Benvenuto Visitatore ( Log In | Registrati )


6 Pagine V  « < 3 4 5 6 >  
Reply to this topicStart new topic
> Il Re Leone (Live-Action), Walt Disney Pictures
veu
messaggio 31/5/2019, 23:43
Messaggio #97


Gold Member
*******

Gruppo: Moderatore
Messaggi: 17.992
Thanks: *
Iscritto il: 27/8/2005




Aggiornamento:

Poster Promozionale:




Characters Poster:

























Video promozionale:

Click


User's Signature

Go to the top of the page
 
+Quote Post
veu
messaggio 4/6/2019, 23:54
Messaggio #98


Gold Member
*******

Gruppo: Moderatore
Messaggi: 17.992
Thanks: *
Iscritto il: 27/8/2005




Nuovo promo in cui si può sentire la voce di Beyoncé:

Come Home - Click


Manifesto:




Dal sito D23:

We Just Can’t Wait to See King

Viewed from the outside, the ordinary box of a building in Playa Vista, California, where director Jon Favreau and the rest of his production team are busy at work on the upcoming Favreau-directed version of The Lion King seems the most pedestrian of places to bring roaring back to life one of the most beloved films in the Disney canon. But inside, Favreau and company have created a state-of-the-art, purpose-built studio, one where advanced VR (virtual-reality) and live-action filmmaking techniques meet photorealistic computer-generated animation to tell this timeless story in an all-new way.

Favreau’s career has been in full-throttle ascent since appearing on TV shows such as Seinfeld and Friends and movies such as Rudy (1993) and PCU (1994). His big break came with the indie film Swingers (1996), which he wrote, starred in, and co-produced. In 2003 he directed the Will Ferrell hit Elf, and went on to direct and produce major box-office hit films for The Walt Disney Studios. His directing credits include Iron Man (2008), Iron Man 2 (2010), and The Jungle Book (2016). In addition to working on The Lion King, Favreau is currently writing and executive producing the live-action Star Wars television series for the new Disney+ streaming service, The Mandalorian. He was recently named a Disney Legend and will be inducted in August at D23 Expo 2019 in Anaheim, California. The man’s on a roll.

For someone who could be excused for feeling a little pressure, Favreau, dressed casually in khakis and navy blue polo shirt, stands in the center of the warehouse-sized set appearing focused rather than frantic. He says that The Lion King “has the feeling of a live-action shoot, because that’s the way I learned to direct. It wasn’t sitting in a chair, looking over somebody’s shoulder or at a computer. I’m used to being in a real location, and there’s something about being in a real 3D environment that gets my brain firing.”

In addition to using photorealistic computer-generated animation to create this visually majestic film, the latest in VR technology is used primarily to convey that live-action feeling. Virtual sets are designed and created on a computer. Then, using VR technology, virtual environments are constructed that let filmmakers go virtually on to a set, say the Pride Rock set—and scout the environment and set up shots, almost as if they were really in Africa.

“A lot of doing a movie is just walking around, and talking, and so there might be as many as six of us [on the VR stage] wearing goggles talking about a shot. You have the same communication, the same chain of command, the same rhythm to the day.”

Favreau says the new Lion King cleaves largely to the animated film. “We are working off a story that works really well, but the more we looked at, the more we challenged the story. There were certain things that needed addressing to make it feel more appropriate to this medium, but as far as the characters, the story, the themes, the music, we really felt that people were very connected to the original, and so hopefully if you are a fan of the original you will look at our film and say, ‘I feel like I saw The Lion King.’”

Favreau thinks The Lion King’s timelessness makes it the perfect story for new adaptations. “When you see the stage play, you still feel a connection to the animated film,” he says. “Both exist with very close storylines and much of the same music, just different people are playing the characters in a different medium. They don’t seem redundant. You can see the animated film, and you can see the stage show, and love both of them and see them as two different things. The challenge for us is to create something that feels like a completely different medium than those two productions.”

In the end, Favreau hopes The Lion King feels emotionally as realistic as if audiences were watching live creatures. “That’s the trick here,” he says. “Because I don’t think anyone wants to see another animated Lion King, because [that film] still holds up really, really well. Doing The Jungle Book gave me a lot of encouragement. I saw The Lion King as a great opportunity to springboard, refine the tools, and tackle this beloved story in a new way.”


User's Signature

Go to the top of the page
 
+Quote Post
veu
messaggio 5/6/2019, 23:28
Messaggio #99


Gold Member
*******

Gruppo: Moderatore
Messaggi: 17.992
Thanks: *
Iscritto il: 27/8/2005




Dal sito Hollywood Reporter:

Beyoncé's Makeup Artist Sir John Teams With Disney for 'Lion King' Collection



Beyoncé's longtime makeup artist created a beauty line inspired by the African landscape.
To celebrate the release of The Lion King on July 19, Disney recruited Beyoncé’s makeup artist Sir John to create a makeup line inspired by the movie.

