Benvenuto Visitatore ( Log In | Registrati )


126 Pagine V  « < 112 113 114 115 116 > »   
Reply to this topicStart new topic
> Fiabe Europee, Non ci sono solo i film Disney!
veu
messaggio 10/4/2016, 0:19
Messaggio #2713


Gold Member
*******

Gruppo: Moderatore
Messaggi: 17.816
Thanks: *
Iscritto il: 27/8/2005




Qui un articolo interessantissimo che parla un po' delle ispirazioni delle fiabe, dei personaggi che hanno ispirato le fiabe e scopriamo chi è che ha ispirato la mitica Sheherzade!

Dal sito Io9.Gizmodo:

9 Real People Who May Have Inspired Fairy Tales

Fairy tales and folklore come from a variety of sources, changing as they are told and retold. And some of these tales have been inspired by real historical figures, whose lives either formed the genesis of the story or altered it along the way. So what is fact and what is fiction?

Numerous fairy tales have some germ in real historical events. You have stories like "Hansel and Gretel," where the characters may not be based on specific characters, but is inspired by the very real horrors of famine. There's the "Pied Piper of Hamelin," which is set in the actual town of Hamelin (or Hameln), Germany, where local legend claims that 130 children were seduced away from home by a piper. Some commentators link the "piper" to charismatic figures like Nicholas of Cologne, who encouraged children to join the Children's Crusade. But a more modern theory asserts that the story of the piper is more allegorical, and that it doesn't represent a historical incident in which children were lured away by a sole figure but rather represents young people emigrating to other regions.

But some fairy tales have been linked to real people whose personal histories and legends may have found their ways into fairy tales. However, it is important to remember that, before these fairy tales were canonized in Western literature through the likes of Charles Perrault and the Brothers Grimm, many of the people mentioned in this piece already aspects of their lives reinterpreted again and again through folklore and gossip, so that there are often gulfs between the real people and the familiar tales.

So how did these people actually influence these tales? Author and scholar J.R.R. Tolkien actually had a bit to say about that in his seminal lecture "On Fairy-Stories," discussing the similarities between romances about Bertrada of Laon, the mother of Charlemagne who is often referred to as "Bertha Broadfoot," and "The Goose Girl," a fairy tale recorded by the Grimms:

Speaking of the history of stories and especially of fairy-stories we may say that the Pot of Soup, the Cauldron of Story, has always been boiling, and to it have continually been added new bits, dainty and undainty. For this reason, to take a casual example, the fact that a story resembling the one known as The Goosegirl (Die Gänsemagd in Grimm) is told in the thirteenth century of Bertha Broadfoot, mother of Charlemagne, really proves nothing either way: neither that the story was (in the thirteenth century) descending from Olympus or Asgard by way of an already legendary king of old, on its way to become a Hausmärchen; nor that it was on its way up. The story is found to be widespread, unattached to the mother of Charlemagne or to any historical character. From this fact by itself we certainly cannot deduce that it is not true of Charlemagne's mother, though that is the kind of deduction that is most frequently made from that kind of evidence. The opinion that the story is not true of Bertha Broadfoot must be founded on something else: on features in the story which the critic's philosophy does not allow to be possible in "real life," so that he would actually disbelieve the tale, even if it were found nowhere else; or on the existence of good historical evidence that Bertha's actual life was quite different, so that he would disbelieve the tale, even if his philosophy allowed that it was perfectly possible in "real life." No one, I fancy, would discredit a story that the Archbishop of Canterbury slipped on a banana skin merely because he found that a similar comic mishap had been reported of many people, and especially of elderly gentlemen of dignity. He might disbelieve the story, if he discovered that in it an angel (or even a fairy) had warned the Archbishop that he would slip if he wore gaiters on a Friday. He might also disbelieve the story, if it was stated to have occurred in the period between, say, 1940 and 1945. So much for that. It is an obvious point, and it has been made before; but I venture to make it again (although it is a little beside my present purpose), for it is constantly neglected by those who concern themselves with the origins of tales.

On the other hand, you will occasionally come across an almost plausible, but utterly untrue "real" story behind a fairy tale. For example, Hans Traxler's 1963 book The Truth About Hansel and Gretel, which claims that the witch in the tale was based on a real woman called the "baker witch" who invented gingerbread, is a hoax, if an amusing one. And there are fairy tales that are connected to people whose existence is difficult to verify. Many scholars connect the story of Rapunzel to an early damsel-in-a-tower story, that connected to the Christian Saint Barbara. But there aren't contemporary historical writings about Barbara, so even beyond the whole locked-in-a-tower thing, it's hard to say who she really was, if she existed. Incidentally, the whole hair ladder business can be traced to a Persian predecessor of Rapunzel, Rudāba, who appears in Ferdowsi's Shahnameh.

A particularly helpful resource in research this post is SurLaLune, which features annotations and backgrounds on numerous fairy tales. This post was inspired by a Mental Floss post about two possible historical Snow Whites.

1. Conomor (Bluebeard)

Charles Perrault published "La Barbe bleue" in his Tales of Mother Goose, recounting the story of a woman who marries a nobleman who has been widowed many times over. When he leaves for a trip, the man tells his bride that she may go into any part of his castle, save for a tiny room beneath the room. Overwhelmed by curiosity in her husband's absence, the young woman unlocks the room and discovers, to her horror, that it is filled with the bodies of his brutally murdered previous wives. Things end happily for her—yes, her terrible husband finds out about her trespass, but he's killed by the woman's brother before she can join the rest of his wives.

Bluebeard likely comes from earlier Breton legends (and many of the motifs are ancient; just look at "Cupid and Psyche" for wifely curiosity), and there are a few contenders for the murderous nobleman's inspiration. Among them in Conomor, an early medieval ruler of Brittany, who appears in Gregory of Tours' Historia Francorum. According to historical accounts, Conomor was married to a woman named Tréphine, the daughter of Waroch, count of Vannes, and murdered both her and their son.

A popular myth rose up around Conomor and Tréphine, who is sometimes regarded as a saint. According to the myth, Conomor was many times widowed when he married Tréphine. After Tréphine comes across a room containing relics of Conomor's wives, their ghosts appear to warn her that Conomor will kill her if she becomes pregnant. Sure enough, after Tréphine becomes pregnant, Conomor hunts her down and beheads her. Fortunately for Tréphine, St. Gildas is able to replace her head upon her shoulders, mystically bringing her back to life. She gives birth to a son, Trémeur, who ultimately falls to Conomor's blade.

