Versione Stampabile della Discussione

Clicca qui per visualizzare questa discussione nel suo formato originale

Disney Digital Forum _ Universo Disney _ La dirigenza Disney

Inviato da: Beast il 12/4/2010, 19:25

Apro questo topic per parlare delle strategie societarie della Disney. Credo sia un'idea utile per chi, come me, è interessato a cercare di capire come funzionano i meccanismi interni della compagnia e cosa si inventano i neuroni di Iger eheheh.gif

Partiamo proprio da Bob Iger. Il New York Times ha pubblicato la scorsa settimana un suo ampio ritratto, incentrato sulle sue decisioni in parecchi settori. Visto che ultimamente ci siamo trovati tutti molto in disaccordo con le sue scelte, è un'occasione per capire le sue motivazioni e i possibili scenari per il futuro. E' un po' lungo da leggere, ma ne vale la pena; ho tradotto ed evidenziato in neretto le frasi che mi hanno colpito di più.

Riassunto delle parti in neretto:
Iger viene definito in breve 'Blockbuster CEO' (vi ricordo che il CEO è l'amministratore delegato), quindi capiamo quanto conti la qualità nei suoi piani dry.gif

Frase di Iger piuttosto sinistra sulla ABC, rispondendo ad un azionista: 'Non ci sono garanzie su cosa che rimarrà parte della nostra compagnia e cosa no'. Ma che, adesso mi scarica pure la ABC? Va detto che quest'anno è scesa al quarto posto tra le quattro maggiori emittenti Usa.

Frasi ancora più sinistre, che traduco letteralmente: 'Abbiamo la reputazione di essere innovativi, almeno nel nostro campo, ma penso che possiamo fare ancora meglio'. 'Il bagaglio della tradizione', dice della cultura Disney, 'può rallentarti. Io non ho intenzione di eliminarla (E ci mancherebbe testa di ..., ndt), ma mi piacerebbe ridurla significativamente.'

Rallegriamoci un po' perchè Iger è contento dell'Italia (ma va? Noi però no). E' rimasto stupito quando ha saputo che il programma n.1 sul disney channel nostrano non era Hannah Montana, bensì 'Il mondo di Patty', che lui non aveva mai sentito nominare. E' stato affascinato dal successo avuto e soprattutto dal format, cioè telenovela giornaliera di 50 minuti anzichè singolo episodio settimanale di 25 minuti. Perciò si è fatto subito spedire un dvd con la serie (Ecco dunque cosa fa tutto il giorno nel suo ufficio e perchè si è rimbecillito così tanto eheheh.gif )

Ultima nota: Iger ha messo mano personalmente alla colonna sonora del World of Color, l'attessimo spettacolo di giochi di luce e acqua che debutterà al Disney's California Adventure a giugno (per capirci è l'attrazione più attesa dell'anno a Disneyland). Sembra infatti che le canzoni scelte per lo spettacolo non fossero abbastanza moderne (quindi suppongo che abbia sostituito When you wish upon a star con Best of Both Worlds)


Is Disney’s Chief Having a Cinderella Moment?
LATE February at the world’s largest media conglomerate was a particularly challenging time for Robert A. Iger: problems were sprouting all around him.

On a Friday, staffers gave Mr. Iger, the chief executive of the Walt Disney Company, a 30-minute rundown of final plans for a new multimillion-dollar attraction at the Disneyland Resort. He hated it.

By Monday, a British theater chain had stepped up threats to boycott “Alice in Wonderland” over Mr. Iger’s decision to fast-track the film’s DVD release. And then, at about 1 a.m. on Wednesday, he got an e-mail message: “URGENT: Dancing Mickey.” A new electronic toy, a boogie-woogie Mickey Mouse, had encountered a hiccup, threatening its availability for Christmas.

In each case, Mr. Iger found a solution, sometimes cajoling his people to do more and sometimes intervening more directly. “I like our people to solve problems on their own, and they usually do,” he says later. “But I will do a deep dive if there is a lot at stake or if there are creative challenges.”

Deep is not a word that most people used to describe Mr. Iger when he took control of Disney five years ago. In fact, he was widely dismissed as little more than a stuffed suit who might have had the skills to fix a highly dysfunctional company but lacked creative sizzle or big-picture brilliance to raise its game. His predecessor Michael D. Eisner endorsed him, but faintly — at least according to “DisneyWar,” the 2005 book that chronicled Mr. Eisner’s fall from power.

The new take on Mr. Iger? Let us count the ways: One of the most aggressive dealmakers in media (the $7 billion purchase of Pixar, the animation studio, and the $4 billion acquisition of Marvel, the comic book publisher and movie studio); a risk-taker who isn’t afraid to make decisions that rankle Disney’s own troops (ripping apart the wiring for how the company does business in Europe); and a guy who, more than any of his big-media counterparts, is retooling antiquated industry practice, particularly when it comes to movie-making.

In short: blockbuster C.E.O.

“The spectrum of points of view this job requires is incredible, and Bob is great at it,” says Steven P. Jobs, Apple’s chief executive, who became Disney’s largest shareholder — and a board member — after the Pixar acquisition. He said that the quality of Disney’s products had improved, adding: “The amount of energy and passion at Disney has increased dramatically. The business lines were really in boxes before Bob empowered them.”

Mr. Iger, 58, has wasted little time enacting major changes at Disney. A reorganization of the company’s movie studio last fall brought the departure of over a dozen top managers — including the unit’s popular chairman, Dick Cook. Mr. Iger shocked Hollywood by installing a television executive as his replacement.

Shortly after that, when recession-battered retailers were still cutting back, Mr. Iger went the other way, unveiling an aggressive plan to overhaul the 340 Disney Stores at a cost of about $1 million each. A month later, Mr. Iger had his C.F.O. and the head of Disney’s $12 billion theme park division swap their jobs.

Mr. Iger also isn’t shy about playing hardball to guard Disney’s wallet. It was his call last month to yank ABC’s broadcast of the Academy Awards off of Cablevision to win retransmission payments.

Mr. Iger said in an interview last week that he didn’t feel a need to unload ABC, as some have suggested, but he was less definitive when a shareholder asked at Disney’s annual meeting last month. “There are no guarantees in terms of what will remain part of our company and what will not,” he answered.

As he continues juggling the dizzying number of corporate and financial balls that Disney has in the air at any given moment, Mr. Iger has won over a dedicated group of cheerleaders.

“He’s not constantly trying to show you how smart he is, and that is a very important trait in Hollywood, where you’ve got to rely on talent who consider themselves the center of the universe,” says Warren E. Buffett, the Berkshire Hathaway chairman, who has known Mr. Iger since helping to finance the Capital Cities takeover of ABC in the mid-1980s.

“Bob is the type of guy you want to help,” Mr. Buffett adds. “When he calls I don’t spend time thinking, ‘How do I tell this guy no?’ It’s, ‘How do I tell this guy yes?’ And I don’t feel that way about many people.”

Even Wall Street, that never-satisfied beast, seems newly pleased at Disney’s direction. Net income for Disney’s fiscal 2009 fell 25 percent, to $3.3 billion, as a result of the recession and problems at the movie studio.

But after several notable upgrades from analysts and a nascent recovery at the studio — “Alice in Wonderland” has earned about $675 million at the global box office — Disney’s stock price has perked up in recent weeks. It now trades at $36.22, an 81 percent increase from a year earlier.

“Bob has done the opposite of muddling through,” says Mr. Eisner. “He has managed the company aggressively and been steady in a very stormy time.”

But Mr. Eisner does have some advice: As Mr. Iger continues to mature, he must never “allow arrogance to overpower him like it does many C.E.O.’s.”

Words of wisdom, but easier said than done.

MR. IGER, of course, hasn’t had a perfect reign, and Disney faces some particularly tough challenges ahead.
Some senior executives at the company contend that their precise and deliberate chief waited far too long to put changes into effect at the movie studio, which had hewed to old-fashioned marketing strategies and suffered a string of flops like “Surrogates” and “Confessions of a Shopaholic.”

Disney has big video-game ambitions, spending at least $180 million developing the segment last year alone. But Mr. Iger has at times appeared indecisive about the company’s approach.

The consumer products division argued that it should run video games; the Internet division, already managing online role-playing worlds like Club Penguin (which Mr. Iger bought for about $700 million in 2007), felt that gaming was its turf. First, Mr. Iger ruled in favor of consumer products. Then he reversed his decision, ultimately moving video games to the Internet group.

The Internet group, meanwhile, is emerging as a trouble spot, analysts say. Competitors crow that some recent efforts — like a “Pirates of the Caribbean” online world — have been failures.

So when it comes to online innovation, is Disney really moving fast enough? Mr. Jobs sidesteps that question. “Bob is the most aggressive in his industry,” he says. “Consumer behavior is changing, and Bob gets that more than anybody else.” But is Disney moving fast enough on the Web? “That’s not my place to say,” Mr. Jobs demurs.

The Marvel acquisition has posed its own challenges. Betting that the brooding Marvel characters would deepen its hold on boys — long an area of weakness for Disney — Mr. Iger paid about $50 a share for the company, a 29 percent premium. Some analysts were notably cool to the news. “Over the long run, we suspect this will be viewed as Mr. Iger’s first major mistake as C.E.O.,” wrote a Citigroup analyst, Jason Bazinet, at the time of the acquisition.

Since then, there has been friction between Isaac Perlmutter, the Marvel chief executive who is staying on, and Disney’s consumer products division over how best to integrate two very different approaches.

Hollywood, familiar with Mr. Perlmutter’s penchant for ruling his roost, has started to whisper: Will he turn into Mr. Iger’s version of Harvey Weinstein, the hard-charging Miramax co-founder who caused Mr. Eisner so many headaches after Disney acquired the little studio? Mr. Perlmutter declined to be interviewed.

Disney is a huge company, with more than 140,000 employees spread over businesses as disparate as ESPN and time-share condos. All of this brings the company $36 billion in annual revenue and a market capitalization of about $70 billion. So new headaches are a daily event.

Mr. Iger constantly has to contend with the big-picture questions, like how people will consume media in the future and how a mature, enormous company grows. But it’s the middle-tier stuff that can become time-consuming.

ABC, for instance, has fallen to fourth place among the Big Four broadcast networks (third place, in front of NBC, if you exclude sports). Disney’s animation studio is still struggling despite improvements made by the Pixar brain trust. And its Winnie the Pooh character, which delivers $5 billion annually in retail sales, is showing some wear and tear, and efforts to return the character to prominence, notably a Disney Channel show, have failed.

Disney and Mr. Iger dispute much of this criticism, particularly when it comes to Marvel. “Ike’s been great,” Mr. Iger says of Mr. Perlmutter. “The integration has gone well, and the potential has exceeded my expectations.” In terms of video games, Mr. Iger said he had concluded that gaming of all kinds should be managed in a cohesive way by the Internet group, adding that the company’s approach to the business continues to evolve.

But he also says there is another crucial issue on his fix-it list.

“We get credit for being innovative, at least in our space, but I think we can be even better,” he says over breakfast at the Lanesborough hotel in London. He complains that in-house lawyers can at times be overly aggressive, that instead of simply advising business units, they are too often making decisions.

“The baggage of tradition,” he says of Disney’s culture, “can slow you down.”

“I’m not going to eliminate that,” he added, “but I’d like to reduce it significantly.”


MR. IGER started his media career in 1972 as the host of “Campus Probe,” an Ithaca College television show. He dreamed of becoming a news anchor but got a job as a weatherman instead. Realizing that he wasn’t very good at it, he took a production job in 1974 at ABC, where he says his first boss informed him that he was “unpromotable.”

He quickly found another job inside the network and sped up the ranks. In 1985, when he was vice president of sports programming, Capital Cities Communications bought ABC — a takeover that ended up shaping his business philosophy. The new owners took a relaxed approach, preserving ABC’s culture and approaching integration with respect and patience.
The positive lessons from that experience — and some from Disney’s own eventual acquisition of Capital Cities-ABC — helped Mr. Iger woo the Pixar camp, rebuilding a relationship damaged by repeated clashes between Mr. Eisner and the animation studio.

Corporate courtship, it turns out, is one of Mr. Iger’s specialties. He used the same skills to win over Mr. Perlmutter in striking the Marvel deal. (For a long time, Disney couldn’t even get a meeting with Marvel.)

In November, Mr. Iger secured the Chinese government’s approval to build a Disney World-style theme park in Shanghai, realizing one of Disney’s longtime goals.

And, last year, Mr. Iger played a star role in luring Steven Spielberg to the Magic Kingdom. Mr. Spielberg’s company, DreamWorks Studios, will release its films through Disney starting early next year.

Mr. Iger, who is married to the television journalist Willow Bay, dislikes pomp and circumstance. Often waking at 4:30 a.m., he drives himself to work and coaches his son’s basketball games on weekends.

He has always exhibited a casual charm. When he graduated from high school in Oceanside, N.Y., he was voted both “most enthusiastic” and “friendliest.” Told that he had to pick one, he went with the first. (A more recent claim to fame: WowOWow.com, a site created and run by Whoopi Goldberg and 15 friends, chose him as one of the 10 sexiest businessmen over 50.)

Stacey Snider, the chief executive of DreamWorks and a partner in it with Mr. Spielberg, says Mr. Iger’s likability had little to do with her boutique studio’s decision to align itself with Disney. Ms. Snider says that what really mattered was Mr. Iger’s enthusiastic embrace of the changes washing across the film industry: pushing for shifts in how DVDs are released, recalibrating marketing spending from old media to new, building movies around brands and franchises.

“In a very competitive landscape, you need to be with the sharpest, most forward-thinking, most risk-taking people you can,” says Ms. Snider. “Bob’s approach is, ‘How do we make the 22nd-century version of a media company?’ ”

Quite a few people in Hollywood think that Mr. Iger’s all-or-nothing approach at Walt Disney Studios may be too much too quickly. But Ms. Snider disagrees. “This is a legacy business,” she says with a sigh, “and whenever someone challenges that legacy, you have pushback.”

DISNEY’S approach to changes in Europe is classic Bob Iger: watch, learn, wait, pounce.

About a decade ago, when Mr. Iger directly oversaw international operations, he was charged with increasing per capita spending on Disney products, whether movies or bed sheets, in various countries in Latin America. He decided, essentially, to make the region autonomous. Decisions about how best to market Mickey to Argentina or what Disney Channel programs made sense in Brazil would no longer come only from headquarters in Burbank, Calif.

The experiment was a huge success, but Mr. Iger worried that replicating the structure elsewhere — namely, in a giant market like Europe — would be too radical. Until last spring.

Disney, preoccupied with emerging markets, had come to view Europe as a mature part of its business. But Mr. Iger, who has made international growth a priority, decided that adopting a more nimble operating structure in the region could unlock more value. He drastically reorganized European operations, using Latin America as a blueprint.

Some senior executives in Burbank, digesting the news that they had just lost oversight of an enormous portion of their portfolio, were miffed. Mr. Iger acknowledges some internal unrest but says it has dissipated. “I do think it’s working,” he says. “I sense a big change in the speed of decision making and the strategic focus.

“Burbank has gone from support, interest and curiosity to dread, fear and ‘oh my goodness’ to now, I think, acceptance,” he adds.

In late February, Mr. Iger flew to London for a progress report. In one 90-minute meeting at Disney’s sleek Hammersmith office tower in London, Mr. Iger — in shirt sleeves, his hands folded behind his head — listened intently. The presentations focused on Disney Channel plans in various European countries and how specific markets were weaving Facebook into their marketing strategies.

Of the 35 managers at the meeting, about half had been given new titles and responsibilities within the last few months.

Mr. Iger peppered his team with questions about Italy, a country that marked Disney’s arrival in Europe in the 1930s with a children’s magazine, Topolino, that featured Mickey Mouse. He wanted to know why the No. 1 program on Italy’s Disney Channel wasn’t a franchise like “Hannah Montana” but a program he had never heard about before — “Il Mondo di Patty,” a telenovela-style program for children about an Argentine girl. Local programmers had decided to give this inexpensive show a shot — and they hit pay dirt.

Most children’s shows are 30 minutes, run weekly and have single-episode storylines. Telenovelas are daily soap operas with evolving plots. Mr. Iger was intrigued by the format, and an animated conversation ensued about what other markets — including the United States — might be ripe for such a series.

“It’s important that Disney’s products are presented in ways that are culturally relevant,” Mr. Iger says, happy that the Italian Disney Channel was experimenting with different genres. He asked an assistant to send a DVD of the series to his office.

Next up was a report about a new ad-buying system, called Disney Media Plus, that was successful in Latin America and was moving to Europe. Essentially, the system allows advertisers to tailor their marketing to demographics — say, teenage girls in France — across multiple Disney businesses.

“It should work pretty well,” says the person making the presentation.

“It should?” Mr. Iger asks with grin.

“It will,” the manager responds.

THE next morning, Mr. Iger is relaxed — or as relaxed as a perpetual motion machine ever is. And the three problems that engulfed him over the last few days had been solved.

That Disneyland attraction, a high-tech water show set to music called World of Color (think the Bellagio fountains in Las Vegas on steroids), was being reworked. He felt that the attraction over all was outstanding, but he worried that the music was all wrong. So he had written notes about each song on how to make the show more modern.

“Ninety-five percent of the decisions made at the company are made by other people,” he says. “But this is a big show, and I felt opportunities were being lost.”

The standoff with Odeon Cinemas, the theater chain threatening to boycott “Alice in Wonderland,” was over; Mr. Iger had paid a personal visit to Odeon’s chief executive to explain Disney’s position on the DVD release.

Even Dancing Mickey had become a distant worry; the manufacturing difficulty had proved to be a false alarm.

So Mr. Iger takes a rare morning off. He goes to a small museum housing Winston Churchill’s bomb-proof, World War II bunker, and receives a private tour from Churchill’s granddaughter. He touches the maps hanging on the walls and sits in Churchill’s chair.

This is a treat: Churchill is one of Mr. Iger’s heroes. When Mr. Iger was 12, a family friend carved a wooden figurine of the prime minister for him, and it still sits prominently on his desk.

“Churchill balanced heritage and innovation,” Mr. Iger says later, at the black-tie premiere of “Alice in Wonderland.” “There are big lessons in that for Disney. Our brand is so powerful because of our heritage. But you’ve got to innovate, and not just in terms of what is new today but what will be new far into the future.”





