Benvenuto Visitatore ( Log In | Registrati )


 
Reply to this topicStart new topic
> La Bella E La Bestia - Un Magico Natale, Disney Toon Studios
Grrodon
messaggio 24/5/2006, 23:53
Messaggio #1


Millennium Member
******

Gruppo: Utente
Messaggi: 1.278
Thanks: *
Iscritto il: 7/12/2004





E venne il momento in cui si tentò di riciclare contesti irriciclabili. Dopo aver ampliato il mondo di Aladdin e quello di Winnie Pooh a suon di sequel e serie tv, l'attenzione fu rivolta a La Bella e la Bestia. C'era però un problema: nel merchandising i personaggi erano più noti in forma di oggetti che in versione umana. E così si mise in cantiere la serie televisiva Il Mondo Incantato di Belle, ambientata durante la permanenza di Belle nel castello. Dopo i primi quattro episodi però ci si rese conto che ambientare un'intera serie in un lasso di tempo così breve era un'idiozia bella e buona, il progetto venne fermato e si decise di fare qualcosa di completamente diverso.
La palla passò quindi al dipartimento della Disney Television adibito alla realizzazione di lungometraggi, i neonati Toon Studios, che realizzarono La Bella e la Bestia - Un Magico Natale, primo midquel della storia Disney. Quella che oggi è diventata un'abitudine a quei tempi per la Disney era una novità assoluta, e si pensò quindi di fare in modo che il film fosse un lungo flashback di Mrs. Brick impegnata a raccontare gli eventi dell'ultimo natale passato al castello prima che l'incantesimo si spezzasse.
Il duplice intento di realizzare un sequel che possa fungere anche da film natalizio è visibilissimo, ed è quindi stucchevole all'inizio sentir parlare continuamente Belle del Natale. C'è però da dire che in confronto alla megaforzatura che sarebbe stata la serie televisiva, non è poi così difficile immaginare che durante la canzone Something's There, che copre un discreto lasso di tempo, possano aver avuto luogo i fatti raccontati in questo direct-to-video.
Benchè come i suoi predecessori anche questo film sia presentato in formato 4:3, si nota una maggior cura negli sfondi, e una colorazione di buon livello, che fa dimenticare gli obbrobri de Il Ritorno di Jafar, o i fondali minimalisti del Re dei Ladri e di Christopher Robin. Questo stile ricco ben si adatta poi alle atmosfere natalizie e coloratissime del film.
La trama è volatile. Non è altro che la storia dei tentativi di Belle di portare il Natale nel castello, per riscaldare il cuore della Bestia, che da perfetto Ebenezer Scrooge dei poveri, preferisce invece farsi avvelenare l'animo dal malfidato Maestro Forte, felice della sua condizione di organo a canne e desideroso di preservare l'incantesimo. Questo gigantesco villain interamente realizzato in CGI è la grande novità tecnologica del film. Per la prima volta viene usata l'animazione digitale in un prodotto televisivo, e l'inesperienza si vede tutta a giudicare dall'integrazione quasi del tutto assente col contesto 2d in cui è inserito. Tra le new entry non c'è solo Maestro Forte, ma anche il suo umile esecutore Fife, un piffero fondamentalmente buono, e soprattutto Angelique, la decoratrice ufficiale del castello, disegnata e animata impeccabilmente.
Il comparto grafico di Un Magico Natale è quanto di più disomogeneo possa esistere in un film animato. I personaggi cambiano fisionomia e stile da un fotogramma all'altro, e sebbene questa oscillazione stilistica possa essere in qualche modo "stimolante" per un cultore, è spesso presente anche un'oscillazione qualitativa non indifferente. Ne è una prova la Bestia, che passa da momenti sublimi degni di Glen Keane ad abissi di ridicola obbrobriosità che ne intaccano persino l'animazione, a volte scattosa. Belle è un'altra vittima delle oscillazioni, che la rendono sempre diversa mentre gli oggetti, sebbene si salvino leggermente da questo punto di vista, non riescono a schivare quella gommosità iperespressiva tipica di certe stilizzazioni televisive. Questa stilizzazione non si limita all'aspetto fisico ma riguarda anche i caratteri che vengono spesso e volentieri estremizzati e appiattiti, come nel caso di Tockins, qui ridotto a buffone pasticcione.
Il saliscendi non si limita al comparto grafico ma riguarda anche la colonna sonora, che oltre a brani preesistenti come Deck the Halls, comprende quattro canzoni nuove: stupende e melodiche sono Stories, sequenza immaginifica e colma di citazioni letterarie in cui le illustrazioni stilizzate dei libri si animano, e As Long as There's Christmas, tema principale. Pessime e inascoltabili sono invece Don't Fall in Love, la canzone di Maestro Forte, assolutamente disarmonica e senza né capo né coda, e A Cut Above Rest, duetto comico tra Tockins e Lumiére che col suo collocarsi nel bel mezzo del climax finale si becca il titolo di canzone peggio inserita nella storia dei film d'animazione.
La Bella e la Bestia - Un Magico Natale, malgrado le sue carenze, riesce tuttavia ad intrattenere e ad essere sufficiente se non come sequel quantomeno come film natalizio ambientato nel mondo de La Bella e la Bestia a cui però non aggiunge niente. Anzi no, qualcosa aggiunge: in un flashback viene mostrata la notte in cui sul castello venne lanciato il maleficio, scena che nel classico era stata mostrata solo nel prologo per mezzo di vetrate dipinte, e qui animata tradizionalmente.
Per via della sua doppia natura La Bella e la Bestia - Un Magico Natale ebbe un discreto successo che la fece diventare una presenza fissa nel palinsesto natalizio Rai e Disney Channel. L'era dei midquel sarebbe però giunta più tardi e nel frattempo i Toon Studios si sarebbero occupati dei seguiti delle storie, facendo tesoro dei progressi fatti con questo titolo. Tuttavia non si sarebbero mai più usati i personaggi classici come protagonisti di un lungometraggio natalizio, bensì i personaggi standard capitanati dal caro vecchio Mickey Mouse.

