Benvenuto Visitatore ( Log In | Registrati )


77 Pagine V  « < 69 70 71 72 73 > »   
Reply to this topicStart new topic
> Oceania aka Moana, Walt Disney Animation Studios
CostanzaM
messaggio 28/12/2016, 22:08
Messaggio #1681


Member
***

Gruppo: Utente
Messaggi: 146
Thanks: *
Iscritto il: 12/1/2015




CITAZIONE (LaBestia @ 28/12/2016, 19:34) *
La polemica con la Brancucci continua. Ho paura che se leggeste quello che ha scritto su Facebook qualche ora fa, qualcuno di voi si armerebbe di pale e picconi e andrebbe a protestare sotto casa sua ��

Riporto qui :

Gentilissimo Sig. Gianello, senza alcuna polemica, perché i gusti sono gusti e non si discutono, vorrei farLe notare che la metrica dei testi italiani rispetta fedelmente quella originale, al 100 per cento. Non c'è nessuna variazione. Le rime sono tutte presenti, esattamente come in originale e come in ogni film disney da me curato. Quanto ai concetti, esprimono il medesimo significato di quello espresso nelle canzoni in lingua inglese. È del tutto evidente che non possiamo usare gli stessi identici termini, altrimenti le canzoni resterebbero inglesi. Per apprezzare realmente e fino in fondo la bellezza delle versioni estere, poi, bisognerebbe essere madrelingua in tutte le lingue del mondo e, col massimo rispetto, dubito che esista qualcuno al mondo che lo sia davvero, perché per apprezzare le sfumature di una lingua, bisognerebbe conoscere a fondo la cultura del paese interessato. Tutto ciò detto, la esorterei a considerare maggiormente la serietà che contraddistingue il nostro lavoro, prima di sparare a zero su tutto, limitandosi, nel rispetto del prossimo, ad esprimere una opinione schietta, ma senza infangare il buon nome di nessuno, inventando di sana pianta critiche assolutamente infondate, come il mancato rispetto della metrica o delle rime. I testi possono piacere o non piacere, ci mancherebbe, ma la metrica è incontestabilmente perfetta, le rime ci sono tutte, il senso delle canzoni originali è riprodotto ed il synch cerca di essere il più gradevole possibile agli occhi di chi guarda. Con la massima stima, l'autrice dei testi.

Lorena Brancucci

Ovviamente, alcuni (me compreso) le hanno risposto e riportato diversi esempi per sbugiardare certe cose che ha scritto e che non sono vere!

Ma su quale pagina Facebook avvengono queste discussioni????
Go to the top of the page
 
+Quote Post
LaBestia
messaggio 28/12/2016, 22:33
Messaggio #1682


Advanced Member
****

Gruppo: Utente
Messaggi: 321
Thanks: *
Iscritto il: 2/8/2006
Da: Cattolica (Rimini), Italia




CITAZIONE (CostanzaM @ 28/12/2016, 21:08) *
Ma su quale pagina Facebook avvengono queste discussioni????

Sulla pagina FB di Nunval (Nunziante Valoroso), utente e amministratore (se non erro) anche di questo forum. Io ce l'ho tra gli amici e anche la brancucci.
Lui ha scritto due post su Oceania e lei ha risposto a entrambi, perché la gente continua a criticare proprio lì i testi delle canzoni.


User's Signature

.... chi avrebbe mai potuto amare...
.....una BESTIA?
Go to the top of the page
 
+Quote Post
I seguenti utenti hanno apprezzato questo post:
nicolino
messaggio 29/12/2016, 0:26
Messaggio #1683


Member
***

Gruppo: Utente
Messaggi: 240
Thanks: *
Iscritto il: 20/2/2011
Da: Roma




Io sono in uno stato tra shock e schifato...
Metrica incontenstabilmente perfetta...
I sensi ci sono tutti...
Qui si resenta la follia pura. Immagino quindi che quindi i matti siamo noi.
Go to the top of the page
 
+Quote Post
buffyfan
messaggio 29/12/2016, 4:49
Messaggio #1684


Gold Member
*******

Gruppo: Utente
Messaggi: 9.722
Thanks: *
Iscritto il: 24/7/2009
Da: Roma




CITAZIONE (CostanzaM @ 27/12/2016, 18:52) *
Nello scrivere questo post, mi rendo conto della mia impossibilità di citare i titoli italiani delle canzoni degli ultimi anni. Se tutti ricordiamo "In fondo al mar", "stia con noi" e forse perfino "dio fa' qualcosa", continuiamo a citare "Let it go", "I've got a dream", eccetera... Ulteriore prova che qualcuno non sta facendo bene il suo lavoro.