Sir John has created looks for a cast of big names, including Rosie Huntington Whiteley, Khloé Kardashian, Priyanka Chopra and Serena Williams, but he is perhaps best known for his work with Beyoncé, who is voicing the character Nala in the photo-real virtual-production remake of the cult cartoon.

The pair initially met at Tom Ford’s first womenswear show in 2010 and hit it off; Sir John quickly became Beyoncé's go-to for everything from album art, music videos, concert tours and even her Super Bowl show and iconic September 2018 Vogue cover.



So when the makeup artist first revealed he had a makeup line in the works last fall, speculation grew that he was working on a line with Beyoncé herself. "Disney first approached me last August, just as I was wrapping up [reality TV competition show] American Beauty Star," Sir John told The Hollywood Reporter. "They told me B was voicing Nala and asked if I’d be interested in doing a line of cosmetics for them."

Sir John was hesitant at first, however. "I was kind of like 'She’s sold separately.' But they said, 'No we want to work with you and we want you to license it and find a partner to produce the collection.'" Sir John immediately reached out to Luminess Cosmetics, a brand known among professionals for its innovative airbrush technology, to help him realize his sweeping vision for the line, with a very tight deadline.



Past Disney makeup collabs have included a Disney Villains Collection with ColourPop and, most recently a MAC Disney Aladdin Collection based around Princess Jasmine’s character. Sir John's aim to create a makeup line around a lion cub rather than a Disney princess didn’t pose a problem.

"It was actually a plus, because I didn’t have a character limiting my creativity.... I didn’t have to design a collection for Cinderella. I also think women appreciate the grace and beauty of big cats, whether it’s a jaguar, leopard or cheetah. They are so regal and so dangerous, but have a feminine quality that speaks to my clients, who are strong women," he says.



The resulting collection is presented in visually stunning packaging, made from etched enamel seven layers deep, where each layer has been lasered out to reveal the rose gold compact. "I fell in love with the packaging before the product — even as a makeup artist," says Sir John. "It’s a collectors item."

As for the makeup itself, "The line is for every woman," he says of the limited edition products, which include a Kingdom Sculpting Palette, Can't Wait to be Queen Eyeshadow Palette, Be Brave Matte Lipsticks, Be Prepared Liquid Lipsticks, Legacy Tinted Lip Balms and a Circle of Life Highlighter. The shade names draw on both characters and scenes from the film — the eye palette includes Nala, King, Pride Rock and African Clay, for example.

"I was inspired while on safari in South Africa for Global Citizen, and I remember looking at how warm and rich the colors were, and I didn’t need to look any further than the landscape," Sir John says.

The collection will launch June 15 at Luminess Cosmetics online. Prices start at $24.







E ora veniamo ad un articolo più interessante, su come considerare questo film, live action o animato? Risponde il regista Jon Favreau. E il sito riportato sotto pone una serie di interessanti questioni.
Leggetelo

Dal sito CartoonBrew:

Jon Favreau Made An Animated ‘Lion King,’ But He Still Doesn’t Want You To Call It An Animated Film

Jon Favreau, the director of Disney’s 100%-fully animated remake of The Lion King, is claiming in a new interview that he doesn’t think the film should be considered animated.

If you’re confused, don’t worry. That’s part of Disney’s marketing strategy. Here’s a breakdown of what’s happening:

Does Favreau think the film is live action?
No, Favreau clearly understands that he made an animated film. He just doesn’t want people to call it an animated film. In an interview with Slashfilm, he spoke about how the film was fully key-frame animated: “[T]here’s no real animals and there’s no real cameras and there’s not even any performance that’s being captured that’s underlying data that’s real. Everything is coming through the hands of artists.” But rather than stating the logical conclusion, he added a curveball: “But to say it’s animated I think is misleading as far as what the expectations might be.”

Favreau goes on to say that the viewing experience will be more special if you don’t know you’re watching an animated film:

It also changes the way you sit and watch it. Because hopefully, you could just watch it without it being introduced. If we put up that Rafiki footage and didn’t say what it was, some people might know, some people might not know how it was done, but it causes you to be present and mindful and pay attention because you’re trying to figure out what you’re looking at. And that’s a great disposition to be in as an audience member.

Favreau adds, “I think calling it live-action is also not appropriate either.” In fact, he recently told an interview that the film only has one live-action shot, which he snuck in as a joke to see whether audiences could tell the difference between the live-action shot and everything else that was animated.

What about all the actors in the film?
The actors in the film are only voice actors; functionally, Donald Glover’s performance as Simba is the exact same thing that Matthew Broderick did on the original Lion King. Initially, there had been some confusion about the role of the actors; some had suggested that they may have done motion capture performances, in the fashion of an Andy Serkis performance. That wouldn’t make it any less animated, but it could’ve helped Disney make the argument that this was not a typical animated film. However, as Favreau confirmed in the most recent Slashfilm interview, there was no performance capture used in the film. It’s all keyframed traditional animation.

