Benvenuto Visitatore ( Log In | Registrati )


 
Reply to this topicStart new topic
> Chi sostituirà Lasseter?
veu
messaggio 2/12/2017, 18:19
Messaggio #1


Gold Member
*******

Gruppo: Moderatore
Messaggi: 17.665
Thanks: *
Iscritto il: 27/8/2005




E' iniziato il toto sostituto di Lasseter per la Walt Disney Animation Studios e la Pixar Animation.

Nella rosa dei candidati vi sono nomi conosciuti perché registi o autori di vari film.
Per la Disney, in pole position vi sarebbero Byron Howard (regista di Rapunzel, Bolt e Zootropolis) e Jennifer Lee (regista di Frozen); tra loro è più incessante il nome di Jennifer che se dovesse essere incaricata sarebbe la prima donna nella storia alla guida degli Studios


Dal sito Hollywood Reporter:

John Lasseter's "Missteps": How Much Did Disney Execs Know and When?

A six-month "sabbatical" comes as new details emerge of troubling behavior by the most powerful man in animation as focus turns to the executives around him. "They shielded and protected him," says a longtime Disney insider.

In his 2014 book Creativity, Inc., Ed Catmull, president of Walt Disney Animation and Pixar Animation Studios, revealed his management of Pixar includes a process called "Notes Day," in which all employees are afforded the opportunity to offer "notes" to their leaders on how to improve the company, its culture and its creative output. What Catmull did not explain in the book is that some Pixar employees had used Notes Day to express mounting concern over the behavior of the company's co-founder and chief creative officer, John Lasseter.

So when Lasseter, 60, notified colleagues Nov. 21 that he would be taking a six-month "sabbatical" from his role as Disney's top animation executive because of "missteps" that have left colleagues feeling "disrespected and uncomfortable," several company insiders say they were not surprised. As he was building Pixar into a pioneer of computer imagery and creativity — and then returning a foundering Disney to its former glory — Lasseter had developed a reputation for relentless borderline bullying conduct and for crossing lines into employees' personal space in the workplace.

Now Lasseter, perhaps the most important figure in feature animation since Walt himself, has left the empire he helped build in a precarious position. There is the short-term question of who will take the creative reins in his absence — and the larger issue of who might succeed him permanently should he not return. The answers could impact the legacy that Disney CEO Bob Iger leaves behind when he himself steps down in 2019.

As part of his remake of Disney, Iger's first big coup was acquiring Pixar in 2006 for $7.4 billion. Since then, the company, co-founded by the late Steve Jobs, has turned out a string of hits, from Cars to the current Coco, that have grossed more than $8 billion worldwide. At the center of it all was Lasseter, whose public image was that of a genial, Hawaiian shirt-wearing family man who brought his own obsessions with toys and cars to the screen. When he took over Disney Animation, he led a renaissance with such hits as Frozen, Zootopia and Moana.

"The impact of John's stepping aside can't be overestimated," says Dan Sarto, co-founder and publisher of Animation World Network. "That said, he has also developed and helped foster a tremendously deep and talented group of artists that should be able to step up and fill the void to a big degree. We will soon see if that's the case."

There's evidence that suggests Disney knew it had a potential problem on its hands. Lasseter was a notorious hugger (The Wall Street Journal once photographed him giving 48 hugs to men and women in a single day), but to some, the embraces went too far. One longtime Pixar employee says Lasseter, a winemaker who often drank heavily at company social events, also was known by insiders for "grabbing, kissing and making comments about physical attributes." This source says the behavior was not always confined to event settings.

One former Pixar employee, who worked at the Emeryville, California, studio during its early years, recalls that when she was alone with Lasseter, she was subjected to "unwanted touching. For the duration of a conversation, he'd have his hand on my upper inner thigh. He'd put his arm around me and pull me toward him, a brush against a breast." She says this sort of behavior went on several times a week for more than a year — and coupled with exhaustion from the long hours, it left her feeling "disgusting" and "depressed." (A second Pixar employee corroborated her story.) She finally quit.

This source declined to allow The Hollywood Reporter to publish her name, and another Disney insider notes there are others with similar stories who are still afraid to come forward, even as Hollywood has been flooded with reports of harassment in the workplace in the wake of the Harvey Weinstein scandal: "Because of the uncertainty of whether John will be back in six months or not, there is still fear in the air about speaking up."

