Benvenuto Visitatore ( Log In | Registrati )


26 Pagine V  « < 10 11 12 13 14 > »   
Reply to this topicStart new topic
> La Sirenetta (Live Action), Walt Disney Pictures
Arancina22
messaggio 5/7/2019, 22:45
Messaggio #265


Gold Member
*******

Gruppo: Utente
Messaggi: 17.542
Thanks: *
Iscritto il: 15/10/2009
Da: casa mia




No vabbé, per me questo è il colmo. Sierra Boggess è divina, una bellezza unica con tanto di capelli rossi, una voce da soprano mozzafiato (è senz'altro la migliore Christine de Il Fantasma dell'opera), è stata la Ariel originale del musical e... cara grazia, verrà FORSE considerata la sua autocandidatura per interpretare una delle sorelle di Ariel, che da sempre hanno un potenziale estremo ma vengono sempre messe in disparte (e contro ogni logica saranno di colore diverso). Solo nel musical per fortuna risplendono con dei ruoli più definiti. Anche lì erano di pelle diversa, ma come dico sempre io cinema e teatro sono due mezzi diversi, la sospensione di incredulità del teatro è molto maggiore di quella dei film e gode di un grado di flessibilità molto maggiore.
La Sirenetta 3 lo ritengo talmente brutto che nemmeno lo considero.
Avrebbe dovuto essere lei Ariel secondo me... Altroché...

Messaggio modificato da Arancina22 il 5/7/2019, 23:13


User's Signature

Your special fascination'll
prove to be inspirational!
We think you're just sensational,
Mame!
Go to the top of the page
 
+Quote Post
theprinceisonfir...
messaggio 6/7/2019, 0:47
Messaggio #266


Advanced Member
****

Gruppo: Utente
Messaggi: 330
Thanks: *
Iscritto il: 27/9/2013




Nel frattempo, è già partita la petizione per rimuovere la Bailey dal ruolo....
Come riportato da Screenweek.

Ci sono già più di 5000 firme. Non credo che avrà alcun effetto, tuttavia.
Go to the top of the page
 
+Quote Post
buffyfan
messaggio 6/7/2019, 2:05
Messaggio #267


Gold Member
*******

Gruppo: Utente
Messaggi: 9.741
Thanks: *
Iscritto il: 24/7/2009
Da: Roma




Sicuramente come sempre la petizione non avrà alcun risultato. A me dispiace per questa ragazza che si vede tutto questo disaccordo addosso.. ma era prevedibile e comprensibile. Ma poi mi è sorto un dubbio.. è vero che una sirena può non avere un colore di pelle predefinito. Ma dopo che Ariel salva Eric e lui la semi-guarda quando si risveglia, si renderà pur conto che la ragazza è nera no? Quindi arrivacce a capì che la tizia senza voce possa essere colei che l'ha salvato, non gli dovrebbe risultare una cosa poi così complessa... come giostreranno questa cosa? Sarà un cast total black allora? Boh..
Go to the top of the page
 
+Quote Post
Daydreamer
messaggio 6/7/2019, 2:20
Messaggio #268


Gold Member
*******

Gruppo: Utente
Messaggi: 4.808
Thanks: *
Iscritto il: 9/4/2008
Da: Brescia




Già Buffy...Infatti continuo a pensare che più che una trasposizione sarà una rielaborazione, un reboot insomma, con quei personaggi ma storia ampiamente rivista.


User's Signature

Go to the top of the page
 
+Quote Post
Hiroe
messaggio 6/7/2019, 5:36
Messaggio #269


Gold Member
*******

Gruppo: Utente
Messaggi: 2.451
Thanks: *
Iscritto il: 26/10/2008
Da: Pisa




Mah.. Mi sento un'integralista Disney, ma continuo a dissentire sulla Ariel di colore. Non conosco Halle Bailey, mi sembra una bella ragazza (la preferisco di sicuro a Zendaya, almeno ha qualche forma più sinuosa e un viso più espressivo), ma io continuavo a sperare che non stravolgessero il design e i colori del film. Trovo giusto criticare il fatto che certi ruoli siano obbligatoriamente affidati a afroamericani o a asiatici, mentre quelli che dovrebbero essere ricoperti da caucasici subiscono una sorte differente (Ariel era una principessa europea, danese per giunta, ce ne sono altre di principesse danesi? Credo di no!!).
All o stesso modo non sarebbe fattibile Rapunzel nera, anche per lei il discorso è lo stesso, la fiaba è tedesca, dei Grimm, lei ha un nome tedesco, ma c'è di più: se fosse annunciato come un remake del classico, sarebbe ancora più sbagliato perché nel classico sono diventati iconici i magici capelli dorati, dorati come la goccia di sole che cadde dal cielo e creò il magico fiore dorato. Capite cosa intendo?