The vfx supervisor Rob Legato has spoken about using virtual production. Couldn’t that be considered live-action?
Virtual production is an innovative filmmaking technique that can be used in the service of either a live-action film or an animated film. You can read our in-depth explainer of the technique here. It is, however, still a technique (akin to stop motion, hand drawn, cinematography, or cg). The final imagery that appears in any film can only be classified as one of three things: live action, animated, or a hybrid combination of the two. In the case of The Lion King, the imagery is 100% animated, achieved through a combination of virtual production and cg animation techniques.

Why would Disney run a coordinated campaign to convince people The Lion King isn’t animated?
There has clearly been a concerted effort from the Disney Company, from the president of Walt Disney Studios Motion Picture Production to the vfx supervisor, to not call The Lion King an animated film. Disney, however, has also stopped calling it a live-action film, as Disney CEO Bob Iger had done earlier, since it’s clearly not. Everything about the film’s publicity, including the prominent use of actor’s names in film posters, is intended to obfuscate the film’s actual production technique.

The exact reasons that Disney has turned their promotion of this film into a farce is not entirely clear — that’s an internal decisionmaking process to which no one is privy. Here’s our best guess: The Disney studio has been on a years-long campaign to recreate its animated films as live-action product. All of its other live-action versions have had live-action performances in them, even if they incorporated plenty of animation, too. Clearly, being honest about The Lion King would complicate the marketing of the film, and would put the studio in a defensive position of explaining why they made an animated remake of an already animated film.

Further, it’s no secret that commercial animation in the United States carries a negative association with children’s content, which is ironically an association that has formed due to Disney’s own outsized influence in the industry. An animated film that breaks the mold and has a more mature sensibility is a tougher sell to the general public than simply re-labeling something as a live-action film and avoiding the stigma of being labeled a children’s film.

If The Lion King were accurately labeled as an animated film, it would also create a headache for the company during awards season. That means The Lion King would be competing for end-of-year awards with other animated films. In a year when Disney has no original films (only sequels like Frozen 2 and Toy Story 4), a technically innovative animated film like The Lion King could emerge as a critical pick for best animated film of the year, thus hurting the studio’s traditional divisions that create animation. A recent report on Indiewire suggests that Disney has already planned ahead and won’t run The Lion King for best animated film, instead pushing it for a visual effects Academy Award, thus leaving a clear path for Frozen 2 and Toy Story 4 to make unimpeded Oscar runs.

Why is it such a big deal to accurately label The Lion King as an animated film?
First things first: animators deserve credit for their work. A campaign to diminish the efforts of animators on a fully-animated film further reduces the visibility of the thousands of animation and vfx artists who worked to make this film. Cg animators are already underpaid and overworked — now, Disney is pretending that they don’t even exist, a completely unethical and indefensible position.

Secondly, The Lion King is poised to be the most innovative and technically progressive animated film released in 2019. It points to a direction that animated films have been heading for years — photorealism — and pushes the use of virtual production techniques as far as any animated film has to date. Whether or not you’re on board for photorealistic animation, it’s already here and used extensively in live-action filmmaking. Now, we’re seeing convincing photorealistic animation in an entirely animated environment. This is a big technical leap forward for the art of animation. Innovation in our art form deserves to be celebrated, not belittled and hidden from the public.


User's Signature

Go to the top of the page
 
+Quote Post
veu
messaggio 18/6/2019, 0:03
Messaggio #100


Gold Member
*******

Gruppo: Moderatore
Messaggi: 17.992
Thanks: *
Iscritto il: 27/8/2005




Nuovi Poster:

Poster Cinese:




Poster internazionale:



User's Signature

Go to the top of the page
 
+Quote Post
veu
messaggio 21/6/2019, 0:41
Messaggio #101


Gold Member
*******

Gruppo: Moderatore
Messaggi: 17.992
Thanks: *
Iscritto il: 27/8/2005




Nuovo spot in cui si sente Can You Feel the love tonight cantata da Glover e Beyoncé:

Click


User's Signature

Go to the top of the page
 
+Quote Post
veu
messaggio 26/6/2019, 0:12
Messaggio #102


Gold Member
*******

Gruppo: Moderatore
Messaggi: 17.992
Thanks: *
Iscritto il: 27/8/2005




Nuovi poster:










Tv Spot:

Click

Click


User's Signature

Go to the top of the page
 
+Quote Post
veu
messaggio 1/7/2019, 23:42
Messaggio #103


Gold Member
*******

Gruppo: Moderatore
Messaggi: 17.992
Thanks: *
Iscritto il: 27/8/2005




Qui potete vedere Zazu:

Click


User's Signature

Go to the top of the page
 
+Quote Post
veu
messaggio 3/7/2019, 0:08
Messaggio #104


Gold Member
*******

Gruppo: Moderatore
Messaggi: 17.992
Thanks: *
Iscritto il: 27/8/2005




















Beyoncé è qualcosa di spettacolare!


User's Signature

Go to the top of the page
 
+Quote Post
Daydreamer
messaggio 7/7/2019, 23:05
Messaggio #105


Gold Member
*******

Gruppo: Utente
Messaggi: 4.713
Thanks: *
Iscritto il: 9/4/2008
Da: Brescia




Notizia bomba. Marco Mengoni doppierà Simba nei dialoghi e nelle canzoni dell'edizione italiana.