Disney declined comment, but one studio source, while acknowledging that Lasseter may have crossed professional boundaries, characterized his behavior as overly affectionate. When Lasseter apologized and went on leave, Disney said the company supported his sabbatical (Lasseter also is dealing with the loss of personal property in the recent Northern California fires) and is "committed to maintaining an environment in which all employees are respected and empowered to do their best work."

According to several sources, the studios' leadership — Catmull; Andrew Millstein, president of Disney Animation; and Jim Morris, president of Pixar — recognized Lasseter's behavior was problematic. One source says it was "well known through the executive ranks." But given Lasseter's creative brilliance and track record of delivering hit after hit, "they shielded and protected him," adds a longtime Disney insider. This source adds that multiple employees "had talked to HR."

Now, in Lasseter's absence, the speculation is that a member of Pixar's storied "brain trust," the animation directors who meet regularly to review one another's work, will be asked to step forward. The most frequently heard name is Pete Docter, the two-time Oscar-winning director of Up and Inside Out. But some are eyeing Andrew Stanton, who won Oscars for Finding Nemo and Wall-E, or Brad Bird, who won Oscars for Ratatouille and The Incredibles (though Bird might have his hands full directing Incredibles 2, opening June 15).

Stanton and Bird have spent time away from Pixar to direct live-action films, which may give the advantage to Docter. Says a source: "You need someone who is all in, dedicated to doing animation. That is Pete."

The company also could choose a female talent. Of Pixar's 19 feature releases, only one, Brave, had a female director, though Brenda Chapman was replaced by Mark Andrews during production, and they shared the directing credit on the Oscar winner. Rashida Jones, a writer on Toy Story 4 who then left the project, has said the studio fosters "a culture where women and people of color do not have an equal creative voice." The likeliest female candidate is Darla Anderson, producer of Toy Story 3, Cars and Coco.

At Disney Animation, those who could take on a bigger role include Frozen's Jennifer Lee (the rare woman director on the team); Zootopia directors Byron Howard and Rich Moore; Chris Buck, who is helming Frozen 2 with Lee; Chris Williams and Don Hall, Oscar winners for Big Hero 6; and the studio's elder statesmen, Ron Clements and John Musker (Aladdin, The Little Mermaid and, most recently, Moana).

The two studios' next few releases are set. After Incredibles 2, Pixar will have Toy Story 4 in 2019, which Lasseter was set to direct before he stepped aside from the role in 2015. Disney has two sequels in the works: Ralph Breaks the Internet: Wreck-It Ralph 2 for 2018 and Frozen 2 for 2019. But given the longer lead time needed to develop animated features, both divisions will soon have to commit to future projects. Meanwhile, the Mexico-set Coco opened strong but must traverse awards season without being dragged down by the controversy.

Iger probably will be the one to decide whether Lasseter can return. "The key to all this is Bob Iger's legacy," suggests a source. "Everything is about preserving his legacy, and if Lasseter's behavior threatens to tarnish that, they will throw John to the wolves."





User's Signature

Go to the top of the page
 
+Quote Post
kekkomon
messaggio 4/12/2017, 10:24
Messaggio #2


Gold Member
*******

Gruppo: Moderatore
Messaggi: 31.446
Thanks: *
Iscritto il: 31/7/2008
Da: Torre del Greco (NA)




Oddio siii Byron Howard (regista di Rapunzel, Bolt e Zootropolis) e Jennifer Lee (regista di Frozen)!!!


User's Signature


Go to the top of the page
 
+Quote Post
Angelo1985
messaggio 4/12/2017, 16:34
Messaggio #3


Gold Member
*******

Gruppo: Utente
Messaggi: 2.000
Thanks: *
Iscritto il: 19/2/2008
Da: Firenze




Ma è proprio necessario che i WDAS e la Pixar abbiano lo stesso capo?
E' davvero impensabile che ai WDAS vada qualcuno che con la Pixar non c'entri nulla? Esiste ancora qualcuno che sia rimasto debellato da quello studio sotto un qualsiasi punto di vista?

