Benvenuto Visitatore ( Log In | Registrati )


6 Pagine V  < 1 2 3 4 5 > »   
Reply to this topicStart new topic
> La dirigenza Disney, decisioni, pensieri e strategie dei piani alti di Burbank
Beast
messaggio 13/1/2012, 22:55
Messaggio #49


Gold Member
*******

Gruppo: Utente
Messaggi: 9.079
Thanks: *
Iscritto il: 8/11/2009
Da: Cn




E' già stato trovato il sostituto della Carney: si tratta di Ricky Strauss, in passato ha lavorato per Sony/Columbia, mentre il suo ultimo lavoro è stato su The Help, guardacaso uno dei maggiori successi della Disney quest'anno; ecco spiegato il motivo di questa scelta. Speriamo in bene!

EXCLUSIVE: Ricky Strauss Picked As New Walt Disney Studios Worldwide Marketing Chief

EXCLUSIVE: This was the coveted Head Of Worldwide Marketing job for Walt Disney Studios which MT Carney just exited and all of Hollywood was speculating on her replacement. I’ve learned the outside-the-box winner is Ricky Strauss, the 16-year Sony Pictures veteran and most recently Participant Media’s man behind The Help for DreamWorks and Disney. I expect an announcement to be made later today. The long-time motion picture production and marketing exec joined Participant Media in March 2005 as President. In his post, he presides over all of Participant’s feature film production, acquisition and marketing efforts, as well as its television and publishing activities. In 2011 besides The Help, Participant had Steven Soderbergh’s box office hit Contagion for Warner Bros. Prior to joining Participant, Ricky ran his own film and television production company, Ricochet Entertainment, where he executive produced The Sweetest Thing, starring Cameron Diaz, among other projects. Before Ricochet, Ricky served as SVP of Production at Sony, where he developed and supervised film projects for the studio. From 1988 to 1997, he served as an advertising executive at Columbia Pictures, creating award winning ad campaigns for many feature films. Meanwhile, the LA Times engaged in a ridiculous speculation game and failed to include Strauss on a usual suspects list.

UPDATE: Here’s the official Disney announcement:

BURBANK, Calif. – January 13, 2012 – Rich Ross, Chairman of The Walt Disney Studios, announced today that Ricky Strauss has been named President of Marketing for The Walt Disney Studios. Strauss will oversee the Studios’ global marketing strategy encompassing creative, media, digital, promotions, publicity, research and synergy across all distribution channels for motion pictures released under the Walt Disney Pictures (including Walt Disney Animation and Pixar Animation), Marvel Studios, and Touchstone Pictures banners, which includes DreamWorks Studios films released via Touchstone.

“I am happy to welcome Ricky Strauss to The Walt Disney Studios family. With 25 years of industry experience, he brings a deep understanding of all aspects of the film business as well as incredible skill in branding and cutting-edge marketing,” said Ross. “He will undoubtedly raise the Studios’ creative bar as we enter 2012 and look ahead at showcasing a spectacular slate of films to audiences around the world.”

“The future of Disney movies is as exciting as the legacy, and I’m honored to have the opportunity to be a part of that. Disney, Pixar, Marvel, and DreamWorks Studios are among the world’s best and brightest brands,” said Strauss. “My experience at Participant has been incredible and I’m so proud of my colleagues and everything we accomplished. I look forward now to getting to work with the exceptional team at Disney, doing some of the most innovative marketing in the industry.”

A 25-year movie veteran, Strauss has created award-winning marketing campaigns for numerous feature films and has overseen all aspects of film production. He most recently served as President of Participant Media, where he oversaw the company’s marketing, production, and acquisition for a broad range of socially relevant and commercially viable films including this summer’s blockbuster The Help, acclaimed features The Kite Runner, The Visitor, and Steven Soderbergh’s Contagion, as well as documentaries such as Food, Inc. and the Academy Award®-winning An Inconvenient Truth and The Cove. Prior to joining Participant in 2005, Strauss founded Sony-based Ricochet Entertainment, where he executive-produced the Cameron Diaz film The Sweetest Thing. He also spent 16 years at Sony, where he served as a senior marketing executive (Columbia/TriStar Pictures) and later as Senior Vice President of Production.


http://www.deadline.com/2012/01/exclusive-...arketing-chief/


User's Signature

Go to the top of the page
 
+Quote Post
kekkomon
messaggio 13/1/2012, 22:56
Messaggio #50


Gold Member
*******

Gruppo: Moderatore
Messaggi: 31.455
Thanks: *
Iscritto il: 31/7/2008
Da: Torre del Greco (NA)




Speriamo in Bene!!
Sopratutto sul prossimo classico!!

