Benvenuto Visitatore ( Log In | Registrati )


19 Pagine V  « < 14 15 16 17 18 > »   
Reply to this topicStart new topic
> Aladdin (Live-Action), Walt Disney Pictures
BennuzzO
messaggio 27/5/2019, 10:44
Messaggio #361


Gold Member
*******

Gruppo: Utente
Messaggi: 2.173
Thanks: *
Iscritto il: 31/12/2006
Da: Lavinio Lido di Enea (RM)




Ma che meraviglia è stato?!
Ci sono andato sabato e ci tornerò domani. Davvero un ottimo lavoro da parte di tutti.
Sono felicissimo!


User's Signature

Go to the top of the page
 
+Quote Post
veu
messaggio 27/5/2019, 23:34
Messaggio #362


Gold Member
*******

Gruppo: Moderatore
Messaggi: 18.347
Thanks: *
Iscritto il: 27/8/2005




Abbiamo letto critiche molto positive sul film. Viene spesso accostato come struttura di film al remake di Cenerentola.
Dobbiamo ancora andare a vederlo, non siamo riusciti questa settimana, ma sicuramente presto andremo.

Intanto segnaliamo che Aladdin ha superato la maledizione del Memorial Day di maggio quando i film fanno sempre flop (Prince of Persia, Tomorrowland, Alice Attraverso lo Specchio, Solo, ecc).
C'era un articolo interessante sulle idee di far uscire i film nel periodo del Memorial Day. Lo ricerchiamo e lo mettiamo.

Aladdin è il secondo miglior incasso nella storia dei remake in relazione al primo week end, dopo La Bella e la Bestia. Ha superato gli incassi del Libro della Giungla e di Cenerentola. Le previsioni iniziali a cui la Disney puntava erano su 80 milioni di incasso nel primo week end in USA. Invece le ha superate portandosi a 112.7 milioni.
E teniamo conto che Aladdin non ha un cast di richiamo ed ha avuto una campagna su internet molto negativa, o meglio negativa al massimo a seguito del primo trailer (e comunque anche la Disney non l'ha pubblicizzato a dovere, se pensiamo che in Italia nemmeno i libri escono mentre di flopponi allo Schiaccianoci è uscito il mondo)
Speriamo tenga per il futuro.

Dal sito Hollywood Reporter:

Box Office: 'Aladdin' Soars to Massive $112.7M Memorial Day Weekend

Meanhwile, Olivia Wilde's R-rated high school comedy 'Booksmart' earned $8.7 million and the superhero horror pic 'Brightburn' took in $9.5 million.
It may be a whole new world for Aladdin, but it turned out to be another lucrative opening weekend for Disney.

The live-action feature grossed $112.7 million stateside over the Memorial Day weekend, beating out even high-end estimates that the film would bow to $100 million.

The Guy Ritchie-directed Aladdin stars Will Smith as the Genie and Mena Massoud as the titular hero, a charming street rat who masquerades as a prince to win the affections of Princess Jasmine, played by Naomi Scott. The movie musical, produced by Dan Lin and Jonathan Eirich's Rideback, opened wide in 4,400 locations.

The rehashing of the studio's 1992 animated pic has received a mixed response from critics, with a 57 percent fresh rating on Rotten Tomatoes, but has fared far better with audiences, earning a A CinemaScore. Aladdin’s audience skewed male, with a 60/40 split, with 51 percent under 25 years old.

Aladdin is a return to form for Disney's lucrative live-action adaptations of their classic animations after Tim Burton's Dumbo had a disappointing opening weekend of $45.9 million at the North American box office earlier this year.

In its opening weekend, Aladdin earned more than Jon Favreau's The Jungle Book, which pulled in $103.2 million in its 2016 debut, but came in behind the Emma Watson-starring Beauty and the Beast, which collected $174.7 million when it premiered in 2017. (Jungle Book and Beauty and the Beast did not have the added benefit of a holiday weekend opening.)

Also hitting theaters over the frame was Olivia Wilde’s R-rated high school comedy Booksmart, which earned a solid $8.7 million in its holiday bow.

Beanie Feldstein and Kaitlyn Dever star in the pic as two Ivy League-bound overachievers determined to party on the night before their graduation. Booksmart premiered at SXSW to universal praise, and currently sits at an incredible 99 percent on Rotten Tomatoes. But audiences did not respond as favorably, giving it a B+ CinemaScore.

Booksmart, which played best on the West Coast, had a largely female audience (61 percent), with a massive 74 percent of the audience falling between the ages of 18 and 34 years old.

Meanwhile, Screen Gems and The H Collective's superhero horror film Brightburn posted a three-day gross of $9.5 million at 2,257 locations.

The movie was directed by David Yarovesky from a script by Brian Gunn and Mark Gunn and counts James Gunn as a producer. A riff on the Superman origin story, Brightburn, toplined by Elizabeth Banks, centers on a couple in Kansas who find an alien baby and raise him, only to see him turn evil.

The film received a lukewarm response from critics, with a 64 percent on Rotten Tomatoes. Audiences gave it a C+ CinemaScore, but a lower rating is not uncommon for horror-tinged films. Seventy-four percent of Brightburn's audience, which was largely male (62 percent), was under 35 years old.



Dal sito Forbes:

Box Office: 'Aladdin' Proves That Onscreen Diversity Matters But Online Controversies Don't

Walt Disney’s live-action remake of Aladdin earned a boffo $90 million Fri-Sun and $113 million Fri-Mon Memorial Day weekend debut. It'll end tonight with as much as $265 million worldwide. Whether you liked the movie or not, there are two distinct lessons worth noting. First, onscreen diversity is an asset and anyone who thought that folks here and abroad wouldn’t show up for a blockbuster fronted mostly by Middle Eastern and Indian actors in spite of or because of that demographic makeup were deluding themselves. Second, anyone who thought the endless online handwringing and manufactured controversies would move the needle were just as delusional.

There were complaints almost from the word go, some understandable (Guy Ritchie coming off two big flops to get a mega-budget blockbuster about Middle Eastern heroes) and some more absurd. There was outcry based on a single Hollywood Reporter article that claimed Disney was having challenges finding Middle Eastern and/or Asian leads for the movie. Days later, during the annual D23 convention, they announced that Mena Massoud and Naomi Scott would be playing Aladdin and Jasmine. Scott is (no shocker if you’ve seen Power Rangers) more than up to the task and Massoud was a charismatic delight.

There had been “Oh no, Disney is gonna cast Tom Hardy as Jafar!” rumblings as well. The Guy Ritchie flick still ended up with Marwan Kenzari, who is perfectly fine if a bit underused (he needed a song). The Internet lost its mind when Billy Magnussen was cast as a “new” character because the most logical conclusion wasn’t that it was a glorified cameo as one of Jasmine’s rejected suitors but that Disney was changing the story and letting the white guy marry the princess in the end. Huge spoiler: Sorry William, but Prince Anders amounts to a 120-second cameo and does not marry Princess Jasmine at the end.