Mengoni ne da notizia sulla sua pagina Facebook, dove esegue un pezzetto de "L'amore è nell'aria stasera".

Messaggio modificato da Daydreamer il 7/7/2019, 23:08


User's Signature

Go to the top of the page
 
+Quote Post
buffyfan
messaggio 8/7/2019, 1:51
Messaggio #106


Gold Member
*******

Gruppo: Utente
Messaggi: 9.725
Thanks: *
Iscritto il: 24/7/2009
Da: Roma




Non so come se la cavi nel doppiaggio, ma nel canto… porca vacca, è praticamente il miglior cantante maschio che abbiamo adesso in Italia. Ottima scelta. Poi, mi sta pure simpatico, sebbene non sia un suo fan e conoscerò un paio di sue canzoni! laugh.gif Adesso, la curiosità per la voce di Nala è alle stelle..

Messaggio modificato da buffyfan il 8/7/2019, 1:51
Go to the top of the page
 
+Quote Post
Daydreamer
messaggio 8/7/2019, 8:03
Messaggio #107


Gold Member
*******

Gruppo: Utente
Messaggi: 4.713
Thanks: *
Iscritto il: 9/4/2008
Da: Brescia




Prima di Mengoni, anche la cantante Cheryl Porter, sempre attraverso FB, annuncia che eseguirà "Il Cerchio della Vita" nel film.


User's Signature

Go to the top of the page
 
+Quote Post
BennuzzO
messaggio 8/7/2019, 10:45
Messaggio #108


Gold Member
*******

Gruppo: Utente
Messaggi: 2.157
Thanks: *
Iscritto il: 31/12/2006
Da: Lavinio Lido di Enea (RM)




Mengoni è pazzesco e su questo non discuto. Anche Elisa (che pare doppierà Nala) lo è, innegabilmente.
La mia perplessità si manifesta riguardo al parlato... saranno in grado entrambi di non far sentire troppo la loro provenienza?
Sulla Porter non mi pronuncio, è un personaggio che tollero talmente poco che è meglio che stia zitto. tongue.gif


User's Signature

Go to the top of the page
 
+Quote Post
Daydreamer
messaggio 8/7/2019, 14:24
Messaggio #109


Gold Member
*******

Gruppo: Utente
Messaggi: 4.713
Thanks: *
Iscritto il: 9/4/2008
Da: Brescia




Confermata Elisa su Nala. Da badtaste.it


User's Signature

Go to the top of the page
 
+Quote Post
veu
messaggio 10/7/2019, 22:30
Messaggio #110


Gold Member
*******

Gruppo: Moderatore
Messaggi: 17.992
Thanks: *
Iscritto il: 27/8/2005




La canzone "Spirit" cantata da Beyoncé:

Click


User's Signature

Go to the top of the page
 
+Quote Post
Simba88
messaggio 11/7/2019, 11:11
Messaggio #111


Gold Member
*******

Gruppo: Moderatore
Messaggi: 4.218
Thanks: *
Iscritto il: 14/10/2013
Da: Terre del branco




Edoardo Leo e Stefano Fresi tra i doppiatori italiani (probabilmente di Timon e Pumbaa).

Fonte:
http://www.bestmovie.it/movie-for-kids/gif...-talent/703356/


User's Signature



Go to the top of the page
 
+Quote Post
nicolino
messaggio 12/7/2019, 6:42
Messaggio #112


Member
***

Gruppo: Utente
Messaggi: 240
Thanks: *
Iscritto il: 20/2/2011
Da: Roma




Sono uscite le canzoni in italiano sul canale Vevo Disney.
Io veramente sto arrivando a limiti di sopportazione assurdi.

“Io l’ho già capito!”
“Cosa?”
“Ma loro ancora no!”
“Chi”
“Si stanno innamorando e il nostro trio ADESSO diventerà un duo”.

E niente. Lei se non storpia, se non stupra e infrange ogni logica musicale possibile non è soddisfatta. Grazie al cielo lo vedrò in inglese.
Go to the top of the page
 
+Quote Post
I seguenti utenti hanno apprezzato questo post:
Simba88
messaggio 12/7/2019, 8:07
Messaggio #113


Gold Member
*******

Gruppo: Moderatore
Messaggi: 4.218
Thanks: *
Iscritto il: 14/10/2013
Da: Terre del branco




Però per la prima volta, in tutte le canzoni, non è stata cambiata una singola parola (temevo "Voglio diventare subito un Re")!

La voce di Simba nel canto è di Simone Iuè, lo stesso di Miguel in Coco!

https://www.youtube.com/watch?v=x8nHyjFmsLs

https://www.youtube.com/watch?v=7cbc-xasujE

https://www.youtube.com/watch?v=QS3wjVDpG_c

https://www.youtube.com/watch?v=6-V4T8turMM

https://www.youtube.com/watch?v=WscoO7b2Svo


User's Signature



Go to the top of the page
 
+Quote Post
Daydreamer
messaggio 12/7/2019, 9:35
Messaggio #114


Gold Member
*******

Gruppo: Utente
Messaggi: 4.713
Thanks: *
Iscritto il: 9/4/2008
Da: Brescia




CITAZIONE (nicolino @ 12/7/2019, 6:42) *
E niente. Lei se non storpia, se non stupra e infrange ogni logica musicale possibile non è soddisfatta. Grazie al cielo lo vedrò in inglese.