Inviato da: Beast il 15/4/2010, 17:16

Disney chiuderà la Lyric Street Records, una sua etichetta musicale, per risparmiare i costi. Saranno licenziati 20-25 dipendenti. I catanti sotto contratto, tra cui i Rascal Flatts, saranno trasferiti ad altre etichette Disney (suppongo la Hollywood records)

Inviato da: Wendy86 il 15/4/2010, 20:36

no comment....che dire.....sconvolta ero e sconvolta resto!!!!

Inviato da: Donald Duck il 20/4/2010, 20:07

Ha preso in considerazione il successo de "Il Mondo di Patty"! O_O
Oddio che situazione imbarazzante.....

Inviato da: Beast il 21/4/2010, 11:55

Blue Sky Disney riporta che Ross ha convocato una conferenza stampa domattina per parlare dei futuri film Walt Disney Pictures. Finalmente sapremo qualcosa di più preciso sui suoi programmi! Io mi preparo al peggio eheheh.gif

Inviato da: Beast il 22/4/2010, 11:05

Si completa il quadro della squadra di Ross con una nomina fondamentale: il capo del marketing. Questo ruolo è stato affidato a MT Carney (è una donna). La Carney non ha mai lavorato nell'ambiente cinematografico, ma ha nel curriculum una grande esperienza in comunicazone globale e nei nuovi media. Da parte mia i migliori auguri di buon lavoro (ma se non fai una buona campagna promozionale per Raperonzolo vengo lì e te le suono eheheh.gif )

Comunicato ufficiale:

THE WALT DISNEY STUDIOS NAMES MT CARNEY PRESIDENT OF MARKETING

Award-Winning Co-Founder of Integrated Communications

Planning Firm to Lead Global Marketing Team

BURBANK, Calif. – April 21, 2010 – Rich Ross, chairman of The Walt Disney Studios announced today that MT Carney has been named President of Marketing for The Walt Disney Studios. Carney will oversee all aspects of worldwide marketing and distribution, including all creative, media, online development, publicity, promotions and synergy for motion pictures released under the Walt Disney Pictures (including Walt Disney Animation and Pixar Animation) and Touchstone Pictures banners.

“MT represents a unique type of marketing executive – she has built global teams, can market a product across multiple platforms and has firsthand knowledge of new media and its effectiveness in reaching consumers,” said Ross. “Just as we have looked at ways to restructure how we create and distribute our movies, we also needed to hire someone like MT, who can lead our incredibly creative global marketing teams and ensure that our films reach audiences around the world.”

Carney and her partners co-founded Naked NY, the world’s leading communications planning firm in 2006, creating strategic plans for large diverse groups of worldwide clients including Coca-Cola, Kraft, Johnson & Johnson, Google, Microsoft and Nokia.


Il commento di Nikki Finke:

I've just confirmed the name with Disney. Drumroll, please: it's MT Carney, the Scottish-born co-founder and owner of Naked Communications, a NYC-based media planning and strategy that specializes in viewing the new marketing landscape from a global perspective, and former Ogilvy worldwide planning director from 2003-2006. Clients at her Naked company (whose motto is "The Agency Model Stripped Naked") included Coca-Cola, Nokia, and NBC. Her appointment follows an exhaustive 5-months-long search and was going to be announced Thursday when Disney Studios boss Rich Ross has scheduled a dog-and-pony show for the press for him and perhaps his No. 2 Sean Bailey to discuss Disney's movie plans under the new regime. (Even though it has not greenlighted a movie yet.) But back to Carney, who according to the latest plans won't appear at Thursday's presentation to the media.

Much has been made of the fact that Ross wanted to hire a marketing boss outside of the movie business. That caused a ton of grumbling within Hollywood where movie marketing has always been seen as a specialized skill set carried out by an elite clique of veterans. Many marketers called me to complain Ross is arrogant on the subject. But one of my Disney sources insists that "Rich looked both inside and outside the biz, and spoke to movie marketing and non-movie marketing people."

What Ross wanted was "somebody who could handle the strategy of releasing films as well as home entertainment in order to ensure very strong marketing throughout the life of the product."

I've learned Ross and his headhunter, the NY- and LA-based executive search firm ML Search, spoke to inside Hollywood candidates, but many were already under contract, as well as outsiders at companies including Microsoft and Burger King. (Hmm, years ago, Disney hired Burger King guy John Cywinski, and Warners hired Brad Ball from MacDonalds. Both didn't last.) Finally, Ross whittled down the candidates to a group of finalists who went before a "committee" (more like a gauntlet) of Disney executives and creatives like DreamWorks CEO Stacey Snider and Disney mega-producer Jerry Bruckheimer and Sean Bailey, the newly named head of production at the Disney movie studios. (Marvel's Kevin Feig and Pixar's Jon Lasseter were not part of the panel, though Jon had input as he does in most everything.)

Carney stood out because "she was someone who Rich felt understood strategy and creative," a source tells me. "Also, she's Scottish and worked in the UK and U.S., so she understood the global marketplace as well as domestic."

Carney is known for giving provocative speeches and pitches with the theme that "it’s time to re-think how products, services and brands are connected to their consumers". Her view is that many traditional ad agencies are unable to adapt with the changing landscape of marketing and communications. One account I read said her firm, Naked, has "positioned itself as a pure (or nearly pure) strategy group, not touching the creative or media (in most cases.) Naked works both directly with clients and as an adjunct to some well known agencies to fill those gaps particular to specific brands, audiences and situations."

Her phraseology includes "Mapping The Customer Journey", "Four-Dimensional Storytelling", and "Fleet Of Foot, Pure Of Heart". She is described in the ad press as "bright and personable", also "tremendously insightful", with a heavy Scottish accent.

Her job at Disney primarily will consist of "balancing multiple clients" who put movies into the Disney pipeline -- Pixar, Bruckheimer, DreamWorks (not until 2011), and Marvel (in 2012). Ross feels he already inherited a strong marketing team -- after all, 3D Alice In Wonderland is closing in on $1 billion worldwide grosses -- so didn't need that kind of redundancy in Carney. "She's smart and thinks broadly," a source tells me. "She also loves movies."

Inviato da: Scrooge McDuck il 22/4/2010, 16:16

Quindi questo topic serve per scrivere offese di ogni tipo giusto?
A parte gli scherzi, quello che ho letto fin'ora mi ha solo depresso....vabbè, pazienza...incrocio le dita..

Inviato da: Beast il 22/4/2010, 16:21

CITAZIONE (Scrooge McDuck @ 22/4/2010, 16:16) *
Quindi questo topic serve per scrivere offese di ogni tipo giusto?

Non volevo dirlo, ma in effetti è così eheheh.gif

CITAZIONE (Scrooge McDuck @ 22/4/2010, 16:16) *
A parte gli scherzi, quello che ho letto fin'ora mi ha solo depresso....vabbè, pazienza...incrocio le dita..

Quoto

Inviato da: cartoni il 28/4/2010, 11:46

Francamente la scelta del capo marketing è un ottima scelta. Non so bene per quale motivo ma a parte alcune scelte (Tangled,Miramax, Imagemovers, Lyric Street) l'operato di Ross è eccezionale. Sta mettendo alla prova nuovi talenti. Ma essendo un periodo di crisi sta cercando di ridurre i costi anche chiudendo Imagemovers e Lyric Street. Io per ora continuo ad osservare. Vediamo cos'altro verrà fuori.

Inviato da: nunval il 28/4/2010, 15:21

Sull' eccezionale ho MOLTI DUBBI...

Inviato da: GasGas il 28/4/2010, 15:25

CITAZIONE (cartoni @ 28/4/2010, 11:46) *
Francamente la scelta del capo marketing è un ottima scelta. Non so bene per quale motivo ma a parte alcune scelte (Tangled,Miramax, Imagemovers, Lyric Street) l'operato di Ross è eccezionale. Sta mettendo alla prova nuovi talenti. Ma essendo un periodo di crisi sta cercando di ridurre i costi anche chiudendo Imagemovers e Lyric Street. Io per ora continuo ad osservare. Vediamo cos'altro verrà fuori.

azz e le chiami "alcune scelte"? che altro dovrebbe fare????chiudere i walt disney animation studios? succede la stessa cosa che succede qui con il cinema italiano: attori di cabaret che fanno gli attori cinematografici con risultati la maggior parte delle volte più che penosi! alla disney tutta gente che viene dal settore televisivo sta facendo i capi nel settore cinematografico che non gli compete proprio, a partire dall'infimo ross e concludendo con questa nuova Carney al marketing!!!....inizio ad associare questo ross al nostro "caro" presidente del consiglio sick.gif votate mara carfagna sindaco di napoli sick.gif sick.gif sick.gif sick.gif sick.gif sick.gif

a me questa nuova direttrice di marketing non mi fa stare tranquillo....non so perchè ma è una sensazione....e se facesse in modo che il nome tangled valga per tutto il globo? post-6-1111346575.gif tremo solo all'idea!!! post-6-1111346575.gif post-6-1111346575.gif post-6-1111346575.gif post-6-1111346575.gif

Inviato da: Beast il 28/4/2010, 16:56

CITAZIONE (GasGas @ 28/4/2010, 15:25) *
a me questa nuova direttrice di marketing non mi fa stare tranquillo....non so perchè ma è una sensazione....e se facesse in modo che il nome tangled valga per tutto il globo? post-6-1111346575.gif tremo solo all'idea!!! post-6-1111346575.gif post-6-1111346575.gif post-6-1111346575.gif post-6-1111346575.gif

Pensa positivo! laugh.gif

Inviato da: cartoni il 29/4/2010, 13:08

QUOTE (GasGas @ 28/4/2010, 15:25) *
azz e le chiami "alcune scelte"? che altro dovrebbe fare????chiudere i walt disney animation studios? succede la stessa cosa che succede qui con il cinema italiano: attori di cabaret che fanno gli attori cinematografici con risultati la maggior parte delle volte più che penosi! alla disney tutta gente che viene dal settore televisivo sta facendo i capi nel settore cinematografico che non gli compete proprio, a partire dall'infimo ross e concludendo con questa nuova Carney al marketing

forse ho esagerato un po', diciamo che è comunque più di quanto mi aspettassi dalla persona che ha guidato il Disney Channel negli ultimi 5 anni. Non so quanto duri il suo contratto ma se la situazione prenderà una brutta piega se ne accorgeranno no? ( O almeno lo spero...)

Inviato da: Beast il 29/4/2010, 15:21

CITAZIONE (cartoni @ 29/4/2010, 13:08) *
forse ho esagerato un po', diciamo che è comunque più di quanto mi aspettassi dalla persona che ha guidato il Disney Channel negli ultimi 5 anni. Non so quanto duri il suo contratto ma se la situazione prenderà una brutta piega se ne accorgeranno no? ( O almeno lo spero...)

Per me è difficile giudicare Ross riguardo ai film, visto che non ne ha ancora annunciato uno 'suo'. Tutte le produzioni attuali sono progetti approvati da Cook, perciò aspetto di capire verso cosa si orienterà il nuovo corso.

Inviato da: cartoni il 3/5/2010, 18:03

Alla fine su Ross ho fatto un riepilogo generale:
WALT DISNEY MOTION PICTURE GROUP
nel management ha dato spazio a molti "giovani" e mi sembra una buona scelta, bisogna solo vedere cosa faranno. Per il resto non ha ancora dato il via a nessun film, con tangled ha fatto una scelta diciamo discutibile e la scelta di chiudere e vendere la Miramax, che era sotto la protezione di Cook non è un gran che, ha anche chiuso l'Imagemovers Digital ma sembra che Zemeckis e i suoi colleghi continueranno a produrre film in stop motion per Disney. L'unica differenza è che Disney risparmierà i soldi di gestione degli studios.
DISNEY THEATRICAL GROUP
Per ora nulla
DISNEY MUSIC GROUP
Chiusa la Lyric Street.
E' un operato che potremmo definire discreto, non eccezionale scusatemi.

Inviato da: Teo il 3/5/2010, 18:20

CITAZIONE (cartoni @ 3/5/2010, 17:03) *
E' un operato che potremmo definire discreto, non eccezionale scusatemi.

Mah, io direi anche molto deludente e discutibile! Dubito che qualcuno lo definirebbe eccezionale!

Inviato da: Scrooge McDuck il 13/5/2010, 14:45

Io non sono daccordo su un fatto: non si può dire che si chiudano degli studi a causa della crisi, è una cavolata, perchè nel periodo orrendo in cui ci troviamo, con una crisi mondiale che non passa e durerà ancora chissà per quanto, il mondo del cinema è l'unico che ancora funzona, e funziona davvero tantissimo.
Ok, certo, è la Disney, e la Disney punta a risultati altissimi (dal punto di vista del guadagno) ma perchè chiudere di botto l'Imagemovers Digital dopo un solo film? aspetta un attimo, guarda che tipo di storie possono piacere anche al pubblico, prova a sperimentare nuovi modi di parlare il linguaggio del cinema, non fa bene a nessuno continuare solo sui Disney Channel Original Movies, non fa bene alla Disney perchè perde credibilità, ma soprattutto non fa bene alla cultura cinematografica. Pensiamo all Pixar, pensiamo a quanto ha dato al mondo del cinema negli ultimi 20 anni, perchè possono farlo solo loro (che diciamocelo, sono si parte della Disney, ma sono in realtà un mondo a se stante, e speriamo resti così per sempre)? Se WallE o Up avesse incassato quanto una Princpessa e il ranocchio, ci scommettete che avrebbero detto alla Pixar di fare film scemi alla Madagascar?
Se si continua così il cinema Disney diventa inspido e banale, diventa un piattume.
Perchè sbarazzarsi dell'unica etichetta che ti ha fatto vincere degli oscar negli ultimi anni? una Meryl Streep che ti recita ne Il dubbio, la chiami per fare la preside in High School Musical 4???
Nomi altisonanti come Jhonny Deep o Tim Burton possono funzionare una, due o tre volte, ma poi fine, e anche il guadagno che tanto desiderano se lo scordano poi...
E' questo che mi da da fare, che riducano lo spazio e le possibilità alla creatività, solo questo

Inviato da: Beast il 8/9/2010, 11:45

La Disney sembra già aver diminuito la sua fiducia nella Carney, molto criticata per la campagna di marketing dell'Apprendista Stregone. Fa discutere in particolare lo slogan: 'The coolest job ever', scelto personalmente dalla Carney, la quale lo ha voluto scritto su ogni singolo pezzo di materiale promozionale. Secondo molti (pare anche il regista Turteltaub) nessuno andrebbe a vedere un film che parla di lavoro, tantomeno un bambino. Sarebbe come aver pubblicizzato Potter con 'Harry Potter goes to the coolest school ever'.
Molti puntano il dito contro Ross, reo di aver posizionato in un ruolo chiave una dirigente che non conosce questo genere lavoro nè quello dei suoi dipendenti.
Bruckheimer, in particolare, si è lamentato perchè i suoi due film di quest'anno sono usciti proprio durante il passaggio di testimone a capo del reparto marketing e ha richiesto qualcuno che avesse grande esperienza in materia, che è proprio ciò che manca alla Disney. Da qui nasce l'idea della Disney di assumere una consulente esperta, Valerie Van Galder, per gestire il lancio del prossimo Pirati dei Caraibi.

L'articolo dell'Hollywood Reporter:
Disney hires new marketing guru for 'Pirates 4'
Valerie Van Galder will guide campaign for studio

Disney has taken the unusual step of hiring veteran consultant Valerie Van Galder to handle the marketing of the fourth movie in its flagship film franchise, "Pirates of the Caribbean: On Stranger Tides."
Considering its importance, the move is likely to be perceived in the industry, fairly or not, as a sign that Disney lacks full confidence in marketing chief M.T. Carney, a newcomer to the movie business. Disney has had a tough summer with live-action films, with two of its disappointments -- "Prince of Persia: The Sands of Time" and "The Sorcerer's Apprentice" -- produced by Jerry Bruckheimer.
"She came to the party late," Bruckheimer told THR. "I had two movies that got caught between two regimes, and the movies suffered."
Asked for comment, Disney issued a statement from Carney: "Val was one of the first people I met when I arrived, and in subsequent conversations, I've been impressed with her business savvy and diverse background. I'm thrilled she accepted my invitation to lend her talents on this important franchise. I'm committed to working with her and other innovative professionals as we continue to build out our world-class marketing organization."
The studio declined further comment.

The first two "Pirates" sequels were global blockbusters: 2006's "Dead Man's Chest" made $1.06 billion worldwide, and 2007's "At World's End" made $960 million. "Tides," which opens in May, is expected to do a billion with a marketing spend of north of $60 million.
Bruckheimer wanted an experienced hand to market his next film, and experience is in short supply in Disney's marketing department.
"I think it's a smart move on Disney's part," he said of hiring Van Galder. "She's a seasoned veteran, and she's very smart."
However, Bruckheimer has told associates that hiring Van Galder was Disney's idea.
After Disney CEO Robert Iger pushed out longtime studio chief Dick Cook a year ago, he replaced him with Rich Ross, a cable executive with no film experience, and Ross hired Carney to run marketing. Carney was a partner in Naked Communications and also had no film experience. Meanwhile, the studio purged many seasoned staffers.
Some sources close to the studio expressed sympathy about Carney's predicament.
"You're throwing her into an impossible situation," a former Disney executive said. "She not only doesn't know the job but doesn't know the jobs of the people below her. And worst of all, [Ross] gutted the place. ... She's been given an opportunity that is like 100 pounds of manure in a bag, and she's being told, 'You can do it because you know media.'

