Benvenuto Visitatore ( Log In | Registrati )


4 Pagine V  < 1 2 3 4 >  
Reply to this topicStart new topic
> Decennio 2010 - 2020, Discussione
winnie & pimpi
messaggio 3/5/2020, 22:02
Messaggio #25


Millennium Member
******

Gruppo: Utente
Messaggi: 1.209
Thanks: *
Iscritto il: 17/5/2008
Da: London




CITAZIONE (Hiroe @ 3/5/2020, 21:04) *
Le tue considerazioni sul decennio, Winnie& Pimpi?

Non posso esprimere un giudizio netto sul decennio perché secondo me ci sono stati due periodi completamente diversi. I primi anni del decennio hanno visto un riavvicinamento sincero alla tradizione di Walt Disney, non solo nelle storie, come il ritorno alla fiaba, ma anche nei temi e nel tentativo di rialzare la qualità. Si cerca la collaborazioni con nomi importanti, anche se con risultati deludenti (vedi Tim Burton con Alice), ma almeno è apprezzabile lo sforzo. Perlomeno qualcosa di buono è emerso.

A me sono piaciuti Il mago di OZ e Lone Ranger (non è perfetto ,ma in fondo è un buon film).

Prince of Persia, John Carter, Pirati dei Caraibi 4 e Cenerentola non sono il massimo, ma almeno sono film dignitosi che non danneggiano la reputazione dello studio.

I film più tragici sono Alice in Wonderland e Maleficent, ma sulla carta potevano essere dei buoni progetti e comunque fanno lo sforzo di essere a loro modo opere originali con dei messaggi apprezzabili.

Il reparto animazione è certamente migliorato molto dal periodo incubo di Mucche alla Riscossa e Chicken Little. La Principessa e il Ranocchio non è molto riuscito, siamo tutti d'accordo mi sembra, però è una festa per gli occhi, ha la vera magia dell'animazione, belle scene e dei bei personaggi.

Rapunzel a me piace molto poco. La storia di per se può andare anche se modesta, ma l'eccessiva presenza di comicità scadente che non fa ridere, fa crollare troppo la qualità de film. Se fosse stato in 2d forse sarebbe stato bello da guardare, ma non lo è...

Gli unici film d'animazione veramente belli per me sono Zootropolis (perfetto!) e Frozen.

Gli ultimi anni per me sono VERGOGNOSI.
Tutti i remake-live action sarebbero da bruciare, non solo per la qualità bassissima delle produzioni, ma soprattutto perché hanno volutamente svuotato i film originali di ogni contenuto trasformandoli in meri prodotti di intrattenimento da due soldi.
Hanno eliminato il tema femminista da La Bella e La Bestia, eliminato i messaggi politici e sociali da Dumbo e Mary Poppins, ecc.

Pessimo anche A Wrinkle in Time.Lo Schiaccianoci inizia molto bene, ma poi scade nei soliti schemi con una sceneggiatura banale e infantile.

Boccio anche i sequel di Alice e Maleficent, in cui si censura l'aspetto dark dei film originali per farne dei prodotti banali, inutili e infantili. Certo Michelle Pfeiffer è sempre grandiosa, ma poveretta non può salvare l'intero film.

Non era mai successo prima, rimpiango perfino gli anni 70 e 80, Red & Toby sembra un capolavoro al confronto, sarà fatto molto male, ma che coraggio hanno avuto a fare un film così!!!

La cosa tragica è che questi film, nonostante siano diretti da registi diversissimi, sono alla fine tutti uguali. Le trame sono sempre inconsistenti e pretestuose. Si da importanza solo all'aspetto visivo con continui cambi di ambienti spesso totalmente inutili e cambi d'abito talmente ossessivi e insistiti da risultare ridicoli.
I protagonisti sono sempre degli adolescenti insicuri e senza carattere, seguiti e inseguiti da figure paterne o materne santificate.
Si sta sempre attenti a non toccare nessuna tematica per evitare qualsiasi polemica. Si parla solo di un generico "volersi bene, stare insieme".

E' chiaro quindi che il problema principale non risiede nei registi e negli sceneggiatori, non posso credere che nomi diversissimi scrivano sceneggiature perfettamente uguali. Molto probabilmente lavorano sotto dettatura di produttori e dirigenti che pensano di saperla più lunga.

Cosa serve allora sperare che mettano in produzione nuove fiabe, o romanzi della letteratura classica? Tanto il risultato sarà sempre lo stesso. Basterà riguardarsi Lo Schiaccianoci o Dumbo live-action. L'unica speranza per me è che cambi qualcuno nella dirigenza.

Sono fiducioso che questo avvenga tra qualche anno, dopo l'inevitabile sfilza di flop che sta per arrivare.





User's Signature

Go to the top of the page
 
+Quote Post
I seguenti utenti hanno apprezzato questo post:
theprinceisonfir...
messaggio 4/5/2020, 0:45
Messaggio #26


Top Member
*****

Gruppo: Utente
Messaggi: 512
Thanks: *
Iscritto il: 27/9/2013




Condivido pienamente l'opinione di Winnie, e la divisione del decennio in due distinte metà.
Anche io a livello di live actions salvo soltanto OZ,e tollero Cenerentola (tuttavia ho apprezzato Maleficent 2, di cui ho amato interpretazioni, costumi e aspetto visivo, mentre non ho gradito affatto la trama / sceneggiatura).
Probabilmente il prodotto migliore della decade sono i primi 15 minuti di "Lo Schiaccianoci", che resta godibile sino all'omaggio a fantasia, peccato che il film divenga osceno subito dopo, in maniera irrimediabile.
Qualcosa di apprezzabile c'è anche in "Saving Mr Banks", "Tomorrowland" e "Into the Woods"... il resto è una gran ciofeca.