Comunque è inutile ribellarsi, tanto ormai non tornerebbero più sui loro passi. Vedremo un film "stile Sirenetta" ma completamente diverso esteticamente, ne solo consapevole. Unica richiesta: spero che allora rimangano coerenti con le loro scelte, e che non tingano di rosso i capelli di Halle. Hanno voluto la Sirenetta nera, ora che pedalino, invece di propinarci le solite parruccone o le principesse con i capelli tinti. Ora vanno di moda le bionde con le sopracciglia brune o nere, fatevi caso, per me fanno ridere.... Tipo elle fanning o lily James... Ma anche daenerys di got


User's Signature

Go to the top of the page
 
+Quote Post
Colosso
messaggio 6/7/2019, 14:52
Messaggio #270


Member
***

Gruppo: Utente
Messaggi: 225
Thanks: *
Iscritto il: 30/4/2010





Intanto io ho firmato la petizione, e spero che lo facciano anche tutti quelli contrari.
Go to the top of the page
 
+Quote Post
Fulvio84
messaggio 6/7/2019, 15:29
Messaggio #271


Gold Member
*******

Gruppo: Utente
Messaggi: 2.739
Thanks: *
Iscritto il: 8/4/2007
Da: Caserta




CITAZIONE (Hiroe @ 6/7/2019, 5:36) *
Mah.. Mi sento un'integralista Disney, ma continuo a dissentire sulla Ariel di colore. Non conosco Halle Bailey, mi sembra una bella ragazza (la preferisco di sicuro a Zendaya, almeno ha qualche forma più sinuosa e un viso più espressivo), ma io continuavo a sperare che non stravolgessero il design e i colori del film. Trovo giusto criticare il fatto che certi ruoli siano obbligatoriamente affidati a afroamericani o a asiatici, mentre quelli che dovrebbero essere ricoperti da caucasici subiscono una sorte differente (Ariel era una principessa europea, danese per giunta, ce ne sono altre di principesse danesi? Credo di no!!).
All o stesso modo non sarebbe fattibile Rapunzel nera, anche per lei il discorso è lo stesso, la fiaba è tedesca, dei Grimm, lei ha un nome tedesco, ma c'è di più: se fosse annunciato come un remake del classico, sarebbe ancora più sbagliato perché nel classico sono diventati iconici i magici capelli dorati, dorati come la goccia di sole che cadde dal cielo e creò il magico fiore dorato. Capite cosa intendo?

Comunque è inutile ribellarsi, tanto ormai non tornerebbero più sui loro passi. Vedremo un film "stile Sirenetta" ma completamente diverso esteticamente, ne solo consapevole. Unica richiesta: spero che allora rimangano coerenti con le loro scelte, e che non tingano di rosso i capelli di Halle. Hanno voluto la Sirenetta nera, ora che pedalino, invece di propinarci le solite parruccone o le principesse con i capelli tinti. Ora vanno di moda le bionde con le sopracciglia brune o nere, fatevi caso, per me fanno ridere.... Tipo elle fanning o lily James... Ma anche daenerys di got

il punto e' proprio quello di stravolgere l'iconicita' del personaggio. CI tengo da morire a questi dettagli e sono decisamente integralista, non solo ho firmato la petizione ma sicuramente nel mio piccolo non andro' al cinema. Mi fa piacere per chi supporta questa scelta perche' si godra' un bel film, ma io non ci riesco e sn perfino shockato da me stesso...ma CaXXo come si fa a cambiare i connotati ad Ariel che e' tra le principesse piu iconiche di sempre. Che devo aspettarmi allroa ...Biancaneve indiana al porssimo giro? questo polital correct americano ha super stancato


User's Signature

Go to the top of the page
 
+Quote Post
I seguenti utenti hanno apprezzato questo post:
Eric
messaggio 6/7/2019, 15:46
Messaggio #272


Gold Member
*******

Gruppo: Utente
Messaggi: 3.031
Thanks: *
Iscritto il: 16/12/2005
Da: Genova




Anche io purtroppo non ci riesco, Ariel è troppo iconica ripeto, vedi anche tra le parodie dove viene sempre rappresentata con i suoi colori. La scena della spiaggia in Shrek 2 ad esempio: si vede un cameo di questa sirena, non fanno il suo nome ma TUTTI sanno che è Ariel della DISNEY ( e non una sirena qualsiasi) perché ha quelle caratteristiche.
Le giustificazioni che leggo poi non mi convincono soprattutto chi dice : "ma una bambina di colore così vedendo una sirena di colore si potrà riconoscere in lei" io lo trovo solo un controsenso. Un bambino/a di qualsiasi colore può riconoscersi in chi cavolo vuole! Nero,bianco,giallo ecc.
Da piccolo volevo essere Ariel ma di certo non sentivo il bisogno di volere Ariel maschio.