Cosa combinerà con La Sirenetta? Non fosse bastevole la discutibile produzione che si sta palesando. Qui ha avuto gioco facile perché gli animali hanno un "labiale" diverso dagli umani, non si sono presentate le solite difficoltà.

CITAZIONE (Simba88 @ 12/7/2019, 8:07) *
La voce di Simba nel canto è di Simone Iuè, lo stesso di Miguel in Coco!


Ha una voce melodiosa e acuta Innamorato.gif , mi aveva molto colpito nel live action de La Bella e la Bestia, dove doppiava il Principe da ragazzino, nel pezzo inedito "Quei giorni passati".

Messaggio modificato da Daydreamer il 12/7/2019, 10:07


User's Signature

Go to the top of the page
 
+Quote Post
Daydreamer
messaggio 12/7/2019, 11:49
Messaggio #115


Gold Member
*******

Gruppo: Utente
Messaggi: 4.713
Thanks: *
Iscritto il: 9/4/2008
Da: Brescia




Polemica a parte, pare fosse stata contattata la Pausini prima di Elisa per la voce di Nala ohmy.gif

Da Rolling Stone.it

‘Il Re Leone’, Elisa risponde alla polemica scatenata da una dichiarazione di Laura Pausini
"Mentre molti di voi scrivevano messaggi pieni di rancore io e Laura ci scrivevamo che ci vogliamo bene"

Sul web si è scatenata una polemica tra i fan di Laura Pausini e quelli di Elisa, dopo che la prima ha risposto alla domanda di una follower: “Lau, ma doppi un personaggio de Il Re Leone?”.
“No, anche se mi piace molto, ma non ho potuto farlo per via di altri impegni che avevo”, ha replicato la Pausini su Instagram. “Ma lo farà Elisa, è bellissima la sua voce. Io sono grande fan!”. La risposta sarebbe stata letta dal seguito di Elisa come un implicito riferimento al fatto che la Toffoli sia stata chiamata a doppiare Nala solo dopo il rifiuto della Pausini.

Ma Elisa è intervenuta per mettere a tacere la polemica con un lungo post, accompagnato da una foto di lei e Laura Pausini che si tengono per mano durante un’esibizione:”Di solito tendo ad occuparmi di musica e poco altro, ma credo di avere un potere, un peso, una voce e una responsabilità”, ha esordito. “Non so per quale ragione in quest’epoca pare ci sia sempre un bel po’ di posto per l’odio e per la negatività. […] Io scelgo l’onestà, la positività, la meritocrazia, la chiarezza, la trasparenza, il coraggio”.

Poi ha ringraziato chi l’ha difesa, ma ha comunque invitato tutti ad evitare altri scontri, aggiungendo: “Se fossi una seconda scelta non me ne vergognerei, quello che dispiace è l’aver sentito una versione totalmente diversa da questa. Ma non importa, credetemi”.
Elisa ha anche sottolineato di essere felicissima dell’opportunità, perché il doppiaggio è sempre stato uno dei suoi sogni: “Ho provato una felicità e una gioia enormi quando mi hanno chiamata, e ho dato tutta me stessa nelle parti cantate e in quelle recitate. Ho fatto il miglior lavoro possibile e ne sono fiera”.
Poi la Toffoli ha fatto riferimento alla Pausini: “Non è bello che questa situazione crei odio tra i nostri fan, o tra i fan del film… Mentre molti di voi scrivevano messaggi pieni di rancore io e Laura ci mandavamo messaggi dicendoci che ci vogliamo bene”.
La risposta della Pausini non si è fatta attendere: “Per questo e mille altri motivi sei una grande donna e amica. Come ci siamo dette già tra noi.. ti voglio bene”.

Messaggio modificato da Daydreamer il 12/7/2019, 11:51


User's Signature

Go to the top of the page
 
+Quote Post
BennuzzO
messaggio 12/7/2019, 12:31
Messaggio #116


Gold Member
*******

Gruppo: Utente
Messaggi: 2.157
Thanks: *
Iscritto il: 31/12/2006
Da: Lavinio Lido di Enea (RM)




Ma menomale che la Pausini era occupata! Roftl.gif


User's Signature

Go to the top of the page
 
+Quote Post
Arancina22
messaggio 12/7/2019, 14:55
Messaggio #117


Gold Member
*******

Gruppo: Utente
Messaggi: 17.542
Thanks: *
Iscritto il: 15/10/2009
Da: casa mia




Eccole qua, le aspettavo al varco: le prime recensioni che lamentano l'atomico effetto uncanny valley di questo film. Alé! Roftl.gif

Recensione di Indiewire

‘The Lion King’ Review: Disney’s Remake Is a Disastrous Plunge into the Uncanny Valley
Unfolding like the world's longest and least convincing deepfake, the new "Lion King" fatally misunderstands what once made Disney special.