When the first look at Will Smith’s Genie in human form debuted, the movie star had to take to Twitter and assure fans, that, yes, he would be blue and otherworldly during much of the movie. When we got our first look at the Genie in his “normal” form, via a TV commercial, the Internet mocked it almost unto death. Yet, this weekend, general audiences, kids and adults alike, showed up in droves around the world at least partially because Will Smith was offering a flashy star turn as a very popular character in an anticipated motion picture. Smith’s performance has received mostly positive notices, because, well, he’s a good actor who generally knows what he’s doing.

I’m surely missing a couple controversies, but you get the idea. Despite years of handwringing, the movie opened this past weekend to overwhelmingly positive audience feedback and best-case-scenario box office. Some folks went because of the source material, some went because of Will Smith and some went to see an all-too-rare mega-budget fantasy blockbuster featuring black and brown-faced actors in every major starring and supporting role (more on that below). No matter the reason, they showed up.

As much as I talk about how the trolls don’t reflect the majority opinion or affect the financial outcome of movies like Black Panther or Wonder Woman, the diametric opposite is true as well. The online handwringing about the alleged problematics found in the likes of La La Land, Bohemian Rhapsody, Green Book or Three Billboards Outside Ebbing, Missouri didn’t move the needle one bit in terms of what general moviegoers thought of those film or whether or not they became hits or won Oscars. Ditto for “problematic” blockbusters like Transformers: Revenge of the Fallen, American Sniper, the Twilight Saga or The Blind Side.

The trolls didn’t sink Captain Marvel and the “social justice warriors” didn’t sink Aladdin. If Film Twitter represented the general public, Roma or BlacKkKlansman would have won Best Picture and Paddington 2 would have (sob) earned $1 billion worldwide. Oh, and poor Booksmart would have (sob again) opened a lot better this weekend too. If general audiences decide that they want to see an upcoming movie, for whatever reason that may be, they will probably show up.

Unless the reviews state that the film is both terrible and lacking in the components audiences want from a given movie, they'll show up. The worst Transformers pans tended to note that they still contained all of the bombastic action spectacle, sun-scorched visuals, bawdy humor and borderline lechery associated with the franchise, so those pans read like recommendations to fans. Ditto a 007 movie like Spectre (“Yes, it’s a $200 million James Bond movie with all the fixings.”) or a Freddie Mercury biopic like Bohemian Rhapsody (“Yes, it’s an energetic and big-scale jukebox musical about Queen.”).

Audiences interested in a live-action Aladdin got what they wanted. Aladdin is a big-budget, live-action adaptation with big, bright and colorful production values, a terrific batch of leading actors, most of your favorite toons and Will Smith in a rare over-the-top movie star turn doing his best to differentiate his Genie from Robin Williams’ iconic star turn. Everything else, the pacing, the “problematics,” and the artistic “necessity” of a live-action remake of a beloved toon that substituted animated magic for comparatively grounded realism, was just a distraction for our benefit in the media.

If audiences saw the previews or read the reviews for Aladdin and decided that it was something they wanted to see, nothing else mattered. The financial success of Aladdin was not going to be decided by a few folks online making fun of Will Smith’s Genie, or people who honestly thought that the movie would end with Jasmine marrying the white guy. It also means, and this is a biggie, that audiences had exactly 0.00% of an issue with the racial and ethnic makeup of the cast.

After years hearing about how Christian Bale had to play Moses or Scarlett Johansson had to play “The Major” because of the overseas box office, Aladdin debunks the notion that onscreen diversity is anything but an asset. I cannot presume more people showed up this weekend to Aladdin because it gave audiences who looked more like Mena Massoud as opposed to Billy Magnussen a rare chance to headline a mega-bucks Hollywood blockbuster. But it sure didn’t hurt. Aladdin opened higher than Solo: A Star Wars Story ($150 million) and will make oodles more money here and abroad than the likes of The Nutcracker and the Four Realms, Christopher Robin, Dumbo, Mary Poppins Returns and Alice Through the Looking Glass.

This shouldn't be that much of a shock. Solo: A Star Wars Story earned far less than Rogue One: A Star Wars Story (despite both films suffering severe post-production issues and reshoot-driven budget overruns). Coco made $807 million worldwide (including $187 million in China), or 2.2x what Cars 3 ($353 million) earned. And, yeah, Moonlight eared more overseas than in North America. Ditto 12 Years A Slave which earned $57 million domestic but $187 million worldwide in 2013.

If anything, diversity sells overseas just as well, if not better, than it does in North America. We've known this at least since Beverly Hills Cop II earned $156 million domestic and $299 million worldwide (a 51/49 split and 76% more overseas than the first Beverly Hills Cop) way back in May of 1987. Whether or not Aladdin was more of an event than it would have been had it starred Brenton Thwaites and Bella Thorne, Disney mostly keeping its word about a more racially-accurate cast paid off accordingly.

This doesn't help non-event movies in terms of onscreen diversity. The Sun is Also A Star won't top $7 million. However, if audiences really are going to (mostly) see only the biggest event flicks (live-action musicals, horror movies, branded animation and superhero flicks), in theaters, then Aladdin proves (again) that the studios no longer have any excuse not to fill those specific sub-genres with inclusive casts for both social and financial reasons.

And yes, I would argue that creating a version of Aladdin with this cast, which in turn offers more evidence against conventional wisdom about who has to star in what movies for those films to be global blockbusters, does justify its existence. Your turn, Lion King.


User's Signature

Go to the top of the page
 
+Quote Post
Simba88
messaggio 28/5/2019, 9:08
Messaggio #363


Gold Member
*******

Gruppo: Moderatore
Messaggi: 4.218
Thanks: *
Iscritto il: 14/10/2013
Da: Terre del branco




CITAZIONE (veu @ 27/5/2019, 23:34) *
Le previsioni iniziali a cui la Disney puntava erano su 80 milioni di incasso nel primo week end in USA. Invece le ha superate portandosi a 112.7 milioni.


Attenzione: la previsione di 80 milioni fatta dalla Disney (comunque superata nei dati reali) era sui tre giorni, il dato di 112,7 milioni invece comprende l'incasso del lunedì.

Un incasso finale di 16 milioni di Euro in Italia, 200 milioni di dollari in America e 600 milioni di dollari in tutto il mondo pensate che sia possibile?


User's Signature



Go to the top of the page
 
+Quote Post
buffyfan
messaggio 28/5/2019, 12:05
Messaggio #364


Gold Member
*******

Gruppo: Utente
Messaggi: 9.752
Thanks: *
Iscritto il: 24/7/2009
Da: Roma




CITAZIONE (Simba88 @ 28/5/2019, 9:08) *
Attenzione: la previsione di 80 milioni fatta dalla Disney (comunque superata nei dati reali) era sui tre giorni, il dato di 112,7 milioni invece comprende l'incasso del lunedì.