da La Tana del Sollazzo

Messaggio modificato da kekkomon il 5/9/2014, 16:43


User's Signature

Go to the top of the page
 
+Quote Post
basil
messaggio 25/5/2006, 13:04
Messaggio #2


Millennium Member
******

Gruppo: Utente
Messaggi: 1.612
Thanks: *
Iscritto il: 6/1/2006




clapclap.gif clapclap.gif clapclap.gif


User's Signature

Go to the top of the page
 
+Quote Post
Franz
messaggio 25/5/2006, 13:55
Messaggio #3


Gold Member
*******

Gruppo: Utente
Messaggi: 2.145
Thanks: *
Iscritto il: 17/2/2006
Da: Alessandria




Ottima recensione! clapclap.gif
Mi è sempre piaciuto questo film! clapclap.gif


User's Signature

Go to the top of the page
 
+Quote Post
sir Scaglione
messaggio 29/5/2006, 20:34
Messaggio #4


Gold Member
*******

Gruppo: Utente
Messaggi: 3.598
Thanks: *
Iscritto il: 13/10/2005
Da: provincia di Asti




Grrodon, ho letto la tua recensione e devo dire di essere in molti punti d'accordo con il tuo giudizio.
Dal lato artistico, vi sono veramente delle pecche degradabili di questo film, nonostante il passo avanti degli studios come una animazione 3D utilizzata prima d'allora solo in Pocahontas e altri classici...
E naturalmente, la vicenda ha veramente molte difficoltà d'inserimento e credibilità con il periodo di prigionia di Belle, come si vede nel classico del 1991.
E' tantovero, però, che l'arrivo di Belle al castello, nel classico del 1991, coincide quasi perfettamente con la fitta caduta della neve invernale.

Per quanto riguarda la parte audio, posso aggiungere un giudizio postivo per via del suo buon sfruttamento ambientale (sia il Dolby 5.1 del DVD che il Dolby stereo sorround 2 canali della VHS hanno una separazione di canale ECCELLENTE, adattata molto bene nello spostamento delle voci e dell'effettistica di sfondo, vedere la parte finale del film per credere!).
Consiglio l'ascolto della colonna sonora in CD e MC "Beauty and the Beast - The enchanted Christmas" edita dalla Disney Records negli USA/Canada. Oltre che alle eccellenti canzoni e strumentali, l'album contiene molte versioni di canti natalizi interpretati da Paige O'Hara, la doppiatrice americana di Belle.
Go to the top of the page
 
+Quote Post
MagicLuca
messaggio 30/5/2006, 17:08
Messaggio #5


Millennium Member
******

Gruppo: Utente
Messaggi: 1.160
Thanks: *
Iscritto il: 10/2/2006




questi alti e bassi qualitativi sinceramente non li ho notati... anzi, Belle mi sembrata disegnata meglio in questo sequel che nell'originale... se postate due screenshot a confronto, uno con l'alto, uno col basso... biggrin.gif biggrin.gif biggrin.gif biggrin.gif biggrin.gif


User's Signature

By MagicLuca
Go to the top of the page
 
+Quote Post
GasGas
messaggio 4/6/2006, 15:12
Messaggio #6


Gold Member
*******

Gruppo: Moderatore
Messaggi: 23.976
Thanks: *
Iscritto il: 16/3/2005
Da: Napoli




clapclap.gif clapclap.gif clapclap.gif clapclap.gif clapclap.gif
Go to the top of the page
 
+Quote Post
Capitano Amelia
messaggio 31/8/2015, 0:43
Messaggio #7


Gold Member
*******

Gruppo: Utente
Messaggi: 8.198
Thanks: *
Iscritto il: 4/6/2012
Da: Palermo




Sì, esiste gente come me a cui gli gira di vedersi film natalizi in piena estate... tongue.gif In fondo questo seguito è più che altro questo, ha il sapore più di uno special natalizio gradevole da guardare per passarsi il tempo. Quasi tutti i personaggi dell'originale hanno caratteri stravolti e l'animazione è fortemente altalenante, dall'accettabile allo scadente; delle nuove aggiunte mi è piaciuta un sacco Angelique anche per via del suo design, mentre il cattivo è quanto di più irritante abbia mai visto, insulso, ridicolo e male integrato con gli altri personaggi, si sente fortemente che è in CGI (e pure pessima). Altalenante anche la colonna sonora visto che si divide fra due ottimi brani come "Storie" e "Finchè c'è il Natale" (di questa, però, prediligo il reprise) mentre la canzone del cattivo è anonima e quella di Lumierè e Tockins è abbastanza irritante e senza senso alcuno.

Voto: 6


User's Signature




Grazie Simba !

Go to the top of the page
 
+Quote Post

Fast ReplyReply to this topicStart new topic
1 utenti stanno leggendo questa discussione (1 visitatori e 0 utenti anonimi)
0 utenti:

 

RSS Versione Lo-Fi Oggi è il: 21/8/2019, 16:19