Bè, questo non centra nulla. All'epoca de La Sirenetta, La Bella e la Bestia ed Il Gobbo, non c'era internet e la facilità di ascoltare le versioni originali che escono quasi sempre prima di quelle italiane. Io nemmeno sapevo vi fossero versioni in inglese quando ero piccolo. Fa parte della globalizzazione, e stiamo diventando tutti un po' più inglesi.
Go to the top of the page
 
+Quote Post
PixieDust95
messaggio 29/12/2016, 11:09
Messaggio #1685


Junior Member
**

Gruppo: Utente
Messaggi: 85
Thanks: *
Iscritto il: 16/11/2016
Da: Abruzzo




CITAZIONE
vorrei farLe notare che la metrica dei testi italiani rispetta fedelmente quella originale, al 100 per cento. Non c'è nessuna variazione. Le rime sono tutte presenti, esattamente come in originale e come in ogni film disney da me curato.

?????? Allora o ci prende in giro o non sa cos'è la metrica. E non so cos'è peggio!
Dai non può dire che la metrica è rispettata al 100%, non siamo idioti! E' ridicolo.... Ascoltate "You're Welcome" o "Where you are" in originale e poi in italiano e poi ditemi che la metrica è la stessa!
Go to the top of the page
 
+Quote Post
ping
messaggio 29/12/2016, 12:10
Messaggio #1686


Gold Member
*******

Gruppo: Utente
Messaggi: 4.578
Thanks: *
Iscritto il: 12/4/2009
Da: isola delle femmine(palermo)




Di queste due canzoni non l'ho notato, ma in "I am Moana" la parte di Vaiana mi sembra completamente fuori metrica in alcuni punti.
Se ce ne accorgiamo noi figuriamoci i doppiatori, ascolteranno la versione originale prima di iniziare il doppiaggio, ma ovviamente il loro lavoro è quello di cantare non di dare direttive alla Brancucci. not.gif
Go to the top of the page
 
+Quote Post
PixieDust95
messaggio 29/12/2016, 12:13
Messaggio #1687


Junior Member
**

Gruppo: Utente
Messaggi: 85
Thanks: *
Iscritto il: 16/11/2016
Da: Abruzzo




CITAZIONE
Di queste due canzoni non l'ho notato, ma in "I am Moana" la parte di Vaiana mi sembra completamente fuori metrica in alcuni punti.

Fidati, ora non mi ricordo di preciso le parole a memoria, ma la metrica in alcuni punti non c'è (se mi ricordo dopo posto i punti)^^ Sì, "I am Moana" è un po' un disastro, ma a me la parte che più inorridisce è quella della nonna. In alcuni punti la Finocchiaro deve parlare e non cantare perché ci sono troppe sillabe!
Go to the top of the page
 
+Quote Post
ping
messaggio 29/12/2016, 12:21
Messaggio #1688


Gold Member
*******

Gruppo: Utente
Messaggi: 4.578
Thanks: *
Iscritto il: 12/4/2009
Da: isola delle femmine(palermo)




Io continuo a dirlo, nella nostra lingua abbiamo la possibilità di troncare le parole e poter così rispettare la metrica, allora perché non usare questo stratagemma? dry.gif dry.gif La scusa di non usarlo per unificare parlato e cantato la trovo ridicola.
Go to the top of the page
 
+Quote Post
Daydreamer
messaggio 29/12/2016, 12:36
Messaggio #1689


Gold Member
*******

Gruppo: Utente
Messaggi: 4.707
Thanks: *
Iscritto il: 9/4/2008
Da: Brescia




Non si vuole più di proposito troncare le parole, perché suona oggi troppo vecchio alle orecchie dei bambini credo. La Brancucci, ai tempi dell'interivista di Iry, lo disse che non si potevano più troncare ma non ricordo la spiegazione.