Un incasso finale di 16 milioni di Euro in Italia, 200 milioni di dollari in America e 600 milioni di dollari in tutto il mondo pensate che sia possibile?

Boh a me sembra comunque poco. In Italia penso si fermerà sui 16/17 milioni, ma potrebbe anche raggiungere La Bella e la Bestia, dato che ieri ha incassato 700 mila euro, meglio del primo lunedì de La bella e la bestia. Se continua cosi arriva ai 10 milioni prima del prossimo week end. Ma se in America in 4 giorni ha incassato già 112 milioni di dollari, non penso faccia fatica a fine corsa ad arrivare ai 250 milioni. Ma non so che concorrenza avrà sinceramente.

Senza concorrenza forte, io penso che andrà più o meno così:
America 310 milioni
USA/Canada: 250 milioni
Messico: 25 milioni
Brasile: 20 milioni
restanti paesi: 15 milioni

Europa 150 milioni
UK: 50 milioni
Italia: 17 milioni
Francia: 16 milioni
Germania: 16 milioni
Spagna: 15 milioni
restanti paesi: 30 milioni

Asia 300 milioni
Cina: 80 milioni
Giappone: 60 milioni
Sud Corea: 40 milioni
Indonesia: 15 milioni
India 10 milioni
restanti paesi 100 milioni

Africa 10 milioni

Australia 20 milioni

Quindi sui 800 milioni, ma forse sono troppo positivo io Roftl.gif

Messaggio modificato da buffyfan il 28/5/2019, 12:14
Go to the top of the page
 
+Quote Post
Daydreamer
messaggio 28/5/2019, 13:32
Messaggio #365


Gold Member
*******

Gruppo: Utente
Messaggi: 4.988
Thanks: *
Iscritto il: 9/4/2008
Da: Brescia




Comunque, a giudicare i lavori di La La Land, The Greatest Showman e adesso la canzone Speechless per Aladdin, la Disney col duo Paul & Pasek ha a disposizione un grandissimo talento! Stanno lavorando adesso alle nuove canzoni per il live action di Biancaneve...Che aspettative ragazzi!

Messaggio modificato da Daydreamer il 28/5/2019, 13:33


User's Signature

Go to the top of the page
 
+Quote Post
Filippo
messaggio 28/5/2019, 20:41
Messaggio #366


Millennium Member
******

Gruppo: Utente
Messaggi: 1.571
Thanks: *
Iscritto il: 4/12/2006




CITAZIONE (Daydreamer @ 28/5/2019, 13:32) *
Comunque, a giudicare i lavori di La La Land, The Greatest Showman e adesso la canzone Speechless per Aladdin, la Disney col duo Paul & Pasek ha a disposizione un grandissimo talento! Stanno lavorando adesso alle nuove canzoni per il live action di Biancaneve...Che aspettative ragazzi!

Ho adorato ed adoro i loro lavori seppur troppo "POP" per i classici disney a parer mio. Spero che in Biancaneve tornino su arrangiamenti di tipo "operistico" e meno " pop commerciale"


User's Signature

Go to the top of the page
 
+Quote Post
Daydreamer
messaggio 28/5/2019, 23:00
Messaggio #367


Gold Member
*******

Gruppo: Utente
Messaggi: 4.988
Thanks: *
Iscritto il: 9/4/2008
Da: Brescia




CITAZIONE (Filippo @ 28/5/2019, 20:41) *
Ho adorato ed adoro i loro lavori seppur troppo "POP" per i classici disney a parer mio. Spero che in Biancaneve tornino su arrangiamenti di tipo "operistico" e meno " pop commerciale"


Non mi aspetto niente di diverso; voglio dire, hanno scritto "City of Stars"...Niente di più classico. Inoltre si riprenderanno certamente le canzoni iconiche di Biancaneve, avranno certamente l'eleganza e finezza di andar "loro dietro"...


User's Signature

Go to the top of the page
 
+Quote Post
veu
messaggio 29/5/2019, 0:04
Messaggio #368


Gold Member
*******

Gruppo: Moderatore
Messaggi: 18.347
Thanks: *
Iscritto il: 27/8/2005




Crediamo che le canzoni iconiche di Biancaneve siano riprese (Some day my Prince will come su tutte) e utilizzino uno stile più classico.
E' un peccato che non vi sia un'intervista aggiornata a Pasek e Paul, del resto la canzone rivelazione del film è loro e teniamo conto che sono tra i compositori più apprezzati degli ultimi anni (il loro talento è innegabile). Ci piacerebbe sapere qualcosa in più sulla loro Biancaneve. Fossimo nella Disney la manderemmo in lavorazione subito per sfruttare al meglio le potenzialità dei suoi compositori (ovvio serve ancora un ottimo regista e una sceneggiatura impeccabile).
Chissà perchè pensiamo che alla fin fine il regista di Biancaneve sarà Branagh... una volta avevamo letto un tweet che sembrava dicesse e non dicesse, magari è solo una nostra idea... il tempo (speriamo non dover attendere troppo) ci dirà...


Tornando su Aladdin:

Dal sito VanityFair:

«Aladdin»: vola il live-action diretto da Guy Ritchie

Nel primo weekend di programmazione, la pellicola ha incassato 207,1 milioni a livello internazionale. Quanto basta per coprire per intero i propri costi di produzione e rilanciare un genere che, con Dumbo», sembrava essersi avviato sul viale del tramonto

Dumbo, nella lunga maratona di live-action Disney, sembrava aver segnato un punto di non ritorno, qualcosa che manifestasse la stanchezza del pubblico, stufo di vedersi (ri)propinati i cartoni della propria infanzia. Al box office, aveva avuto un’accoglienza tiepida: 116 milioni di dollari incassati, a livello internazionale, nelle prime 72 ore. Nulla, insomma, se paragonato agli introiti dei primi live-action. Sembrava che gli spettatori avessero parlato disertando le sale. Sembrava, però. Perché con Aladdin è suonata tutt’altra musica.

Il live-action Disney diretto da Guy Ritchie ha incassato 86,1 milioni di dollari solo in Nord America, tenendo banco per l’intero weekend del Memorial Day. Meglio, nel corso degli anni, hanno potuto solo La Bella e la Bestia, che di milioni ne aveva incassati 174, Alice in Wonderland, con 116 milioni di dollari, e Il Libro della Giungla, con 103. Ma la cifra, che con il quarto giorno in sala dovrebbe arrivare ai 105 milioni di dollari, non è da prendersi isolata.

