10.
Purtroppo come detto c'è qualcosa che gioca a sfavore, dalla trama molto prevedibile ai continui momenti in cui ti viene da pensare: "questa scena sembra..."
Rimane il quesito su che effetto avrebbe fatto se non ci fosse stato quest'anno Inside Out o se si fossero scambiati di uscita.
Non sarà il massimo dei film Pixar, ma comunque lo preferisco a molti film dello studio. Per me vale 8.5/9, sarò più preciso non appena potrò rivederlo.

Inviato da: kekkomon il 27/11/2015, 11:21

CITAZIONE (Claudio @ 27/11/2015, 8:37) *
Gran recensione e complimenti per il blog! clapclap.gif

Grazie blush.gif

Inviato da: *marta* il 27/11/2015, 15:45

CITAZIONE (IryRapunzel @ 26/11/2015, 22:40) *
Per me è il peggior film Pixar. Scriverò di più prossimamente.

post-6-1111346575.gif post-6-1111346575.gif

Inviato da: WALY DISNEY il 27/11/2015, 17:33

Secondo me bisogna distinguere tra film classico e film innovativo. Un film può essere classico, non deve essere necessariamente innovativo. Sembra banale affermarlo, ma è vero; Inside Out è stato un'esperienza molto, troppo recente per ritrovarci a dover giudicare una nuova mossa da parte degli studi Pixar. Magari, nel criticare questo nuovo lungometraggio, pensiamo di non essere minimamente influenzati da ciò, ma credo che l'operazione sia quasi impossibile. Inside Out, almeno per la maggioranza del pubblico, è stato tremendamente innovativo, sotto molti aspetti.

"Il Viaggio di Arlo" paga sostanzialmente il prezzo di un suo particolare aspetto predominante; è un film molto classico. Classico perché segue sentieri narrativi già tracciati, richiama insistentemente classici del cinema d'animazione ( quasi tutti firmati Disney per ovvi motivi) e in generale non è alla costante ricerca della nuova trovata, piuttosto si affida ad uno schema troppo familiare forse agli adulti e in genere a noi "esperti" Disney, ma sicuramente efficace e coinvolgente per i bambini.

E qui non sono d'accordo con voi, stiamo pur sempre scrivendo nel forum Disney più frequentato d'Italia e allontanare in modo così netto dal film quei genitori che possibilmente, prima di portare i propri figli al cinema, preferiscono informarsi, mi sembra tutt'altro che giusto. È ingiusto perché il film offre tanti insegnamenti , affronta tematiche sì classiche, già proposte, ma comunque buone, ottime per un bambino, soprattutto se abituato a Minions e compagnia.

Ma allontaniamoci dalla prospettiva del bambino, io non me la sento di bocciarlo, assolutamente. A me è piaciuto tanto, proprio per questa sua fedeltà ad uno schema che essenzialmente è quello della favola. Il viaggio é lineare, sa di già visto, ma é e sarà sempre una formula vincente. Il viaggio, e tutti gli incontri che ne conseguono, cambia le persone. É una delle strade tematiche per fare cinema piú sicure.

Qui non si deve giudicare lo studio di produzione, va valutato il film. Questo errore sta diventando troppo frequente quando si recensisce un film Pixar, si parte con pregiudizio ... Se non fa urlare al miracolo, non è degno dei precedenti "big" Pixar e quindi non va bene. Mi chiedo se lo stesso film, prodotto dagli studi DreamWorks, non vi avrebbe portato ad osannarlo perché simile a schemi tipicamente Disney. Ma no, la Pixar non può permetterselo, se emoziona ma non stupisce, è comunque da bocciare.

Io sento di premiare questo film, perché una persona (in questo caso uno studio) che vuole solo stupire a testa alta e non tiene mai conto di tutta l'eredità che le sta dietro, secondo me ha molte più probabilità di diventare l'ombra di se stessa rispetto alla situazione contraria. A me è piaciuto riconoscere Kenai e Koda in Arlo e Spot, Simba in Arlo, Tarzan bambino in Spot, Mufasa nel padre di Arlo e le Iene negli Pterodattili. È la prova che la Pixar, o comunque la regia che sta dietro a questo film, ha profondo rispetto di quei classici che tanto adoriamo.

Non mi soffermo su CG e colonna sonora; la prima eccelsa, la seconda buona. Personaggi non necessariamente carismatici, ma perché, anche qui, parliamo di personaggi-tipo. Poi, dal punto di vista estetico, ci sta che siano modellati in modo semplice, molto infantile; è l'ennesima conferma della direzione minimalista, non banale, che questo film ha voluto prendere. Lo ritengo molto vicino a Ribelle, se proprio dobbiamo paragonarlo ad altri Pixar. Entrambi i film, per non azzardare e cimentarsi nel nuovo, preferiscono affidarsi a situazioni già note, tentando umilmente di farle proprie.

Concludo dicendo che ritenerlo il peggiore film Pixar mi sembra un'assurdità. La Pixar ha fatto molto, molto peggio . Siamo seri, questo ultimo film in confronto a Cars 2 e Monsters University è un capolavoro.

Il Viaggio di Arlo è il tipico racconto.

Inviato da: Scrooge McDuck il 27/11/2015, 23:59

CITAZIONE (WALY DISNEY @ 27/11/2015, 16:33) *
Il Viaggio di Arlo è il tipico racconto.

Il Viaggio di Arlo è il tipico film che mi fa addormentare rolleyes.gif

Ho letto tutto quello che avete scritto... Ma dal vostro resoconto mi sembra di capire che tutto si riduca al fatto che Arlo piaccia meno perché uscito dopo Inside Out. Il punto è che (PER ME) non c'entra niente Inside Out. E non c'entra nemmeno la Pixar, perché Inside Out è il tipico film Pixar e il tipico film che ha reso la Pixar ciò che è. Se non ci fosse stato Inside Out al cinema un mese fa, ci sarebbe stata comunque la fama dello studio a creare aspettative. Se non ci fosse stata la fama della Pixar, Arlo sarebbe stato comunque un film noioso.

Quindi no, per me il giudizio non è influito minimamente da Inside Out.
Per me Arlo è semplicemente un film inutile, costruito senza un senso logico chiaro, senza un modo bene definito di mandare il messaggio.

Troppi momenti affrontati con banalità, tanto da sembrare lapalissiani.

Cars 2, Brave, MU e Arlo, per me, sono film che sono Pixar solo nei titoli di coda e di testa, perché potevano essere realizzati nello stesso identico modo da qualsiasi altro studio... Wall-E, Nemo, Ratatouille o Up hanno qualcosa in più, quel qualcosa in più che ha reso la Pixar tale e che è giusto esigere ogni volta che si vede un loro film.

Inviato da: WALY DISNEY il 28/11/2015, 1:02

No, se devo dire la mia, io riduco tutto ad una questione di regia. Può piacerci vederla così la Pixar, come un'entità a sè stante, ma la verità è che dietro ad ogni film c'è un regista diverso e per la prima volta ci stiamo confrontando con un nuovo autore. Non è Inside Out a definire Il Viaggio di Arlo, ma il confronto tra i due film è inevitabile. Il primo segue la scia di regie magistrali come quelle di Stanton, Bird e Unkrich, il secondo è qualcosa di meno azzardato, che meno facilmente può piacere in modo quasi indiscutibile. Nonostante ciò, in giro ho comunque riscontrato recensioni discrete; quello che voglio dire è che secondo me non è un film da buttare come alcuni di voi qui (ma non solo, ovviamente) lasciano trasparire dai commenti. Non sarà il film Pixar del decennio, ma non vedo nemmeno gli elementi per definirlo così pessimo.

Non dimentichiamo che dietro a questo film c'è una regia controversa e Peter Sohn ai tempi dell'uscita di Toy Story non era nemmeno in Pixar. La classicità, se così possiamo chiamarla, di questo film non è casuale e non deve essere necessariamente un contro, voglio solo dire questo. Io vedo un regista rispettoso di chi lo ha preceduto. Poi un soggetto, posto di fronte ad una formula già esistente, può intrattenersi o annoiarsi. I punti morti ci sono, ma ce ne sono molti di più che toccano nel profondo, nonostante sappiano di già visto, sempre secondo il mio parere.

Inviato da: Beast il 28/11/2015, 13:09

Visto Il Viaggio di Arlo, posso affermare con gioia che il 2015 sarà ricordato non solo come l’anno della prima doppietta Pixar, ma come un anno di rinascita grazie a due film originali che vanno entrambi a segno dopo un terzetto sotto le aspettative.
E dire che, almeno per me, questo Dinosauro arrivava senza particolari attese: segnato da traversie produttive simili a quelle che minarono Brave, diretto da quel Peter Sohn autore di un corto tra i meno amati da me, incentrato su animali già visti in moltissime pellicole animate –con annesso rischio di scarsa originalità– apparentemente destinato ad essere una seconda linea rispetto a Inside Out.
Invece, scopri un film che ti stupisce ed emoziona. Chi lo ritiene un Pixar “minore” lo fa forse in base alla trama lineare ed alle tematiche principali –crescita e amicizia– meno sorprendenti rispetto a quanto proposto dai titoli di punta della Pixar, ad es. ecologia, elaborazione del lutto, elogio della tristezza. Tuttavia, dopo un inizio abbastanza convenzionale, la storia decolla quando Arlo intraprende il suo viaggio. Sono proprio il concetto di viaggio e di crescita attraverso di esso a costituire il cuore della pellicola, in un modo completamente diverso e nuovo rispetto ai viaggi visti in Alla ricerca della valle incantata, Koda, Cars,… A fare la differenza il ritmo cinematografico, il quale rievoca le atmosfere di On the Road (la versione di Topolino, eh! tongue.gif ). La rappresentazione della natura è da applausi a scena aperta: grande attenzione viene dedicata ai paesaggi e alle creature viventi sia vegetali sia animali, in scene ad ampio respiro che si prendono il tempo di mostrare dettagli quali un salamandra lungo il sentiero o una famigliola di uccelli nell’incavo di un albero. La scelta di massimo fotorealismo produce effetti visivi spettacolari e sequenze quasi documentaristiche. Geniale l’applicazione dello stile western, efficace in particolare nella scena dei tirannosauri.
Mentre il fotorealismo domina le scenografie, i personaggi sono una sintesi di forme semplici e cartoonesche. Arlo è estremamente plastico e dinamico, con animazione da manuale; coraggiosa la scelta di evidenziare ripetutamente le varie abrasioni ed ematomi che si procura in viaggio. Spot è fin troppo stilizzato, con una testa enorme e un petto senza ombelico né capezzoli; dopo Max e Sven si assiste ad un’altra “deformazione canina” forse a tratti eccessivamente votata a suscitare risate. Il rapporto tra i due è ottimamente bilanciato, gestendo con sapienza i silenzi e gli sguardi in assenza di comunicazione verbale.
Il film, come detto, emoziona e pure tanto, seppur non manchino i momenti divertenti, di un umorismo fine e mai volgare. Inoltre, con coraggio si smarca da due stereotipi del cinema animato contemporaneo. Primo, il lieto fine non si compie del tutto, in quanto, a differenza di film come Koda e Dragon Trainer, qui il tema della crescita sovrasta quello dell’amicizia. Secondo, si evitano reunion finali o spiegoni sul destino di ogni personaggio incontrato lungo il percorso.
Breve nota sul doppiaggio: la voce di Arlo risulta un po’ troppo infantile. Disney Italia cade sempre più in basso aggiungendo una canzone non originale nei titoli di coda.
In conclusione, ho veramente apprezzato The Good Dinosaur.
Posso dire una follia? Per decidere qual è il mio miglior film animato del 2015 devo rivedermi Inside Out… perché sono davvero in dubbio.

Voto: 8+

Inviato da: WALY DISNEY il 28/11/2015, 17:42

Concordo in pieno sul doppiaggio italiano di Arlo! Una voce più calda e adolescente secondo me sarebbe stata leggermente più appropriata. Il tono è troppo infantile e ció va a pesare in molti contesti, primo fra tutti l'ululato di Arlo, che in lingua originale è molto più poetico e naturale.