User's Signature

Go to the top of the page
 
+Quote Post
buffyfan
messaggio 6/7/2019, 18:09
Messaggio #273


Gold Member
*******

Gruppo: Utente
Messaggi: 9.741
Thanks: *
Iscritto il: 24/7/2009
Da: Roma




Ma perché Ariel, vuoi il successo del film, vuoi tutto il merchandising che ne è seguito, è diventato il prototipo di Sirena. Chiunque immagini una sirena, la vede con la coda verde, occhi chiari, capelli rossi e reggiseno a forma di conchiglia. Insomma, pensa ad una sirena e gli viene in mente Ariel, a prescindere che sia un fan Disney o meno, o che conosca il film o meno. E' un personaggio entrato troppo nell'immaginario collettivo, per essere cambiata così tanto. Io sono certo, che a questa poverina (perché non penso le critiche le facciano piacere) faranno i capelli rossi ed occhi verdi, per contrastare ancora di più col colore della pelle. Quindi probabilmente i capelli rossi li avrà. Mi fanno ridere i soliti ritardati che vedono in qualsiasi cosa un movente razzista, ho visto su pagine Disney finti progressisti, ergersi a favore di questa scelta, esclusivamente perché li fa sentire in pace con il mondo e troppo troppo cool l'accettare una Ariel nera, e non perché siano realmente anti-razzisti, perché ripeto che sarebbero i primi a boicottare Il Re Leone se gli attori non fossero stati afro.

Messaggio modificato da buffyfan il 6/7/2019, 18:12
Go to the top of the page
 
+Quote Post
I seguenti utenti hanno apprezzato questo post:
veu
messaggio 7/7/2019, 12:38
Messaggio #274


Gold Member
*******

Gruppo: Moderatore
Messaggi: 18.178
Thanks: *
Iscritto il: 27/8/2005




Ragazzi, da un certo punto di vista capiamo anche le vostre opinioni, sul fatto che Ariel sia iconica così com'è è vero, è la principessa più iconica come look (alla pari- se non di più - di Cenerentola e Biancaneve) ma qui non è detto che Ariel sarà bruna, i capelli rossi probabilmente li avrà (almeno sott'acqua) tra l'altro l'attrice è già apparsa in in videoclip con i capelli rossi quindi è assai probabile che le faranno i capelli rossi o un qualche effetto che sia rosso, dubitiamo che cambino completamente look, capelli rossi, coda verde e top viola li dovrebbe avere. Gli occhi no, non saranno color acquamarina (almeno non pensiamo proprio che le mettano le lenti azzurre), ma alla fine anche le altre Principesse dei remake non hanno certo gli occhi del classico (Cenerentola li ha castano scuri anzichè azzurri intensi come nel Classico, Belle li ha castano scuri anzichè verde-nocciola, Jasmine li ha verde scuro anzichè castani da cerbiatta)...

Qui altro articolo dalla stampa italiana precisamente da Il Tempo:

STELLA DISNEY
Ecco Ariel: la Sirenetta di colore manda in tilt i social

6 Luglio 2019

Halle Bailey, stellina diciannovenne popolare tra i giovanissimi, è stata scelta dal regista Rob Marshall per interpretare la protagonista della versione live action de "La sirenetta". Una mossa che sta facendo discutere i social: nessuno immaginava che Ariel potesse essere interpretata da un'attrice afroamericana. C'è chi apprezza la scelta ma anche chi sottolinea come sia uno stravolgimento del personaggio. Su Chance.org un utente ha lanciato anche una petizione online: “Proprio come Mulan è una ragazza asiatica con i capelli neri e gli occhi marroni, e speriamo che Pocahontas sarà interpretata da una ragazza nativa americana, Ariel è la nostra principessa dai capelli rossi. Le ragazzine con i capelli rossi e la carnagione bianca non dovrebbero vergognarsi o sentirsi defraudate”, spiega il promotore della petizione Brit Harper.




User's Signature

Go to the top of the page
 
+Quote Post
veu
messaggio 7/7/2019, 12:41
Messaggio #275


Gold Member
*******

Gruppo: Moderatore
Messaggi: 18.178
Thanks: *
Iscritto il: 27/8/2005




Da Cinematographe:

La Sirenetta: la prima interprete non-bianca Diana Huey a Halle Bailey
Ecco le parole rivolte e Halle Bailey di Diana Huey, la prima interprete non bianca di Ariel de La Sirenetta.