Another source with close ties to the studio echoed that idea and said that hiring Van Galder wasn't necessarily a slap at Carney.
"I think it was, 'You don't have a team that's deep enough,' " the source said. "She understands that. She's not the one who undid the department."
Some observers have been especially critical of the marketing for "Sorcerer's Apprentice," which opened to $17.6 million in July. A source involved with the project said it was clear weeks before the film's bow that it was in trouble.
"You need a lot of experience to start off on the right foot and to be quick on your feet and change when things aren't going right," the insider said. "The studio doesn't have either of those things."
Bruckheimer held back from laying the blame directly on Carney.
"These campaigns are done eight months, a year in advance," he said. "It's hard to point the finger other than the fact that they lost the head of marketing and the head of the studio."
Sources were especially critical of Carney's role in crafting the tagline for "Sorcerer's Apprentice": "It's the coolest job ever."
"She was responsible for one of the hall-of-fame worst taglines ever for 'Sorcerer's Apprentice,' " the former Disney executive said. "She not only wrote it but insisted that it be in every piece of material. I've never seen a movie sell because it's about a job."
A source close to the production says director Jon Turteltaub argued to no avail that the tagline was the equivalent of selling a Harry Potter film by saying, "Harry Potter goes to the coolest school ever."
"No one wants to see a movie about a cool school, and no one wants to see a movie about a cool job -- especially if you're 11," the source said.
Turteltaub said he doesn't blame the tagline or any particular marketing decision for the movie's performance.
"They've owned up to anything that they know didn't go well," he told THR about the Disney marketing department. "It's a learning process on every movie. Who's to say whether it would have performed differently with a different marketing campaign? In hindsight, everybody gets very clever."
Carney did not try to pretend that the campaign was a success: After the movie opened, she sent Turteltaub an e-mail suggesting that he probably had a Scottish doll that he was sticking with pins (Carney is from Scotland).
"Sorcerer's Apprentice," which cost at least $160 million to produce, has generated about $175 million globally to date.
Another exec with ties to Disney said the jury isn't in yet on Carney.
"So far, she is bright and not political," the observer said. The tagline on "Sorcerer's Apprentice" "may not have helped the movie, but it wasn't its death knell."
Bruckheimer was circumspect.
"You never know," he said. "You don't know if it's the tagline. ... It's a delicate thing, how you release a film."

Inviato da: Scrooge McDuck il 9/9/2010, 12:25

Secondo me non possono lamentarsi solo di un prodotto pubblicizzato male, il che personalmente credo comunque che sia successo per questi due film, però è anche vero che se il film merita davvero il passaparola è positivo, invece in entrambe le situazioni i film sono usciti in fretta dalla top10. Penso che uno dei problemi, soprattutto per L'Apprendista, ma anche per Persia, sia stato un budget eccessivamente alto, per film comunque molto incerti. Poi fanno discorsi del tipo "riduciamo il budget ai Pirat4, perchè ultimamente i film cosano troppo". Cioè, si preoccupano del budget di un film come Pirat4, che ha una fan-base come poche saghe, e spendono 200 milioni (e poi e poi...) per Prince of Persia? bha.....
A questo aggiungiamoci che Bruckheimer ha un pò perso credibilità negli USA, e la frittata è fatta

Inviato da: Beast il 24/9/2010, 10:57

Si è dimesso il capo del Disney Interactive Media Group, che si occupa di tutti i siti Disney. Le dimissioni arrivano dopo un anno in cui c'è stata una forte perdita (65 milioni di $).

The Disney Blog:

Steve Wadsworth, president of the Disney Interactive Media Group, resigned from his post on Thursday. DIMG generally over sees Disney.com and Disney’s Online Games. The division recently reported a lost of $65 million. But it’s hard to know exactly what that means with Disney’s unique in-house accounting methods.

Apparently John Pleasants, President of the recently acquired company Playdom, is a leading candidate to replace Wadsworth. Playdom is a social gaming platform. One of their games, Social City, just rolled out some Disney theme park icons as part of the game. (It’s addictive, trust me.)

Trouble in this division is the last thing Bob Iger needs. He’s placed a lot of the company’s eggs in the internet basket. Unfortunately, the eggs cracked to omelettes made ratio is looking really poor right now. Leadership from someone with a firm understanding of how social media fits into the fabric of the company’s projects would be a good thing.


http://mediadecoder.blogs.nytimes.com/2010/09/24/disneys-internet-chief-resigns/



Inviato da: cartoni il 28/9/2010, 8:53

In effetti la divisione perdeva soldi a palate...e tra l'altro non è tra le migliori aziende del settore.

Inviato da: GasGas il 29/9/2010, 20:11

forse tra un po' anche ross se va a quel paese smile.gif

Inviato da: veu il 29/9/2010, 22:07

Beh ma Ross non c'entra nulla (purtroppo... era meglio se se ne andava a casa e ci lasciava Snow Queen)...

Inviato da: Beast il 4/10/2010, 14:52

Iger ha nominato due co-presidenti per Disney Interactive Media Group.

Da The Disney Blog:

As expected Disney CEO Bob Iger named John Pleasants to the post of president of the Disney Interactive Media Group. A bit of a surprise, Iger also named James Pitaro Co-president. Pleasants joined Disney when his company Playdom was acquired a few months ago. Pitaro joins Disney from Yahoo! Inc. where he was Vice President and Head of Media. (This is where I make some snarky joke about Yahoo! Inc.) This move effectively splits the unit where it is hoped focus can grow the division.

“Our rapidly growing Disney digital businesses will benefit greatly from the deep experience and distinct leadership skills shown by John and Jimmy,” Iger said. “John has shown incredible agility and skill in helping companies achieve success in the ever-shifting digital games business, while Jimmy has vast knowledge of the online world and has been hugely successful at creating and building audiences around branded online content.”

“Both have outstanding track records in anticipating trends and delivering to consumers creative, innovative and successful experiences and products,” Iger added. “As Co-Presidents, I’m confident they will make Disney’s digital content and businesses even more robust and successful.”

Inviato da: cartoni il 4/10/2010, 18:29

Strana decisione. Io speravo anche promuovessero il fondatore di Club Penguin. A quanto ho sentito ci sa fare.

Inviato da: Beast il 21/1/2011, 18:42

L'annuncio che Steve Jobs prenderà nuovamente una pausa per motivi di salute (da parte mia auguri di pronta guarigione!) ha lasciato incertezza sulla direzione delle due società di cui è azionista di maggioranza. Tutti i media si sono affrettati a precisare che manterrà la carica di CEO di Apple, ma nessuno si è curato della Disney. Oggi Nasdaq.com conferma che Jobs resterà anche nel consiglio di amministrazione della Walt Disney Company.

Steve Jobs is expected to remain on the board of the Walt Disney Co. (DIS) despite the health issues that prompted him to take a medical leave as chief executive of Apple Inc. (AAPL), according to a person familiar with the matter.

Jobs, who is also retaining his board seat at Apple, became by far the largest shareholder in Disney when the media giant acquired Pixar Animation Studios in 2006. As a result of that deal, he owns about 7% of Disney and is a director at the company.

Jobs's role at one of the world's largest media and entertainment conglomerates has prompted speculation and intrigue as the rise of digital communications has provided an opening for Apple and other tech heavyweights to infiltrate businesses like music and television, challenging traditional media titans like Disney.

Some have attributed Disney's early willingness to embrace certain digital distribution platforms to the influence of Jobs.

Jobs's latest departure from Apple due to health issues marks the third time in the past decade he has been forced to step back from his role at Apple. He took a leave in 2004 when he had surgery to remove a tumor in his pancreas and then again in the first half of 2009 for the liver transplant.

Inviato da: Beast il 1/2/2011, 17:35

Cambio della guardia a capo della distribuzione globale, Chuck Viane va in pensione dopo 25 anni, sostituito da Dave Hollis.
Il comunicato ufficiale:

BURBANK, Calif. – January 31, 2011 – Chuck Viane, president of Global Distribution for Walt Disney Studios Motion Pictures, announced today that he will retire in July after 25 years with The Walt Disney Company.

“Chuck is one of the most knowledgeable and savvy individuals in the film industry,” said Rich Ross, chairman of The Walt Disney Studios. “Throughout his distinguished career at Disney, he has proven himself to be a rare legend, deeply respected by those who have had the privilege to work with him here as well as by exhibitors and colleagues around the world.”

Coming from the exhibition arm of the industry, Viane joined Disney in 1985 and has helped shepherd the Studio’s distribution operation through rapidly changing technological and economic times, including significant international expansion. As a result, the Studio’s distribution arm reached the domestic billion-dollar plateau 13 times during his tenure, setting the stage for the Studio in 2010 to become the first to have two billion-dollar earners in the same year, with Alice in Wonderland and Toy Story 3.

“Being on the front lines at Disney over such an exciting period in the film industry has been an extraordinary experience. I’ve worked on the best projects, I’ve worked with the best people and I’m proud of the things we’ve accomplished together,” said Viane. “Now I’m looking forward to watching my grandkids grow – and maybe getting to sleep in on Sunday mornings.”

The Studio is pleased to announce that Dave Hollis has been promoted to executive vice president, Theatrical Exhibition Sales and Distribution. He will work closely with Viane over the next five months to transition oversight of the theatrical distribution function. Viane will stay on as a consultant through the middle of next year and a replacement for Hollis will be named at a later date.

“I’ve had the pleasure of watching Dave’s career thrive here at Disney and I know I am leaving the team in very capable hands,” added Viane.

A 10-year Disney veteran, Hollis was most recently senior vice president of Distribution for Walt Disney Studios Motion Pictures International, where he was responsible for the sales and distribution operation across 70 countries, for all motion pictures released under the Walt Disney Pictures, Disneynature, Marvel and Touchstone Pictures banners. In his new role, Dave will assume responsibility for global sales and distribution of The Walt Disney Studios motion pictures, including North America and international markets. He will report directly to Bob Chapek, president of Distribution for TWDS.

Inviato da: Beast il 7/10/2011, 20:53

Oggi notizie molto importanti: Bob Iger lascerà il suo incarico di presidente e amministratore delegato il 31 marzo 2015, lasciando poi la Walt Disney Company nel 2016, dopo appena 10 anni in carica. Nel 2015 dovrà essere nominato il successore.

BURBANK, Calif. – The Walt Disney Company (NYSE: DIS) Board of Directors announced today it has agreed to extend Robert A. Iger’s contract through June 2016 as part of the Company’s ongoing succession planning. Under the new agreement, effective Oct. 1, Iger will assume the role of chairman in addition to chief executive officer following Chairman John E. Pepper’s retirement from the board at Disney’s 2012 annual shareholder meeting in March. Until then, Iger will remain president and chief executive officer.

Iger will hold the positions of chairman and chief executive officer through March 31, 2015, at which time a new CEO would be named; Iger will thereafter serve as executive chairman for 15 months through June 30, 2016. Iger’s current contract was set to expire on Jan. 31, 2013.

The Disney board took action at this time to secure the benefit of Iger’s leadership through 2016, provide for an effective, seamless succession and management transition and a continuity of the company’s corporate strategy to create long-term value for shareholders.

As provided in the company’s corporate governance guidelines, the board will also select an independent lead director when Iger assumes the role of Chair immediately following the meeting in March.
“As one of the most iconic brands and preeminent companies in the world, The Walt Disney Company requires a leader with the proven ability to drive creative and financial success in a dynamic world. For more than six years, Bob Iger has proven he has that ability at the highest level,” said Mr. Pepper. “The Board is delighted that the company has been able to secure the longer-term continuation of Bob’s unique blend of experience and leadership skills. His ability to bring together the many parts of Disney’s business against a clear and proven strategy, while instilling a culture of innovation, collaboration and discipline, will continue to serve the long-term interests of shareholders.”

Pepper added: “It is for these reasons – continuing the strategic direction and growth of the company while ensuring a smooth transition process to the next generation of leadership – the Board has determined that Bob should assume the additional role of Chairman.”

Iger said: “No CEO could have a better counselor than John — his impeccable integrity, vast experience, and knowledge and appreciation of Disney have been invaluable. I want to thank him for his many contributions, and his support of our people and our strategy including two of the company’s most significant acquisitions in recent years – Pixar and Marvel.”

“I’m privileged and grateful to lead The Walt Disney Company and our talented, dedicated team at this exciting time,” Iger added. “I’m committed to increasing long-term value for shareholders and am confident we will continue to do so through the successful execution of our core strategic priorities: the creation of high quality, branded content and experiences, the use of technology, and creating growth in numerous and exciting international markets.”

Since being named president and chief executive on September 30th, 2005, Iger, 60, has led the Company to record operating results while positioning Disney for the future in the global, dynamic multi-media industry. Disney’s total shareholder return since October 1, 2005 is five times higher than that of the S&P 500.

During Iger’s leadership tenure, The Walt Disney Company has been recognized as one of “America’s Most Admired Companies” by Fortune magazine (2009, 2010, 2011); one of the “World’s Most Respected Companies” by Barron’s (2009, 2010); and one of the “Best Places to Launch a Career” by BusinessWeek magazine (2006-2010).

As part of the agreement, Iger’s annual base salary will be $2.5 million. Iger is not receiving any up front equity award in connection with signing the new agreement. His annual bonus award will be calculated based on the Company’s performance, including its operating income, return on invested capital, earnings per share and after-tax free cash flow. He will also be entitled to an annual long-term equity incentive award of options and restricted stock units, the ultimate value of which will be entirely dependent on the Company’s future financial performance.


Fonte: Deadline

Inviato da: giagia il 7/10/2011, 21:52


Inviato da: Beast il 8/10/2011, 14:56

CITAZIONE (giagia @ 7/10/2011, 21:52) *

Roftl.gif Roftl.gif Roftl.gif

Inviato da: Scrooge McDuck il 8/10/2011, 16:37

Qualcuno può spiegarmi ora che Jobs è morto chi ne ha preso il posto? Era lui il maggior azionista giusto?

Inviato da: Beast il 8/10/2011, 18:37

CITAZIONE (Scrooge McDuck @ 8/10/2011, 16:37) *
Qualcuno può spiegarmi ora che Jobs è morto chi ne ha preso il posto? Era lui il maggior azionista giusto?

Premesso che non so nulla di economia aziendale, credo che il suo posto nel consiglio di amministrazione sarà assegnato a qualche altro dei principali azionisti nei prossimi mesi, mentre le sue azioni restano di proprietà della moglie, la quale può tenerle oppure (più probabilmente) venderle agli offerenti che si faranno avanti (altri grandi azionisti ne approfitteranno per ampliare le loro azioni). Jobs era il maggior azionista, pur avendo meno del 10% delle azioni (non ricordo più se il 2% o il 7%).

Inviato da: Scrooge McDuck il 9/10/2011, 2:38

CITAZIONE (Beast @ 8/10/2011, 18:37) *
Premesso che non so nulla di economia aziendale, credo che il suo posto nel consiglio di amministrazione sarà assegnato a qualche altro dei principali azionisti nei prossimi mesi, mentre le sue azioni restano di proprietà della moglie, la quale può tenerle oppure (più probabilmente) venderle agli offerenti che si faranno avanti (altri grandi azionisti ne approfitteranno per ampliare le loro azioni). Jobs era il maggior azionista, pur avendo meno del 10% delle azioni (non ricordo più se il 2% o il 7%).


Capito.... Io sinceramente ignoravo che fosse azionista Disney, l'ho letto qui che era addirittura il maggiore..

Inviato da: Beast il 9/10/2011, 12:51

CITAZIONE (Scrooge McDuck @ 9/10/2011, 2:38) *
Capito.... Io sinceramente ignoravo che fosse azionista Disney, l'ho letto qui che era addirittura il maggiore..

La sua quota di azioni risale alla vendita della Pixar alla Disney, a quest'ultima conveniva pagare Jobs con un po' di azioni anziché con 7 miliardi in contante. laugh.gif

Inviato da: Beast il 10/10/2011, 19:33

Ecco una risposta più ampia e dettagliata da The Pixar Blog:

Who Will Succeed Jobs on Disney Board?

It's a question that regrettably must be asked.

For five years prior to his death, Steve Jobs served as Pixar's voice on the Walt Disney Company board of directors and provided valuable insight (must read) in other areas as well. Who succeeds him will have significant implications for both Disney and Pixar.

The Shares

The ownership of Jobs' 138 million Disney shares (worth $4.4 billion) will be determined by the contents of his will, which is likely to remain private through a trust arrangement.

If Jobs opted to leave his estate mostly to his wife, Laurene Powell Jobs, she would become the company's single largest individual shareholder.

Would Powell Jobs be interested in succeeding her late husband?

Laurene Powell Jobs

A graduate of the University of Pennsylvania and the Stanford Graduate School of Business, Powell Jobs has served on the boards of several non-profits, including College Track, which she co-founded and currently chairs.

When U.S. President Barack Obama established the White House Council for Community Solutions last December, he appointed Powell Jobs as a Council Member.

She also has a strong business résumé, having worked for years as an investment banker at Merrill Lynch and Goldman Sachs and co-founding a natural foods company in Northern California.

Her input could help further Disney's charitable endeavours.

Ed Catmull

Another possibility is that Pixar and Walt Disney Animation Studios president Ed Catmull would be nominated to serve as an inside director.

He has more experience than just about anyone in the animation business, to say nothing of his close working relationship with chief creative officer John Lasseter.

"I doubt anyone would blink an eye if Ed were chosen for the seat," says Pixar Touch author David A. Price.

The Decision

Following all required consultations, a recommendation will be made by the board's Governance and Nominating Committee. It then goes to the remaining directors for a vote.

The board met on Friday for the first time since Jobs' death. It was subsequently announced that John E. Pepper, Jr., 73, intends to retire next year. (CEO Bob Iger will replace him as chairman.) That leaves an additional seat to be filled.

Inviato da: Scrooge McDuck il 14/10/2011, 3:22

Grazie....anche se non mi è molto chiaro, lo rileggerò con più calma

Inviato da: Beast il 14/10/2011, 14:48

CITAZIONE (Scrooge McDuck @ 14/10/2011, 3:22) *
Grazie....anche se non mi è molto chiaro, lo rileggerò con più calma

Ti faccio una traduzione veloce:

Chi succederà a Jobs nel consiglio d'amministrazione della Disney?
Per 5 anni prima della sua scomparsa, Jobs è stato il rappresentante della Pixar nel consiglio, dando utili consigli anche in altre aree della compagnia. La scelta del successore ha implicazioni molto significative sia per Disney sia per Pixar.
La proprietà delle 138 milioni di azioni Disney possedute da Jobs (per un valore di 4.4 miliardi di $) sarà determinata dal testamento, il quale probabilmente non sarà reso pubblico.
Se Jobs avesse scelto di lasciare tutto (o la maggior parte) della proprietà alla moglie, ella diventerebbe il maggior azionista Disney; la signora Jobs sarà interessata a prendere il posto del marito?
Laurene Powell Jobs, laureata in Economia a Stanford, è stata membro di diversi consigli d'amministrazione di associazioni no-profit, fa parte del Consiglio per le Soluzioni Comunitarie della Casa Bianca (scelta direttamente da Obama), inoltre ha una notevole esperienza finanziaria, essendosi occupata di investimenti bancari alla Merrill Lynch e alla Goldman Sachs (società note anche in Italia per via della crisi del 2008).
Un'altra scelta potrebbe essere Ed Catmull, il co-fondare della Pixar e attuale presidente di Pixar e Disney Animation Studios. Ha più esperienza di chiunque altro nel business dell'animazione, per non parlare dei suoi strettissimi rapporti con il direttore creativo Lasseter. Nessuno avrebbe da lamentarsi se fosse lui a occupare il posto lasciato vacante.
Il consiglio d'amministrazione si riunirà venerdì (oggi ndt) per la prima volta dopo la morte di Jobs, ma saranno necessarie alcune consultazioni prima di votare il sostituto. Intanto, un altro consigliere (il 73enne J.Pepper) ha deciso di andare in pensione, il suo posto verrà occupato da Bob Iger, che aggiunge quindi il titolo di consigliere a quello di presidente e amministratore.