2. Gilles de Rais (Bluebeard, Part Deux)

While Conomor has the whole wife-killing and mythical trophy room going for him, another historic Breton often termed "Bluebeard" is Gilles de Rais. The 15th-century Baron de Rais was famous for fighting alongside Joan of Arc in the Hundred Years' War, but that glory is often overshadowed by his alleged crimes. Gilles was accused of, and ultimately confessed to, sodomizing and murdering dozens, perhaps hundreds, of children. Forty bodies were discovered and Gilles was executed by hanging and burning in 1440.

So what's the connection between the bloody baron and Bluebeard? Well, some think it comes from the idea of a monstrous noblemen, one whose reputation causes parents to warn their children away from his estate—much as the maidens in Perrault's story knew to steer clear of Bluebeard. Gilles de Rais was actually "retried" in 1992 by an arbitration court of writers, historians and doctors, who found the long-dead nobleman not guilty.

3. Margaretha von Waldeck (Snow White)


This claim is recent and comes from just one source, so take it with the appropriate grains of salt. In 1994, German historian Eckhard Sander published Schneewittchen: Marchen oder Wahrheit? (Snow White: Is It a Fairy Tale?), claiming he had uncovered a story that may have inspired this particular slumbering princess. According to Sander, 16th-centurry Count Philip IV of Waldeck had a daughter named Margaretha who was not particularly liked by Count Philip's second wife, Catherine of Hatzfeld. He claims that, at one point, Margaretha became the mistress of Phillip II of Spain, but her happy story was cut short when her health failed and, at age 21, she died. According to Sander, Margaretha's shaky handwriting toward the end of her life suggested that she may have been poisoned. But Margaretha's stepmother was already eight years dead by the time the young lady took her final breath in 1554.

Sander also has a theory for that poisoned apple business. He says there is a historical account of a man being arrested for giving children poisoned apples, and that those real apples made their way into fairy tales.

4. Maria Sophia Margaretha Catharina Freifräulein Von Erthal (Snow White Again)

Not convinced by Sander's claim about Margaretha? Well, there is another possible historical Snow White, Maria Sophia Von Erthal. A fabulist study group in Lohr, Bavaria, claims that theirs is the true Snow White. This alleged Snow White was the daughter of Philipp Christoph von Erthal, a 18th-century landowner and senior administrator of the Prince Elector of Mainz, and Maria Eva, Baroness von Bettendorff. After the baroness' death, Erthal remarried, this time to Claudia Elisabeth Maria von Venningen, Countess of Reichenstein. The countess was said to be quite domineering when it came to her stepchildren.

The biggest piece of evidence from the fabulists' perspective is that the castle where Maria Sophia was born is home to a "magic mirror." The Mirror Manufacture of the Electorate of Mainz in Lohr constructed "talking mirrors," acoustical toys that seemed to speak. This particular mirror was constructed in 1720, and the belief is that it was in the house at the time that the Countess of Reichenstein lived there. The fabulists claim that the story of Snow White was inspired by Claudia Elisabeth Maria's harsh treatment of her stepdaughter, who was otherwise universally beloved.

The stories of both of these women are set in mining towns. Sander claims that the so-called dwarves were inspired by children who worked the mines and the fabulists of Lohr claim that the smallest tunnels could be access only by very short miners.

5. Rhodopis (Cinderella)

The Cinderella story greatly pre-dates the fairy tale "Cinderella," and the first known instance of a Cinderalla story is that of Rhodopis, whose story is told by the Greek historian Strabo in the first century BC. But the likely historical Rhodopis lived a few centuries earlier and appears in the writings of 6th-century BC historian Herodotus. This Rhodopis was a slave—and apparently had an affair with her fellow slave, the storyteller Aesop—and served as a hetaira, a sort of courtesan. Charaxus, the brother of Sappho, apparently fell in love with Rhodopis and purchased her freedom, something that apparently earned him a scolding poem from his sister. (It is not entirely clear whether Rhodopis is the same person as Doricha, the courtesan connected to Charaxus in this story; but Rhodopis/Doricha appears to be either one or two real women.) Herodotus says that Rhodopis continued her work as a hetaira after that and became so wealthy that she had a memorial built to herself in Delphi.

Strabo's tale of Rhodopis is a bit more fanciful, and more easily recognizable as a Cinderella story. In this story, Rhodopis (whom Strabo claims is called "Doricha" by Sappho) is living in Naucratis, Egypt, the place where Charaxus bought her freedom. One day, a bird steals Rhodopis' sandal and carries it off, eventually dropping it in the lap of the king of Egypt. The king seeks out the owner of the sandal and eventually discovers Rhodopis in Naucratis and marries her—without any pesky stepsisters getting in the way.

6. Jenny Lind (The Nightingale - The Snow Queen)

Hans Christian Andersen's fairy tales came from a variety of sources. Some were retellings of stories he had heard in his youth; others were inspired by events from his childhood. And some of the tales appear to have been based on people who fascinated Andersen. One such person was opera singer Johanna Marie "Jenny" Lind. Lind was a 19th-century superstar, traveling across Europe and America (the latter was on PT Barnum's dime) to show off her talents as a soprano.

Andersen was obsessed with Lind, and although his more passionate affections for her were never requited, the two did become friends. He wrote in his autobiography, "Through Jenny Lind I first became sensible of the holiness of Art. Through her I learned that one must forget one's self in the service of the Supreme. No books, no men, have had a more ennobling influence upon me as a poet than Jenny Lind."

Many Andersen scholars see Lind's influence in multiple Andersen stories, notably in "The Nightingale," his tale of a Chinese Emperor who falls in love with a nightingale's song only to lose interest after receiving a beautiful mechanical bird. Andersen watched one of Lind's Copenhagen performances before penning the story, and also paid a visit to the newly opened Tivoli Gardens, which featured a strong Asian motif. The story actually influenced Lind's life as well; after its publication, Lind became popularly known as "the Swedish Nightingale."

In the Oxford Dictionary of National Biography, Carol Rosen wrote of Lind, "She inspired at least partly two of his best-known children's stories, The Ugly Duckling and The Emperor's Nightingale, but when she rejected him as a suitor she became the Snow Queen, whose heart was made of ice." But Rosen may have been taking poetic license on that last point.

7. Al-Khayzuran bint Atta (Scheherazade)


The name for the clever storyteller from The Thousand and One Nights may come from the legendary queen Homai of Kianian, who was known by the epithet Chehrazad. But the historical figure who is often cited as the prototypical Scheherazade is Al-Khayzuran, mother of the Abbasid caliph Harun al-Rashid. Al-Khayzuran was kidnapped by slavers as a child, but she ended up marrying the caliph Al-Mahdi. Al-Khayzuran convinced Al-Mahdi to make her sons his heirs over the children of his other wives, and was said to have wielded great influence over her son during his reign.