Recensione di Slate

Disney’s Lion King Remake Is a Dazzling Safari in the Uncanny Valley
Everything the light touches is both photorealistic and vaguely inexpressive (unless it’s voiced by Billy Eichner).


User's Signature

Your special fascination'll
prove to be inspirational!
We think you're just sensational,
Mame!
Go to the top of the page
 
+Quote Post
Daydreamer
messaggio 15/7/2019, 8:27
Messaggio #118


Gold Member
*******

Gruppo: Utente
Messaggi: 4.713
Thanks: *
Iscritto il: 9/4/2008
Da: Brescia




Interessantissimo "Dietro alle Quinte" del doppiaggio del film e in generale dell'adattamento e doppiaggio dei film Disney in Italia. Se non ci sono "bugie" o esagerazioni, devo dire che non immaginavo un lavoro così certosino, o almeno non nei giorni d'oggi. ohmy.gif

Da Niente da dire.it

Il doppiaggio del Re Leone: Fiamma Izzo e le polemiche dei talent

Questo mese le voci di corridoio sono autentici ruggiti.
Mi riferisco al gran parlare che si sta facendo proprio circa le voci (guarda un po’) scelte per il doppiaggio del nuovo live action di casa Disney: l’attesissimo “Il Re Leone”.
Sì perché alcuni tra i ruoli più importanti di questo film, nell’edizione italiana, sono stati affidati a dei talent. Nella fattispecie, abbiamo Marco Mengoni nel ruolo di Simba da adulto, Elisa nel ruolo di Nala, Massimo Popolizio su Scar, Stefano Fresi ed Edoardo Leo rispettivamente su Pumbaa e Timon, e Toni Garrani su Rafiki.
E qui i corridoi di internet sono stati intasati da voci. Voci entusiaste delle scelte, ma anche e soprattutto, voci furenti e preoccupate, dal momento che in passato, più di una volta i “talent” prestati al doppiaggio non hanno reso un buon servizio ai film per i quali sono stati scelti.
Ma che cosa c’è dietro al doppiaggio di un film importante come “Il Re Leone”? Quanto sappiamo davvero del lavoro che viene svolto per edizioni italiane di questo livello?
Non sono mai stato un grande amante del “fenomeno-talent”, ma ho letto e sentito di tutto: critiche che hanno parlato di “scelte arbitrarie”, di “siamo i soliti italiani”, di “ma non potevano richiamare i doppiatori del cartone animato?”…
Ed ecco che, per rispondere a queste ed altre perplessità, questo mese porto tra le nostre voci di corridoio una voce più che autorevole: quella di Fiamma Izzo.
Fiamma non è soltanto un’attrice, dialoghista, direttrice di doppiaggio e imprenditrice, nata all’interno di una delle più grandi famiglie del doppiaggio italiano: è anche una straordinaria cantante lirica che ha calcato i palchi più importanti al mondo. È una, per capirci, che all’arte dell’interpretazione ha dedicato la vita, e che è un’esperta di Disney, avendo diretto il doppiaggio dei recentissimi “Aladdin”, “Il ritorno di Mary Poppins”, “Ralph Spaccatutto” e “Ralph Spacca Intarnet”, “Frozen” e, appunto, “Il Re Leone”.
Dall’assegnazione di un film al primo turno di doppiaggio passano mesi interi di organizzazione, riunioni creative, mail con la produzione americana a tutte le ore del giorno e della notte. Niente è lasciato al caso.

«Una volta che il film viene assegnato a un direttore», ci spiega Fiamma, «si prepara una scheda con gli attori originali, indicando per ciascuno di loro se e da chi sia già stato doppiato. In questa scheda il direttore indica anche delle preferenze personali che possono ricadere al di fuori delle cosiddette “established voices” (“voci abituali”, NdA). Una volta ricevuta questa scheda, la distribuzione (in questo caso la Disney, ma vale per tutte le major), di concerto con il reparto marketing, vaglia la possibilità di utilizzare dei talent e la comunica al direttore che fa delle proposte. Se la distribuzione le approva, si procede con i provini».
Sì, perché anche i talent devono sostenere dei provini.
«Più di una volta è capitato che i provini dei talent siano stati scartati e che la distribuzione americana abbia scelto dei doppiatori di professione».
Talent o no, spesso non è facile trovare la voce giusta. Pensate che prima di scegliere Luca Ward per il ruolo di Mufasa, sono stati fatti e mandati in America venti provini di attori tra i 50 e gli 80 anni. Per non parlare di Simba e Nala da bambini: sono stati ascoltati moltissimi piccoli attori e attrici prima di scegliere Vittorio Thermes e Alice Porto, anche se, ci racconta Fiamma,
«Vittorio aveva conquistato tutti già al primissimo ascolto».
Durante la chiacchierata, Fiamma risponde anche a una delle domande che più spesso è risuonata a gran voce tra gli scontenti dei talent: perché due cantanti per Simba e Nala?
«Perché entrambi i personaggi, all’interno del film, avevano delle canzoni molto complesse da un punto di vista tecnico e interpretativo, a fronte di una parte recitata quantitativamente piuttosto contenuta. Sempre più spesso, dall’America vogliono che le parti recitate e quelle cantate siano affidate alla stessa persona, ragion per cui la Disney ha ritenuto pratico cercare i talent proprio tra i cantanti».
Fiamma aveva già lavorato con Marco Mengoni nel film “Lorax”, per cui quando è stata valutata la possibilità di coinvolgerlo, lei ha “appoggiato la mozione” con entusiasmo.
Certo però che le voci del film d’animazione erano un’altra storia… Vittorio Gassman, Tullio Solenghi, Riccardo Rossi, Laura Boccanera, Sergio Fiorentini…
«Il primo diktat arrivato dalla Disney America è stato quello di non utilizzare in nessun caso le voci del film d’animazione», spiega Fiamma. «L’unico ruolo per il quale non era stato imposto il veto era Mufasa, ma trattandosi del compianto Vittorio Gassman e non avendo ancora la possibilità di lavorare in link col Paradiso, abbiamo dovuto cercare altrove».
E di provini ne hanno fatti veramente a non finire. Sono stati provinati tutti i doppiatori che avevano già prestato la voce ai vari attori del cast, e tutti questi provini sono stati mandati in America dove è avvenuta la scelta.