Messaggio modificato da theprinceisonfire il 4/5/2020, 0:56
Go to the top of the page
 
+Quote Post
Fulvio84
messaggio 4/5/2020, 1:23
Messaggio #27


Gold Member
*******

Gruppo: Utente
Messaggi: 3.027
Thanks: *
Iscritto il: 8/4/2007
Da: Caserta




CITAZIONE (winnie & pimpi @ 3/5/2020, 22:02) *
La cosa tragica è che questi film, nonostante siano diretti da registi diversissimi, sono alla fine tutti uguali. Le trame sono sempre inconsistenti e pretestuose. Si da importanza solo all'aspetto visivo con continui cambi di ambienti spesso totalmente inutili e cambi d'abito talmente ossessivi e insistiti da risultare ridicoli.
I protagonisti sono sempre degli adolescenti insicuri e senza carattere, seguiti e inseguiti da figure paterne o materne santificate.
Si sta sempre attenti a non toccare nessuna tematica per evitare qualsiasi polemica. Si parla solo di un generico "volersi bene, stare insieme".

E' chiaro quindi che il problema principale non risiede nei registi e negli sceneggiatori, non posso credere che nomi diversissimi scrivano sceneggiature perfettamente uguali. Molto probabilmente lavorano sotto dettatura di produttori e dirigenti che pensano di saperla più lunga.

Cosa serve allora sperare che mettano in produzione nuove fiabe, o romanzi della letteratura classica? Tanto il risultato sarà sempre lo stesso. Basterà riguardarsi Lo Schiaccianoci o Dumbo live-action. L'unica speranza per me è che cambi qualcuno nella dirigenza.

Sono fiducioso che questo avvenga tra qualche anno, dopo l'inevitabile sfilza di flop che sta per arrivare.

Sono molto d’accordo su questa parte.


User's Signature

Go to the top of the page
 
+Quote Post
Daydreamer
messaggio 4/5/2020, 9:26
Messaggio #28


Gold Member
*******

Gruppo: Moderatore
Messaggi: 5.843
Thanks: *
Iscritto il: 9/4/2008
Da: Brescia




Oddio, a me sembra che continuino a incassare e questo è il giustificativo di questo continuare a reiterare e a non innovare. Potrebbe esserci stanchezza e un'inversione di rotta ma sta tutto nelle possibilità. Ai fatti reali dobbiamo attenerci e per ora, Coronavirus a parte, la Disney non è mai stata meglio, quindi direi che, discorsi artistici a parte, han capito bene cosa fare per fare quattrini. Ovviamente il mio ragionamento è tutto all'insegna del profitto, perché è chiaro che l'arte per ora è messa da parte e a loro interessa un po' poco per ora.


User's Signature

Go to the top of the page
 
+Quote Post
winnie & pimpi
messaggio 4/5/2020, 11:06
Messaggio #29


Millennium Member
******

Gruppo: Utente
Messaggi: 1.209
Thanks: *
Iscritto il: 17/5/2008
Da: London




CITAZIONE (Daydreamer @ 4/5/2020, 10:26) *
Oddio, a me sembra che continuino a incassare e questo è il giustificativo di questo continuare a reiterare e a non innovare. Potrebbe esserci stanchezza e un'inversione di rotta ma sta tutto nelle possibilità. Ai fatti reali dobbiamo attenerci e per ora, Coronavirus a parte, la Disney non è mai stata meglio, quindi direi che, discorsi artistici a parte, han capito bene cosa fare per fare quattrini. Ovviamente il mio ragionamento è tutto all'insegna del profitto, perché è chiaro che l'arte per ora è messa da parte e a loro interessa un po' poco per ora.


Hanno floppato con Tomorrowland, Lo Schiaccianoci, Mary Poppins Return, Dumbo, Maleficent 2. Nei prossimi anni, secondo me, faranno molti altri flop perché ormai hanno esaurito i remake più redditizi, a parte 2 o 3 titoli che comunque non hanno il potenziale del Re Leone o la Bella e la Bestia. Secondo me torneranno a floppare anche nell'animazione a partire da Raya.
Spero di sbagliarmi naturalmente, ma dalle premesse che ci sono io la vedo nera.


Il fatto che per sopravvivere debbano comprarsi altri studi come Pixar, Marvel e Lucas Film, è solo la dimostrazione che non sono in grado di fare film di successo perché non capisco niente di cinema.


User's Signature

Go to the top of the page
 
+Quote Post
Hiroe
messaggio 4/5/2020, 11:40
Messaggio #30


Gold Member
*******

Gruppo: Utente
Messaggi: 2.878
Thanks: *
Iscritto il: 26/10/2008
Da: Pisa




Io invece ripongo tante speranze in Raya, che floppi o meno non mi interessa, se sarà un buon film gli spettatori lo ameranno comunque, magari recuperandolo on demand, a noleggio o in streaming in seguito, e andranno a vedere quello dopo. L'unico obiettivo è, sempre, fare buoni film. Nel campo dell'animazione lo sanno fare (a parte secondo me qualche scivolone), sono i live action che non gli vengono bene, soprattutto i non remake.