Nota del sottoscritto: come si vede, si tratta perlopiù di ipotesi, non c'è ancora nulla di certo.

Inviato da: Scrooge McDuck il 16/10/2011, 19:59

Grazie mille Marco, sempre gentilissimo!
Non mi era chiaro quello che riguardava la storia della moglie in effetti. Il succo del discorso cmqe è questo:

CITAZIONE (Beast @ 14/10/2011, 14:48) *
Nota del sottoscritto: come si vede, si tratta perlopiù di ipotesi, non c'è ancora nulla di certo.


Inviato da: Beast il 27/10/2011, 21:03

Aprirà presto Disney Channel in Russia come canale gratuito.

http://www.stitchkingdom.com/disney-disney-announces-plans-to-launch-disney-channel-in-russia-18234/

Inviato da: Beast il 2/11/2011, 20:22

Oggi John Lasseter ha ricevuto la sua stella personale sulla Walk of Fame di Hollywood, alla presenza di molte celebrità, nonché di Saetta e Cricchetto. A link trovate tutte le foto e un video: http://www.stitchkingdom.com/disney-john-lasseter-hollywood-walk-of-fame-18279/


Inviato da: Teo il 2/11/2011, 23:59

Meritatissima!

Inviato da: IryRapunzel il 3/11/2011, 0:12

Era oraaaaaa smile.gif

Inviato da: Enrico il 3/11/2011, 20:04

Meritata!

Grande!

Inviato da: Beast il 16/11/2011, 19:54

Bob Iger è entrato nel consiglio di amministrazione della Apple.

Bob Iger Joins Apple’s Board of Directors
Today, Apple named a new Chairman of the Board. Arthur D. Levinson will take over as Chairman, having served on the board since 2005.

In Disney-related news, Bob Iger (President and CEO of The Walt Disney Company) was also named today as a new member of Apple’s Board of Directors. This furthers the relationship between Disney and Apple. (Steve Jobs was the largest Disney shareholder and a member of Disney’s board until his passing. Iger was instrumental in the negotiations for Disney to buy Pixar from Jobs in 2006.) Iger joins the ranks of Al Gore, Tim Cook, and other noteworthy figures in one of the most powerful boards.

Iger is also a member of the board of directors for the National September 11 Memorial & Museum and Lincoln Center for the Performing Arts, Inc. He is also a member of Barack Obama’s President’s Export Council. (And remember, Iger has announced that he will step down as Disney’s CEO in 2015.)


Fonte: The Disney Blog

Inviato da: Beast il 9/1/2012, 11:30

BREAKING NEWS: Dopo appena un anno e mezzo, la direttrice del marketing MT Carney se ne va, la Disney sta già cercando il sostituto.
Sono stati 18 mesi ricchi di polemiche sulle politiche di marketing della Disney: la Carney, fortemente voluta da Ross, fu subito messa in dubbio perché inesperta del settore e fece un enorme passo falso già al suo primo film con il criticatissimo slogan The coolest job ever per l'Apprendista Stregone (gran flop del 2010). Il suo operato nel 2011 è stato molto deludente: ha lasciato che la Paramount si occupasse di pubblicizzare i film Marvel, la Dreamworks i propri film, un team separato per i film d'animazione, in pratica lei si è occupata solo di Pirati 4; proprio questa sua mancanza di coinvolgimento sarebbe il motivo principale del licenziamento. Infine, sarebbe la colpevole del troncamento del 'of Mars' dal titolo di John Carter, una mossa molto criticata perché ha fatto infuriare la fan-base. Proprio John Carter sarà il film a subire di più questa situazione, vista la mancanza di un direzione forte a ridosso dell'uscita, sembra quindi abbandonato a se stesso e destinato al massacro; se non altro Ross potrà incolpare la Carney, a mio parere però anche lui ha grosse responsabilità.


EXCLUSIVE: MT Carney Out As President Of Worldwide Marketing At Walt Disney Studios

BREAKING NEWS… EXCLUSIVE… refresh for latest: After more than a year and half in the job, and speculation since her arrival that she was going to be canned, I can confirm that MT Carney is officially out as President of Worldwide Marketing at Walt Disney Studios. Don’t expect an announcement until this week. Disney is locked down right now about Carney’s status. Of course my sources are claiming it has nothing to do with a very negative story about Carney in tomorrow’s New York Times – headlined “A Disney Marketer’s Downfall”. The 42-year-old Carney was handplucked by studio chief Rich Ross despite her having no movie biz experience. (Instead she had experienced in promoting packaged goods. “But a movie is not like a Honda,” one marketing guru reminds me just now.) You can argue that the knives were out from Day One by Hollywood’s incestuous marketing community that doesn’t want outsiders to succeed on their turf. You can argue that Carney did in herself with moronic pronouncements, an unwillingness to learn, and an eagerness to outsource. (Which is why she quickly earned the nickname ‘Empty Carney’.) The timing of Carney’s exit, though long speculated about, was kept so secret that my news caught Disney staff by surprise.

One veteran movie marketer tells me about Carney’s exit that the problem was more about what Carney didn’t do than what she did. “She didnt do anything. She farmed out Pirates Of The Caribbean 4. Stacey and Steven have their own separate Disney marketing team for DreamWorks. There’s a separate team for Disney’s animation group. And then Paramount did the last two Marvel movies.” Carney’s exit comes at a time when Disney will start marketing future Marvel films, Pixar has major releases on the horizon like Brave, DreamWorks is filling the pipeline, and Rich Ross’s studio has some very big-budget bets ahead like John Carter. One source tells me it was Carney’s idea to drop the “Of Mars” from the title of John Carter. “It’s based on a big geek book. You are taking a piece of very well known classic source material and taking the marketing hook out of it. It’s like putting it through the deflavorizer. It’s like a perfect microcosm of what went wrong.”

The Scottish-born co-founder and owner of Naked Communications, a NYC-based media planning and strategy firm, was also a former Ogilvy worldwide planning director from 2003-2006. Her appointment followed an exhaustive 5-months-long search. (See my previous, Disney Picks Movie Marketing Chief (Her Motto? “The Agency Model Stripped Naked”) My sources claim that Carney told Disney over the summer she wanted to leave the job and go back to NYC where her young kids have remained and where she has flown every Friday from LA. Now she’ll return to the NYC marketing agency world she left. But the fact is that Disney began looking for her replacement some time ago.


http://www.deadline.com/2012/01/m-t-carney-out-as-president-of-worldwide-marketing-at-walt-disney-studios/

Inviato da: Scissorhands il 9/1/2012, 21:03

ohhh era ora!! Una bella notizia!

Inviato da: Claudio il 9/1/2012, 22:59

CITAZIONE (Beast @ 9/1/2012, 10:30) *
Infine, sarebbe la colpevole del troncamento del 'of Mars' dal titolo di John Carter, una mossa molto criticata perché ha fatto infuriare la fan-base. Proprio John Carter sarà il film a subire di più questa situazione, vista la mancanza di un direzione forte a ridosso dell'uscita, sembra quindi abbandonato a se stesso e destinato al massacro; se non altro Ross potrà incolpare la Carney, a mio parere però anche lui ha grosse responsabilità.


vero, davvero poca pubblicità per Carter, se ne parla molto poco dry.gif

Inviato da: Beast il 10/1/2012, 17:38

La conferma ufficiale nei comunicati di Ross e della Carney:

I want to share with you that MT Carney has made the decision to leave the company and return to New York to be with her children. Under her leadership, our marketing organization has put together some of the most wide-reaching campaigns we have ever launched. I am incredibly grateful and thank MT for all of her insight and expertise, but I fully respect her decision and wish her all the best.
We have, in my opinion, the best marketing team in the business and the work I’ve seen over the past two years has been nothing short of extraordinary.
I realize there is much work at hand on our upcoming projects and I appreciate your dedication as always.

Rich

MT Carney’s message to the Walt Disney Studios’ marketing staff follows:

After much consideration, I have decided to leave the Disney family to return to my own. It is terribly hard to leave, but I have been constantly torn between my kids and my job, and like all good Hollywood movies, the kids have to win.
This has been a challenging and exciting job, and I have learned a great deal in my time with all of you. I am truly lucky to have had the chance to lead this incredible team on so many wonderful projects. I’m particularly proud of the amazing and creative work that came out of our global hits like Tangled, Pirates of the Caribbean: On Stranger Tides, Cars 2, and The Help, as well as The Muppets and War Horse, and John Carter and The Avengers to come.
I want to thank you all for your understanding and support. This has been a remarkable journey and I look forward to seeing your continued brilliance everywhere. But now it is time to get back to winter in New York and my amazing kids.
All my best, always,
MT


http://www.deadline.com/2012/01/toldja-disney-internal-email-confirms-mt-carney-exit/#more-212277

Inviato da: Beast il 13/1/2012, 22:55

E' già stato trovato il sostituto della Carney: si tratta di Ricky Strauss, in passato ha lavorato per Sony/Columbia, mentre il suo ultimo lavoro è stato su The Help, guardacaso uno dei maggiori successi della Disney quest'anno; ecco spiegato il motivo di questa scelta. Speriamo in bene!

EXCLUSIVE: Ricky Strauss Picked As New Walt Disney Studios Worldwide Marketing Chief

EXCLUSIVE: This was the coveted Head Of Worldwide Marketing job for Walt Disney Studios which MT Carney just exited and all of Hollywood was speculating on her replacement. I’ve learned the outside-the-box winner is Ricky Strauss, the 16-year Sony Pictures veteran and most recently Participant Media’s man behind The Help for DreamWorks and Disney. I expect an announcement to be made later today. The long-time motion picture production and marketing exec joined Participant Media in March 2005 as President. In his post, he presides over all of Participant’s feature film production, acquisition and marketing efforts, as well as its television and publishing activities. In 2011 besides The Help, Participant had Steven Soderbergh’s box office hit Contagion for Warner Bros. Prior to joining Participant, Ricky ran his own film and television production company, Ricochet Entertainment, where he executive produced The Sweetest Thing, starring Cameron Diaz, among other projects. Before Ricochet, Ricky served as SVP of Production at Sony, where he developed and supervised film projects for the studio. From 1988 to 1997, he served as an advertising executive at Columbia Pictures, creating award winning ad campaigns for many feature films. Meanwhile, the LA Times engaged in a ridiculous speculation game and failed to include Strauss on a usual suspects list.

UPDATE: Here’s the official Disney announcement:

BURBANK, Calif. – January 13, 2012 – Rich Ross, Chairman of The Walt Disney Studios, announced today that Ricky Strauss has been named President of Marketing for The Walt Disney Studios. Strauss will oversee the Studios’ global marketing strategy encompassing creative, media, digital, promotions, publicity, research and synergy across all distribution channels for motion pictures released under the Walt Disney Pictures (including Walt Disney Animation and Pixar Animation), Marvel Studios, and Touchstone Pictures banners, which includes DreamWorks Studios films released via Touchstone.

“I am happy to welcome Ricky Strauss to The Walt Disney Studios family. With 25 years of industry experience, he brings a deep understanding of all aspects of the film business as well as incredible skill in branding and cutting-edge marketing,” said Ross. “He will undoubtedly raise the Studios’ creative bar as we enter 2012 and look ahead at showcasing a spectacular slate of films to audiences around the world.”

“The future of Disney movies is as exciting as the legacy, and I’m honored to have the opportunity to be a part of that. Disney, Pixar, Marvel, and DreamWorks Studios are among the world’s best and brightest brands,” said Strauss. “My experience at Participant has been incredible and I’m so proud of my colleagues and everything we accomplished. I look forward now to getting to work with the exceptional team at Disney, doing some of the most innovative marketing in the industry.”

A 25-year movie veteran, Strauss has created award-winning marketing campaigns for numerous feature films and has overseen all aspects of film production. He most recently served as President of Participant Media, where he oversaw the company’s marketing, production, and acquisition for a broad range of socially relevant and commercially viable films including this summer’s blockbuster The Help, acclaimed features The Kite Runner, The Visitor, and Steven Soderbergh’s Contagion, as well as documentaries such as Food, Inc. and the Academy Award®-winning An Inconvenient Truth and The Cove. Prior to joining Participant in 2005, Strauss founded Sony-based Ricochet Entertainment, where he executive-produced the Cameron Diaz film The Sweetest Thing. He also spent 16 years at Sony, where he served as a senior marketing executive (Columbia/TriStar Pictures) and later as Senior Vice President of Production.


http://www.deadline.com/2012/01/exclusive-ricky-strauss-picked-as-new-walt-disney-studios-worldwide-marketing-chief/

Inviato da: kekkomon il 13/1/2012, 22:56

Speriamo in Bene!!
Sopratutto sul prossimo classico!!

Inviato da: Scissorhands il 14/1/2012, 20:08

Questo confermerebbe anche le voci secondo cui Spielberg non sarebbe stato contento della campagna promozionale di War Horse. The Help è stato un grandissimo successo DW, quindi la scelta è azzeccata.

Inviato da: Scrooge McDuck il 14/1/2012, 22:16

Mamma mia era davvero ora che quell'incapace se ne andasse. Certo che ora devo preoccuparsi seriamente di Jhon Carter, con tutti i soldi che hanno speso sarebbe da idioti fargli fare la fine di Tron

Inviato da: kekkomon il 14/1/2012, 22:25

Hanno quasi due mesi di tempo per pubblicizare per bene John!!

Inviato da: Claudio il 15/1/2012, 11:59

Bisogna pubblicizzare bene Carter e War Horse!!!
Non possono spendere tutti questi soldi per i film e poi fregarsene della pubblicità (con Tron Legacy hanno fatto pochissimo, qui in Italia pubblicità quasi inesistente)

Inviato da: Beast il 15/1/2012, 12:52

Il problema è che le campagne pubblicitarie per i kolossal vengono programmate per bene con 10 mesi di anticipo (lo disse Bruckheimer), quindi con meno di due mesi a disposizione la vedo nera per John Carter. sad.gif

Inviato da: kekkomon il 15/1/2012, 14:23

CITAZIONE (Beast @ 15/1/2012, 11:52) *
Il problema è che le campagne pubblicitarie per i kolossal vengono programmate per bene con 10 mesi di anticipo (lo disse Bruckheimer), quindi con meno di due mesi a disposizione la vedo nera per John Carter. sad.gif

Con il Super Bowl verrà trasmesso un nuovo spot di John Carter, sempre è qualcosa. eheheh.gif

Inviato da: Claudio il 15/1/2012, 18:48

CITAZIONE (Beast @ 15/1/2012, 11:52) *
Il problema è che le campagne pubblicitarie per i kolossal vengono programmate per bene con 10 mesi di anticipo (lo disse Bruckheimer), quindi con meno di due mesi a disposizione la vedo nera per John Carter. sad.gif


allora non credo potrà fare chissà cosa not.gif

Inviato da: Scissorhands il 20/1/2012, 2:04

COLPO DI SCENA!

Why an Angry Steven Spielberg Confronted Disney's Rich Ross at Dinner
11:27 AM PST 1/18/2012 by Kim Masters
SHARE
Comments
1009

Kevin Winter/Getty Images; Neilson Barnard/Getty Images
The irked "War Horse" director approached the studio chief for not consulting him before Disney marketing chief MT Carney was replaced.

This story first appeared in the Jan. 27 issue of The Hollywood Reporter magazine.
OUR EDITOR RECOMMENDS

Disney's MT Carney Bids Farewell In Internal Memo to Studio

Disney Marketing Chief MT Carney Exiting Studio

Steven Spielberg and Peter Jackson: The Titans Behind 'The Adventures of Tintin'
When the long-rumored departure of Disney marketing chief MT Carney was confirmed Jan. 8, the guessing game began: Who would replace the controversial outsider who lacked studio experience? Amazingly, Disney managed to keep its choice secret until a press release was prepared.
PHOTOS: The Making of Steven Spielberg's 'War Horse'
Among those who didn't enjoy the suspense was Steven Spielberg, whose DreamWorks Studios has distributed its films through Disney since 2009. According to multiple sources, Spielberg shared that sentiment during a confrontation with studio chief Rich Ross at the Jan. 12 dinner for the Critics' Choice Movie Awards.
The sources say Spielberg told Ross bluntly he was upset that he wasn't consulted two or three weeks earlier, when Ross decided that Carney had an "out" date and would be replaced. One source says Ross seemed "a little stunned" by the rebuke. Another says Ross deflected the criticism by explaining that the studio had to keep the name of its candidate confidential during negotiations. But, of course, that was beside the point; the War Horse director, Hollywood's 800-pound gorilla, had hoped to be involved in the discussion before Ross made a choice.
STORY: Disney Names Ricky Strauss as Marketing Chief
Meanwhile, Ross' hire, Participant Media president Ricky Strauss, is widely praised as a capable and affable executive, but a number of observers are baffled that Ross chose someone who had never run a studio marketing operation. One source says Disney's secrecy made it difficult for Strauss to arrive to much fanfare. The rampant speculation about who would get the job — executives around town considered virtually every possible choice — led those with ties to Disney to expect a well-known, high-level marketing veteran to sign on, which didn't ultimately happen. DreamWorks and Disney declined comment.
http://www.hollywoodreporter.com/news/steven-spielberg-disney-rich-ross-282936

Quindi Spielberg non è stato proprio interpellato?E io che credevo che il nuovo responsabile fosse stato scelto proprio perchè suggerito da lui (avendo fatto un ottimo lavoro con the Help)

Inviato da: Beast il 20/1/2012, 17:34

CITAZIONE (Scissorhands @ 20/1/2012, 1:04) *
Quindi Spielberg non è stato proprio interpellato?E io che credevo che il nuovo responsabile fosse stato scelto proprio perchè suggerito da lui (avendo fatto un ottimo lavoro con the Help)

Ma infatti, proprio per questo motivo pensavo che la scelta gli fosse gradita. Comunque il leggere sul giornale una notizia che dovresti sapere prima degli altri farebbe arrabbiare chiunque, quindi non dò torti a Spielberg.
La mia impressione esterna è che la Disney stia volutamente cercando di staccarsi dalla Dreamworks (per vari motivi: i tanti flop quali Numero 4, Fright Night e Real Steel, le lamentele di Spielberg sullo scarso marketing di War Horse, il fatto che il calendario delle uscite del 2012 non esista ancora, ora questa lite). Una volta rotto il contratto con la DW, Iger potrà tranquillamente vendere il marchio Touchstone. Tristemente tutto torna. Vedremo, intanto la mancanza del calendario 2012 mi fa temere annunci prossimi.