Mah, aspettiamo...

icon_mickey.gif


User's Signature

Go to the top of the page
 
+Quote Post
Logan232
messaggio 4/12/2017, 18:02
Messaggio #4


Top Member
*****

Gruppo: Utente
Messaggi: 962
Thanks: *
Iscritto il: 8/10/2013
Da: Roma




In realtà Angelo si parla di Byron Howard e Jennifer Lee per i WDAS e di Stanton/Bird/Docter per la Pixar; l'articolo non parla di un sostituto unico per la dirigenza di entrambi gli studi, ma di candidati validi in forza esclusivamente ad uno dei due studi (Howard/Lee per i WDAS e il trio Stanton/Bird/Docter per la Pixar).
Go to the top of the page
 
+Quote Post
Angelo1985
messaggio 5/12/2017, 0:15
Messaggio #5


Gold Member
*******

Gruppo: Utente
Messaggi: 2.000
Thanks: *
Iscritto il: 19/2/2008
Da: Firenze




Sì sì, questo lo avevo colto, ed è già una meravigliosa conquista; mi chiedevo se ancora esista qualcuno di valido che non abbia mia avuto a che fare con la Pixar, non so, magari un tizio a caso tipo Eric Goldberg? fischietta.gif fischietta.gif fischietta.gif

icon_mickey.gif


User's Signature

Go to the top of the page
 
+Quote Post
veu
messaggio 5/12/2017, 0:26
Messaggio #6


Gold Member
*******

Gruppo: Moderatore
Messaggi: 17.665
Thanks: *
Iscritto il: 27/8/2005




o Ron e John?


User's Signature

Go to the top of the page
 
+Quote Post
Logan232
messaggio 5/12/2017, 1:13
Messaggio #7


Top Member
*****

Gruppo: Utente
Messaggi: 962
Thanks: *
Iscritto il: 8/10/2013
Da: Roma




Sarebbero delle scelte molto giuste per me, ma credo non se la sentano di prendersi un incarico simile. Spero di sbagliarmi smile.gif
Go to the top of the page
 
+Quote Post
LucaDopp
messaggio 5/12/2017, 1:22
Messaggio #8


Millennium Member
******

Gruppo: Utente
Messaggi: 1.860
Thanks: *
Iscritto il: 22/11/2012
Da: Pordenone




Adesso la Pixar è il male in Terra. Vabbè...
Go to the top of the page
 
+Quote Post
Angelo1985
messaggio 5/12/2017, 11:27
Messaggio #9


Gold Member
*******

Gruppo: Utente
Messaggi: 2.000
Thanks: *
Iscritto il: 19/2/2008
Da: Firenze




CITAZIONE (LucaDopp @ 5/12/2017, 0:22) *
Adesso la Pixar è il male in Terra. Vabbè...


Adesso? Io lo sostengo da quando ho tirato in testa la vhs di Toy Story a chi pensava di rimbambirmi davanti a un videogioco fatto a film...era il 1995! eheheh.gif

A parte tutto, forse forse si sta capendo che gestire due studi allo stesso modo non giova nessuno, magari le casse dei WDAS, non certo la qualità produttiva o la strategia/etica aziendale.
So che per molti di voi il fatto che la Pixar avesse preso il controllo di tutto significava un'enorme soddisfazione nerdistica, ma non per tutti è così e magari anche alla Company si svegliano.
Poi sai, ammesso e non concesso, ai WDAS sarebbe anche bello ci arrivasse un Goldberg o un altro veterano, anche solo per il rispetto e la lealtà mostrata nonostante siano stati messi in minoranza e il loro lavoro umiliato.
Si chiama riconoscenza.

icon_mickey.gif


User's Signature

Go to the top of the page
 
+Quote Post
I seguenti utenti hanno apprezzato questo post:
LucaDopp
messaggio 5/12/2017, 13:41
Messaggio #10


Millennium Member
******

Gruppo: Utente
Messaggi: 1.860
Thanks: *
Iscritto il: 22/11/2012
Da: Pordenone




CITAZIONE (Angelo1985 @ 5/12/2017, 10:27) *
A parte tutto, forse forse si sta capendo che gestire due studi allo stesso modo non giova nessuno, magari le casse dei WDAS, non certo la qualità produttiva o la strategia/etica aziendale.

Chi lo sta capendo? Se rimuovono Lasseter sarà per il recente scandalo, non certo per presunta incapacità tra l'altro riscontrabile più nella Pixar che nella WDAS ultimamente. Poi è solo dalla Pixar che Lasseter si è preso una pausa.
Go to the top of the page
 
+Quote Post
Logan232
messaggio 5/12/2017, 14:50
Messaggio #11


Top Member
*****

Gruppo: Utente
Messaggi: 962
Thanks: *
Iscritto il: 8/10/2013
Da: Roma




No Luca, stai facendo confusione. Lasseter si è sospeso dalla direzione di entrambi gli studios.