Con gli incassi raggranellati a livello internazionale, Aladdin, la migliore pellicola tra le tante sfornate finora dalla Casa del Topolino, è arrivato ad incassare 207,1 milioni nei primi giorni di programmazione, ripagando per intero i propri costi di produzione. Il film, infatti, è costato «appena» 183 milioni di dollari.


User's Signature

Go to the top of the page
 
+Quote Post
buffyfan
messaggio 29/5/2019, 9:09
Messaggio #369


Gold Member
*******

Gruppo: Utente
Messaggi: 9.752
Thanks: *
Iscritto il: 24/7/2009
Da: Roma




Alcuni ritengono che arriverà ai 450 milioni questo fine settimana. 😱 viste le critiche dopo i trailer lo sta salvando il passa parola. In Italia continua ad andare benissimo. Ieri ha incassato da noi 634 mila euro. Sicuro supera i 10 milioni entro domenica. 😍
Go to the top of the page
 
+Quote Post
theprinceisonfir...
messaggio 29/5/2019, 9:23
Messaggio #370


Advanced Member
****

Gruppo: Utente
Messaggi: 350
Thanks: *
Iscritto il: 27/9/2013




Riguardo l'incasso finale di Aladdin, 800 milioni è praticamente impossibile.
Avrebbe bisogno di un multiplo di 4x rispetto al weekend di apertura di 200 milioni, che non è pensabile dato che usciranno a breve Godzilla, X men, Pets, Toy story 4 e Spider Man, tutti film che interessano pubblico delle famiglie.

La bella e la bestia (2017) aprì con un incasso globale di 360 milioni, per finire a 1.263, con un multiplo di x 3,4. Con lo stesso multiplo, Aladdin finirebbe a 680 milioni.

Sono contento che il film vi sia piaciuto, ma non capisco come si faccia a chiamare un successo, francamente.

Di certo in USA è andato meglio delle drammatiche previsioni, ma ciò non toglie che incassare la metà di "La bella e la Bestia" sia un fallimento su tutti i fronti. In Europa, Italia esclusa, sta floppando. In Asia sta floppando, nonostante la Cina come mercato sia cresciuta del 30 per cento negli ultimi due anni, e quindi rispetto al 2017 quando rilasciarono BATB.

Inoltre, è chiaro che in USA il film sarà estremamente front loaded. Ormai i siti di box office, per creare notizia, esasperano in positivo i commenti, poiché negli Stati Uniti gli incassi sono calati del 10 per cento rispetto allo scorso anno, (periodo Gennaio-Maggio) e a livello di biglietti staccati siamo al minimo storico.

Non a caso, tutti diedero per certo il Sorpasso di Avengers EndGame su Avatar a livello mondiale, sorpasso che - ormai è sicuro - non avverrà.
Diffidate degli entusiasmi e, se potete, guardate i dati complessivi se volete farvi un'idea realistica.

Il verdetto reale è : Aladdin rientrerà nel budget (cioè incasserà 3x il budget di produzione, esattamente il multiplo necessario per coprire le spese di marketing e sottrarre la percentuale degli esercenti dei cinema) ma incassare la metà de la Bella e La bestia e 400 milioni in meno de "il libro della giungla" è un grande insuccesso per un live action disney basato su uno dei "big four" degli anni 90.

Messaggio modificato da theprinceisonfire il 29/5/2019, 9:29
Go to the top of the page
 
+Quote Post
buffyfan
messaggio 29/5/2019, 13:48
Messaggio #371


Gold Member
*******

Gruppo: Utente
Messaggi: 9.752
Thanks: *
Iscritto il: 24/7/2009
Da: Roma




Si ma non si può tenere come metodo di paragone solamente La Bella e la Bestia, che come storia è più conosciuta di Aladdin. Sembra che tutti i film debbano sempre superare il miliardo per essere considerati dei successi, ma se fosse così avrebbero chiuso i battenti tutte le major, compresa la Disney.

Non si sta tenendo conto del periodo in cui i film vengono fatti uscire, tutti erano a conoscenza che maggio non sarebbe stato facile, e soprattutto il week end del memorial day. Ne erano consapevoli anche loro, e di fatti si aspettavano un opening di molto inferiore. Anche se Aladdin dovesse portare 600 milioni di dollari, bisogna sempre tener conto delle aspettative che si hanno dal ricavo di un film, e visto come lo hanno trattato non penso siano state molto alte.

Bisogna sempre ricordare poi che il risultato al cinema è solamente una parte degli incassi di un film, ci sono da aggiungere le vendite home video, che per i film Disney son sempre le più redditizie.
Go to the top of the page
 
+Quote Post
I seguenti utenti hanno apprezzato questo post:
veu
messaggio 29/5/2019, 20:01
Messaggio #372


Gold Member
*******

Gruppo: Moderatore
Messaggi: 18.347
Thanks: *
Iscritto il: 27/8/2005




Senza contare che la Bella e la Bestia ha avuto un cast che ti ha attirato nelle sale il 70% del pubblico , erano TUTTI nomi famosissimi tra i ragazzini, per la generazione teen 2000 e per gli adulti (parliamo di gente uscita da Harry Potter, Signore degli Anelli, da Downton Abbey, senza contare Thompson e Kline che sono famosissimi).
In Aladdin il cast è SCONOSCIUTO (solo Smith è famoso, gli altri non lo sono, nemmeno uno). Come si fa ad attirare gente nelle sale che PAGHI il biglietto se metti gente sconosciuta??? Possiamo ancora capirlo in tv, se metti esordienti o sconosciuti giri il canale e ti può capitare di vedere se una cosa ti piace o meno, ma mettere gente sconosciuta al cinema dove la gente che va a vedere i film PAGA i biglietti è una cosa che a priori dovrebbe essere impensabile.

E poi teniamo conto che la Bella e la Bestia (come pure Cenerentola) rientra tra i film che la Disney pubblicizza SEMPRE in ogni modo. Aladdin non rientra in quella categoria.
E aggiungiamoci la TOTALE ASSENZA di pubblicità in Italia e parte del mondo (nemmeno i libri hanno fatto uscire, solo in USA, Francia e Spagna sono usciti, nel resto del mondo no, a differenza della Bella e la Bestia di cui hanno fatto uscire il mondo) e il fatto che a maggio (come pure ad ottobre, ma maggio è peggiore in genere) mettono TUTTI i film a cui non credono per niente (e questa cosa la diciamo da anni) mentre le uscite a marzo (come quella della Bella e la Bestia) sono quelle favorite. Il week end del Memorial Day è la maledizione nera di Hollywood, di solito i film fanno flopponi allucinanti (vedesi, per la Disney Prince of Persia, Alice Attraverso lo Specchio, Tomorrowland e compagnia), Aladdin perlomeno ha retto, non sarà il successone dell'anno ma almeno nel primo week end è andato bene, come proseguirà si vedrà.
Se guardate i film su cui la Disney punta li fa uscire a marzo e luglio, mettendo dappertutto star hollywoodiane di grido e con pubblicità a palla…
Senza contare che la Bella e la Bestia e pure Cenerentola erano pompati a livello estremo (nemmeno i Marvel erano pompati in tal modo , sebbene abbiano pubblicità alle stelle, ma non raggiungevano i livelli di eccessiva pubblicità che hanno usato per la Bella e la Bestia e Cenerentola con tanto di collezioni swarowsky di rosa e scarpetta, con ben 3 collezioni di bambole per ogni personaggio o quasi, libri ovunque, album delle figurine, vestiti ecc).