Messaggio modificato da kekkomon il 13/1/2012, 22:56


User's Signature


Go to the top of the page
 
+Quote Post
Scissorhands
messaggio 14/1/2012, 20:08
Messaggio #51


Gold Member
*******

Gruppo: Moderatore
Messaggi: 7.317
Thanks: *
Iscritto il: 18/12/2006
Da: Campobasso/Angers




Questo confermerebbe anche le voci secondo cui Spielberg non sarebbe stato contento della campagna promozionale di War Horse. The Help è stato un grandissimo successo DW, quindi la scelta è azzeccata.


User's Signature


thanks to giagia
Go to the top of the page
 
+Quote Post
Scrooge McDuck
messaggio 14/1/2012, 22:16
Messaggio #52


Gold Member
*******

Gruppo: Utente
Messaggi: 9.845
Thanks: *
Iscritto il: 8/2/2009
Da: Modena




Mamma mia era davvero ora che quell'incapace se ne andasse. Certo che ora devo preoccuparsi seriamente di Jhon Carter, con tutti i soldi che hanno speso sarebbe da idioti fargli fare la fine di Tron


User's Signature

______________________________________________

Il mio blogIl mio canale YoutubeLa mia pagina Facebook

Go to the top of the page
 
+Quote Post
kekkomon
messaggio 14/1/2012, 22:25
Messaggio #53


Gold Member
*******

Gruppo: Moderatore
Messaggi: 31.455
Thanks: *
Iscritto il: 31/7/2008
Da: Torre del Greco (NA)




Hanno quasi due mesi di tempo per pubblicizare per bene John!!


User's Signature


Go to the top of the page
 
+Quote Post
Claudio
messaggio 15/1/2012, 11:59
Messaggio #54


Gold Member
*******

Gruppo: Utente
Messaggi: 20.882
Thanks: *
Iscritto il: 9/9/2010
Da: Italia




Bisogna pubblicizzare bene Carter e War Horse!!!
Non possono spendere tutti questi soldi per i film e poi fregarsene della pubblicità (con Tron Legacy hanno fatto pochissimo, qui in Italia pubblicità quasi inesistente)


User's Signature


Il Forziere dei Classici Disney in Dvd: una grande fregatura! CONDIVIDI:https://www.youtube.com/watch?v=zZLEjXBac3E
Go to the top of the page
 
+Quote Post
Beast
messaggio 15/1/2012, 12:52
Messaggio #55


Gold Member
*******

Gruppo: Utente
Messaggi: 9.079
Thanks: *
Iscritto il: 8/11/2009
Da: Cn




Il problema è che le campagne pubblicitarie per i kolossal vengono programmate per bene con 10 mesi di anticipo (lo disse Bruckheimer), quindi con meno di due mesi a disposizione la vedo nera per John Carter. sad.gif


User's Signature

Go to the top of the page
 
+Quote Post
kekkomon
messaggio 15/1/2012, 14:23
Messaggio #56


Gold Member
*******

Gruppo: Moderatore
Messaggi: 31.455
Thanks: *
Iscritto il: 31/7/2008
Da: Torre del Greco (NA)




CITAZIONE (Beast @ 15/1/2012, 11:52) *
Il problema è che le campagne pubblicitarie per i kolossal vengono programmate per bene con 10 mesi di anticipo (lo disse Bruckheimer), quindi con meno di due mesi a disposizione la vedo nera per John Carter. sad.gif

Con il Super Bowl verrà trasmesso un nuovo spot di John Carter, sempre è qualcosa. eheheh.gif


User's Signature


Go to the top of the page
 
+Quote Post
Claudio
messaggio 15/1/2012, 18:48
Messaggio #57


Gold Member
*******

Gruppo: Utente
Messaggi: 20.882
Thanks: *
Iscritto il: 9/9/2010
Da: Italia




CITAZIONE (Beast @ 15/1/2012, 11:52) *
Il problema è che le campagne pubblicitarie per i kolossal vengono programmate per bene con 10 mesi di anticipo (lo disse Bruckheimer), quindi con meno di due mesi a disposizione la vedo nera per John Carter. sad.gif


allora non credo potrà fare chissà cosa not.gif


User's Signature


Il Forziere dei Classici Disney in Dvd: una grande fregatura! CONDIVIDI:https://www.youtube.com/watch?v=zZLEjXBac3E
Go to the top of the page
 
+Quote Post
Scissorhands
messaggio 20/1/2012, 2:04
Messaggio #58


Gold Member
*******

Gruppo: Moderatore
Messaggi: 7.317
Thanks: *
Iscritto il: 18/12/2006
Da: Campobasso/Angers




COLPO DI SCENA!