Inviato da: IryRapunzel il 28/11/2015, 23:15

CITAZIONE (WALY DISNEY @ 27/11/2015, 16:33) *
Concludo dicendo che ritenerlo il peggiore film Pixar mi sembra un'assurdità. La Pixar ha fatto molto, molto peggio . Siamo seri, questo ultimo film in confronto a Cars 2 e Monsters University è un capolavoro.

Sono serissima. Non mi era mai capitato di ritrovarmi a pensare "ma sta roba l'ha fatta veramente la Pixar?" dopo neanche mezz'ora di film. Non mi ero mai ritrovata a fare un sospiro di sollievo quando finalmente si sono accese le luci alla fine di un film PIXAR. E vi ricordo che mi chiamo IryPixar praticamente su tutti i forum e social esistenti, quindi non si può di sicuro dire che non mi piaccia.

Cars 2 ha una trama elementare, per bambini, con dialoghi banali e un messaggio ancora più banale, ma almeno una trama ce l'ha e ogni tanto spunta qua e là qualche tema interessante tipo quello ecologico. Con Monsters University forse sono di parte perché è uscito in un momento particolare della mia vita, ma trovo che abbia un messaggio splendido, forte, enorme ed incisivo, cosa che Arlo assolutamente NON ha. Dei film Pixar "minori" io lo avvicinerei di più a Brave, e anche qui trovo tutto sommato la storia di Merida sviluppata molto meglio, seppur abbiano gli stessi identici problemi di scrittura.

Ci sono anche cose che mi sono piaciute, ovviamente. Non è tutto da buttare. Ma dopo la terza volta che ad Arlo è caduto un masso in testa e che si è messo a urlare ho cominciato a chiedermi cosa stessi guardando...

Inviato da: Scrooge McDuck il 29/11/2015, 1:19

CITAZIONE (IryRapunzel @ 28/11/2015, 22:15) *
Sono serissima. Non mi era mai capitato di ritrovarmi a pensare "ma sta roba l'ha fatta veramente la Pixar?" dopo neanche mezz'ora di film. Non mi ero mai ritrovata a fare un sospiro di sollievo quando finalmente si sono accese le luci alla fine di un film PIXAR. E vi ricordo che mi chiamo IryPixar praticamente su tutti i forum e social esistenti, quindi non si può di sicuro dire che non mi piaccia.

Cars 2 ha una trama elementare, per bambini, con dialoghi banali e un messaggio ancora più banale, ma almeno una trama ce l'ha e ogni tanto spunta qua e là qualche tema interessante tipo quello ecologico. Con Monsters University forse sono di parte perché è uscito in un momento particolare della mia vita, ma trovo che abbia un messaggio splendido, forte, enorme ed incisivo, cosa che Arlo assolutamente NON ha. Dei film Pixar "minori" io lo avvicinerei di più a Brave, e anche qui trovo tutto sommato la storia di Merida sviluppata molto meglio, seppur abbiano gli stessi identici problemi di scrittura.

Ci sono anche cose che mi sono piaciute, ovviamente. Non è tutto da buttare. Ma dopo la terza volta che ad Arlo è caduto un masso in testa e che si è messo a urlare ho cominciato a chiedermi cosa stessi guardando...

Sono tremendamente d'accordo con te sad.gif e sì che a Lucca ero rimasto davvero con l'acquolina in bocca dopo le clip mostrate, se ti ricordi. E invece..
Mi riservo il diritto di modificare il giudizio in seguito alla visione in BD, ma per me è stato proprio un film inutile :/

Inviato da: Beast il 29/11/2015, 12:29

Vedo che le opinioni su Arlo sono davvero spaccate, non solo su questo forum.
Credo che, essendo un film molto emotivo, il giudizio su di esso dipenda in gran parte dal grado di empatia che lo spettatore ha sviluppato verso la storia e i personaggi. A me, ad esempio, Arlo ha fatto emozionare molto più di Inside Out.
Se ricordate, avvenne una cosa simile con Wall-E: le persone che non ne coglievano il messaggio lo trovavano di una noia mortale. Forse, senza offesa, chi non ha apprezzato Arlo non ha compreso a fondo il suo spirito, magari anche perché, come dice Iry, ciò può essere dovuto ad un momento particolare della propria vita. Non so se sono riuscito a spiegarmi tongue.gif

Inviato da: WALY DISNEY il 29/11/2015, 13:17

È chiaro che un film può piacere o non piacere, ci mancherebbe. smile.gif

Sì, è vero. Con questo film si sono generati dei pareri molto contrastanti. C'è chi lo considera un capolavoro, chi un film che si regge sulle proprie spalle, chi, invece, una noia mortale.

Il fatto è che, soprattutto pensando a tutta la robaccia di successo che c'è in giro per quanto riguarda l'animazione, mi viene da chiedere a chi proprio non l'ha gradito (senza alcun tono polemico, sia chiaro) se effettivamente si tratti di un film così brutto.

Io ho visto molta Disney anni '90 in questo film. Che vi devo dire? biggrin.gif L'ho interpretato come un bell'omaggio, con una propria identità.

Ad ogni modo, se non l'avete già fatto, vi ritrovate del tempo e siete interessati,vi invito alla lettura di queste due recensioni, la prima di badtaste, la seconda di cineblog. Entrambe si avvicinano molto al mio punto di vista.

http://www.badtaste.it/recensione/il-viaggio-di-arlo-la-recensione/151727/

http://www.cineblog.it/post/664022/il-viaggio-di-arlo-recensione-in-anteprima-del-film-pixar

Inviato da: Scrooge McDuck il 29/11/2015, 15:29

CITAZIONE (Beast @ 29/11/2015, 11:29) *
Vedo che le opinioni su Arlo sono davvero spaccate, non solo su questo forum.
Credo che, essendo un film molto emotivo, il giudizio su di esso dipenda in gran parte dal grado di empatia che lo spettatore ha sviluppato verso la storia e i personaggi. A me, ad esempio, Arlo ha fatto emozionare molto più di Inside Out.
Se ricordate, avvenne una cosa simile con Wall-E: le persone che non ne coglievano il messaggio lo trovavano di una noia mortale. Forse, senza offesa, chi non ha apprezzato Arlo non ha compreso a fondo il suo spirito, magari anche perché, come dice Iry, ciò può essere dovuto ad un momento particolare della propria vita. Non so se sono riuscito a spiegarmi tongue.gif

Molto probabile quello che dici (cosa simile avvenuta con Big Hero 6).

Infatti per questo voglio rivederlo per capire se il "problema" è mio o del film...

Inviato da: Simon il 29/11/2015, 17:14

CITAZIONE (Beast @ 29/11/2015, 11:29) *
Vedo che le opinioni su Arlo sono davvero spaccate, non solo su questo forum.
Credo che, essendo un film molto emotivo, il giudizio su di esso dipenda in gran parte dal grado di empatia che lo spettatore ha sviluppato verso la storia e i personaggi. A me, ad esempio, Arlo ha fatto emozionare molto più di Inside Out.
Se ricordate, avvenne una cosa simile con Wall-E: le persone che non ne coglievano il messaggio lo trovavano di una noia mortale. Forse, senza offesa, chi non ha apprezzato Arlo non ha compreso a fondo il suo spirito, magari anche perché, come dice Iry, ciò può essere dovuto ad un momento particolare della propria vita. Non so se sono riuscito a spiegarmi tongue.gif

Hai detto proprio bene Marco... io l'ho visto ieri e non mi aspettavo un film come questo... l'ho trovato meraviglioso, non tanto per il racconto quanto per il messaggio e per il finale... che mi ha lasciato devastato. Pochi altri film mi hanno provocato una reazione simile...
Mi trovo d'accordo anche con tutto quello che hai scritto nel tuo post poco più sopra!! wink.gif
Inside out e Il viaggio di Arlo, per me, sono due grandi film Pixar, molto diversi tra di loro ma validissimi entrambi, per lo meno per me, perché per me quello che conta in un film è l'emozione che mi trasmette a Arlo me ne ha trasmessa tanta, tanta, e tanta...

Inviato da: buffyfan il 29/11/2015, 21:50

Il film (secondo me) merita tantissimo sia per la regia che per l'animazione che per la colonna sonora. Solo per l'animazione meriterebbe la visione! Certo, manca l'originalità nella trama, ma tutte queste critiche a mio parere non le merita assolutamente. Ed è lungi dall'essere il peggior Pixar. Almeno dal mio punto di vista, ovvio! smile.gif
Credo che sia stato sfortunato ad uscire dopo pochi mesi da Inside Out. Sono sicuro che se fosse uscito un anno dopo, probabilmente le recensioni sarebbero state diverse! =)

Inviato da: Scissorhands il 29/11/2015, 22:37

Pixar minore UN CORNO... il film rappresenta quello che la Pixar sa fare meglio: EMOZIONARE in modo genuino, di pancia, senza dialoghi ma con un timing, una regia e un recitazione da brivido. E sono totalmente d'accordo con Beast e Waly Disney.

Ho adorato ogni singolo minuto di TGD senza annoiarmi un istante, perché la Pixar ci sa fare, sa giocare bene con le Emozioni e non semplicemente quando offre loro una parte da protagonista in uno dei suoi film. E soprattutto sa stupire, anche quando il concept non è (all'apparenza) così appealing e wowoso come Inside Out.

E come sorprende? Beh prima di tutto nella struttura. NON è la classica formula ALLELUIA! Ok abbiamo la coppia anomala che deve intraprendere una avventura on the road che rappresenta l'ossatura di un viaggio di formazione. Ma stavolta manca tutta la costruzione certosina e minuziosa dell'universo in questione che nasce rispondendo alla domanda: cosa sarebbe avvenuto se quel famoso meteorite non avesse beccato la terra? La prima versione del film impiegava molto tempo nel descrivere tutta la nuova società dinosaura (un po' alla flintstone diciamo)... ma quell'idea è stata ABBANDONATA (anche perché tutto sommato già vista)... badate bene, ho detto "è stata abbandonata" non " si è persa". Perché è palese la volontà di raccontare un'altra storia, più "piccola", intima, ovvero quella di un ragazzo e del suo cane. Solo che stavolta le parti sono invertite. E di qui il grande genio pixariano. Visto che poteva sembrare poco, perché non raccontarlo tutto in chiave western? Ed ecco che il concept iniziale è stato quasi totalmente abbandonato dimostrando come la Pixar sappia ancora rischiare innovando, allontanandosi da terreni ormai ben noti ... verso l'infinito e oltre.

Si, perché qui lo spazio si apre a dismisura. E con esso l'obiettivo della camera che indugia moltissimo sui campi lunghi (come tutti i western che si rispettino) togliendo il respiro allo spettatore, complici anche le meraviglie compiute nel rendering. Ma la cosa straordinaria non è quanto la Pixar sia stata brava nel ricreare fotorealisticamente praterie e tempeste. Ma come sia riuscita a integrare il tutto con il design così cartoonoso e stilizzato dei dinosauri. La fotografia ha fatto miracoli, perché è tutta questione di luce e illuminazione.

Per tornare alla questione film per bambini... ma chi se ne frega? E poi a parte che se volete un film per bambini vedetevi l'Era glaciale 26 o i Minions. Intanto qui si ride pochissimo e questo già lo distanzia infinitamente dai classici film per bambini, dove si sa le gag vanno inserite sennò il bimbo s'addormenta.
E si, sebbene la trama sia lineare e già vista (nel senso di ciò che succede, il plot inteso come sequela di avvenimenti) il COME tutto sia gestito è magistrale a cominciare dalla regia, che rende anche i momenti più "banali" unici e assolutamente toccanti (il dialogo tra il padre e Arlo, Arlo e Spot che "parlano" delle loro famiglie aiutandosi coi rametti, il saluto finale).
Anche se la maggior parte del film è focalizzata su Arlo e Spot tutti gli altri personaggi fanno la loro bella figura incarnando archetipi del cinema western (i t-rex cowboy che CAVALCANO sono la ciliegina sulla torta).
Finta banalità anche nelle tematiche; qui non stiamo parlando semplicemente di "vinci le tue paure". Non è la paura di Elsa di venire scoperta, di non essere accettata e di non accettarsi... E' una paura più primitiva. E' la classica fifa che puoi avere nello svolgere le mansioni più banali (come dar da mangiare a delle galline poco gentili) a quella nera che ti atterrisce quando stai per essere mangiato o ti ritrovi davanti una Natura Matrigna devastante e distruttrice (eh si è lei la villain del film).