Inviato da: Claudio il 20/1/2012, 17:36

CITAZIONE (Beast @ 20/1/2012, 16:34) *
Ma infatti, proprio per questo motivo pensavo che la scelta gli fosse gradita. Comunque il leggere sul giornale una notizia che dovresti sapere prima degli altri farebbe arrabbiare chiunque, quindi non dò torti a Spielberg.
La mia impressione esterna è che la Disney stia volutamente cercando di staccarsi dalla Dreamworks (per vari motivi: i tanti flop quali Numero 4, Fright Night e Real Steel, le lamentele di Spielberg sullo scarso marketing di War Horse, il fatto che il calendario delle uscite del 2012 non esista ancora, ora questa lite). Una volta rotto il contratto con la DW, Iger potrà tranquillamente vendere il marchio Touchstone. Tristemente tutto torna. Vedremo, intanto la mancanza del calendario 2012 mi fa temere annunci prossimi.


già, tutto torna, ma spero che non succeda, perchè non trovo giusto vendere questo marchio not.gif

Inviato da: Scissorhands il 22/1/2012, 20:15

CITAZIONE (Beast @ 20/1/2012, 16:34) *
Ma infatti, proprio per questo motivo pensavo che la scelta gli fosse gradita. Comunque il leggere sul giornale una notizia che dovresti sapere prima degli altri farebbe arrabbiare chiunque, quindi non dò torti a Spielberg.
La mia impressione esterna è che la Disney stia volutamente cercando di staccarsi dalla Dreamworks (per vari motivi: i tanti flop quali Numero 4, Fright Night e Real Steel, le lamentele di Spielberg sullo scarso marketing di War Horse, il fatto che il calendario delle uscite del 2012 non esista ancora, ora questa lite). Una volta rotto il contratto con la DW, Iger potrà tranquillamente vendere il marchio Touchstone. Tristemente tutto torna. Vedremo, intanto la mancanza del calendario 2012 mi fa temere annunci prossimi.


Io non sarei così drastico! Numero 4 e Real Steel non sono stati dei veri flop (quest'ultimo all'estero è andato molto bene) e Fright Night per quanto poco è costato non ci hanno rimesso nulla. Poi la Disney distribuisce solo questi film! Le perdite (nel caso ci fossero) sono davvero davvero minime. E' la perfetta soluzione di comodo che ti permette di non rinunciare a una fetta di mercato e sperare sempre in qualche hit poco costosa (tipo the Help). Non solo, ma ti fa anche pompare i dati giornalistici del box office: ok non vuol dire nulla, ma secondo me fa qualcosa quando i giornali riportano a caratteri cubitali che la Paramount ha avuto un anno record ed è prima tra tutte le major, quando metà di quei film li distribuisce soltanto!
E poi avere sempre Spielberg nella scuderia mica è una cosa su cui sputarci su!
Poi vendere la Touchstone... ma sono impazziti? E la libreria? Pretty Woman e Nightmare Before Christmas (che però mi sa che recentemente è stato ribattezzato con etichetta Disney) non saranno più Disney? Scandalo degli scandali!

Inviato da: winnie & pimpi il 23/1/2012, 0:13

QUOTE (Scissorhands @ 22/1/2012, 21:15) *
Io non sarei così drastico! Numero 4 e Real Steel non sono stati dei veri flop (quest'ultimo all'estero è andato molto bene) e Fright Night per quanto poco è costato non ci hanno rimesso nulla. Poi la Disney distribuisce solo questi film! Le perdite (nel caso ci fossero) sono davvero davvero minime. E' la perfetta soluzione di comodo che ti permette di non rinunciare a una fetta di mercato e sperare sempre in qualche hit poco costosa (tipo the Help). Non solo, ma ti fa anche pompare i dati giornalistici del box office: ok non vuol dire nulla, ma secondo me fa qualcosa quando i giornali riportano a caratteri cubitali che la Paramount ha avuto un anno record ed è prima tra tutte le major, quando metà di quei film li distribuisce soltanto!
E poi avere sempre Spielberg nella scuderia mica è una cosa su cui sputarci su!
Poi vendere la Touchstone... ma sono impazziti? E la libreria? Pretty Woman e Nightmare Before Christmas (che però mi sa che recentemente è stato ribattezzato con etichetta Disney) non saranno più Disney? Scandalo degli scandali!

senza contare Sister Act e Roger Rabbit, titoli sempre fruttuosi, non venderanno mai la Touchstone! .....almeno si spera!

Inviato da: Claudio il 23/1/2012, 21:41

CITAZIONE (Scissorhands @ 22/1/2012, 19:15) *
Pretty Woman e Nightmare Before Christmas (che però mi sa che recentemente è stato ribattezzato con etichetta Disney) non saranno più Disney? Scandalo degli scandali!



CITAZIONE (winnie & pimpi @ 22/1/2012, 23:13) *
senza contare Sister Act e Roger Rabbit,


Con titoli come questi e molti altri, sarebbe davvero un peccato vendere la Touchstone not.gif Non riesco ad immaginare questi film senza più la Disney

Inviato da: winnie & pimpi il 17/9/2012, 12:02

articolo interessante:
fonte: http://fumettologicamente.wordpress.com/2012/08/21/clima-teso-in-disneymarvel-linchiesta-del-financial-times/

Una eccellente inchiesta del Financial Times indaga sulle conseguenze organizzative dell’acquisizione di Marvel da parte di Disney. E solleva il velo sulle profonde dispute interne al management. Dispute che sembrano avere una portata più disruptive del previsto: conflitti strategici profondi, accuse di razzismo, e un’ondata di dimissioni eccellenti. Il tutto condito da una (poco rasserenante) quantità di no comment.
Per come la dipinge il FT, il nodo della vicenda ha un nome e cognome: Ike Perlmutter, uomo forte di casa Marvel, divenuto con l’acquisizione il secondo azionista individuale più importante della Disney (dopo Steve Jobs e eredi).

Per un verso, il successo del film The Avengers (1,5 miliardi $ in incassi worldwide) ha finalmente dimostrato agli analisti che l’acquisizione di Marvel nel 2009 (4 miliardi $) è stata una scelta saggia e fortunata. E lo scetticismo nei confronti del progetto di Perlmutter si è ormai dissipato. Per altri versi, però, questo successo ha rafforzato la posizione di forza di Perlmutter in Disney, presso cui l’influenza dell’azionista si sta configurando come uno scontro tra culture aziendali, visioni del business, e stili manageriali. Uno scontro che pare esprimersi in forme particolarmente problematiche, fatte di spasmodica attenzione ai costi (con tanto di aneddoti su Perlmutter infuriato per lo spreco di fogli di carta per gli appunti) e diverbi bruschi ai limiti dell’offensivo (ne riparliamo sotto), al punto a fare chiedere a molti: “chi ha realmente comprato chi?”.
I punti caldi sembrano essere tre:
1. La strategia. Nel settembre 2011 Andy Mooney, Presidente della divisione più profittevole e in crescita dell’azienda, Disney Consumer Product, aveva abbandonato Disney in una separazione piuttosto chiacchierata, affidata a una email, rifiutando di farsi intervistare. Secondo il Financial Times, le ragioni erano nelle divergenze con Perlmutter:
Mooney avrebbe voluto continuare a coltivare relazioni a lungo termine con produttori di giocattoli e altri licenziatari, mentre Perlmutter avrebbe sostenuto l’opportunità di contratti a breve termine dotati di ampi minimi garantiti.
A Perlmutter era stato in seguito attribuito un ruolo determinante nell’allontanamento del Presidente di un altro importante ramo del gruppo, i Disney Studios: Rich Ross, responsabile di un flop ritenuto inaccettabile come quello del film John Carter, era stato licenziato a fine aprile 2012.
2. Il razzismo. Qui un punto assai delicato della vicenda, da prendere con le dovute pinze, fondato su due episodi. Uno riguarda le parole che Perlmutter avrebbe pronunciato su un cambio nel cast di Iron Man 2, con il passaggio da un attore afroamericano a un altro, meno costoso: “tanto nessuno noterà la differenza, visto che i neri si assomigliano tutti”. L’altro episodio sarebbe la lamentela sottoposta formalmente al reparto risorse umane da una dirigente (anch’essa afroamericana) del gruppo, Anne Gates (CFO della stessa divisione DCP), che secondo alcuni era inerente questioni razziali (ma alcune fonti sostengono che le ragioni fossero differenti; la Gates, però, ha rifiutato di commentare). Perlmutter avrebbe contestato alla Gates alcuni criteri nella redazione del bilancio, apostrofandola pesantemente.
3. Gli abbandoni. La Gates e altre due dirigenti – sempre donne afroamericane – hanno lasciato Disney Consumer Products, scegliendo peraltro di farsi difendere dallo stesso avvocato, in un’alleanza informale che – secondo altre fonti aziendali consultate da Deadline – le tre pare chiamassero “The Help“, come il recente film Disney sui problemi dell’integrazione razziale negli USA anni Settanta. Tra gli altri dirigenti chiave che hanno lasciato la Disney, oltre a tutti i manager che riportavano a Mooney durante la sua presidenza della DCP: Gary Foster, responsabile comunicazione; Russell Hampton, responsabile publishing; Susan Garelli, responsabile risorese umane presso DCP; Jim Fielding, responsabile Disney stores; Vince Klaseus, dirigente nel segmento giocattoli. E come scrive il giornalista del FT, che pare avere provato a contattarli tutti:
None responded to requests for comment.
Insomma: il clima è teso, e la situazione pare davvero complicata. E questo, nonostante il gruppo viva una fase economicamente felice, stando ai risultati degli ultimi bilanci. Disney ha comprato Marvel, ma la cultura aziendale di Burbank sembra faticare a imporsi su quella Marvel. O meglio, sulla visione di Perlmutter.
Il che potrebbe anche essere un bene, come scrive il blog conservatore Whiskeysplace: la crisi del modello hollywoodiano classico, evidente a tutti i principali attori dell’industria audiovisiva, ha trovato in Perlmutter il portatore di una possibile alternativa strategica. Incentrata su un severo controllo dei costi, e su una visione “finanziarizzata” incentrata sul mercato – certamente volatile – della licensing industry.
Potrebbe però anche essere un grosso problema. Per lo stile brusco e le opinioni discutibili (se confermate) dell’uomo; per i rischi sconosciuti dell’abbandono di strategie a lungo termine; e per il futuro di una “cultura Disney” che pare sempre più destinata a trasformarsi, o sciogliersi lentamente.

Inviato da: Beast il 9/10/2012, 9:46

Un altro scossone nel reparto marketing. Rotola la testa del capo delle ricerche di mercato, con pesanti accuse di favoreggiamento nei confronti della sua compagnia precedente.

Disney's Head of Research, Louise Chater, Exits Under Cloud of Questions (Exclusive)

The head of movie market research at Walt Disney Studios, Louise Chater, was dismissed from the studio in late September under cloudy circumstances that involve an anonymous letter about her sent to the studio, TheWrap has learned.

Chater joined Disney in March 2011 from First Movies International, a movie research company where she was founder and CEO. Under Chater, Disney moved a large portion of its research screenings and material testing to First Movies, three knowledgeable individuals told TheWrap.

At the heart of Chater's dismissal were unproven allegations raised in an anonymous letter to Disney earlier this year, suggesting First Movies benefited improperly from Chater's position as head of research, according to those individuals.

But Chater's representative told TheWrap that the letter amounted to a targeted smear campaign and that she received no financial benefit from First Movies after leaving for Disney.

First Movies was acquired in April of this year by Penn Schoen Berland, a market research consultancy with roots in political research. The sum was not disclosed. The company did not return calls and emails asking for comment.

A lawyer for Chater provided documents to TheWrap from the audited financial statement of First Movies in 2010 that state that she resigned as a director of the company in November 2010.

“Ms. Chater did not receive any compensation directly or indirectly from or in connection with First Movies since leaving its employment,” said Michael Plonsker of Robins, Kaplan, Miller & Ciresi L.L.P.

He added: "I have also verified with First Movies that Ms. Chater never owned any financial interest in First Movies other than stock options, which were never exercised. Those stock options lapsed on November 18, 2010, when Ms. Chater stated her intention to leave First Movies."

Disney does not comment on personnel matters and would not say whether Chater retained any financial ties to First Movies when she joined the movie studio. It is not unusual for executives to join vendor companies, and usually they must give up ownership stakes in their own companies in order to avoid the appearance of self-dealing.

A spokeswoman for Disney told TheWrap: “I’m not saying anything on the record about employees, current or former.”

Chater exited the studio with a settlement agreement that prevents her from discussing the matter, according to a knowledgeable individual. Her LinkedIn page indicates that she left Disney in September.

Chater is a veteran market researcher who specializes in international markets and cultures. In a 2009 interview with TheWrap, she explained that she “conducts tests in more than a dozen countries, including across Europe, and in the burgeoning film markets of Russia, South Korea, Brazil and India.”

Research professionals in Hollywood told TheWrap they were at first thrilled when Chater was named SVP of research at Disney, replacing a longtime executive whom they say often rejected their findings.

But Chater’s transition to the role at Disney -- not unlike that of a more high-profile predecessor in marketing, MT Carney, who exited in January -- became contentious, especially as research firms, such as NRG and Ipsos MPG, saw business that had previously gone to them sent to First Movies.

“She gave all the testing to her old company,” one research executive told TheWrap. “We all know that happens. But this was egregious.“

But individuals close to Chater and Disney say there has been a campaign to discredit the executive, referring to the anonymous letter sent to Disney and members of the media. No such letter was received by TheWrap.

Studios spend millions of dollars every year on market research. An individual with knowledge of Chater’s dismissal said questions arose within Disney when executives inquired into research conducted on "Lone Ranger" concepts before any marketing materials were produced.

“She was spending money on research that Disney questioned,” the individual told TheWrap. “She commissioned research to go to First Movies before there were any materials to be tested.”

But another individual with knowledge of the research said Chater did a "brand health check and positioning study" on "Lone Ranger" that was approved by "many of her superiors."

No replacement for Chater has been named, Disney said.


http://www.thewrap.com/movies/column-post/disneys-head-research-louise-chater-exits-under-cloud-questions-59391?page=0,0

Inviato da: Zio Paperone il 9/10/2012, 20:06

CITAZIONE (Scissorhands @ 22/1/2012, 20:15) *
Io non sarei così drastico! Numero 4 e Real Steel non sono stati dei veri flop (quest'ultimo all'estero è andato molto bene) e Fright Night per quanto poco è costato non ci hanno rimesso nulla. Poi la Disney distribuisce solo questi film! Le perdite (nel caso ci fossero) sono davvero davvero minime. E' la perfetta soluzione di comodo che ti permette di non rinunciare a una fetta di mercato e sperare sempre in qualche hit poco costosa (tipo the Help). Non solo, ma ti fa anche pompare i dati giornalistici del box office: ok non vuol dire nulla, ma secondo me fa qualcosa quando i giornali riportano a caratteri cubitali che la Paramount ha avuto un anno record ed è prima tra tutte le major, quando metà di quei film li distribuisce soltanto!
E poi avere sempre Spielberg nella scuderia mica è una cosa su cui sputarci su!
Poi vendere la Touchstone... ma sono impazziti? E la libreria? Pretty Woman e Nightmare Before Christmas (che però mi sa che recentemente è stato ribattezzato con etichetta Disney) non saranno più Disney? Scandalo degli scandali!


E The Help??? In America è andato molto bene in Italia è colpa di Disney Italia per la scarsa distribuzione e i continui spostamenti che non ho ancora capito.Ti confermo Nightmare Before Christmas uscito in Disney Digital 3D è passato sotto marchio Disney ma vendere la Touchstone è una scelta assurda!!!Semmai rivoglio la Touchstone produrre di nuovo film, film non commerciali e di denuncia sociale da cineforum.La Touchstone è in crisi ma purtroppo la colpa è della Disney che la usa per distribuire quello che rimane in fondo al magazzino.Basti pensare che un fim come The Lone Rangers negli anni 90 se veniva prodotto finiva alla Touchstone e in quei anni la Touchstone umiliava la casa madre che si salvava solo con l'animazione. Un film come Armaghedon al giorno d'oggi finiva alla Disney.Oltre a quelli citati non dimentichiamo l'Attimo Fuggente!!!

Inviato da: Enrico il 10/10/2012, 11:35

L'attimo fuggente è un capolavoro... e non capisco come mai qui dentro si parli poco di un film di questo livello....

Inviato da: nunval il 10/10/2012, 12:27

Touchstone è Touchstone e Disney e Disney, io non li ho mai considerati la stessa cosa...

Inviato da: Prince Philip il 10/10/2012, 13:31

CITAZIONE (nunval @ 10/10/2012, 12:27) *
Touchstone è Touchstone e Disney e Disney, io non li ho mai considerati la stessa cosa.

Concordo, anch'io le considero due cose diverse wink.gif

Inviato da: Beast il 24/12/2013, 12:57

Jack Dorsey, co-fondatore di Twitter, è entrato nel consiglio di amministrazione della Disney. Sicuramente aiuterà la Disney a interfacciarsi meglio con nuove tecnologie e social media.


Twitter Co-Founder Jack Dorsey Joins The Walt Disney Company Board of Directors

The Walt Disney Company (NYSE: DIS) Board of Directors has elected Jack Dorsey, chairman of Twitter Inc. and CEO of Square Inc., as an independent director, effective immediately.