Why an Angry Steven Spielberg Confronted Disney's Rich Ross at Dinner
11:27 AM PST 1/18/2012 by Kim Masters
SHARE
Comments
1009

Kevin Winter/Getty Images; Neilson Barnard/Getty Images
The irked "War Horse" director approached the studio chief for not consulting him before Disney marketing chief MT Carney was replaced.

This story first appeared in the Jan. 27 issue of The Hollywood Reporter magazine.
OUR EDITOR RECOMMENDS

Disney's MT Carney Bids Farewell In Internal Memo to Studio

Disney Marketing Chief MT Carney Exiting Studio

Steven Spielberg and Peter Jackson: The Titans Behind 'The Adventures of Tintin'
When the long-rumored departure of Disney marketing chief MT Carney was confirmed Jan. 8, the guessing game began: Who would replace the controversial outsider who lacked studio experience? Amazingly, Disney managed to keep its choice secret until a press release was prepared.
PHOTOS: The Making of Steven Spielberg's 'War Horse'
Among those who didn't enjoy the suspense was Steven Spielberg, whose DreamWorks Studios has distributed its films through Disney since 2009. According to multiple sources, Spielberg shared that sentiment during a confrontation with studio chief Rich Ross at the Jan. 12 dinner for the Critics' Choice Movie Awards.
The sources say Spielberg told Ross bluntly he was upset that he wasn't consulted two or three weeks earlier, when Ross decided that Carney had an "out" date and would be replaced. One source says Ross seemed "a little stunned" by the rebuke. Another says Ross deflected the criticism by explaining that the studio had to keep the name of its candidate confidential during negotiations. But, of course, that was beside the point; the War Horse director, Hollywood's 800-pound gorilla, had hoped to be involved in the discussion before Ross made a choice.
STORY: Disney Names Ricky Strauss as Marketing Chief
Meanwhile, Ross' hire, Participant Media president Ricky Strauss, is widely praised as a capable and affable executive, but a number of observers are baffled that Ross chose someone who had never run a studio marketing operation. One source says Disney's secrecy made it difficult for Strauss to arrive to much fanfare. The rampant speculation about who would get the job — executives around town considered virtually every possible choice — led those with ties to Disney to expect a well-known, high-level marketing veteran to sign on, which didn't ultimately happen. DreamWorks and Disney declined comment.
http://www.hollywoodreporter.com/news/steven-spielberg-disney-rich-ross-282936

Quindi Spielberg non è stato proprio interpellato?E io che credevo che il nuovo responsabile fosse stato scelto proprio perchè suggerito da lui (avendo fatto un ottimo lavoro con the Help)


User's Signature


thanks to giagia
Go to the top of the page
 
+Quote Post
Beast
messaggio 20/1/2012, 17:34
Messaggio #59


Gold Member
*******

Gruppo: Utente
Messaggi: 9.079
Thanks: *
Iscritto il: 8/11/2009
Da: Cn




CITAZIONE (Scissorhands @ 20/1/2012, 1:04) *
Quindi Spielberg non è stato proprio interpellato?E io che credevo che il nuovo responsabile fosse stato scelto proprio perchè suggerito da lui (avendo fatto un ottimo lavoro con the Help)

Ma infatti, proprio per questo motivo pensavo che la scelta gli fosse gradita. Comunque il leggere sul giornale una notizia che dovresti sapere prima degli altri farebbe arrabbiare chiunque, quindi non dò torti a Spielberg.
La mia impressione esterna è che la Disney stia volutamente cercando di staccarsi dalla Dreamworks (per vari motivi: i tanti flop quali Numero 4, Fright Night e Real Steel, le lamentele di Spielberg sullo scarso marketing di War Horse, il fatto che il calendario delle uscite del 2012 non esista ancora, ora questa lite). Una volta rotto il contratto con la DW, Iger potrà tranquillamente vendere il marchio Touchstone. Tristemente tutto torna. Vedremo, intanto la mancanza del calendario 2012 mi fa temere annunci prossimi.


User's Signature

Go to the top of the page
 
+Quote Post
Claudio
messaggio 20/1/2012, 17:36
Messaggio #60


Gold Member
*******

Gruppo: Utente
Messaggi: 20.882
Thanks: *
Iscritto il: 9/9/2010
Da: Italia




CITAZIONE (Beast @ 20/1/2012, 16:34) *
Ma infatti, proprio per questo motivo pensavo che la scelta gli fosse gradita. Comunque il leggere sul giornale una notizia che dovresti sapere prima degli altri farebbe arrabbiare chiunque, quindi non dò torti a Spielberg.
La mia impressione esterna è che la Disney stia volutamente cercando di staccarsi dalla Dreamworks (per vari motivi: i tanti flop quali Numero 4, Fright Night e Real Steel, le lamentele di Spielberg sullo scarso marketing di War Horse, il fatto che il calendario delle uscite del 2012 non esista ancora, ora questa lite). Una volta rotto il contratto con la DW, Iger potrà tranquillamente vendere il marchio Touchstone. Tristemente tutto torna. Vedremo, intanto la mancanza del calendario 2012 mi fa temere annunci prossimi.