Aggiungiamo poi che il pubblico ama di più le storie ambientate nella vecchia Europa rispetto a quelle in altri paesi che sono meno universali e meno vicine all'idea (magari anche bislacca) di fiaba per la maggioranza del mondo, e di questo sono anni che ne parliamo e i dati ci danno immancabilmente ragione

E poi scusate ma vi sembra normale che mentre esce Aladdin non vi è UNA sola intervista che sia una ai nuovi compositori (Paul e Pasek) mentre si parla già di tutto il post Aladdin in tutte le varie interviste ai vari Menken, capoccia Disney ecc e a palla da mesi ormai battono sul fatto che ne Il Re Leone c'è Beyoncé che canterà una canzone tutta sua? Non ci sembra proprio che al momento dell'uscita de la Bella e la Bestia e pure Cenerentola si sia parlato di tutto ciò che sarebbe venuto "dopo"… anzi si parlava solo dei vari attori, dei riferimenti con il classico di base, e si faceva pubblicità per eccitare i vari fissati/fissate di Watson, Madden e compagnia varia.


User's Signature

Go to the top of the page
 
+Quote Post
theprinceisonfir...
messaggio 29/5/2019, 21:07
Messaggio #373


Advanced Member
****

Gruppo: Utente
Messaggi: 350
Thanks: *
Iscritto il: 27/9/2013




CITAZIONE (buffyfan @ 29/5/2019, 13:48) *
Si ma non si può tenere come metodo di paragone solamente La Bella e la Bestia, che come storia è più conosciuta di Aladdin. Sembra che tutti i film debbano sempre superare il miliardo per essere considerati dei successi, ma se fosse così avrebbero chiuso i battenti tutte le major, compresa la Disney.

Bisogna sempre ricordare poi che il risultato al cinema è solamente una parte degli incassi di un film, ci sono da aggiungere le vendite home video, che per i film Disney son sempre le più redditizie.

Quoto la seconda parte, è ovvio che l'home video, i gadget ecc siano molto redditizi per la Disney.

Quanto al discorso "miliardo", che ciclicamente torna come un polpettone natalizio indigesto, non bisogna fare di tutta l'erba un fascio.
Nessuno pretende che ogni film live action della Disney raggiunga il miliardo. Dumbo, ad esempio, non era mai stato concepito come un progetto con ambizioni tanto elevate, e infatti io per primo non l'ho mai paragonato al live action de la bella e la bestia.
Aladdin, però, lo era. Non possiamo fare passare il messaggio che il memorial day, storicamente un'ottima finestra di uscita per i grandi blockbuster, sia una data da suicidio economico. Marzo, al contrario, fino a qualche anno fa era considerato un mese poco attrattivo per le major.

Detto ciò, ritorno sul ragionamento che più volte ho già espresso per i film WDAS: quando spendono così tanti soldi su un progetto, è perché si aspettano un ritorno economico di un certo tipo, dall'uscita cinematografica. Che poi vengano ridimensionate le aspettative a causa del tracking, che nei mesi prima dell'uscita diviene pessimo, è un altro discorso.

Però rimane che Aladdin, il re Leone e la Sirenetta avranno tutti in partenza ambizioni da miliardo e più, ed allontanarsi da la bella e la bestia e il libro della giungla, che hanno dimostrato la fattibilità di simili incassi, non può considerarsi un successo.

Per il resto concordo con i Veu, il Cast è sicuramente il punto debole, a livello di appeal, del film. Con attori più conosciuti e blasonati, avrebbe sicuramente ottenuto ben altri risultati.
Ricordiamoci che persino Dumbo aveva un cast di tutt'altro livello, sia per notorietà che per talento puro (in Aladdin di premi Oscar non c'è traccia...).
Go to the top of the page
 
+Quote Post
buffyfan
messaggio 29/5/2019, 21:38
Messaggio #374


Gold Member
*******

Gruppo: Utente
Messaggi: 9.752
Thanks: *
Iscritto il: 24/7/2009
Da: Roma




CITAZIONE (theprinceisonfire @ 29/5/2019, 21:07) *
Detto ciò, ritorno sul ragionamento che più volte ho già espresso per i film WDAS: quando spendono così tanti soldi su un progetto, è perché si aspettano un ritorno economico di un certo tipo, dall'uscita cinematografica. Che poi vengano ridimensionate le aspettative a causa del tracking, che nei mesi prima dell'uscita diviene pessimo, è un altro discorso.

Però rimane che Aladdin, il re Leone e la Sirenetta avranno tutti in partenza ambizioni da miliardo e più, ed allontanarsi da la bella e la bestia e il libro della giungla, che hanno dimostrato la fattibilità di simili incassi, non può considerarsi un successo.

Per il resto concordo con i Veu, il Cast è sicuramente il punto debole, a livello di appeal, del film. Con attori più conosciuti e blasonati, avrebbe sicuramente ottenuto ben altri risultati.
Ricordiamoci che persino Dumbo aveva un cast di tutt'altro livello, sia per notorietà che per talento puro (in Aladdin di premi Oscar non c'è traccia...).

Bè è chiaro che scegliendo attori famosi forse avrebbero potuto attirare maggiori persone al cinema, ma proprio l'esempio del flop di Dumbo ed il (almeno momentaneo) successo di Aladdin stanno dimostrando che il cast non sempre è essenziale. Quando scegli attori bravi, anche se sconosciuti, i risultati arrivano (E la Watson alla Scott può solamente lucidargli le scarpe, sinceramente. eheheh.gif ) Parte della bellezza del film sono proprio gli attori non blasonati. Mena Massoud è perfetto, e incarna alla perfezione il personaggio di Aladdin. Attori troppo famosi avrebbero snaturato il personaggio secondo me.
Con Aladdin hanno sbagliato tutto a livello di marketing, purtroppo! Lo hanno distrutto loro stessi con le loro mani. Possiamo solamente immaginare quanto avrebbe incassato se non avessero usato quel primo trailer e quelle immagini cheap, che con il lavoro ultimato hanno ben poco a che fare. E' colpa di quel trailer se le persone si sono poste nel modo sbagliato nei confronti di questo film, e sono convinto che anche i critici ormai plagiati da quel trailer siano partiti prevenuti, del resto anche io avevo aspettative sotto lo zero. Perché io sono d'accordo che i gusti sono soggettivi, ma Aladdin è oggettivamente migliore de La Bella e la Bestia, e non concepisco come la critica possa aver elogiato quel polpettone e abbia criticato Aladdin.