8. Harun al-Rashid (Harun al-Rashid, The Thousand and One Nights)

While his mother may have provided an inspiration for Scheherazade, Harun al-Rashid himself turns up in many of the folkloric tales in The Thousand and One Nights. Harun was a famed patron of the arts and education, and his establishment of Baghdad as an arts center influenced the portrayals of the glittering Baghdad court in the stories. A fictional version of Harun turns up in several stories, including "Harun al-Rashid and Abu Hasan, the Merchant of Oman," "The Tale of Attaf," and "The Tale of the Murdered Young Woman."

Thanks to his featured role in The Thousand and One Nights, Harun frequently turns up in modern fiction that plays off of folklore, including Neil Gaiman's comic Sandman, and Italo Calvino's metafictional If on a winter's night a traveler, and likely gives his name to the titled character in Salman Rushdie's Haroun and the Sea of Stories.

Incidentally, in both real-life and fiction, Harun al-Rashid had a vizier named Ja'far.

9. Richard Whittington (Dick Whittington and His Cat)

This is a more obscure story to modern readers, but it's a great example of how folklore can spring up around a real person, completely twisting the details of their life. The real Richard Whittington was the grandson of a knight-at-arms and son of a wealthy landowners. He himself became a successful textile trader—in fact, he was so wealthy that, by 1397, he was lending money to the King of England. He became a Councilman and, later, became mayor of London, a position he served in four times. Whittington was also a great philanthropist, financing a unmarried mother's ward, public drainage systems, a public toilet, and Greyfriars library during his lifetime and leaving the grand sum of £7,000 to charity upon his death.

The folkloric Dick Whittington was also the mayor of London and also a great philanthropist, but that is where the similarities end. By the early 17th century, Dick Whittington's biography went something like this: the young Dick was raised in poverty and went to London to seek his fortune. He becomes a scullion for a merchant named Fitzwarren and purchases a cat to control the rodent population in Fitzwarren's home. It's that cat that eventually makes the folkloric Dick Whittington a wealthy man. The cat is sent on one of Fitzwarren's trade ships to be sold, and the ship finds itself on the Barbary Coast, where a king—fresh from a feast that was overrun by vermin—purchases the cat for a massive sum of money, making Dick Whittington richer than even Fitzwarren. And so Dick marries Fitzwarren's daughter, Alice, and eventually goes on to become mayor of London.

The story of Dick Whittington and his cat became quite popular, inspiring ballads, puppet plays, and operas and appearing in books of English fairy tales. However, there's no evidence that the historical Richard Whittington even owned a cat.


User's Signature

Go to the top of the page
 
+Quote Post
brunhilde
messaggio 14/4/2016, 0:00
Messaggio #2714


Millennium Member
******

Gruppo: Utente
Messaggi: 1.025
Thanks: *
Iscritto il: 12/4/2009
Da: Bari




Ciao ragazzi.
Vi segnalo che prosegue il maxi progetto Disney sulle sue fiabe di cartone adattate a live action. Dopo Cenerentola è il turno del Libro della Giungla che uscirà a giorni. Dal trailer si vedono le somiglianze con il cartone (persino la canzone Lo stretto indispensabile!)


User's Signature

L'essenziale è invisibile agli occhi

Go to the top of the page
 
+Quote Post
Klauz_star
messaggio 14/4/2016, 23:50
Messaggio #2715


Gold Member
*******

Gruppo: Utente
Messaggi: 2.071
Thanks: *
Iscritto il: 9/11/2008
Da: italia




Gli animali parleranno e pensare che credevo fosse un remake realistico... comunque anche nel 1994 la Disney aveva già fatto un remake live action del libro della giungla.
Go to the top of the page
 
+Quote Post
veu
messaggio 14/4/2016, 23:51
Messaggio #2716


Gold Member
*******

Gruppo: Moderatore
Messaggi: 17.816
Thanks: *
Iscritto il: 27/8/2005




Sì Brunhilde, continua il progetto sui live action. in programmazione ci sono anche "Lo Schiaccianoci" e "Rosarossa".

Del Libro della Giungla a noi piacque moltissimo la versione anni 40 con Sabu, l'abbiamo trovata eccezionale.


User's Signature

Go to the top of the page
 
+Quote Post
Klauz_star
messaggio 15/4/2016, 0:05
Messaggio #2717


Gold Member
*******

Gruppo: Utente
Messaggi: 2.071
Thanks: *
Iscritto il: 9/11/2008
Da: italia




Una volta alla tv ne ho vista una versione live action dove si vedeva crescere Mowgli tra gli umani ma non era molto apprezzato da molti di loro, ricordo che in una scena andava a comprarsi un pugnale per uccidere Shere Khan e lui stesso lo definiva un "dente". Era carina la serie degli anni 90 della Mondo, dove Mowgli era doppiato da Paolo Torrisi e veniva approfondito il suo rapporto con la famiglia dei lupi rispetto al film Disney dove il rapporto sembra durare poco da quello che ricordo... Rama non muore nel film mentre Alexander come viene chiamato nella serie della mondo muore...
Go to the top of the page
 
+Quote Post
veu
messaggio 16/4/2016, 22:15
Messaggio #2718


Gold Member
*******

Gruppo: Moderatore
Messaggi: 17.816
Thanks: *
Iscritto il: 27/8/2005




La versione che intendi tu Klauz è Il Libro della Giungla, il bellissimo film degli anni '40 con Sabu e diretto da Korda. Forse il più bel film sul Libro della Giungla che hanno fatto.
L'abbiamo visto un sacco di volte, davvero bellissimo!Una volta passava spesso su Raitre e su Telemontecarlo (ora La 7).
C'è anche tutta la parte con il serpente e il suo tesoro che faceva impazzire gli uomini!
Stupendo quel film!

Tra l'altro stavamo faendo una ricerca sul making of che andò in onda sulla Rai sulla Sirenetta della Disney (il titolo La Sirenetta da Andersen a Disney andato in onda il 24 dicembre 1990) e abbiamo scoperto che nelle Festività Natalizie del 1990 venne trasmesso alla mattina alle ore 7:10 su Raidue la serie di fiabe di Shelley Duvall, le famose Faerie Tale Theater, ma anche la serie Tall Tales and Legends.
Il titolo della raccolta di entrambi i cicli su Raidue era C'era una Volta Fiabe famose da tutto il mondo.