già, tutto torna, ma spero che non succeda, perchè non trovo giusto vendere questo marchio not.gif


User's Signature


Il Forziere dei Classici Disney in Dvd: una grande fregatura! CONDIVIDI:https://www.youtube.com/watch?v=zZLEjXBac3E
Go to the top of the page
 
+Quote Post
Scissorhands
messaggio 22/1/2012, 20:15
Messaggio #61


Gold Member
*******

Gruppo: Moderatore
Messaggi: 7.317
Thanks: *
Iscritto il: 18/12/2006
Da: Campobasso/Angers




CITAZIONE (Beast @ 20/1/2012, 16:34) *
Ma infatti, proprio per questo motivo pensavo che la scelta gli fosse gradita. Comunque il leggere sul giornale una notizia che dovresti sapere prima degli altri farebbe arrabbiare chiunque, quindi non dò torti a Spielberg.
La mia impressione esterna è che la Disney stia volutamente cercando di staccarsi dalla Dreamworks (per vari motivi: i tanti flop quali Numero 4, Fright Night e Real Steel, le lamentele di Spielberg sullo scarso marketing di War Horse, il fatto che il calendario delle uscite del 2012 non esista ancora, ora questa lite). Una volta rotto il contratto con la DW, Iger potrà tranquillamente vendere il marchio Touchstone. Tristemente tutto torna. Vedremo, intanto la mancanza del calendario 2012 mi fa temere annunci prossimi.


Io non sarei così drastico! Numero 4 e Real Steel non sono stati dei veri flop (quest'ultimo all'estero è andato molto bene) e Fright Night per quanto poco è costato non ci hanno rimesso nulla. Poi la Disney distribuisce solo questi film! Le perdite (nel caso ci fossero) sono davvero davvero minime. E' la perfetta soluzione di comodo che ti permette di non rinunciare a una fetta di mercato e sperare sempre in qualche hit poco costosa (tipo the Help). Non solo, ma ti fa anche pompare i dati giornalistici del box office: ok non vuol dire nulla, ma secondo me fa qualcosa quando i giornali riportano a caratteri cubitali che la Paramount ha avuto un anno record ed è prima tra tutte le major, quando metà di quei film li distribuisce soltanto!
E poi avere sempre Spielberg nella scuderia mica è una cosa su cui sputarci su!
Poi vendere la Touchstone... ma sono impazziti? E la libreria? Pretty Woman e Nightmare Before Christmas (che però mi sa che recentemente è stato ribattezzato con etichetta Disney) non saranno più Disney? Scandalo degli scandali!


User's Signature


thanks to giagia
Go to the top of the page
 
+Quote Post
winnie & pimpi
messaggio 23/1/2012, 0:13
Messaggio #62


Millennium Member
******

Gruppo: Utente
Messaggi: 1.173
Thanks: *
Iscritto il: 17/5/2008
Da: London




QUOTE (Scissorhands @ 22/1/2012, 21:15) *
Io non sarei così drastico! Numero 4 e Real Steel non sono stati dei veri flop (quest'ultimo all'estero è andato molto bene) e Fright Night per quanto poco è costato non ci hanno rimesso nulla. Poi la Disney distribuisce solo questi film! Le perdite (nel caso ci fossero) sono davvero davvero minime. E' la perfetta soluzione di comodo che ti permette di non rinunciare a una fetta di mercato e sperare sempre in qualche hit poco costosa (tipo the Help). Non solo, ma ti fa anche pompare i dati giornalistici del box office: ok non vuol dire nulla, ma secondo me fa qualcosa quando i giornali riportano a caratteri cubitali che la Paramount ha avuto un anno record ed è prima tra tutte le major, quando metà di quei film li distribuisce soltanto!
E poi avere sempre Spielberg nella scuderia mica è una cosa su cui sputarci su!
Poi vendere la Touchstone... ma sono impazziti? E la libreria? Pretty Woman e Nightmare Before Christmas (che però mi sa che recentemente è stato ribattezzato con etichetta Disney) non saranno più Disney? Scandalo degli scandali!

senza contare Sister Act e Roger Rabbit, titoli sempre fruttuosi, non venderanno mai la Touchstone! .....almeno si spera!


User's Signature

Go to the top of the page
 
+Quote Post
Claudio
messaggio 23/1/2012, 21:41
Messaggio #63


Gold Member
*******

Gruppo: Utente
Messaggi: 20.882
Thanks: *
Iscritto il: 9/9/2010
Da: Italia




CITAZIONE (Scissorhands @ 22/1/2012, 19:15) *
Pretty Woman e Nightmare Before Christmas (che però mi sa che recentemente è stato ribattezzato con etichetta Disney) non saranno più Disney? Scandalo degli scandali!