“Jack Dorsey is a talented entrepreneur who has helped create groundbreaking new businesses in the social media and commerce spaces,” said Robert A. Iger, Disney’s chairman and chief executive officer. “The perspective he brings to Disney and its Board is extremely valuable, given our strategic priorities, which include utilizing the latest technologies and platforms to reach more people and to enhance the relationship we have with our customers.”

“I am honored and humbled to join the Disney Board,” Mr. Dorsey said. “Disney is a timeless company, one we all grow up learning from and admiring.”

Mr. Dorsey is the co-founder of Twitter, the social networking and microblogging service that allows users to create and share ideas and information instantly via messages of 140 characters or less. Mr. Dorsey posted the world’s first Tweet–“just setting up my twttr”—on March 21, 2006, and since then Twitter has grown to include more than 230 million monthly active users worldwide who create about 500 million Tweets every day. Prior to becoming Twitter’s chairman in 2008, Mr. Dorsey was president and chief executive officer.

Mr. Dorsey is also chief executive officer of Square, a commerce company he co-founded in 2009. Headquartered in San Francisco, Square provides innovative products and services for local businesses including a mobile credit card reader, an iPad point-of-sale system, an online marketplace, and a wallet application that allows consumers to make payments using their mobile devices.

Mr. Dorsey attended New York University and Missouri University of Science and Technology.

Mr. Dorsey will stand for election along with the company’s other directors at the annual meeting on March 18, 2014. Pursuant to the tenure policy in the company’s corporate governance guidelines that limits board service to 15 years, Judith L. Estrin will not be standing for re-election.

“Judy has served Disney shareholders incredibly well during her 15 years of service, and we will miss having her on the Board,” Mr. Iger said. “Her insight and advice on technological innovation and our business, as well as her passion for excellence, have been invaluable to me.” Ms. Estrin, who has co-founded eight technology companies and served as chief technology officer and senior vice president of Cisco Systems Inc., is chief executive officer of JLABS, LLC, a privately held company focused on furthering innovation in business, government and nonprofit organizations.


Fonte Stitch Kingdom
http://www.stitchkingdom.com/disney-twitter-cofounder-jack-dorsey-joins-walt-disney-company-board-directors-67846/

Inviato da: Beast il 13/6/2014, 10:02

Secondo Nikki Finke (che è tornata blogger a pieno regime, hurrà!), Iger ha ormai scelto il suo successore. Speriamo di conoscerne il nome a breve.

Disney’s Bob Iger To Choose His Successor Very Soon

The big boardroom story, according to my sources, is that Walt Disney Co Bob Iger has finally made the decision to name an heir apparent. So it’s between Tom Staggs, the Chairman of Walt Disney Parks and Resorts, and Jay Rasulo, the Senior Executive Vice President and Chief Financial Officer of The Walt Disney Co. “People are canvassing and campaigning for this like an election campaign,” one insider tells me. Tom’s the pretty boy. Rasulo’s kinda troll-like.” Jay knows how to talk to Wall Street. But Disney loves their leaders fit and healthy.” It’s also part of that company’s lore that Michael Eisner plucked Bob Iger from obscurity because he looked good in a speedo.


http://nikkifinke.com/disney-decision-soon-will-bob-iger-choose-successor/

Inviato da: manci79 il 14/6/2014, 9:22

Speriamo Tom Staggs, brava persona!

Inviato da: Beast il 3/10/2014, 11:21

Rispetto alle ultime news: come non detto!
Considerati i suoi successi, il consiglio d'amministrazione ha chiesto a Bob Iger di prolungare il suo mandato di altri due anni. Iger ha accettato e resterà quindi in carica fino al 30 giugno 2018.

Bob Iger to Remain as Disney Head Through Mid-2018

Robert A. Iger (Chairman and Chief Executive Officer, The Walt Disney Company). (Disney/Bob D'Amico)The Walt Disney Company Board of Directors today announced that it has extended Bob Iger’s contract as Chairman and Chief Executive Officer through June 30, 2018. Previously, Iger was expected to step down from his current positions in 2016 after already having been extended from a planned leave next year, in 2015.

According to the statement, Starbucks VP and Independent Lead Director of the Disney Board noted, ‘Bob Iger is the architect of Disney’s current success, with a proven history of delivering record financial results for the company quarter after quarter and year after year. Mr. Iger’s vision and strategy for the company led to the successful acquisitions of Pixar, Marvel and Lucasfilm, the resurgence of Disney animation, and the dramatic expansion of its parks and resorts around the world, positioning the company for continued long-term growth. Given Mr. Iger’s outstanding record to date, it is obvious that shareholders and the company will be best served by his continued leadership, which is why the Board of Directors has asked him to extend his contract for two years, to June 30, 2018. I am pleased to report that Mr. Iger has accepted.’

‘I’ve had the privilege of being the CEO of this great company for nine years and am thrilled to have the opportunity to continue through June 2018,” the statement quotes Iger. ‘I’m very excited about what lies ahead, including the release of our Star Wars films and the launch of Shanghai Disneyland, and I’m honored to continue working with our talented management team and the 175,000 dedicated people who make this company what it is today.’

Fonte: Stitch Kingdom

Inviato da: Simba88 il 3/10/2014, 12:16

Yuhhuu!!!!! yay.gif yay.gif yay.gif

Inviato da: Capitano Amelia il 4/10/2014, 13:07

CITAZIONE (Beast @ 3/10/2014, 11:21) *
Considerati i suoi successi, il consiglio d'amministrazione ha chiesto a Bob Iger di prolungare il suo mandato di altri due anni. Iger ha accettato e resterà quindi in carica fino al 30 giugno 2018.

Ottimo ! clapclap.gif

Inviato da: Angelo1985 il 4/10/2014, 16:52

Della serie continuiamo con l'imbastardimento del marchio, la totale mancanza di diversità stilistica tra i film animati (leggasi RIP 2D), la serializzazione di qualsiasi cosa, gli investimenti continui in un Paese dove, lo vediamo proprio in questi giorni, mancano i diritti umani e andrebbe bandito da ogni tipo di rapporto commerciale, monetario, umano.
Applausi.

icon_mickey.gif

Inviato da: Scrooge McDuck il 5/10/2014, 20:00

CITAZIONE (Angelo1985 @ 4/10/2014, 16:52) *
Della serie continuiamo con gli investimenti continui in un Paese dove, lo vediamo proprio in questi giorni, mancano i diritti umani e andrebbe bandito da ogni tipo di rapporto commerciale, monetario, umano.

Non capisco, a cosa ti riferisci? unsure.gif

Inviato da: Angelo1985 il 5/10/2014, 20:05

La Cina Scrooge, mi riferisco alla Cina, un Paese che fa quel che c**zo vuole solo perchè tutti hanno troppa paura e interessi (Disney inclusa) per metterla in riga. Vorrei proprio vedere se a Honk Hong non sarebbe necessario "esportare un po' di democrazia" in questi giorni....

icon_mickey.gif

Inviato da: Beast il 6/2/2015, 10:40

Breaking News: Tom Staggs è il nuovo COO (Chief Operating Officer).
Dopo 5 anni alla guida del settore parchi, Staggs assurge alla seconda carica più importante della company. Continuerà a dirigere anche la Parks & Resorts fino alla nomina di un sostituto. Questa mossa colloca Staggs in pole position per sostituire Iger dal 2018.

Comunicato stampa:

Thomas O. Staggs has been named Chief Operating Officer of The Walt Disney Company, it was announced today by Robert A. Iger, Chairman and Chief Executive Officer.

A 25-year Disney veteran, Mr. Staggs is Chairman, Walt Disney Parks and Resorts, overseeing the strategy, operations and creative development of the company’s iconic travel and leisure businesses. He will assume the role of Chief Operating Officer immediately, while continuing to lead Parks and Resorts until a successor is named. Disney’s senior management team, including all business segment leaders, will report jointly to Mr. Iger and Mr. Staggs, with the exception of the Chief Financial Officer, General Counsel, Chief Communications Officer and Chief Human Resources Officer, who will continue to report directly to Mr. Iger.

“Tom is an incredibly experienced, talented and versatile executive who has led Parks and Resorts during a time of unprecedented growth and expansion, including the construction of Shanghai Disney Resort. His proven ability to lead a business as well as his successful tenure as Disney’s former CFO make him an ideal Chief Operating Officer, expanding his portfolio into all the company’s businesses,” Mr. Iger said.

“It’s a privilege to step into this role, and I am humbled and honored by the opportunity. I look forward to working more closely with Bob and the talented senior management team across the company to continue to build Disney’s future through unparalleled creativity, innovative technology and global expansion,” Mr. Staggs said.

Since 2010, Mr. Staggs has led Parks and Resorts’ global team of more than 130,000 Cast Members, Crew Members and Imagineers, with the segment delivering record revenue, profit and attendance levels. In addition to overseeing the development of Shanghai Disney Resort, and a new Avatar-themed land at Disney’s Animal Kingdom Park, during Tom’s tenure, Disney has launched two new cruise ships; opened Aulani, a Disney Resort & Spa, in Hawai‘i; added three new lands at Hong Kong Disneyland; doubled the size of Fantasyland at the Magic Kingdom; and completed a multi-year expansion of the Disneyland Resort with the addition of Cars Land and Buena Vista Street at Disney California Adventure Park.

Prior to that, Mr. Staggs served as Senior Executive Vice President and Chief Financial Officer of The Walt Disney Company. He played a critical role in the execution of the acquisitions of Capital Cities/ABC, Pixar Animation Studios and Marvel Entertainment. As CFO for twelve years, he spearheaded the realignment of Disney’s performance goals toward the combination of profit growth and strong long-term capital returns and free cash flow. He has been praised by Wall Street for his financial and communications skills, and was consistently voted the entertainment industry’s No. 1 CFO by Institutional Investor magazine.

Mr. Staggs joined Disney in 1990 as Manager of Strategic Planning and quickly advanced through a series of positions of increased responsibility, leading to his appointment as Chief Financial Officer in 1998. Before joining Disney, he worked in investment banking at Morgan Stanley & Co.

Mr. Staggs earned a bachelor’s degree in business from the University of Minnesota’s Carlson School of Management and an MBA from Stanford Graduate School of Business.

Inviato da: Beast il 25/2/2015, 11:31

Bob Chapek è il nuovo presidente della Parks and Resorts.
Trovato in brevissimo tempo il successore di Tom Staggs. Chapek lavora in Disney dal '93; nel corso degli anni è stato presidente di distribuzione dei Walt Disney Studios, presidente dell'Home Entertainment e, dal 2011 ad oggi, presidente della Consumer Products.

Comunicato stampa:

Bob Chapek has been named Chairman, Walt Disney Parks and Resorts, it was announced today by Robert A. Iger, Chairman and Chief Executive Officer, and Thomas O. Staggs, Chief Operating Officer, The Walt Disney Company.

A 22-year veteran of The Walt Disney Company, Mr. Chapek has served since 2011 as President of Disney Consumer Products, driving a technology-led transformation of the Company’s consumer products, retail and publishing operations. He assumes his new role effective immediately.

“Under Bob’s leadership, Consumer Products has seen great success, focusing on brands and a franchise-driven strategy while launching new products and retail experiences that combine technological innovation and creativity,” Mr. Iger said. “He is an experienced and versatile executive well-suited to lead Parks and Resorts into the future.”

As Chairman of Parks and Resorts, Mr. Chapek succeeds Mr. Staggs, who was named Disney’s Chief Operating Officer earlier this month. Mr. Chapek will report to both Mr. Iger and Mr. Staggs.

“Bob is stepping into this role at an incredibly dynamic and exciting time for our Parks and Resorts business,” Mr. Staggs said. “The ongoing construction of Shanghai Disney Resort as well as the new Avatar-themed land at Walt Disney World continues an era of unprecedented growth and historic expansion.”

“I am grateful for the many opportunities I have had during my years at Disney, and am thrilled to join the incredible Disney Parks organization,” Mr. Chapek said. “I look forward to working with the remarkably talented team dedicated to creating magical memories for millions of guests around the world.” A successor to Mr. Chapek at Disney Consumer Products will be named at a later date.

Prior to leading Disney Consumer Products, Mr. Chapek served as President of Distribution for The Walt Disney Studios from 2009 to 2011, and was responsible for overseeing the Studios’ overall content distribution strategy across multiple platforms including theatrical exhibition, home entertainment, pay TV, digital entertainment and new media. He also served as President of Walt Disney Studios Home Entertainment, where he spearheaded the successful “vault strategy” for the company’s iconic films and transformed the primary format of home entertainment from DVD to Blu-ray.

Before joining Disney in 1993, Mr. Chapek worked in brand management at H.J. Heinz Company and in advertising at J. Walter Thompson.

Mr. Chapek earned a B.S. in Microbiology at Indiana University Bloomington and an MBA from Michigan State University.



Fonte: Stitch Kingdom

Inviato da: Logan232 il 25/2/2015, 12:18

Mh.. e chi c'è a capo della divisione Home Entertainment dal 2011? Mi sta sorgendo un dubbio..

Inviato da: Beast il 25/2/2015, 15:38

CITAZIONE (Logan232 @ 25/2/2015, 11:18) *
Mh.. e chi c'è a capo della divisione Home Entertainment dal 2011? Mi sta sorgendo un dubbio..

Tale Janice Marinelli. Quale dubbio?

Inviato da: Logan232 il 25/2/2015, 16:13

Se non sbaglio è quello il periodo in cui l'Europa ha cominciato ad essere declassata nel settore home video.. magari la cosa è da imputare a scelte effettuate da questo cambio di dirigenza.

Inviato da: Beast il 25/2/2015, 17:19

CITAZIONE (Logan232 @ 25/2/2015, 15:13) *
Se non sbaglio è quello il periodo in cui l'Europa ha cominciato ad essere declassata nel settore home video.. magari la cosa è da imputare a scelte effettuate da questo cambio di dirigenza.

Certo, è possibile.

Inviato da: Scrooge McDuck il 25/2/2015, 23:40

Bisogna sempre tenere a mente però che non tutta l'Europa è trattata in maniera uguale, che paesi come Francia e Germania hanno tutt'ora moltissima libertà e "autogestione" in ambito di edizioni home video e che gli stessi USA stanno adoperando scelte discutibili come i ritardi (cancellazioni?) nella distribuzione dei film in BD3D. Quindi boh, non sarei così certo che ci sia un nesso, ma potrebbe benissimo essere!

Inviato da: Beast il 4/6/2015, 8:30

Il CFO Jay Rasulo Lascia la Disney

Dopo quasi trent'anni, Jay Rasulo lascerà la Disney a fine giugno; da un lustro era Chief Financial Officer.
Molti fan tirano un sospiro di sollievo: è stato uno dei dirigenti Disney meno amati, sotto accusa soprattutto per il lungo periodo ricoperto in capo alla Parks and Resorts.

While the Walt Disney Company has yet to announce an official successor for current CEO Bob Iger, the path just became much clearer for COO Tom Staggs. His closest rival was CFO Jay Rasulo, however he just announced he’ll step down at the end of June.

Iger shared this comment, “Jay has been a valued colleague and friend, as well as a vital contributor to Disney’s success.”

Rasulo joined the mouse house in 1986 and became director of strategic planning and development. Later he was chair of the parks and resorts division. Five years ago he switched roles with Tom Staggs and became CFO.

The strategic planning and development division was controversial with fans and was seen as the group responsible for many ridiculous moves in the parks and resorts division that eventually had to be overturned.

While overseeing the parks division, Rasulo saw the opening of Disney California Adventure (and subsequent retooling of that park), the opening of Hong Kong Disneyland, and the expansion of the Disney cruise line from two to four ships.

Many fans criticized Rasulo’s reign over the parks declaring him disinterested in his role and famously distant from the parks, rarely setting foot in them. They felt he lacked an appreciation for the park’s special place in the company’s history and the hearts of fans.

“It has been a true honor to work at Disney for these many years, and for a great leader in Bob Iger,” said Rasulo in an emailed statement. “And as I look to the horizon for future endeavors, I am privileged to continue my friendship with Bob and remain as an adviser to him and the Disney team.”

Rasulo reportedly has a multi-million dollar compensation package awaiting him after stepping down. We wish him well in his next position, which just may be on a beach in Hawaii and we wouldn’t blame him one bit.

Disney has not yet announced Rasulo’s replacement in the CFO role. Iger will be stepping down from the CEO role in 2018 (a move he has already postponed twice).


http://thedisneyblog.com/2015/06/02/disney-cfo-jay-rasulo-to-step-down/

Inviato da: Beast il 5/4/2016, 21:09

NEWS SHOCK: Tom Staggs lascia la Disney.
Il candidato più accreditato per la successione a Iger si è dimesso. Il futuro della Company è ora decisamente incerto, Iger dovrà agire con polso fermo e rapidità per assicurare stabilità societaria.

Big news: Disney losing Tom Staggs, heir apparent to CEO Bob Iger

I had to double check the calendar on this one, but it’s square root day, not that other holiday. Disney says that current COO Tom Staggs, the heir apparent to CEO Bob Iger, will leave the company as of May 6. This is big news and a potential break in the previously supposed chain of inheritance for the Walt Disney Company.

Mr. Staggs said, “Disney truly stands alone, not only because of the Company’s phenomenal creativity, but also because of the thousands of remarkable people who make it such an extraordinary place. It’s been a privilege to work with them and be inspired by their creativity and commitment. It’s also been a great experience to work with Bob during this dynamic era of unprecedented growth and transformation. I remain grateful for that opportunity, and I’m confident that Disney’s future will be just as exciting as its legendary past.”

“Tom has been a great friend and trusted colleague for more than 20 years,” said Mr. Iger. “He’s made important contributions to this company, earning wide respect across the organization for his achievements and personal integrity. I’m proud of what we’ve accomplished together, immensely grateful for the privilege of working with him, and confident that he will be enormously successful in whatever opportunity he chooses.”

Many fans were hopeful that Staggs would eventually take over the role of CEO as they saw his reign over the Disney Parks and Resorts division as generally a good one.

Update: Various sources are reporting that Staggs left because he was told the Disney Board of Directors were not confident that he could lead the company. Which A) strikes me as bullshit. Staggs was 100% capable with a hand in many of the key business decisions in the last decade and a half (Pixar, Lucasfilm, Avatar, Marvel, etc) and B ) is a ridiculous move by the board as this leaves no obvious in-house successor. Investors are not likely to want to board a ship without a captain or a rudder, but that’s how the BoD has left the company.