Di Valentina Albora - 6 Luglio 2019 20:41 - Ultimo aggiornamento: 6 Luglio 2019 20:41

Ha fatto molto discutere la scelta di Halle Bailey nei panni di Ariel nel live-action Disney de La Sirenetta: ecco il consiglio che le ha dato la prima attrice non bianca a ricoprire il ruolo
Il casting dell’attrice protagonista de La Sirenetta, la cantante R&B Halle Bailey, ha fatto molto discutere in questi giorni. Diana Huey, l’attrice teatrale che è stata la prima non bianca a ricoprire il ruolo di Ariel, ha offerto alcuni consigli alla giovane star. L’attrice giapponese-americana, in un’intervista a TheWrap ha detto:

Tieni la testa alta e sappi che è tutto molto più grande di te come singola persona che combatte queste battaglie. Se può rimanere positiva e semplicemente ricordare che c’è più supporto che odio. È una battaglia importante da combattere e non è sola.

L’attrice ha parlato poi della sua esperienza personale anche in relazione alla risposta dei fan:

Non ho mai avuto un bambino in 300 e passa spettacoli nel corso di un anno che mi dicesse ‘Oh, non sembri Ariel’. Mi vedevano uscire dal teatro con i miei capelli e i miei vestiti di strada e si scagliavano da me urlando ‘Ariel!’ mentre sembravo Diana. I ragazzi erano completamente apposto. Così semplicemente se continuiamo a farlo, questo è il buon lavoro di cui abbiamo bisogno per rendere il mondo un posto più aperto.

L’attrice ha anche condiviso su Instagram un post di appoggio per Halle Bailey:

Semplifica la gestione delle spese aziendali e per i titolari Mastercard sconti dedicati.
Sto dalla parte di Halle! Quando ho avuto l’onore di interpretare Ariel per un anno nel tour nazionale de La Sirenetta, io, come attrice non bianca, ho incontrato molte avversità e ostilità nelle persone. Ma, più importante, sono stata circondata da un’enorme quantità di amore, supporto e messaggi di speranza e ispirazione dalle persone in tutto il mondo. Avevo la Ariel di Broadway dalla mia parte, e adesso, passo la torcia e sto con Halle Bailey. Non è il messaggio di Ariel il cercare un appartenenza, dove lei è veramente se stessa, e dove si sente piena e accettata? Halle sarà una bellissima Ariel, una potente Ariel e una Ariel di ispirazione e io sono così eccitata di vederla cambiare il mondo con la sua performance mentre aiuta a continuare a rendere il mondo un posto più pieno di amore, inclusivo e aperto. Condividete amore, siate amore, diffondere amore! Grazie alla Disney per questo casting!


User's Signature

Go to the top of the page
 
+Quote Post
veu
messaggio 7/7/2019, 12:57
Messaggio #276


Gold Member
*******

Gruppo: Moderatore
Messaggi: 18.178
Thanks: *
Iscritto il: 27/8/2005




Da InsidetheMagic:

Disney defends decision to cast Halle Bailey in upcoming “The Little Mermaid” film

Posted on July 6, 2019 by Bailee Abell


Disney announced last week that Halle Bailey, known for her role in “Grown-ish” and one-half of the R&B duo Chloe x Halle, will star as Ariel in the upcoming version of “The Little Mermaid.” While many fans and celebrities were happy to see Bailey take the lead as Ariel (especially considering what it means for representation in Hollywood), others weren’t at all pleased with Disney’s decision. After fans on all sides have shared their opinions of Bailey as the new Ariel, Disney has finally spoken out and defended the casting decision.

The statement is titled, “An open letter to the Poor, Unfortunate Souls,” a play on lyrics of a popular tune from the original film, and it draws upon logic, history, and even humor to make a case for Bailey’s casting. Disney also originally published the statement on the social channels for Freeform, the young adult television network with the slogan “a little forward.” The statement reads as followed:

Yes. The original author of ‘The Little Mermaid’ was Danish. Ariel…is a mermaid. She lives in an underwater kingdom in international waters and can legit swim wherever she wants (even though that often upsets King Triton, absolute zaddy). But for the sake of argument, let’s say that Ariel, too, is Danish. Danish mermaids can be black because Danish *people* can be black. Ariel can sneak up to the surface at any time with her pals Scuttle and the *ahem* Jamaican crab Sebastian (sorry, Flounder!) and keep that bronze base tight. Black Danish people, and thus mer-folk, can also *genetically* (!!!) have red hair. But spoiler alert – bring it back to the top – the character of Ariel is a work of fiction. So after all this is said and done, and you still cannot get past the idea that choosing the incredible, sensational, highly-talented, gorgeous Halle Bailey is anything other than the INSPIRED casting that it is because she “doesn’t look like the cartoon one”, oh boy, do I have some news for you…about you.

Fans have mixed feelings about Disney’s decision to cast Bailey as Ariel in the upcoming live-action reimagining of “The Little Mermaid.” And even though we’d never think the team behind the new film would recast the starring role, we were also pretty surprised to see Disney issue such a blunt response. Still, Freeform is known for using Instagram and Twitter to share progressive, conversational, and humorous takes on current events and its television shows and movies, so it would seem as though Disney thought the Freeform social media accounts would be the best channel to share this type of statement.