User's Signature

Go to the top of the page
 
+Quote Post
Fulvio84
messaggio 4/5/2020, 12:52
Messaggio #31


Gold Member
*******

Gruppo: Utente
Messaggi: 3.027
Thanks: *
Iscritto il: 8/4/2007
Da: Caserta




È vero che molti live qction aono stati grandi successi a prescindere dalla qualità e che non sempre ottimi film abbiamo poi sempre riscontri di pubblico, ma credo fortemente che da ira in poi i film cominceranno a incassare molto meno perché la gente è abbastanza stufa a partire dai noi grandi fan. Basta veder l’entusiasmo cha avevamo per alcuni dei primi remake rispetto ad ora.
Inoltre aspetto Raya con grandi speranze ma dubito fortemente che avrà il successo di Frozen... basta vedere corn è andata Oceania.
Tutto questo aggiungilo all’emergenza covid, si qaunte persone preferiranno disertare i cinema per parecchio tempo? Sono sicuro che già Mulan sarà una bella batosta.
Detto ciò io mi auguro decisamente grossi flop, perche sono l’unica arma esistente per farli ragionare. D’altronde ogni rinascimento è avvenuto dopo una fase particolarmente calante.


User's Signature

Go to the top of the page
 
+Quote Post
Scrooge McDuck
messaggio 4/5/2020, 12:59
Messaggio #32


Gold Member
*******

Gruppo: Utente
Messaggi: 10.052
Thanks: *
Iscritto il: 8/2/2009
Da: Modena




È indicativo anche il fatto che stanno incassando sempre di più facendo sempre meno film. Vanno sull'usato sicuro riducendo i rischi, bisogna vedere quanto tempo ci vorrà perché il pubblico si stanchi.
Nello specifico: i film Marvel sono obiettivamente simili tra loro, sebbene la casa delle idee sia in ottima salute - ma bisogna vedere cosa succederà ora che la saga principale si è conclusa; i film di Star Wars sono quelli che hanno sofferto maggiormente e che hanno dimostrato quanto poco ci voglia perché la gente si stanchi in fretta.

Pixar e WDAS sembravano sulla strada della reciproca contaminazione e le loro pellicole iniziavano davvero ad assomigliarsi per temi e dinamiche (la coppia Disney in viaggio, le canzoni di Coco, il fantasy medievale di Merida, i videogame di Ralph ecc). Magari ora, con due diversi capi, si tornerà ad avere più diversificazione. Personalmente tutte le pellicole che mi piacciono meno della Pixar sono uscite in quest'ultimo decennio (Ribelle, Cars 2, Cars 3, Alla ricerca di Dory, Arlo e Monster Univeristy) e trovo che mentre la Disney si sia consolidata nell'immaginario collettivo, l'aurea che avvolgeva la Pixar al suo esordio si sia in qualche modo dissolta nello stesso lasso temporale.

Per quello che riguarda i live action, quoto Winnie & pimpi. Personalmente trovo abominevoli il 90% dei live action tratti dai classici, delle amenità che non dovrebbero nemmeno avvalersi della proiezione su uno schermo cinematografico (Maleficent, Alice, La bella e la bestia e Il re leone su tutti). Il problema principale è proprio in questa drastica riduzione di film prodotti ogni anno, che ha assottigliato di molto le possibilità di far uscire film diversi. Se ora si aggiunge il fatto che sotto allo stesso cappello trovano casa anche Marvel e Star Wars va da sé che i live action Disney sono delle rarità (e la situazione peggiorerà ulteriormente di anno in anno coi film Fox).
Go to the top of the page
 
+Quote Post
winnie & pimpi
messaggio 4/5/2020, 15:20
Messaggio #33


Millennium Member
******

Gruppo: Utente
Messaggi: 1.209
Thanks: *
Iscritto il: 17/5/2008
Da: London




CITAZIONE (Fulvio84 @ 4/5/2020, 12:52) *
È vero che molti live qction aono stati grandi successi a prescindere dalla qualità e che non sempre ottimi film abbiamo poi sempre riscontri di pubblico, ma credo fortemente che da ira in poi i film cominceranno a incassare molto meno perché la gente è abbastanza stufa a partire dai noi grandi fan. Basta veder l’entusiasmo cha avevamo per alcuni dei primi remake rispetto ad ora.
Inoltre aspetto Raya con grandi speranze ma dubito fortemente che avrà il successo di Frozen... basta vedere corn è andata Oceania.
Tutto questo aggiungilo all’emergenza covid, si qaunte persone preferiranno disertare i cinema per parecchio tempo? Sono sicuro che già Mulan sarà una bella batosta.
Detto ciò io mi auguro decisamente grossi flop, perche sono l’unica arma esistente per farli ragionare. D’altronde ogni rinascimento è avvenuto dopo una fase particolarmente calante.


Hai ragione, molti film di bassa qualità hanno molto successo. Ma evidentemente hanno delle storie avvincenti o dei personaggi interessanti, qualcosa che piace al pubblico insomma. I live-action Disney, non hanno proprio niente. Sono prodotti completamente vuoti.
A volte la qualità è anche alta. Lo Schiaccianoci, Mary Poppins Return, Into the Wood e Dumbo non sono film di bassa qualità. Hanno attori bravissimi, scenografie molto belle, ottimi costumi, ottima fotografia e registi capaci. Ma non c'è niente da mettere in scena, due ore di perdita di tempo.



User's Signature

Go to the top of the page
 
+Quote Post
Hiroe
messaggio 4/5/2020, 15:49
Messaggio #34


Gold Member
*******

Gruppo: Utente
Messaggi: 2.878
Thanks: *
Iscritto il: 26/10/2008
Da: Pisa




Beh ora non esageriamo, una storia c'è in Mary Poppins Returns, come in Dumbo. A me sembra che ci siano tante cose che non funzionano, tra cui gli attori principali in entrambe le pellicole (la Blunt è l'unica che si salva ma comunque non mi piace la sua Mary, come mi è piaciuta la Green o De Vito). Per un pubblico poco pretenzioso sono bei film, quando ne parlo in giro la gente dice che sono fantastici, soprattutto Dumbo è piaciuto molto alle famiglie... Noi appassionati di Disney e di cinema abbiamo altre pretese, questo è chiaro, e abbiamo ragione a dire che sono film che era inutile fare, ma per il grande pubblico non è così, non sempre.