User's Signature

Go to the top of the page
 
+Quote Post
PixieDust95
messaggio 29/12/2016, 13:18
Messaggio #1690


Junior Member
**

Gruppo: Utente
Messaggi: 85
Thanks: *
Iscritto il: 16/11/2016
Da: Abruzzo




CITAZIONE
Non si vuole più di proposito troncare le parole, perché suona oggi troppo vecchio alle orecchie dei bambini credo. La Brancucci, ai tempi dell'interivista di Iry, lo disse che non si potevano più troncare ma non ricordo la spiegazione.

Devo dire che neanche a me fa impazzire troncare le parole, ma in alcuni casi non c'è nessun problema, basta sapersi controllare e non usare sempre questo stratagemma. Almeno io la penso così^^
Go to the top of the page
 
+Quote Post
*marta*
messaggio 29/12/2016, 14:39
Messaggio #1691


Millennium Member
******

Gruppo: Utente
Messaggi: 1.607
Thanks: *
Iscritto il: 6/1/2011
Da: Cagliari




Ma gli incassi come stanno andando?? Io non ricordo più dove controllare..
Go to the top of the page
 
+Quote Post
LaBestia
messaggio 29/12/2016, 14:52
Messaggio #1692


Advanced Member
****

Gruppo: Utente
Messaggi: 321
Thanks: *
Iscritto il: 2/8/2006
Da: Cattolica (Rimini), Italia




La Brancucci ha risposto ancora una volta a me e ad altri due utenti. Questa volta ha dato una spiegazione ancora più dettagliata... io sinceramente non credo di scriverle più. È come parlare con i mulini a vento. Mi sale una rabbia...