Diciamo che l'articolo di Forbes pubblicato nell'altro topic rispecchia di più il mio pensiero. Devo dire di non essere mai stato un grande fan della Pixar, trilogia di Toy Story a parte, perchè i suoi film non mi hanno mai emozionato nel profondo come riesce a fare la Disney, ma riconosco che film come i vari Toy Story, Alla ricerca di Nemo, Gli Incredibili, Up, Wall-E e Inside Out abbiano dei momenti che comunque mi hanno colpito (pur non avendoli mai acquistati in alcun formato, nè lasciandomi con quella voglia spasmodica di rivederli). Negli ultimi anni invece quando vedo le loro uscite recenti in tv non mi dicono mai niente di che; quindi, molestie a parte, è indubbio che un ricambio creativo ci stia, anche perchè, oltre al ristagnamento dei film Pixar, anche la formula con cui Lasseter ha reinventato i film WDAS secondo me inizia a dare segni di cedimento.

Va bene così, dopo un periodo di qualche anno, è un bene che uno studio cambi dirigenza creativa anche perchè di solito sono i "giovani" quelli con la creatività a mille quindi ben vengano dei 35/40enni a portare le loro idee.
Go to the top of the page
 
+Quote Post
Angelo1985
messaggio 5/12/2017, 15:31
Messaggio #12


Gold Member
*******

Gruppo: Utente
Messaggi: 2.000
Thanks: *
Iscritto il: 19/2/2008
Da: Firenze




Evidentemente a Luca vanno bene tutti i film con la formula viaggio/niente storia d'amore/cattivo segreto e tutti gli altri clichè che ci propina il ciccione maniaco da Rapunzel in poi.
Quindi, che sia l'ora che si levi di torno, almeno, dai WDAS per entrambi i motivi:

1. Non è capace di garantire una qualità tale lì dove, come detto, i film sono uguali l'uno all'altro, nè ha saputo mantenere la diversificazione stilistica (2D/3D) che aveva promesso.

2. E' un porco, per sua stessa ammissione e, per quanto facciano ancora più schifo Iger e tutti i dirigenti che sapevano, un direttore creativo che si spaccia per il nuovo Walt Disney ha l'obbligo morale di farsi da parte proprio per il ruolo che ha e per il confronto che si crede di avere.

A CASA!!!

icon_mickey.gif


User's Signature

Go to the top of the page
 
+Quote Post
Scrooge McDuck
messaggio 5/12/2017, 15:49
Messaggio #13


Gold Member
*******

Gruppo: Utente
Messaggi: 9.835
Thanks: *
Iscritto il: 8/2/2009
Da: Modena




La guerra Pixar-Disney anche in questo topic no, ve ne prego!

Sinceramente penso sia stato un grosso azzardo a suo tempo dare in mano a una sola persona l'incarico di gestire due studios con storia e impostazione così diversi, e col senno di poi i fatti, almeno in parte, mostrano che la Pixar ha perso molto del suo smalto mentre i WDAS ne hanno guadagnato (in incassi, in critica e nel consenso del pubblico), checché ne dicano quelli che parlano solo coi gusti personali.

Credo che non tutte le scelte (positive e negative) prese per entrambi gli studios siano da imputare unicamente a JL: l'abbandono del cinema d'animazione classico per i WDAS, o l'aumento esponenziale di sequel della Pixar in primis. Lasseter negli anni in cui ha ricoperto il ruolo di supervisore dei due studi ha saputo evidentemente come muoversi per far sì che certi film venissero fatti nonostante le imposizioni dettate dall'alto (penso alla Principessa e il Ranocchio in tecnica tradizionale quando i WDAS stavano già abbandonando il disegno a mano, penso al soggetto di una fiaba classica per Rapunzel quando erano soggetti ritenuti ormai superati, penso ad un film originale come Inside Out quando la Pixar cominciava a sfornare solo sequel per far cassa).

Forse la scelta migliore è davvero far sì che a gestire due studi diversi siano due persone diverse. Ma non so quanto le persone che arriveranno ora a raccogliere le redini potranno effettivamente dire la loro. Lasseter, quando venne nominato direttore creativo aveva all'attivo un lungo elenco di successi (sia di critica che al botteghino). I nomi che si stanno facendo ora non mi sembrano altrettanto "forti" da poter sperare in una gestione altrettanto "forte", in un momento in cui guardando al listino dei prossimi film degli studios sono presenti quasi esclusivamente sequel la cosa mi getta un po' nello sconforto.