Ultima nota sul confronto con Inside Out dato che (malauguratamente) non si parla d'altro. Paragonare i film è quasi impossibile perché sono per natura diversi.
Personalmente, pur riconoscendo il genio e la brillantezza di IO, ho amato molto più la semplicità e la genuinità di Arlo per il quale ho pianto copiosamente (IO mi lasciò più freddo). E' come se IO mi avesse parlato alla mente, ripetendo di continuo "Guarda come siamo stati bravi a trasporre in immagini un universo etereo, che a stento puoi immaginare.". TGD invece mi ha parlato diretto al cuore.

Insomma è come se Inside Out fosse il primo della classe, quello sempre perfetto, sempre con la mano alzata per dimostrare che sa, brillante, arguto, un po' scolastico ma destinato ad avere sempre i voti più alti... Laddove Arlo è l'outsider, quello che parla poco, solo se interrogato, ma che sa stupire quando meno te lo aspetti, che dice di più anche quando dice poco.

Un interrogativo finale però mi resta... perché chiamarlo The Good Dinosaur? Questo titolo è funzionale alla prima versione ma non a questa dove appare quasi fuori luogo perché non è la bontà la caratteristica principale di Arlo. Direi quasi il Dinosauro Fifone... magari c'entra il reparto marketing. E poi il titolo quello si è piuttosto infantile.

Per concludere, strapromosso a pieni voti.

Inviato da: IryRapunzel il 29/11/2015, 22:38

CITAZIONE (Beast @ 29/11/2015, 11:29) *
Forse, senza offesa, chi non ha apprezzato Arlo non ha compreso a fondo il suo spirito, magari anche perché, come dice Iry, ciò può essere dovuto ad un momento particolare della propria vita. Non so se sono riuscito a spiegarmi tongue.gif

Ti sei spiegato perfettamente. Però ti rispondo che io non solo non l'ho capito il senso... non ce l'ho trovato proprio! unsure.gif

Una cosa posso dire con certezza, e cioè che il design dei personaggi purtroppo mi ha distratto e mi ha fatto continuamente perdere la connessione emotiva con il film (che già non era tanta xD). Trovo i personaggi esteticamente bruttissimi, e quei primi piani del padre di Arlo ancora mi danno i brividi se ci ripenso. xD Mi è piaciuto soltanto Spot, che ho trovato davvero ben fatto nella sua semplicità. Probabilmente il fattore estetico mi ha influenzato molto. unsure.gif

Inviato da: *marta* il 29/11/2015, 22:40

Scrivo un po' in ritardo la mia recensione!
Per me è un ottimo film! Sinceramente non mi interessa che un film sia originale al 100% con messaggi nascosti da comprendere fatti per le menti più perspicaci.. per me conta l'emozione, e Arlo mi ha emozionata, e pure tanto!
Tutti parlano di capolavoro per Inside Out, io invece pur ritenendolo un bel film non ho provato emozioni, non ho provato empatia, l'unico momento è successo per Bing bong.. quindi questo grande capolavoro mi sfugge.. a riprova del fatto che spesso ciò che conta è cosa trasmette un film ad una persona!
È un film semplice? Si, lo é! Non per questo è un pixar minore.
É una storia che parla di affrontare le proprie paure, di famiglia, di amicizia!
Mi dispiace vedere tutte queste critiche, voi guardatevi Wall-e e Inside Out.. io riguarderò più volte Arlo e continuerò a piangere come una fontana..
Se questi sono "film per bambini" ben vengano..
Oltre ad aver apprezzato la trama, mi sono piaciuti gli sfondi, l'aver invertito i ruoli tra uomo e animale, le musiche..
Non vedo l'ora di andare al cinema a rivederlo! Innamorato.gif

PS. Scissor davvero bellissima la tua recensione

Inviato da: IryRapunzel il 29/11/2015, 22:45

CITAZIONE (Scissorhands @ 29/11/2015, 21:37) *
stavolta manca tutta la costruzione certosina e minuziosa dell'universo in questione che nasce rispondendo alla domanda: cosa sarebbe avvenuto se quel famoso meteorite non avesse beccato la terra? La prima versione del film impiegava molto tempo nel descrivere tutta la nuova società dinosaura (un po' alla flintstone diciamo)... ma quell'idea è stata ABBANDONATA

Ecco, questo che per te è un pregio, per me è il più grosso difetto del film e quello che lo rende poco Pixar. A metà proiezione mi sono proprio chiesta se questa - per me- pecca fosse ereditata dalla prima versione. Ora che mi dici che non è così, ho la conferma che probabilmente la versione di Peterson sarebbe stata più vicina ai miei gusti.

Inviato da: Scissorhands il 29/11/2015, 23:01

CITAZIONE (*marta* @ 29/11/2015, 21:40) *
PS. Scissor davvero bellissima la tua recensione

Grazie mille XD

CITAZIONE (IryRapunzel @ 29/11/2015, 21:45) *
Ecco, questo che per te è un pregio, per me è il più grosso difetto del film e quello che lo rende poco Pixar. A metà proiezione mi sono proprio chiesta se questa - per me- pecca fosse ereditata dalla prima versione. Ora che mi dici che non è così, ho la conferma che probabilmente la versione di Peterson sarebbe stata più vicina ai miei gusti.

Ma guarda di pixariano ha tutto il resto!!! Secondo me hanno fatto bene a distanziarsi da quella versione che sarebbe stata troppo formulatic per loro. Tutti si sarebbero aspettati esattamente quella cosa. Invece la Pixar fa la finta e segna in porta.
Ormai basta. Sarebbe stato un il mondo dei dinosauri by Pixar sulla linea di Monsters & Co e Inside Out. Hanno invece fatto qualcosa di molto più sopraffino, sottile, e delicato, giocando coi generi.

Inviato da: IryRapunzel il 29/11/2015, 23:12

CITAZIONE (Scissorhands @ 29/11/2015, 22:01) *
Ma guarda di pixariano ha tutto il resto!!! Secondo me hanno fatto bene a distanziarsi da quella versione che sarebbe stata troppo formulatic per loro. Tutti si sarebbero aspettati esattamente quella cosa. Invece la Pixar fa la finta e segna in porta.
Ormai basta. Sarebbe stato un il mondo dei dinosauri by Pixar sulla linea di Monsters & Co e Inside Out. Hanno invece fatto qualcosa di molto più sopraffino, sottile, e delicato, giocando coi generi.

Mi spiace, mi è proprio mancato questo aspetto durante la visione, :/

Inviato da: Scrooge McDuck il 29/11/2015, 23:56

Domanda su un aspetto che proprio non ho capito: ok che se magnano i bufali, ma perché i T-Rex non mangiano Arlo o non ci provano nemmeno ma, anzi, addirittura lo aiutano? Non ha senso... anche perché, va bene che i dinosauri si sono sviluppati, ma quei condor volanti se lo vogliono mangiare comunque - quando è moribondo - quindi....che senso ha questa cosa?

Inviato da: Simon il 30/11/2015, 0:36

CITAZIONE (Scissorhands @ 29/11/2015, 21:37) *
Pixar minore UN CORNO... il film rappresenta quello che la Pixar sa fare meglio: EMOZIONARE in modo genuino, di pancia, senza dialoghi ma con un timing, una regia e un recitazione da brivido. E sono totalmente d'accordo con Beast e Walt Disney.

Ho adorato ogni singolo minuto di TGD senza annoiarmi un istante, perché la Pixar ci sa fare, sa giocare bene con le Emozioni e non semplicemente quando offre loro una parte da protagonista in uno dei suoi film. E soprattutto sa stupire, anche quando il concept non è (all'apparenza) così appealing e wowoso come Inside Out.

E come sorprende? Beh prima di tutto nella struttura. NON è la classica formula ALLELUIA! Ok abbiamo la coppia anomala che deve intraprendere un road movie che rappresenta l'ossatura di un viaggio di formazione. Ma stavolta manca tutta la costruzione certosina e minuziosa dell'universo in questione che nasce rispondendo alla domanda: cosa sarebbe avvenuto se quel famoso meteorite non avesse beccato la terra? La prima versione del film impiegava molto tempo nel descrivere tutta la nuova società dinosaura (un po' alla flintstone diciamo)... ma quell'idea è stata ABBANDONATA (anche perché tutto sommato già vista)... badate bene, ho detto "è stata abbandonata" non " si è persa". Perché è palese la volontà di raccontare un'altra storia, più "piccola", intima, ovvero quella di un ragazzo e del suo cane. Solo che stavolta le parti sono invertite. E di qui il grande genio pixariano. Visto che poteva sembrare poco, perché non raccontarlo tutto in chiave western? Ed ecco che il concept iniziale è stato quasi totalmente abbandonato dimostrando come la Pixar sappia ancora rischiare innovando, allontanandosi da terreni ormai ben noti ... verso l'infinito e oltre.

Si, perché qui lo spazio si apre a dismisura. E con esso l'obiettivo della camera che indugia moltissimo sui campi lunghi (come tutti i western che si rispettino) togliendo il respiro allo spettatore, complici anche le meraviglie compiute nel rendering. Ma la cosa straordinaria non è quanto la Pixar sia stata brava nel ricreare fotorealisticamente praterie e tempeste. Ma come sia riuscita a integrare il tutto con il design così cartoonoso e stilizzato dei dinosauri. La fotografia ha fatto miracoli, perché è tutta questione di luce e illuminazione.

Per tornare alla questione film per bambini... ma chi se ne frega? E poi a parte che se volete un film per bambini vedetevi l'Era glaciale 26 o i Minions. Intanto qui si ride pochissimo e questo già lo distanzia infinitamente dai classici film per bambini, dove si sa le gag vanno inserite sennò il bimbo s'addormenta.
E si, sebbene la trama sia lineare e già vista (nel senso di ciò che succede, il plot inteso come sequela di avvenimenti) il COME tutto sia gestito è magistrale a cominciare dalla regia, che rende anche i momenti più "banali" unici e assolutamente toccanti (il dialogo tra il padre e Arlo, Arlo e Spot che "parlano" delle loro famiglie aiutandosi coi rametti, il saluto finale).
Anche se la maggior parte del film è focalizzata su Arlo e Spot tutti gli altri personaggi fanno la loro bella figura incarnando archetipi del cinema western (i t-rex cowboy che CAVALCANO sono la ciliegina sulla torta).
Finta banalità anche nelle tematiche; qui non stiamo parlando semplicemente di "vinci le tue paure". Non è la paura di Elsa di venire scoperta, di non essere accettata e di non accettarsi... E' una paura più primitiva. E' la classica fifa che puoi avere nello svolgere le mansioni più banali (come dar da mangiare a delle galline poco gentili) a quella nera che ti atterrisce quando stai per essere mangiato o ti ritrovi davanti una Natura Matrigna devastante e distruttrice (eh si è lei la villain del film).

Ultima nota sul confronto con Inside Out dato che (malauguratamente) non si parla d'altro. Paragonare i film è quasi impossibile perché sono per natura diversi.
Personalmente, pur riconoscendo il genio e la brillantezza di IO, ho amato molto più la semplicità e la genuinità di Arlo per il quale ho pianto copiosamente (IO mi lasciò più freddo). E' come se IO mi avesse parlato alla mente, ripetendo di continuo "Guarda come siamo stati bravi a trasporre in immagini un universo etereo, che a stento puoi immaginare.". TGD invece mi ha parlato diretto al cuore.

Insomma è come se Inside Out fosse il primo della classe, quello sempre perfetto, sempre con la mano alzata per dimostrare che sa, brillante, arguto, un po' scolastico ma destinato ad avere sempre i voti più alti... Laddove Arlo è l'outsider, quello che parla poco, solo se interrogato, ma che sa stupire quando meno te lo aspetti, che dice di più anche quando dice poco.