User's Signature

Go to the top of the page
 
+Quote Post
veu
messaggio 7/7/2019, 13:04
Messaggio #277


Gold Member
*******

Gruppo: Moderatore
Messaggi: 18.178
Thanks: *
Iscritto il: 27/8/2005




Jodi Benson (la voce di Ariel nel Classico) ha parlato della scelta di Halle Bailey come Ariel al Florida Supercon panel il 5 luglio 2019.

Da Instagram:

You know, I think that, um, the most important thing is to tell the story. And we have, as a family, raised our children, and for ourselves, that we don't see anything that's different on the outside. And I think that from the spirit of a character is what really matters. What you bring to the table in a character, as far as their heart and their spirit, is what really counts. And the outside package - 'cause let's face it, I'm really really old! Like, when I'm seeing Part of Your World, if you were to judge me by the way that I look on the outside, it might change the way that you interpret the song. But if you close your eyes, you can still hear the spirit of Ariel.
So I think the most important thing for a film is to be able to tell a story. We need to be storytellers. And no matter what we look like on the outside - no matter our race, our nation, the color of our skin, our dialect, whether I'm tall or thin, whether I'm overweight or underweight, or my hair is whatever color, we really need to tell the story! That's what we wanna do, we wanna make a connection to the audience. So I know for Disney that they have the heart of storytelling. That's really what they're trying to do. They want to communicate with all of us in the audience so that we can fall in love with the film again!


Qui il video con Jodi che parla: Click


--------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Traduzione in italiano da Cinematographe:

La Sirenetta: la voce originale di Ariel Jodi Benson approva Halle Bailey
Il casting di Ariel de La Sirenetta sta incontrando ostilità sul web, ma anche supporto: ecco le parole della voce originale del personaggio del Classico Disney.

Di Valentina Albora - 7 Luglio 2019 23:17 - Ultimo aggiornamento: 7 Luglio 2019 23:17 - Tempo di lettura: 2 minuti

Jodi Benson, la voce di Ariel nel Classico Disney, scende in campo e si esprime a favore di Halle Bailey, protagonista del live-action
Il casting di Halle Bailey ne La Sirenetta, cantante R&B afrodiscendente, non ha mancato di fare discutere il web, che sembra letteralmente essersi diviso in due: tra chi apprezza la scelta e chi è invece legato all’aspetto originale di Ariel. Dal mondo dello spettacolo, però, non sono mancati i messaggi di appoggio all’attrice: da Halle Berry, alla prima attrice non bianca ad aver interpretato la Principessa Disney, Diana Huey. Si è espressa anche la voce originale del personaggio nel cartone animato: ecco le parole di Jodi Benson.

La cosa più importante è raccontare la storia. E noi abbiamo, come famiglia, abbiamo cresciuto i nostri figli, e per noi, che non vediamo nulla che sia diverso dall’esterno. Penso che lo spirito di un personaggio è ciò che conta. Quello che si porta sul tavolo in un personaggio e il cuore, lo spirito, è quello che conta veramente. L’aspetto esteriore – perché diciamolo, sono veramente, veramente vecchia – e così quando canto ‘Part of Your World’, se aveste dovuto giudicarmi nel modo in cui io sembravo da fuori, potrebbe cambiare il modo in cui avreste interpretato la canzone. Ma se chiudete i vostri occhi, potete ancora sentire lo spirito di Ariel. Abbiamo bisogno di essere narratori. E non importa come sembriamo da fuori, non importa la nostra etnia, la nostra nazione, il colore della nostra pelle, il nostro dialetto, se siamo alti o bassi, se siamo sovrappeso o sottopeso, o se i nostri capelli sono di qualsiasi colore, abbiamo davvero bisogno di raccontare la storia. E questo è quello che vogliamo fare, vogliamo connetterci con il pubblico. Così so per la Disney che hanno il cuore della narrazione, che è veramente quello che stanno cercando di fare. Vogliono comunicare con tutti noi del pubblico in modo tale che possiamo innamorarci del film di nuovo.



User's Signature

Go to the top of the page
 
+Quote Post
veu
messaggio 7/7/2019, 13:08
Messaggio #278


Gold Member
*******

Gruppo: Moderatore
Messaggi: 18.178
Thanks: *
Iscritto il: 27/8/2005




Rumor:

I due semifinalisti di American Idol Matt Rogers e Bowen Yang sono considerati per il ruolo di Flotsam e Jetsam.