User's Signature

Go to the top of the page
 
+Quote Post
theprinceisonfir...
messaggio 4/5/2020, 16:45
Messaggio #35


Top Member
*****

Gruppo: Utente
Messaggi: 512
Thanks: *
Iscritto il: 27/9/2013




Il pubblico effettivamente li apprezza, lo dimostrano anche le buone votazioni su imdb, che vanno dal 7.0 di Aladdin al 7.1 di La Bella e la Bestia... tutti voti ricompresi fra il 6 ed il 7.5 per i remake live action.

Curioso notare come i progetti originali, pur essendo, in qualche caso, di pari livello o persino migliori abbiano valutazioni molto peggiori: Into the woods 5.9, Lo Schiaccianoci 5.5, A wrinkle in time 4.2 ohmy.gif, Il Grande e potente OZ 6.3, Tomorrowland e Lone Ranger 6.4... nessuno arriva a 7 post-6-1111346498.gif

Evidentemente la nostalgia porta un velo di benemerenza verso i remakes, che nel complesso sono percepiti come gradevoli.

Su Dumbo, il problema è che è un film in parte Burtoniano, in parte Disneyano e in parte amorfo... ha una distinzione nei tre atti della sceneggiatura troppo forte, come se fossero tre storie completamente diverse e scollegate. Le interpretazioni sono buone però, concordo.

Io credo che il problema di fondo stia nel fatto che in nessun live action del decennio si sono contemporaneamente verificate la presenza di attori di livello e di una sceneggiatura convincente. Quelli scritti meglio hanno infatti patito per l'assenza di interpreti all'altezza: si pensi ad Aladdin, con le pessime performance di Jafar, Dahlia, Sultano e Aladdin stesso (nel cantato), oppure alla Bella e La Bestia, con Emma Watson assolutamente inadatta e Dan Stevens intrappolato nella orripilante CGI.
Di contro, Maleficent, Dumbo, Alice, Into the woods tutti avevano cast di prim'ordine, sprecati in sceneggiature infime.

L'unico ad aver trovato un equilibrio è stato Cenerentola, che pure non ha brillato particolarmente né per la trama (coerente e scorrevole ma non particolarmente avvincente: "Cinderella-La Storia di un amore" aveva sicuramente fatto di meglio) né per gli attori, che pur bravi non hanno reso performance eccelse.

Io continuo a reputare che l'unica speranza di un buon prodotto (leggasi: da oscar) potrebbe essere Cruella, poiché Emma Stone è l'attrice più versatile in circolazione e l'unica in grado di interpretare in maniera convincente sia i ruoli comici che drammatici.

Messaggio modificato da theprinceisonfire il 4/5/2020, 17:19
Go to the top of the page
 
+Quote Post
Daydreamer
messaggio 4/5/2020, 17:45
Messaggio #36


Gold Member
*******

Gruppo: Moderatore
Messaggi: 5.843
Thanks: *
Iscritto il: 9/4/2008
Da: Brescia




CITAZIONE (theprinceisonfire @ 4/5/2020, 16:45) *
Io continuo a reputare che l'unica speranza di un buon prodotto (leggasi: da oscar) potrebbe essere Cruella, poiché Emma Stone è l'attrice più versatile in circolazione e l'unica in grado di interpretare in maniera convincente sia i ruoli comici che drammatici.


Ultimamente sto pensando che stiate riponendo troppe aspettative per Cruella. Per me la Stone se n'è andata in vacanza e giocherà di "over the topping". Non mi aspetto tanto di più che un Maleficent ma più dissacrante. Certamente non mi aspetto risvolti psicologici alla Joker.
Alla Disney non gliene può fregar di meno, vuole solo far ridere il pubblico con questo film.


User's Signature

Go to the top of the page
 
+Quote Post
theprinceisonfir...
messaggio 4/5/2020, 20:15
Messaggio #37


Top Member
*****

Gruppo: Utente
Messaggi: 512
Thanks: *
Iscritto il: 27/9/2013




CITAZIONE (Daydreamer @ 4/5/2020, 17:45) *
Ultimamente sto pensando che stiate riponendo troppe aspettative per Cruella. Per me la Stone se n'è andata in vacanza e giocherà di "over the topping". Non mi aspetto tanto di più che un Maleficent ma più dissacrante. Certamente non mi aspetto risvolti psicologici alla Joker.
Alla Disney non gliene può fregar di meno, vuole solo far ridere il pubblico con questo film.


Day, sono più speranze che aspettative. Dalle foto dal set si intuisce che il tono comico sarà sicuramente presente e preponderante, ma ciò non esclude che si possa mischiare a momenti di introspezione e profondità. Quello che mi rende ottimista è il fatto che Emma Stone può sorreggere entrambi i registri (già l'ha fatto ne "la favorita", dove oltre alla comicità e alla satira spietata ha saputo incarnare anche la paura, il dramma e la perfidia), cosa che la Jolie non è assolutamente in grado di fare. Angelina pur essendo molto carismatica ed una brava attrice, ha nelle sue corde l'action e il dramma, ma non la commedia (non a caso non ha praticamente mai preso parte a commedie nella sua vita), quindi la sceneggiatura di Maleficent le è stata cucita addosso, con tutti i limiti derivati.