CITAZIONE (winnie & pimpi @ 22/1/2012, 23:13) *
senza contare Sister Act e Roger Rabbit,


Con titoli come questi e molti altri, sarebbe davvero un peccato vendere la Touchstone not.gif Non riesco ad immaginare questi film senza più la Disney


User's Signature


Il Forziere dei Classici Disney in Dvd: una grande fregatura! CONDIVIDI:https://www.youtube.com/watch?v=zZLEjXBac3E
Go to the top of the page
 
+Quote Post
winnie & pimpi
messaggio 17/9/2012, 12:02
Messaggio #64


Millennium Member
******

Gruppo: Utente
Messaggi: 1.173
Thanks: *
Iscritto il: 17/5/2008
Da: London




articolo interessante:
fonte: http://fumettologicamente.wordpress.com/20...inancial-times/

Una eccellente inchiesta del Financial Times indaga sulle conseguenze organizzative dell’acquisizione di Marvel da parte di Disney. E solleva il velo sulle profonde dispute interne al management. Dispute che sembrano avere una portata più disruptive del previsto: conflitti strategici profondi, accuse di razzismo, e un’ondata di dimissioni eccellenti. Il tutto condito da una (poco rasserenante) quantità di no comment.
Per come la dipinge il FT, il nodo della vicenda ha un nome e cognome: Ike Perlmutter, uomo forte di casa Marvel, divenuto con l’acquisizione il secondo azionista individuale più importante della Disney (dopo Steve Jobs e eredi).

Per un verso, il successo del film The Avengers (1,5 miliardi $ in incassi worldwide) ha finalmente dimostrato agli analisti che l’acquisizione di Marvel nel 2009 (4 miliardi $) è stata una scelta saggia e fortunata. E lo scetticismo nei confronti del progetto di Perlmutter si è ormai dissipato. Per altri versi, però, questo successo ha rafforzato la posizione di forza di Perlmutter in Disney, presso cui l’influenza dell’azionista si sta configurando come uno scontro tra culture aziendali, visioni del business, e stili manageriali. Uno scontro che pare esprimersi in forme particolarmente problematiche, fatte di spasmodica attenzione ai costi (con tanto di aneddoti su Perlmutter infuriato per lo spreco di fogli di carta per gli appunti) e diverbi bruschi ai limiti dell’offensivo (ne riparliamo sotto), al punto a fare chiedere a molti: “chi ha realmente comprato chi?”.
I punti caldi sembrano essere tre:
1. La strategia. Nel settembre 2011 Andy Mooney, Presidente della divisione più profittevole e in crescita dell’azienda, Disney Consumer Product, aveva abbandonato Disney in una separazione piuttosto chiacchierata, affidata a una email, rifiutando di farsi intervistare. Secondo il Financial Times, le ragioni erano nelle divergenze con Perlmutter:
Mooney avrebbe voluto continuare a coltivare relazioni a lungo termine con produttori di giocattoli e altri licenziatari, mentre Perlmutter avrebbe sostenuto l’opportunità di contratti a breve termine dotati di ampi minimi garantiti.
A Perlmutter era stato in seguito attribuito un ruolo determinante nell’allontanamento del Presidente di un altro importante ramo del gruppo, i Disney Studios: Rich Ross, responsabile di un flop ritenuto inaccettabile come quello del film John Carter, era stato licenziato a fine aprile 2012.
2. Il razzismo. Qui un punto assai delicato della vicenda, da prendere con le dovute pinze, fondato su due episodi. Uno riguarda le parole che Perlmutter avrebbe pronunciato su un cambio nel cast di Iron Man 2, con il passaggio da un attore afroamericano a un altro, meno costoso: “tanto nessuno noterà la differenza, visto che i neri si assomigliano tutti”. L’altro episodio sarebbe la lamentela sottoposta formalmente al reparto risorse umane da una dirigente (anch’essa afroamericana) del gruppo, Anne Gates (CFO della stessa divisione DCP), che secondo alcuni era inerente questioni razziali (ma alcune fonti sostengono che le ragioni fossero differenti; la Gates, però, ha rifiutato di commentare). Perlmutter avrebbe contestato alla Gates alcuni criteri nella redazione del bilancio, apostrofandola pesantemente.
3. Gli abbandoni. La Gates e altre due dirigenti – sempre donne afroamericane – hanno lasciato Disney Consumer Products, scegliendo peraltro di farsi difendere dallo stesso avvocato, in un’alleanza informale che – secondo altre fonti aziendali consultate da Deadline – le tre pare chiamassero “The Help“, come il recente film Disney sui problemi dell’integrazione razziale negli USA anni Settanta. Tra gli altri dirigenti chiave che hanno lasciato la Disney, oltre a tutti i manager che riportavano a Mooney durante la sua presidenza della DCP: Gary Foster, responsabile comunicazione; Russell Hampton, responsabile publishing; Susan Garelli, responsabile risorese umane presso DCP; Jim Fielding, responsabile Disney stores; Vince Klaseus, dirigente nel segmento giocattoli. E come scrive il giornalista del FT, che pare avere provato a contattarli tutti:
None responded to requests for comment.
Insomma: il clima è teso, e la situazione pare davvero complicata. E questo, nonostante il gruppo viva una fase economicamente felice, stando ai risultati degli ultimi bilanci. Disney ha comprato Marvel, ma la cultura aziendale di Burbank sembra faticare a imporsi su quella Marvel. O meglio, sulla visione di Perlmutter.
Il che potrebbe anche essere un bene, come scrive il blog conservatore Whiskeysplace: la crisi del modello hollywoodiano classico, evidente a tutti i principali attori dell’industria audiovisiva, ha trovato in Perlmutter il portatore di una possibile alternativa strategica. Incentrata su un severo controllo dei costi, e su una visione “finanziarizzata” incentrata sul mercato – certamente volatile – della licensing industry.
Potrebbe però anche essere un grosso problema. Per lo stile brusco e le opinioni discutibili (se confermate) dell’uomo; per i rischi sconosciuti dell’abbandono di strategie a lungo termine; e per il futuro di una “cultura Disney” che pare sempre più destinata a trasformarsi, o sciogliersi lentamente.