Disney says that Staggs will remain employed by the Company in the role of special advisor to the Chief Executive Officer, Robert A. Iger, through this fiscal year.

This news leaves Disney on a rush search for a successor to Bob Iger who will be stepping down as Chair and CEO in two years. (I’m available, just sayin’.) Jay Rasulo (who was also in the running) stepped down last year after it was assumed that Staggs would get the CEO role.

Personally this makes my sleeper candidate, Kathleen Kennedy from Lucasfilm, more likely than I had thought. Do you have a candidate in mind?


http://thedisneyblog.com/2016/04/04/big-news-disney-losing-tom-staggs-heir-apparent-to-ceo-bob-iger/

Inviato da: Angelo1985 il 5/4/2016, 22:10

Non vedo l'ora se ne vada Iger e mi auguro che arrivi qualcuno che rimetta la barra dritta su ciò che è davvero Disney, perchè Iger ha fatto solo danni enormi per l'immagine della Company, resa un guazzabuglio di marchi, franchise e reboot, oltre ad aver permesso l'acquisizione degli Animation Studios da parte della Pixar.
Ben venga qualcuno di nuovo che destabilizzi il tutto.
E magari tornasse il nome di Walt.

icon_mickey.gif

Inviato da: LucaDopp il 5/4/2016, 22:49

CITAZIONE (Angelo1985 @ 5/4/2016, 22:10) *
oltre ad aver permesso l'acquisizione degli Animation Studios da parte della Pixar

Quando sarebbe successo?

E comunque l'azienda si chiama ancora "The Walt Disney Company" quindi non so cosa tu intenda con "tornasse il nome di Walt".

Inviato da: Angelo1985 il 5/4/2016, 23:20

Mi spiace informarti solo ora, ma il nome di Walt è stato rimosso da ogni prodotto con il quale la Company di fatto promuove i propri brand, in primis le proprie pellicole (pardon, file)...credo sia ormai un fatto notorio.

Eh sì, l'acquisizione è avvenuta tra gli studi, un'acquisizione di tipo culturale, scusa, "culturale" (ma anche personale, il capoccia è lo stesso!), non ho bisogno di spiegare l'ovvio, nè di cadere in flame lì dove certe cose sono state dette e ridette; se poi tu non le vedi perchè l'incanto di andare a prescindere al cinema ogni anno è troppo brillante, non è un mio problema Saluto.gif

icon_mickey.gif

Inviato da: LucaDopp il 6/4/2016, 1:05

CITAZIONE (Angelo1985 @ 5/4/2016, 23:20) *
Mi spiace informarti solo ora, ma il nome di Walt è stato rimosso da ogni prodotto con il quale la Company di fatto promuove i propri brand, in primis le proprie pellicole (pardon, file)...credo sia ormai un fatto notorio.

Eh sì, l'acquisizione è avvenuta tra gli studi, un'acquisizione di tipo culturale, scusa, "culturale" (ma anche personale, il capoccia è lo stesso!), non ho bisogno di spiegare l'ovvio, nè di cadere in flame lì dove certe cose sono state dette e ridette; se poi tu non le vedi perchè l'incanto di andare a prescindere al cinema ogni anno è troppo brillante, non è un mio problema Saluto.gif

Lo so benissimo, ma le scelte grafiche poco hanno a che vedere con la Company, che mantiene intatto il suo nome. Peraltro si sottovaluta sempre il ruolo che ebbe Roy, senza il quale Walt non sarebbe andato da nessuna parte (infatti in origine la società si chiamava Disney Bros.). Presumo che la scelta sia stata fatta per avere un marchio meno invasivo (quando le altre case di produzione non lo mettono affatto) e comune per tutti i film, anche per quelli che nulla hanno a che vedere con Walt Disney.

Poi vabbè, il resto sono solo tue opinioni e non fatti. Se i WDAS hanno lo stesso direttore creativo della Pixar non vuol mica dire che siano stati acquisiti dalla società, la gente che ci lavora non è la stessa. Sarebbe come dire che il D.C. United. abbia acquisito l'Inter perché le due squadre hanno lo stesso presidente... E poi i WDAS si erano già messi a produrre film in CGI (ben peggiori di quelli attuali) anche prima che la Pixar diventasse proprietà Disney, quindi di che parliamo?

Inviato da: Grrodon il 6/4/2016, 1:36

Di sciocchezze.

Non ha senso ridurre in due parole l'operato di Iger. Che include scelte ottime, pessime, furbette, lungimiranti e ottuse.

Però una cosa è certa: ha rimesso in piedi un'azienda in bancarotta rendendola la più potente del mondo. E per quanto non sia esattamente questo che volevamo, è questo che era stato chiamato a fare.


Inviato da: Simba88 il 6/4/2016, 9:23

CITAZIONE (Angelo1985 @ 5/4/2016, 23:20) *
Mi spiace informarti solo ora, ma il nome di Walt è stato rimosso da ogni prodotto con il quale la Company di fatto promuove i propri brand, in primis le proprie pellicole (pardon, file)...credo sia ormai un fatto notorio.

Eh sì, l'acquisizione è avvenuta tra gli studi, un'acquisizione di tipo culturale, scusa, "culturale" (ma anche personale, il capoccia è lo stesso!), non ho bisogno di spiegare l'ovvio, nè di cadere in flame lì dove certe cose sono state dette e ridette; se poi tu non le vedi perchè l'incanto di andare a prescindere al cinema ogni anno è troppo brillante, non è un mio problema Saluto.gif

icon_mickey.gif

Questo forum si chiama Disney Digital! È vero quindi che Bob Iger ha mandato una mail a Pan per rimuovere il nome "Walt" anche qua? :-P

Inviato da: brigo il 6/4/2016, 10:17

Sicuramente non inseriranno un idealista, o un artista. E i Disney interessati all'Arte di Disney son tutti morti, quindi ciao.
Chiameranno qualcuno che sappia far quadrare i conti, come Iger (in un modo o nell'altro) ha saputo fare.
Poi oh, se nella quadratura dei conti dovesse rientrarci un certo modo di fare cinema d'animazione, ben venga! Ma non credo che investire in attrezzature smantellate, poi ricomprate, infine rivendute, sia un buon modo per fare ca$h.

Inviato da: LucaDopp il 6/4/2016, 11:50

Poi io sono anche d'accordo sul fatto che Iger abbia sbagliato (solo a livello creativo, ovviamente) a imbastardire il marchio comprando Marvel e Lucasfilm. Ma cosa ci si aspetta dal suo successore, che le rivenda con quello che fruttano? Verrebbe liquidato in quattro e quattr'otto dal consiglio d'amministrazione...

Inviato da: Fra X il 6/4/2016, 13:58

Solo un anno c'è stato! blink.gif

Inviato da: kekkomon il 6/4/2016, 14:44

E' grave?

Inviato da: Beast il 6/4/2016, 19:10

CITAZIONE (brigo @ 6/4/2016, 9:17) *
Chiameranno qualcuno che sappia far quadrare i conti, come Iger (in un modo o nell'altro) ha saputo fare.

Proprio per questo motivo, avere uno Staggs che ben conosce la società dava garanzie maggiori rispetto ad un esterno che inevitabilmente comporta rischi più elevati di errore.

CITAZIONE (LucaDopp @ 6/4/2016, 10:50) *
Poi io sono anche d'accordo sul fatto che Iger abbia sbagliato (solo a livello creativo, ovviamente) a imbastardire il marchio comprando Marvel e Lucasfilm.

Se non compri rischi di essere comprato. La Disney è l'unica major ad essere rimasta indipendente e insediata nei dintorni di Hollywood; ciò è possibile grazie al rafforzamento della posizione tramite le acquisizioni. Meglio questo che finire come la Columbia fagocitata dalla Sony e con decisioni prese in Giappone (tanto per fare un esempio, ma anche le altre major hanno parent companies a cui devono rispondere). Piaccia o non piaccia, è il mercato di oggi e vale per tutti i settori, dall'auto agli alimentari.

Inviato da: LucaDopp il 6/4/2016, 19:48

CITAZIONE (Beast @ 6/4/2016, 19:10) *
Se non compri rischi di essere comprato. La Disney è l'unica major ad essere rimasta indipendente e insediata nei dintorni di Hollywood; ciò è possibile grazie al rafforzamento della posizione tramite le acquisizioni.

Questo è certo, ma credo che avrebbe potuto tranquillamente sopravvivere anche senza l'acquisto di Marvel e Lucasfilm visto che avrebbe comunque avuto un gran numero di proprietà che le fruttavano guadagni.

Inviato da: Angelo1985 il 6/4/2016, 22:43

Iniziassero a mangiare di meno loro, con l'attuale stipendio dimezzato del signor Iger la Disney camperebbe per almeno un secolo senza problemi e senza ricorrere a certe compromessi; ma avete idea di quanti soldi stiamo parlando? fagocitata, crisi di impresa, oh ma mangiassero meno!

E cmq no, il forum non ha bisogno di cambiare nome, è un sito web digitale, certo al capo non perdono la barra dedicata a Star Wars, della serie parifichiamoci ai Pixar/Marvel/Lucas Stores....da punire Pan, ora! starwars.gif felicissimo.gif

E cmq Iger è stato un imbroglione (e Lasseter e compagnia con lui) perchè certi film che hanno floppato hanno avuto meno peso di quanto non abbiano fatto altri film (che loro per primi speravano a far fallire); il personale è praticamente il medesimo, cercano con gli stessi curricula, giovani tecnici di computer grafica, che non si è adeguato per 30 denari (Musker&Clements i più ignobili) è stato messo in condizione di andarsene, cioè sotto Iger l'azienda ha perso alcuni dei migliori artisti, ma dico, solo io me ne ricordo?
Spero si levi gentilmente di torno il prima possibile e che al suo posto venga chiamato qualcuno che possa risistemare le cose, in primis licenziare una certa persona, eliminando un evidente conflitto di interesse che ormai dura da 10 anni.

icon_mickey.gif

Inviato da: IryRapunzel il 6/4/2016, 23:48

Su Twitter si parla di Kathleen Kennedy come "nuova Iger". La vedo difficilissima ma oh, ammetto che per certi versi mi piacerebbe.

Inviato da: Pan il 7/4/2016, 1:25

CITAZIONE (Angelo1985 @ 6/4/2016, 22:43) *
E cmq no, il forum non ha bisogno di cambiare nome, è un sito web digitale, certo al capo non perdono la barra dedicata a Star Wars, della serie parifichiamoci ai Pixar/Marvel/Lucas Stores....da punire Pan, ora! starwars.gif felicissimo.gif

Sebbene non si tratti di una produzione Disney, l'uscita in Blu-Ray è ugualmente un evento da celebrare. smile.gif In ogni caso, il banner rimarrà "in bella mostra" soltanto per alcuni giorni. wink.gif

Inviato da: Grrodon il 7/4/2016, 1:29

Se piazzano la Kennedy io festeggio.

Inviato da: LucaDopp il 7/4/2016, 13:59

CITAZIONE (Angelo1985 @ 6/4/2016, 22:43) *
sotto Iger l'azienda ha perso alcuni dei migliori artisti, ma dico, solo io me ne ricordo?

No, ma io mi ricordo che la stessa cosa è successa anche prima che arrivasse Iger. Mai sentito parlare dello sciopero degli animatori nel '41? E nel '79 se ne andarono una dozzina di animatori che erano insoddisfatti di come si facevano i film Disney all'epoca.

Inviato da: Angelo1985 il 7/4/2016, 20:57

CITAZIONE (Pan @ 7/4/2016, 1:25) *
Sebbene non si tratti di una produzione Disney, l'uscita in Blu-Ray è ugualmente un evento da celebrare. smile.gif In ogni caso, il banner rimarrà "in bella mostra" soltanto per alcuni giorni. wink.gif

Lo so, ma non importa voglio punirti comunque starwars.gif Roftl.gif

icon_mickey.gif

Inviato da: veu il 7/4/2016, 23:43

In tutta onestà non conosciamo la Kennedy... Che curriculum ha? O che idee ha?

Inviato da: Scrooge McDuck il 8/4/2016, 0:56

CITAZIONE (LucaDopp @ 6/4/2016, 11:50) *
Poi io sono anche d'accordo sul fatto che Iger abbia sbagliato (solo a livello creativo, ovviamente) a imbastardire il marchio comprando Marvel e Lucasfilm.

Quoto il tuo messaggio solo per rispolverare questa questione, non per dire qualcosa a te nello specifico.

Ma davvero vedete tutta questa invasione di Marvel e Lucasfilm nella Disney? Io sarà che vivo con le farfalle davanti agli occhi, ma a parte al Disneystore e nei parchi divertimento, proprio non noto questa "invasione", anzi.

La gente comune, non i nerd e non gli addetti al settore, probabilmente nemmeno sa che gli ultimi due film di Star Wars sono stati prodotti da Studios diversi, e se anche lo sapessero non gliene fregherebbe niente.
La Disney con la Marvel prima e con la Lucasfilm dopo è stata abilissima a mantenersi in una zona d'ombra quando si è trattato di promuovere il film: c'erano i detrattori (prima Marvel poi di Star Wars) che prevedevano disastri con le nuove pellicole generate dalla Disney, ma i fatti parlano chiaro e le operazioni sono tra le più riuscite della storia del cinema.

Nei parchi ci sono i personaggi Marvel a Tomorrowland? Sì, quindi? Qualcuno ha mai detto una parola della presenza di attrazioni dedicate a Indiana Jones o a Star Wars prima dell'acquisizione? C'era chi, indignato, gridava "e ora ci vedremo Iron Man camminare a Fantasyland insieme a Biancaneve e Pinocchio". In tutti i parchi Disney che ho visto non ho mai visto una sola volta un personaggio Marvel o di Star Wars decontestualizzato, anche perché è alla base di un parco Disney creare un contesto.

Noi fan (e, ripeto LucaDopp, non è riferito a te, è un discorso generale bleh.gif ) dobbiamo metterci in testa che in una azienda come questa ci lavora gente che forse, e dico forse, il suo lavoro lo sa fare e anche bene e che poco ci guadagnerebbe dallo sputtanare un marchio che dopo quasi 100 anni ancora fa incassare così tanto.

CITAZIONE (Angelo1985 @ 6/4/2016, 22:43) *
Spero si levi gentilmente di torno il prima possibile e che al suo posto venga chiamato qualcuno che possa risistemare le cose, in primis licenziare una certa persona, eliminando un evidente conflitto di interesse che ormai dura da 10 anni.

Eh sì, sicuramente Lasseter verrà cacciato dalla Disney dopo che con la sua guida gli studios stanno incassando come non mai e hanno finalmente ottenuto, oltre a due Oscar, riconoscimenti da pubblico e critica. blink.gif

Inviato da: Grrodon il 8/4/2016, 2:10

Tutto sacrosanto quello che dici.

Ma ci sono molti modi di sputtanare un marchio, in modo anche (apparentemente) molto "indolore": e dare il via alla cosa dei remake dei Classici penso sia uno di questi.

Inviato da: nunval il 8/4/2016, 11:30

Kathleen Kennedy è un nome che profuma di grande, grandissimo cinema: se fosse posta alla dirigenza Disney (oggi è co-direttrice della Lucasfilm) ne potremmo vedere delle belle: dato che ha prodotto, per la mia adorata Universal, cosucce come ET, Schindler's List e Jurassic Park, non potrei essere più contento, è una che di CINEMA se ne intende.

Inviato da: brigo il 8/4/2016, 11:40

E' praticamente il braccio destro di Spielberg da più di 30 anni e una delle fondatrici della Amblin Entertainment. Avere fra i papabili il nome di una persona così vicina al mondo del cinema di qualità sarebbe confortevole.

Inviato da: kekkomon il 8/4/2016, 11:41

CITAZIONE (nunval @ 8/4/2016, 11:30) *
Kathleen Kennedy è un nome che profuma di grande, grandissimo cinema: se fosse posta alla dirigenza Disney (oggi è co-direttrice della Lucasfilm) ne potremmo vedere delle belle: dato che ha prodotto, per la mia adorata Universal, cosucce come ET, Schindler's List e Jurassic Park, non potrei essere più contento, è una che di CINEMA se ne intende.

Ha prodotto anche l'ultimo Star Wars, mi sa che è fattibile.

Inviato da: Scrooge McDuck il 8/4/2016, 11:50

CITAZIONE (Grrodon @ 8/4/2016, 2:10) *
Tutto sacrosanto quello che dici.

Ma ci sono molti modi di sputtanare un marchio, in modo anche (apparentemente) molto "indolore": e dare il via alla cosa dei remake dei Classici penso sia uno di questi.

E io sono d'accordo con te, perché anche io ho una visione romantica di ciò che è la Disney.
Però, per come vanno le cose, non posso che vedere il bicchiere mezzo pieno: quanti altri studios producono film d'animazione originali con la stessa regolarità e con lo stesso successo dei WDAS?
Certo, la Disney era la Disney, e quell'idea si è persa col tempo, ma guardarsi un attimo intorno e vedere il panorama, per certi versi non esaltante, della Hollywood di oggi mi vien da dire: avercene di studi che operano così!
Magari sarà un'idea sbagliata la mia, ma ogni progetto che producono mantiene (almeno in parte) quella che era e che è la mission di Walt: mantenere vivo il fanciullo che è in noi.

Poi che si voglia cancellare con un colpo di spugna il tal classico per smerciare magliette del "nuovo" Mowgli anche a me fa storcere il naso, ma penso: 1) il vecchio classico non verrà mai dimenticato 2) a prescindere, questi nuovi film non sono da buttare (ECCEZIONE PER MALEFICENT CHE È IL MALE ASSOLUTO).

Inviato da: Grrodon il 8/4/2016, 14:04

Io non riconosco identità tra Walt Disney Company e WDAS, per fortuna di questi ultimi.

Ma cmq penso anche io che in uno scenario come questo riuscire ad essere come sono oggi i WDAS sia un miracolo. Ma è merito loro, della loro eredità e della gente che ci opera.

Tantevvero che basta mettere mezzo passo fuori da quel "nucleo virtuoso" per trovare il devasto.

Inviato da: Angelo1985 il 8/4/2016, 20:11

CITAZIONE (Scrooge McDuck @ 8/4/2016, 0:56) *
Quoto il tuo messaggio solo per rispolverare questa questione, non per dire qualcosa a te nello specifico.