La Stone è giovane, ma sono sicuro che passerà alla storia come una grandissima attrice negli anni a venire, proprio perché ha la rarissima dote di sapere mescolare in maniera credibile il comico e il tragico, senza mai essere eccessiva o una maschera. Nessun'altra attrice della sua generazione ha questa dote (forse Scarlett Johansson è altrettanto abile, ma sulla commedia si è cimentata molto di meno, mentre la Lawrence, la Robbie, la Larson, la Vikander e la Ronan sono tutte attrici di prestigio nel settore dramma e, al massimo, action).
Go to the top of the page
 
+Quote Post
I seguenti utenti hanno apprezzato questo post:
Hiroe
messaggio 4/5/2020, 22:34
Messaggio #38


Gold Member
*******

Gruppo: Utente
Messaggi: 2.878
Thanks: *
Iscritto il: 26/10/2008
Da: Pisa




CITAZIONE (theprinceisonfire @ 4/5/2020, 16:45) *
Io credo che il problema di fondo stia nel fatto che in nessun live action del decennio si sono contemporaneamente verificate la presenza di attori di livello e di una sceneggiatura convincente. Quelli scritti meglio hanno infatti patito per l'assenza di interpreti all'altezza: si pensi ad Aladdin, con le pessime performance di Jafar, Dahlia, Sultano e Aladdin stesso (nel cantato), oppure alla Bella e La Bestia, con Emma Watson assolutamente inadatta e Dan Stevens intrappolato nella orripilante CGI.
Di contro, Maleficent, Dumbo, Alice, Into the woods tutti avevano cast di prim'ordine, sprecati in sceneggiature infime.

Bravissimo, credo che la verità stia proprio in cio che hai espresso in questo paragrafo.

Per mio gusto risulta bilanciato anche Aladdin, più o meno come Cenerentola; è vero che qualche attore non era proprio nella parte, ma per me il risultato finale è sufficiente a non smorzare il ritmo del film (e il sense of wonder). Mi ha rotto le scatole di più Speechless, tutti fermi, succedono cose che poi non sono realmente successe e si torna indietro.. bah!
Anche il mio compagno ha apprezzato il film, e da giovanissimo Aladdin era, con Hercules, il suo film animato preferito, e lui non ama particolarmente né la Disney né i musical, quindi vuol dire che il suo valore ce l'ha questo remake.


User's Signature

Go to the top of the page
 
+Quote Post
veu
messaggio 5/5/2020, 15:06
Messaggio #39


Gold Member
*******

Gruppo: Moderatore
Messaggi: 19.122
Thanks: *
Iscritto il: 27/8/2005




in tutta onestà noi non vediamo in questi remake il male assoluto che vedete voi... anzi, i live sono gradevoli, ok non raggiungeranno i film animati ma non vediamo proprio questo male totale nei remake... certo visto che hanno iniziato secondo noi dovrebbero adattarli tutti, perchè altrimenti la serie sarebbe monca...

questi film sono fatti per omaggiare e far riscoprire i Classici, non intendono sostituirsi ad essi, anzi... e l'effetto ci sta... se vedete all'uscita di Aladdin e Cenerentola i prodotti relativi alle controparti animate sono andati per la maggiore. E' un modo per farli riscoprire e aiutare il pubblico di oggi a prendere confidenza con i film del passato.

Non vediamo tutto questo male nemmeno nei tanto criticati Alice in Wonderland, Maleficent - il segreto della Bella Addormentata, La Bella e la Bestia e il Re Leone... ognuno a loro maniera ha raccontato una storia, avranno dei tratti comuni è vero, però tenete conto che sono comunque molto più variegati i remake che non i film animati dove ad oggi tutti presentano lo stesso plot (strana coppia in viaggio, niente storie d'amore, trame episodiche per lo più per riempire i 100 minuti di pellicola)... se guardiamo per esempio ad Alice in Wonderland (che tra tutti i remake/reboot è quello che potrebbe avere una trama episodica) ha una sceneggiatura che sì avrà degli elementi che andavano perfezionati ma alla fine non è riempitiva, ha uno sviluppo di storia che possa piacere o meno ma non è identica a tutti quelli fatti prima o dopo.

Il problema dello Schiaccianoci secondo noi è che hanno voluto fare un film a metà tra quelli live e quelli animati... non si sa mai dove si voglia arrivare, segno di una totale revisione in corso d'opera... un inizio ben fatto, poi è caduto in alcuni circoli viziosi, dovuti più che altro al fatto che hanno seguito le direttive che ritengono funzionanti nei film d'animazione (coppia in viaggio, niente storie d'amore, ecc)... e il fatto che il personaggio di Schiaccianoci non abbia un ruolo protagonista ha lasciato un po' a desiderare (così come il fatto che Philip Hoffman sia palesemente innamorato di Clara ma non hanno avuto il coraggio di affiancare una protagonista bianca ad un "principe" nero perchè l'America puritana che tanto grida al politically correct non ha ancora accettato un'idea simile di coppia inter razziale)...

Cruella... dipende come la faranno... in tutta onestà come storia preferiamo quella di una Malefica a quella di Crudelia... sarà che Malefica ha più "mitologia" dietro da raccontare... certo vediamo come sarà Crudelia... magari sorprende... anche noi ci vedremmo una cosa alla Joker ma crediamo sia difficile

Sui flop... Maleficent 2 non lo è stato, non avrà incassato molto è vero ma tenete conto che è uscito in un anno con milioni di uscite, tutti filmoni uno dietro l'altro e in un periodo (ottobre) che è il periodo nero per le uscite al Cinema... ha incassato ben più del Ritorno di Mary Poppins, segno che la saga Maleficent un suo pubblico ce l'ha (e questo nonostante da anni vi siano critiche piuttosto pesanti sul primo film).