Riccardo William Mario John Alessio Francesconi Carissimi Mario, Riccardo e Alessio, spero di riuscire a chiarire una volta per tutte i vostri dubbi, anche se non basterebbe una giornata, ad elencare le migliaia di esigenze che mi trovo a contemperare ogni giorno nel mio lavoro... In primis: le sillabe in più non "scappano".... Faccio questo lavoro da venticinque anni e, se aggiungo una sillaba in più, non è perché io non sia in grado di rispettare la metrica originale, ma perché scelgo di farlo. Le ragioni sono molteplici e mi meraviglia che siano così difficili da capire... Il 95 % delle canzoni inglesi finisce con una parola tronca (monosillabica o accentata sull'ultima sillaba), perché in inglese le parole possono terminare con qualunque lettera, vocale o consonante (sky, bed, man, love, fly etc etc...) Le loro opzioni sono INFINITE. In italiano le parole tronche terminano per A, E, I, O, U o per dittongo (ragione per la quali molti miei colleghi usano sempre il futuro). E sono pochissime, perché la nostra è una lingua estremamente prolissa e basata su termini lunghi (le parole formate da una sola sillaba sono una percentuale quasi irrilevante) e prevalentemente caratterizzati da accentazione piana, sdrucciola o bisdrucciola. Le opzioni, quindi, sono limitatissime e la rosa di termini a nostra disposizione per rispettare la metrica originale equivale a circa un 30 % scarso delle possibilità originali. (spagnoli, francesi, tedeschi NON hanno assolutamente questo problema e sono super avvantaggiati, rispetto a noi). A volte, quindi, scegliere una parola piana al posto di una tronca serve semplicemente ad evitare di usare sempre le stesse identiche parole in tutti i testi e rendere l'adattamento più piacevole e creativo. Non mi costerebbe nulla usare parole tronche invece che piane, ma i testi sarebbero tutti uguali e di una noia mortale. In secundis: le esigenze di synch che voi tutti tanto bistrattate, sono FONDAMENTALI, perché si tratta di prodotti destinati principalmente ai bambini ed i bambini devono poter credere che sia il cartone animato a parlare. Fa parte della magia. Se al posto di Let it Go avessi messo una frase che finisce per A, E, I, U, i bambini avrebbero visto qualcosa di estremamente dissonante ed il loro "spettacolo" sarebbe stato rovinato. Molto spesso, poi, sono costretta ad aggiungere sillabe proprio per coprire movimenti labiali fatti dai personaggi e che in grafica vengono curati con questa precisione proprio per fare più credibilità al personaggio. Esempio: se viene cantata la parole NAME, il personaggio chiuderà la bocca facendo una EMME e poiché non abbiamo in italiano termini che finiscano per EMME, io sono costretta a scegliere termini come NOME, che in italiano hanno due sillabe, invece di una, ma che rendono perfetto il synch. Insomma, c'è sempre una ragione prevalente. Non lo faccio perché mi diverta a farlo... Sorrido, quando leggo frasi del tipo: "perché non ha adattato "Do you want to build a snowman" con "Ti va di fare un pupazzo di neve"?. Non lo ho fatto perché metricamente non va bene e non rispetta il synch. Molto semplice. Quindi sono costretta a studiare soluzioni alternative molto più complicate, quando scegliere la semplice traduzione non mi costerebbe il benché minimo sforzo. Ma il risultato sarebbe pessimo. Mi chiedete perché Let it Go venga adattato in modi diversi invece di restare sempre uguale, o perché io non mantenga a volte sempre lo stesso ritornello. Non credete che avere una soluzione unica invece di trovarne dieci non sarebbe infinitamente più facile anche per me? Se non lo faccio non è perché mi piaccia complicarmi la vita, ma perché c'è una ragione. Quasi sempre, nel ritornello, la frase iniziale (let it go) resta uguale, ma la frase con cui va a fare rima cambia ed il costrutto italiano è fatto in modo tale da costringermi a cambiare anche la frase principale, perché non potrebbe reggere una secondaria di tipo diverso. E dato che le opzioni che terminano in "o" sono limitatissime, dove il synch non è evidente posso permettermi di dire quello che serve, mentre sono costretta a cambiare laddove il synch mi costringa a farlo. Del resto, "let it go" altro non significa se non "lascia andare" (in tutte le accezioni cui la trama fa riferimento) e da noi "ARE" non è uguale a "GO". Quanto al senso delle canzoni, mi pare che Marzia Vitucci abbia afferrato in pieno la mia interpretazione della canzone... Può piacere o non piacere, senza dubbio, ma Let It Go è un canto di rinascita, è un inno ad una seconda vita; è Elsa che decide di essere per la prima volta se stessa e credo che "come il sole tramonterò, perché poi all'alba sorgerò" renda perfettamente l'idea di una vita che si chiude e di un'altra che ricomincia... "The cold never bothered me anyway", in originale, vuol dire che il freddo per lei non è mai stato un problema e tradurlo con "da oggi il freddo è casa mia" non mi sembra un "pasticcio" poi così grande.... Sul finale non ho potuto ripeterlo per esigenze di Synch, ma la frase "da oggi il destino appartiene a me" incarna perfettamente il senso della intera canzone, ossia che Elsa vuole riprendere in mano la sua vita. Quanto, infine, al concetto di porte aperte.... un'occasione cos'altro è, se non una porta aperta? Spero di avervi fornito "un'occasione" per apprezzare di più questo lavoro....wink.gif Vi auguro una buona giornata


User's Signature

.... chi avrebbe mai potuto amare...
.....una BESTIA?
Go to the top of the page
 
+Quote Post
I seguenti utenti hanno apprezzato questo post:
Arancina22
messaggio 29/12/2016, 15:02
Messaggio #1693


Gold Member
*******

Gruppo: Utente
Messaggi: 17.542
Thanks: *
Iscritto il: 15/10/2009
Da: casa mia




CITAZIONE
Se al posto di Let it Go avessi messo una frase che finisce per A, E, I, U, i bambini avrebbero visto qualcosa di estremamente dissonante ed il loro "spettacolo" sarebbe stato rovinato.

Commento questo, dicendo: qualcuno le spieghi che i bambini non prestano la benché minima attenzione a queste cose. Non lo faceva la grande maggioranza di noi da piccoli e non lo fanno oggi (e parlo perché di bambini ne conosco, come ne conosciamo tutti).
Questa cosa dei bambini mi sembra equivalente al nascondersi dietro un dito...*

E sì, se si troncassero le parole come si faceva ai tempi di De Leonardis, magari con più moderazione, ok, si avrebbero diecimila possibilità in più. D'altronde noi stessi nel parlato spesso abbreviamo "hanno" con "han", "sono" con "son", e mica ci lamentiamo. Ma purtroppo questa è una politica generale dell'adattamento italiano di oggi, come mi han spiegato, non solo della Disney, quindi lì la signora Brancucci non c'entra.