Ritornando al Box-office, non sapevo avrebbe avuto tutta quella concorrenza, ma sinceramente ritengo che solo Pets e Toy Story 4 possano essere un pericolo per Aladdin, Godzilla, xman e spiderman hanno comunque pubblico in parte diverso. Tra l'altro dopo l'orribili primo film di Godzilla non so in quanti andranno a vedere il sequel. Leggendo i forum online, le persone stanno andando anche più di una volta a vedere Aladdin, è un film che sta convincendo tutto il pubblico e sono convinto che il passa parola lo salverà.

Messaggio modificato da buffyfan il 29/5/2019, 21:42
Go to the top of the page
 
+Quote Post
I seguenti utenti hanno apprezzato questo post:
Daydreamer
messaggio 29/5/2019, 21:57
Messaggio #375


Gold Member
*******

Gruppo: Utente
Messaggi: 4.988
Thanks: *
Iscritto il: 9/4/2008
Da: Brescia




Aggiungiamoci anche X-Men Dark Phoenix...Quel film (ahimè) ha già scritto flop dai tempi delle riprese, purtroppo il capitolo precedente (X-Men Apocalisse) ha affossato il franchise e tutti aspettano con ansia l'avvento dei nuovi X-Men del futuro Marvel Cinematic Universe...Aladdin può ancora pedalare bene.


User's Signature

Go to the top of the page
 
+Quote Post
nicolino
messaggio 29/5/2019, 22:07
Messaggio #376


Member
***

Gruppo: Utente
Messaggi: 248
Thanks: *
Iscritto il: 20/2/2011
Da: Roma




Veu, vi vedo troppo accaniti contro la Disney per non avere scelto delle superstar per Aladdin.

Vi chiedo: ma seriamente avreste preferito (come più volte avete detto) una stupida fashion blogger o qualche cantante pop pur di far guadagnare al film qualche manciata di milione in più?
Io non vedo nulla di sbagliato nella scelta di questo casting. I protagonisti sono belli, hanno caratteristiche simili alle controparti animate (che hanno saputo interpretare dignitosamente, senza cercare di sovrapporre la loro personalità al personaggio) e, soprattutto, sanno recitare e cantare (al contrario di Emma Watson, ad esempio).
Ma chi se ne frega se non sono super famosi.
Magari è giusto, visto che stanno sfornando live action uno dopo l'altro, che per una volta diano la possibilità anche a dei giovani attori meno famosi di farsi notare. No?

Avreste davvero preferito che succedesse ciò che è accaduto per la Bella e la Bestia, dove hanno preferito una attrice in grado, certamente, di portare un enorme fetta di pubblico al cinema, nonostante questa 1) avesse dubbie capacità di recitazione; 2) non sapesse cantare; 3) non avesse bellezza, né tantomeno fascino o eleganza (caratteristiche essenziali per Belle); 4) abbia contribuito a rovinare un personaggio (e un film) grazie al fatto che la Disney le ha abbia dato il via libera per fare scelte scellerate pur di dare, a suo dire, una caratterizzazione (nazi)femminista a Belle (tentativo peraltro miseramente fallito)?

Se guadagnare qualche milione in più doveva significare rovinare un ennesimo altro film, allora no, mi dispiace ma io appoggio la Disney in pieno stavolta.

Tra l'altro ho detto di proposito "manciata di milione" perché di questo si sarebbe trattato. Infatti, non riesco a pensare a nemmeno UN nome di qualche attrice/attore che avesse potuto attirare tanto pubblico quanto ne fu capace la Watson, tantomeno dai tratti fisionomici orientali che qui necessariamente dovevano esserci. I giovani di oggi non idolatrano gli attori come accadeva un tempo, ma altri tipi di personaggi.
Emma Watson è un'eccezione.
Cenerentola, come cast, era simile ad Aladdin. C'era la Blanchett che è una superstar, sì, ma ora non venitemi a dire che davvero pensate che i giovani vadano a vedere un film perché c'è lei. Qualche ragazzina con l'ormone impazzito sarà potuta andare al cinema per Madden, ma parliamo sempre di percentuali che non incidono così significativamente per il risultato finale del film.

Riguardo alle aspettative della Disney su Aladdin, mi dispiace ma non riesco a credere che la Disney si aspettasse il successo di Mowgli o Belle. Sanno meglio di noi ciò che fanno, e il fatto stesso che abbiano scelto un cast di emergenti, che non l'abbiano pubblicizzato a dovere e che l'abbiano fatto uscire a cavallo di altri loro mille film fa intuire che non puntavano affatto ad incassi stellari. Tra l'altro non mi pare abbiano mai avuto tutta questa considerazione per Aladdin come storia in generale, basti vedere come hanno sempre trattato le uscite home video (come un film di serie B per l'appunto, quasi alla stregua di Hercules).

Ultimo pensiero: se Aladdin con 600 milioni dovrebbe essere considerato un flop, allora perché Maleficent, con circa 700 milioni, è stato considerato un successo, tanto da spingere la Disney a produrne un sequel?
Pensiamo al caso di Alice. Alice in Wonderland ebbe incassi stellari (più di 1 miliardo), ci hanno fatto un sequel che è stato un disastro al botteghino.
Nonostante ciò la Disney decide di fare il sequel di Maleficent, che ha incassato molto meno di Alice, e che gode di un'impopolarità tra il pubblico ben più ampia di quest'ultimo (il che fa presumere che andrà ancora peggio di Alice Attraverso allo specchio, e ne sono certo, dato che non ho praticamente mai sentito qualcuno apprezzarlo).
Ora, detto questo, è EVIDENTE che la Disney un qualche tipo di ritorno ce l'ha, anche se il film rientra appena nelle spese, altrimenti da mo che avremmo visto cancellati i vari Maleficent 2 o i live action di cartoni secondari!

Messaggio modificato da nicolino il 29/5/2019, 22:17
Go to the top of the page
 
+Quote Post
theprinceisonfir...
messaggio 29/5/2019, 23:13
Messaggio #377


Advanced Member
****

Gruppo: Utente
Messaggi: 350
Thanks: *
Iscritto il: 27/9/2013




Ma è sempre stato detto che la Disney ha un brand forte fatto di merchandising, parchi divertimenti, home video e quant'altro, quindi non si discute sul fatto che in qualche modo ci sia sempre molto lucro.
Altrimenti davvero, produrre film WDAS non avrebbe più alcun senso, dati gli incassi relativamente zoppicanti...eppure, anche se con minore frequenza e con più sequel, film di animazione continuano ad essere finanziati e realizzati dai WDAS.