Qui i titoli che abbiamo trovato:
Trecce d'oro (sarebbe Riccioli d'oro)
Rumplestilskin (strano che non l'abbiano tradotta con Tremotino)
Jack e la pianta di fagioli
La Bella e la Bestia
L'Usignolo dell'imperatore
Brividi (sarà L'uomo che partì per scoprire la paura?)
Johnny seme di mela
Aladino e la lampada magica
L'uomo senza volto (sarebbe La Leggenda di Sleepy Hollow?)
La Principessa sul pisello

Le altre non le abbiamo proprio trovate.


User's Signature

Go to the top of the page
 
+Quote Post
Prince Philip
messaggio 17/4/2016, 0:35
Messaggio #2719


Gold Member
*******

Gruppo: Utente
Messaggi: 11.456
Thanks: *
Iscritto il: 1/11/2006
Da: Viareggio (LU)




CITAZIONE (veu @ 16/4/2016, 22:15) *
Tra l'altro stavamo faendo una ricerca sul making of che andò in onda sulla Rai sulla Sirenetta della Disney (il titolo La Sirenetta da Andersen a Disney andato in onda il 24 dicembre 1990) e abbiamo scoperto che nelle Festività Natalizie del 1990 venne trasmesso alla mattina alle ore 7:10 su Raidue la serie di fiabe di Shelley Duvall, le famose Faerie Tale Theater, ma anche la serie Tall Tales and Legends.
Il titolo della raccolta di entrambi i cicli su Raidue era C'era una Volta Fiabe famose da tutto il mondo.
Le altre non le abbiamo proprio trovate.

La serie della Duvall era iniziata già a gennaio, per la precisione il 6, su RaiUno, e in mezzo secondo i palinsesti era finito anche l'episodio "Annie Oakley" delle "Tall Tales", trasmesso il 27 maggio. Queste sotto natale è probabile fossero già delle repliche, visto che la serie venne trasmessa ininterrottamente da marzo ad agosto ripetendo molti episodi - il titolo italiano di Riccioli d'oro segnalato nei palinsesti era "Riccioli d'oro e i tre orsetti", trasmesso la prima volta il 22 aprile, è più probabile che "Trecce d'oro" fosse invece l'episodio di Raperonzolo wink.gif

Comunque la storia di trasmissione di questa serie (anzi, di queste contando anche le "Tall Tales") è abbastanza complessa e poco chiara, perchè il 24 dicembre 1990, dopo che su RaiDue era andato in onda alle 7:00 questo "Trecce d'oro", su RaiUno alle 10:15 facevano regolarmente "Nel regno della fiaba" eheheh.gif Lo stesso il 31 dicembre: "Il vestito nuovo dell'imperatore" su RaiUno, e "Brividi" su RaiDue, e il 2 gennaio 1991: "Pollicina" su RaiUno, "Aladino" su RaiDue unsure.gif E ancora il 3 gennaio, con "Il principe ranocchio" su RaiUno e "L’uomo senza volto" su RaiDue, e il 4 gennaio, con "Il ballo delle principesse" su RaiUno e "La principessa sul pisello" su RaiDue rolleyes.gif Vai a capire com'era organizzata la cosa e se queste erano effettivamente prime TV o repliche dry.gif

C'è anche la possibilità che gli episodi siano arrivati a salti: una prima parte su RaiUno, e una seconda parte su RaiDue unsure.gif


User's Signature

Go to the top of the page
 
+Quote Post
Klauz_star
messaggio 17/4/2016, 13:19
Messaggio #2720


Gold Member
*******

Gruppo: Utente
Messaggi: 2.071
Thanks: *
Iscritto il: 9/11/2008
Da: italia




CITAZIONE (veu @ 16/4/2016, 22:15) *
La versione che intendi tu Klauz è Il Libro della Giungla, il bellissimo film degli anni '40 con Sabu e diretto da Korda. Forse il più bel film sul Libro della Giungla che hanno fatto.
L'abbiamo visto un sacco di volte, davvero bellissimo!Una volta passava spesso su Raitre e su Telemontecarlo (ora La 7).
C'è anche tutta la parte con il serpente e il suo tesoro che faceva impazzire gli uomini!
Stupendo quel film!

Tra l'altro stavamo faendo una ricerca sul making of che andò in onda sulla Rai sulla Sirenetta della Disney (il titolo La Sirenetta da Andersen a Disney andato in onda il 24 dicembre 1990) e abbiamo scoperto che nelle Festività Natalizie del 1990 venne trasmesso alla mattina alle ore 7:10 su Raidue la serie di fiabe di Shelley Duvall, le famose Faerie Tale Theater, ma anche la serie Tall Tales and Legends.
Il titolo della raccolta di entrambi i cicli su Raidue era C'era una Volta Fiabe famose da tutto il mondo.

Qui i titoli che abbiamo trovato:
Trecce d'oro (sarebbe Riccioli d'oro)
Rumplestilskin (strano che non l'abbiano tradotta con Tremotino)
Jack e la pianta di fagioli
La Bella e la Bestia
L'Usignolo dell'imperatore
Brividi (sarà L'uomo che partì per scoprire la paura?)
Johnny seme di mela
Aladino e la lampada magica
L'uomo senza volto (sarebbe La Leggenda di Sleepy Hollow?)
La Principessa sul pisello

Le altre non le abbiamo proprio trovate.

La raccolta in questione si trova su youtube ma in lingua orignale... Shelly Duval interpreta la sirenetta mentre Jennifer Beals (Alex di flashdance) è Cenerentola e guarda caso Flashdance è considerata una storia ispirata in parte a questa favola (anche se in questo caso si parla della realizzazione di un sogno professionale che di amore)... la matrigna era Eve Arden (nota come la preside Mac Gee di Grease)... molto carina questa versione di cenerentola anche se molto semplice e azzeccate queste due attrici.

Non sapevo che fosse arrivata in italia la serie di Shelley Duvall, da notare che sono tutti attori famosi in quel periodo (anni 80).