User's Signature

Go to the top of the page
 
+Quote Post
Hiroe
messaggio 5/5/2020, 15:57
Messaggio #40


Gold Member
*******

Gruppo: Utente
Messaggi: 2.878
Thanks: *
Iscritto il: 26/10/2008
Da: Pisa




Ecco veu, io non sono d'accordo con voi sul discorso dei film d'animazione tutti riportati al tema del viaggio; posso averlo criticato anche io a Moana questo aspetto, ma voglio essere più precisa, è un tema utilizzato principalmente per allungare la salsa nelle fiabe, vado in ordine cronologico:
  • 2009 - La Principessa e il Ranocchio. Succedono un bel po' di cose a New Orleans, poi Tiana e Naveen, una volta uniti, si mettono in viaggio insieme nella palude. Arrivano dove volevano arrivare, da Mama Odie, poi tornano indietro perché hanno capito di cosa hanno bisogno e le cose si svolgono a New Orleans; viaggio predominante: SI.
  • 2010 - Rapunzel. Anche qui succedono cose un po' nel regno di Rapunzel e nella torre, poi Rapunzel e Flynn, una volta uniti, si mettono in viaggio insieme. Arrivano dove vogliono arrivare, cioè al paese di Rapunzel, poi però anche in questo film tornano indietro e si riporta l'azione finale nella torre dove tutto è iniziato, nella torre. viaggio predominante: SI.
  • 2012 - Ralph Spaccatutto. Ralph esce dal suo gioco, ne attraversa un altro, ma quando arriva a Sugar Rush e incontra Vanellope non si mette in viaggio con lei, la loro azione si svolge tutta a Sugar Rush. Viaggio predominante: NO.
  • 2013 - Frozen. La trama inizia e si svolge per un po' ad Arendelle, poi Elsa scappa e Anna la rincorre. Inizia il viaggio di Anna a cui si unisce presto Kristoff. Arrivano dove vogliono arrivare, da Elsa, poi tornano indietro e l'azione finale si svolge tutta a Arendelle. Viaggio predominante: NI, c'è ma non se ne sente troppo il peso perché quel viaggio in se per sé durerà mezz'ora di film, non quasi tutto il film come per Tiana, Moana o Rapunzel.
  • 2014 - Big Hero 6. Tutto si svolge a San Fransokyo. Non capisco cosa c'entri questo film con il viaggio. Viaggio predominante: NO.
  • 2016 - Zootropolis. Tutto si svolge a parte pochi preamboli, a Zootropolis. Judy e Nick passano da un quartiere all'altro della città per un'indagine, non è proprio un viaggio con varie tappe, tutto avviene nella stessa città, altrimenti sarebbe un viaggio anche Robin Hood o La Spada nella roccia. Viaggio predominante: NO.
  • 2016 - Moana. Non c'è nemmeno da spiegarlo, questo film è tutto un viaggio a parte prologo ed epilogo! Viaggio predominante: SI.
  • 2018 - Ralph Spacca Internet. Ralph e Vanellope si mettono in viaggio per andare sul web. Sembrerebbe, come per Zootropolis, che il web rappresenti una specie di "città" e che i posti che loro visitano ne siano i diversi "quartieri". Quindi anche qui non ci vedo il viaggio come tema, è come si muovessero in un grande tutto. Viaggio predominante: No.
  • 2019 - Frozen 2. Non l'ho ancora visto ma credo che il viaggio sia un tema molto importante in questo film, me lo direte voi wink.gif

Insomma, tiro le conclusioni. Sembra che il viaggio sia utilizzato per allungare la zuppa alle vicende fiabesche, i film non fiabeschi ne risentono poco o nulla.

Io come punto di negatività che sottolineo alla produzione animata di questo decennio trovo principalmente la mancanza di storie d'amore predominanti. In nessun film è IL tema. Anche in Rapunzel o Tiana, è comunque secondo ad altri temi.

Messaggio modificato da Hiroe il 5/5/2020, 15:58


User's Signature

Go to the top of the page
 
+Quote Post
veu
messaggio 5/5/2020, 23:32
Messaggio #41


Gold Member
*******

Gruppo: Moderatore
Messaggi: 19.122
Thanks: *
Iscritto il: 27/8/2005




Hiroe, Frozen è tratto dalla Regina delle Nevi in cui il tema del viaggio è fondamentale... sarebbe come fare Biancaneve senza la mela (ok l'hanno fatto con quella boiata di Mirror Mirror, ma stendiamo un velo pietoso e lasciamo perdere quella schifezza), Cenerentola senza la scarpetta, Rapunzel senza i lunghi capelli, la Sirenetta senza la coda, ecc... è normale che il viaggio ci sia, anche se proprio in Frozen, il film in cui il viaggio dovrebbe essere scontato, il tema del viaggio è quello meno sentito rispetto alla famiglia e al legame e al dramma Anna/Elsa.
negli altri film, vuoi anche i viaggi in altri quartieri come Zootropolis , o in altre realtà come Ralph è sempre presente e l'accoppiata viaggio + strana coppia (che possono essere i più disparati) porta a vedere i film animati tutti uguali.

Personalmente noi siamo decisamente più preoccupati per il settore animazione che non invece per il settore live action, è vero sui live si va (abbastanza) sul sicuro, però almeno hanno il pregio di essere differenti l'uno dall'altro, nell'animazione ciò non avviene.
Non crediamo che ci sia un'inversione di tendenza nel prossimo periodo... secondo noi proseguono su questa linea (viaggi, nessuna storia d'amore ecc) perchè è la loro attuale politica questa, credere che i sentimenti siano ormai desueti, sintomo anche di una società che è molto più egocentrica e meno disposta ad accogliere il prossimo, è triste dirlo ma al giorno d'oggi il messaggio che passa è quello che è meglio star soli perchè soli si è completi e non c'è necessità di legarsi ad altri... è questo il messaggio che passa con tutte queste eroine (Merida in primis) che agiscono solo ed esclusivamente per sè stesse e per stare sole, senza amore, senza figli, ecc.

le storie attuali sono meno belle perchè manca il "Cuore", sono fredde, poco incisive, incomplete... non crediate che nel post Raya le cose cambino perchè sarete delusi, ve lo diciamo.