* EDIT: con queste cose non voglio dire che il synch non va tenuto in considerazione!! Solo che dire di 'agevolare' i bambini facendo ciò non ha senso alcuno, semplicemente perché se ne fregano abbastanza Roftl.gif .

RI-EDIT:
CITAZIONE
le esigenze di synch che voi tutti tanto bistrattate, sono FONDAMENTALI, perché si tratta di prodotti destinati principalmente ai bambini ed i bambini devono poter credere che sia il cartone animato a parlare.

Questa parte, che non so perché il mio occhio aveva saltato, ammetto che mi fa venire un po' la nausea, ma tant'è...

CITAZIONE
se aggiungo una sillaba in più, non è perché io non sia in grado di rispettare la metrica originale, ma perché scelgo di farlo.

Questa frase si commenta da sé...


User's Signature

Your special fascination'll
prove to be inspirational!
We think you're just sensational,
Mame!
Go to the top of the page
 
+Quote Post
I seguenti utenti hanno apprezzato questo post:
PixieDust95
messaggio 29/12/2016, 15:17
Messaggio #1694


Junior Member
**

Gruppo: Utente
Messaggi: 85
Thanks: *
Iscritto il: 16/11/2016
Da: Abruzzo




Tutta la risposta della signora Brancucci mi fa solo innervosire!!!! Praticamente è tutta colpa del labiale per lei, quando è vero che i bambini non ci fanno poi tanto caso, noi siamo cresciuti bene lo stesso senza labiale perfetto e mi pare che la magia Disney resta intatta ancora oggi. Per me, anche se il labiale non era al 100% uguale, sembrava che i personaggi parlassero e cantassero in italiano ugualmente. E poi scusate, lei fa l'esempio di Elsa che cambia frase a "the cold never bothered me anyway"; ma la bocca di Elsa si vede in entrambi i frangenti, perché allora nell'ultimo doveva essere diverso dal precedente per esigenze di labiale????
Aggiungere più sillabe per rispettare il labiale, mi sembra proprio stupido! Scusate ma non credo sia così fondamentale.

Bene, questa sua risposta mi fa capire ancora una volta che non la sopporto xD
Go to the top of the page
 
+Quote Post
I seguenti utenti hanno apprezzato questo post:
Daydreamer
messaggio 29/12/2016, 15:20
Messaggio #1695


Gold Member
*******

Gruppo: Utente
Messaggi: 4.707
Thanks: *
Iscritto il: 9/4/2008
Da: Brescia




Personalmente mi ritengo soddisfatto della risposta ricevuta al mio quesito sull'adattamento di "Let It Go", è meravigliosa l'idea di potere dialogare finalmente e apertamente con un addetto ai lavori, per nulla scontato (ricordo solo quanti pesci in faccia abbiamo ricevuto da Disney Italia per svariati motivi, a partire dal titolo italiano di Frozen...Sprezzanti silenzi, indifferenza o addirittura manipolazione dei commenti) così quando vedo la buona fede io sono portato istintivamente a comprendere. Speriamo solo che Lorena ci dia altre occasioni per conoscere questo "dietro alle quinte" ancora più approfonditamente. Grazie Lorena anche qui flowers.gif


User's Signature

Go to the top of the page
 
+Quote Post
Claudio
messaggio 29/12/2016, 16:21
Messaggio #1696


Gold Member
*******

Gruppo: Utente
Messaggi: 20.882
Thanks: *
Iscritto il: 9/9/2010
Da: Italia




Intanto in Italia continua ad essere al primo posto smile.gif

È Oceania a dominare la classifica italiana mercoledì con 887mila euro. Il film d’animazione batte ancora tutti, e sale a 5.4 milioni di euro in una settimana.

da badtaste.it


User's Signature


Il Forziere dei Classici Disney in Dvd: una grande fregatura! CONDIVIDI:https://www.youtube.com/watch?v=zZLEjXBac3E
Go to the top of the page
 
+Quote Post
Logan232
messaggio 29/12/2016, 17:16
Messaggio #1697


Top Member
*****

Gruppo: Utente
Messaggi: 962
Thanks: *
Iscritto il: 8/10/2013
Da: Roma




In primis apprezzo anche io il fatto che, finalmente, Lorena si sia aperta al dialogo: è una cosa assolutamente non dovuta e che le fa onore.