A questo proposito, Fiamma ci tiene a sfatare un mito:
«Si è diffusa la leggenda metropolitana che in America scelgano in base alla somiglianza della forma d’onda sonora raffigurata sui grafici di un computer. Ecco. No. Proprio no. Voci diversissime tra loro, anche quella di un uomo e quella di una donna, potrebbero avere forme d’onda quasi identiche: scegliere con quel criterio sarebbe assurdo. Le persone preposte alla scelta dei doppiatori valutano in base a quanto trovino convincente la pasta vocale unita all’interpretazione».
Dovete sapere che, quando sosteniamo un provino su parte, noi doppiatori dobbiamo registrare un annuncio:
«Testing for [nome del personaggio], [nome del doppiatore]».
«È la prima cosa che sentono», dice Fiamma. «E più di una volta li ho visti scartare il provino senza neanche sentirlo perché l’annuncio non li convinceva. È il motivo per cui insisto sempre con i miei attori affinché “interpretino” anche l’annuncio con la voce e i modi del personaggio».
Il doppiaggio de “Il Re Leone” è andato avanti per tre intense settimane durante le quali i professionisti hanno lavorato su ben quattro versioni preliminari del film prima di completare la versione definitiva che è uscita nelle sale di tutto il mondo, e in queste settimane gli attori si sono scontrati con la difficoltà di calarsi nei ruoli di animali. Seguire un leone piuttosto che un attore umano in carne e ossa ha richiesto una concentrazione particolare: perfino attori navigati come Massimo Popolizio ed Edoardo Leo hanno detto più volte a Fiamma «Aiutami perché non so che appigli trovare». È stato un processo di immedesimazione attoriale completo. Ci sono stati anche dei vincoli molto precisi dal punto di vista del testo: Fiamma ha curato anche i dialoghi, e nel copione originale, le battute riprese alla lettera dal film d’animazione erano segnate in rosso: per quelle, la direttiva era di attenersi all’adattamento originale.
A tutte queste sfide, Marco Mengoni ed Elisa hanno risposto con grande generosità e dedizione. Mengoni si è trovato davanti alla difficoltà di dover doppiare Simba in due momenti molto specifici: il ragazzotto che vive all’insegna dell’Hakuna Matata e poi l’adulto che prende coscienza del proprio ruolo all’interno del cerchio della vita.
«Una volta capito il passaggio, Marco ha chiesto di rifare gran parte delle scene che aveva già doppiato, affrontandole alla luce della nuova consapevolezza. Lavorare con lui ed Elisa, due cantanti, è stato molto stimolante: il loro approccio era prettamente musicale. Loro sentivano delle note all’interno delle battute e riproponevano quelle stesse note in italiano. Il mio lavoro di direttrice è stato far capire loro che le note dell’inglese non sempre vanno bene per la recitazione italiana, e in quei casi occorreva trovare soluzioni che, pur discostandosi dai suoni originali, restituissero il valore emotivo delle battute».