Da twitter:

Click

Click


User's Signature

Go to the top of the page
 
+Quote Post
The Little Merma...
messaggio 7/7/2019, 16:08
Messaggio #279


Top Member
*****

Gruppo: Utente
Messaggi: 673
Thanks: *
Iscritto il: 15/11/2006




Per favore, che non continuino a stonarci la testa con il fatto che questa ragazza è brava, talentuosissima e dolce... credo ci siamo tantissime altre ragazze brave e talentuose come lei. L’unica verità è che hanno scelto lei perché è una protetta di Beyoncé e si sa che lei e suo marito sono la mafia in qualsiasi settore si inseriscano. Sono sempre più convinto sia stata una scelta imposta da lei e si sa che vè meglio non averla contro.
Go to the top of the page
 
+Quote Post
Klauz_star
messaggio 7/7/2019, 16:30
Messaggio #280


Gold Member
*******

Gruppo: Utente
Messaggi: 2.076
Thanks: *
Iscritto il: 9/11/2008
Da: italia




CITAZIONE (veu @ 7/7/2019, 13:08) *
Rumor:

I due semifinalisti di American Idol Matt Rogers e Bowen Yang sono considerati per il ruolo di Flotsam e Jetsam.

Da twitter:

Click

Click


ma saranno due murene in computer grafica oppure avranno un aspetto umanoide?


Go to the top of the page
 
+Quote Post
buffyfan
messaggio 7/7/2019, 17:25
Messaggio #281


Gold Member
*******

Gruppo: Utente
Messaggi: 9.741
Thanks: *
Iscritto il: 24/7/2009
Da: Roma




No, non ho capito. Ma seriamente la Disney tramite un canale ufficiale ha risposto in modo così strafottente e da bimbiminkia? Ditemi che ho capito male, vi prego. Perchè, difendere tale scelta è sacrosanto, farlo come una adolescente inacidita, quando hai un impero cinematografico, è un'altra cosa. ����

Messaggio modificato da buffyfan il 7/7/2019, 17:27
Go to the top of the page
 
+Quote Post
Daydreamer
messaggio 7/7/2019, 20:56
Messaggio #282


Gold Member
*******

Gruppo: Utente
Messaggi: 4.808
Thanks: *
Iscritto il: 9/4/2008
Da: Brescia




Il fattore Beyoncé l'ho considerato anch'io. Impossibile non pensare che l'artista non abbia detto la sua. Ho persino pensato che rientrasse tra le stipule di un contratto dopo l'ingaggio per il Re Leone. Basta solo che esca un'altra news di un progetto Disney che la coinvolga e allora avremo la risposta.

Messaggio modificato da Daydreamer il 7/7/2019, 20:57


User's Signature

Go to the top of the page
 
+Quote Post
Daydreamer
messaggio 7/7/2019, 22:57
Messaggio #283


Gold Member
*******

Gruppo: Utente
Messaggi: 4.808
Thanks: *
Iscritto il: 9/4/2008
Da: Brescia




Nuovo artwork ad opera dell'artista Alice X. Zhang apparso sul suo profilo twitter. Decisamente più carina dell'artwork simil Rihanna.



Messaggio modificato da Daydreamer il 7/7/2019, 22:58


User's Signature

Go to the top of the page
 
+Quote Post
The Little Merma...
messaggio 8/7/2019, 3:25
Messaggio #284


Top Member
*****

Gruppo: Utente
Messaggi: 673
Thanks: *
Iscritto il: 15/11/2006




CITAZIONE (Daydreamer @ 7/7/2019, 20:56) *
Il fattore Beyoncé l'ho considerato anch'io. Impossibile non pensare che l'artista non abbia detto la sua. Ho persino pensato che rientrasse tra le stipule di un contratto dopo l'ingaggio per il Re Leone. Basta solo che esca un'altra news di un progetto Disney che la coinvolga e allora avremo la risposta.


È sicuramente andata così, ne sono più che convinto.
“Io vi doppio Nale nel Re Leone e voi scegliete tizia per La Sirenetta”
Sono pronto a giocarmi tutto. Vedo che la pensiamo allo stesso modo comunque... in ogni caso che amarezza, io odio sia lei che il marito. Si sentono i padroni del mondo
Go to the top of the page
 
+Quote Post
BennuzzO
messaggio 8/7/2019, 10:41
Messaggio #285


Gold Member
*******

Gruppo: Utente
Messaggi: 2.164
Thanks: *
Iscritto il: 31/12/2006
Da: Lavinio Lido di Enea (RM)




Mai tollerata Beyoncé, sia umanamente che artisticamente.


User's Signature

Go to the top of the page
 
+Quote Post
Hiroe
messaggio 8/7/2019, 15:11
Messaggio #286


Gold Member
*******

Gruppo: Utente
Messaggi: 2.451
Thanks: *
Iscritto il: 26/10/2008
Da: Pisa




Tutti questi discorsi citati dai veui sono evidentemente condotti da persone che non hanno veramente amato Ariel della Disney, oppure che hanno un fine politico nei discorsi, perché è evidente che non si tratta di razzismo nei confronti di Halle, non c'è bisogno di discorsi di coraggio, forza o inclusione, è che non si capisce perché Ariel dovrà essere l'unica (per ora) principessa stravolta graficamente e di colori.