Detto questo, la sua risposta è MI-CI-DIA-LE.
Questo benedetto sync a tutti i costi, ma si può sapere dov'è?!? Ieri ho rivisto il film per la seconda volta e i personaggi erano inquadrati in primo piano sì e no 3 volte scarse per 2 secondi. Secondo poi, ho cantato per tutto il tempo il ritornello di "Prego" al posto della versione della Brancucci (usando ovviamente l'arrangiamento del film, non quello della versione "pop") e ci sta senza problemi, il labiale di "ME" di welcoME è praticamente una bocca semiaperta quindi "prego" chiude sul corrispettivo di "welco" e il "me" lasciato scoperto passa tranquillamente per una risata muta vista anche l'attitudine allegra di Maui mentre la canta.

La difesa di "Frozen" non esiste, punto. "Love is an open door" non ha proprio capito di cosa parli, tutto quello che lei dice in sua difesa muore nel momento in cui uno le dice che "sandwiches" andava tradotto con una parola a caso e "but with you-with you....-I found my place-I see your face" stessa questione, mentre lei li ha tradotti perfettamente in armonia. E' inutile che insisti. Non c'è sync, sdrucciola o piana che tenga. Sei stata stupida e non hai capito il pezzo. Stessa cosa il finale di "Do you want to build a snowman"; in originale viene insistito fino all'ultimo e la cosa andava TENUTA visto che quel "snowman" a metà film diventa un personaggio vero e proprio (Olaf).

Tutto quello che dice questa donna sono cavolate. Belle e pure. Sinonimo di inadeguatezza al compito da svolgere. Lei ha potuto fare il buono e il cattivo tempo perchè quando è subentrata lei al comando, la Disney "musicale" era praticamente morta ("Mucche" e "Koda" cantano praticamente sempre fuori campo quindi lì adattò in maniera più o meno giusta); già da "Enchanted", la Disney musical è risorta ed ora lei si sta semplicemente dimostrando inadatta al compito. Non ce la fa. Lo sforzo richiesto è tanta intelligenza, creatività, serietà e mestiere. Non ci riesce. Non è in grado. Lo dovrà ammettere a se stessa, un giorno.

Basta. Non la reggo più.
Go to the top of the page
 
+Quote Post
I seguenti utenti hanno apprezzato questo post:
IryRapunzel
messaggio 29/12/2016, 17:25
Messaggio #1698


Gold Member
*******

Gruppo: Utente
Messaggi: 6.148
Thanks: *
Iscritto il: 20/11/2010




CITAZIONE (Daydreamer @ 29/12/2016, 11:36) *
Non si vuole più di proposito troncare le parole, perché suona oggi troppo vecchio alle orecchie dei bambini credo. La Brancucci, ai tempi dell'interivista di Iry, lo disse che non si potevano più troncare ma non ricordo la spiegazione.

Io trovo che questo sia veramente il problema principale di tutta la discussione. Non poter troncare le parole o comunque usare termini ritenuti "arcaici" impoverisce moltissimo la lingua, nonché i tempi verbali che finiscono necessariamente sempre al futuro per via dell'accento. Adesso non dico di tornare a 60 anni fa, però non vedo che problema ci possa essere a usare "far" invece di "fare" o "dì" invece di "giorno". Anzi, sarebbe anche il caso che i bambini imparassero un po' di vocabolario invece che utilizzare sempre le stesse dieci parole. Andare incontro alla giovane età e rendere comprensibile sicuramente sì, ma d'altra parte l'arte non dovrebbe servire anche ad istruire? Se si usa un termine più complicato, tanto meglio!

Chiaramente non è colpa della signora Brancucci, per carità, è un andazzo generale che tende a impoverire la cultura e soprattutto quella destinata ai bambini. Pare che tutto debba essere semplice ed elementare quasi che siano tutti degli imbecilli, per proteggerli da chissà cosa. Booh mellow.gif

(E comunque Maui che dice "non serve/un grazie" quando poteva ripetere "tranquilla/tranquilla" veramente non sarebbe un ritornello eliminato?)