Inoltre ricordiamoci che Lasseter segue anche i progetti delle nuove attrazioni costruiscono ogni anno nei parchi a tema Disney.


User's Signature

______________________________________________

Il mio blogIl mio canale YoutubeLa mia pagina Facebook

Go to the top of the page
 
+Quote Post
LucaDopp
messaggio 5/12/2017, 19:33
Messaggio #14


Millennium Member
******

Gruppo: Utente
Messaggi: 1.860
Thanks: *
Iscritto il: 22/11/2012
Da: Pordenone




CITAZIONE (Logan232 @ 5/12/2017, 13:50) *
No Luca, stai facendo confusione. Lasseter si è sospeso dalla direzione di entrambi gli studios.

Secondo l'Hollywood Reporter solo da quella della Pixar, ma in effetti mi sembra strano.
Go to the top of the page
 
+Quote Post
Rowena84
messaggio 9/12/2017, 21:07
Messaggio #15


Advanced Member
****

Gruppo: Utente
Messaggi: 332
Thanks: *
Iscritto il: 10/3/2010




Tifo per Jennifer Lee smile.gif a lei si devono (in parte) Elsa Vannelope Judy e questo mi basta.
Sperando che provveda anche ad eliminare l'embargo per le storie d'amore...


User's Signature

Go to the top of the page
 
+Quote Post
Fra X
messaggio 17/12/2017, 16:12
Messaggio #16


Gold Member
*******

Gruppo: Utente
Messaggi: 2.139
Thanks: *
Iscritto il: 17/3/2010




Se non usciranno novità tremende (si spera di no) a breve tutto dovrebbe tornare come prima. Infatti mi sembrano soluzioni da situazione temporanea. E non penso comunque che Lasseter nel frattempo non verrà chiamato per qualche consulto.

CITAZIONE (Logan232 @ 5/12/2017, 13:50) *
quindi, molestie a parte, è indubbio che un ricambio creativo ci stia, anche perchè, oltre al ristagnamento dei film Pixar, anche la formula con cui Lasseter ha reinventato i film WDAS secondo me inizia a dare segni di cedimento.

Va bene così, dopo un periodo di qualche anno, è un bene che uno studio cambi dirigenza creativa anche perchè di solito sono i "giovani" quelli con la creatività a mille quindi ben vengano dei 35/40enni a portare le loro idee.


Non posso che quotare. Infatti come già scritto a me il dopo Lasseter preoccupava e preoccupa tantissimo. E se ci dovesse essere un cambio brusco e non graduale trovare dei sostituti adeguati sarebbe ancora più difficile.

CITAZIONE (Scrooge McDuck @ 5/12/2017, 14:49) *
Forse la scelta migliore è davvero far sì che a gestire due studi diversi siano due persone diverse. Ma non so quanto le persone che arriveranno ora a raccogliere le redini potranno effettivamente dire la loro. Lasseter, quando venne nominato direttore creativo aveva all'attivo un lungo elenco di successi (sia di critica che al botteghino). I nomi che si stanno facendo ora non mi sembrano altrettanto "forti" da poter sperare in una gestione altrettanto "forte", in un momento in cui guardando al listino dei prossimi film degli studios sono presenti quasi esclusivamente sequel la cosa mi getta un po' nello sconforto.

Inoltre ricordiamoci che Lasseter segue anche i progetti delle nuove attrazioni costruiscono ogni anno nei parchi a tema Disney.


Già! Poi comunque è tutta gente impegnata a tempo pieno nella realizzazione di lungometraggi se non erro. Spostare così tante persone in questi incarichi alla lunga non penso possa dare buoni risultati. Se nel malaugurato caso la scelta dovesse essere definitiva credo che metteranno uno solo per ogni incarico.

Messaggio modificato da Fra X il 17/12/2017, 16:24
Go to the top of the page
 
+Quote Post

Fast ReplyReply to this topicStart new topic
1 utenti stanno leggendo questa discussione (1 visitatori e 0 utenti anonimi)
0 utenti:

 

RSS Versione Lo-Fi Oggi è il: 19/7/2019, 6:16