Ariel della Disney non era nera, perché allora non hanno fatto Cenerentola nera, dato che di bionde ce ne sono già a bizzeffe? Ariel era anche l'unica rossa! E ripeto, SPERO CHE NON FACCIANO Halle ROSSA A PRESA PER IL C**O verso noi fan e verso le ragazzine rosse naturali (anche loro ESISTONO, e sono UNA MINORANZA)!! Non la possono fare rossa, come ho già detto, devono avere il coraggio di andare fino in fondo con le loro scelte!

Ripeto, Jasmine bianca sarebbe stata orribile, così come sarebbe orribile Pocahontas bianca o Esmeralda non zingara, come vorrò anche Tiana nera a tutti i costi, cosa c'è di difficile da capire? quindi non è la razza il problema, dio mio! Che complessi hanno in america??!

Ma poi l'avesse fatto un'altra casa di produzione non sarebbe stato un problema, ma proprio la Disney, che ha creato QUELLA Ariel, non può farci uno spregio del genere! Poi non faranno altri film dedicati a quel classico per tanto tanto tempo, quindi non avremo mai una vera Ariel Disney! Sono shockata che non tornino indietro su questa scelta, che odio ogni giorno di più... è davvero un affronto questo, un affronto a un pezzo di cultura anni '90.


User's Signature

Go to the top of the page
 
+Quote Post
Daydreamer
messaggio 8/7/2019, 16:08
Messaggio #287


Gold Member
*******

Gruppo: Utente
Messaggi: 4.808
Thanks: *
Iscritto il: 9/4/2008
Da: Brescia




La protesta, quella vera è soltanto una, disertare veramente le sale. Dico veramente perché la curiosità è tanta, perché come minimo sapranno confezionare un trailer ad hoc che per allora ci avrà fatto dimenticare l'amarezza di adesso. Ma davvero, visto che quello che fa veramente un film è il botteghino cinematografico, l'unico segnale vero verrebbe dato così. A gente che ragiona con i soldi, si deve rispondere in materia di soldi. Non c'è altro da fare.


User's Signature

Go to the top of the page
 
+Quote Post
I seguenti utenti hanno apprezzato questo post:
veu
messaggio 8/7/2019, 17:57
Messaggio #288


Gold Member
*******

Gruppo: Moderatore
Messaggi: 18.178
Thanks: *
Iscritto il: 27/8/2005




Bella la fan art messa da Daydreamer.

Altri articoli sparsi per il mondo.

Da La Presse:

Publié le 05 juillet 2019 à 06h00 | Mis à jour le 05 juillet 2019 à 09h36

Une petite sirène qui ne fait pas l'unanimité
La chanteuse Halle Bailey incarnera la sirène Ariel dans... (PHOTO KEVIN WINTER, ARCHIVES REUTERS)
Agrandir
La chanteuse Halle Bailey incarnera la sirène Ariel dans la nouvelle adaptation de The Little Mermaid.

MARISSA GROGUHÉ
La Presse
Quand Disney a annoncé mercredi que la chanteuse et actrice afro-américaine Halle Bailey incarnerait Ariel dans la nouvelle adaptation de The Little Mermaid (La petite sirène), de nombreux internautes ont applaudi ce choix. D'autres ont déploré le manque de ressemblance avec le personnage animé, allant jusqu'à proférer des remarques racistes. Le mot-clic #notmyariel a même déferlé sur Twitter.

Hier, Halle Bailey a publié un gazouillis accompagné d'un dessin d'une Ariel à son image.

Une Ariel à la peau noire

L'héroïne du film d'animation de 1989, au teint clair et aux cheveux rouges, aura la peau foncée dans l'adaptation en prises de vues réelles de La petite sirène. Un « rêve devenu réalité », a écrit Halle Bailey, 19 ans, dans un gazouillis accompagné d'un dessin d'une Ariel à son image - un affront pour certains admirateurs de Disney. La frustration était indéniable, alors que le sujet s'est maintenu dans les tendances Twitter une partie de la journée, hier. L'enthousiasme de la majorité des internautes contrastait avec des commentaires tels « Je suis dégoûté », « Elle n'est pas Ariel et ne le sera jamais » et « Mon enfance est gâchée ». « On voit beaucoup de misogynie noire en réaction à l'annonce », dit la Montréalaise Gabriella Kinté, autrice, militante antiraciste et fondatrice de la librairie Racines. « On dévalorise le corps [de l'actrice], on propose des femmes blanches "plus belles", "qui chantent mieux". » La libraire n'hésite pas à parler de « racisme systémique ».

Blackwashing ?