User's Signature

Go to the top of the page
 
+Quote Post
I seguenti utenti hanno apprezzato questo post:
IryRapunzel
messaggio 29/12/2016, 17:30
Messaggio #1699


Gold Member
*******

Gruppo: Utente
Messaggi: 6.148
Thanks: *
Iscritto il: 20/11/2010




CITAZIONE (Logan232 @ 29/12/2016, 16:16) *
Sei stata stupida e non hai capito il pezzo.

Però non esageriamo. Stiamo parlando di una professionista (che ti piaccia o no è irrilevante visto che fa questo lavoro da una vita) che sta spiegando le sue ragioni e il suo metodo di lavoro a un gruppo di ragazzi su Internet, cosa che non è assolutamente tenuta a fare. E lo ha fatto con molta gentilezza e disponibilità nonostante le critiche ricevute. Io condivido le osservazioni che fai sull'adattamento di Frozen, però eviterei questi toni qua.


User's Signature

Go to the top of the page
 
+Quote Post
I seguenti utenti hanno apprezzato questo post:
Arancina22
messaggio 29/12/2016, 17:38
Messaggio #1700


Gold Member
*******

Gruppo: Utente
Messaggi: 17.542
Thanks: *
Iscritto il: 15/10/2009
Da: casa mia




Ragazzi, propongo però di traslocare questa nostra discussione nel topic corrispondente della sezione recensioni, lasciando qui notizie e incassi. wink.gif


User's Signature

Your special fascination'll
prove to be inspirational!
We think you're just sensational,
Mame!
Go to the top of the page
 
+Quote Post
CostanzaM
messaggio 29/12/2016, 17:56
Messaggio #1701


Member
***

Gruppo: Utente
Messaggi: 146
Thanks: *
Iscritto il: 12/1/2015




CITAZIONE (buffyfan @ 29/12/2016, 4:49) *
Bè, questo non centra nulla. All'epoca de La Sirenetta, La Bella e la Bestia ed Il Gobbo, non c'era internet e la facilità di ascoltare le versioni originali che escono quasi sempre prima di quelle italiane. Io nemmeno sapevo vi fossero versioni in inglese quando ero piccolo. Fa parte della globalizzazione, e stiamo diventando tutti un po' più inglesi.

Io che evidentemente sono un po' più vecchia di te, le ho ascoltate prima in inglese fin da "La Bella e la Bestia". Credo di aver trovato una cassetta in un pandoro con "Beauty and the Beast" e "Be Our Guest". Quando ho poi ascoltato "Stia con noi, stia con noi" non ho avuto traumi. Perché non diceva una volta "stia con noi", una volta "qui quo qua" e una volta "mezzodì".

Quanto alla risposta di Lorena... che dire? Mi fa incavolare la storia di "The cold never bothered me anyway". Non sarò espertissima di sync, ma secondo me "il freddo è casa mia" ci stava bene anche sul finale. Ma il punto è che, se in originale il verso è lo stesso, il tuo lavoro consiste nel trovare una soluzione idonea a entrambe le situazioni. Personalmente, preferirei "il destino appartiene a me" entrambe le volte. Al massimo! Si perde l'orecchiabilità, porca miseria!
Il suo esempio di "name" - "nome" secondo lei giustifica anche "dream" - "chiama" in "I've got a dream". Anche lì, tesoro mio, prendi come riferimento la versione in primo piano, col tanto importante sync, e usala in TUTTI i ritornelli.
Poi, scusate, molti di noi sono cresciuti coi cartoni giapponesi che facevano pa-pa-pa-pa... Non credo che nessuno di noi sia in terapia per questo.

CITAZIONE (IryRapunzel @ 29/12/2016, 17:25) *
Non poter troncare le parole o comunque usare termini ritenuti "arcaici" impoverisce moltissimo la lingua, nonché i tempi verbali che finiscono necessariamente sempre al futuro per via dell'accento. Adesso non dico di tornare a 60 anni fa, però non vedo che problema ci possa essere a usare "far" invece di "fare" o "dì" invece di "giorno".