Sui live action, è vero qualcuno è fatto meglio di altri, qualcuno ha sceneggiature più complete di altre ma comunque uno studio del Classico di base c'è, certo vi sono degli accorgimenti da dover far fronte al mondo d'oggi e forse sarebbe meglio correggere alcuni errori di sceneggiatura che magari sono scappati prima di mandarli al cinema però alla fin fine crediamo che le sceneggiature non siano così scadenti, anzi... il vero problema sono le sceneggiature dei film animati, lì sì che ci vuole maggior attenzione perchè poi saltano agli occhi errori enormi e buchi di sceneggiatura catastrofici (vedesi Kida che ha una reazione blanda di fronte all'omicidio del padre o Charlotte che, a differenza di Tiana, non diventa ranocchia quando bacia Naveen nonostante sia scoccata la mezzanotte e questo non fa più di lei una principessa, o il Re e la Regina riconoscono Rapunzel nonostante abbia i capelli bruni e non sia biondissima come l'hanno vista da bambina e nemmeno si pongono domande)


User's Signature

Go to the top of the page
 
+Quote Post
Daydreamer
messaggio 6/5/2020, 7:44
Messaggio #42


Gold Member
*******

Gruppo: Moderatore
Messaggi: 5.843
Thanks: *
Iscritto il: 9/4/2008
Da: Brescia




veu, si percepiscono chiaramente le difficoltà e lo smarrimento dei genitori di Rapunzel nel vederla. E si capisce che la riconoscono dagli occhi, facendo il raffronto con quelli della regina. Quella scena è animata da dio, non si parla ma tutto viene letto negli occhi. Ricordo che è assolutamente naturale essere biondissimi da bambini e avere capelli scuri, addirittura neri crescendo. Mia zia è una di quelli tongue.gif .


User's Signature

Go to the top of the page
 
+Quote Post
Hiroe
messaggio 6/5/2020, 12:46
Messaggio #43


Gold Member
*******

Gruppo: Utente
Messaggi: 2.878
Thanks: *
Iscritto il: 26/10/2008
Da: Pisa




CITAZIONE (Daydreamer @ 6/5/2020, 7:44) *
veu, si percepiscono chiaramente le difficoltà e lo smarrimento dei genitori di Rapunzel nel vederla. E si capisce che la riconoscono dagli occhi, facendo il raffronto con quelli della regina. Quella scena è animata da dio, non si parla ma tutto viene letto negli occhi. Ricordo che è assolutamente naturale essere biondissimi da bambini e avere capelli scuri, addirittura neri crescendo. Mia zia è una di quelli tongue.gif .

Su questo concordo, verissimo!

Per quanto riguarda la differenziazione dei temi secondo me invece nell'animazione hanno fatto bene, troviamo 3 fiabe (TPatF, Tangled e Frozen), una "leggenda" (Moana), uno supereroistico (Big Hero 6), un giallo (Zootropolis), un'avventura non ben classificabile (Ralph + sequel). Non direi che sono tutti uguali, il problema nella serie di film è da riscontrarsi, secondo me, in qualche tema completamente mancante (come l'amore), o nel fatto che non si sa bene come allungare la salsa alle fiabe se non con dei viaggi o viaggetti episodici.

I live action sono per forza di cose differenti l'uno dall'altro, dipende dal classico di cui si fa il remake se è abbastanza differente dagli altri... per me invece sono "tutti uguali" nell'essere dei remake/sequel/spin off dei classici, vorrei progetti originali davvero, perché come ho già detto, l'usato sicuro poi finisce e, prima che finisca, devono aver educato il pubblico ad andare a vedere i film Disney, che siano fiabe o leggende o avventure nuove (naturalmente facendoli meglio dei remake).

Messaggio modificato da Hiroe il 6/5/2020, 12:56


User's Signature

Go to the top of the page
 
+Quote Post
I seguenti utenti hanno apprezzato questo post:
Angelo1985
messaggio 6/5/2020, 13:17
Messaggio #44


Gold Member
*******

Gruppo: Utente
Messaggi: 2.033
Thanks: *
Iscritto il: 19/2/2008
Da: Firenze




CITAZIONE (Hiroe @ 6/5/2020, 12:46) *
Su questo concordo, verissimo!

Per quanto riguarda la differenziazione dei temi secondo me invece nell'animazione hanno fatto bene, troviamo 3 fiabe (TPatF, Tangled e Frozen), una "leggenda" (Moana), uno supereroistico (Big Hero 6), un giallo (Zootropolis), un'avventura non ben classificabile (Ralph + sequel). Non direi che sono tutti uguali, il problema nella serie di film è da riscontrarsi, secondo me, in qualche tema completamente mancante (come l'amore), o nel fatto che non si sa bene come allungare la salsa alle fiabe se non con dei viaggi o viaggetti episodici.

I live action sono per forza di cose differenti l'uno dall'altro, dipende dal classico di cui si fa il remake se è abbastanza differente dagli altri... per me invece sono "tutti uguali" nell'essere dei remake/sequel/spin off dei classici, vorrei progetti originali davvero, perché come ho già detto, l'usato sicuro poi finisce e, prima che finisca, devono aver educato il pubblico ad andare a vedere i film Disney, che siano fiabe o leggende o avventure nuove (naturalmente facendoli meglio dei remake).