User's Signature

Go to the top of the page
 
+Quote Post
Beast
messaggio 9/10/2012, 9:46
Messaggio #65


Gold Member
*******

Gruppo: Utente
Messaggi: 9.079
Thanks: *
Iscritto il: 8/11/2009
Da: Cn




Un altro scossone nel reparto marketing. Rotola la testa del capo delle ricerche di mercato, con pesanti accuse di favoreggiamento nei confronti della sua compagnia precedente.

Disney's Head of Research, Louise Chater, Exits Under Cloud of Questions (Exclusive)

The head of movie market research at Walt Disney Studios, Louise Chater, was dismissed from the studio in late September under cloudy circumstances that involve an anonymous letter about her sent to the studio, TheWrap has learned.

Chater joined Disney in March 2011 from First Movies International, a movie research company where she was founder and CEO. Under Chater, Disney moved a large portion of its research screenings and material testing to First Movies, three knowledgeable individuals told TheWrap.

At the heart of Chater's dismissal were unproven allegations raised in an anonymous letter to Disney earlier this year, suggesting First Movies benefited improperly from Chater's position as head of research, according to those individuals.

But Chater's representative told TheWrap that the letter amounted to a targeted smear campaign and that she received no financial benefit from First Movies after leaving for Disney.

First Movies was acquired in April of this year by Penn Schoen Berland, a market research consultancy with roots in political research. The sum was not disclosed. The company did not return calls and emails asking for comment.

A lawyer for Chater provided documents to TheWrap from the audited financial statement of First Movies in 2010 that state that she resigned as a director of the company in November 2010.

“Ms. Chater did not receive any compensation directly or indirectly from or in connection with First Movies since leaving its employment,” said Michael Plonsker of Robins, Kaplan, Miller & Ciresi L.L.P.

He added: "I have also verified with First Movies that Ms. Chater never owned any financial interest in First Movies other than stock options, which were never exercised. Those stock options lapsed on November 18, 2010, when Ms. Chater stated her intention to leave First Movies."

Disney does not comment on personnel matters and would not say whether Chater retained any financial ties to First Movies when she joined the movie studio. It is not unusual for executives to join vendor companies, and usually they must give up ownership stakes in their own companies in order to avoid the appearance of self-dealing.

A spokeswoman for Disney told TheWrap: “I’m not saying anything on the record about employees, current or former.”

Chater exited the studio with a settlement agreement that prevents her from discussing the matter, according to a knowledgeable individual. Her LinkedIn page indicates that she left Disney in September.

Chater is a veteran market researcher who specializes in international markets and cultures. In a 2009 interview with TheWrap, she explained that she “conducts tests in more than a dozen countries, including across Europe, and in the burgeoning film markets of Russia, South Korea, Brazil and India.”

Research professionals in Hollywood told TheWrap they were at first thrilled when Chater was named SVP of research at Disney, replacing a longtime executive whom they say often rejected their findings.