Maleficent fu un ottimo incasso perché fondato unicamente sul potere di attrarre il pubblico della Jolie, trattandosi di uno spin-off; inoltre, all'epoca dell'uscita nelle sale non c'erano ancora riferimenti sul potenziale di prodotti simili, all'infuori di Alice in Wonderland, che tuttavia è sempre stato considerato un caso unico, perciò il risultato sorpassò ogni rosea aspettativa.

Tornando al cast di Aladdin, è certo e non meramente probabile che, a parità di prodotto, attori più conosciuti e riconoscibili avrebbero portato un valore aggiunto a livello di incassi. Basti pensare che un personaggio come The Rock/ Dwayne Johnson è l'attore più pagato di hollywood, e non perché sia il più illustre, ma banalmente grazie ai suoi followers di instagram, perché con oltre 100 milioni di seguaci sulla piattaforma social, a livello di promozione può garantire ad ogni sua pellicola una visibilità immediata enorme.

Stesso discorso vale, naturalmente, per Emma Watson.
Che fosse difficile trovare attori noti per i ruoli principali del film di Aladdin, dato il requisito dell'etnia araba, è ovvio, però avrebbero potuto inserire attori famosi nel ruolo che hanno creato nella damigella di Jasmine, oppure per interpretare Jafar, dati i cambiamenti drastici apportati al personaggio.

Del resto anche la stessa Naomi Scott che è oggi molto osannata, è una ragazza di origini solo in parte indiane, e per il resto caucasica; inoltre prima del film ha avuto una carriera che dire di serie D sarebbe fare un complimento.
Hanno ragione i Veu che, dal punto di vista meramente commerciale, avrebbero fatto bene a puntare su una Zendaya (che se va bene per Ariel può andare bene anche per Jasmine), su una Selena Gomes o su altre attricette/starlette del genere, dal minimo talento ma dal massimo appeal per i giovanissimi.
Da un punto di vista artistico, meglio che sia stata scelta la Scott ovviamente, che se non altro sa canticchiare ed è giusta nel ruolo.

Go to the top of the page
 
+Quote Post
Daydreamer
messaggio 29/5/2019, 23:34
Messaggio #378


Gold Member
*******

Gruppo: Utente
Messaggi: 4.988
Thanks: *
Iscritto il: 9/4/2008
Da: Brescia




Nel cine-marketing in cui oggi si è trasformata la Settima Arte non contano solo gli incassi ma il tam tam pubblicitario che traini un marchio, quello Disney in questo caso. Angelina Jolie, nel bene e nel male ha costruito, come a suo tempo Johnny Depp col Cappellaio, un personaggio veramente iconico, famosissimo in tutto il mondo proprio per il look e la costruzione che i due attori hanno saputo dare del personaggio. I soldi non li avranno guadagnati nelle sale ma in pubblicità sui social, gadget, fan art ecc. ecc.


User's Signature

Go to the top of the page
 
+Quote Post
buffyfan
messaggio 30/5/2019, 0:17
Messaggio #379


Gold Member
*******

Gruppo: Utente
Messaggi: 9.752
Thanks: *
Iscritto il: 24/7/2009
Da: Roma




CITAZIONE (Daydreamer @ 29/5/2019, 23:34) *
Nel cine-marketing in cui oggi si è trasformata la Settima Arte non contano solo gli incassi ma il tam tam pubblicitario che traini un marchio, quello Disney in questo caso. Angelina Jolie, nel bene e nel male ha costruito, come a suo tempo Johnny Depp col Cappellaio, un personaggio veramente iconico, famosissimo in tutto il mondo proprio per il look e la costruzione che i due attori hanno saputo dare del personaggio. I soldi non li avranno guadagnati nelle sale ma in pubblicità sui social, gadget, fan art ecc. ecc.

Eh ma per quanto riguarda il Cappellaio Matto gli si è rivoltata contro la scelta di Depp. Tra le critiche fatte ad Alice In Wonderland vi è anche la predominanza del personaggio del Cappellaio su Alice, che sarebbe la reale protagonista ma viene messa per tutto il film in secondo piano dal personaggio di Johnny Depp. Questo secondo me dimostra che i personaggi veramente famosi, se li devi prendere, li devi mettere come protagonisti, come la Jolie in Maleficent, altrimenti per forza di cose andrebbero ad eclissare i personaggi principali.
Se per Dalia avessero preso, non so, Julia Roberts, avrebbe catalizzato tutta l'attenzione e la Scott chi l'avrebbe più calcolata? Poi essendo un'attrice di un certo peso, chiaramente non gli avrebbero potuto riservare le poche battute che ha Dalia nel film, ed avrebbero dovuto aumentare la sua presenza complessiva, come per Depp in Alice in Wonderland. wacko.gif

Comunque, quoto Nicolino sul fatto che abbiano dato possibilità anche ad attori emergenti di farsi conoscere, non deve essere un demerito se la Scott prima di Aladdin ha recitato solamente in film di serie D. La Disney, almeno la vecchia Disney, è da sempre stata la più grande talent scout del mondo dello spettacolo, e tra i suoi pregi ha sempre avuto anche quello di trovare nuovi talenti da lanciare.

Messaggio modificato da buffyfan il 30/5/2019, 0:19
Go to the top of the page
 
+Quote Post
Daydreamer
messaggio 30/5/2019, 0:59
Messaggio #380


Gold Member
*******

Gruppo: Utente
Messaggi: 4.988
Thanks: *
Iscritto il: 9/4/2008
Da: Brescia




Buffy sono d'accordo ma hai travisato il mio ragionamento, che va oltre i meriti e demeriti dell'opera cinematografica in sé. Il Cappellaio ha cmq sfondato nell'immaginario, con amore o tanto odio ma la Disney ha ottenuto pubblicità...Purché se ne parli e si venda...In questo sta anche tutto il proliferare di sequel e live action. Non ho di certo svelato una verità.


User's Signature

Go to the top of the page
 
+Quote Post
buffyfan
messaggio 30/5/2019, 1:55
Messaggio #381


Gold Member
*******

Gruppo: Utente
Messaggi: 9.752
Thanks: *
Iscritto il: 24/7/2009
Da: Roma




CITAZIONE (Daydreamer @ 30/5/2019, 0:59) *
Buffy sono d'accordo ma hai travisato il mio ragionamento, che va oltre i meriti e demeriti dell'opera cinematografica in sé. Il Cappellaio ha cmq sfondato nell'immaginario, con amore o tanto odio ma la Disney ha ottenuto pubblicità...Purché se ne parli e si venda...In questo sta anche tutto il proliferare di sequel e live action. Non ho di certo svelato una verità.