Concordo su tutto, brava! clapclap.gif
E' vero, a livello di genere credo sia stato uno dei decenni più ricco, anche se, dobbiamo metterci d'accordo: la Principessa e il Ranocchio è l'ultimo del decennio passato (2000-2009) o il primo del decennio seguente (2009-2019) legato non alla decade numerica 2010-2019 ma alla definizione dell'Era Revival (come fu Ariel/Rinascimento 1989-1999)? shifty.gif

Adoro sollevare questioni terminologiche di questo tipo ahahahaha Roftl.gif eheheh.gif Roftl.gif eheheh.gif
Beh, io concepisco più alla maniera del Rinascimento, quindi 2009-2019, e Tiana è il primo film di quel Revival che abbiamo vissuto e che è terminato con Frozen II e l'uscita di Lasseter.
Ora, nuovo decennio, nuova Era? speriamo clapclap.gif

Cmq devo dire che, al pari del decennio precedente, pure qui abbiamo avuto una prima parte piuttosto attiva e diversificata, e una seconda parte del decennio più banale, chiusa addirittura da 2 sequels.
Del primo decennio prediligo sicuramente Fantasia 2000 (meraviglioso), Le follie dell'Imperatore e Atlantis; ma nel secondo abbiamo Tiana (che a me è piaciuto tanto ed è stato il ritorno al cinema dopo Mulan del '98!), Ralph (che a me piace sicuramente più di Atlantis), Frozen (che con tutti i suoi limiti in CGI e narrativi ho sempre riconosciuto essere un bel film) e in più Paperman e Get a Horse!
Insomma, credo che ragionando un po', devo far vincere il secondo decennio sul primo post-6-1111346575.gif
INCREDIBILE!
Non lo avrei mai detto! Soprattutto per la perdita del 2D.
Anche se in realtà il mio è un giudizio a metà: devo ancora guardare Zootropolis, Oceania, Ralph II e Frozen II shifty.gif

icon_mickey.gif

Messaggio modificato da Angelo1985 il 6/5/2020, 15:05


User's Signature

Go to the top of the page
 
+Quote Post
Daydreamer
messaggio 6/5/2020, 14:04
Messaggio #45


Gold Member
*******

Gruppo: Moderatore
Messaggi: 5.843
Thanks: *
Iscritto il: 9/4/2008
Da: Brescia




CITAZIONE (Angelo1985 @ 6/5/2020, 13:17) *
dobbiamo metterci d'accordo: la Principessa e il Ranocchio è l'ultimo del decennio passato (2000-2009) o il primo del decennio seguente (2009-2019) legato non alla decade numerica 2010-2019 ma alla definizione dell'Era Revival (come fu Ariel/Rinascimento 1989-1999)? shifty.gif
icon_mickey.gif

Decisamente il primo del Revival Disney, quindi decennio (2009-2019) smile.gif .
Angelo c'è un refuso, penso intendi che ti sia piaciuto il primo Ralph, lo Spaccatutto.


User's Signature

Go to the top of the page
 
+Quote Post
I seguenti utenti hanno apprezzato questo post:
brigo
messaggio 6/5/2020, 15:21
Messaggio #46


Millennium Member
******

Gruppo: Utente
Messaggi: 1.332
Thanks: *
Iscritto il: 8/2/2010
Da: PG




CITAZIONE (Angelo1985 @ 6/5/2020, 13:17) *
Anche se in realtà il mio è un giudizio a metà: devo ancora guardare Zootropolis [...]


Dagli una possibilità. Il fatto che si parli di animali e non di esseri umani dovrebbe 'bypassare' la tua remora sulla resa di persone in CGI.
Sarei proprio curioso di leggere un tuo parere su questa pellicola.
Go to the top of the page
 
+Quote Post
I seguenti utenti hanno apprezzato questo post:
Angelo1985
messaggio 6/5/2020, 17:59
Messaggio #47


Gold Member
*******

Gruppo: Utente
Messaggi: 2.033
Thanks: *
Iscritto il: 19/2/2008
Da: Firenze




CITAZIONE (brigo @ 6/5/2020, 15:21) *
Dagli una possibilità. Il fatto che si parli di animali e non di esseri umani dovrebbe 'bypassare' la tua remora sulla resa di persone in CGI.
Sarei proprio curioso di leggere un tuo parere su questa pellicola.


Sai cosa, penso proprio che lo farò dai yes.gif
In realtà fino a Big Hero 6 al cinema c'ero pure tornato a ogni Classico, non so perchè con Zootropolis si sia rotto qualcosa; in questo momento devi pensarmi che rotolo stile Vanellope con la copertina, tra l'incompreso, lo smemorato e il cucciolone laugh.gif laugh.gif laugh.gif

Appena lo guardo, ti prometto che scriverò una critica accurata nella sezione Recensioni yes.gif

icon_mickey.gif


User's Signature

Go to the top of the page
 
+Quote Post
I seguenti utenti hanno apprezzato questo post:
veu
messaggio 6/5/2020, 22:13
Messaggio #48


Gold Member
*******

Gruppo: Moderatore
Messaggi: 19.122
Thanks: *
Iscritto il: 27/8/2005




Angelo, che ne pensi invece di Rapunzel?
sappiamo che scateneremo una guerra... ma ci teniamo a sapere che ne pensi in maniera approfondita


User's Signature

Go to the top of the page
 
+Quote Post

4 Pagine V  < 1 2 3 4 >
Fast ReplyReply to this topicStart new topic
1 utenti stanno leggendo questa discussione (1 visitatori e 0 utenti anonimi)
0 utenti:

 

RSS Versione Lo-Fi Oggi è il: 24/9/2020, 3:35