Mentre sul libro della giungla, la Disney nel 1994 ne aveva già fatto un altro adattamento live dal titolo "Mowgli - Il libro della giungla" ma non l'ho mai visto ma credo che l'attuale versione sia più fedele al cartone... del resto in realtà anche cenerentola ha un precedente live action in questo caso quello con Brandy Noorwood ma in questo caso la trama è quella del musical di brodway...
Go to the top of the page
 
+Quote Post
veu
messaggio 17/4/2016, 14:42
Messaggio #2721


Gold Member
*******

Gruppo: Moderatore
Messaggi: 17.816
Thanks: *
Iscritto il: 27/8/2005




No Klauz, non è Shelley Duvall che interpreta la Sirenetta.
Shelley Duvall interpreta la figlia del mugnaio in Rumplestilskin e interpreta anche Raperonzolo.
La Sirenetta è interpretata da Pam Dawber, mentre Helen Mirren è la principessa, che in questa versione è proprio cattivella e molto viziata (a differenza della fiaba di Andersen dove è gentile e dolce). Sì Cenerentola è interpretata da Jennifer Baels.

Sì la Disney realizzò negli anni '90 una serie di film sul Libro della Giungla, tra l'altro pure belli (ricordiamo la scena del primo film dove Mowgli accarezzò nel finale Shere Khan - stupenda quella tigre!).
Cenerentola con Brandy e Whitney Houston è ispirata al musical di Rogers & Hammerstein: cosa ha in comune con il film Disneyano è il vestito che indossa nel film che è praticamente quasi identico al vestito del cartone.


User's Signature

Go to the top of the page
 
+Quote Post
veu
messaggio 17/4/2016, 20:08
Messaggio #2722


Gold Member
*******

Gruppo: Moderatore
Messaggi: 17.816
Thanks: *
Iscritto il: 27/8/2005




CITAZIONE (Prince Philip @ 17/4/2016, 0:35) *
La serie della Duvall era iniziata già a gennaio, per la precisione il 6, su RaiUno, e in mezzo secondo i palinsesti era finito anche l'episodio "Annie Oakley" delle "Tall Tales", trasmesso il 27 maggio. Queste sotto natale è probabile fossero già delle repliche, visto che la serie venne trasmessa ininterrottamente da marzo ad agosto ripetendo molti episodi - il titolo italiano di Riccioli d'oro segnalato nei palinsesti era "Riccioli d'oro e i tre orsetti", trasmesso la prima volta il 22 aprile, è più probabile che "Trecce d'oro" fosse invece l'episodio di Raperonzolo wink.gif

Comunque la storia di trasmissione di questa serie (anzi, di queste contando anche le "Tall Tales") è abbastanza complessa e poco chiara, perchè il 24 dicembre 1990, dopo che su RaiDue era andato in onda alle 7:00 questo "Trecce d'oro", su RaiUno alle 10:15 facevano regolarmente "Nel regno della fiaba" eheheh.gif Lo stesso il 31 dicembre: "Il vestito nuovo dell'imperatore" su RaiUno, e "Brividi" su RaiDue, e il 2 gennaio 1991: "Pollicina" su RaiUno, "Aladino" su RaiDue unsure.gif E ancora il 3 gennaio, con "Il principe ranocchio" su RaiUno e "L’uomo senza volto" su RaiDue, e il 4 gennaio, con "Il ballo delle principesse" su RaiUno e "La principessa sul pisello" su RaiDue rolleyes.gif Vai a capire com'era organizzata la cosa e se queste erano effettivamente prime TV o repliche dry.gif

C'è anche la possibilità che gli episodi siano arrivati a salti: una prima parte su RaiUno, e una seconda parte su RaiDue unsure.gif

Scusa Andrea, avevamo saltato il tuo messaggio... o meglio il computer ci indicava che avevi scritto ma non riuscivamo a leggere nulla.

Sì la serie è iniziata a gennaio su Raiuno.
Non sapevamo che Riccioli d'oro fosse intitolata proprio così, pensavamo fosse quella Trecce d'oro... anche perché Raperonzolo ha una sola lunga treccia nell'adattamento e pensavamo che come fiaba, essendo piuttosto nota, avesse mantenuto il titolo originale...

Sì l'organizzazione della serie è piuttosto complicata, noi nemmeno pensavamo fossero state trasmesse in Italia le leggende americane, cosa che invece è avvenuta (e distingue l'Italia dagli altri paesi europei in cui le Tall Tales & Legends non sono state trasmesse, forse solo in Germania sono andate in onda ma non è chiaro).

Ci piacerebbe trovare gli episodi in italiano di questa serie. E vedere come sono stati adattati. Sarebbe bello vederli... Chissà che TV2000 che replica diversi programmi della Rai dell'epoca non le trasmetta prima o poi.

intanto vi diciamo che siamo sempre alla ricerca di scoprire quando hanno trasmesso in Italia Nonno Gelo (e non l'abbiamo ancora trovato!)
Ci servirebbe l'aiuto dell'utente FrogPrince che però è sparito da anni (peccato!)


User's Signature

Go to the top of the page
 
+Quote Post
Prince Philip
messaggio 17/4/2016, 20:59
Messaggio #2723


Gold Member
*******

Gruppo: Utente
Messaggi: 11.456
Thanks: *
Iscritto il: 1/11/2006
Da: Viareggio (LU)




CITAZIONE (veu @ 17/4/2016, 20:08) *
Non sapevamo che Riccioli d'oro fosse intitolata proprio così, pensavamo fosse quella Trecce d'oro... anche perché Raperonzolo ha una sola lunga treccia nell'adattamento e pensavamo che come fiaba, essendo piuttosto nota, avesse mantenuto il titolo originale...

Si, è andato proprio con quel titolo, mi ero salvato un paio di immagini tratte dai quotidiani smile.gif Queste fanno riferimento alle repliche del 30 agosto 1990 e del 22 febbraio 1991:




Alla fine, parlando solo delle fiabe e non delle "Tall Tales", abbiamo i titoli dei 9 episodi trasmessi su RaiUno tra il marzo e il giugno 1990, più altri 8 trasmessi su RaiDue tra dicembre e gennaio 1991, per un totale di 17 puntate, con 3 date (tra cui la prima, il 6 gennaio 1990) dove il titolo non è indicato e non sappiamo che cosa fecero, salendo quindi ad un numero indicativo di 20 puntate trasmesse in italiano.