No,no la mia non era una replica a te, era piuttosto una aggiunta a quanto detto da te, ricollegandomi alla discussione sul fatto che avrebbero dovuto scegliere attori più famosi per il film…. insomma, non sempre la scelta di attori di spicco risulta positiva per la qualità del film, e se Aladdin dovesse incassare bene pur non avendo grandi nomi, spero che rimangano su questa linea. laugh.gif

Messaggio modificato da buffyfan il 30/5/2019, 1:57
Go to the top of the page
 
+Quote Post
I seguenti utenti hanno apprezzato questo post:
Daydreamer
messaggio 30/5/2019, 6:55
Messaggio #382


Gold Member
*******

Gruppo: Utente
Messaggi: 4.988
Thanks: *
Iscritto il: 9/4/2008
Da: Brescia




Pare proprio che anche con Ariel verremo accontentati...Immagino che se avessero avuto in mente un grande nome, a quest'ora l'avrebbero rivelato...Un po' come si sa da un anno e mezzo che Emma Stone sarà Crudelia...E come accadde con le star precedenti.


User's Signature

Go to the top of the page
 
+Quote Post
Simba88
messaggio 30/5/2019, 10:14
Messaggio #383


Gold Member
*******

Gruppo: Moderatore
Messaggi: 4.218
Thanks: *
Iscritto il: 14/10/2013
Da: Terre del branco




Questa intervista a Alan Menken, Justin Paul e Benj Pasek l'avete vista?

https://www.youtube.com/watch?v=vRnF88rACJI


User's Signature



Go to the top of the page
 
+Quote Post
winnie & pimpi
messaggio 30/5/2019, 14:26
Messaggio #384


Millennium Member
******

Gruppo: Utente
Messaggi: 1.180
Thanks: *
Iscritto il: 17/5/2008
Da: London




CITAZIONE (nicolino @ 29/5/2019, 23:07) *
Vi chiedo: ma seriamente avreste preferito (come più volte avete detto) una stupida fashion blogger o qualche cantante pop pur di far guadagnare al film qualche manciata di milione in più?
Io non vedo nulla di sbagliato nella scelta di questo casting. I protagonisti sono belli, hanno caratteristiche simili alle controparti animate (che hanno saputo interpretare dignitosamente, senza cercare di sovrapporre la loro personalità al personaggio) e, soprattutto, sanno recitare e cantare (al contrario di Emma Watson, ad esempio).
Ma chi se ne frega se non sono super famosi.
Magari è giusto, visto che stanno sfornando live action uno dopo l'altro, che per una volta diano la possibilità anche a dei giovani attori meno famosi di farsi notare. No?


Se guadagnare qualche milione in più doveva significare rovinare un ennesimo altro film, allora no, mi dispiace ma io appoggio la Disney in pieno stavolta.

Cenerentola, come cast, era simile ad Aladdin. C'era la Blanchett che è una superstar, sì, ma ora non venitemi a dire che davvero pensate che i giovani vadano a vedere un film perché c'è lei. Qualche ragazzina con l'ormone impazzito sarà potuta andare al cinema per Madden, ma parliamo sempre di percentuali che non incidono così significativamente per il risultato finale del film.

Riguardo alle aspettative della Disney su Aladdin, mi dispiace ma non riesco a credere che la Disney si aspettasse il successo di Mowgli o Belle. Sanno meglio di noi ciò che fanno, e il fatto stesso che abbiano scelto un cast di emergenti, che non l'abbiano pubblicizzato a dovere e che l'abbiano fatto uscire a cavallo di altri loro mille film fa intuire che non puntavano affatto ad incassi stellari. Tra l'altro non mi pare abbiano mai avuto tutta questa considerazione per Aladdin come storia in generale, basti vedere come hanno sempre trattato le uscite home video (come un film di serie B per l'appunto, quasi alla stregua di Hercules).

Ultimo pensiero: se Aladdin con 600 milioni dovrebbe essere considerato un flop, allora perché Maleficent, con circa 700 milioni, è stato considerato un successo, tanto da spingere la Disney a produrne un sequel?
Pensiamo al caso di Alice. Alice in Wonderland ebbe incassi stellari (più di 1 miliardo), ci hanno fatto un sequel che è stato un disastro al botteghino.
Nonostante ciò la Disney decide di fare il sequel di Maleficent, che ha incassato molto meno di Alice, e che gode di un'impopolarità tra il pubblico ben più ampia di quest'ultimo (il che fa presumere che andrà ancora peggio di Alice Attraverso allo specchio, e ne sono certo, dato che non ho praticamente mai sentito qualcuno apprezzarlo).
Ora, detto questo, è EVIDENTE che la Disney un qualche tipo di ritorno ce l'ha, anche se il film rientra appena nelle spese, altrimenti da mo che avremmo visto cancellati i vari Maleficent 2 o i live action di cartoni secondari!

concordo su tutto!!!

Sono sicuro che La Disney con Aladdin ha agito pensando alle polemiche e al flop di "Prince of Persia" che era stato, giustamente, aspramente criticato per il whitewashing. Per cui hanno volutamente evitato di prendere attori bianchi anche solo per ruoli secondari. Con Naomi Scott hanno rischiato fin troppo, infatti molta gente si è lamentata.

Sbagliate anche a sottovalutare il potere mediatico di Will Smith. E' praticamente l'unico attore afroamericano a godere di grande popolarità a livello mondiale. E poi era estremamente famoso negli anni 90, per cui il pubblico nostalgico che ama Aladdin del 92 lo conosce benissimo.

Anche io penso che a volte un attore sconosciuto ma perfetto per la parte possa portare al film molto più successo di un attore famoso ma fuori luogo. Basti pensare a Julie Andrews per Mary Poppins o a Vivien Leigh per Via col Vento.

E' vero che la Disney ha meno aspettative per Aladdin, rispetto a La Bella e la Bestia. Questo perchè la Bella e la Bestia, nonostante non abbia avuto un successo stratosferico al botteghino come Il Re Leone, nel tempo si è rivelato, se ricordo bene, il film di maggiore profitto della storia della studio. Considerando, non solo le riedizioni di grande successo al cinema in IMAX e 3D, ma anche le vendite impressionanti in home video e il successo storico a Broadway.
Vi ricordo che è l'unico classico "moderno" ad avere in televisione un' audience paragonabile a Cenerentola e a Biancaneve.

Messaggio modificato da winnie & pimpi il 30/5/2019, 14:29


User's Signature

Go to the top of the page
 
+Quote Post

19 Pagine V  « < 14 15 16 17 18 > » 
Fast ReplyReply to this topicStart new topic
1 utenti stanno leggendo questa discussione (1 visitatori e 0 utenti anonimi)
0 utenti:

 

RSS Versione Lo-Fi Oggi è il: 13/12/2019, 17:40