L'imaginaire de beaucoup est secoué, et certains trouvent cela inacceptable. Le terme blackwashing revient souvent parmi les tweets de frustration. Par opposition au whitewashing, il s'agirait de rendre noirs des personnages censés être blancs, ce qui invisibiliserait ainsi les acteurs blancs. « On dénonce le fait qu'une femme noire a été choisie pour un rôle "traditionnellement blanc", un terme qui vient me chercher », dit Gabriella Kinté. On affirme que la couleur de peau de l'héroïne ne doit pas changer « parce que c'est un classique ». Mais, puisque la diversité n'était pas le fort des productions pour enfants à l'époque, « on ferme la porte aux personnes racisées et on ne laisse pas de place à la diversité pour le futur », soulève Gabriella Kinté. Le whitewashing, lui, existe bel et bien, indique-t-elle. Pensons à Scarlett Johansson qui a été choisie pour jouer une héroïne asiatique dans Ghost in the Shell, à Rooney Mara dans le rôle de l'Amérindienne Tiger Lily dans Pan ou encore à Jake Gyllenhaal incarnant le « prince de Perse ».

La diversité chez Disney

Tamara Rousseau est l'auteure d'un mémoire sur les changements de l'archétype du héros durant la renaissance de Disney (de 1989, année de sortie de La petite sirène, à 1999). « Chez Disney, les personnages "autres" [que blancs] apparaissent dans la période pré-renaissance comme étant les antagonistes », analyse-t-elle. Les personnages noirs, eux, sont inexistants. Dans Maleficent, par exemple, tous les protagonistes sont blancs, mais la « méchante » a la peau verte. Gabriella Kinté dit avoir beaucoup consommé de films de Disney dans sa jeunesse. La trentenaire faisait partie du public cible des films Disney des années 90 et déplore « l'impact néfaste pour [elle] et pour les jeunes filles aujourd'hui » du manque de représentativité. « C'est plate qu'on ne puisse pas être des princesses », soupire-t-elle. « Aujourd'hui, chez Disney, on voit une plus grande représentation ethnique, et ce, même chez les héros et héroïnes, note Tamara Rousseau. Quant à savoir si cette ouverture tient à un souci de représentation ou si c'est uniquement dans le but de faire plus d'argent, l'histoire ne le dit pas. Probablement un peu des deux. » Une première princesse noire, Tiana, a vu le jour dans The Princess and the Frog, en 2009. Depuis, on a créé Moana (avec une héroïne d'origine maui), donné sa version en prises de vues réelles à Aladdin (avec le Canadien d'origine égyptienne Mena Massoud, la Britannique d'ascendance indienne Naomi Scott et Will Smith) et attribué le rôle de Mulan (film prévu pour 2020) à l'actrice sinoa-méricaine Liu Yifei.


Color-blind casting

Le personnage d'Ariel est un échantillon du phénomène qu'on appelle color-blind casting, soit la distribution « daltonienne » de rôles ou qui n'en voit pas les couleurs. Un personnage blanc ou dont l'ethnie n'est pas définie pourra alors être joué par un acteur de n'importe quelle provenance culturelle, ce qui permet plus de diversité, mais qui ne fait pas que des heureux. Quelques exemples récents : la Brésilienne Camila Mendes est la nouvelle Veronica d'Archie, dans la populaire série de Netflix Riverdale ; la Britannique Noma Dumezweni joue Hermione Granger dans la pièce de théâtre Harry Potter et l'enfant maudit ; la toute jeune Afro-Américaine Quvenzhané Wallis a pris les traits d'Annie dans la relecture du film du même nom. Michael B. Jordan, la Torche humaine des Fantastic Four de 2015, compte aussi parmi les nombreux exemples.

L'accueil positif

Tous n'ont pas rejeté avec véhémence l'arrivée de Halle Bailey sous l'océan. Sur les réseaux sociaux, beaucoup y ont vu une belle ouverture. C'est « une excellente nouvelle, affirme Tamara Rousseau. D'une part, le lieu géographique exact où se situe l'histoire est inconnu, alors on ne peut pas dire que ça n'a pas de sens qu'une sirène soit noire. » Mme Rousseau soulève surtout l'importance de varier les représentations culturelles chez les héros et héroïnes de films pour enfants. « On a vu avec Black Panther à quel point avoir des modèles noirs à émuler était bénéfique pour [eux]. Alors, avoir un personnage aussi populaire qu'Ariel interprété par une femme noire, c'est génial. » Le Canadien Jacob Tremblay et la rappeuse et actrice américaine Awkwafina seront aussi de la distribution du film, qui sera réalisé par Rob Marshall (Mary Poppins Returns, Chicago).


User's Signature

Go to the top of the page
 
+Quote Post

26 Pagine V  « < 10 11 12 13 14 > » 
Fast ReplyReply to this topicStart new topic
1 utenti stanno leggendo questa discussione (1 visitatori e 0 utenti anonimi)
0 utenti:

 

RSS Versione Lo-Fi Oggi è il: 23/10/2019, 21:11