Un interrogativo finale però mi resta... perché chiamarlo The Good Dinosaur? Questo titolo è funzionale alla prima versione ma non a questa dove appare quasi fuori luogo perché non è la bontà la caratteristica principale di Arlo. Direi quasi il Dinosauro Fifone... magari c'entra il reparto marketing. E poi il titolo quello si è piuttosto infantile.

Per concludere, strapromosso a pieni voti.

Tu non potevi proprio chiamarti in altro modo se non "mani di forbice"!! Che ti posso dire... dammi il cinque! Roftl.gif
La pensiamo esattamente allo stesso modo, anche se io ho ADORATO sia Inside out, sia Arlo, mi è piaciuto troppo il paragone che hai fatto tra il perfettino e l'outsider... sei proprio un burtoniano come me!
Inside out mi ha colpito tanto, tantissimo, mi ha fatto "male" (i ricordi e le cose passate, legate all'infanzia, mi spezzano veramente il cuore di solito...), ma la reazione che ho avuto con Arlo è stata doppiamente forte... una pugnalata, non scherzo. Ho scritto questo paragone su facebook ma te lo scrivo qui, visto che non hai potuto leggerlo: in un certo senso, questo film mi ha fatto quasi lo stesso effetto di Edward mani di forbice........ e per me vuol dire tanto, vuol dire che il film mi sconvogle sul serio, non so se anche a te Edward fa questo effetto, ma di sicuro sai di cosa parlo.....
Comunque, quanto al titolo... devo dire che, stranamente, preferisco di gran lunga quello italiano, è molto ma molto più sensato!!

Inviato da: Simon il 30/11/2015, 0:42

CITAZIONE (Scrooge McDuck @ 29/11/2015, 22:56) *
Domanda su un aspetto che proprio non ho capito: ok che se magnano i bufali, ma perché i T-Rex non mangiano Arlo o non ci provano nemmeno ma, anzi, addirittura lo aiutano? Non ha senso... anche perché, va bene che i dinosauri si sono sviluppati, ma quei condor volanti se lo vogliono mangiare comunque - quando è moribondo - quindi....che senso ha questa cosa?

Quante cose a volte nei film non hanno "senso"? laugh.gif E comunque non sono condor, sono pterodattili.

E' forte comunque leggere ogni volta le reazioni diverse di ognuno per ogni film... questo fa capire un po' chi siamo e cosa proviamo yes.gif

CITAZIONE (IryRapunzel @ 29/11/2015, 21:38) *
Ti sei spiegato perfettamente. Però ti rispondo che io non solo non l'ho capito il senso... non ce l'ho trovato proprio! unsure.gif

Se tu non gli hai trovato un senso non vuol dire che per questo è il peggior film della Pixar come hai detto.....

Inviato da: Scrooge McDuck il 30/11/2015, 0:46

CITAZIONE (Simon @ 29/11/2015, 23:42) *
Quante cose a volte nei film non hanno "senso"? laugh.gif

Scusa ma mi sembra una cosa abbastanza lampante mellow.gif i t-rex mangiano i dinosauri erbivori mellow.gif mellow.gif non è che sono andato a cercare il pelo nell'uovo ^__^'
Poi sì, i film con le cose senza senso capitano (e io li chiamo brutti film), ma mi chiedevo se non esistesse una motivazione, magari il regista ne ha parlato da qualche parte smile.gif

Inviato da: Simon il 30/11/2015, 0:53

CITAZIONE (Scrooge McDuck @ 29/11/2015, 23:46) *
Scusa ma mi sembra una cosa abbastanza lampante mellow.gif i t-rex mangiano i dinosauri erbivori mellow.gif mellow.gif non è che sono andato a cercare il pelo nell'uovo ^__^'
Poi sì, i film con le cose senza senso capitano (e io li chiamo brutti film), ma mi chiedevo se non esistesse una motivazione, magari il regista ne ha parlato da qualche parte smile.gif

Magari sono brutti film per te, il nonsense fa parte della fantasia e della creatività. Io sinceramente ho trovato invece molto originale il fatto che i T-Rex qui erano buoni e non cattivi, solo perché carnivori (dopotutto, anche in Jurassic World quest'ultimo viene rivalutato), ne son rimasto sorpreso in senso positivo! yes.gif
Comunque se per te i film senza senso sono brutti allora è brutto anche Il re leone.... i leoni non sono carinovori e non mangiano quindi animali come Timon, Pumba e Zazu?

Inviato da: Claudio il 30/11/2015, 1:07

CITAZIONE (Simon @ 29/11/2015, 23:53) *
i leoni non sono carinovori e non mangiano quindi animali come Timon, Pumba e Zazu?

non solo... non esistono squali che non mangiano pesce nè esistono cani che sanno pilotare aeroplani monoposto...

Inviato da: Iago il 30/11/2015, 1:09

Visto oggi il film e devo dire che l'ho trovato molto carino nella sua semplicità: il percorso di formazione di arlo è elaborato molto bene e i paesaggi sono fantastici, ho adorato la sequenza finale ( mi ha emozionato tantissimo), non l'ho trovato così infantile come dicono alcune recensioni ( c'è molto di peggio, tipo gli ultimi film della Dreamworks). Unica pecca il character dei personaggi che stona con la meraviglia dei fondali.

Per quanto riguarda il paragone con Inside out, devo dire che quest'ultimo mi ha meravigliato di più, ma riconosco che i film sono ben diversi e toccano corde differenti l'uno dall'altro.

Non lo reputo assolutamente il peggior film della Pixar (che per me rimangono i Cars e Ribelle): non è sicuramente tra i migliori, ma è un film godibile e, come ho già scritto, sa emozionare.

Inviato da: Simon il 30/11/2015, 1:10

CITAZIONE (Claudio @ 30/11/2015, 0:07) *
non solo... non esistono squali che non mangiano pesce nè esistono cani che sanno pilotare aeroplani monoposto...

Appunto, quindi anche Alla ricerca di Nemo è un film brutto!! Roftl.gif Oddio, in quanto al cane a chi ti riferisci? Mi sfugge il riferimento ahahahah Roftl.gif

Inviato da: Scissorhands il 30/11/2015, 1:14

CITAZIONE (Scrooge McDuck @ 29/11/2015, 22:56) *
Domanda su un aspetto che proprio non ho capito: ok che se magnano i bufali, ma perché i T-Rex non mangiano Arlo o non ci provano nemmeno ma, anzi, addirittura lo aiutano? Non ha senso... anche perché, va bene che i dinosauri si sono sviluppati, ma quei condor volanti se lo vogliono mangiare comunque - quando è moribondo - quindi....che senso ha questa cosa?

Io l'ho intesa in questo modo. In questi milioni di anni di evoluzione molti erbivori hanno imparato a coltivare la terra diventando agricoltori, i carnivori (o almeno alcuni) sono diventati allevatori (tipo i t rex che sono presentati come cowboys e i bufali sono il loro bestiame). E il tutto ripercorre un film western. In quest'ottica gli pterodattili sono dei banditi (come lo sono anche i raptor) che non sanno allevare e quindi rubano e mangiano qualsiasi cosa gli capiti a tiro.
Quindi non è che i Trex non si mangerebbero Arlo. Semplicemente, da buoni cowboys, hanno cambiato la loro dieta. Purtroppo i fagioli non fanno parte di essa.

CITAZIONE (Simon @ 29/11/2015, 23:36) *
Tu non potevi proprio chiamarti in altro modo se non "mani di forbice"!! Che ti posso dire... dammi il cinque! Roftl.gif
La pensiamo esattamente allo stesso modo, anche se io ho ADORATO sia Inside out, sia Arlo, mi è piaciuto troppo il paragone che hai fatto tra il perfettino e l'outsider... sei proprio un burtoniano come me!
Inside out mi ha colpito tanto, tantissimo, mi ha fatto "male" (i ricordi e le cose passate, legate all'infanzia, mi spezzano veramente il cuore di solito...), ma la reazione che ho avuto con Arlo è stata doppiamente forte... una pugnalata, non scherzo. Ho scritto questo paragone su facebook ma te lo scrivo qui, visto che non hai potuto leggerlo: in un certo senso, questo film mi ha fatto quasi lo stesso effetto di Edward mani di forbice........ e per me vuol dire tanto, vuol dire che il film mi sconvogle sul serio, non so se anche a te Edward fa questo effetto, ma di sicuro sai di cosa parlo.....
Comunque, quanto al titolo... devo dire che, stranamente, preferisco di gran lunga quello italiano, è molto ma molto più sensato!!

Ti ringrazio! E si capisco benissimo la tua reazione perché è stata la stessa, doppiamente forte. E poi mi citi Edward, IL mio film preferito eddai... e anche quello è un film di una semplicità disarmante, "originale" fino a un certo punto ma con così tanto cuore e anima che è impossibile non sciogliersi in lacrime.
E sempre rimanendo in territorio burtoniano, immagino avrai visto Frankenweenie altra meravigliosa favola by Burton con protagonista un cane e il suo padroncino.

Inviato da: Claudio il 30/11/2015, 1:14

CITAZIONE (Simon @ 30/11/2015, 0:10) *
Appunto, quindi anche Alla ricerca di Nemo è un film brutto!! Roftl.gif Oddio, in quanto al cane a chi ti riferisci? Mi sfugge il riferimento ahahahah Roftl.gif

La scena finale di Up sul dirigibile, in cui i cani, volando, sparano all'impazzata su Russel wink.gif

Inviato da: WALY DISNEY il 30/11/2015, 1:19

Provo a dare una mia interpretazione per rispondere alla domanda di Valerio.

Una delle più grandi intuizioni del film è questa evoluzione paradossalmente umana dei dinosauri. In questo mondo i dinosauri non si sono estinti, anzi... Hanno avuto a disposizione tutta quell'infinità di anni che invece nel nostro mondo hanno portato l'ominide all'homo sapiens. Ecco, di fronte ad uno stadio evolutivo del genere, laddove l'uomo (o comunque la maggior parte degli uomini) decide di non mangiare più tutto ciò che di vivente si ritrova davanti, ma comincia a mediare bisogni, impulsi ed emozioni attraverso la ragione(è quello che succede da millenni, tu uomo puoi decidere, ahimè aggiungo, se mangiarti un cavallo o con esso instaurare un rapporto emotivo), nel mondo di TGD i dinosauri hanno anch'essi raggiunto questo livello dell'intelletto.

Poi c'è da dire che i giocattoli strappano la regola e spaventano un bambino, i mostri fanno un'eccezione e si affezionano ad una bimba "tossica" e i topi decidono per una volta di fidarsi dell'uomo e cucinare in gruppo pur di aiutare in amico. Magari qui i T-Rex si sono davvero fatti impietosire da due cuccioli in difficoltà.


P.S. Scissor... Che dire, recensione meravigliosa.

Inviato da: Simon il 30/11/2015, 1:22

CITAZIONE (Scissorhands @ 30/11/2015, 0:14) *
Ti ringrazio! E si capisco benissimo la tua reazione perché è stata la stessa, doppiamente forte. E poi mi citi Edward, IL mio film preferito eddai... e anche quello è un film di una semplicità disarmante, "originale" fino a un certo punto ma con così tanto cuore e anima che è impossibile non sciogliersi in lacrime.
E sempre rimanendo in territorio burtoniano, immagino avrai visto Frankenweenie altra meravigliosa favola by Burton con protagonista un cane e il suo padroncino.