But Chater’s transition to the role at Disney -- not unlike that of a more high-profile predecessor in marketing, MT Carney, who exited in January -- became contentious, especially as research firms, such as NRG and Ipsos MPG, saw business that had previously gone to them sent to First Movies.

“She gave all the testing to her old company,” one research executive told TheWrap. “We all know that happens. But this was egregious.“

But individuals close to Chater and Disney say there has been a campaign to discredit the executive, referring to the anonymous letter sent to Disney and members of the media. No such letter was received by TheWrap.

Studios spend millions of dollars every year on market research. An individual with knowledge of Chater’s dismissal said questions arose within Disney when executives inquired into research conducted on "Lone Ranger" concepts before any marketing materials were produced.

“She was spending money on research that Disney questioned,” the individual told TheWrap. “She commissioned research to go to First Movies before there were any materials to be tested.”

But another individual with knowledge of the research said Chater did a "brand health check and positioning study" on "Lone Ranger" that was approved by "many of her superiors."

No replacement for Chater has been named, Disney said.


http://www.thewrap.com/movies/column-post/...-59391?page=0,0


User's Signature

Go to the top of the page
 
+Quote Post
Zio Paperone
messaggio 9/10/2012, 20:06
Messaggio #66


Gold Member
*******

Gruppo: Utente
Messaggi: 2.341
Thanks: *
Iscritto il: 12/8/2010




CITAZIONE (Scissorhands @ 22/1/2012, 20:15) *
Io non sarei così drastico! Numero 4 e Real Steel non sono stati dei veri flop (quest'ultimo all'estero è andato molto bene) e Fright Night per quanto poco è costato non ci hanno rimesso nulla. Poi la Disney distribuisce solo questi film! Le perdite (nel caso ci fossero) sono davvero davvero minime. E' la perfetta soluzione di comodo che ti permette di non rinunciare a una fetta di mercato e sperare sempre in qualche hit poco costosa (tipo the Help). Non solo, ma ti fa anche pompare i dati giornalistici del box office: ok non vuol dire nulla, ma secondo me fa qualcosa quando i giornali riportano a caratteri cubitali che la Paramount ha avuto un anno record ed è prima tra tutte le major, quando metà di quei film li distribuisce soltanto!
E poi avere sempre Spielberg nella scuderia mica è una cosa su cui sputarci su!
Poi vendere la Touchstone... ma sono impazziti? E la libreria? Pretty Woman e Nightmare Before Christmas (che però mi sa che recentemente è stato ribattezzato con etichetta Disney) non saranno più Disney? Scandalo degli scandali!


E The Help??? In America è andato molto bene in Italia è colpa di Disney Italia per la scarsa distribuzione e i continui spostamenti che non ho ancora capito.Ti confermo Nightmare Before Christmas uscito in Disney Digital 3D è passato sotto marchio Disney ma vendere la Touchstone è una scelta assurda!!!Semmai rivoglio la Touchstone produrre di nuovo film, film non commerciali e di denuncia sociale da cineforum.La Touchstone è in crisi ma purtroppo la colpa è della Disney che la usa per distribuire quello che rimane in fondo al magazzino.Basti pensare che un fim come The Lone Rangers negli anni 90 se veniva prodotto finiva alla Touchstone e in quei anni la Touchstone umiliava la casa madre che si salvava solo con l'animazione. Un film come Armaghedon al giorno d'oggi finiva alla Disney.Oltre a quelli citati non dimentichiamo l'Attimo Fuggente!!!
Go to the top of the page
 
+Quote Post
Enrico
messaggio 10/10/2012, 11:35
Messaggio #67


Gold Member
*******

Gruppo: Moderatore
Messaggi: 4.739
Thanks: *
Iscritto il: 18/9/2010
Da: La Spezia/Disneyland




L'attimo fuggente è un capolavoro... e non capisco come mai qui dentro si parli poco di un film di questo livello....
Go to the top of the page
 
+Quote Post
nunval
messaggio 10/10/2012, 12:27
Messaggio #68


Gold Member
*******

Gruppo: Moderatore
Messaggi: 6.863
Thanks: *
Iscritto il: 24/7/2004
Da: Aversa (CE)




Touchstone è Touchstone e Disney e Disney, io non li ho mai considerati la stessa cosa...
Go to the top of the page
 
+Quote Post
Prince Philip
messaggio 10/10/2012, 13:31
Messaggio #69


Gold Member
*******

Gruppo: Utente
Messaggi: 11.456
Thanks: *
Iscritto il: 1/11/2006
Da: Viareggio (LU)




CITAZIONE (nunval @ 10/10/2012, 12:27) *
Touchstone è Touchstone e Disney e Disney, io non li ho mai considerati la stessa cosa.