RAIUNO ORE 8:30 SABATO
6 gennaio 1990 – titolo ignoto

RAIUNO ORE 7:00/7:55/8:20 OGNI DOMENICA
4 marzo 1990 – I tre porcellini
11 marzo 1990 - Pollicina
18 marzo 1990 – La sirenetta
25 marzo 1990 – Il gatto con gli stivali
1° aprile 1990 – Il vestito nuovo dell’imperatore
22 aprile 1990 – Riccioli d’oro e i tre orsetti
29 aprile 1990 – titolo ignoto
6 maggio 1990 – Il ballo delle Principesse
13 maggio 1990 – titolo ignoto
20 maggio 1990 – Il principe ranocchio
27 maggio 1990 – Annie Oakley
3 giugno 1990 – La regina della neve


RAIUNO ORE 9:40/9:30 MARTEDì
3 luglio 1990 – titolo ignoto
21 agosto 1990 – titolo ignoto
28 agosto 1990 – Il principe ranocchio


RAIUNO ORE 9:30/9:10 MERCOLEDì-GIOVEDì
29 agosto 1990 – titolo ignoto
30 agosto 1990 – Riccioli d’oro e i tre orsetti


RAIUNO ORE 10:15
24 dicembre 1990 – titolo ignoto

RAIDUE ORE 7:00 (con il titolo “C’era una volta”)
24 dicembre 1990 – Trecce d’oro
25 dicembre 1990 - Rumpelstiltskin
26 dicembre 1990 – Jack e la pianta di fagioli
27 dicembre 1990 – La bella e la bestia
28 dicembre 1990 – L’usignolo dell’imperatore
31 dicembre 1990 – Brividi
1° gennaio 1991 – Johnny seme di mela
2 gennaio 1991 – Aladino e la lampada magica
3 gennaio 1991 – L’uomo senza volto
4 gennaio 1991 – La principessa sul pisello


RAIUNO ORE 11:05
31 dicembre 1990 – Il vestito nuovo dell’imperatore
2 gennaio 1991 - Pollicina
3 gennaio 1991 – Il principe ranocchio
4 gennaio 1991 – Il ballo delle principesse


Ad agosto 1990 si vede che già si trattava di repliche, con "Il principe ranocchio" e "Riccioli d'oro", quindi direi che la prima TV terminò a giugno o al limite il 3 luglio, comunque in totale non sembrano essere stati trasmessi tutti gli episodi - anche se c'è la possibilità che mi sia scappata qualche data tongue.gif All'appello mancherebbero (dando per buono che i due titoli strani siano "Raperonzolo" e "Il giovane"):

- Cenerentola
- Biancaneve
- La bella addormentata
- Cappuccetto rosso
- Hansel e Gretel
- Pinocchio
- Il pifferaio di Hamelin
- La principessa che non aveva mai riso
- Rip Van Winkle


Mi pare strano che non abbiano trasmesso titoli famosi come "Cenerentola", "La bella addormentata", "Biancaneve" o "Hansel e Gretel" mellow.gif

CITAZIONE (veu @ 17/4/2016, 20:08) *
Ci piacerebbe trovare gli episodi in italiano di questa serie. E vedere come sono stati adattati. Sarebbe bello vederli... Chissà che TV2000 che replica diversi programmi della Rai dell'epoca non le trasmetta prima o poi.

Magari, piacerebbe anche a me, soprattutto vista la mole di attoroni che hanno partecipato happy.gif


User's Signature

Go to the top of the page
 
+Quote Post
veu
messaggio 17/4/2016, 23:31
Messaggio #2724


Gold Member
*******

Gruppo: Moderatore
Messaggi: 17.816
Thanks: *
Iscritto il: 27/8/2005




Hai ragione Andrea!

Anche noi troviamo strano che storie conosciutissime come Biancaneve, Cenerentola, La Bella Addormentata, Cappuccetto Rosso, Hansel e Gretel, Pinocchio (soprattutto qui da noi in Italia!) e Raperonzolo (se non è Trecce d'oro) non siano nell'elenco. Anche se crediamo siano state trasmesse tutte (comprese le Tall Tales and Legends), solo che le guide programmi non indicavano sempre il titolo.
Segnaliamo che la programmazione è continuata ancora fino al 1992, quando venivano trasmesse ai primi di gennaio alle 6.05 sempre su Raiuno.
A maggior ragione crediamo siano andate in onda tutte, solo magari scaglionate nel tempo ma siano state trasmesse tutte.


User's Signature

Go to the top of the page
 
+Quote Post
veu
messaggio 20/4/2016, 0:13
Messaggio #2725


Gold Member
*******

Gruppo: Moderatore
Messaggi: 17.816
Thanks: *
Iscritto il: 27/8/2005




Segnaliamo che finalmente ci sono notizie sul nuovo episodio della serie tedesca che verrà realizzato a giugno...

Si tratta di una fiaba tratta dalla raccolta di fiabe tedesca "Jinnistan" di Christoph Martin Wieland (l'autore che ha scritto la storia del Flauto Magico da cui Mozart trasse ispirazione per l'opera), raccolta pubblicata tra il 1786 e il 1789.

La fiaba della collezione che verrà adattata è intitolata in tedesco Himmelblau und Lupine. L'episodio si intitolerà Prinz Himmelblau und Lupine. La regia è affidata a Markus Dietrich, la produzione è Bremedia Produktion GmbH, verrà girata a Brema dal 21 giugno all'8 luglio 2016.

Qui potete leggere la fiaba (in tedesco però... se qualcuno ci può aiutare ci piacerebbe conoscere la storia):

Parte Prima

Parte Seconda

La raccolta di fiabe Jinnistan è stata pubblicata di recente in Italia in versione integrale. Qualcuno la conosce?



User's Signature

Go to the top of the page
 
+Quote Post
brunhilde
messaggio 24/4/2016, 16:01
Messaggio #2726


Millennium Member
******

Gruppo: Utente
Messaggi: 1.025
Thanks: *
Iscritto il: 12/4/2009
Da: Bari




CITAZIONE (veu @ 20/4/2016, 0:13) *
Segnaliamo che finalmente ci sono notizie sul nuovo episodio della serie tedesca che verrà realizzato a giugno...

Si tratta di una fiaba tratta dalla raccolta di fiabe tedesca "Jinnistan" di Christoph Martin Wieland (l'autore che ha scritto la storia del Flauto Magico da cui Mozart trasse ispirazione per l'opera), raccolta pubblicata tra il 1786 e il 1789.

La fiaba della collezione che verrà adattata è intitolata in tedesco Himmelblau und Lupine. L'episodio si intitolerà Prinz Himmelblau und Lupine. La regia è affidata a Markus Dietrich, la produzione è Bremedia Produktion GmbH, verrà girata a Brema dal 21 giugno all'8 luglio 2016.