No, ringrazio io te per le parole che hai scritto su questo film... io ieri sera sono uscito dal cinema con gli occhi rossi e lucidi e sinceramente ancora non saprei scrivere di più rispetto a quello che ho già postato, devo ancora riprendermi un po' laugh.gif cry.gif
Edward.... che te lo dico a fare.... è un pezzo del mio cuore (ed è il mio secondo film preferito, dopo Nightmare before Christmas), ecco perché ogni volta che lo vedo perdo tipo un anno di vita cry.gif cry.gif cry.gif cry.gif
Carissimo, ho tutti i film di Burton e ho amato Frankenweenie, sia in versione live action che in animazione stop motion!! Innamorato.gif

CITAZIONE (Claudio @ 30/11/2015, 0:14) *
la scena finale di Up sul dirigibile, in cui i cani, volando, sparano all'impazzata su Russel wink.gif

Uuuuh bravo, si, hai ragione, anche Up è un film orribile in effetti, visto che quella cosa non ha senso!! eheheh.gif Roftl.gif

Inviato da: Scissorhands il 30/11/2015, 1:32

CITAZIONE (Simon @ 30/11/2015, 0:22) *
Edward.... che te lo dico a fare.... è un pezzo del mio cuore (ed è il mio secondo film preferito, dopo Nightmare before Christmas), ecco perché ogni volta che lo vedo perdo tipo un anno di vita cry.gif cry.gif cry.gif cry.gif

Bene, abbiamo la stessa top 2

Inviato da: IryRapunzel il 30/11/2015, 1:34

CITAZIONE (Simon @ 29/11/2015, 23:42) *
Se tu non gli hai trovato un senso non vuol dire che per questo è il peggior film della Pixar come hai detto.....

PER ME lo è.

Inviato da: Simon il 30/11/2015, 1:36

CITAZIONE (Scissorhands @ 30/11/2015, 0:32) *
Bene, abbiamo la stessa top 2

Grande! Innamorato.gif

CITAZIONE (IryRapunzel @ 30/11/2015, 0:34) *
PER ME lo è.

Benissimo, peccato PER TE! yes.gif

Inviato da: Scrooge McDuck il 30/11/2015, 1:39

Scusate ma in tutti i film che avete citato c'è una spiegazione del perché e del per come i personaggi fanno quel che fanno, altrimenti mi chiedo se quando decretate un film "stupendo" lo capite davvero domandandovi del perché i personaggi fanno cose o lo guardate staccando la spina.

(Timon e Pumba in un primo momento si preoccupano che Simba crescendo possa mangiarli, poi decidono di educarlo alla dieta degli insetti; in Nemo gli squali cercano di non mangiare pesci tanto da fondare un club il cui motto "i pesci sono amici, non cibo; e la bazza dei cani che sparano (sebbene a me non sia mai piaciuta in Up) è giustificabile dal momento che essi vivono da anni con un uomo che li ha addestrati a fare tutto, addirittura a parlare.
Non è che devono essere realisti, altrimenti non sarebbero film d'animazione, mi sono fatto una domanda che reputo legittima e la cui spiegazione non è stata in alcun modo messa in luce nel film (cosa che si chiama errore di scrittura).

Grazie a Michele e Valerio che si sono sforzati di dare una risposta alla mia domanda stupida.

Inviato da: Simon il 30/11/2015, 1:42

CITAZIONE (Scrooge McDuck @ 30/11/2015, 0:39) *
Scusate ma in tutti i film che avete citato c'è una spiegazione del perché e del per come i personaggi fanno quel che fanno, altrimenti mi chiedo se quando decretate un film "stupendo" lo capite davvero domandandovi del perché i personaggi fanno cose o lo guardate staccando la spina.

(Timon e Pumba in un primo momento si preoccupano che Simba crescendo possa mangiarli, poi decidono di educarlo alla dieta degli insetti; in Nemo gli squali cercano di non mangiare pesci tanto da fondare un club il cui motto "i pesci sono amici, non cibo; e la bazza dei cani che sparano (sebbene a me non sia mai piaciuta in Up) è giustificabile dal momento che essi vivono da anni con un uomo che li ha addestrati a fare tutto, addirittura a parlare.
Non è che devono essere realisti, altrimenti non sarebbero film d'animazione, mi sono fatto una domanda che reputo legittima e la cui spiegazione non è stata in alcun modo messa in luce nel film (cosa che si chiama errore di scrittura).

Grazie a Michele e Valerio che si sono sforzati di dare una risposta alla mia domanda stupida.

Infatti, Michele ti ha risposto molto bene! smile.gif

Inviato da: IryRapunzel il 30/11/2015, 1:44

Ma chi t'ha detto niente, Simon o.O Che pesantezza, oh...

Inviato da: Simon il 30/11/2015, 1:45

CITAZIONE (IryRapunzel @ 30/11/2015, 0:44) *
Ma chi t'ha detto niente o.O

Saluto.gif
Sei pesante anche tu Iry, tanto.

Inviato da: Scrooge McDuck il 30/11/2015, 1:50

CITAZIONE (WALY DISNEY @ 30/11/2015, 0:19) *
Poi c'è da dire che i giocattoli strappano la regola e spaventano un bambino, i mostri fanno un'eccezione e si affezionano ad una bimba "tossica" e i topi decidono per una volta di fidarsi dell'uomo e cucinare in gruppo pur di aiutare in amico. Magari qui i T-Rex si sono davvero fatti impietosire da due cuccioli in difficoltà.

È un punto di vista molto interessante. Peccato che non sia stato sviluppato in questa direzione, sarebbe stato bello capire come si struttura la "società" dei dinosauri. Cioè, magari iniziano a reputare cannibalismo il mangiare altri dinosauri, anche se erbivori. Peccato che venga lascito tutto un po' sul vago...

Inviato da: Claudio il 30/11/2015, 1:54

CITAZIONE (Scrooge McDuck @ 30/11/2015, 0:39) *
(Timon e Pumba in un primo momento si preoccupano che Simba crescendo possa mangiarli, poi decidono di educarlo alla dieta degli insetti; in Nemo gli squali cercano di non mangiare pesci tanto da fondare un club il cui motto "i pesci sono amici, non cibo; e la bazza dei cani che sparano (sebbene a me non sia mai piaciuta in Up) è giustificabile dal momento che essi vivono da anni con un uomo che li ha addestrati a fare tutto, addirittura a parlare.

E qui, per me, i t-rex non mangiano gli erbivori, come gli squali non mangiano pesce. Come i cani sono stati addestrati per anni a fare di tutto, qui i t-rex nei secoli si sono evoluti e avranno preferito cambiare la propria natura non mangiando i propri simili bensì mangiando altra carne, ovvero ciò che allevano. Un po' come diceva Scissor, si è creata una nuova gerarchia in cui c'è rispetto tra i vari dinosauri, eccetto per i banditi o i barbari, come gli pterodattili e i raptor.
Almeno io la vedo così smile.gif

Inviato da: WALY DISNEY il 30/11/2015, 2:07

CITAZIONE (Scrooge McDuck @ 30/11/2015, 1:50) *
È un punto di vista molto interessante. Peccato che non sia stato sviluppato in questa direzione, sarebbe stato bello capire come si struttura la "società" dei dinosauri. Cioè, magari iniziano a reputare cannibalismo il mangiare altri dinosauri, anche se erbivori. Peccato che venga lascito tutto un po' sul vago...

Anch'io ho pensato all'opzione cannibalismo, è un po' come chiedere oggi ad un uomo di mangiare una scimmia, tra l'altro giovane ed in difficoltà; non è la stessa cosa, ma il concetto è quello.

Io credo che il cambio di regia sia la chiave di tutto. Personalmente non sono andato a fondo, so solo che da Peterson si è passati a Sohn per divergenze creative. Ecco, mi viene da pensare che Peterson volesse spingersi a temi più sociali, pungenti e che un parere comune abbia portato "la Pixar" a scegliere un regista che moderasse il progetto, perchè il film una strada percorre e da quella non ha la minima intenzione di discostarsi. C'è questo mondo con dinosauri civilizzati che convivono con gli uomini, ma la cosa passa in secondo piano, quasi non è più importante; l'hanno ridotta a trampolino di lancio per sviluppare temi non più sociali ma emotivi, che, sì, non saranno la novità dell'anno, ma portano l'opera a saper toccare con profondità anche senza preavviso (a quanto pare non a tutti, certo).

Inviato da: Grrodon il 30/11/2015, 3:18

Provo a dirimere la questione "alimentare".

Non fatevi ingannare dall'assenza di vestiti, è chiaro che sebbene li abbiano mantenuti nudi e quadrupedi, i dinosauri hanno assunto il rango di "antropomorfi", insomma sono civilizzati in stile Paperino e Topolino. Cosa che invece l'uomo non è ancora, paradossalmente.

Quindi dato che sono civilizzati non si mangiano fra loro, semplicemente. Fanno eccezione i fuorilegge tipo i velociraptor, o i pazzi furiosi tipo gli pterodattili la cui voracità per Arlo è quasi una sorpresa. I bufali invece sono animali veri, tipo Pluto. E per comunicare ciò non li hanno caratterizzati.

Per quanto riguarda il film l'ho trovato semplice ma fatto pure meglio di altri Pixar blasonati. Un po' il Dumbo pixariano, ecco.

Inviato da: Scissorhands il 30/11/2015, 11:49

CITAZIONE (WALY DISNEY @ 30/11/2015, 1:07) *
Io credo che il cambio di regia sia la chiave di tutto. Personalmente non sono andato a fondo, so solo che da Peterson si è passati a Sohn per divergenze creative. Ecco, mi viene da pensare che Peterson volesse spingersi a temi più sociali, pungenti e che un parere comune abbia portato "la Pixar" a scegliere un regista che moderasse il progetto, perchè il film una strada percorre e da quella non ha la minima intenzione di discostarsi.

Non credo che le divergenze creative fossero tra Peterson e Sohn. Quest'ultimo era il co-regista e di sicuro la sua voce (tra l'alto anche più inesperta) non contava certo quanto quella di Peterson, regista conclamato nonché autore della premessa di base. Se ci sono divergenze creative è sempre tra il regista e Lasseter e/o il braintrust. Il film, annunciato in pompa magna al penultimo D23 NELLA VERSIONE DI PETERSON (senza però Peterson a presentarlo, quindi significa che la frittata era già stata fatta e stavano tentando comunque di portare avanti quell'idea), è stato completamente riconcepito solo dopo.

Se avete tempo rileggetevi tutti i post di sopra che ben aiutano a tracciare le linee della genesi del film.

"When Bob was taken off, I was supporting the film as best I could," Sohn said. "It felt like, this child, this film still needs to be raised. It was just about how to take care of the thing at that time. ... Trying to keep the original vision of this film intact and trying to plus it as well."

Sohn got the "Good Dinosaur" job after he presented a possible new version of the film in storyboards last summer, according to producer Denise Ream.


CITAZIONE (Grrodon @ 30/11/2015, 2:18) *
Per quanto riguarda il film l'ho trovato semplice ma fatto pure meglio di altri Pixar blasonati. Un po' il Dumbo pixariano, ecco.

E il riferimento a Dumbo casca proprio a pennello. Intanto è IL classico preferito da Lasseter, ma Sohn lo ha spesso citato, insieme a Bambi, come fonte di ispirazione per le scene non dialogate (oltre ad essere uno dei favoriti della sua infanzia).
Poi ovviamente mantiene una premessa comune, cioè l'amicizia tra due esseri di taglia e razza diversa e uno dei due è muto.
E non credo proprio sia un caso che anche qui abbiamo una sequenza psichedelica realizzata probabilmente sotto acido XD.
Diciamo quindi che la matrice, il cuore è lo stesso... quello che cambia è la scala. Perché TGD è mastodontico, toglie il fiato, ci proietta nelle sconfinate praterie americane e non nelle anguste tende e carrozze di un circo.

Inviato da: caninlegend il 30/11/2015, 16:55

Visto ieri: leggendo commenti negativi le mie aspettative si erano abbassate, per cui sono entrato in sala timoroso, ma alla fine il film si è rivelato decisamente piacevole! Forse non è un capolavoro, ma alcune scene sono emozionanti come il pre-finale con Arlo che cerca di salvare Spot dall'inondazione

Oppure quando i protagonisti si raccontano le loro tragedie tramite bastoncini
Simpatici poi gli pterodattili anche se non sono villains "centrali"
un paio di scene le avrei gestite meglio. la morte del padre mi è sembrata un po troppo fredda,manca di pathos
i T-rex non si capisce che fine facciano anche se ci regalano un bel momento western
Per il resto ottima la caratterizzazione dei protagonisti ottima anche la regia

Non è di certo da definire come il peggior film Pixar.

voto:7.5

Inviato da: Claudio il 30/11/2015, 17:52

CITAZIONE (caninlegend @ 30/11/2015, 15:55) *
i T-rex non si capisce che fine facciano anche se ci regalano un bel momento western

Continuano il cammino gestendo la propria mandria, penso sia questa la risposta. Come in Nemo le tartarughe poi continuano per la loro strada smile.gif

Inviato da: camaleone il 1/12/2015, 1:08

Riguardo la questione T-rex, non sottovaluterei recenti studi secondo i quali sembra che si cibassero solo di carcasse di animali di piccola taglia, e che non fossero cacciatori.