Concordo, anch'io le considero due cose diverse wink.gif


User's Signature

Go to the top of the page
 
+Quote Post
Beast
messaggio 24/12/2013, 12:57
Messaggio #70


Gold Member
*******

Gruppo: Utente
Messaggi: 9.079
Thanks: *
Iscritto il: 8/11/2009
Da: Cn




Jack Dorsey, co-fondatore di Twitter, è entrato nel consiglio di amministrazione della Disney. Sicuramente aiuterà la Disney a interfacciarsi meglio con nuove tecnologie e social media.


Twitter Co-Founder Jack Dorsey Joins The Walt Disney Company Board of Directors

The Walt Disney Company (NYSE: DIS) Board of Directors has elected Jack Dorsey, chairman of Twitter Inc. and CEO of Square Inc., as an independent director, effective immediately.

“Jack Dorsey is a talented entrepreneur who has helped create groundbreaking new businesses in the social media and commerce spaces,” said Robert A. Iger, Disney’s chairman and chief executive officer. “The perspective he brings to Disney and its Board is extremely valuable, given our strategic priorities, which include utilizing the latest technologies and platforms to reach more people and to enhance the relationship we have with our customers.”

“I am honored and humbled to join the Disney Board,” Mr. Dorsey said. “Disney is a timeless company, one we all grow up learning from and admiring.”

Mr. Dorsey is the co-founder of Twitter, the social networking and microblogging service that allows users to create and share ideas and information instantly via messages of 140 characters or less. Mr. Dorsey posted the world’s first Tweet–“just setting up my twttr”—on March 21, 2006, and since then Twitter has grown to include more than 230 million monthly active users worldwide who create about 500 million Tweets every day. Prior to becoming Twitter’s chairman in 2008, Mr. Dorsey was president and chief executive officer.

Mr. Dorsey is also chief executive officer of Square, a commerce company he co-founded in 2009. Headquartered in San Francisco, Square provides innovative products and services for local businesses including a mobile credit card reader, an iPad point-of-sale system, an online marketplace, and a wallet application that allows consumers to make payments using their mobile devices.

Mr. Dorsey attended New York University and Missouri University of Science and Technology.

Mr. Dorsey will stand for election along with the company’s other directors at the annual meeting on March 18, 2014. Pursuant to the tenure policy in the company’s corporate governance guidelines that limits board service to 15 years, Judith L. Estrin will not be standing for re-election.

“Judy has served Disney shareholders incredibly well during her 15 years of service, and we will miss having her on the Board,” Mr. Iger said. “Her insight and advice on technological innovation and our business, as well as her passion for excellence, have been invaluable to me.” Ms. Estrin, who has co-founded eight technology companies and served as chief technology officer and senior vice president of Cisco Systems Inc., is chief executive officer of JLABS, LLC, a privately held company focused on furthering innovation in business, government and nonprofit organizations.


Fonte Stitch Kingdom
http://www.stitchkingdom.com/disney-twitte...irectors-67846/


User's Signature

Go to the top of the page
 
+Quote Post
Beast
messaggio 13/6/2014, 10:02
Messaggio #71


Gold Member
*******

Gruppo: Utente
Messaggi: 9.079
Thanks: *
Iscritto il: 8/11/2009
Da: Cn




Secondo Nikki Finke (che è tornata blogger a pieno regime, hurrà!), Iger ha ormai scelto il suo successore. Speriamo di conoscerne il nome a breve.

Disney’s Bob Iger To Choose His Successor Very Soon

The big boardroom story, according to my sources, is that Walt Disney Co Bob Iger has finally made the decision to name an heir apparent. So it’s between Tom Staggs, the Chairman of Walt Disney Parks and Resorts, and Jay Rasulo, the Senior Executive Vice President and Chief Financial Officer of The Walt Disney Co. “People are canvassing and campaigning for this like an election campaign,” one insider tells me. Tom’s the pretty boy. Rasulo’s kinda troll-like.” Jay knows how to talk to Wall Street. But Disney loves their leaders fit and healthy.” It’s also part of that company’s lore that Michael Eisner plucked Bob Iger from obscurity because he looked good in a speedo.


http://nikkifinke.com/disney-decision-soon...oose-successor/


User's Signature

Go to the top of the page
 
+Quote Post
manci79
messaggio 14/6/2014, 9:22
Messaggio #72


New Member
*

Gruppo: Utente
Messaggi: 36
Thanks: *
Iscritto il: 18/9/2005




Speriamo Tom Staggs, brava persona!
Go to the top of the page
 
+Quote Post

6 Pagine V  < 1 2 3 4 5 > » 
Fast ReplyReply to this topicStart new topic
1 utenti stanno leggendo questa discussione (1 visitatori e 0 utenti anonimi)
0 utenti:

 

RSS Versione Lo-Fi Oggi è il: 19/10/2019, 7:30