La raccolta di fiabe Jinnistan è stata pubblicata di recente in Italia in versione integrale. Qualcuno la conosce?

biggrin.gif biggrin.gif Il flauto magico è una bella fiaba e io l'ho vista sottoforma di cartone animato disegnato da Luzzati. Purtroppo non ho mai sentito parlare né di questo autore né della sua raccolta. not.gif

Finalmente sono riuscita a vedermi La Bella e la Bestia francese con Cassel e Seydoux. Sinceramente mi aspettavo qualcosina in più dai francesi, forse mi sono troppo abituata alla precisione tedesca negli adattamenti delle loro fiabe. Mi chiedo perché la Disney deve tenere banco a questa maniera? dry.gif Visto il dispiegamento di effetti speciali e trucchi scenici avrebbero potuto creare una Bestia un po' più simile a quella del testo. Se il film fosse stato come Desideria (inventata di sana pianta) avrei detto che era carino, ma tutti questi stravolgimenti... per non parlare del finale: e vissero tutti felici e contenti... coltivando rose principe incluso!! dry.gif huh.gif

Ora mi sto guardando Die Eisenhans che la ZDF ha trasmesso nel 2011 eheheh.gif Molto bella la narrazione, migliore di quella del 1988 della Defa, anche se per esigenza di copione il torneo della mela d'oro non dura tre giorni e il Rugginoso non ritorna ad essere re. Gli esterni sono molto belli: il castello di Finstergrün, Salisburgo e il castello di Rappottenstein.


User's Signature

L'essenziale è invisibile agli occhi

Go to the top of the page
 
+Quote Post
brunhilde
messaggio 25/4/2016, 17:55
Messaggio #2727


Millennium Member
******

Gruppo: Utente
Messaggi: 1.025
Thanks: *
Iscritto il: 12/4/2009
Da: Bari




Oggi invece mi sono finalmente vista Nonno Gelo di Rou. Molto bella come storia e bella anche la protagonista. E' stato molto interessante vedere anche l'effetto cinematografico di Nastja diventata ghiaccio: l'evanescenza la rendeva simile ad uno spirito più che ad una statua ghiacciata. Leggendo le note di Wikipedia ho però scoperto che nel film c'è una commistione di fiabe e leggende mentre di quella di nonno Gelo se ne parla poco: manca infatti il personaggio di Snegourochka che lo accompagna sempre.


User's Signature

L'essenziale è invisibile agli occhi

Go to the top of the page
 
+Quote Post
veu
messaggio 25/4/2016, 23:45
Messaggio #2728


Gold Member
*******

Gruppo: Moderatore
Messaggi: 17.816
Thanks: *
Iscritto il: 27/8/2005




Brunhilde, la Bella e la Bestia con Cassel è un po' sui generis... però non era male, molto originale ma differente dalla storia... la vicenda con la Ninfa che diventa principessa (interpretata dall'attrice che somiglia un po' a Romy Schneider) ci è piaciuta, hanno cercato di ampliare il racconto con richiami al Principe come nella favola di Madame de Villeneuve... però è differente dalla storia originale.
Forse il film più fedele alla vera fiaba della Bella e la Bestia è il film della Cannon...

L'uomo di ferro non l'abbiamo ancora visto... c'era in francese, assieme ai Sei Cigni però non siamo riusciti a reperirlo... ci piacerebbe vedere anche i film della ZDF dei quali non abbiamo visto per ora nulla.

Nonno Gelo è spettacolare... è uno di quei film che restano immortali, sono eterni e non invecchiano mai. I costumi, ambienti, scenografie e i protagonisti danno al film un'aura magica e fiabesca e tradizionale che uno alla fine lo considera come un esempio purissimo di cinema fiabesco live action.
La protagonista è splendida, davvero, bellissima e allo stesso tempo candida e regale. una scelta perfetta.
Le storie a cui il film è ispirato sono:
- Nonno Gelo di Afanasev (il personaggio di Nonno Gelo e il finale) - sono le fiabe n. 95 e n. 96 della raccolta di Afanasev;
- La figlia e la figliastra di Afanasev (il racconto delle due sorelle) - la fiaba n. 98 della raccolta di Afanasev;
- La Baba Yaga (per il personaggio della strega) - sono le fiabe n. 102 en. 103 della raccolta di Afanasev;
- I dodici mesi (le due sorelle e una diventa ricca, l'altra è punita);
- Vassilisa la Bella (la parte della ragazza schiavizzata dalla matrigna e della Baba Yaga);
- Lo Zar Orso (la parte di Ivan che è trasformato in orso).
Poi richiami vi sono anche ad altre fiabe del folklore europeo quali Cenerentola (la ragazza schiavizzata), La Bella e la Bestia, Biancarosa e Rosarossa (in entrambe c'è il principe trasformato in animale), Biancaneve e La Bella Addormentata (la parte in cui Nastenka si addormenta per aver toccato il bastone di Nonno Gelo), Le Fate/Frau Holle/I Tre Nanetti del Bosco (le due ragazze, una buona e premiata, l'altra cattiva e punita)


User's Signature

Go to the top of the page
 
+Quote Post
I seguenti utenti hanno apprezzato questo post:
veu
messaggio 8/5/2016, 14:40
Messaggio #2729


Gold Member
*******

Gruppo: Moderatore
Messaggi: 17.816
Thanks: *
Iscritto il: 27/8/2005




Andrea/Prince Philip, sei riuscito per caso a reperire il film della DEFA in versione italiana "Il Principe dei sette mari" ispirato alla fiaba dei Grimm L'allodola che canta e saltella?


User's Signature

Go to the top of the page
 
+Quote Post
Fra X
messaggio 9/5/2016, 17:22
Messaggio #2730


Gold Member
*******

Gruppo: Utente
Messaggi: 2.139
Thanks: *
Iscritto il: 17/3/2010




Non conoscevo quasi nessuna di queste fiabe! Grazie! ^^
Go to the top of the page
 
+Quote Post
veu
messaggio 9/5/2016, 23:42
Messaggio #2731


Gold Member
*******

Gruppo: Moderatore
Messaggi: 17.816
Thanks: *
Iscritto il: 27/8/2005




FraX ma ti riferisci alle fiabe russe? Se non le conosci, cerca di recuperarle, sono bellissime.

I film di Rou hanno costumi ed ambienti spettacolari, tra i più fiabeschi che si siano mai visti. Se Ti capita, FraX, recupera almeno Nonno Gelo, lo puoi vedere con i sottotitoli, è uno dei film fiabeschi più belli che siano mai stati realizzati.