Inviato da: IryRapunzel il 6/12/2015, 23:31

http://www.cinefilos.it/blogs/keep-mov/il-viaggio-di-arlo-quando-la-pixar-mi-ha-deluso-274912. smile.gif

Inviato da: Scrooge McDuck il 7/12/2015, 14:13

CITAZIONE (IryRapunzel @ 6/12/2015, 22:31) *
http://www.cinefilos.it/blogs/keep-mov/il-viaggio-di-arlo-quando-la-pixar-mi-ha-deluso-274912. smile.gif

Brava Iry! Sei riuscita a spiegare anche il mio disagio, il discorso che della società dei dinosauri non conosciamo niente e che andava analizzato e almeno spiegato come sia strutturato. Per me è un po' un errore di sceneggiatura questo..

Inviato da: IryRapunzel il 8/12/2015, 0:00

CITAZIONE (Scrooge McDuck @ 7/12/2015, 13:13) *
Brava Iry! Sei riuscita a spiegare anche il mio disagio, il discorso che della società dei dinosauri non conosciamo niente e che andava analizzato e almeno spiegato come sia strutturato. Per me è un po' un errore di sceneggiatura questo..

Abbiamo proprio la stessa opinione su questo film, allora. smile.gif

Inviato da: *marta* il 8/12/2015, 10:30

Ma che ve ne frega della società dei dinosauri?? A volte mi chiedo davvero che domande vi fate durante i film! Ci fanno vedere che i dinosauri anni dopo il meteorite si sono evoluti. Stop. Ma chi se ne frega di vedere altre spiegazioni su come é strutturata la società dei dinosauri XD

Inviato da: caninlegend il 8/12/2015, 11:10

Quoto Marta.

Inviato da: IryRapunzel il 8/12/2015, 16:58

Ho avvertito questa mancanza durante il film e mi sarebbe piaciuto, tutto qua. Mi sarebbe piaciuto di più se avessero esplorato maggiormente il mondo dei dinosauri, dato anche che Arlo e Spot sono personaggi che non mi hanno coinvolto. smile.gif

Inviato da: Scrooge McDuck il 8/12/2015, 23:56

CITAZIONE (IryRapunzel @ 8/12/2015, 15:58) *
Ho avvertito questa mancanza durante il film e mi sarebbe piaciuto, tutto qua. Mi sarebbe piaciuto di più se avessero esplorato maggiormente il mondo dei dinosauri, dato anche che Arlo e Spot sono personaggi che non mi hanno coinvolto. smile.gif

Beh anche perché non è che nel film succedano tante di quelle cose che metterci due o tre spiegazioni avrebbe influito negativamente, anzi...

Inviato da: *marta* il 9/12/2015, 16:55

No ma il punto secondo me é "chi se ne frega???" Poi evidentemente a voi interessava.. A mio parere non era quello lo scopo del film. Non era indagare sulla vita dei dinosauri se non si fossero estinti.
I temi erano altri. Peccato non vi siano arrivati Saluto.gif

Inviato da: buffyfan il 9/12/2015, 19:20

CITAZIONE (*marta* @ 9/12/2015, 16:55) *
No ma il punto secondo me é "chi se ne frega???" Poi evidentemente a voi interessava.. A mio parere non era quello lo scopo del film. Non era indagare sulla vita dei dinosauri se non si fossero estinti.
I temi erano altri. Peccato non vi siano arrivati Saluto.gif

Sono d'accordo con te su tutto.... Ma qui va detto, però, che fin dal tailer il film è stato pubblicizzato con il: "Cosa sarebbe successo se i dinosauri non si fossero estinti?". Obiettivamente, la società "Dinosaura" è stata indagata poco. Per il resto, secondo me il film trasmette e racconta comunque qualcosa... Qualcosa di già raccontato sicuramente, ma ha comunque un suo perché!^_^

Inviato da: kekkomon il 9/12/2015, 20:03

Ma io penso che quello che viene mostrato sia sufficiente... comunque i Dinosauri non hanno costruito nulla e ognuno vive per i fatti propri.
Ovviamente qualcuno si è evoluto, vedi T rex ma qualcun altro no...

Inviato da: Scrooge McDuck il 9/12/2015, 20:31

CITAZIONE (*marta* @ 9/12/2015, 15:55) *
"chi se ne frega???"

Ti posso chiedere cortesemente di evitare di replicare ai miei messaggi con questa frase. La prima volta ho fatto finta di niente, la seconda volta mi da già un po' più di fastidio.

I motivi per cui il film non mi ha trasmesso niente sono stati abbondantemente sviscerati, non so quanto ci sia ancora da discutere a riguardo.

I presunti messaggi che voleva mandare "Il viaggio di Arlo" credo siano stati messi in evidenza da tutti quelli che qui ne hanno parlato, compresa la recensione di Irene.
Detto questo, come ho più volte ribadito, non è che se un film parla di famiglia/amore/amicizia/ecc è un bel film solo perché parla di quelle cose. Cos'ha Arlo in più del 99% dei film d'animazione di oggi? Per me niente. Questo non significa che il messaggio sia importante, anzi, semmai che nella sua resa l'ha banalizzato. Ma questo è un altro discorso.

Per rispondere alla tua domanda, se a me importa dei buchi di sceneggiatura, forse, è perché sono abituato a guardare i film con il cervello acceso, domandandomi il perché ci viene mostrato quello che vediamo e perché altre cose no. A me piace analizzare un film quando lo guardo, questo non significa che non mi faccia emozionare o che io sia apatico. Ti assicuro che non sono anaffettivo e sebbene non mi reputi di certo un genio non penso di essere tonto a tal punto da non capire qual era il tema di questo film. Anche perché era talmente palese che anche un bambino di un anno l'avrebbe colto.

Inviato da: IryRapunzel il 9/12/2015, 20:56

CITAZIONE (*marta* @ 9/12/2015, 15:55) *
No ma il punto secondo me é "chi se ne frega???" Poi evidentemente a voi interessava.. A mio parere non era quello lo scopo del film. Non era indagare sulla vita dei dinosauri se non si fossero estinti.
I temi erano altri. Peccato non vi siano arrivati Saluto.gif

Ma io sono d'accordo, Marta, non erano quelli i temi del film... è chiaro, altrimenti ne avrebbero semplicemente parlato. Il problema è che i temi del film io non l'ho trovati, e dove li ho trovati mi hanno lasciato indifferente, per questo dico che ho sentito la mancanza di "qualcos'altro". Tra le cose che mi sarebbe piaciuto vedere ci sono gli altri dinosauri e le loro società/comunità. Tutto qui.

Quello che ho fatto su Cinefilos è un commento molto soggettivo, anche perché i film vanno analizzati per quello che sono e non partendo da "ma io l'avrei fatto in un altro modo", che è un ragionamento che porta a un vicolo cieco. Ma mi hanno chiesto di riportare le mie personalissime opinioni, e quelle sono. smile.gif

Inviato da: Claudio il 9/12/2015, 23:03

Io penso che quello che è stato mostrato sulla società dei Dinosauri sia invece abbastanza: i dinosauri hanno le loro proprietà e i propri terreni/territori, c'è anche chi vive in continuo movimento come i t-rex, ci sono gli agricoltori, ci sono gli allevatori/cowboy, ci sono i ladri, i trasgressori delle regole. In tutto questo i dinosauri e l'uomo non hanno contatti, ognuno ha il proprio "gruppo" con la relativa evoluzione. Si tratta pur sempre di due società agli albori quindi, probabilmente, visto che non se ne vedono, i dinosauri non hanno nemmeno concepito i "primi villaggi" (se vogliamo trovare un parallelismo con l'uomo).
In fondo una società in cui Dinosauri e uomo lavorano insieme l'abbiamo già vista, quella dei Flintstones... la Pixar ha voluto mostrarci "cosa sarebbe successo se..." con un altro taglio, che magari come dite voi non è approfondito, ma che in realtà viene mostrato con le immagini, senza nemmeno troppi giri di parole.

Inviato da: nunval il 9/12/2015, 23:36

E finalmente oggi, l'ho visto anche io...che dire? Non pensavo, ma sono d'accordo con Simone, Michele e con quanti lo hanno apprezzato. Un film "piccolo", semplice ma di strana e misteriosa bellezza e, soprattutto, non pretenzioso e magniloquente come mi sono sempre sembrati i Pixar. è un periodo che mi faccio coinvolgere molto a livello emozionale dai film, ragiono poco con la testa e Arlo e Spot mi hanno emozionato. Quanta semplicità, quanta magia nel loro legame tutto giocato sull'istinto tra cuccioli...quanto amore nel gioco di sguardi...la scena dei cerchi e il finale sono da applauso a scena aperta, più che un Pixar minore mi sembra un Disney, che può ricordare tanto, a livello emotivo, Dumbo e Red e Toby. Alla fine...lacrime.

Inviato da: caninlegend il 10/12/2015, 8:58

Sono d'accordo con Nunval! Pur non trovando il film perfetto mi ci rivedo perfettamente nel discorso empatia! Ogni tanto ci vuole un film del genere
che poi il fatto che Arlo abbia le zampe deformate ha contribuito a farmelo piacere visto che anche io fatico a camminare da quando sono nato...

Inviato da: *marta* il 10/12/2015, 10:59

No, mi spiace Scrooge. Non me lo puoi chiedere. Se ti dà fastidio mi spiace ma io sono libera di scrivere la mia opinione, se a te da fastidio non è un problema che mi riguarda. Così come io non vengo a dirti "ti posso chiedere di non scrivere questo". Io non ti ho detto "chi se ne frega della tua opinione", sia chiaro! Io ho detto "chi se ne frega" inteso con "si ma chi se ne importa di sapere l'evoluzione dei dinosauri!" Che ovviamente rispecchia un mio parere. Quindi non capisco perché mi devi chiedere di non scrivere certe cose.
Ognuno la pensa come vuole ed é libero di dirlo.
Chiudo l'OT comunque.

Tornando al film, sempre SECONDO ME, non si tratta di un buco di sceneggiatura, ma credo sia proprio una scelta voluta il non concentrarsi su quell'aspetto!

Inviato da: Simon il 10/12/2015, 17:32

CITAZIONE (Claudio @ 9/12/2015, 22:03) *
Io penso che quello che è stato mostrato sulla società dei Dinosauri sia invece abbastanza: i dinosauri hanno le loro proprietà e i propri terreni/territori, c'è anche chi vive in continuo movimento come i t-rex, ci sono gli agricoltori, ci sono gli allevatori/cowboy, ci sono i ladri, i trasgressori delle regole. In tutto questo i dinosauri e l'uomo non hanno contatti, ognuno ha il proprio "gruppo" con la relativa evoluzione. Si tratta pur sempre di due società agli albori quindi, probabilmente, visto che non se ne vedono, i dinosauri non hanno nemmeno concepito i "primi villaggi" (se vogliamo trovare un parallelismo con l'uomo).
In fondo una società in cui Dinosauri e uomo lavorano insieme l'abbiamo già vista, quella dei Flintstones... la Pixar ha voluto mostrarci "cosa sarebbe successo se..." con un altro taglio, che magari come dite voi non è approfondito, ma che in realtà viene mostrato con le immagini, senza nemmeno troppi giri di parole.