Ma nel live action de “Il Re Leone” non ci sono solo Marco Mengoni ed Elisa.
Il ruolo di Rafiki, ad esempio, è stato affidato a Toni Garrani, attore di lungo corso che, abbiamo scoperto parlando con Fiamma, conosce molto bene lo Swahili e che quindi ha potuto interpretare anche le battute nella lingua africana presenti nel copione.
Stefano Fresi ha doppiato Pumbaa. Oltre a essere un bravissimo attore, Fresi ama molto il doppiaggio.
«Ha messo anima e corpo nel lavoro. Per lui era un sogno poter dare la voce a un personaggio disneyano. Oltretutto, è un cantante straordinario: la sua difficoltà più grande è stata stonare per rendere buffa l’esecuzione di “Hakuna Matata”».
Prima che il film esca nelle sale di tutto il mondo (e qui sfatiamo un altro mito: non è vero che si doppia solo in Italia! Ci sono almeno altri venticinque paesi in tutto il mondo nei quali i prodotti audiovisivi sono localizzati tramite il doppiaggio), viene effettuato un controllo ad opera di supervisori preposti dalla distribuzione americana, e più di una volta è capitato che, a film finito, questo o quel ruolo dovessero essere rifatti perché, in ultima istanza, il supervisore non era soddisfatto della voce scelta.
La stessa Fiamma è sempre molto critica circa il proprio lavoro.
«Vado sempre a vedere un paio di volte i film che dirigo. La prima volta da pura spettatrice, e cerco di godermeli per quello che sono. La seconda volta vado a caccia degli errori. In questo caso specifico, è stato bello perché ho dimenticato tutto: non sentivo più Marco Mengoni, Elisa, Edoardo Leo, Massimo Popolizio, Luca Ward o Emiliano Coltorti. Ognuno di loro era entrato perfettamente nel corpo dei rispettivi personaggi».
Resta una diffusa perplessità circa l’utilità effettiva di questi remake in live action di grandi classici dell’animazione: perché rifare qualcosa che non solo è stato già fatto, ma che ha segnato la storia del cinema?

«Sono approcci diversi», ci dice Fiamma. «I film originali sono dei capolavori immortali, ma hanno un linguaggio narrativo figlio della loro epoca, qualcosa con cui il pubblico dei giovanissimi di oggi potrebbe faticare a entrare in sintonia. Il senso artistico di questi live action è proprio quello di riproporre delle storie e dei personaggi così importanti in una chiave che sia più immediata per le nuove generazioni. Senza voler annullare i grandi capolavori dai quali sono tratti, ma anzi, magari invogliando i più giovani a riscoprire quelle storie».
Fiamma Izzo ci ha regalato uno spaccato molto chiaro di che cosa significhi lavorare su prodotti di questa importanza. È un lavoro del quale si sa poco o nulla ma del quale si parla sempre di più.
Il gusto personale del pubblico è e resta un valore fondamentale, su questo non ci piove, ma mettiamola così: questa nostra chiacchierata privilegiata con Fiamma non vuole spegnere le numerose voci di corridoio che circolano su “Il Re Leone” o sul doppiaggio in generale. Speriamo solo di aver reso quelle voci un po’ più informate, perché un film può piacere o non piacere, un doppiatore può piacere o non piacere, un talent può piacere o non piacere, ma lasciate che ve lo dica: molte delle critiche più feroci, certe volte, lasciano davvero senza niente da dire.


Messaggio modificato da Daydreamer il 15/7/2019, 8:30


User's Signature

Go to the top of the page
 
+Quote Post
I seguenti utenti hanno apprezzato questo post:
winnie & pimpi
messaggio 2/8/2019, 9:08
Messaggio #119


Millennium Member
******

Gruppo: Utente
Messaggi: 1.171
Thanks: *
Iscritto il: 17/5/2008
Da: London




L'Huffington Post ha recentemente contattato tredici animatori che hanno lavorato alla versione animata de Il Re Leone, e molti di loro si sono rifiutati di rilasciare commenti. Un animatore che preferisce restare anonimo ha dichiarato: "Mi metterei solo nei guai a commentare il live action", mentre un altro ha ammesso: "C'è un enorme risentimento verso questi remake 3D da parte delle troupe dei 2D originali. Forse se avessimo qualche tipo di royalty sarebbe diverso."

David Stephan, che ha lavorato al film del 1994 curando tra l'altro l'iconica scena d'apertura (quella col brano Il cerchio della vita), riassume bene il pensiero di molti colleghi. "Se chiedi alla crew dell'originale Il Re Leone" ha commentato, "la maggior parte di loro risponderebbe: C'era davvero bisogno di farlo? Ecco, fa un po' male."

Per Stephan è triste pensare che i film da fare siano decisi solo in base al tornaconto economico. "Ora la Disney si è tolta la maschera e sembra sbattertelo in faccia: Sì, vogliamo solo fare soldi. È deludente per un artista, era uno studio fondato sulla creatività e sull'arte."

gli animatori del film originale delusi dal live action


User's Signature

Go to the top of the page
 
+Quote Post
Hiroe
messaggio 3/8/2019, 2:34
Messaggio #120


Gold Member
*******

Gruppo: Utente
Messaggi: 2.399
Thanks: *
Iscritto il: 26/10/2008
Da: Pisa




Belli entrambi gli articoli, grazie day e Winnie per la condivisione.


User's Signature

Go to the top of the page
 
+Quote Post

6 Pagine V  « < 3 4 5 6 >
Fast ReplyReply to this topicStart new topic
1 utenti stanno leggendo questa discussione (1 visitatori e 0 utenti anonimi)
0 utenti:

 

RSS Versione Lo-Fi Oggi è il: 22/9/2019, 8:28