User's Signature

Go to the top of the page
 
+Quote Post
Klauz_star
messaggio 27/5/2016, 22:36
Messaggio #2732


Gold Member
*******

Gruppo: Utente
Messaggi: 2.071
Thanks: *
Iscritto il: 9/11/2008
Da: italia




Ho avuto modo di vedere un film su "pelle d'asino" dove la protagonista è interpretata da Catherine Deneuve e il regista è lo stesso del live action di Lady Oscar Jacques Demy, molto bella la storia ma nel libro non ricordo di una fata che le regala la bacchetta e che poi può interagire con il futuro... però film splendido.

https://www.youtube.com/watch?v=-9dQysBGyPw
Go to the top of the page
 
+Quote Post
veu
messaggio 28/5/2016, 14:21
Messaggio #2733


Gold Member
*******

Gruppo: Moderatore
Messaggi: 17.816
Thanks: *
Iscritto il: 27/8/2005




Pelle d'asino è una delle fiabe che ci sono sempre piaciute di più. peccato che ci siano pochi adattamenti, è molto bella come storia. molto fiabesca. E' tra le nostre preferite.
Il film con Catherine Deneuve e Jean Marais è fantastico, spettacolare. Diciamo che è un mix tra la Bella e la Bestia di Cocteau (con la quale ha in comune sia le atmosfere fiabesche sia alcuni piccoli oggetti che fungono da omaggio tipo lo specchio, il castello in cui è girato, la foresta e l'attore Jean Marais) e i film della Cannon (con i quali, pur essendo comunque precedente di più di dieci anni, condivide la struttura musicale e il tono della narrazione).
Da vedere e rivedere!

Klauz, la facoltà della fata che può vedere e viaggiare nel futuro è inventata nel film (era in voga negli anni 60/70 inserire tra le caratteristiche dei personaggi magici la possibilità di viaggiare nel futuro: Merlino ne La Spada nella Roccia ne è un esempio). nella storia originale la Fata dei Gelsomini (o Fata dei Lillà a seconda delle traduzioni) è una vecchina che aiuta Pelle d'Asino ma non viaggia nel futuro.

Ci fa piacere che ti sia piaciuto Pelle d'Asino, è uno dei film fiabeschi più belli di sempre!

Segnaliamo nel contempo che la rete tv tedesca ha annunciato la nuova fiaba in lavorazione quest'anno della serie "6 auf". Si tratta del remake de "L'albero che canta e tintinna", celeberrimo film fiabesco degli anni 60 esportato nel mondo. Attenzione! non si tratta della fiaba "L'allodola che canta e saltella" ma del remake del film degli anni 60 che in qualcosa richiama la fiaba ma la modifica e la fonde con altri racconti, in altre parole è un racconto tutto nuovo.
La fiaba è diretta da Wolfgang Eissler su sceneggiatura di Gabriele Kreis (entrambi hanno già lavorato ad altre fiabe della stessa serie, come Fratellino e Sorellina, Le Principesse Danzanti e La Figlia del Contadino). Le riprese inizieranno il 14 giugno 2016 e sarà girata a Berlino e nella catena montuosa dello Harz.

Riassumendo della serie quest'anno saranno realizzate:

1. Hans im Glück (Giannetto Fortunato)
2. Das Märchen vom Schlaraffenland (Il paese dei balocchi o Il paese di cuccagna)
3. Prinz Himmelblau und Lupine (il Principe Azzurro e Lupina)
4. Das singende, klingende Bäumchen (l'Albero che canta e tintinna).


User's Signature

Go to the top of the page
 
+Quote Post
Klauz_star
messaggio 30/5/2016, 0:50
Messaggio #2734


Gold Member
*******

Gruppo: Utente
Messaggi: 2.071
Thanks: *
Iscritto il: 9/11/2008
Da: italia




Mi è piaciuta molto questa versione di pelle d'asino, so che è una favola un po particolare difficilmente è adattabile cartoni animati, ad esempio il fatto che il padre la vuole sposare... metaforicamente rappresenta la crescita quando si abbandona la propria casa per entrare nella vita adulta, la fata le dice "la vita è dura per tutti sia poveri che principesse".

Molto belle è la deneuve sopratutto bellissimi i vestiti color del tempo, color della luna e color del sole... ma la fata che regala la sua bacchetta magica ad una principessa ricordo che succedeva anche in un'altra favola o forse mi sbaglio... oltretutto la prova dell'anello ricorda molto Cenerentola...
Go to the top of the page
 
+Quote Post
veu
messaggio 4/6/2016, 13:35
Messaggio #2735


Gold Member
*******

Gruppo: Moderatore
Messaggi: 17.816
Thanks: *
Iscritto il: 27/8/2005




Pelle d'Asino è spettacolare, è una fiaba difficile da adattare, ma non impossibile e poi è talmente bella che uno sforzo lo si potrebbe fare...
il film ha molto di filosofico come quasi tutti i film francesi, la morale è che se si rimane puri e buoni per sempre alla fine si è ricompensati e poi il tema è anche per i genitori quello di lasciare che i figli vivano la loro vita.
Somiglianze con Cenerentola, Le Fate e Griselda ce ne sono, è pur sempre la storia della povera che diventa principessa (qui lo è già Principessa ma per questioni del destino deve diventare povera) e la prova dell'anello ricorda sì quella della scarpetta ed anche la prova del pisello nella Principessa sul pisello...
il tema di base è una variante di Cenerentola, questo sì.
Siamo molto affezionati a Pelle d'Asino. forse l'avrai capito che è una delle storie a cui teniamo di più, è una delle nostre preferite, peccato che sia poco adattata (per non dire quasi per nulla).

Segnaliamo qui il film russo del 1998 di Biancaneve che potete vedere su youtube, il titolo in russo è "Белоснежка и семь гномов" (traduzione: Biancaneve e i sette nani)

Click


User's Signature

Go to the top of the page
 
+Quote Post
brunhilde
messaggio 11/6/2016, 15:23
Messaggio #2736


Millennium Member
******

Gruppo: Utente
Messaggi: 1.025
Thanks: *
Iscritto il: 12/4/2009
Da: Bari




Ciao a tutti.

Eravate a conoscenza di quest'altra versione di Cenerentola?

http://zerkalo-mitomania.blogspot.it/2015/...-novellaja.html


User's Signature

L'essenziale è invisibile agli occhi

Go to the top of the page
 
+Quote Post
I seguenti utenti hanno apprezzato questo post:

126 Pagine V  « < 112 113 114 115 116 > » 
Fast ReplyReply to this topicStart new topic
1 utenti stanno leggendo questa discussione (1 visitatori e 0 utenti anonimi)
0 utenti:

 

RSS Versione Lo-Fi Oggi è il: 19/8/2019, 23:59