Verissimo, sono d'accordo con quello che hai scritto Claudio, come mi capita il più delle volte!! wink.gif

CITAZIONE (nunval @ 9/12/2015, 22:36) *
E finalmente oggi, l'ho visto anche io...che dire? Non pensavo, ma sono d'accordo con Simone, Michele e con quanti lo hanno apprezzato. Un film "piccolo", semplice ma di strana e misteriosa bellezza e, soprattutto, non pretenzioso e magniloquente come mi sono sempre sembrati i Pixar. è un periodo che mi faccio coinvolgere molto a livello emozionale dai film, ragiono poco con la testa e Arlo e Spot mi hanno emozionato. Quanta semplicità, quanta magia nel loro legame tutto giocato sull'istinto tra cuccioli...quanto amore nel gioco di sguardi...la scena dei cerchi e il finale sono da applauso a scena aperta, più che un Pixar minore mi sembra un Disney, che può ricordare tanto, a livello emotivo, Dumbo e Red e Toby. Alla fine...lacrime.

Bellissimo post Nun e sono felice che il film sia piaciuto anche a te!
Io diciamo che mi lascio sempre trasportare a livello emotivo dai film, in quanto per me l'analisi viene dopo: quel che conta è ciò che il film vuole trasmettere, quindi un valore, un'idea, un sentimento, qualsiasi cosa smile.gif In Arlo ci ho trovato tanta tanta emozione, il che a volte può essere un'arma a doppio taglio, questo perché nella maggior parte dei film si tende a catturare il pubblico per mezzo del messaggio emotivo, che spesso sicuramente può risultare anche banale. Ma Arlo, per come la penso io, non fa parte di quel filone, è talmente forte che qualsiasi possibile difetto del film (sarò poco oggettivo io in questo caso, ma a me è piaciuto tutto, non posso farci niente) viene cancellato dal messaggio finale. Che poi, in un certo senso, finisce bene ma anche "male": Arlo e Spot, purtroppo, non possono far parte della stessa famiglia (e qua io mi domanderei... perché però? cry.gif ), quindi di conseguenza si separano e ognuno andrà per la sua strada... E' un finale che lascia tanta, tanta, tanta malinconia e un'infinita tristezza ma che risulta comunque bellissimo e, sotto un certo punto di vista, tanto reale (nella vita capita molte volte di separarsi dalle persone cui vogliamo bene......)!

Inviato da: Scrooge McDuck il 10/12/2015, 19:06

CITAZIONE (*marta* @ 10/12/2015, 9:58) *
No, mi spiace Scrooge. Non me lo puoi chiedere.

Quindi non posso fare una domanda? Credevo che ognuno potesse dire quello che vuole...
Tu stessa l'hai detto:

CITAZIONE (*marta* @ 10/12/2015, 9:58) *
Ognuno la pensa come vuole ed é libero di dirlo

Detto ciò sei libera di esprimere il tuo parere nel più colorito dei modi ma io "che te ne frega" non lo dico ripetutamente a persone con cui sono poco in confidenza. Solo questo volevo dire.

Anche perché su questo topic ci sono già stati battibecchi e io stesso ho cercato di smorzare i toni e alleggerire l'aria. Uscite come questa (mi sembra) non favoriscono molto il dialogo tra i punti di vista diversi.
Capito ora perché ho scritto quel che ho scritto?

Inviato da: Claudio il 10/12/2015, 21:43

CITAZIONE (Simon @ 10/12/2015, 16:32) *
E' un finale che lascia tanta, tanta, tanta malinconia e un'infinita tristezza ma che risulta comunque bellissimo e, sotto un certo punto di vista, tanto reale (nella vita capita molte volte di separarsi dalle persone cui vogliamo bene......)!

E anche questo è da lodare, non è da tutti finire un film con queste condizioni!

Inviato da: Scissorhands il 15/12/2015, 13:15

La verità è che, ancora una volta, la Pixar ci prende alla sprovvista. E stavolta più delle altre volte perché è vero, si era da sempre parlato di UN ALTRO film, tipicamente Pixariano con i sottomondi etc... e questo è quello che ci aspettavamo.

In sostanza credo che Nunziante abbia riassunto benissimo quando ha detto che si tratta di un film più disneyano che pixariano.

comunque altre info sul film che doveva essere... guardate quanta confusione PURE SUL MERCHANDISE!!!

http://jimhillmedia.com/editor_in_chief1/b/jim_hill/archive/2015/12/07/by-thinning-quot-the-good-dinosaur-quot-s-herd-pixar-animation-studios-wound-up-with-a-far-better-film.aspx

Inviato da: Inlove4Disney il 25/12/2015, 13:39

Visto anche io. In breve qualche pensiero.

Poteva sembrare un film interamente dedicato ai più piccoli, data la presenza di due protagonisti dal marcato appeal fanciullesco quali un giovane dinosauro e un cucciolo d'uomo.
Sebbene sia comunque un film in prevalenza rivolto a loro, il Viaggio di Arlo affascina anche lo spettatore adulto, intrattenendolo con una giusta dose di umorismo e di scene dal forte impatto emotivo. Le emozioni si fanno sentire soprattutto alla presenza dei due rapporti chiave di tutto il film, quello tra padre e figlio e quello tra due individui estranei che si scoprono amici (Arlo e Spot).
Per intensificare il significato di tali rapporti, alcune scene sono prive di dialoghi, espediente utile affinché l'attenzione dello spettatore si focalizzi su un linguaggio pressoché non verbale.
Graficamente parlando, nulla da dire; trattandosi di un Disney Pixar, si sa che la qualita' del disegno è un marchio di fabbrica consolidato: i paesaggi in particolar modo spiccano per tutto il film con la loro maestosità e forse in parte anche loro partecipano alla storia di Arlo, dato che la maggior parte della pellicola si incentra sul viaggio che il protagonista intraprende suo malgrado per ritrovare la via di casa.
In conclusione, Il Viaggio di Arlo si dimostra essere un buon film, sicuramente di intrattenimento, ma non solo.
Al suo interno vi è un insieme di messaggi e di pathos non indifferenti che lo rendono adatto, secondo me, ad una fascia di fruitori molto estesa.

Inviato da: brigo il 25/12/2015, 23:48

Toh, sono riuscito a vederlo. E mi è piaciuto! Manco poco: infinitamente più di Inside Out, per dire.
Il film non è affatto pretenzioso come il suo predecessore ma- attenzione!- ciò non vuol dire che sia un prodotto modesto. Dentro c'è tanta anima, c'è il messaggio più importante del mondo (vincere le proprie paure), si parla della cosa più naturale della vita (ovvero la crescita), c'è dentro la poesia di tante cose non dette ma mostrate, c'è la bellezza di paesaggi da fiaba... e tanto altro!
Purtroppo 'Padron' Lasseter ha voluto togliersi dai piedi il prima possibile questo dente e lo ha fatto uscire praticamente con una zampata sul deretano, veicolando qualsiasi sforzo di marketing su Inside Out. Ecco, io direi che Inside Out sta a Il viaggio di Arlo come Buck (il fratello prepotente di Arlo) sta ad Arlo stesso. Questo film- esattamente come Arlo- avrà solo bisogno di tempo per dimostrare il proprio valore, vedrete!

Per quel poco che conta, il mio Pixar 2015.

Inviato da: Capitano Amelia il 26/12/2015, 2:14

CITAZIONE (brigo @ 25/12/2015, 22:48) *
Ecco, io direi che Inside Out sta a Il viaggio di Arlo come Buck (il fratello prepotente di Arlo) sta ad Arlo stesso. Questo film- esattamente come Arlo- avrà solo bisogno di tempo per dimostrare il proprio valore, vedrete!

Semi O.T.: Proprio quello che auguro io ad altri film tutt'ora bistrattati in rapporto ad altri, ma che io reputo nettamente superiori a quelli che trovo si siano presi popolarità immeritata... Al momento non applico lo stesso pensiero ad "Arlo" ma perchè ancora non l'ho visto (e quindi non so che cosa pensarne riguardo la questione "Gioia" vs. "Arlo") anche se spero di potermi trovare nelle condizioni di riuscire ad andare a vederlo: anche perchè questa è uno dei topic che sto trovando più interessanti in questo periodo nel nostro forum. happy.gif

Inviato da: Arancina22 il 2/1/2016, 19:23

Visto ieri sera.

Ammetto che non mi ha coinvolto come altri film (almeno non in questa prima visione) ma l'ho trovato molto bello ugualmente - e non sapevo moltissimo della trama. Un film semplice ma pieno di cuore e messaggi sussurrati. Insomma, non c'è da sorprendersi se al giorno d'oggi sia stato un fiasco Roftl.gif (ahimè complice anche il fatto che sia uscito subito dopo Inside Out, un film molto più "urlato", per mantenere il paragone con i toni di voce).
Vedere Arlo mi ha portato a ridimensionare il mio entusiasmo per Inside Out stesso pur continuando a considerarlo un ottimo film. Diciamo che la bilancia con la quale peso i due Pixar di quest'anno si è molto riequilibrata.
Sono d'accordo però con chi dice che se gli ambienti dovevano essere a questo livello di realismo, tanto valeva girarli in live action e animarci su i personaggi XD . Musiche molto belle!
Una candidatura agli Oscar se la merita tutta wink.gif

Voto: 7/8

Inviato da: Capitano Amelia il 24/1/2016, 19:28

Io l'ho visto qualche giorno fa e l'ho trovato un buon film, come sceneggiatura è abbastanza lineare, ho trovato solo Arlo caratterizzato con un ottima psicologia e paga il pegno di essere poco "originale" in quanto presenta tematiche e situazioni già affrontate in altri film d'animazione precedenti (il fatto di essere semplice per me non è un difetto, non è obbligatorio che un film debba essere "imponente" per essere eccellente dal mio punto di vista); però, con tutta franchezza, mi è piaciuto decisamente più di "Inside Out" trovandolo più emozionante del Pixar precedente che non ha quasi difetti ma che mi ha preso nettamente meno nella sua parte centrale, mentre qui ho apprezzato ogni momento che la componeva (quasi tutti, però: il frangente del triceratopo mi è parso un pò inutile e noiosetto). E il messaggio del vincere le proprie paure, è vero che è stato già affrontato altre volte, ma, in certo senso, il messaggio l'ho trovato comunque originale (o, almeno, è questo che penso io) perchè Arlo non ha una semplice fobia specifica ma è nato con la paura come sentimento dominante, è la sua natura e vincerla non significa che egli debba semplicemente neutralizzare totalmente questo sentimento e (cosa abbastanza illogica) ma saper lasciare che non si impossessi completamente di lui in ogni singolo momento visto che la paura è un sentimento comunque giusto da affrontare. Per me è un peccato che non sia riuscito a candidarsi, è vero che non è un film perfetto dal punto di vista della tecnica ma io mi sento rammaricata che sia avvenuto ciò anche se mi aspettavo che sarebbe successo così vista la grande popolarità di "Inside Out".

Voto: 8

Inviato da: *marta* il 25/1/2016, 0:46

Bello leggere recensioni di chi si è emozionato come me! sad.gif Mi dispiace vedere che il film sia stato così poco calcolato... sembra quasi un autosabotaggio della Pixar... non li capisco a volte... :/

Inviato da: Capitano Amelia il 25/1/2016, 10:07

CITAZIONE (*marta* @ 24/1/2016, 23:46) *
sembra quasi un autosabotaggio della Pixar... non li capisco a volte... :/

Più che auto-sabotaggio penso che la Pixar si sia ritrovata nella condizione di dover scegliere per forza quale dei due suoi film promuovere e quale no perchè si sarà creata una situazione in cui non potevano far entrare due film della stessa casa di produzione o perchè avranno messo una nuova regola o perchè "Arlo" si è ritrovato messo contro film che l'Accademy ha reputato più meritevoli. Purtroppo ci è andato di mezzo un Pixar degno della candidatura e non si può neanche rimproverare la casa perchè giustamente hanno preferito puntare su "Inside Out" che ha più garanzie di vincere l'Oscar.

P.S.: Mi fa piacere sapere che hai apprezzato la recensione.... happy.gif

Inviato da: Teo il 25/1/2016, 12:51

Anche a me è piaciuto molto...forse perchè non mi aspettavo nulla!
Non capirò mai questa scelta di mettere due Pixar nello stesso anno e così vicini!