Ma davvero vedete tutta questa invasione di Marvel e Lucasfilm nella Disney? Io sarà che vivo con le farfalle davanti agli occhi, ma a parte al Disneystore e nei parchi divertimento, proprio non noto questa "invasione", anzi.

La gente comune, non i nerd e non gli addetti al settore, probabilmente nemmeno sa che gli ultimi due film di Star Wars sono stati prodotti da Studios diversi, e se anche lo sapessero non gliene fregherebbe niente.
La Disney con la Marvel prima e con la Lucasfilm dopo è stata abilissima a mantenersi in una zona d'ombra quando si è trattato di promuovere il film: c'erano i detrattori (prima Marvel poi di Star Wars) che prevedevano disastri con le nuove pellicole generate dalla Disney, ma i fatti parlano chiaro e le operazioni sono tra le più riuscite della storia del cinema.

Nei parchi ci sono i personaggi Marvel a Tomorrowland? Sì, quindi? Qualcuno ha mai detto una parola della presenza di attrazioni dedicate a Indiana Jones o a Star Wars prima dell'acquisizione? C'era chi, indignato, gridava "e ora ci vedremo Iron Man camminare a Fantasyland insieme a Biancaneve e Pinocchio". In tutti i parchi Disney che ho visto non ho mai visto una sola volta un personaggio Marvel o di Star Wars decontestualizzato, anche perché è alla base di un parco Disney creare un contesto.

Noi fan (e, ripeto LucaDopp, non è riferito a te, è un discorso generale bleh.gif ) dobbiamo metterci in testa che in una azienda come questa ci lavora gente che forse, e dico forse, il suo lavoro lo sa fare e anche bene e che poco ci guadagnerebbe dallo sputtanare un marchio che dopo quasi 100 anni ancora fa incassare così tanto.


Eh sì, sicuramente Lasseter verrà cacciato dalla Disney dopo che con la sua guida gli studios stanno incassando come non mai e hanno finalmente ottenuto, oltre a due Oscar, riconoscimenti da pubblico e critica. blink.gif

Hai ragione, il nerd non verrà mai rimosso e Iger passerà alla storia come uno dei migliori dirigenti della Company visti gli incassi, le acquisizioni e i bilanci; ma, personalmente, guarderei ogni tanto anche al lato artistico di una multinazionale che alla base è nata come produttrice di opere d'arte dell'intrattenimento e, mi spiace, ma è evidente che la qualità sia colata a picco; e per qualità intendo anche il fatto che i Disney Store siano pieni di Star Wars e Marvel o che nei Parchi girino anche loro come personaggi (ma trovo più vergognoso che girino quelli della Pixar), semplicemente perchè già la percezione del pubblico è totalmente andata a p***ane come "adoro il nuovo film della Disney, l'hai visto, Inside Out! Dopo Frozen è il mio preferito!", se ci mettiamo pure altra roba cavalcando la confusione allora non ne usciamo secondo me, e sul lungo periodo vedremo gli effetti; a cominciare da un'intera saga di Big Hero 6, per carità carino, sulla sufficienza, ma davvero occorre farne una saga?
E non solo di questo, praticamente è accertato che che da Ralph in poi tutti i Classici avranno dei seguiti, perfino Moana secondo me, perchè è questa la cosa peggiore, che invece di provare a essere diversa da tutto lo schifo attorno, il signor Iger ha semplicemente esteso le caratteristiche del cinema moderno alla Company che, per prima, avrebbe dovuto differenziarsi rimanendo se stessa; e allora ecco tutti i marchi da acquisire eliminando la concorrenza e, anzi, facendosene assorbire, ecco i numeri 2-3-4-5 di ogni Classico, ecco tutti e dico tutti i live-action dei Classici stessi (che per carità, alcuni posso capirli, ma davvero c'era bisogno di fare il live action Mowgli, dove tutti gli animali sono necessariamente finti?), ecco i Parchi totalmente assaliti da tutto ciò che può essere di diverso facendone perdere parte della magia, ecco che i WDAS si appiattiscono sulle stesse tecniche "artistiche" e narrative della Pixar (e viceversa, vedi Brave) perchè tanto così arrivano i premi e i soldini.
Ripeto, se occorre guardare soltanto agli incassi e ai premi, allora Iger andrebbe riconfermato per almeno altri 15 anni, Lasseter meriterebbe una statua in pixel, così che ogni pochino il pubblico continuerebbe a essere sorridente fuori dai cinema; personalmente, invece, vedo solo un pubblico lobotomizzato, assuefatto da certe scelte e certe logiche, che si accontenta di uno status quo "perchè tanto è così, tanto funziona, la Company è salva e i premi sono tantissimi!" insomma, alla fine ben felice di avere sempre più cose da recensire o di cui parlare perchè tanto alla fine conta più condividere uno status che, realmente, tenere gli occhi aperti e capire come ci si trovi di fronte a un grande calderone mediatico dove finisce tutto, dove ogni 3/4 settimane esce un qualcosa che cancella l'esperienza precedente, dove non distingui più nemmeno chi o cosa al lavorato a un determinato progetto.

Personalmente tifo per la Kennedy, ma da quello che vedo (e leggo anche qui), alla fine credo che se restasse Iger (e con lui il nerd a capo di tutto) in fondo andrebbe bene a molti.

icon_mickey.gif

Inviato da: Enrico il 8/4/2016, 21:39

CITAZIONE (nunval @ 8/4/2016, 11:30) *
Kathleen Kennedy è un nome che profuma di grande, grandissimo cinema: se fosse posta alla dirigenza Disney (oggi è co-direttrice della Lucasfilm) ne potremmo vedere delle belle: dato che ha prodotto, per la mia adorata Universal, cosucce come ET, Schindler's List e Jurassic Park, non potrei essere più contento, è una che di CINEMA se ne intende.

Ma più che altro la trilogia di Ritorno al Futuro.

Inviato da: IryRapunzel il 8/4/2016, 21:58

Preciso che il nome della Kennedy NON è un rumor ma semplicemente un desiderio dei fan! Su Twitter molti fan hanno espresso il desiderio di vedere la Kennedy in quel ruolo, ma non è stato confermato che sia stata presa in considerazione davvero...

Inviato da: veu il 8/4/2016, 23:00

Grazie Nunval per averci detto chi è la Kennedy! sembrerebbe un buon acquisto anche se poi, pure lei sarebbe soggetta alle regole della Company

Scrooge McDuck, noi non troviamo Maleficent il male assoluto della Disney di oggi, anzi, pensiamo sia stata una rilettura intelligente del classico che voleva proporre una storia nota sotto un'altra prospettiva. sappiamo che può essere aberrante ma forse proprio questa caratteristica rende Maleficent un film che secondo noi ha dei pregi non da poco... poi a noi è piaciuto tantissimo ma cerchiamo di parlarne (per quanto possibile) in maniera oggettiva... delle pecche ci sono in Maleficent (le fate) come in Cenerentola (le sorellastre che poi sono come le Fate di Maleficent, stesso ruolo e stesso problema di fondo cioè troppo esagerate nella loro comicità) però alla fine sono adattamenti che si fanno vedere e vanno visti come tali, non crediamo certo all'idea che in futuro i live sostituiscano i film animati nell'immaginario collettivo, però è un modo per avvicinare una fetta di pubblico (i nostalgici, coloro che amano le fiabe) al cinema live action che comunque produrrà anche film originali tratti da fiabe (come il futuro Schiaccianoci)... forse l'idea di alcuni remake può essere anche stata nell'educare la gente che le fiabe possano essere anche in live action e così anche fare dei film fiabeschi originali in live action. Secondo noi si presterebbero delle fiabe che non sono mai state adattate dalla Disney, vuoi anche per la difficoltà di adattarle date le trame (pensiamo a Schiaccianoci appunto ma anche a Tremotino, Barbablu, Pelle d'asino, I Cigni selvatici) o fantasy che potrebbero essere rilanciati data la pessima fama che hanno avuto a cartoni animati (vedesi Le Cronache di Prydain)...

Inviato da: Scrooge McDuck il 9/4/2016, 15:55

CITAZIONE (veu @ 8/4/2016, 23:00) *
Scrooge McDuck, noi non troviamo Maleficent il male assoluto della Disney di oggi, anzi...

Non voglio riaprire l'argomento, dico solo che conosco il vostro punto di vista :-) il mio si basa esclusivamente sull'aspetto del film, (diretto, recitato e soprattutto montato male, parere personale s'intende), prodotto che lo rende ai miei occhi una schifezza da dimenticare il prima possibile. Il paragone col classico non l'ho mai fatto nelle mie "crociate" contro ad esso. Chiuso l'OT happy.gif

Inviato da: Fra X il 27/3/2017, 13:53

Per farsi due risate al momento. eheheh.gif

http://www.badtaste.it/2017/03/27/rumour-apple-disney/232462/

Inviato da: Beast il 27/3/2017, 18:33

CITAZIONE (Fra X @ 27/3/2017, 12:53) *
Per farsi due risate al momento. eheheh.gif

http://www.badtaste.it/2017/03/27/rumour-apple-disney/232462/

Io non riderei troppo, la possibilità che Apple o i cinesi acquisiscano la Disney è bassa ma tutt'altro che nulla.

PS. Iger ha rinnovato il contratto per un'ulteriore anno, perciò sarà CEO fino a metà 2019. Ormai è il terzo o quarto rinnovo annuale.

Inviato da: Scrooge McDuck il 27/3/2017, 19:03

Avevo persino letto che stava considerando di candidarsi alla Casa Bianca tra 4 anni....

Tornando alla Apple che compra la Disney, per restare in tema di notizie folli, la trovo una possibilità sconcertante.

Inviato da: LucaDopp il 28/3/2017, 2:45

Con quello che sta guadagnando la Disney sotto la dirigenza di Iger, sarebbe strano che venisse sostituito.

Inviato da: Beast il 28/3/2017, 9:23

CITAZIONE (LucaDopp @ 28/3/2017, 1:45) *
Con quello che sta guadagnando la Disney sotto la dirigenza di Iger, sarebbe strano che venisse sostituito.

Fu Iger stesso qualche anno fa a esprimere il desiderio di ritirarsi. Siccome trovare un suo successore è stato fin qui molto problematico, lo stanno convincendo a suon di milioni a rinnovare anno dopo anno.

Inviato da: Fra X il 28/3/2017, 12:29

Giusto a livello curiositivo, ieri ho letto che la vedova Jobs il mese scorso ha ceduto alla Disney il 3% delle sue azioni.

CITAZIONE (Beast @ 27/3/2017, 18:33) *
PS. Iger ha rinnovato il contratto per un'ulteriore anno, perciò sarà CEO fino a metà 2019. Ormai è il terzo o quarto rinnovo annuale.

Quindi alla fine ha rinnovato? Vabbé, a stò punto ci attendono altri suoi 10 anni di presidenza. XD Speriamo non inizi ad avere deliri di onnipotenza come Eisner e Blatter alla FIFA. pray.gif

CITAZIONE (Beast @ 28/3/2017, 9:23) *
Siccome trovare un suo successore è stato fin qui molto problematico

Bel modo di programmare il futuro. wacko.gif tongue.gif

Inviato da: Capitano Amelia il 28/3/2017, 17:56

CITAZIONE (Scrooge McDuck @ 27/3/2017, 19:03) *
Avevo persino letto che stava considerando di candidarsi alla Casa Bianca tra 4 anni....

Notizia assodata o è un rumor tipico da uccelli del malagurio? Sarà di certo meglio di Trump, ma non ce lo vedo come futuro presidente...

Inviato da: Scrooge McDuck il 3/4/2017, 13:19

CITAZIONE (Capitano Amelia @ 28/3/2017, 17:56) *
Notizia assodata o è un rumor tipico da uccelli del malagurio? Sarà di certo meglio di Trump, ma non ce lo vedo come futuro presidente...

Notizia originale -> http://www.hollywoodreporter.com/rambling-reporter/will-disneys-bob-iger-run-president-2020-hollywood-friends-are-nudging-981626

Articolo di BadTaste -> http://www.badtaste.it/2017/03/02/bob-iger-disney-candidatura-presidente/225258/

Inviato da: Fra X il 5/4/2017, 17:49

Io comunque temo di più il dopo Lasseter. pray.gif

Inviato da: Simba88 il 5/10/2017, 21:06

Bob Iger annuncia quando lascerà il ruolo di CEO della Walt Disney

Il CEO della Walt Disney Company, Bob Iger, ha annunciato quando lascerà il ruolo di Amministratore Delegato della compagnia.

Nel corso del VF Summit Iger ha difatti dichiarato: “Lascerò la Walt Disney a metà del 2019. Stavolta, dico sul serio.”

Iger è stato nominato Presidente della Walt Disney nel 2000, per poi assumere anche il ruolo di Chief Executive Officer nel 2005. Alla sua gestione si devono le acquisizioni da parte del gruppo di compagnie come Pixar, Marvel e Lucasfilm. Iger rimarrà in carica fino a metà del 2019 per consentire all’azienda di trovare un successore. Non ha voluto sbilanciarsi su alcuni possibili nomi:

"Ne verremo a capo a tempo debito. Al momento [fare nomi] è prematuro."

Fonte: Badtaste.it
https://www.badtaste.it/2017/10/05/bob-iger-annuncia-addio-walt-disney/271050/

Inviato da: Angelo1985 il 5/10/2017, 22:26

CITAZIONE (Fra X @ 5/4/2017, 17:49) *
Io comunque temo di più il dopo Lasseter. pray.gif

Per me non sarà mai troppo presto...
Un imbonitore bugiardo osannato come il nuovo Walt, vergogna...

icon_mickey.gif

Inviato da: Fra X il 31/10/2017, 17:33

Ecco che fine ha fatto il mitico ed amato-odiato Michael Eisner! laugh.gif

http://calcioesteronews.it/europa/inghilterra/dal-colosso-walt-disney-alla-piccola-portsmouth-lincredibile-viaggio-di-michael-eisner/

Inviato da: Fra X il 6/10/2018, 15:03

https://www.badtaste.it/2018/09/28/star-wars-kathleen-kennedy-confermata-alla-guida-della-lucasfilm-per-altri-tre-anni/335730/

Inviato da: Fra X il 24/10/2018, 19:30

La fine di un’ era!

https://www.badtaste.it/2018/10/24/ed-catmull-co-fondatore-della-pixar-si-ritira/339847/

Inviato da: LucaDopp il 24/10/2018, 20:35

Giusto che si faccia un ricambio generazionale. Che questo sia positivo a livello creativo, però, è un altro paio di maniche.

Inviato da: Beast il 25/10/2018, 15:55

Grazie di tutto Edwin! worshippy.gif worshippy.gif

Inviato da: Fra X il 20/3/2019, 15:31

https://www.badtaste.it/2019/03/20/ufficiale-da-oggi-la-fox-e-una-sussidiaria-della-disney/362238

Cos ' altro può acquisire ora il buon Bob?😁

Inviato da: Scrooge McDuck il 22/3/2019, 1:54

CITAZIONE (Fra X @ 20/3/2019, 14:31) *
https://www.badtaste.it/2019/03/20/ufficiale-da-oggi-la-fox-e-una-sussidiaria-della-disney/362238

Cos ' altro può acquisire ora il buon Bob?😁


Ma più che altro, tra pochi mesi non dovrebbe ritirarsi nelle sue stanze?
Non si hanno voci di corridoio su quale sarà il suo successore???

Inviato da: winnie & pimpi il 1/5/2019, 20:42

Se volete sapere cosa è diventata la Disney, vi consiglio questo articolo:

Abigail Disney, la nipote di Walt Disney, in un'intervista al Guardian ha dichiarato che Bob Iger, CEO della Walt Disney Company, nel 2018 ha preso uno stipendio di quasi 66 milioni di dollari (1424 volte più dello stipendio medio di un dipendente Disney), mentre alcuni lavoratori di Disneyland sono costretti a vivere in macchina per poter sopravvivere, non potendosi permettere un affitto.
Abigail Disney: “Quando ha ottenuto il suo bonus [Iger] l’anno scorso ho fatto i conti, e ho capito che avrebbe potuto dare personalmente, di tasca, un aumento del 15% a tutti quelli che lavorano a Disneyland, e gli sarebbero rimasti 10 milioni,” ha dichiarato Abigail Disney ad un evento, aggiungendo che il livello di retribuzione di Iger ha un “effetto corrosivo sull’intera società”.

https://www.theguardian.com/us-news/2019/apr/26/abigail-disney-bob-iger-amazon-jeff-bezos

http://imperoland.it/nipote-di-walt-disney-critica-lazienda/

Inviato da: Fulvio84 il 2/5/2019, 12:51

CITAZIONE (winnie & pimpi @ 1/5/2019, 20:42) *
Se volete sapere cosa è diventata la Disney, vi consiglio questo articolo:

Abigail Disney, la nipote di Walt Disney, in un'intervista al Guardian ha dichiarato che Bob Iger, CEO della Walt Disney Company, nel 2018 ha preso uno stipendio di quasi 66 milioni di dollari (1424 volte più dello stipendio medio di un dipendente Disney), mentre alcuni lavoratori di Disneyland sono costretti a vivere in macchina per poter sopravvivere, non potendosi permettere un affitto.
Abigail Disney: “Quando ha ottenuto il suo bonus [Iger] l’anno scorso ho fatto i conti, e ho capito che avrebbe potuto dare personalmente, di tasca, un aumento del 15% a tutti quelli che lavorano a Disneyland, e gli sarebbero rimasti 10 milioni,” ha dichiarato Abigail Disney ad un evento, aggiungendo che il livello di retribuzione di Iger ha un “effetto corrosivo sull’intera società”.

https://www.theguardian.com/us-news/2019/apr/26/abigail-disney-bob-iger-amazon-jeff-bezos

http://imperoland.it/nipote-di-walt-disney-critica-lazienda/


Nn posso darle torto! Quando l'anno scorso ho visitato DisneyWorld a orlando, ho personalmente fatto amicizia con un dipendete che per qualche mese ha dormito in auto, perche' non poteva permettersi una casa. Ultimamente l'ho risentito e si sta organizzando con quelle specie di case mobili parcheggiate in piante stabile, perche' un'appartamento vero e' troppo costoso...credo sia una cosa terribile!

Fornito da Invision Power Board (http://nulled.cc)
© Invision Power Services (http://nulled.cc)