Non sono d'accordo. E comunque dipende dai contesti. Non si può dire "dì" o "parlar" in "That's How You Know" o "So Close", per esempio. O in film in cui, nonostante l'ambientazione fiabesca, si usa un gergo moderno. Personalmente, guardando Frozen in inglese, il gergo lo trovo un po' troppo moderno. Ma questa è un'altra storia.
Poi ci sono parole come "tamburi", che, qualunque sia il gergo e l'ambientazione, non andrebbero troncate MAI. Sì, Centonze, dico a te!
E non dimentichiamo che Travaglio riesce a fare adattamenti splendidi senza ricorrere alle tronche.
Forse Lorena dovrebbe studiarsi l'adattamento di "Il Fantasma dell'Opera". Lì il sync è ancora più evidente perché sono bocche vere. Come ho detto altre volte, il senso generale dei testi è un po' più vago dell'originale, ma metrica, sync, rime e ritornelli sono PER-FET-Ti!
Ma non dimentichiamoci che lei è solo un anello della catena. È stata indubbiamente gentile a rispondere, ma certo non può dire pubblicamente "Morvill vuole così" o "Tizio di DisneyItalia mi rompe il ****" o "avevo scritto un verso perfetto e mel'hanno fatto cambiare, quei maledetti"
Go to the top of the page
 
+Quote Post
I seguenti utenti hanno apprezzato questo post:
theprinceisonfir...
messaggio 29/12/2016, 18:19
Messaggio #1702


Advanced Member
****

Gruppo: Utente
Messaggi: 300
Thanks: *
Iscritto il: 27/9/2013




CITAZIONE (*marta* @ 29/12/2016, 15:39) *
Ma gli incassi come stanno andando?? Io non ricordo più dove controllare..

In Italia piuttosto bene: i 15 milioni di euro sono raggiungibili(non un successo clamoroso, ma comunque da top ten stagionale).
In America malino: 190 milioni per ora, e a fine sfruttamento dovrebbe attestarsi su 240 milioni. Un risultato simile a quello di Rapunzel, tenuta in conto l'inflazione, ma molto peggiore di Frozen(400 milioni),di cui godeva del traino, e Zootropolis(341 milioni).(per non parlare dei Pixar.)
Malissimo nel mercato internazionale: appena 150 milioni rastreallati finora, ma mancano ancora mercati chiave come il Giappone e la Germania, in cui non è uscito,ed altri , come L'Italia, in cui è ancora lontano da terminare l'incasso.
Probabilmente terminerà l'incasso complessivo mondiale intorno ai 600 milioni di dollari: ora è a quota 350 circa. Zootropolis ha superato il miliardo di dollari.

Puoi seguire le vicende del B.O italiano ogni giorno su Cinetel.it, mentre quelle americane e internazionali su Boxofficemojo.com.
Go to the top of the page
 
+Quote Post
ping
messaggio 29/12/2016, 18:49
Messaggio #1703


Gold Member
*******

Gruppo: Utente
Messaggi: 4.578
Thanks: *
Iscritto il: 12/4/2009
Da: isola delle femmine(palermo)




Beh, che i bambini non sappiano dell'esistenza delle versioni originali lo capisco, ma quando andavo alle superiori e ho chiesto alla mia compagna se aveva mai ascoltato le canzoni in inglese, mi sono sentito dire "ma perché esistono?" mellow.gif

Comunque mi fa molto piacere il successo del film in Italia, si vede che gli italiani si sono stancati dei cinepanettoni. smile.gif
Go to the top of the page
 
+Quote Post
IryRapunzel
messaggio 29/12/2016, 19:01
Messaggio #1704


Gold Member
*******

Gruppo: Utente
Messaggi: 6.148
Thanks: *
Iscritto il: 20/11/2010




E comunque io ho visto bambini italiani cantare Let it go, Let it go, non All'alba sorgerò... conoscono la versione inglese invece che quella italiana. lol


User's Signature

Go to the top of the page
 
+Quote Post
I seguenti utenti hanno apprezzato questo post:

77 Pagine V  « < 69 70 71 72 73 > » 
Fast ReplyReply to this topicStart new topic
1 utenti stanno leggendo questa discussione (1 visitatori e 0 utenti anonimi)
0 utenti:

 

RSS Versione Lo-Fi Oggi è il: 19/9/2019, 4:55