Inviato da: *marta* il 25/1/2016, 12:53

Non mi riferisco tanto agli Oscar! È un film in generale uscito un po' in sordina, per Inside Out c'é stata una campagna pubblicitaria mostruosa..
Poi il periodo in cui esce un film chi lo sceglie? Perché farlo uscire a novembre? Nelle feste natalizie non c'era manco un film d'animazione da vedere, cosa mai vista.. non lo si poteva far uscire in quel periodo? Di sicuro le feste avrebbero portato più incassi..
è inoltre gli orari del cinema erano ridicoli, (qui ovviamente la pixar non ha colpe), spettacoli solo alle 15 fino a massimo le 19.. ovviamente io ho potuto notare questo nei the space sella mia città.. ma sembra quasi che quelle fasce orarie volessero dire "questo è un film per bambini"
Diciamo che mi dispiace per come in generale è stato trattato questo film sad.gif forse sono andata OT

Inviato da: Teo il 25/1/2016, 13:13

CITAZIONE (*marta* @ 25/1/2016, 11:53) *
Non mi riferisco tanto agli Oscar! È un film in generale uscito un po' in sordina, per Inside Out c'é stata una campagna pubblicitaria mostruosa..
Poi il periodo in cui esce un film chi lo sceglie? Perché farlo uscire a novembre? Nelle feste natalizie non c'era manco un film d'animazione da vedere, cosa mai vista.. non lo si poteva far uscire in quel periodo? Di sicuro le feste avrebbero portato più incassi..
è inoltre gli orari del cinema erano ridicoli, (qui ovviamente la pixar non ha colpe), spettacoli solo alle 15 fino a massimo le 19.. ovviamente io ho potuto notare questo nei the space sella mia città.. ma sembra quasi che quelle fasce orarie volessero dire "questo è un film per bambini"
Diciamo che mi dispiace per come in generale è stato trattato questo film sad.gif forse sono andata OT

...è stato trattato esattamente come "Winnie Pooh" qualche anno fa... era un piccolo gioiellino ma è stato, di fatto, reso invisibile!

Inviato da: brigo il 25/1/2016, 13:41

CITAZIONE (*marta* @ 25/1/2016, 11:53) *
Poi il periodo in cui esce un film chi lo sceglie? Perché farlo uscire a novembre? Nelle feste natalizie non c'era manco un film d'animazione da vedere, cosa mai vista.. non lo si poteva far uscire in quel periodo? Di sicuro le feste avrebbero portato più incassi..

Perchè c'era Star Wars da sfruttare il più possibile prima di Zalone, e poi si sarebbe creata una specie di 'guerra interna' fra un live action Disney/Lucas e un cartoon Pixar (che ormai fanno parte della stessa famiglia)
Non sottovalutiamo poi che sotto Natale le famiglie non vanno più a vedere i film d'animazione, ma i cinepanettoni (con prole al seguito).
Infine, so che può sembrare un discorso qualunquista, ma non sempre è il pubblico a decretare il successo di un film: un buon 50% (se non 60) dipende dalle strategie di marketing e distribuzione dettate dalle Major stesse. Guardiamo l'immagine qua sotto e meditiamo gente, meditiamo.


Inviato da: *marta* il 25/1/2016, 16:32

Capisco ci fosse Star Wars, ma una cosa è Star Wars e un'altra è un film di animazione! Uno non può voler vedere entrambi? Oppure l'uno e l'altro? I bambini cosa dovevano vedere in queste feste natalizie? Dubito gliene fregasse qualcosa di Checco o di Star Wars.
Quindi a mio parere è stato sbagliato farlo uscire in un periodo del genere..
Nella mia famiglia ad esempio è sempre stata usanza andare al cinema per le feste, penso che tante altre famiglie portino i bambini a vedere i film animati nel periodo di Natale. . Quest anno il nulla..
Hai ragione anche tu poi a parlare del film di zalone che ha avuto mille sale, però diciamo pure che quando è uscito Il viaggio di Arlo manco era più in programmazione.. io parlo proprio di un assenza di film d animazione nel periodo di Natale, l'ho trovata assurda. Dovevano giocarsi meglio Il viaggio di Arlo

Inviato da: Logan232 il 25/1/2016, 18:33

8 sale su 11 dedicate ad un solo film mi sembrano un'assurdità... sicuro che l'immagine non sia un fake?

Inviato da: Scrooge McDuck il 26/1/2016, 0:41

Il problema dell'uscita ravvicinata non è stato un "problema" di Arlo, uscito in contemporanea con gli Usa, quanto di Inside Out che è uscito con un tremendo ritardo in Italia. Inoltre qui si è dimostrato un'inaspettato successo, che è proseguito di settimana in settimana tanto da perdurare al cinema fino all'uscita di Arlo.

CITAZIONE (*marta* @ 25/1/2016, 15:32) *
Capisco ci fosse Star Wars, ma una cosa è Star Wars e un'altra è un film di animazione! Uno non può voler vedere entrambi? Oppure l'uno e l'altro? I bambini cosa dovevano vedere in queste feste natalizie? Dubito gliene fregasse qualcosa di Checco o di Star Wars.

C'entra eccome!
Star Wars quest'anno ha incassato la bellezza di 25 milioni di € qui da noi, praticamente quanto tutta la trilogia prequel messa insieme. Risultato che ha raggiunto nonostante la concorrenza natalizia (le commedie italiane, Il ponte delle spie ecc). Se ci fosse stato Arlo la concorrenza sarebbe stata ancora maggiore e, soprattutto, avrebbe allontanato un'importantissima fetta di pubblico dal cinema: i bambini (maschi), su cui la Disney ha puntato fin da subito per tutto ciò che concerne il merchandising. Star Wars era troppo importante.

Detto ciò, va comunque tenuto conto che Arlo ha floppato in tutto il mondo, in Italia come in America: è stato il film Pixar col più basso incasso praticamente ovunque (dovrei controllare paese per paese, ma non credo di essere molto lontano dalla realtà). Non so (ma non penso) che questo sia dovuto esclusivamente al marketing (visto che la maggior parte dei mercati stranieri ha una sede locale che lo cura: hanno sbagliato in tutti i paesi?), forse è stato sì un elemento ma solo uno.
Provo ad ipotizzarne altri:
- Poco appeal del publico nei confronti della grafica dei personaggi?
In effetti anche qui sul forum, da parte di chi ha apprezzato il film, ho letto qualche critica a riguardo...

- Trama poco interessante?
Eppure nell'anno in cui i dinosauri sembravano tanto di moda...

- Due grandissimi successi d'animazione (Inside Out e Minions) che hanno catalizzato il pubblico?
Ma questo succede (quasi) ogni anno, eppure la Pixar non ha mai avuto di questi tonfi. Forse che la storia che si è creata una fama, un fanbase che attende e premia ogni suo film sia solo un'idea che ci siamo fatti noi appassionati? E che la gente scambia l'ultimo Pixar come fosse il nuovo classico Disney, il nuovo Shrek o il nuovo Era Glaciale? Assai, assai probabile...

- Concorrenza?
Dati alla mano, in USA, nel 2014 sono usciti la bellezza di 33 film d'animazione (!!!) contro i 18 del 2015.

Insomma, il discorso è un po' più complicato di quel che può sembrare secondo me bleh.gif

Edit:
Sono anche scettico per quel che riguarda la tesi "due film Pixar in un anno". Togliamo un attimo l'origine dello studio che produce i film, guardiamo all'azienda: nel 2015 la Disney ha fatto uscire due film, Arlo e Inside Out.
Nel 2013 sono usciti Frozen e Monster University, entrambi campioni di incassi...

Inviato da: brigo il 26/1/2016, 11:46

CITAZIONE (Logan232 @ 25/1/2016, 17:33) *
8 sale su 11 dedicate ad un solo film mi sembrano un'assurdità... sicuro che l'immagine non sia un fake?

La foto non l'ho scattata io, quindi non posso esserne sicuro.
Ma posso invece assicurarti che la programmazione di Quo vado arrivava fino a 15 spettacoli al giorno, almeno nelle sale (The Space e Uci) della mia città, mentre qualsiasi altro film contava al massimo due/tre orari al giorno.

Inviato da: Arancina22 il 26/1/2016, 14:07

CITAZIONE (Logan232 @ 25/1/2016, 17:33) *
8 sale su 11 dedicate ad un solo film mi sembrano un'assurdità... sicuro che l'immagine non sia un fake?

Magari fosse un fake... ahimè, purtroppo è la normalità... confermo che anche al mio The Space, il quale ha 12 sale se non erro, c'è stato un periodo in cui Quo Vado? veniva proiettato 15 volte al giorno (infrasettimanalmente, nemmeno nel weekend!) a scapito di altri film che infatti sono passati del tutto inosservati o non proiettati affatto. Con l'avvicinarsi degli Oscar questo fenomeno si è ridotto, ma il film continua ad avere le sue buone 4 proiezioni in giorni infrasettimanali anche adesso, a quasi un mese dall'uscita al cinema. Per dire, Revenant -che non ho ancora visto, ma reputerei comunque un film molto più interessante- ne ha 2, domani 3.

Inviato da: caninlegend il 26/1/2016, 15:03

CITAZIONE (Arancina22 @ 26/1/2016, 13:07) *
Magari fosse un fake... ahimè, purtroppo è la normalità... confermo che anche al mio The Space, il quale ha 12 sale se non erro, c'è stato un periodo in cui Quo Vado? veniva proiettato 15 volte al giorno (infrasettimanalmente, nemmeno nel weekend!) a scapito di altri film che infatti sono passati del tutto inosservati o non proiettati affatto. Con l'avvicinarsi degli Oscar questo fenomeno si è ridotto, ma il film continua ad avere le sue buone 4 proiezioni in giorni infrasettimanali anche adesso, a quasi un mese dall'uscita al cinema. Per dire, Revenant -che non ho ancora visto, ma reputerei comunque un film molto più interessante- ne ha 2, domani 3.

Avendo visto "Quo vado?" confermo che tutta questa popolarità è decisamente ingiustificata (avrò riso quattro volte e nemmeno di gusto). "The revenant" devo vederlo anche io, sono riuscito a vedere "La grande scommessa", sicuramete più interessante di "Quo vado?"

Inviato da: Capitano Amelia il 26/1/2016, 15:26

CITAZIONE (Arancina22 @ 26/1/2016, 13:07) *
Magari fosse un fake... ahimè, purtroppo è la normalità... confermo che anche al mio The Space, il quale ha 12 sale se non erro, c'è stato un periodo in cui Quo Vado? veniva proiettato 15 volte al giorno (infrasettimanalmente, nemmeno nel weekend!) a scapito di altri film che infatti sono passati del tutto inosservati o non proiettati affatto. Con l'avvicinarsi degli Oscar questo fenomeno si è ridotto, ma il film continua ad avere le sue buone 4 proiezioni in giorni infrasettimanali anche adesso, a quasi un mese dall'uscita al cinema. Per dire, Revenant -che non ho ancora visto, ma reputerei comunque un film molto più interessante- ne ha 2, domani 3.

Se non fosse per il fatto che io non tendo ad essere una "complottista", mi verrebbe quasi da pensare che si siano messi d'accordo per fare in modo che "Quo vado" potesse tranquillamente incassare tantissimo (e quindi portare più soldi ai produttori); mi auguro che questa situazione non si ripresenti più, trovo molto squallido che per guadagnare di più le catene cinematografiche decidano di favorire un unico film a scapito di altri (senza contare il discorso del prezzo maggiorato).

Inviato da: oswald il 23/12/2016, 19:09

Riporto anche qui il link alla mia recensione di IL VIAGGIO DI ARLO, per Amazing Cinema.

Una curiosa inversione tra dinosauri, non estinti ma evoluti, e umani allo stato selvatico; in una storia classica di amicizie tra specie diverse più orientata al pubblico infantile, anche per il design accennato dei personaggi.

http://amazingcinema.it/il-viaggio-di-arlo/


Fornito da Invision Power Board (http://nulled.cc)
© Invision Power Services (http://nulled.cc)